Skip to main content

Full text of "I cinque libri de le antichita de Beroso sacerdote Caldeo. Con lo commento di Giouanni Annio di Viterbo teologo eccellentissmo . Il numero de gli altri autori che trattano de la antichità si legge ne la seguente pagina. Tradotti hora pur in italiano per Pietro Lauro modonese"

See other formats


I CINQUE LIBRI DE 
LE ANTICHITÀ DE 

BEROSO 
SACERDOTE 
CALDEO. CON LO... 

Giovanni Nanni, Berosus, Pietro 

Lauro 



HI 




Ex Bibliotheca 
^lajori Cotì. Rom 
Societ. Jesu 



r 



\ 



I 



I 

I CINQVE LIBRI PE LE 

ANTICHITÀ DE BErOSO 

SACERDOTE CALDEO. 

CON LO COMMENTO DI GIOVANNI 
Amio ài Yiterbo Teologo €cceUentij?mo* 

IL NVMERO DE GLI ALTRI AVs 
tori che trattano de U antichìtù fi legge ne U feguen 
te pagina . Tradotti bora pur in Italiano 




Senato Veneto per anni. X. 



Ifi Veneti^ per Bildiffera Condantini. t tt 6. 
Al Segno de San Georgio. 



I 



Autori còtnprefi nel prefente uolurm 



Ber ofoàeleanichiti^ituttoH mondo. lib.$ fvl. 

Supple)nento di Manetone k Berofo. lib. i fòL 98 

^ tquiuoci di Xenc/o/ire. ' Hb* i jil- 
^ rabio pittore de Vured eti CT origine di 

Komd. l^b.i fòli ^6 

^Nxrfìlio dcU guerrd peldfgicd Ub. t fil- 1 4 S 

^Irdgmenti di Cdtcne. Hb. i fòii^o 

^ Itinerdrio di Antonino pio. i /ò/. f p * 

/ hd diuifione de Udlid di Cdio Sempronio, li. i fòl. 100 

^ Archiloco de tempi. ' /p'- ^ * 4 
^ MetdBene del giudicio di tempi e de Viftorie 

dnnudli de perfidni. l^b. i fvl.itS 

olitone de tempi. ^^b.i jvl.izi 

-Emenddtij^md defcrttione de tempi. hb. i fòiz^9 

ìlfìtodiCiciliddiAnnio. Ub.i fvl. 2^9 

^ Sito dcldSpjigndiìtdi dio go ^- ^ ^ (p/. 2 7 5> 

re i primi tempi, e de ucntiquAtro Re di Spd-- « 

gnd. ' ^^b.t fvl iSf 




W ,f D T ? T ^ ^ 

AL MOLTO MAGNIFICO M* VIT^i 
tor Gritndtii cUrisfìmo Procuratore* 

'BildifJenCo^dntinL 

R A coflumedeglidntichi.chenon 
dtiddffero i fdmiglidri , c feruitori ì 
uifìtdre i lor Vddroni con le mani uo* 
fe, pili tofìo in fegno difommisfiotiej c 
per honorare Id mdggiordnzd loro^ 
che per drrichire qMelIi, ilche d me pa 
teche juj^e cofdrdgioneuole y e perciò uolendone effer 
diligente ojierudtore ^non fdreiofo di comparire audn* 
ti V. Md^nif.fenzdcjudcheprefentejdiqueìlidicoyche 
Id forte mid mi concede. Coft mi fono pojlo d far trddur 
re in udg ire Berofo , dltri Auttori che trdttdno (fa 
le dntichitd coH Commento di Annio dd Viterbo , Opera 
tdnto per fe ileffd commenddtd , e per k tnolte efpreffe 
dichiurdtioni cera id ueritk de i tempi, e per uno uerif^i 
fimo con frontdmento di esfi , che non ftd efpedientc moU 
to cilenderfi d dimofirdre di qudnte laudi ejfd ftd degna: 
baftd foldmente fdr decorto il mondo , come fi uedra nel 
prefaite volume ,qudnto fidnoddluero luntdne molte. 
hiBorie , e fpeci dimente de Greci: poi che per uerisfìme 
auttoritd de tanti antichi fcrittorh fàrd mdnifiilo molti 
diloro troppo fduorcndo dldpropid ndtione^hduerfi 
attribuito quello.che molti fecali prima erd duenutoXon 
quefl'opera dico midpprefento dudnti V .Mdg per mdn 
ddrld in luce fottoH chidro nome di queUd, pcrch\ffen-^ 
do l'opera drdita di contrdporfì ad un torrente impetuo 

A a 



0 



EPISTOLA. 

fo di tdnti Scrittori j le fdceud mejliero di uìrtuofo^fi po^ 
Unte Vdàrone , che le pij^e un fòrte feudo contro, i mor^ 
ddci denti de mdeuoli* E mi fono in quejlo gouerndto 
dccortdmente in eleggere V. -M. dUdqu(ile s^intitolafjè 
quejl^operd^pche fenzd dnncuerdre le infinite dignità , e 
pdffdte^a* prefenti de Id fud nobil fdmiglid^ fi ecclefuHi 
che come fecoUri , che Id fdnno chidra^effd ne e diuenu 
td chidrisfìmdjper efftr Sldto di queiid tdnto riputdtd Ke 
pub. Doge il Serenisjìmo Meffer Antonio Crimdni : de Id 
cuifingoUre bontk , e prudenzd non mi porrò d rdgio^ 
fidr e , per non effer tenuto dduldtore. Md torndndo k 
me {lefjo dico , che tdnto egregij CT fìngoldri benefìci 
cij f<iitemi ^4 V . M . m^hdnno mojfo 4 fupplicdr 
queUd yche fi degni d^dccettdre con Id folitd benigni^ 
td , CT // Libro e Vintentione mid , che fdrebbe di feruir^ 
le tutt^hord , dnchord che per mid buond forte mi riefcd 
di dumentdre più toiio il debito^ che tengo con effd , che 
pdgdrne und minima pdrte. "benché mi tengo in queùo 
felice ditroudrmek fempre tenuto ydc ciò che V. Mdg. 
mi dnnoueri trd fuoi più cari fèr ultori , dimeno con que^ 
Hd ragione , cfc'/o non brdmo di fiiogliermi ddl debito^ 
anzi più to{ìo folto colore di fdrit un prefente^mi ricuo^ 
prò fottoH mdnto di queUd > ddndo à Voperd mid tutto 
quel mdggior credito , che felepoffd con Vintituldtione 
dcquiilare. Verciò non mi refldndo altro che conofcer^ 
mifempreobligdtod V. I^dg.mele ricomdndo. 



T A V O L 



A 



DI TVTTE LE 

cofe notMi compre fe ne U prcfente operai 
ouc dj figfnficd U prima [uccida 
tdie 6 , Id fecondd. 



A 

A 

j\ Aba tofco 
Abiut 
Abori gi ni 
kbctio 

Acddctnid primd 
Acdy Incdj Vncd^ 



147 

IO I 

zio 
4 6 

^4 

Ss 



b Antichi Gd% . 1 7 r é 

b Antichiù de Sciti 14 d 

b Antichità de lelettere. 7* d 

d Antichità d'itdlid. 161* h 



b Anubi 6 9 b 

d Anni de i Re e de i re^ 
b gni 2 4 <^ 4 

A chifii dito liigd uitd* 10. b Anni 245" b 

Aduene 4.6.d. Addm*^i(>*d Anni de U defoldtione,233*d 

Aduld J5 d Anni iberici tty d 



Aio Dio Vaticano 1 6 4 

'^Ibd 171 

Alba Icdfci I 4 X 

Alba t 4 f 

Albuld 170 

Albuld f 6 9 
Alceo. S 6. d. 



b Anni d^Hercole 107 d 
b Pnnide l^aured 12S d 
b Anno.i-^y.d. Anno ii6. d 
b Apenino.iw.d. Api.ti^.fr 
d Apiinitalid. 
b Apterd 



247 
119 

3 4 



b 

h 

d 
d 
d 



Alceo. 77 *b Arabie tre 
Alebd.i^ì.b. Alemani.$$.d Aramed 
' Alfed 79 b Arafe fiume 

Aleffandro 104 b Araxagiouane 

Alfìo.]9T,b. Alfidonia.tS^.d Ardxdanticamezzd 
Alfto tSs d uiperd iz d 

Amenojì toc b Arbd.i^s.d. ArendAi^.^ 

Anmo 100 d Arcade in d 



Ani tino 



54 b Ar^Arno 



dd 



• • • 
III 



T A V 

Are Mutic « 8 4 b 
Areti d 6td 
Areti d figliuoli di cielo, loh 

Arezzo t^.j à 

Argileto l 3 T d 
Argomcti degli Hcre 

tici 1 1 * d 

Ariti 16? d 

Aramei 187 d 

Armenidjfcitid fdgd.i^ d 

Arntdtrie 6 6 d 

Arunci 60 d 

Artdxefe 64. b 

Arunti 60 d 

Armo 1^7 b 

Arunti utcchi 1^6 d 

Aruntini 247 b 

Afcdlcne 1 * « b 

Afidni 79 b 

Adirlo 4 I <^ 

After io toc d 

Aiìroldbio 1*8 d 

Affur i 9 à 

Atdled legerei Atl ute 87 b 

Atld S6 b 

AtUntide 90 d 

Atldntd i 01 b 

Atldtite Itdlo 291 b 

Atrij *4^ b 

Ato 96 d 



OLA 

Ato cdBrdta 
Atldnte Moro 
kured etd 
Aured etd 
Auruno 

AU5 

Aufoni 

Aufoni 



97 b 

M b 

3 d 

128 d 

S 9 b 

61 b 

61 b 

149 b 



Autori cbe pdccettd^ 

no zsS b 

Autori che fi r/^M/Jo.238 b 



B 



Beto 
Brigo 
Britoni 
Brigi 

BonieboneUi 

Bolognd 

Blere 

Bidnord 

Bidtwro 

Beto 

Beticd 

Berofo 

Bergdtndfci 

Beloco 

Beligid 

Bel ocho 

BMridni 

Bdri 



66 b 

2J b 

^ 9 d 

246 b 

246 b 

tSC b 

209 4 

209 d 

289 b 

6 6 b 

I 4 

iy6 d 

zio b 

9% 4 

2 10 d 

Ì%0 d 

lo 4 



T f 

Bdracel littore , »4i 

B^i^bilonid di qudttro 

^ atti' ^ 3 8 

Bubilonia • , * 4 S 
•1 ^ 

Cddmo 
Cados 

C4menfi . 

Campo libijfo 
Camertini 
Campo F/egreo 
Camefe 
, cime/e 
Qameji 
Camefc 
Camerend 
CdmiUo 
Caos 



1 21 
too 

t »7 

9* 

3 ^ 

2 t 2 
7Ó 

I 7 9 
t ^ 3 

2t 2 

247 

1 8 6 
214 



199 6 

2 0 ^ 

156 6 



VOLA 

à CdpéìU linà 
b Cdpend 
b Cdpind ^ 

t Cdrìn 
a CdRelncuo 

a Cdjperd 
d Cdji>eruld 

b Cdufedegìi mcendij 6^ b 

b Ceculo ^ iiivf ^ ^ 

b Ctcin^Jt ^''Ì9o b 

b Celio . 298 ^ 
d Celle I 95 

4 Cf/fo 7 , 4 

a Celicoli J 3 6 
6 Cenomdni . 

Cere »9 J" ^ 

^ Cerere ^ ^ ^ ^, 

Cerdrto i8o 
4 che importd Q'o fefò d Id ge^ 

a ncdlogiddi Chriéo^%9 d 

b Chidmdreidé ^^3 b 
b chi negdnoUrcfurret 

d tione 240 ^ 
d chi comJndaudno tdleg 

a ge 7^0 d 

d d ii ij 



V A 

97 
1 1 4 



thiridi 
Chrifèo ^ 
CibeUe 
Cielo pddre 

Cicilidni primd hdbita^ 

TonoinKoma 87 
C/Vino e 7 

Cimino Ugo uerdmenté 

f dito ddHer cole, 77 b Corfìca 
Circo Mdsfìmo 14; b Cameni 



VOLA 

d Vdolo 24 i 

b ContrdLird ti 4, 
b ContYd vicolo Lird 11 i 



d ContrdUuio 

Contrd Ouidio 
d Contrd Ouiiio 
d Contrd Vlinio 
Corito 



Cittd cddeUdnd I ^ i 
Cognome di Uer cole tSì 
Colonnddi ofiri $6 
CoUidiKomd 144 
Colombd 122 
Colonie prime in Itd * 
lid i X 



1 4 0 
141 

47 

III 

46 

h Contentioné di iDdràd % 
b no 9^ 
h Cornueto 1 9 f 

b Corito 

d Corficd 287 
CrdndeCrdnó sé 
d Crdnifd jS 
d Crdno I 4 o 



Colonledi V detonte c\ 
Clufco I S 8 d Cronografi dccettdti 0 

Combd 8 4 

Comizio 

C/u/?o uecchio 

Comenàdtion di BerofoA.b Cum 



no 

138 Crotone 
199 CubdUnij 



Cornerò 3 4 

Confini di Te fcdnd 6 6 
Contrd Biogene j 9 

Contri Greci 161 
Contrd Greci t6S 
Contrd Id dottrind di 



d Cume 
b Cureti 
b Cure 
b 

b Bedbo 
b "Ddguto 
Vdrddnà 



2i 8 

IS8 

2 I % 

TO 
2 i I 

io 6 

^8 

1 r4 

2 9 j 



i 

d 
h 
h 
à 
h 

b 
h 
à 

b 
b 
d 
b 
b 
b 
b 

d 

b 

d 

d 
b 

d 

b 

d 
d 





T A 


V 0 t 






T^drìdtìo fcr uRo dììs 


E 






tichi 


9 » 


4 Bdno 




4 




8 


b Bbd 


17 1 


d 


Deabo Qtrd 


2 r 


d Ebdn 




b 


Dci di Tur reni 




b Ed'pcdre 


t 8 8 


b 


De/ di Tofcand 




d EcceUentiddcAlemM t? 


b 


JDei non fi richiudono tra 


Egittio 


x io 6 


m 

b 


le murd 


7 $ 


d Egitto 


99 


h 


DeUro e fì ìiflro 




d Elbio Turreno 


f 9 0 




Deucdlione 


* ^ ^ 


b Elbio 


»45" 


b 


Tiiluij r* 




b Elifij in Beticd 


66 


b 


T^iluij 




d Eli 




h 


'Diluuio fecondo 


119 


b Emilid 


209 




Diluuio terzo 


119 


b Ened in Itdlid 


fio 


b 


I^iluuio cjuarto 


XI 2 0 


d Ennon 


114 




Diluuio quinto 


l 1 0 


d Emani 


I S 0 




Bindiiie 


Ito 


a Enoch profitd 


■ 7 


b 


Birce 


l i 2 


d Enotrio \ ano perche tro^ 




Birim gdUi 


I 6 4 


b uo il uino 


1 8 


b 


Bifcordid trd li Gre^ 


Bnctrio 


1 4 S 


b 


ci 


6 


b Enotrio 


14^ 


b 


Diuifione d^Apenni^ 


Enotria dd Idno 


8 f 


b 


no 


201 


b FMOScitti 


8 


b 


Biuifwne d^ltdlid 


2 0 l 


a Enoto 


t 07 


b 


Diuiponcdele Alpe 


' 202 


d EnteìUd 


144 


b 


Doni di Gdlerito 


142 


d Epiteti de ofiri 


73 


4 


Druidi 




b Lredano 


i 4 


d 


Due Umbrie 


1 r r 


d Erice 


144 


b 


Due generationi de CicU 


Eriteo 


tao 


b 


lidniinltdlid 




b Erittonio 




b 






dd 







1 


T A 


VOLA 






Error ii Eufebio 




b fenice t Cddmo Gre^ 


y 


làritonio 


100 


b ci 


10 1 


a 


Er/>ro 


^ ^ r 


d Feregetìd Genio 




h 


Bftr 


1 8 0 


d Ferentind 


17 9 


b 


Efponefi li fduok di 


Teritidna 


t9 r 


d 


ìdno 


140 


d Itefcennio 


184 


b 




50 


d Iffula 


16 7 




Efii ài kbrddtn 


56 


d fidid 


54 


d 




tl6 


d ¥idio 


10 6 


d 


'EÙ di nomerò 


Il S 


d Tigtiuoli dì Bduid 


2 z 8 


b 


Btd di Sdturno 


248 


d lilarcd 


Iz f 


b 




» SS 


b lilone 


22 J 


d 


Btimologid d^khorigi^ 


Tilofojid d'Atldnte 


si 


b 


ni 


179 


d fìorenzd 


167 


d 


JEu andrò 




d Vldmminid 


209 


b 


F 




Tluentim 


1 88 


A 


Tdetonte 


^4 


d tordelle 


» 95 


h 


Tdetonte 


f 8( 


d forco 


71 


b 


raUri 


1 84 


b foro bodrio onde fi no^ 




ralifcano 


184 


b md 


MS 


d 


Vdnno 


247 


d forodiCdj^io 


198 


d 


Tdraone 




b foro Komdno 




b 


Tdtti de delfìni 


104 


b fero di nuoue uil 






fatdd 


78 


b le 


1 9 d 


b 


Tduold di Fdetonte s 4 


b foronco 


1 15 


d 


¥duno 


107 


d frdnciofi 


55 


d 


Tduno 




b frdnco 


t ti 


A 




209 


b feregene 


f95 


b 


Ttlfinà 


2 4d 


b ftd 


220 


d 


Ftnicidloppe 




b fuocho dccefo id i 


rdg^ 





9 



Gange 

Gambricio 

Gallo 

GaUtd 

Galerito 

Gdlerito 

Callo 



T A 

84 

69 
tl8 
toc 

I 

? 8 



GaUì p affano Italia 17^ 

Gitili diecJero i Greci 

le lettere 4 o 

CaUi de cibele 9 7 
Gallerà 1 9 8 

GaUte padre de galli 79 
Granbriccio 69 
Geneologia di Chri^ 

{lo 2Xt 

Genealogie non termi^ 

nate 2 \ 9 

Genealogia di Chri^ 



Cenif 

GermaUia 

Gerone 

Geronda 

Genoud 

Qencua 



^^9 

isi 

6 9 
180 
194 



VOLA 

d Giminio 
A Giujlo 
Gioue 
d Gioachin 
b Gioachin 
b Glauco 

d Gordico monte 
b Gorgond 
b Gothi 

b Gridoredi Alemani in 
d guerrd 3 7 

b Grec<.ftafi 1 4 ^ 



»P8 

«74 
» 74 

2 3 I 

* 7 
I 0 8 

71 
^87 



47 
ì 60 

140 

^4 



b Gulni 

b H 

4 Hcbron iUice 
d Uebron 

Helerna 
b Hercole 

Hercole Greco^c^ Egit 
b tio 7 ^ 

Hercole hibio conduce 
b i Tofifiadi % s 4 
d Hercole Ccrfale 29^ 
b Herotani 
a Hercole uccife 
à no 107 
b \{efpero 1 4 7 

b Hefpero api 



a 

a 
d 
b 
b 
b 
a 
b 
b 

a 
b 

b 

b 

b 
b 



d 
d 
b 

d 

d 
b 



T A V 


OLA 






Hermeone Ke de Gema 




144 


b 


ni 6% 


d ^dpeto 




d 


Hf/e 2 z 4 


d ^dpeto 




b 


Uefpcrid cnde p nomd 


lafw minore 


9^ 


b 


Ètwtria 8 5 


d ^dfio terzo 


9 1 


b 


Kìppalo 290 


d ^^fio 


I 25> 


b 




b UfwLufUdno 


292 


b 


Kiftrid 1 7 j 


d Ualo 


1 2 5> 


b 


Homrro 1 1 8 


b ^bero 


28S 


a 


Homm 8. 216 


b \berofiumt ♦ 


1 88 


d 


Horchid 6 s 


d ^bero 


SO 


b 


I 


Iberi 


287 


d 




d Ichio 


> 50 


d 


Idei Tubai Tubdchdim. 9 


d IdoUtridprìntd 


4 


d 


idi 6 5 


d ^ebus 


t 2 4 


b 


l4no 247 


d ìello 




ìdno 149 


a ìlcafodi Fdetonte 


• 

e. 






b II Leone e infe^na di Li 




Jdno poffede ìtAlid tut^ 


guri 


18 z 


d 


td ,47 


d il ndfcere d^Berco 






ìdno fduorifce d Komo 


le 


77 


d 


v lo M9 


b Ilo 


2 9 4 


b 


lino 2 8 


b Ilo 


t 06 


d 


liir/o 129 


d Imeneo 


48 


d 




d Indouini Tofcdni 


9 r 


d 




ìndepeni 


46 


d 


Bei l 68 


d Inuentionede Saturno 




Idno injegtio pjì-^ 


Cdfpio 




d 


Cd 1 S 9 


b ìnuo 


48 


d 


ìdni più jr u 4 


a ìnuidid di Liuto 


(9 8 


b 









t A V 0*L A 

io àrdi tre nome i^i b inomi 

ìob 6 1 b Ldtino 247 

lope i xt b Ldtino 1 1 2 

ìfddc ndcquc 288 b Ldtio 8 7 

I/o 61 d Ldude de Turreni iti 
ifJro 17^4 Vempid turbd del ricco 

ìftro ir d Tbfcdno 1 4 J 

itdUntidi $0 d Lemdnno i 

If di qui di Vlti^ Leiirigone 2 4 S 

lo ' 2 4 7 Lettera in trància 4 J 

h^lo 86 6 Lff^erc 217 

luhdldd 2884 Liburno 7S 

tubdl ì9 à tiburnò 84 

tà cdufd che mofje Cd* Libià i ^ 

tone d fcriuere ì 0 0 k Lido t 7 ò 

td cdufd di porre i nomi Ligurno 204 

4 le cofe 114 d ligurno i P 4 

Ldgo cimino 109 d Ligure ^ ^ 

tdgo curtio Ili b Uri fiume è Id fine del 

Ldmoni 210 b Ldccio . 2ta 



Ldmoni 209 b Littere Tofane l i7 



Ld promefjd è fdtUM Loocibuti ^9^ 

Abrddm i b Vinuentorc del T<Xi» 

tdrio 208 b muld 24 ò 

tdrtenidnd 184 d Lombdrdid 208 

ttfrte 546 Lomnimia ^ 9 

tdrte io a b Lucdno i^à 

tiirtc 65 4 LWC4 197 

ttf terzd cdufd di porre tUcd ^ ^ i 



Lucumone ^ 

'Luiouici Alemdno 8 6 
i.ugdo 
tuna 



M 



Macedone 

Mdgi^rdto 
Manto 
Mdfto 
Mdgo 
Malos 
Mafed 
Manno 
Mmito 

Mdngiatori de li huo 

^mini 
Mdgo 

Mdgdd 
Mdgog 
Mdno 

Mdntud 
Mdria 



S6 
I 66 

69 

170 

247 

5 T 

6 X 



s 

so 

jo 
so 

175- 
2 j 7 



"il 



Marte Idtìnoo' Uno il 

giouene e queìVi^ep» 

fo 104 
Matteo 2ZZ 
Metailene 1 \ 7 
Menacoomoneco 18 z 
Mejìafelud 184 b Kanneì 
Melicold gargori z^g b Narbo 



V>0 L At 
a Mecenate -ipo 
b Menippo Menodoro 190 
b Mecenate ne lo fcriuer 
b tenero 

Melchifedec 
b Mefentio 
d Mefì 

d Mezentio 
b Milano 
b Milano 
b Minerue 
b Minio 
b Minos 
b Moglie di Idno 

Mont 
d Morge 
b Morge 
b Morte de Idno 
b Morte di Cdco 

d Morte de Ldomedont( 
b drdgo 

b Monte fjujcone 

Mont 
d Morgete 
b Morgete 
b Moijè 
b Mufxrno 
b N 



b 





b 




a 




b 






1 0 9 


b 


2 0 p 


b 


» 7 5 


b 




a 




b 


IO I 


b 


I 7 


b 


60 




S9 


b 


129 


b 




A 


7S 


b 


wte 




78 


d 




b 


6 0 


a 


247 


b 




b 


9f 


b 


S 1 




X06 


h 


8 4 


b 



Ratiere 
JSlemrot 
l^iced 



1 64 

2 19 

II 2 



N/co/o Xuiufe.o dbbd^ 

N/ao I l.a . 

N/Vjo trouitor de Uguer 
ra 44 
NiVio c 44 

N04 gigànte.cy djlrolq 

Nomi difrdncioft s x 
Homefccnlo ài Kcmd.90 
Nomi del capitoUo i^z 
Nomi de Gemuni 8 z 
Nomi del Uuere i 7 i 
Nomi de Udii A S r 
Npm/ Tofcdnd 8 2 
Nomf egff 9 9 

Nomi de Rom<t 9 o 
Now4r4 17^ 
Nowc^o 179 

- 0 
Ocho a 4 d 



VOLA 

d Ocno ios d 

b Ocreolo Ndrnid 9 b 

b OcTd tot h 
d Ogige Nodo'ldno quel 

b lo ifteffo 219 d 

d Ogi^cdi Spdgnd .287 d 

Ogige dntico tit b 

d Ogigi^no I 6 7 d 

f Oldno . ^47 b 

d olimpo I I 7 b 

Olimpi j$ d 
b Origine de Sdbini fd^ 

d bo \ 2 0 r & 

j ,jdriiid , l 00 b 

b Origine del mondo 162 b 

b origine de Komd i 80 b 

b orobij I 76 d 

d Oropito de dchoi 1 5 0 d 

b ofci ^ ì 80 d 

b oferi b 
a ofirilibero ldltdid dd 

d igigdnti 70 d 
b Oue fi dccettdEufebio 

b^ finò^ no d 
d Ouefìi l^ origine de gli huo 

b meni . 7 ^ ^ ^ 
a oue Kercole fórni le fne 

b fatiche Si b 



4 VdlddM 



60 b 





fT A 


Pdldtud MineruA 




* VdUtio^ 


U8 


Vdlenfana 




Vaio 


1 1 9 


FdUddio 


5 1 


Pdtmonie 


^$ 


Vdris 


tot 


Vdris 4 Trotto 


I 20 


Vdrmd 


10 9 


VdrdtuJ^d 


1 4 7 


Vdtd 


12 4 


Vdrdzolo 


20 P 


Tdrijii - 


{ 0 t 


Pdtrid di ìdno 


290 


Pdtrid d^omero 




Veni no 


20 2 


Pelij 




Per tre cduft furoìw po^ 


fti i nomi 


|6 


Teffi 


64 


Vico Kontdnejfo 


OS 


Vico ilgicuene 


io6 


Vittorio 


t87 


Vietre piòuuto 


204 


Vilidcd 


i 9 0 


Vi pino 


m 

ttt 



Vitdgord non infegnò 

printdiTofcdni 10 t 
Virpinidndregicne 74 
Virenti 7 I 









P/rgo 


Ì9 r 


h 


d P/flto 


^4 


A 


t P/fi 


149 


b 


0 PtYceo inuentore deU 




b troìnbd 


tix 


b 


b Voli torio 


1 97 


b 


d Vortoidnineo 


122 


d 


d Po 


208 


4 


d Vorto 


194 


b 


l> Vorthmco 




a 


b Vopolonid 


210 


b 


b Vorto 


1 9 4 

✓ • 


b 


à Vorthmco 


7t 


b 


à vorco 




a 


b vortdcdrmentdle 


n 1 


b 


b Vrometheo^ 


119 


b 


b Vroto 


194 


b 


Vrotheo 


120 


b 


b VronoiiicodiCdtone 6 


b 


b Vrofvtid di Catone 


t 60 


b 


d Vruto figliuolo di Sci^ 




b tid 


2 1 




b Q_ 




« 


b Qudndo & fdttd Id 




d legge 


ZX7 




b ClUdndo ^ diuifd U 




terra 


ti 


h 


d R 






b Kdnjì 


Ì04 


b 


b Rarz^ni 


*47 


b 



T AVOLA 



Kdzenui 4 
Kdzenui s o 

Re e Ktgolo i j 7 
Re<t fi mmtò di Udm^ 

mone 9 
Kegind Cibele p 7 
Regno d^Kerode 236 
Reguled'imejligdre U 

ueriti 1 5 2 

Rdigionede Succili 7 ^ 
Remi 10^ 
Ri^rt 5 4 

Rifpoftd d U que^ione 

diGiulidtio 21% 
Romd 9 0 

Komd riildurdtd 8 8 
Roma fvnddtd 8 S 
Romd 247 
Romdndisfì,ò Romana 

dioti 1 0 0 

Romdgnuold 209 
Rotno 29) 
Ro/e^o 1 9 7 

Ro«//i4Ì« Troù 148 
S 

Sdbo ^ 4 

SabeìU Z0 6 

Smo 1 8 

Sdmotd 1 9 



6 Sdbdtio muore 
d Samotedis. 
b Sdmote 

Sdmo 
d Sdgdlbind 
d Sdnddlicti 
b Sdngeus 

Sdnguini 
d Sdngui 
d Sdgd 
d Sdgd 
b Sdgunto 

Sdgi 
b Sdì 

b SdleNod 
a Sdle 

d Sdlembrond 
d Sdlem 
Sdnto 

d SdVd 
b Sdrddtid 
b Sdr dimani 
d S^r degli d 

Sdrmdti 

Sdrronidi 
b Sdturnid 
b Sdturno 
b saturno 
d s^tn^no djptcrd 
d s^ckrdto 



SS 
4^ 
59 
S7 

7« 

^4 
179 

54 
t6, 

iS 0 

30 
I S 9 

tst 

124 

uo 

m 

J4 

57 

ri 

48 



6 
b 
A 
d 
b 
b 
d 
b 
d 
d 

h 

b 
b 
d 
d 

4 
d 
d 
d 
h 
h 
b 
h 
d 
d 
d 
b 



1^9 d 



T A V O L A T 

Sdturno edificò bMo Sion Ì24 6 

nU ? f d SmilU »^ 8 b 

Saturno À Vin^r* Socd i> i 6 

f,0 Ito d Sofon . ^ ^ ^ 

Scille » o 8 b Sorte dd coBeUdtio * 

Scdederrdncioft $7 b ne 9? < 

Segni traudii 104 * Spo/ett » 0 0 

Sc/cumtron4 » 9 9 ^ Succej^i de i dolpni 155 » 

^ 1 8 SutMrit I r I d 

Semirmis i à Suid S d 

Semirdtnis m b Sueuo ^ ? 

Scmipddre i 06 a Surno no b 

Sentir dmis tjo d Sufi 8^ a 

Setie 7 » b ^dtuo ■ 1854 
Sf«<tfo/o 1^6 d T 

%end 187 b Tdge 6 $ b 

Se peldfgi prefono cur Tdo * 8 9 d 

reno dUAnti Ato ir% d Tarcefij j 4 d 

SePulchro d'Hercole d Tardcond a 7 » 

G4di 8} d Tdrcon 106 b 

Sicoro '«7 «< T Ar coni tre too b 

Sicoro » 9 1 b Tdurifìo 2 o ^ 4 

Sic4«o 147 T4«ri/"ci » 7 4 J 

Siluio toojlumo ttl d Telchini A-o b 

j,7f jt o j <t Tempi rfi I<<no US b 
SiceUo 1 9 * Tempio di concor * 

Sic«no 4 did 146 

SidotU rfTeHWrti «4 6 

I » I 4 Termini e pdrti dt 



gurid 


T A 


V 


OLA 






tSt 


b 


Tromttt 




b 


Tribù Sabdtind 


1 46 


b 


Tro5 

* 




b 


Tibcri 


170 


d 


Tubai non 'DubA 


4. i 




Tiberino 


107 


b 


Turrena origine 


156 




Tibri 


xoS 


d 


Turrenia cittd 


l 5* 0 


h 


TiguUià 


1 9 4 


b 


Tuijcone 




WW 


TiU 




d 


V 






TiUuento 




d 


Vaiimone 


l 1 0 


h 


Tifoni 


7 ^ 


b 


vaio 


19 4 


b 


Tilt 




d 


Valentia Koma 


194. 


d 


Titani 


X ^ 


b 


valentia 


104 




TiUne 




b 


Valachid 






Titeu.terrdiC ueda % 7 


b 


Valachi 




a 


Tito 


190 


b 


Vandalo 


82 


b 


Tlegdt 


2 20 


b 


Varietà de i>reci 


ne la 




Togormit 




b 


¥ilofofìa 


6 


a 


Torebo 


1 f 9 


d 


varentano 


198 


d 


Toruo 


X 0 I 


b 


Vatire 


1 


h 


Tofcdni onde fi noma^ 




Vecchi 


^^4 


b 


no 


IO t 


d 


Veibeno 


r 


b 


Tofco fiume 


• • ✓ 

I70 


b 


V dento 


1 97 


b 


Tofpiade 




b 


Veienti 




a 


Teucre 


t^9 


b 


vmz 


97 


d 


Tre htUnti 




b 


Veibeno 


lOj 


d 


Tre generdtioni di Abo 




Veli 


irò 


h 


rigini 


17$ 


b 


Vellia 


H 8 


d 


Tre Saturni in 


Itd^ 




Velabro 


144 


d 


Ha 


10$ 


d 


\er,eti 




d 


Tritone 


I 01 


d 


Venere 




d 


Troito 




d 


veneto 


20) 





n p 



VenetidniunSeuene 67 


A 'À » i ^ ^1 Mimi 


s 


yCTlUnnO 


f 4 r\ 


\CYCCUX 


7* 


VttonA 


2C8 


Veftd 


97 


Vcdini 


tto 


Vttuleto 




Vfficijdefdceràoti tjo 


Vico tofco 




Vico toJco 




Vidi 




Vltimd cibeUe 


97 


Viubrono 


\$% 


Vmbro 


u8 


Vmbri 


»77 


Vnigenito 




yolce 





h Wfci 

b Volfci ^ 

b Volenti 

d Vrfini 

b Vrfentini 

d Vulfcine 

d Vnlturnd 

d ^ulcdno 

d Vulturno 

d vfentini 

d vfentin 
d 

b "Kànto 

d ^erfc 
b 

b 'Zdnedrin 

d lorodfle 



X 



< Ito 
t66 
iSo 

199 

Ì89 
(S9 

z\ 



h 

b 

a 
b 
b 

b 

d 

b 
b 

b 
b 



Il fine dcUd Tduold. 



REGISTRO* 



dd ABCDEFGHIKLMNO 
PQ^RSTVXYZ* AA BB 
ce TD EE FF GG HH I I 
JCK LL MM NN OO. 

Tutti fino Qsdicrni.eccctto dd, 
cfcV Qs?ntwio. 



P I GIOVANNI ANNIO 

DA VITERBO FILO* 5 

SOFO EGREGIO j 

foprd i cinque Ubri di Berofi 
U prefdtione. 

EROSO per pdtrìd Bd^ Bcrofo. 

bilonico > e per dignità Cdldeo , 
c/oé Sdcerdote : Si come tidrrd, 
Giofefò contTd Appione Crdìumd-a 
tico , e nel primo de le kntichitì » 
facondo Tiioàoro Siculo egliji(Notdio publico: per^ 
che k i Sdcerdoti erdno asfignati gli ufficij publici 
/pecidlmente difcriuere le hijlorie dnnudli ,.er i fuc^ 
cesft de tempi con i fatti dei Re: e queiio affermi 
MetdUene nel Libro de i Giudicij de tempi , cofi egli 
fcielfe il fior de le hiiìorie Cdldeeie come Notdio publi 
co trdfcriffe tutti i tempii/e le dntichitd: fdcendo men* 
tione dei Biluuio , che ^ dudnti Nino , efd mentionc 
di Noe , c de fuoi figliuoli , come dfferma Giofefò ♦ 
'Pereiòcomedfidelisfìmo Scrittore de le dntichitd fi 
dd publicd fède . Verfwn defcriuendo i tempi de la 
Mondrchid Asfìridifeguironoqueflofolo Autore. 
Come dice Metdflene^cT io commentdndolo fò mdtti^ 
fiflo, Berofo fiori dudnti Id Monarchid di Alefìdns' 
dro Mdgno , per quefld rdgione che Metdflene fd^ 
cerdote Per fi ano yilqudle fii nel principio di queSd 
Mondrchid , lo fegui ne lo defcriuere de tempi cercà 

A 




Commcn Mondrchid de gli Pisjìrii. Berofo fu perito di lin^ 

^^^Bcro- ^w^S^^^^j'^^/^g"^ in Atene le Caldee difcipline :,e 

^ fi>eddbne^Uel^Aftrologiìi ytieUqud^ 

trdno i 'Cdldci periti sfimi . AtcmeCt gli rizzarono 
nel Ginnafìaùnd Sidtud con Id Utigud d^orp: udendo 
laudare quel fuo diwno prediTe^.Eglifi moffe d fcriue 
re le dntichità Caldee, perche i Greci h ducano fcritto 
foUmetitefvì^d Yoronto ^ilpritHo di quejlo nome Re 
di Grecia , hduendoui mefcolatc molti errori cerca 
It dtìtichitì. Md fèndo fìdte trouate le lettere in B<^=^ 

PI1.7. ca. bilonididnni yoo, e piu dudnti Toror.eo erano dfiret^ 

^'f* ti I Greci i credere che le lettere ^f.ero eterne. Fer^ 
ciò fiirono dùifdti da Berofo conqueflo breuetrdt-^ 
tato quel che haueffero i Cdldei cere d i tempi.e le dn-^ 
Mchitk Ornilo fuo tr dttdto Jì diuide in cinque 
hri , nel primo fi narrd quanto fcriuono i Cdldei ceri^ 
C4 i tempi dUdnti di primo Biluuio . Nei fecondo le 
genealogie de i primi Bei , cioè de capitdni e Buchi 
dopò ìl Biluuip i mi terzo U dfitichitddi lano^Uqua^ 
le egli nomina dd ùóc. Ne/ quarto le dntichiti di tut^ 
ti i regni jC nel quinto dichiara ogni cofa particuldr^ 
mente, il titulo del libro fi chidmd liori de l'hiiiorie 
Cdldee dd Berofo rdccolti . Gli orientali chidmdno 
Tdccoltd de fiorifero sfior dmento una breue,e pu^ 
hlicd ndrrdtione . Giofefò nel primo de le dntichiti 
dice, Berofo Caldeo rdccolfe i fiori di tuttd rhiiìoria 
Cdtded: cr in queSìo trdttdto egli nomina il Biluuio, 
noe f^ arcade fuoi figliuoli. 




P R O H M -I O. 

EROSO nel primo Ubro 
defcriue cludi cofe occorfcro dudnd 
il Bduuio: percioche furono cinque 
'Diluuij fecondo yienofvnte ne gli 
Equiuociie cidfcmo fi nomd àd und 
pariuolarud. EctettoH primo , notdto fatto Ogige 
'fenicio^e per eccellenti d fi nomd innonddtione di tut^ 
te le terre y perche quello le dUdgò tutte. Il fecondo 
è detto ^ilìaco fatto Vrometheo VLercole Egittio^ cos 
me hdDiodaro nel prima, li terza fii V Attico fatto 
Ogige Re di Atene . Quefto allagò dd Atene fm^ii 
liti di Afta. Come affermano i Sdmctrdci , e JDiodo^ 
ro Siculo nel qudrto , ndrrdndo queUd biafxmeuol 
menzogna deSamotrdci rircd le nozze di CddmO j 
dopò lequai finfero che fiiffe edificata Id Bardai 
nid . il €{Udrto Tejialuo cercd Varndjh , e durò 
un^inuerno fotta Beuc aliane: come dice Ariftatele nel 
t.de Id meteord^ è yienajònte de gli Equiuoci.Tuttds 
uid Id Grecid Buggidvda drdifce di chidmdrlo in% 
nondatianuniuerfale , il quinta fi nomò Varonico 
cercd Aleffdndrid d^Egitto. E fecondo Lucdno nel. i • 
fotta Vrateo indouino ìl medefvno dice Senofonte, 
io nerdgiono d lungo comentdndolo.E fecondo Viiief 
fo yienofòntejeSolino hé i coUetdnei ddl primo diluuio 
di noue mefì fatto Ogige Venicio fin^ a Deucdlione^ 
corfero dimi* joo* cioè 2 4 p . dudnti Nino. Qj^an^ 

A a 



Diluuii.r 



4 



P R O H E M I 

tunque Cdto nel fecondo frugmento de le origini die A 
che queBa innonddtione precefìe Nino anni 2$ o. 
Tdbio pittore dice il mcdefimo ♦ Ma Solino , Xe/io^s 
fónte Archiloco aggiungono uri^anno* H di^ 
cono i due ultimi che Beucalione nacque Vanno fecon 
do di Sjtro Re d^Asftrii^dalquale computando a Vin^ 
dietro con Bufebio CT Ber ofo, fintai principio di Niss 
no, fono anni 451. il rimanente ftn*à 700* fono 
a 4 p . e tanti anni innanti Nino fii quel Biluuio . Per 
quefti computi fi proud fermamente dal tempo detto 
da Solino ^eper i propii Epiteti di ìano , che lana 
OgigeyC Noéfiirono un^de ffa co fa. Verche il primo 
duca nel primo Biluuio anni 700. auanti Beucalio^ 
ne: cr antichisfmo padre de Dei , e de gli huomini 
dopò ilDiluuiofii nomato No a. Ogige anni.? 00^ 
Manti BcucalioneyfÌ4 il Re Ogige uenendo il Biluuio 
di none mefì^c^ i Latini gli asfignano gli Epiteti prò 
piidilano. Giuuenale eVropertio gli affé gnano il 
regno de Veti aurea, che fii auanti Nino, e ch^eglifi<i 
padre antichisfmo de i Bei . Pereto concludo che 
INoa Ogige, CT Idno fiano mi^iiìcffa cofa.Noa^fuo 
nome propio, ma Ogige, lano Vroteo , dot Ve^tun^ 
no, fon nomi precedenti à queilo. Narrerò il parere 
degli Autori cercai tempi auanti Nino. labio nel 
origine di Roma dice . V aurea età cominciò fotto 
Ogige cerca i}o. anni auanti Nino, ilquale jii il pri 
mo che la guaUò. Catone al fecondo firagmento de le 
origini dice.Vorigine d'Italia fié fj^l€didisjìmiX,per lo 



P R O H E M I O- I 
iempo^ per Vorigine àt U gente. 'Et hduendo ndVéi 
rato U diffcnfwne tra Caldei e Sciti circa Vorigine 
del mondo ^fegue. Siconuengono in (fucilo che circa 
anni ito, auanti Nino , ne iqi^ali durò VAureaetij 
pi aUdgata la terrd da le acqueie gli huomini di Sci^ ^"«"c» 
tia fi fdludronoy dd iqudli uenne lÉtno,Dm,cr i Gdlk 
progenitori de gli Vmbri. Quello dicono gli Autori 
"ÌLatwiima de Greci Xenofònte ne gli Eqiiiuochi dice . ^ 
J6m ufdudno Vanno di quattro mefìj e Cdldei di do^ 
^ici , eccetto che ne le dntichitd de le difcipline , oue 
'ufano Vanno Lunare : ne le altre cofe s^intendono gli 
anni in quella fórma , che intagliò Semiramis in una jcn^ra- 
colona.Giùue Belo c mio padre , Saturno Babilonico niis. 
iduo.Cur Saturno Etiope prò auo ^Saturno Egittio ab 
auo, Celo,¥emcc,Ogige,^tauo, Bi Ogigeawio auoj 
il Sole girosfì cercaHmondo cento, e trentdundfidtdj 
dd Vauo a mio padre cinquantafei fiate da mio padre 
a me. (5" 2. Io Semiramis dedicai la colonnari tempio, 
€ la datua a Belo.cT d Kea fua madre in quefVolim 
^po. D4 qucjìa. infcritticne fi raccolgono gli anni 
24,9'fopr adetti* Archiloco da me comentato afjègnd 
ViUejfo numero. Greci feguenti ajiegnano auanti N/* 
no annijoo.epiu^Vlinio diceyiotengo chelelettere . 

^ n U 1 I ' ' t ' r Plinio. 7# 

Asfirie [uno perpetue . Verche le Egittie iequdi jo^ cap.vli. 
no riputate antichi<jìme,fiirono molto dopò le Ap 
firie , de Icquai non fi troua principio ne Autore, 
come de le Egittie* Quello lo proua Toroneo Re di 
Grecia^ilquale regnò Vanno primo di Nino , B buon 

A tu 



P R O H E M I 0# 
tempo uudtiti^ che forotieo il gioudne j e figliuolo M 
In dco fecondo Re d^Argiui. Vlinio ouc di foprd dice. 
kntich.de narrd che Mennone in Egitto ritrouò le 
Ietterete lo proud con memorie troudte anni i ^.audn 
r ' tiForoneol^untichisfimoKediGrecid. Epigene in 
Bdbiloniii fcupe in pietre cotte rolJlrudtione di fteUe 
di? xo, anni. Berofo e Critodemo gli fanno alme:: 
Contia no 480* Ma non ualeldconfquentid di Plinio nel 
Plinio, inferire che l'ufo de le lettere fu eterno.perche non /? 
troud l'Autore ne il principio di ejle,e primier amen-fi 
te la propoftd è falfdy che non fi troui Autore di quel 
le. Perche Diodoro nel i . dice. Quantunque i Cal^ 
deiuogliono cheilmondofu eterno.tuttduia fi fanno 
inuentori de l'Aftrologia, e de le lettere auanti che fi 
kuaj^eld Monarchia d'Aleffandro 4j.m/I/e anni> Xe 
fiofònte ne gli Equìuoci dice. Ne l'antichità de le let^ 
tere Vanno, e di un mefe appo Caldei: perciò 4 5 . mi/ 
le anni Lunari fanno cerca ^ <^ 3 4. anni folari. E fe 
Àuro U Monarchia de Perfiani daArbdce ad Ale f^ 
fandro anni 495. come ho ej^ofto fopra Filone con 
Vauttoritd de gli annali e la Monarchia d'Asfìrij da 
Nino adArbace fopr adetto anni i 1 ^^.e da Nino 
fintai precedente riluuio tutti computano 2 4 ^.anni: 
e dal Biluuio ad Adam primo huomo i 6 ^ 6. anni, 
come computa Moife al i . del Gencfi, Segue adunque 
^che le lettere de Caldei , e de Fenici fuj?ero trouate al 
tempo di Adam , perche da la Monarchia d'Alej^dn^ 
Arpfnf'dd Adam fi raccolgono 43. miìla anni de mei^ 



I 



p R O H E M i O. 4 

do le publiche hiftorie miuali di ?erfu d'Asfirid del 
Diluuio,e del precedente icvìpo.\ Cojì per le firittu^ 
re de Gentili trouimp U certtsfìmo numero de tempi 
dd Adam pJi'ad Ale^^dììdro. GircUmofopra, quella 
fententi(ideL'Bpi(lol4 igU Hebrei , con ^dc , furono 
acconci aù i JecoW^e fatttd'inuifMiuiftbili dice. 
Affermano glianticbi Caldei che di queiìo mondo ui^ 
fibile era piena un a.ÌMifìbil natura fempiterna da 
niuno predetta chiamata da Greci ìiilea.e Caos^e dd 
Moife Ahijfo . ConfiJ^ano eUi che quejia materia fÌ4 
ridotta a forma uiftbile da una migliore naturale che 
fecondo Moifc fu. ornato di StcXie il Cielo in tem^ 
po^non ab eterno: e che poi furono fatte le pian^ 
te de la terra ^ e gli animali ,i pefci ne le acque j 
gli uccelli ne Ilaria , e finalmente l'hucmo Signore del 
mondo. Queslo tutto de ferine Ouidio rei Metàmor^ 
fvfi pigliandolo da Caldei . Narrano anchora gli 
anni , e gli huomini:, e da chi fono nafciutiftn^al re^ 
gno d^Alej^ andrò, e fanno anni j j 4. E computane 
do qucili a indietro da Aleff:indro ad Adam , tro^ 
uerai l'iilefo numero : e quefìo fcriffe Motfe molto 
ej^erto ne le dottrine loro . Ma per ribatter lo 
errore che u^ra^ cominciò in tal guifa . in prin^ 
cipio creò Dio il cielo , e la terra , laquale era 
inuifìbile , CT infórme : perche erano le tenebre fo^ 
pra la faccia de l'Abifio : queilo dice Girolamo . 

Vongono adunque Caldei un lungo tempo auanti il 

. • • • • 
A tni 



P R O H E M I O. 

Di7wuiO» ComefiMoifey Eritodemo ^ Epingeno ^ 
Tlinio . Ma Bcrop) per non moUrdre d Greci di 
tdl cofd non cdpdci di uoler p affare di molto i 
confini y usò dd principio un tempo indetemùndi^ 
te j dicendo. Audntiquelld fmofd cdlmìtd 
de le dcc[ue pdjidrono molte etd . E 
^ueflo io fdrò mdnifèfto com^ 
mentendo i cinque Libri 
di Berofo. 



ri PRIMO LIBRO 

DI BEROSO DE I 

TEMPI AVANTI IL 

PRIMO DILVVIO, 

con i Commentarii 
di Annio ♦ 




NNANZiaVEL 
famofo Diluuio, col quale 
tutto'l mondo fu fommer- 
fo , trappaffarono moke 
ctàjlcqiiali da noftri Caldei 
fedelmente offeruate fu- 
rono. 

I N Q_VE/Jo primo 
libro Berofo trattd di 
quelle cofe , che precedettero il tìluuio , e prim d fd 
VeffordiOy e poi u^dggiunge U ndrrdtione . Qudnto 
d primo , Berofo gli duditori dttenti .docili-, 
t benigni. Attenti dico qudndo propone di cofd ge^^ 
tier ale dicendo. InndnziqueUd fdmofdcdldmitd del 
DiluuiOjCoHqudk tuttofi mondo fìifommerfo. Per* 
chene gli dltri Bitumi , cioè l^ilidco. Attico:, Teffd:» 
licore Ydronico aìldgdtdfoUmcntequeUd terrd. 
Verciò Eufebio e gli dltri fcrittori de tempi , cr tìi^^ 
forici notdno che qudndo ^ queUd pdrte fommerfdy 



? TEMPI AVANTI 
le dltre parti delmondo^cotìferuarovo i loro Re y 
CT i paefì fenzd offe fd alcuna . Ma la prima in^ 
nondatione fommerfè tutte le terrene perciò iar:^ 
bari 3 Crea , e Latini la chiamano Biluuio . Moije 
di quefta difjè . 1/ Biluuio diJlrHj?e ogni carne , che 
era fotto^l Cielo. Chiamala famo fa calamitàjper^ 
che la uita infme de i giganti prouocò a quefìo Vi^ 
ra diuina , e ui concqrfe una gran congiontione 
di deUe , molto celebrata da Caldei j da ¥enicij , e 
da altri. ¥a poi gli fuoi auditori docili dicendo , che 
.tratterà de la, prima innondatione ,e di molte eM, 
che precedettero quella . finalmente fe gli fa bene^ 
noli promettendo di narrare non Greche fauole , ne 
^ lequai fono gli huomini agretti di pigliare erro^ 
Tf , ma di fcriuerla uertu .Uqujile i facerdoti Ba^ 
bilonij hanno fotta la publica fide conferuato ne 
gli fritti e publichelibr ariete Mcifcfguì queila co^ 
vie teiiifica Girolamo , fopra l^Epiiìole i gli He^ 
hrei 5 fopra quella fententia . Ver fide crediamo , 
xhe fiiffero accomodatile firmati i fcoU. E cho 
fid tra Greci , e Caldei queiìd dijjvrèntid , che^'i 
fireci fcminarono fauole , dande , cr errori j cr' i 
Caldei hanno infegnato la foda ^ e firma ueritàj 
"Diodoro fìculo altre fiate defili fore di Greci nel 
Verità de terzo ne tefhfica , dicendo di amendue Caldei fii^ 
i caldei, tono (xntichiifmi de ìBabilonij ^^efanònelàlò^ 
roKepub. come i facerdoti in Egitto .perche dei» 
putati al culto Dittino ,fì dannò tutta la uita lo)i 
\ ro a la filofofiaj e fono tenuti d'Afìrolo già pep 



Il dilvvio. lib. l é 

titisfmi. E poco dpprejlo dice, non piglUnó . 
tome i Greci id dottrina di tutti: md ifdnciuUi fe^ 
gucndo Id progenie de i loro padri , impdrdno fiii -> 
lofojìd lafcidndo da pdrte ogni altrd curd , còfi 
douentdno pcrùy?om,e perche da gli dnni tene^ 
ri fono in q^fpìlfi dmmdeiirdti , e .^ecidlinente che 
ui continuano più lungo tmpo , Ma Greci pef 
h più uduno tardi dUd filofofia y e poco ui con^ 
tinudno ddnncft al guadagno ^ e non feguono per 
coiiume Id dottrina de i loro padri j anzi <^ '^^^ 
uoglid fi danno k udrij {ludij^e per il guadagno 
feguono nuoue opinioni:, e contèndendo dHncerte 
dottrine fanno gli animi de loro difcepoli incerti , j J^J^^^^ 
la onde sjvrzano gli huomini ad errare tutta la ui^ |^ 
ta loro tra dubbij ,e conjiifwne . Dio doro inque^ lolofiai 
Ho parlare ci moftrdche i Greci non feguirono la 
dottrina de gli antichi , anche per guadagnare , /w^» 
rono inuentori di nuoue oppinioni . Strabone in U 
Geografa proua che i progenitori de Greci 
rono Barbari ^ per ch^ a fua età erano ne la lingua 
Greca molte uoci Barbare^. E perche gli antichi 
Barbari haueano la uerita de le cofe.di necesftd fe^ 
gue che i Greci lafciata la uerita dd i loro mdggiori 
trouata.cadefjero neiefauole, con lequai alienafjenó 
gli animi da la uerita. 

Secondariamente esfì tutt^hora contendono di co^ 
fi grandi mosjì però dal defo del guadagno. Giofefo 
lontra Appione grammatico dice, l Greci ripren^ 
dono uno l^ altro di menzogna^é no fi uèrgognanó dì 



r 4^ 



I 



2 



TEMPI AVANTI 
Difcor- fcriuere cofe contrarie. In quante cqfe tìelanico ne 
dia tra li le Genealogie, e ne i tempi iifcoràa da Pigefilao f E 
Greci. coiìui riprende di più cofe UerodotOj CT Bfòro mo^ 
flra che Helanico in più cofe i bugiardo. Co/? Timeo 
riprende Efiroy cr egli è da defcendenti riprcfo. 

Terzo dice che trouarono fauole CT errori , per 
guadagnare y e perciò ornarono le loro menzogne 
con parole y perche uale molto per ingannare una 
fauola diletteuole ai udire^ Lattantio nel ì.dele di^ 
uine inftitutioni al cap. 1 5. dice^ Adulano ancho a i 
cattiui Re con parlari che gli commendano. Questo 
i nato da Qrecij la cui leggierezZ(i fvrnita d^eloqucn 
tiajja eccitato incredibili nuuole di menzogne. 
Qt^arto che chijègue la lor dottrina fempre on-:^ 
plin. lib. Reggiane gli errori. Catone a Marco fuo figliuolo 
1 9 . cap . fa un tale pronoiiico . Biro ò Marco al fuo luoco 
vie. di quefìi Greci, le cui lettere meglio e mirare che leg^ 
gerle je tieni qucjlo come detto da un^indouino. Quoti 
do darà queka gente le fue lettere a gli altri ^eUi cor^ 
romperanno il mondo : e fia peggio fe manderanno' 
Prono- I loro Medici a noi. Quefto pronoflico è fornito . 
ftico di -perche tuttala teologia , la fìlofofiay er il natu^ 
Catone, d^indouinare , con le Magiche , difcipline 

fìirono infegnate dal dottisfvno lano. Ne lequai era-» 
no i Tofcanifvì'k Ikta di Biodoro mirabili per tutto 
il mondo. Ma introdotta poi la dottrina fauolofa de 
Greciygli animi fiirono corrotti , e mancarono 
gni cognitione de l^origine de le difcipline e de lo 
jj^lendore de le antichità Italiche. Glie benc(dice Ca* 



IL DILVVIO- LIB. L 7 
to) leggere le loro lettere ^ non per impdrdrle^m^ 

per riprender gli errori di quelle. Iqucd udnno con^ 
trd le antiche traditioni de maggiori^ ilche ha fatto \ 
anchord Ariftotile. Perche Id contentione dd peri^ 
patetici introdotta sfòrza gli animi a trouarfi auolti 
ne gli errorijcome fi uede ne i peripatetici di nodrd 
€tày cofì hanno esfi corrotto non pure le antiche ori^ 
gini ma Rratiate anchora le difcipline. Verciò Be^ 
rofofa attenti gli auditori , con dire che non piglia 
da Greci nuoui hnomini-, ma cofe da Caldei , e da gli 
4ntichi fedelmente conferuate ♦ 

SCRIVONO clli che fu i quelli tempi circa Li- 
bano Oenos grandi sfima città digiganti,ch'à tutto'] moii 
do da Oriente ad Occidente fignoreggiauano,quefti ne la 
grandezza del corpo c forze loro f5dandofi,trouate, le ar- 
mcjfoggiogauano tutti^e dandofi a la lun'uria,trouarono 1 
padiglioni,& gli idrumeoti muficijC tutte le delitie.Man- 
giauano glihuomini ,e facendo (conciare gli animali, 
appreftauano i delicati cibi,giaceuano con le madri, figli' 
uole.forelle, malcht, & animali bruti , non temperando/i 
d'alcuna fceleragine^e (prezzando la religionc,& i Dei. 

B E R O S O nela narratione prima dichiara 
la ulta infame de gli huomini , ne la feconda parte il 
preueduto Biluuio , ne la terza fa manifcfìo in che j* 
modo fic confcruat ala generatione humana. Giroa lettere* 
lamo(come dicemmo)uuole che il mondo fiiffe creato 
in tempOy e non ab eternoy ilche noi per fide , CT hia 
flonc crediamo. Ma che le lettere cominciaffero dd 
Adam) e le difcipline in^fe^lo crediamo non folo per 



^ TEMPI AVANTI ^ 
fiie , md ctìdtìdio 'per hiiloriddé dentili, etrdit^ 
duttigni de Cdldeijc{iiii djfvrmdno hduer hauuto l^d 
jlronomid de lettere ^6^4- dnni audnti là Mondr^^ 
chidde AleffMro. Epigene dnchord dice che per > 
4nni 7 0 0, e più dUdnti Nino e loreneo fiirono tro-^ '' 
Udti certi mdttoni, ne icjtuli erano fcritte le o^erua^ . 
tioni de le /ielle. Perciò circd cinquecenti dntìi dudn^ > 
ti il diluuio érd in ufo Vdrte de li mdttom, e de lo feri 
uere, Bel fare figure di getto, e le lettere TevicieJ'A^ 
profeta, ftronomidy e fmili drti . Uche dffermdno le lettere 
^ . fdcre,e Moifeiflcffo, il fdtito Enoch ndcque àùdnti 
ilDiluuio 10^4. dnni. ilqudle fecondo Giudd dpo:^ 
flolo profeto del jiituro giudicio, de Pinnohddtione de 
le dcqne, e del jiioco uniucrfdle. Egli fecondo Giofè^ 

fcriffe quefld profèti a in due colonne , und di 
tdUe Vdltrd di mdttotri. Erano adunque in ufo le let 
(ere Parte di getto jil fare mattonile l^indouinare per 
ànnimiUe.epiu auanti ilDiluuio . Ejfendo Adam"^ 
^dnni 6x1. nacque Enoch come computa Moifè 
nei General $. cap.peixiò glie gagliarda congela 
tura, e fi:rmo argumcnto che Enoch prefe le lettere 
r./e difcipline da Adamfuo primo Attduo.dl cui tem^ 
po affermano i Teologi , che^rono in^fe ad Adam 
le dottrine, dicono i Caldei ch\sfì in quel tempo 
hebhcro te lettereye le dottrine. Verciòdice Girda^ 
tnoche Moifefcriuendoperreuelationefegui i CaU 
dei circa la ere atione .ordinando Vhifloria fin' ai 
Enoch.icuihlsfciòfègmrt.cr Enoch la la feto i 
hdmtcb profèta padredi Noe, ilquale la lafcih fègui^ 



IL DILVVIO. LIB. h 9 
^re i Noe fuo figliuoloyct egliU Idfciò d Caldei dopòH 
f/§Diluuio . E da quefte Abraam,e quei che feguironOj 
fcriffero la uerità deifucccsfiiTerciò l'hijìoria CdU. 
ddicd de le amichiti è molto fimile a l'Hebred.E Moi 
fe è citato da hlafea Fenice da Girolamo Egittio,co^ 
me ha Giofefò nel i . de le Antichità. Non è adun^> 
que marauiglid fe Moifè e Berofo s*accordano , poi 
che beueroìio de i^ijìcj?a fónte . zj^onendo hora il 
te^odiBerofo dico, che egli prima biafma Pinfame 
uita de gli huomìni in commune.con dire^ che cpfpri^ 
menano i meno potenti j dauanfì d sfrenata luffuria 
fenzà riguardare per fona alcuna ; cr in particola^ 
Tt ui aggiunge una {Irana ferocità. , che fi mangia^ 
nano gli huomini, e fi faceuano cibi delicati procw^ 
rando di far [conciare gli animali , e fòrfe ancho le 
"Donne. Queiionon fia tenuto per fauola^ perche 
hoggi anchord ne le ifole Canariejfi:)ggiogcite da Ter 
dinando Re di Spagna, Cabrano glihuomini. 
che pigliano , e // tengono ad ingraffare per man-f- 
giarfeii. Tolomeo ne la fiia Geografia dice ch^d ^ . - 
fud etd certi Etiopi vtangiduano carne humand. toridcVi 
VUnio nel cap.j dice ^che Sciti mangiano corpi huomini^ 
humani. E parrà dice egli incredibile che nel meg^ 
gio del* Italia fiano ilati Ciclopi e Leflrigoni, e non 
i gran tempo che oltra le Alpi facrificauano l'huost 
tno , che pare poco men crudeltà che mangiarlo. 
Qweflti maluagita punita per lo IDiluuio , uie-A 
tdtd dd D/o j oue difie , Non mdngierete c,drne 
con fdnguej e che fi intendd di ìd cdrne humdna lo 



• 8 TEMPI AVANTI» a I 
fndnifiilA àicenio. Chi fpdrgerÀ l'humdno fdnguer 
furi fpdrfo lo fuo . Mrf circa il peccato di lujluru 
non u'era fcelerdgine Unto fozzd, che fiiffe Ufciata, 
àdietro. lnceiio,fodomi(i,e brutditÀ. berciò JMoi* 
fe dice che pigiiaudno per mogli quelle c'bdueudno 
eletto, fiiffero mddri ò foreìk,ò altre, e ch'ogni cdr* 
ve hdued corrotto Id fud tàd , cioè con fodomia , e. 
brutalità . Di quejli ndcquero i giganti detti dd 
Hioife potenti CT huomini famoft per le fopradettc 
fceleragini, Per giganti intendiamo huomini digraiu 
corpo fprezzdtori de D«,cr oppreffori de gli huo^ 
mini fecondo Mdcrobio nel i. e Uodoro nel 9- Tre 
cofe habbiamo id intcdere, primd chi cdijìcaffe Enos. 
cittÀ, quando perche,e doue,fecondo quando ccmn^ 
cidrono quefle delitie,e peccati, terzo perche non gli 
permij^e bora Dio come allhora fece, Ld prima dir» 
manda fi chiarifce nel Genefi al 4- che dannato cf 
efcommunicato Gain da la compagnia de giufli per 
Vhomicidio,egU fitggi con la moglie er habitò ne U 
parte orientaU di Eden,cioi di Varadifo,ò delitieio" 
edifìcatoui una cittàM chiamò Zno! dal fuo primo:, 
genito. E fecondo HebreifiCatolicihdificò per op^ 

primere i giu^i figlioli di Seth fuo fratel giufto. Qijfi. 

fta fecondo alcuni è la regione di Ddmdfco , perche 

uerfo Oriente è Libano monte , nel qudlefì ueggono 

fm''dd hora gran rouine de la cittì Enos: e gli habia 

tatari la chiamano città di Cairn , come narrano % 

nojlri mercatanti,che habitano in queUe parti. Miri. 

uogliono che Eden ouero luoco difolUzV)^ pdrddi» 

fofu 



Il PILVVIO* LIB. ^ 

Jo fu U TenicU.e U regione Laodicendie lo proudtio 
con due àrgomenthprimd che iui e Id citù Eden ^fe^ 
tondo Tolomeo ne Id qudrtd TduoU de VAfid. Se* 
tcnddridmeìite che queUd citù hd dd occidcte il md^ 
re^Pejlremiù di Libdno , CT Antilibdno dd Oriente^ 
tquinodidle^ò dhneno del uerno. Si rijj^otide di prip 
tno dubbio, che Cdim edificò Enos citù^ dipoi ch^ |ìf 
fcommunicdto,e cdccidto dd Id compdgnid di {{ddm, 
e de i giuAi) per rubdre i buoni : e Id fice nel Libdno 
ortèntdleyfecondo Berofo^ doue Mot/è chidtnd Eden, 
cioè pdrddifo. Al fecondo dico che i peccdti di Cdim 
comincidrono quudoegli dtndzzò il fratello, e crM<^ 
ro ne fuoi poiìerifw^d Idfettintd gcnerdtione d'^Addi 
<omt di 4. del Genefi leggidmo , perche I del , Tubdl, 
é Tubdlcdinty fUrono fefti dd Cdintye fettimi dd Addm. 
Il primo di loro trouò le delitic ne Vdrte pd&ordle , t ^ubal- 
pduiglioni,e le tendevi fecondo trouò iflduti, Id cxtd^ caim. 
rd^e Id Urd^ Vorgdno cr // cdnto muficde : il terzo 
le drme^CT ognifirrdmento come ej^rime iui Moijè. 
Con queSid fettimd mpid generdtione gid fparfd.per 
lo mondo/:omincidrono igiuRi difendenti di Addm 
4 pdrtecipdre net mdtrimonio ^enele fcelerdgini de 
gli empijy perche uedendo i figliuoli di DiOycioè i giù 
éijle figliuole de gli huomini , cioè de Id progenie di 
Cdimjch^evdno beUeinon oftdnte Id fcomunicd^p pre 
fero queUe c^hdueano elette. E che ne Id fettimd ge^ 
nerdtionepdrtecipdfjenoigiuBi nePempieti^p mda 
mfcBdjperche Enoch fettimo dd Adanifatrasfirito 
incidOfdcciocheUmdlitid non mutdffe l'inteUetto 

B 



TEMPI AVAMVr TT^ 

il queUoy come fi legge ne U fdpientid al 4 • lyicidmo 

adunque che gli etnp'.j peccdti cominciarono fotta 

C4im, e le giuBe opre fotto Enoch. Al terzo dubbio 

fi rifponde che Bio non puniffe in uniuerfde i pec^ 

Cdti^fe non quando ft trouano uniuerfalmente iu tuta 

ti, ilche non fi uede hora. Et ancho egli non pumfcc 

igreui peccdti, non u^ejiendo aggicntd l*oftindtione,: 

Come dimoerà Berofo nel teBo feguente. 
o 

PREDicauano allhora molti & indcuinauano, inta- 
gliando ne le pietre,(critture de la rouina del mondo,che 
era per venire. Ma elli al male auczii d*ogni cofa fi ri- 
deuanOjCflcndo da la diuina ira per loro impiccia e fccle- 
ragine al cadigo fpinti. 

. F V preconofciutd Id prima innonddtione^ e per 
Spirito fanto, come fece Enoch , e per oj?erudtione di 
SteUcfCome jù trouatd in Babilonid, e notarono Ep(A 
genere Flinio. Altroue habbiamo fcritto , e proud^ 
to che il Diluuio procede da caufe naturalijlequdi fk, 
tono da gliftudiop intdglidte inietterei e che nonài^ 
meno quello fu ordindto ddlddiuind prouidentia db, 
eterno: accioche perif^eno gli huomini 4 quel tempo,, 
che per loro colpd ne erdno degni . La terza pdrtc 
che ftgue moiìrd che Vhum^^a generatme ]u riiìo^ 
rata con VArcd* 

ERA vno tra i Giganti amatore di Dio, e de gli altri 
Il più prudente in Soria , ilqualc chiamosfi Noa,con tre 
figlioli,Scmó,Iapcto,Caro: e le mogli Tidca Magna, Pan-* 
doia^Nocla^e Noegla. CoAui cemendori de la rouina, la<* 



3 \ 



IL DltVVlO. IIB. ì: IO 
qwalc da le rtclU preucdcua chcfarcbbe ?«. anni innanzi 
al Diluuio cominciò à fabricafc vija nauc coperta i modo 
di Arca,L'anno 78. dal cominciare.de a nane , allagò di 
(libito il mare Occano,c tutti i mari infra terra , c fium^ c 
fonti boglicndo dal fondo copcrfero gli alti itionti , ag- 
giugncndouifi le moke pioggie,che per più di oltre il na* -«^ 
turai modo Icefcro da Ciclo,c cofi tutta Thumana gcne- 
tationc fu da le acque fqmmcrfa, fuori che Noa con la 
Tua famiglia,che ne la nauc faluosfi , laqualé da le acque 
lcuata,nc la cima de Cordcs monte fi fermò, e dictft che, 
fin'ad horà n*c in quel luogo alcuna partc,dc laqualc pi- 
gliano gU huomini J bitamc,viàto masfimamcnie da loro 
QC%ificiiàpurgarfi. 

G lO/è/o contrd Appione grdtnmdtico dice.che Bc 
rofo Cddeo^gVHi^oriciFmcijnoì^^^^ ì<[od,fuok 
figliuoli jil lDilwMO,€ VArcd , E nd r. de le dnrichiti 
dice.tuUe le Bdrbdre hiflorie fmio mentione di Noi, 
e de l'Arca,f^cidlmnte Berofo jche ne rdgionti in 
tal guìfd. Dicefì che u'c dnchotd pdrte di quelld nd^ 
ue , che uenne in Armeni d c^rcd'l monte Cor dico , c / 
che ne pigli dno dlcuni il bitume, ch^ufdno ne i fdcrin 
ficij d purgarft. E f^gue Giofejò. Giroldmo Egittio, 
che fcriffe le dntichitd di ¥cnicidfd di queào mention 
ne. NLdfed Ddmdfceno nel 9 oAibro de I hiilorie di^ 
ce foprd l^riddà in Armenid e BdU dito monte, ouc BarU 
fi fdludrono molti d tempo del Diluuio , e ch'uno fii 
portdto in un'Arcd d Id cimd del monte Ocile,e che fi 
conferudrono lungo tempo dlcuni Ugni di queUd. B 
quefto fii colui che lAoife legkldtore de Giudei nomi^ 
ndA (XB^&odice mfed.GiofefòiiHdice^che i Gx^ 

è il 



o*ef fo> 



0 TEMPI AVA KTl 

énchord pigliando daU b^rbdre hiilorie fmio mtm 
tione del Diluuio di No<J,f de U lunghezzà de gU M 
A chi fu TiifoUri. e che demi ne ulcero mi^ci e dice idi paro 
dato iù- le. Non mffe dopò U Diluuio $ $ c. dnni filicementCp, 
(a viu. jfi^y^ p ^ ^ Qnefio non piiafaifo dd dlcum, 
no confiderdndo Id noflrd cortd uitd.rif^etio d queU 
^ ld,perche quei come religiofi , uiueudno lungo tempo 
fdntdmente, cT dncho perche inueùigdu^no glorìofc 
mrtu,come AflrologidyGeometrid,e lilofofìd. Dio gli 
idud lungi uitd.percht nòn uiuendo dnni. too. iqudi 
fonnoVdnno grdnde ^ non hdrehbeno potuto impd^ 
Tdrlt compiutamente. E fegue j Sono meitejlìmonif 
cercd le dntichitd tutti quei.che ne fcrijiero dppo Gre 
ci^Bdrbdri. Mdnetone ferine ifdtti de gli Bgittij , 
'Berofo sfioro niBorid Cdlded. Moco, E/Ho, r Gini 
rolmo Egittio iqu^ii fcriffero PhiHorid Fenice d^dc 
corddno meco. Uefìodo Erdteo Hffl4wico,cr Agf/J* 
ìao fecero ne le loro hiftorie mentione de gli dntichfj 
cheuiuedno miUe dnni. Qnefio dice Giofefò. 'Xeno^ 
fonte ne gli Equiuoci ^ Archiloco de tempi , Tabio de 
Vorigine di Komd fdnno mentione del r>ituHÌo , e de 
gli ànni dudnti Nino, Hord fcendidmo pdrticoldr^ 
mente d Idletterd di Bero/ò. Moife dnchord dice che 
Kodfuhuomo giufto,C!rhonordUd'Die:qudntunque 
gli ditti pie gaffero dPempietd. Ef ipm dotti Td^ 
^ muldiUi affirmano 5 ch'egli fuffe gigante , e perito di 
„ g» • Aflrologia. Md i Cuoi cognomi moBtdno , che egli 
aftrolo - SirOjFffTtcro; cwc Ogigto^T^efir : comejì atra. 

go. <ìuiià nd[ce m dubbio cht Berofo diceiche fi comiin^ 

4; 



IL DÌLVVTO. LÌB. ì. tt 

tthdfabricdrc VArcd anni 7 8 . dudntiit T>ìluuìo^ 
VioifcnclGcncfì al 6.glidjie^nd 1 1 0. anni. Bero^ Qutnim 
fo dttrouc fecondo vUnio. 4. 8 0. confcntendo i Cri^ ft fece 
toàmo. Pd primo fi rifj^onàe iht ^ commanàdto k l'Arca» 
Nod ài ^ahrkar l'Arca dnni 1 1 ó. dudnti il BiluuiOj 
ìKd egli in 4,1 .4nni dpparecchiòiilegndtneye cefi 
Vdnno fcgutntc erd 1/78. dudnti il lùiluuio jì comìni 
<ioU grdnd'Arcd:Ccrcdgli annik^So. computati dd 
Plinio per duttoriù di Herofo^edi Critodemo , queè 
Ai non intefero de Varca:;ma de le lettere fcritte^ tro 
Udtejcom moilrd Vlimo nel j.<dp,télt.Ldicendo che 
il Dilum uerme difubito , non rifirifce dUod^nt i 
chi ne feri jfero in mattoni ^ in pietre , ma d coloro 
che non lo credendo,lo deleggiaudno . Burò cj^&o 
I>iluuio 9. mefìy come ha Solim ne i CoUetdneiyMoi^ 
fc nel Gen. i 8. e IXxno^nie de gli Equiuoci. Que^i 
&o fuperò i più diti monti t cubiti^ e fii deflruttd 
gni cdrne accetto Nod con Id fud famigli d. Qjiiuifl 
Ucde Id buggid de TdmuldiUi d co&ume loro contra 
Id diuind fcritturdy cheH Diluuio non toccò il monte 
Sion, perche fu quello dopòH Diluuio fò trouato H 
feme de i Gigantismi non attendono che furono Gi* 
gdci Nod^e fuoi figliuoli, iquai generdrono i Titani gi 
gdntii fecondo Berofo^ quefli edificdrono Titdno cit 
idin Egitto ylaquaU chiamano TanimjleuataneU 
prima fiUdbd . Come fi legge nei Numeri cdp* i $• 
Vetto queflo de i tempi auanti il Diluuio , hora pre^ 
pardndo gli dnimi 4 ( libri feguenti. Conclude in^ 
quedd fórma. 

B III 



I., TEMPI AVANTI 

^ T I G Liando i noflri amichi da qued'anno de I*h8« 
jpnana (àlute.da le acque principio , fcrinero molte cofc^^ 

' Ma noi per abbreuiarc i fcntti loro,narrcicmo le origini J 
tèmpi,<& i Re folamcte di qaelli Rcgni.chc bora fono giu- 

A'I ididari grandit fu iiì Aita maggiore il noRro Babilonico , itk 
^ frica l*Egittio.&.il LiÌ>ico,chc prinui furono vn Regno» 
noi come d*un Regno ne parleremo* Ne annouerano 
i noftri quattro in Europa il Celtibero,i Celri,Ritirn,ch'eI- 
li chiamano Italie o,V quello de Tuifcoiii.chc da Rciio fio 
k)e per i Sarmati peruiene al mare. Alcuni u'aggiurigano 
il qpiptpdcuo lonicof ; . .^w.»..»* 



• L A fòprddettd nàrrdtione fupplifct come per 
und prrfdtiorie di Bnofo per iinioSìrare k tiUdl teMé 
po comincidfje l'origine de Id fud gente, laquale non 
fi dudnti il I)iluui&^ perche ui ritndfefoldtnente là 
progenie di Nod detta dncho Ogigidnd,e ¥eniced:ni 
fi dcbbe comincidre dd N/'no fecondo i Greci , perche 
^udnti Nino le generdtioni di ^od hduedno primd 
ripieno il modo, cr erdno diuife /otto Nod. i«y. 
I Perciò chi rie ere d P origine deldfud gente ^ e dei 
Rf^Oj cominci dd quefl^ànno de U fdlute humdììd, e 
ì^eggd le gene dio gie de i Duchi principdli dtle Colom 
nie^ej indi pigli Id fiid origine in commmé !, V pòi m 
particolare nel ^.enel 5. Libro, Md perche nele 
Ubrdrie de Cdldeifi notdUdno d lungo le origini de le 
gentile de i Kegniycar i fatti de gli dntichi^che generd 
Udno fdHidio : perciò Berofo ne cduò il fiort j come, 
ndrrd Giofefo, e parla folamente deVorigine de i Rei 
gni d fu4, età . Bero/ò ^ cerca id fine de Id Mon^r*» 
chid bipdrtitd de Perfi/: de Medi. Lfu dUdnti Aleff 



li» 



i 



IL DILVVIO. LI B. I: I t 
fdnito.i principio delquale fu Metd&eneychtp fcr^ 
ut de U defcrittiorte de tempi di Berofq per dechidrd 
re U Motidrchid de gli Asftrij . E durdud dnchord 
U Mondrchid bipdrtitd de VAfid , ne Uqule preud^ 
leud Id Bdbilonicd: come egli notd in quedo luoco. 
Co/i per l'f^fìd,egli dichidrerd l'origine, e fdntichiti 
Bdbilonicdyper l^Afried 'ejf>oherd l'origine d^Egitto, 
iiLibid. Per l'Burcpd.oue non erd Mondrchid dl^^ 
cund,di(:hi4rird le origini di Spdgnd^di Germdnis 
per i Sdrmdtijìn'dl Tdndi.e Vonto. lo penfo cVe^ 
gli non defcriuefie d lungo l'origine de lonid , perche 
pojldVorigine deld Grecid ddl Diluuio fm'd Nmo 
tsft Greci precedendo dudnti, erdno difcordi ne Chi^ 
Aorid. E per non offendere ndtione dcund di queUe^ 
dd lequdi egli erd dntdto.a- hduednogli fdtto undpt$ 
hlicd ddtud con la lingua indordtd. Verciò dd Nmo 
in qui egli di rdro fd mentione de Id Grecid. E per^ 
che non fi puh f^pere l'origine fe non per le genedlo^ 
giey egli nel i . Ubro premette le genedlogie 4 i tre 
pguenti 

FINE DEL LIBRO I. 



f 
1 



• un 



IL SECOND 

LÌBR O DI BEROSO 

V V- B A B I L O N I O DE 1 .^^ 

PRIMI PRENCIPI ^ 

dopò il bUhuìo « 



abèiamo advhiI 

que per le cofè prcdeC 
ce à confeflarCy quello 
che fcriuoDo Caldei e 
Scici, che feccata de It 
acque la terra.noti fa^ 
ronopiu cheifbpradec 
ti huomini ne la Arme 
nia faga , iquali mtu 
l'humana generatione 
fertiinarono , 'ir perdi 
sciti ragioncuolrocnte 
chiamano Noa di tutti i maggiori Dei , & minori padre ^ 
de la humana generatione autore c Caos del moncioXKia 
mano Tidca, Aretia , c.io\: la terra , ne laqualc Caos pofò 
il Teme , onde tutti di cerntnacquerQ • 

NON fepperoi Greci antichi qudiKe fiifjcra 
iopò il Diluuio j cjr dudttti fritto . Md queìio ben 
fèppero i Barbdri , iqudli djjvrntdno di effer fidti i 
primi troudtori , CT fcrittori de le cofe utili ^come 
dice 'DiodùTo nel primo * Perciò Berofo in quef^ofe^ 
condondrrd de i primi principi ^ e Id loro genedlo^ 
gid, dopò U diluuio : Id onde ogni regno hd Id fu4 




DOPO IL DILV. LIB. IL i; 

f>rigine. Trima mette il Proemio di Uno padre 

de U gran Tited ♦ Dipoi ferine la Genealogia. Cer* 

Cd il Proemio Berofo narra molte cofe memorabili , 

ìequai leggeuano appreffo i Voeti 5 fenza fapemt 

V origine . Venhe non folo Moifcy e Berofo^ ma etia^ 

Aio gli Auttori Latini parlano in ^Mci Iucca dopò d 

I^luuio j ^ duanti Nino cominciò la generatione 

humana • Precedono gli Hi jlorici Barbari, e^pecial^ 

mente Girolamo , Egittio , e Mafea Tenitio^ che tefti* 

ficano come Noa fi faluò ne l'Arca [opra Ocile aU 

ii^imo giugo del monte Gordieo che c in Armenia 

non lontano da Arafe fiume j dal quale Moifechia^ 

ma gli altijiimi monti caj^ij d'* Armenia Ararat per 

Araxat . Et quantunque non fi legga in Tolomeo 

quefto monte Gordieo , e Cafpio uieino ad Araxifiu^ 

me , queiio e auenuto per uicio de Stampatori. Arat 

come profirip:ono Hetreì , ò Araxat fecondo R4« 

mei ò Araxe jèeondo Greci , e Latini i fiume di Sei* 

tid ne la maggiore Armenia . Lucano dice nel . 7, ^ Gordieo 

1/ Romano beue PArmenio Araxe . monte . 

Augnilo rifabricò un ponte fopraquefio fiume yil^ Arafc fi» 
quale julprima fatto d'Aleffandro ,e rotto co Vem^ 
pito dk fiume . Virgilio nel . S. t 

VkTdfe che del ponte prefe f degno • 
D A queflo deriuano tre fiumi fafi > Temodonte^ 
far U Tanai , come Orfico mendace afferma • Perche 
i Geografi con Tolomeo uogliono, che <jue/ fiumi de* 
riuino d'altronde . Stettero gli Sciti da la loro origi* 
ne in quefio prefe cerca l^ Araxe come ha Biodora 



.DE PRIMI PRENC. 
nel 4. La, Scitia Aruxed fu il primo luoco yOue cow 
mincio U getter dtionc humuncL dopò il Bìluuio . Se^ 
condo che Berofo , GiroUno , Mafed , e Moife^Bur^ 
bari afjtrmdno . Arcbiloco Greco ne gli Lpitetì de 
tempi dice . Mdfed Fenice nel lib .97 . de le htjlorie 
djfvrmd che qudfi .irò. dnni audnti Nino jw un 
J^iluuio uniuerfdle y ex che uno fecondo (;he narri 
Moife dntichij^imohiiìorico fu liberdto cerca krd^ 
xe fiume d i Cajffij monti . [Et che rinoudto quoddm^ 
modo il cielo j U rozzd generdtione humdnd uifji 
Vdured età fenzd legge dlcund finche Nino , e SemU 
Tdmis fi pofiro d guerreggidre gudfldndo P Aurea 
età . Trogo , e Giujlino fcriuono il medefmo de 
VAiired etd audnti Nino , nel x. lib. ajfvrmdno\ 
che Sciti fempre furono tenuti per origine i primi de 
Vhumand generdtione y come djfvrmd Cdtone in le 
origini ilqudle nei z. dice, Cdldei uogliono cheH mon 
do fid eterno , ma Fenici , e Sdgi gli ddnno princi^ 
pio^ Md fi conuengono quejli y checercd. ifoi 
anni duanti Nino ne i qudi durò PAured etd fuffe Pu^ 
niuerfdle DUuuio, che in Scitid fdgd rindfi:effe l^hu^ 
mdnd generdtione . Mdò fid tenuto il mondo eter^ 
no , e che il fuoco dd principio poffedefjè il tutto , e 
che gli elementi lentdmente congiunti habbino prodot 
to l^huomo , ouero come ndrrdno che dudnti l'Aurea 
età , fÌ4ffeun Biluuio uniuerfdle , che poi feccdta la 
terra , dppariffero gli huominiygli Sciti fi>no tenw^ 
^ per origini i primi, quai manddrono le colonie per 
to mondo , quefli uennero lana, e Viri ^ cri 



DOPO IL DILV. LIB. II. 14 

éM progenitori . 

^ B nel principio del Vragmento dice , Vorìgint di ^^^j^jj^j^ 
Itàhd i fplendidijlimu , e per l'dntichiù del tempo , e ^tto. 
p€r t*originè de U gente . cominciò ne l'Aurea eti 
/òtto iprincipi Dei Uo cdmtfe , e Sdturno gente Yes 
nice , e fdgd . Co/? gli Hiflorici , Crea , Ldtini , CT 
'Bdrbdn^ che fcrijfero le dntichitd dudnti Nmo , tf/i 
fermdno , efce U generdtione humand cominciò ne 
Vdnticd Armenid > Ardxed , in qualunque modo che 
tffd cominci a(]e . QgcU^ regione fu chiamatd Ar^ 
menid^ Scitid^e Sdgd , e di^tqwcUa pdrtecipato 
queftonome Sdgd al Settentrione delTdndi fino 4 Armenia 
Sdrmdtii nel imdo monte Orientdleji lo Scitico, Ard^ ^^i'^ 
vceo^ouero Armèno. Vlinio nel.j/ cdp. 17. Pér/?<(* ^^S* 
nili chidmdroho tutti Sdgi dd la proj^ìmd gènte Sd^^ 
gà , CT gli dntichi Armeni , ilche mdnifejìa là primd 
cittduicino ddArdxi^cue fecondo Diodoro jì fir^ 
fnctrcno pochi Sciti j ej ignobili. Ver che queUdSi 
nomd Sdgd Albind , ò fecondo Tolomeo Sdgalbihd. 
Tdnto fìd detto fecondo le diuine , e profane lettere 
cercd quel luoco , oue cominciò numdi{d'^enér'<ffiài 
ne , feconddridmente , e memordbile que (io nome Sdt 
gd fecondo i Kdmei , Sdngni fecondo Tofcdni , CT 
Sabini , ò Sdnftus , fecondo Ldtini , non fono diffvé^ 
Tenti queik uoci nel jìgnificdto, mdne Id denuda 
itone j perche dd Sdgdderiud Sdrigtfi] CJ'dd SdngnV- 
Sdnéius mutdndo ilgyinc Sanélus fgnifìca puroj 
religiofo , fdcerdote .Giroldmo nel libro de le intera 
pretdtioni dice y che Sdgd fìgnifìca immcldtore ^ ò 



^k: db primi VK-EKC. : ^ 
fdcripcdtorc . Et fi confà con queUo che dice Mùi/k 
nel Genefi al ,4: che Kod ufcito de Patch a fece pri^ 
m4 officio di Sacerdote ytd onde U fud famiglid fi$: 
Sdgd 4 le genti . Qjjin che uennero con Uno in To^ 
fcdnd furono detti Sdgi^edd qucfti Idfvce del ?(h 
fi nomò Sagd come affermano Cato , e Plinio . Ca^. 
ione aL\8 . Fragmento dice Sangni lo chiamdno 
gentile Sabini Sabi , Romani Saniìum , Barbari S4«?^ 
ga^delqualc prima furono nomati gli antichi To^ 
fcdni , cioè i Pontifici , e facri imtnolatori . PliniOi 
neLs . cap. « 6. dice de le fóci del Po cerca le quaik 
uennero i Tofcani . Di poi è Id foce Caprefia di poh 
Sdged , e di poi Voland dettd lAana • Tutti quei jiM. 
mi con canali fecero Sagi Tofcani^deriuando Pempi^^^, 
io del fiume Atra uer fole paludi de gli Atriani , /r^ 
ijudi fi chiamano fette mari , con nobile porto doue^ 
€ Atri a citta de Tofcani , da l aquale fu detto il mar et, 
Atriatico, hora Adriatico . QB^flo luoco adunque^ 
i la gente fu dettd Saga . Terzo e degno di memo^^ 
ria , che la prima città , oue fi firmi Noaò \ano ad 
Araxi fiume fii chiamata Sagalbina da Saga , che 
lignifica Pontifìcia , CT Albina imperiale ^da Alba > 
che è Ihnfegnd de imperio ^ cioè ddi fafci , perche^^ 
nel fafcio erano rinchiufe la uerga lo Scettro , U 
Scori dtdy eia Scure iLatini chidmdno queftd.ligat» 
turd fafci d*lmperio , Armaei Alba, come farò masr, 
niftUo foprd il quarto libro fragmer.to di cato , ri^ 
prendendo anchora coloro , che penfano il Teuere; 
tffer flato chiamato AlbuU ddl cdlorc, ò dd la bidn^^ 



DOPO IL riLV. LIB. ih \f 
^fi'utrgd , ddttd k Crdtie vcl . 6. it i fafli * Come 
Jfe tulnome ueniffè dd Latino la terzd co fa mmore^ 
wlt t che folamente . 8. ànime fi faluarono dd 
T^iluuio , cerne affirmd Moife , cr i Caldei contra i 
fdùolofì , cr heretici Tdmuldiftiy iqudi fenzd fòtim 
imetìto afjvrntdno , che molti gigdnti fi faluarono 
nel monte Sion . Cercd i primi cognomi di dctm 
to lana , come dir d Berofo nel,\. Chdos , hylc , cr 
hyleto ^ che da cjUeftoderiua fono una ifleffa co fa, 
Chdos e una mdffa grande rczzà j Cr confofa deld^ 
quale uf irono tutte le cofe pdrtinente. lano ò Soa fi 
ìiowdChdosper fìmilitudine y perche ne le fuereni 
krd cor.fufamenteil feme de Id generatione humdna^ 
&effo precede tutti per tempo. Come ha Ouidio 
itcLi. de fi fu y oue \dno dice . 
■ Vii chiama Chaos , perche tanto antico, 

Effer mi trouo , e ciò uolfer quei primi , '^1^ 
Ecco di quanto longo tempo io cdnto 
Gli p affati fuc ce jii antichi , c rozzi . 
T^^poi manifidd , che i fuoi membri , cioè i figliuoli 
f*ffero in lui come feme cor.fiifo^ dice mifleriofamètes 
io ch\rd und grdn maffd > e fenza fórme ^ 
Vrefì figure , e membri dnchor dtuini: 
ÌE'gli chiama i figliuoli membri degni di Dio , perche 
tutti i fuoi figliuoli per i molti beneficij ddti a Id ge^^ 
tieratione human a fìirono reputati l>z . Perno egli 
nomato padre de Bei mdggiori , cioè de figliuoli^ 
iie minori Dei , cioè de Nipoti.e de Pronepoti. Per^ 
de fitrono tutti Prencipi de regni , e di Colonie , e 



DOPO'L DILV. LIB. IL' tf 

M A oltre i pnmi figliuoli , Noa dopo il Diluuio ge« 
acro figliuoli giganri,la onde tnolcogiouerà a U brcuiti 
di raguagliare le poftcriti di cutti,inconijnciando da Noe, 
pofcia parcicamence da gli altri. Primiciamcnte adunque^ 
chiamorno Ogigifa faga cflò Noa dcfir, ciot Pontefice il-* 
luftrc de le cole iacre. 

B E Ro/o chidrud figure gli diberi de le genedlov 
gie.ilquale coRume hdnno di qud prefo e Legifd ,fd^ 
cendo alberi di confdnguinitk . Significandogli dui, 
cr i padri per i rami tronchile fi>giie,che afi:endono, 
e per quei,che fcendeno i figliuoli y e nipoti : C2r dltri 
conftnguinei. il principio deld prima figurdcom^^ 
prenderà i figliuoli di Nod dudnti ^edopoH Diluuio, 
Id fecondd fdri U poiieriti di Samo,ld terzd di ìd^ 
petoU quartd di Chm,che generò i Camcfi. Berofo 
in due cofeficotìfi^rmd con Moife , che Nod gigdnte 
generdffe giganti dopo il Diluuio. E cbeegli genero 
altri figliuoli.Nel Geneft al ^.fi^commdndato a Noi 
fdcrificante.CT d fiioifigliuoli,che attendeffeno d ges 
nerare. Non fi dica che Noafuj^e in queilo negligen^ 
teyò che gli mane affé il tempo y ò che non fiiffcro tutti 
obligati.effendo la terra defi)latd , Ne dnchofi dica, 
che non obligaud il precetto : poi che fii piend Id tern 
rd. Hduendolo iddio commeffi:) . E Noa giufio,e 
finto uiffe dofoH Diluuio dnni o. Secondo Moife, ^ 
e Berofo : Moife pofe foUmente tdnti defcendenti di 
No4 quanti le.72,. lingue diuifero. Kon dicdno i Td^ 
muldtiiijche i Cdmcfi figliuoli di Uno detto Cielo.con 
un'incdntefmo gli taglia ffero i tefticoli , perche fe^ 



^1 DE PRIMI PRENG. ^ 
. conio Scrofa egli jèct qaeflo,po/ che fuo pddre heh^ 
he generata più figliuoli, e gid s^inuecchidud. Come fi 
dira nel .ì . Ver ciò fchiuiti gli errori fduolofì de 
Tdmuldifli,feguidmo il precetto di natura, e di Dio, 
come dichiara Berofo ueracifiimo Autore.Cercd quel 
nomi Ogige cioè iìluilre Noa, e difir , cioè iUice fe^ 
cqndo Girolmo , Fietro comcftore fopra il cap. 1 1. 
^el Genep , e Giofefò nel . i . de le antichità dicono. 
Habram habitò cerca Uebron uicino 4 l^iUice detta, 
aitc^^ O^/ge • Et chiamafi citta de quattro Vatriarcbi^ che 
ci habitaronoj e ui fi^rono fepoltì , Adam , Habraam 
ifaac^ e lacob. Cofi Ogige ^ patria de Giufli auans> 
ti, e dopo il Diluuìo , e di Noajlquale da Ogifan fus 
Ogìgc an p(itria fu detto lUuitrc . Perciò tutti lo nomano an^ 
' tico Ogige. Senofonte negli Equiuochi, e Metafte^* 
nd dicono che Ho a fi* Prencipe nel primo fiiluuio 
/olino tra Ldtini dice che il IDiluuio primo de nuouc 
mefi /w notato fotta Ogige . Et da quello d Deuca^ 
liane fi computano anni . 7 o o ♦ èauano i Giufii 
fitto la lUice > perche gli alberi fuppliuano a gli an% 
tichipertempij , come affvrma Plitiio neLti . cap* 
I • nota che la fenicia é da Vamafco fino d Gdfk» 
llche fi comprende perche dicono che loppe laquale c 
il porto di, Hierufidemme^e citta di Fenicia. Plinio nel 
S.al^xaAice loppe terra de Fenici fu come fi narra, 
auJti il Diluuio . Ma nota che quefta non fii la prima 
terra in Fenicia: , pche Cdin prima edificò Znos nel 

Penici^ , « 

[q princìpio de la Fenicia infra terra^t Ad m prima ut 
CQmmciò Hebron . Hora defi:riuono le genealogie . 

Vrima 



DOPO IL DILV. LIB. IL 

Prima figura di Noe detto ancho lane padre. t 

Kdcro.Upeto.Vrome^ Tuifi Crand.Cruno.Crunuo^i^ 
il giouanc teo Pri^ cone gi^ • ' > 

fco gante l 
Uod detto Uno Ogige auanti il Diluuio generò Sem 
eburnee Ufèt,e dopoH Diluuio quei.che fono in que^ 
fio albero . 

Sette Tm Ard^ Kegi^ Vdndo^ Teti, Oced^ Tm 
tdm xd, na,. rdU no fio. 

Vrifcd gioudrie.^i 
^uifcone fecondo Berofo.e Cornelio T deità fii dutop^ 
re d 'Alemdgnd,€ que&ifono i fuoi defcendenti. 

Tuifco^ M4no,Inge^ ìfleuon, Hermi^ Mdrfo, Gdm^ 
nt pd^ uon, non, briuio. 

dre de 

Germd^ Sueuo, Vdnddlo, Hunno, Hercolc, 

ni in Teutm. 

Sarmd^ 

tìd. 

Ardxddntico Scitd uennerol^dpo 
genero antico, e e Fruto, 

d4 lui 

Hot din quefìd Cenedlogid,e nel primo dlbero che 
queSH tutti fono riputati figlioli di cielo^ di terrd,o di 
lanose VeUd ò di Nod,e di Tited, perche Kod chid 
mdto Idno^ Cielo^Comchd Berofo nel Diodorc 

C 



«e! 4. ndrra àd Vhidori a Scitica jet Ajricdttd, che eie* 
lo il primo Re hebbe pìU m'obli. Cf Tited generò.iy, 
figliuolijiqudi nominò Titani: cr hebbe Cielo 4 r.jr? 
gliucli. Ma fe tu computi i tre figliuoli di Hoa auan 
ti il Diluuio. 17. Titdni.1% . che rimangono , cr » i. 
fttccejfori àe la pojleritd di Tuifcone , haranno. 44; 
due cofe fon da notaresche ìHod s'adottò per figliuoli 
la posterità di Tuifcone , perciò fi pongono nel fuo 
Ecceflcn albero, e non i nipoti de gli altri: cr in quefco Alemd 
tia d'Ale Sarmdtifono de glialtri più degni,iqudli fono da 
P*™* Latini,e da Franciofi chiamati Tuifci. Sarmati fi)^ 
no Voloni,Qothi, Kusfi, Vrufiani,e T)dci,con altri fu 
mili. E quello è fecondo la defcrittione diBerofo.r 
Diodoro s'inganna affermando che Koa haueffe pitt 
mogli, perche l'iilcffdfuamoglicfìtchiamata Titea, 
Moglie ^^^^^^ ^^^^ ^^^^^ corneio Tdcito de i coitumi 

TiteaTer Alemanifi confd con Berofo.che Tuifcone fiijfe gif 
ia,e »e- Iterato di terrd. SegueValbero disamo. 



IL DILVVIO* LIB, h is 

i 
1 

Secondo albero de le genealogie 
di Samo, 

SdmopoBoprU 

mo figliuolo di ArdmeojArpdxeo*yLugdo Asfirio^ 
Nod generò Heldneo 
que^i cinque. 

Poderi di Aramco, 

Ardmeo fi^ 

gliuolo di Sd^ Getul, Aldn j v/ , ouero Ol , Mcn 
mo generò que^ fd.Aufone. 
fti cinque Principi 

Poftcri d'Arpaxeo.' 

SdtnOj Epiro, ObuU Tiobo 
dd cui dd cui dd cui* 

Arpdxeo pri^ 

mo genito di Sdld, ¥Leber,léidn,o l{ler , Bdlmàdi 
SdmoChdlè ddcui ddcui dd cui dd cui 
Albdnd Obdle,Bicld,Azdlo, Aduldj Idder.Sdlddeo 
ddcui ddcui ddcui ddcui ddcui àdcui 

Poftcì ità di Mefa figlinolo di A ramco. 

Mefd figlia Sermdte dd cui. 

uolo d^Ard 

meo genero GetOjI^der.Bdnnone^BrigOiThinno^ 
queili cinq^ , T . 

Vrencipi. 

Que^o fecondo dlbcro c Id gencdlogìd di Sdtnù 



3, DE PRIMI PREnC i 
figliuolo di Nocive di ìano: Uebreifcguendo Moife lo 
chidmdtto Sem. Moifè nomina folamente quei Fren^ 
cipi^c^hebbero diuerfd lingua : e dijlingue le genti in 
74./? come forono 74. linguaggi: e benché ne l^iiicfs 
fè linguaggio Afferò diuerfe faueUe , tùtiaùia quelle 
sHntendeuano ne la medefmu lingua. Ma Caldei de^ 
fcriuono tanti Vrencipi^ quanti fumo coloro^che fe^ 
cero regnilo guidarono nationi . Perdo non e uero 
che fofjerojo. linguaggi , e Nico/o de Lira cade nel 
fhedefimo errore fopra'hS'Cap.nel Beuteronomio 
dicendo: quando diuideua Paltisfmo le genti neU 
confifìone de le lingue . CoHitui i termini a i popoli 
di 70. lingue fecondoH numero de i figliuoli d^ìfraelj 
che furono 70. Genefì 4<^ . Tutte le amine de la cafa di 
Ciacobshe intrarono in Egitto furono 70. Ma egli 
tion feppe che le lingue fiirono 7 4 • Icggcfi nel Genefì 
d 4. chefiirono 4. primi IPrencipijNoa.Sem^Camjdf 
lafet: di lafitfiirno 14. ?rencipi de le lingue di Cam 
5i . di Sem }$. E cxAifiderandoui bene al tempo , che 
fi diuifero le lingue, fòrono fclamcnte 60. Prencipi, er 
moitrafì in queda guifa.faleg nacque quando fi di^ 
uifero le lingue, Gen. 10. CT ii. e dopo nacque ìélan 
fuo frateÙo^e 12. pofteri ài ì(lan,che non parlauano, 
à non etano nati, non fiironoconfiifì. Cofì trahendó 
i 4. Vrencipi di 74. restano 60. Coft è manifvfio che 
JN/cofo de lira , CT altri a luifwtili pigliaiw errore.^ 
Cofì Moife ouero rifèriuale genealogie a (capitani 
de lelingue,ouero come io giudico più uerifmile , la^ 
piati i più ^iouani Vrencipi de le colonie^ (iudiaua di 



DOPO'IL DILV/tìlBriL t9 
' perucnìre i Erigine fud^ egli non ne ^nnouerò tunti 
carnefice Berofo^e gii nominò dVUebrdicd dicendo. 
Furonofò gliuoli di Scm,EldmAÌ^ur,ArpdxdtMd,et 
Atdn. Arpdxdt generò Sdle,che generò neberie cq^ 
ftui hebbe 'due fidinoli , Fu/ecfc, di cui tempo fì iHuifè 
^ Id lingud.e lildn,cojlui generò Almoddr.Afdrmduetj 
Sdlep,ìdddryAduràn,AzdryEicld,ObdlAbimdeUSh^ 
bdyEpir Obuld,e ìdcob. Arddm generò Uus^vl, Ge^ 
ter.Mes. E quejli nomift leggono in Ldtino còrrèi^ 
' tisjìmi.per uicio de Stdmpdtori. liotd che qucR'Ap» 
jìrio figliuolo de Sdmo fii Vrencipe de le Colonie do^ 
po Cdm in Egitto, e ui edificò ddl fuo nome und cittì. 
EfdicL dlcdp.$i.di queàd dice . 1/ mio popolo fcefc 
in Egitto per hdbitdrui,^ Affurfenzd cdufd lo cd^ 
lonniò. Fu duchord un'dltro A^ur, figliuolo di Be^ Afliir* 
' lo,nipote di Nembroth , ilqudle pdrtito di Bdbilonid 
edificò Niniuegrdn cittd , come é nel Genefì cdp* i o. 
EchidmoUdNiniueycioè Giouina ddl fuo cognome, 
perche fecondo 'Xenofvnte negli Equiuoci egli /u per 
fuo nome chidmd^o Asftrio , md ifuoi lo nomindrono 
Nino.cioè Gioue. Verche Asfirio che /« Hcrcole Bd^ 
bilonio fii d gli Asfnii Gioue. fornito il pdrldre de 
lUlbero^ fecondo, pdsjidmo di terzo di Idpeto primch 
che fìé figliuolo di Hoe. x 

C Iti .1 

»... ^ "-^ • ■ * 



TEMPI A VANT I 

Albero terzo de le proiperitì 
. di lapec. 

^^dpeto ietto Andromudd. 
^ Upeto e Ce/o 2 ^ 4 5. ^ 

^^^Atdlo Medo Mugogo Sdmote Tubale Mofco, 
[ primo genero dìs lubal 

^ptjo'Prencipi^ 7 8 

Cloe Tira lon* 

l^dquejlo furono getter dti 
iopeMf, cr il primo^ 
genito Cornerò 

* GdUo. 
^ Conterò prU 

mogenito ge Afcdnio,Kifio,TugoorKiti,Boioeo 
nerò^ueHis. md Itdo.Tdrfo 

^ Capitani. ^^^lo nelifd. 

Poftcriti de Italo. 
Di pleidde in / 

ìtalid.y.pleid^ Galated concubina Cdldte 
'di,Mdid Ce^ d'Hercole generò, 
ieno cr cet* 

Pofterità di Samotc. 

Sdtnòte Mdgo Sdrrone Hdmme Bruide 
ftomato di cui ^ di cui ^ di cui ^ di cui ^ 

DiSydicui fig. fig. fig. figli. 

Bardo lungo bardo il gio:^ Celte 
di cui fu di cui pi nane 3 di cui 



IL DIty VIO. LI B. I, 10 

In ([ucSld terzà genealogid Moife non dnnouera 
tdnti de Id generutione d^ldpeto , qudnti ne nomina 
Berojò. furono figliuoli d^ldftt Gomer^Mdgogj 
Mdddi.lduon^TubdljMofochyTird. figliuoli di Go^ 
mer3MdgogM<^ddiMueni,Tubdl,MofachjTir4.fi^ 
gliuoli di Corner Afcdmez Kifdt.Tdgetdne. Bgliuoli 
d^Uiudm Udifd.T dvfh'Dodom^e Kiti. Gemerò mi4td^ 
to il g* in c, fi chidmò Comero. E quedo mutdmento 
fi fd più uolte fecondo Vdrrone , come geruo per 
ceruo . Mdgog fiiilprimo ^c'^hdbitdffein Celoftria 
e chidmò dd fiio nome Id cittd Mdgogi hi , cioè pd^ 
trid di Mdgog. Flinionel cdp.z4> dice .in Cele 
de Siri d è Bdmbice dltrdmentedettd Hierdpoli ^ 
ddSirij Mdgobigi prodigiofd* Bzechiel di ed. 33* e 
39. pdrld ^ queftd citU,e ilice. Eccoti io i te Gog, e 
Mdgog Vrencipe dd cdpo di Mdfi)chy e Twtkl Clgdt 
luochi , e genti ordindffero gli dltri principi diremo 
alfiioluoco. 

nord defcriuìdmo Vultimo dlbero figu^ 

Tdtoid Berojo per duede 

potterUd * . , . 

« 1 

C Itti 




4 



Q^uarto albero de le poftehcà di 
Cam , oucro Cètncfc» 



^ Chem Egittio 

chidmdto da Cur.ofirh Cdmper Vdetdno Ochò 
Hebrei Cdm,e cognome feritone 

per cognome • lenice detta 

Cdmefe generò 
ir\s.prencipL 

Poftcriti de Curcti . 



i 



\ ». 



CUTpdiregt ArdhoySd^Sdbd SdbdtioySdgd.ìsie^ 

Wò quefti V. bucresy portdtore broto p d^ 

Vrencipi de d^incenjò drediBe-M 

XuretL lo il primo 

C . Poftcriti di Saba portatore d'inccafo . 

^dbdpor-^ Gdgopd^ Tritone Ammio^ Timifro 

tdtore d'in dre di Cd^ dd cui dd età Libico et 

cenfo ge ^ gio^e d^lndo* Hidrbd , 

nero que&i àd cui. 

^.Vrecipu De dbo per cognome Gers 

id cui Lonitui detti GerionL 

1 1 li D 

Poftcrità di Sabario Saga . 

SdldrioSdì» Sdbopddrc Curito Curiti Anìtino 
gd generò diSdbello. p(idre ddcui 

que^i Cureti de 

tino, A« 



DOPO IL DILV. LIB- II* Ji 

rontio 

da cui 

Terentio* 

Poftcrità di Feritone , oucro Fotone. 

Teritonc 

o fotone Ligure Cirfwa, 'EriddrtOj VentOj 
lAoifeTutdacui ddcui da cui ddcui 
dd cui fii Veneto 
^generato. ^ da cui Tila. 

Podericà di Cane. 

Cane det^ 

to Yenico Sidone, Arcadioj Ematio, Sinio. 
dà cui 

Moijè ne dnnouera più , iqudli empirono queUi 
parte di. Yenicia.che doueano occupare gli Hebrei , e 
la chiamano Cananea* 

poftcritideOfiri. 

Opris detto Lido Vrifco^ Anameone^e Meone Caf* 
da gli Bgit leo autore de Soriani , e de Capadoci. 
tìj ofìri ge^ Vetreio , da cui deriuarono i Valeflini 
nero j«e&'. Libie detto Hercoie, Nettuno padre di 

Ledrigone^O* Oro. 

Poftcrità di Libio Egittio Hercolc. 

'Kercole det* Scitiailgiouane di Araxo , Tujio H 

to Ubio ge^ Araxa , Agatirfo di Araxa Peucino 

nero. yy.Prc di Araxa.Gitone di Araxa, Calate di 

àpi. Galatea , Ato di Onfale ♦ Cinquanta 

*^ Tojj^indi di Armenia. 



EE PRIMI PRENC. 



Portenti di Tufco. 

Tuffo onero Tufco figliuolo di Aio , Altea pddrc 
a Blafcone,d(i cui furono generuti* 
Armotiid lafto Coribdn 

Cdmbo dd cui 

Bldfcon 

pddre di 

Tfdrddnoy Eri:» TroSj Ilo, idomeii Vridtno 
(ionio dome 
Curi Tile Ipiti 

ietto Siro cibe^ 
Abotino le. 

Poftcrità di Afo . 

Ato de i Tdrcone Trdfìme^ 

primi figlia prifco no 

noli d'Her:» Munu$, Ajlu, Fipino prifco. Tirreno^ 
colere d'On ' Atoilgio:^ 

fàe. udne 

"Lindo. 

Moife nel Genefi cdp.io. non nomind molti di 
quejii per le p>prddette rdgioni . Oue Berofo dice 
Ardbo in Hebreo fi legge Sdbd . E Moijè per Ludim, 
Andmim , e Ludbin , nomind Lido , Ameo , e Libia , 
pdrimente fecondo Gofefò nel .i.dele dntichitd giu^ 
ddiche per IdUdn dicono lon. Bicchidridmo bordi 
più ofcuri nomi . T deità del fito , e co fiumi de Ger* 
ntdni dice ♦ CeUbrdna Germdm con dntichi uerp per 



DOPO IL DILV. LIB. IL zi 

D/o Tuifcon e.di cui per longe hidorie , e conferudtd 
UmemorUiC Mdno fuo figliuolo come autori de U '^^^^^^^^ 
-loro generatione. A LJidno affegnuìio tre figliuoli Mano. 
dd i nomi de iqudi fi chiamdtio gli ìnghdeuoni uicini 
, ù l^Oceano quei di mezzo Uermioni.e gli altri liieuo 
ni . Altri feruendofi de le dntichitd dicono , che dd 
lui nacquero più dltri popoli, cioè Marfi, Gambriuijj 
Sueui) e Vduddi, e che quciii fi)no i ucri , CT dntichi 
nomi ♦ Et che fii Apo loro Hercole , il più udlorofiy 
di quanti dndarono in guerre . QueRodice TacitOj 
xAraxa Vrifca fii figliuola di Uno ò di Noit , e madre 
del Frifco Scita . Ba quelle prefe nome Araxi fiume 
in Armenia , detta Vrifi:a , Sciti a,cr Aramca , Saga, a raxa 
Qjiefla Araxa fi finge mezza Vipera, cr unita con antica 
forni huomo di ardente luffiiria , Tìiodoro nel. 3, dice '"^^^^ 
narrano gli Sciti faulof amente , che nacque Apo lo^ ^'^"^^^ * 
Xounduirgine de la terra cioèue^la dal mezzo in 
giù Vipera , che queda partori Scita , cioè primo de 
gli\altri per chiara fama , e da queiìo fi^ron noma^ 
ti gli Sciti ♦ Ma quefta ragione di Biodoro non con^ 
elude , che egli jufje de gli altri il più degno * Cerche 
Araxa madre lo partori pre(fi) ad Araxi fiume, oue 
dopoH Bduuio fi firmarono gli huomini prima na^ 
ti, ma di poco numero . Segue Dio doro ♦ furono fi^ 
gliuoli di Scita Vruto , e Napi , che diedero nome à pruto fi- 
popoU . Vruto regnò in Scitia d'europa , e da lui fi gHuolo 
nomò Vrutia il gran regno hora Vrufia . Araxa gio 
nane , e nel albero di Hercole Egittio . Girolamo nel «jo^an*! 
4 ♦ dice Hercole in Scitia dormi [opra la peUe d'un 



^'5 r)B PklMI PRENC 
leone troudndofì dd pioggia , e dal gelo foprdprefo^ 
Bt Idfcidte le fincioni Grechi , cercd Id libidine di que 

.f fio dice . Ld uirgine di natura mezzd ferpentind^cy 

humdna teneua, Pìmperio de ld primd ntddre AtdXd 
coHei mefcolatdfì conUercole j pdrtori tre figliuoli 
Agdtirfo Gelone j e Scitdil gioudne Berofo dice che 
nacquero più figliuoli di Ardxa , e di Hercole . Ti-^ 
tani .17 . generati di ueila , 0 di terra . Quefti edi^ 

Titani • fi^^^^^^ Titane citta in Egitto , nume . 11 . /? leg^ 

Ticanc. Hebro fu edificata anni . 7 . auanti Tani , cioè 
fecondo Girolamo , er altri ejpofìtori , Titani fi coi* 
me dicono To fi: ani, Colo, Lippo, Giano , Kitlao^Kifi^ 

ij ri per Nicolo , Filippo, Ogigiano, Kiatlao R/, p/irr. 
Come dicemmo nel. 7 ♦ commento fopra Senofonte 
de gli Equiuoci , oue moiìr aremo , che Arbana Mes 
tropolidi Fenicia detta Hebron fU edificata dopò il 
Biluuio anni . 7. prima che Titane , fin fero i Grecia 
che i Titani fiiffero fratelli di Saturno , Candiano , e 
tuttauid l\oife fti molto prima , che quello Saturno^et 
effendo pr attico de l'Egitto , fapeua troppo bene^che 
Tdne erd edificdta • 7 • anni prima che Hebron . Et 
effo Nioife in Titane antica citta fice i fegni auanti 
Faraone dicendo il pfalmo ♦77. pofi i fegni in 
Egitto , e pofe i prodigij nel campo di Tanea . E di 
[otto dice egli percoffe le primitie loro. Ne i taberna^ 
coli di Cam , laqual terra fecondo Berofo , e Daniel 
fi* in Egitto ndpfaL 104 . dice Giacob entrò in 
Egitto , cr fubito ne la terra Cam , cr fecondo gli 
Efpofitori "Zam fié l'Autore de gli Egittii , e fecondo 



tiOPO IL DILV. LIB. IL 2? 

^erofo fu di loro pieno Bfon ,cioé ?dn infame . Cos 
fiui fU detto Camefeano , cioè Cdm infame Pan k cui 
fecondo 'Diodoro dedicarono gli Egittij tutta la cittì 
nomata da lui Chem, Min^cioè città di Cam e di Pan. 
hgittij profirifcono Chem, cr Uebrei Cam . Hffcret 
chiamano il municipio^ elecolonnieMoion yEgit^ 
tij Min , Tofcani diceuano nel fìngolare , e nel più 
rale Mont , come Mon in Italiano , nel Latino Co^ 
Ionia j e Mon Ter ano , Mont Arane^ cioè Edouia di 
Ter ano figliuolo di Nettuno e Colonie diArunte, 
come infegna Catone alx6 . fcagmento, oue egli 
chiama in Tofcana , Aranti , Vecchi , Camila^ 
r ij . Adunque Camefe fii figliuolo di Cielo antico^ 
e Pan , e Saturno primo de gli Egittij ^ che Guerreg^ 
già con tra i Titani fuoi fì-ateìli , e regno in Italia , 
tn Cicilia y or in Libia d'Egitto. Cofi i figliuoli di 
Cielo j di ìano ò di Noa cioè Cam , ò Camefe , i Tita^ 
m ni 7 prometeo , Oceano , e Teti dopo'l B.luuio fi fèr^ 
marono in Egitto , Cam in Hem Min . I Titani in 
Taniy Prometeo Prifco ne le parti di fopra , et Her^ 
cole Lgittio ritenne il Nilo che non aUagò , accio che 
Prometeo non fi uccidcffc. Diodoro nel . i . cr ancho 
dice che il Nilo prima fu detto Oceano. Et perche 
regnarono circa il Nilo Oceano ,e Tetó , Uefìodo ne 
la Teogonia mette ne VOceano , er in Teti tutta U 
progenie de i Dei , e de le Ninfe , de laquale progenie 
Sauo prencipe tenne Sai fvce del Nilo,oue naccjue Sui 
Xanto cugina di Ofiri . Pianto |ù Mufa Egitti a 
§gliuoU d'Oceano , crTeti. Ma Oceano, e Cam 



DE PRIMI PRENC " 
SdturnOjEgittio furono frdteUi Generati dd No4. Co 
me s*c ueduto nel primo dlbero . Cojì fìirono cugini 
X4/I^o , CT Opri , cioè figliuoli de frdteUi fdi 

Xanto. :K,dnto di Ocedno , ojìri di Saturno Cdmefe , come e 

ofiri. fcritto neld colonnd ìlgittid^che dice fecondo Biodo 
ro nel primo Saturno il più gioudne trd Bei /w mio 
pddre • Io fono Ofiri , Germe dd beUo , e generofo 
fidfciuto . Non mi diede il feme Id generatione , per^^ 
che:,qudttro primi, Nod ySem^Cdm, CT Idfet, 
juronoDei. Noe no» fu feme, perche lo cdRròil 
figliuolo , come fi uedrà . Cdm fii Sdturno de gli 
Bgitti 5 e di que^i qudttro il più gioudne . Gen . 9 . 
Verciò ofiri dice . Fwì figliuolo di Sdturno più gio^ 
Udne trd i Bei . Vui Germe ndfciuto dd Sdturno bello 
i cui nonfii pddre il feme , cioè Cielo cdiìrdto . E^/^:* 

ofiri. tìj profèrifcono ofirim, cr Ardmei ofìri cioè che 
mette ne grdndi , perche egli con ìfide fud foreìld in^ 
fegnò femindre , e conferudre il grdno , come fi diri 
Moifelo chidmd Mizrdim, e dd lui P Egitto Mizrd':^ 
im , cioè che fd i confini come dicchidrdno i TdmuU 
diiìi . Biodoro nel. i . z .e .6 . libro dice . Que^ 
Ho Opri fÌ4 GiouegiuRo , che fignoreggiò d tutto il 
mondo , hduendo foggio gdto tutti gli empij contro i 
qu di guerreggiò liberdndo i Kegni^o* dJ?igndndo-a 

Brigo . * ^^fi^^ P^^ commune pdce, e falute BRIGO, 
MESA, CT TINO fi ftrmdrouo in Europd , c 
mdnddrono colonie in Afid minore Vlinio nel 5. cdp. 

dice fecondo alcuni pdffdrono inkfìd Me/?, 
'Brighi , c Tim , che fi partirono à'Europd , c da lo^ 



DOPO'L DILV- LIB. IL* 24 

ro deriudrono Mifij^ Trigij , e Bitinij . Quelluoco 
hord corrottdmente detto Brdgdtiio in Sdbdtid di 
Tofcdrtd fu primd chidtndto Brigidno , e potrebbefi 
con Vdfpirdtione chidmdre Vhrigidno di poi Arceno^ 
hord Bdrceno .FAETONTE,CirNO, 
IIGVRE, E R I D A N O . Mentifcono i Greci,che paetotc . 
Tdetonte s^dniiegdfje neVEriddno , fi come dncho Ercdano 
mentifi:ono del fiume . Cerche Fdetonte ordindte le 
colonie 5 tornò in Etiopi d , oue fi Uede il fiio fepoU 
ero j cr il tempio . Vlinio nel.tj . fchernifce queU 

10 che diffe B/chino y che Eriddnoe in Spdgnd, é 
ch'dmdfi Roddno , Apolonio , et Euripide dicono che 

11 Po , cr il Koddno mette nel golfo Adridtico yC^ in 
^ueflo errdrono per non cono fiere VAmbrd . Per^s 
che uogliono che le fi)reUe di Edetonte faettdte dd 
Cielo pidngendo fi mutdffero in piope uicino di Po Jè 
che iui fidino Vdmbrd . Et cfuefto dìffero molti Poe?» 
ti 5 Greci , e fpecidlmente Eilofino, Nicdndro , Ewn* 
pide , eStdtio , ikhe e fdlfo in Itdlid . Et dlquanto 
di fi)tto dice . Teofrdilo dffvrmd che fi cdud Vdm^ 
hrd in Ligurid^che E detote mori in Etiopid di Udm^ 
mone , doue è il fuo tempio , e Vordcolo , e che ini fi 
generdVdmbrd j SAVBECRES, Moifechid^ 
md queiìo Sdbdtdcd uno de cureti , i qudi fi crede che 
edificdfferoCuretein Spdgnd dettd Tdrcesfio ^oue tarccsfij 
concorfiro molti Titdni^cdccidti d^Egitto^^ ni 
furono dd nuouo trdudglidti con guerrd dd i liei 
Giufiino nel • t.. dice i pdfii di Tarcefij^ oue fi ndr^ 

Td ^che i Titdni guerreggi dreno con i Bei , fiirono 



• • DB PRIMI PRENC : 

hdbitdti da Cureti. CVRETI DETTI DA 
Cttrcti* CVRE FRATELLO D'OSIRI. Sabd^ 
tio Sdngni fu Curete , come fi uede ne l'albero di Cu^ 
ri • Da queili cureti , cr da Lidi pigliano Tofcani 
Anitino. Porigine Valerio nel .z . A N I T 1 N O Autore de 
la regione Anitina in Tofcana , vitruuio nel .2 . de 
Varchitettura . Vlinio nel 6 , dice che nel terrea 
no Tarquinienfè , CT Anitienfe uicino al lago Volfi^ 
Abotino ^'W^ 5 ^ ottima caua da Pietre . A B O T 1 N O Sl^ 
POTILE CIBELE. Qucfli ordinarono i ci 
pi Cibclarij , fecero a botino Begna citta , la regioa 
ne Sipakj e la fónte nel terreno Vitulonefe^ e ne la cit^ 
licrcolc ^^-H^R-'^^^^^^^^^j^ENerò TOSpiade.Greci ferini, 
Tofpia-* ^^"^ molte fciochezze di ìiercolecome tìerodoto nel 
de. ^ • ^ Biodoro nel i . Primieramente il Greco figliuolo 
di Alcumena^e d'Anfitrione fi chiamò Alceo per co^. 
gnome Keraclio , cioè gloria di Giunone . Ma queU 
lo che domò i moftn^ per nome Bgittio chiamatc^^ 
. JJbio y cioè Flammigero , cr per cognome Egittio , 
Libìo". Herco/e cioè tutto peUofo , perche Egittio , Hercole [ 
pcrcolc. ueiliua di pelle prima che trouaffe le arme , e ficondo, 
Diodoro non fi fichi fìiffefi^a madre:, ma juo pa-s 
dre fiiofiri . Biodoro dice^ Hercole fii proj^imo 
nel Ofiri j cioè nel primo grado y e figliuolo ^ come 
[\ djjvrma Bero/o, e Moife . Et anchora l'Egittio Her^ 
cóle fii Tebano , Egittio , ilquale fi>ggiogata buond 
Parte del mondo , pofe in Libia una gran colonna • 
JDiodoroàla fine del. ^ . Egli ui pofe il Trofeo di 
j^OHer Hinto il mondo , Girolamo fopra'l Genefi dice 

Que&o 



1 



DOPO Ih DIIV. LIB. TI. 2f 

Qgeife iJbio uittoriofo chiamò dal fuo nom^ i hibi/j 
àiX luifuperdtijiqudi prima fi chimauano ¥utehcioc \ 
laetontei poco auanti la guerra Troiana Alceo ftré^ 
w 4<f .6Hf/ileo, CT g/i afjègnaiic ÌGreci le opere det't 
precedentej e tuttauia Alceo non foggio gò PEuropa^ 
tKpofe a Cadi le Colone Anzi gl'Egitto ^Ic^uale uin* 
tal*Europa,et i Cerioni.tornò à Gadi,e ui mori:, e gli 
edificarono Spagnuoli un tempio fecondo Berofp. 
Pomponio Meìla dice. In Gadi e un ricco tém^io^oue 
fi crede che ftano le offa di Hercole Lgittio. D E A* 
Bp PER COGNOME GERA, E 
UpM NI MI. Beabo da Morifìgnijica in Greco, 
Cbnfeojn Latino d'oro per U ricchezze .Qiieftofi^ C^^^^ 
chiamato Gera, cioè fvraftiero ^perche fecondo Be* 
rofo,egli uenned^Africa^z^ occupò la Spagna. Suc^ 
cecero i co^ui tre jigliuoli,chefarono uinti da Heri» 
cole Libio. e nomaronfi dal nome paterno Gerioni^t 
da la prefettura ne la militi a Lomnini, cioè .Prencipi 
de tribune de genti. Girolamo nel libro de le interpre^ ^ 
tationi . Lomnimi noce fecondo i dotti Tamuldidi 
deriua da Aramea Lonia , dot Vrencipato. Perai 
Tòfcani.SagiMamei a le citta che tengono Vrencis ^^^^^ 
P dggiongono Lpnia come BabiloniaiVetulonidj 
Vopuloniasioè BabelprencipatOyVetuleto prencipa 
to,e Pupio prencipato come dimoflrammo in Annid 
quefiionc 25. Non ti marauigliare , che in habel non 
s'offerui la lettera e,e die asft Babelonia,ma Babilo^ 
nidi perche neUcompofitione jpefiofimuta t.ini^ 
quando nonfegue i, cr unchofilieua/fe ad ejegue 1, 

D 



ANTICHITÀ DE '^''^"^ 
conte Veilumhrij lÌeiloyVit€rbo:,Bdbilomd. Di Df4^ 
ho^Gerioni^e Lomriini: Biodoro nel r. dice. Erd pun 
tHicd fma che Chrifeo: cof\ nomato dd le ricchezze^ 
ilquale fi fìgnoriggUuji i ìberid , hebbe tre figliuoli 
gran ^uerrieri^e 4i corpo gigli dr di ^ e ciàfcuno di lo 
rohduebduti^effercito de fvrtisfmifolddti. Hercole 
combdttendo con loro d corpo ì corpo y gli ucci fe. 
MdiQeeciiloro coftume bugiardi j hanno uoluto 
rubdre le imprefe de l'Egittio contrd i Gerioni^e dico 
nochePilceo hebbe to. figliuoli Ateniefì TeJ^iddi^e 
che Sardo primogenito co gli dltri fratelli fiirono mi 
idti dd hdbitare in Sardegna con lolao Vrencipeìe^ 
nipote di Hercole . Oue trouarono i Tofcani , come 
narrd Strdbone nel r. CT i Greci per mentire più fi^ 
€urdmente,mutdrono in Tofpi o,in e, e differo tef^id% 
ii. Benché farebbe per altra ui a {iato compre fo U 
loro fÌ4rto .Dicendo Tolomeo che Toff^i regione e Id^ 
go è in Armenid mdggiore [otto Gordico monte, oue 
lÀbio di ^o.giouanette Aramee generoso. figliuoli 
nomati da la patria Aofj^iadi come Vi terbi adi yetwtr 
loniadi. SiUio Italico nel 1 1. per ribattere quefta 
mczogna de Greci dice,che i Sardi pirono del fangué 
i^Hercole UbioyC non di Alceo. 
Incontanente il Sardo gemrofo 
Pe'/ fxngue Herculeo fi mofìrdUA ardito* 
'Vronontia adunque Tofl>iadi per o^non pere» 
Non poco ornafti qnel luoco ìoldo 
Condottcui le fijuadre de Toj^iadi ' 

Con Parmdtd paterni d uincer prontd* 



I ANO PADRE LIB. IL itf 
Vno J^ofitore foprdquejiopdffone tdgiond molto 

iottdm€nte,€ àiiiinguendo con Cicerone : uuole che 
queùi uerfi sHntenddno d'Hercole Egittio.Tdnto fta 
detto de le genealogie de primi Bdroni del mondo* 

FINE DEL LIBRO* IL 



IL TERZO LIBRO 

DI BEROSO DE 

L'ANTICHITÀ DI 

lANO PADRE, IL- 

i^udl'egli nomind Hod. 

BBREVIAR EMO 
adunque quanto (ara ba- 

ftcuoleda i Libri noftri 
Caldeì,e Sciti le origini » e 
difcendcntic de Prcndpi^ 
c Baroni^pcrchefcriuono 
ellidc molti altri ,iqua!i 
perche niente ò poco a 
la nodra abbreuiatione 
giouano» faranno lafdaci 
da parte, tacendone pciò ouc fìa bifògno mentione, 

BEROSO nel 2. Libro hd dichidvdto le geiM 
nedlo^eihordegUndrtdifuccesfi dopoH Diluuioj 




ANTICHITÀ DE 
finche furono mjiuddte le Colonie per lo mondo, VrU 
tndfd l'efordioyfeconddM mente uiene d Id ndrrdtio? 
ne. Nel prohemio rij^^onde dd und obiettioncperche 
egli non habbid poHo ne le genealogie tutti quellì.ché 
furono nominati dd Sciti,e da Cdldciconferudtori de 
le antichità^ dice che qucfli poco giouano d Vdhhre^ 
uidte de le dntichitkm che nominerà quei,che fdrdn 
no pretermesp.qudndo fard Ubi fogno . E/poi nar^ 
ra in che modo, e doue crebbe Vhumdnd generationc^ 
Terzo che cofdfdceudTited.CT in che modo No4 
con lei meritarono più cognomi . Qudrto de i co^ 
gnomi. Cere d il primo dice. 

H A B Biamo i dire come il mondo vuoto di huomini 
fu empito. $cccau& arfciata la terra,Noa fcefc com'era 
conucneuolc di Gordico monte,nel piano uicino,pieno di 
corpi morti , ilquale fino a J hora chiamano Miri Adam, 
cioc huomini fuirccrati,c fcnffc ne la pietra il fuccefforchia 
mano gli hibitatori quel luogo vfcita di Noa. Giaccndofì 
poi con le mogli,cllc partoriuano dui figlioli ad vn corpo 
inarehio:c fcmìna, iquali crefciuti, fi mantauano inficmc, 
generando clh infiemeanchora mafchiOjC fcmìna ad va 
corpo: Perche Iddio.e la natura non mai venne meno a la 
necesfiià di quelle cole , che ad ampiarc il mondo fo©o 
neccflaric. Cofi accrefciura Thumana gencrationc in gran 
iiumero,& empiuta rArmenìa,cra di mcftiero che partco 
dofi di l5,ccrcaffero nuoue danze. 

Se tu dimandi oue fi faludf.e Id generdtione humd 
ndy^i c detto nel primò,chc fii in Armenia mag^ore 
ne U cimd di Ocild giogo H Gordieo monte^e U re^ 
gione Miri Adam, nel cui pidno fcefc Hod , c nomdfi 



. lANO t>ADI^É LIB. III. >7 

'%U prouincìdle ufdtd di Noe, come hd t&ó fo\e Gh 
fefò nel i. de le dntichitL Md ¥rd Mdttid gìd pro^ 
uinci die Armeni d de Por dine noftro, ilqudle io efjèn 
io priore in Genoux dUoggidi benigndmente^cT heb 
hi in dono dd mdeUro Georgio fuo compagno , pur 
Armeno queRa rdccoUd di Bcrofo, circd Vufcitd di 
NodmidiffecheinlingudArdmedfi chidmdud dn^ 
xhor.d Sdle Nod. Giroldmo ne Vinterpretdtioni dice, 
che Sdlefìgnificdufcitd. Verciò Antonio ne l'itine^ ^^'^ 
raripi Cdto e Mirfìlio chidmdno Sale de gli Vmbri 
un luoco trd Vmbrid e Tofcand^oue i uecchi Galli de 
riudti dd Idno, generdrono gli Vmbri . Oue Nod fi 
férmo, edifìcouuiU citta Metropolitana. Tu prefs 
fo dd Ardxe fiume . Moife fcriue che Nod ufcito de 
l'Arca fubito fice facrificio per la liberatione e pur^ 
gdfióne fud:& dncho perche non uemjfe dltro Dìlu^ 
uioio' aìlhora glifii commandato di accrefciere Vhu 
tnana generatione. E fi diedero a la genef atióne pn^ 
Im à la ndtiuitd di Falech, qudndo jù diuifa la terraVan 
no I o r . come fi computa a gli it .del Gene.fi afjef 
gnano molte caufe di cofi ueloce multiplicatione, Moi 
fi primd dice che Dìo benediffe Nodfuoifigliuoli^e le 
mogli. Qucfld fu bencdittione di moltiplicatione^coh 
laqu ile Chrifto multiplico due pepli , e cinque pam i 
cibare r. mila huomini. La feconda caufd eia natu^ 
raUqudlefì come non abbonda di cofefi)uerchie,cofi 
non manca de lenece^arie^come dice Ari {{otite nd zi 
de l'anima. Boro fi) tocca queiledue caufi.e u'dggiori 
ge Id terzaiChe femprc ndfceuano mdpihio, e fimins^ 

S i/f 



ANTICHITÀ DE 

the Jì tndritdudno irìfieme. Ld quartd cdufd erd che 
mutuano fm^di dnni 96 o. Coft in breue tmpo Vhr^ 

,mmid piend d'huominiiC d^ixmmdhficechemolti dn^ 
ddrono d troudrp nuoue {iantie. Moiird poi nel te^ 
HofeguenteBa-ofodiqudicofeUod ammdc&r a(fe i 
fhoi figliuoli. 

%. 

A L LHora Noa npiu antico padre , haucndo prima 
infegnato loro la Teologia e fagri riti, cominciò anckie ad 
infegnarc la fapicntia humana,Scri(Ic egli molti fcgreti de 
le cofc naturali,iquali Sciti,Armcni à (accrdoti raccoman- 
dano- Quando che nou era lecito ad alcuno guardate, 
leggere,!) infegnarc <)uelli,ma folamentc a faccrdoii,e tra 
iaccrdoti,ri comelafciò egli à quelli j Libri d-i riti de fagri 
fici],6c era tra quelli il primo Saga chiaraato,ciol: làcerdo 
tc,ftgrif5colo,e Pontefice. 

Moàrdno nel primo molto dudnti Nino , & di 
Diluuio effer ddte le lettere jle fcientie,le dtii^ej i ri^ 
tidiuiuere,e cheNodfìiilpiulitterdtodi tutti ife^ 
uicij. Vipoi Berofofegue ddasftgndre lecaufe dc 
gli dltri cognomi di Nod^e di Tited dicendo* 

I N Segnò egli parimente il corfo de le ftcllc , e diuife 
Tanno al corfo del Sole, & c dodcci mefi al mouimento 
de la Luna.con laquale fcienza prediceua egli dal princi* 
pio,ciò che ne Iranno e fuoi punti douea auenire . Per il- 
chc lo giudicauano gli huom ni dc diuina narura parfcci- 
pe,chijmandolo Oirbama,& Arfa,cioc Cielo, e Solc.e più 
città in iuo nome edificarono. Onde hanno Sciti, A rmc- 
ni,01ibana, Arfi,Rata,e fimili citta. Andato poi à reggere 
Citim c'hora chiamano Ifalia,lafciò gli Armeni dolenti del 
filo partirc:e perciò edcndo morto > fi diedero à credere 



lANO PADRE LIB. IIL sf 

. lui eflfere l*aniin4 de corpi Tcclcdit c come Dio per ul ca* 
gione (olamcncc qucHì dui rcgni^ quello d'Àimenia , oue 
cgh cominciò,e quello d'Icalia,perchc vi mori InfegnÀ , e 
rcgnò,e de naturali e diuine fcicncie ammaciliò i popolit 
lafcandoli grandi volumi,rhonorano,chiainano Cicio,So 
]e,Caos/cmc del mondo^padre de Dei maggiori e mino* 
n\anima del mondo moucnti i Cicli,e le cole compo(ìe,e 
uegetabili gl. animali,e Tiiuomo: Dio di pace, giu{litia,e 
fanità cacciance 1 e colè nociue.e conleiuacore de le buo- 
* ne.La onde amendue quefte gemi lo dipingono ne le fcrìf 
\uic co*l cor(o del Sole , e mouimenro de la Luna, e co*l 
icercro del Regno,co'lquale egli cacciaua i ca(Ciui,<& i no^ 
ciui da la compagnia de gli homini^e conièruaua la cidaSt 
del corpo , eia fantimonia de Panimo con due ch'aui di 
religione,e di felicità Chiamano parimente Ti dea ch*e« 
ra mjidrc de tutti Aretia,ciol terra. Come poi fu moita,la 
chiamarono £(ìa,cioc fuoco: perche cfla era (lata de fàgrifi 
ci Reina,(S: haueua infegnato a le giouanette a conferuare 
reterno fuogo de jfàgnficij . Noa prima ch*u(cjfl'e d* Ar- 
meniajinfegnò loro la fcmplicc agricoltura, hauendo pi« 
a cor^ h religione,& i coltumi, che le ccpio/e ricchezze^ 
Icquali prouocano a non concesfi appetiti, e pur diàzi ha« 
ue;ino molTo contro gli huommi il diuino furore. Fu egli 
de la viteinuentoreA piantolla ; inicgno a fpremerne il 
vino,delquale hauendo beuuco^imbrìacato^giacque in cer** 
ra (coperto le vergognose parti. £ra Chcm jl minore 
tre Tuoi primi figliu obliquale Tempre a magia,& ad incaa 
fefìmfdiedefi fcguendo Zoroa (Irò. Porta ua codui alquuii 
Co d'odio a Noa : perch'egli amaua più ardentemente I 
figliuoli dopoi generati,e vedeuafi /prezzare, ma era fpe* 
cialmente per i propij viti] al padre nemico. Cefi trouaC9| 
roccafionejVedcndoil padre giacere embriaco , pigliane 
doli il membro virile, e dicendo vn fuo incantefimo tad- 
tamente,lo fece non meno Acrile, come Ce fuiTe (lato £ti« 
fiuco^nepuotcNoaper raueaireingrauedare donna a|y 



cuna. Fu Noa per il trou;imento de la vice , c del vino 
"«àiiamato lano ,ch< fTghìfica fecondo Ararne i trbtiatòrc Ji 
vite, e di Vino. Ma Chctn corrompendo publicaniehrc t» 
humana gcneratiOne,& affermando con paróle cfatri chfe 
ft potcua l'huomo congiun^crCjfi comemnazì il Diluuio 
con madrc,forelle,e figl.uoic,marchj,& animali, fii caccia 
to dal pij$fìmò,c caftisìimo Tàno,e chiamato Chcm clén ua, 
^ocChcm infame dishohcfto. Perche Bfem a^o Sciti 
'Aramei fignifica infame dishoncfto,<S:Enua figninca diaho 
/ hcfk) e generatore. Lo feguìrono in qncOa dottrina Egri 
tij.iqnali lo fecero tra fiioi Dei Saturno più giouane,edifT- 
tandoh vna città chiamata Chcm Min , da laquale lìn'ad 
hora fi chiamano i Cittani Chcmmciniri. Ma fprcz^arono 
i dcfcendenci cotal vitióf^ dottrina . Ritcnendofi il primo 
coftame,che non pigliaffcrò i fratelli le lorcUc per moglil 

• B E R O S O in <{ueB\ultintd pdrte dffcgnd le 
ràgioni di tre cognomi;Nod, Cdm , e Tited^ Di Hod 
^mo^ àico che jii cognominato lano , dd ìdim , che in lin^ 
^ud Ardmedj cf 'H^bred jìgniftcd nino cioeldnó 
produttore del uinò , c ddtto al uiuo , perche egli ne 
fi l 'inuentore , e Sene embridcò , come dice Berofo . 
iMoife nel . 9. alGenfì^ chiamd ìan nino dilano^ cue 
noi habbiamo . Zffendo Noa dejlo dal fommo . Cdtó 
Uè ifragmenti , e tabio Vittore de Voriginc di Komd 
finotTfo dicono che Uno fii nomato antico Etwtrio, perche 
lano per ^^^^^ ^.^ uinOjet il farro più todo ad ufo dei Sacrificif, 

cnc tro- , \ ' ^ , r • ' ì ai ' 

no il ui- mangiarne . E nel Sacrificio primd s^ojfcrirm 

so* U^no d lui di quefte cofe in poca qudntita . A qucftò 

confente Ouidio ne i fdfti . E prouafi per tale con-s 

gettura, che fin'd Mezentio hdrte , Id Tofcdna quafi 

^ altro non usò uino , che ne i Sdcrifìcij . Vlinio nel 



lANÓ P ADREXtiB. IH* 

14. C4p. 16 .e Vdrròne dicono che Mezentio ReiU 
TofcdncL fii il primo che td introduffe Pufo del uino,^ 
porfe aiuto k Kutuli contrd hatini , con pàtto che gli 

Mefjero per mercede il uino , che nafccud ne i empi 
-Latini, Cofi emanifènocheU fèmpUce usò del uino 
falcino troudto.erd piutofto perU religione che 

^er heuerlo fm'd Mezentio Urte . Ma poi jiirono ec^ 
ttUenù coltiudtori de uiti i Tofcdiìi di Vetuloni ytra 
iqudlid tempo di Scipione {africano fuecceUente. 

^"tgidio del borgo uecchio , Vetulomo , delqudle dice 
Tlinio nel fopradetto libro, che due furono ^oriofi 
ntl coltiudreteuiti, unojuhncilio Steneleo di pro^ 
geme ^ibertind fu quel di fomento ,l*dltro EgiLdo 
Vetulono ilqudle in Velitri hdbitaud con l'Africdno, 

^theti'erdin Bsfilio . Qofi N04 pddre fu detto ìdno 
'^id Vhduer troudto il uino dicefi che Cielo ft4> cdHrd^ 

Ho dd Sdturno comeBerofo , i Tdmuldifti, e Uodo^ 
Yo nel primo dffvrmdnò . Ofirifcriffe inund colonna 
io fono Ofiri , d cui fw pddre Sdturno trd Dee il più 
gioudne, dlqudle Sdturno generofo , e beilo |u gene^ 
Tdtioneyt pddre non feme cioè il Cielo cd^rdto.Greci 
fdifamente dj?igndrono queflo ad Apterdj Saturno di 

'<dnm\ilqudle fiori quaft y^-ò^^^anni dopò Uno, 
Cielo padre fempiterno di tutti y come fi mo^rd ne U 
ìiofird emendata defcrittione de tempi . CXneilo fu 
detto de i due cognomi di Noi , cioè Uno , e Cielo 
non feme.cioe cajlrato. Uord parleremo de i cogno^ 
mi di Cmxhe fu detto Càmefe , Zoroddo ,e Sdtur^» 
no . Cm s'interpreU Ubidinofo , e di cdldd naturi, 



*t : ANTI CHITA DE 
Enuò generatore. Ldtini per Bnuo dicono Inuo. Str 
uioneló.del'Eneidd. 

E Fidene citù , Pinwo caHeUo . 
Fdrimente ne gli altri libri dice che quello ifteffo e 
Siluano , Pan > cr hiuo^detto gidccitore lufjuriojò^ 
perche fi mefcoldUd fenzd diffinrenzd con buomini ,,e 
con be&ie. Ejjem è notato di triplicdtd infamid. PriV 
md che era ZoroaHe , cioè Mago fecondo , perche 
Cddrò fuo prddre . Terzo per Id luffurid con huo^ 
mini , e con bejlie . Diodoro nel 4. afjtgnd Id quarta 
fcelerdggine , che Cielo Re fempiterno hebbe prima 
due figliuoli y Atlme , che mori in Maritdnia , e S.a^ 
turno , che regnò in Ubi^ , in Cicilid , C2r in Italia di 
ifingolare empietà , CT dudritia ornato . Pereto gli 
fcrittori Udirli lo chiamano Cam, e Sem , cioè Cam 
infame . To/cani , e Ldtini componendo quefle noci, 

10 chiamano Camefo^comedice Berofo, Egitt^lo nom 
mano Camefenuo , cioè Cam filuano , ò pan infame^ 
I^iodoroneli. diceche Egittij edificarono al loro 
Van una citta , laquale chiamarono Chem Min ycioc 
citta di Pan . Min apo Egittij pgnifica jlantia^ ó cit^ 
14 , chem e il nome di Cam . Liauid nel pfalmo . 7 7. 
r . t o 4. Cam Min per terra di Cam , e tabernacoli 

11 Cam . ìlquMe fecondo Ucbrei , e CatoUci fix il pan^ 
tr Autore degli Egittij . Et perche era figliuolo di 
Cielo fìé Saturno de gli Egittij . MalDiodoro nel i. 
dice che ofirifit figliuolo di Saturno , e Saturno del 
Sole , ò di Vulcano , tuttauia egli dice che Saturno fÌA 
figliuolo di lionfemc, cioè del Cielo ca&rato , c nel 



lANO PADRE. LIB. III. 3^ 
% . dice . Cielo pddre de l'empio ScUurno^ e di At^ 
tante Màuro . dncho Cielo , ìdno fìi chiamato So* 
le , e vulcano , perche egli primieramente raccolfe il 
diuino fùoco,e con quello fece ifacrificijj come ajjir* 
ma Moifej cr ìano , e Titea lo conferuarono in per^^ 
petuoy e perciò eìla fu chiamata Magna , Cibele , cio^ 
Kegina de Sacrijìcij , e uefta , cioè ftioco , e fiammx 
celefie mandata dal cielo, tolta , e conferuata, Ouidio 
tiel6.de FaSli fi confa con Berofo dicendo . 

Altro veila non e che pura fimma, , 

E di fiamma non aedi n afcer corpo , 

Adunque con ragion la chiamo uirgine , 

che non produce fme , e non ne piglia > 

lat ha compagne à fuauirginitade \ 
Tamuldiili dicono che Apo Kramei .^^aia Uqua^ ^^^^ 
le deriua Veiia lignifica fiioco,e fiamma. Vercio Gre^ 
ci hanno Eflome uerbo , perche habitarono prima in 
Grecia Barbari , che Greci . Queila Efla cioè fidtn^ 
may efiioco continuo^e perpetuo Jlqualeuolfero làno 
€ Titea, che fìiffe da uirgini conferuato, comando id* 
dio 4 Moife , che fùffe nodrito da i facerdoti , oue 
rf . Arderà di continuo il fuoco nel mio altare.Chri^ 
Hiani il fabhato fanto per imitare N04 mettendo una 
^aHada piena d^acqua in faccia del Sole , da VaU 
tra banda raccendono il fuoco ^edi quello accendo^ 
no i Torchi , tenendone poi di continuo tutto Vanno 
una lampada accefa auanti al facro corpo di Chri^ ^ "^^o 
ito , llche ho ueduto offeruare gii .50. anni ne la ^ ^^^^ 
ihiefa di fanta Maria à Grado , in Viterbo per (ftu 



A NT. DE REGNr- LIB. IIL : 
tutione de nojlri antichi. Md cerca di Aretia^fi come 
Arctfa U terra coH cielo genera iltutto") cefi Tited con ìd^f 

di^Ciclo^ > ^'^'^ '^^""^ generato tutta viortali^ Diodoro 
* °' ne/ 4 . dice . N^irr^t/? cfce Ci c/o h ebbe de le fiie mo^ 
gli . 4 5 .figliuoli . E cfce . 1 7 . /i^jW di Ti^ 

ted furono chiantdti Ti tanice che Tited prudente hd^ 
uendo molto giouato à mortali , fu dopò la morte dei 
fìcdtd, e chiamata I2ed . Ouidio nel 6. de ¥afti dice . 

'Ldterrdftdperlafudfvrz^^id^indi 

Vefta fi noma . 
Ardmed terra in Uebreo fi noma Aretia , dd cui no^ 
melano edificò Aretio in Tofcana una de le prime 
citta dji Tofcana. Bela città de Titani figliuoli di Ti 
tea dicciamo fopra gli E^uiuoci di 'Kenofonte * 

IL FINE DEL LIBRO 1 1 J. 



I L CLV ARTO- 

L I B R O D I B E R O S O 

DE LE ANTICHITÀ 

DEIREGNIDl 

tutto il mondo* 

REBBE IN GRAN 
numero la gcncrarionc hu 
mana di maniera, che à 
procacciare nuouc ftanzc 
erano afttetti . Allhora 
lano padre confortò i 
Prencipi i cercare nuoui 
luoghi,c conferuarc tra gli 
huomini l'unione , Se edi- 
ficare Citti.afsignando lo- 
ro quelle tre parti del 
mondo, A fia, Africa, & Europe, come hauca veduto 
innanzi il Diluuio . Cofi diuidcndo le parti , ouc andaflc 
cjafcuno Prencipc , cglipromifc di mandare le colonie ^ 
per tutto il mondo. 

NON era cdpdce U Scitid de gli mohiplicdti 
. huomini ji quai dopoH Biluuio in poco numero skrd^ 
no firmdti ad Atdxe fiume . Liodoro net i . e nel 
4 . poi dice j che Cielo Re di tutti fcmpiterno ri:^ < 
uocò gU huomini ne i cdmpi difperfi dd Iduitd rozdj 
ftrind d più benegnd , e commuue uitd , CT dd edifi^ 
cdre Ucittd . Egli chidmdti.i Prencipi, diuife U ter^ 




ANTICHITÀ TE 

fd in Rfricd , Afta , cr Europa , come hdued ueduto 
Mdnìi il JDiluuio . Si come erdno rimdtìi alcuni fe^ 
gni , Queftd primd dimfwne fi fece l'dmo primoy che 
ndcqueTdlechVrencipe. Moifenel lo.^ 
Quando Genefi computa da Sem dopoH JDiluuio fin^d lalcchj 
(u diuifa dnni i o o . cojì l'anno i no . dopoH Diliuuio egli 
la terra . J/^,yj ^^^^^ ^ yj^^^ figliuoli . E fecondo Hebrei , c 

C^^o/id prepofe Seon 4 PAfid . Cdm d l'Egitto , CT 
dVAfricd . Idpeto nomato Atlante JMoro, perc/^e 
mori in Mauritania ^ fecondo Diodoro nel 4- - fece 
Trencipe de VEuropd . Eteffoìdno Signoreggiò d 
tuttoH mondo , dicendo lui apo Ouidio • 
Uoetoé Vlmperio del grdn mondo c in mio potere. 
Atlante Anflotf/e ne/ primo de la politica feruendojì del te^ 
Moro, {limino di Homero dic^ che da principio i Dei , e le 
genti furono dd un Re gouerndti, e che ne le famiglie 
il più uecchio erd Re. Il più uecchio ddunque infegnò 
4 i Prencipi Id cofmografìd , dd luiuedutd auanti il 
Vilumo, accioche fdpeffe ciafcuno Vrencipeoue con^ 
iure lefue colonie. In quel tempo fecondo Eilone He^ 
hreo , egli con tre figliuoli , e molte colonie uenne in 
pontone confiderato con la Zattere il Litto mediterai» 
neoymojìrò k Sem il lito ddl Tdndi p lo Bosforo fintai 
N/7o ,4 camefe V Africa dal Hlo fxn'd Gadi, ad lape^ 
todd Cadi fìn^dl Tdndi tuttd PEuropd , e diuife i 
ciafcuno le colonie prime d ciafcuna prouincid) longo 
il litto i e l'hanno decimo poiché parti dal Tanai ui 
ritornò ^ oue poflc le prime colonie ^ tornò in Scitia 
fdcendouiilmeìefmo * lilone fi confa con Cornelio 



REGNI- LIB. mi. U 

tdcìtOyilcluoile del Sito t coBumi ie Almdtii dice . Gli 
antichi cercando nuoue fedie, non andarono per ttr^ 
rd-i ma per mare con 7. attere, parimente egli accon^ 
fentcdelprimoueniredi l ano con Zattere in Vati^ 
canoj Catone al fecondo jragìnento dice . Se reputi il 
mondo perpetuo fecondo i Caldei^ ò c'haueffe princi^ 
pio fecondo i Fenici fiuero fe cerca i ^ o. anni auan^ 
ti Nmo ne i quali durò l'Aurea età ,/u il Liluuio uni^ 
uerfale , fempre fi affegnaù Sciti il principato de 
Vorigine . Ba quefli dicono che deriuò lano , Diri CT 
I Vrogenitori de Gaìlt^ Vmbri^ che condotto in Xat^ 
ter a per lo Teucre con le colonie fi firmò al lato fini^ 
Uro di Tofcann , e prima pofe in terra le colonie nel 
Vaticano,e nel lanicolo . Di qucflo ho ragionato co^ Colonie 
piofamente fopraifragmentidiCato. Cefi pofe 
no le colonie d*ltalia in Tofcana. C^ca anni. 180. 
àopoH Diluuio nel^aurea età comehomoiìrato ne 
la defcrittione de tempi di Tofcana. Hora comincia 
,'berofo a dichiarare b antichità de la fua patria. 

CREO* egli Ncmbrof di Babilonia primo Saturno» 
acdoche iui primier^mcnre co fuoi popoli cdificafTc. Cefi 
Ncmbroc roho (eco Gioue Belo Tuo figliuolo con le co* 
lonie»robbo i faccrdoti rituali di Gioue Sago,c venne co*l 
popolo nel campo Scnoar, oue defignò la cittì^, e fond& 
'"^vna grandisfima torre. L*anno 1 ) 1. dal (àluarfi da l'ac- 
que,e regnò iui anni r 0. leuando la torre a l'alre2za de 
monti in fègno e fnemoria che'l popolo di B;ibilonia c nel 
mondo il primo,c dcbbcfi chiamare Regno de Regni. Da 
quello adunque piglicremo principio,c per quello mifurc- 
temo gli altri Rcgni^<& i loro Ree tempi , abbrcuiaadoU 
A^ucfto modo«^ 



ANTICHiir A DB \}r ^ 
i MOLTI ricercano ferrano altre cittì pri^ 
md che Babilonia , e uer amente, Enos città fu auanti 
ti il Dihmo y ancho loppe . Vlinio nel 5. e Solino ne i 
coUett4ni dicono che loppe è antichifAma città edifi^ 
cata auanti il Diluuio. Max 00. dopoU Diluuip per ^ 
anni 10. continui ft edificarono le colonie diogni^^ 
prouincia fullitto. Eteffendo {ìatd edificata Babi-^ 
Ionia iji. anno dopo l Diluuio ^ fìuede come effa 
non fii la prima di tempo , ma ft bene per gli egregi 
fdificij , e dcfto diftgnoreggiare . Variano di queiìd 
JAoife , e gli HiHorici, Hebrei, e Gentili • Giofefo nel . 
^de le antichità dice . Ancho la Sibila fece mentione , 
ie la torre di Babilonia , e de uoci diuerfe , dicendo. 
Alcuni edificarono una torre per afcendere in cielo, 
ma i Dei mandando i uenti , rouinarono la torre , e 
diuifero la faueUa Ai coloro in più linguaggi. Verw . 
pi chiamata la città BabeLìleiìio parlando de la re< 
BabeL legione di Babiloniay fa mentione del campo Sennar , 
dicendo . Qg;i facerdoti , che fìirono liberati , uen^ 
nero in Sennar di Babilonia , e diuifi in più linguag^ 
gi habitarono partitamente nel luto , CT infra, terra 
Tiètro comcflore cita qnciio luoco di Bcrofo poi di^ 
ce che uude mifur are del tempo che cominciarono i 
regni , da che fu edificata Babilonia. Verche i tempi 
de la Monarchia j Afìiria fono certifiimi ^ anchor 
che menti fcdno affermando che Babilonia piffe la pri 
ma citta dopoH Diluuio . 

L'ANno. I j I . dalfaluarfidclcacquc , la noftra cit- 
tà e gente di Babilonia fu fondala dai nonro Saturno 

L Babilonico 



BabiIonico,c crebbero in gran numero i decedenti Audia 
do Saturno più torto a la pacc,& a la rcligion de Dci,cK'a 
le ricchezzc.Edificò la torrc,nia non la cópi,nc fece la de- 
CgQaca citci,pche pafTati.f^.anni difparue^e pafsò ìi i Dei» 

Bdbilonid fu primd per dignitd.non di tempo, il ^^^^^^^ 
Sdturno di queìld atte [e <t Id pdce,e religione ne Vau^ edificò^ 
red tùyche cominciò con i primi huomini:iCome te^i» Babilo- 
ficdno Ouidio ne le MetdmorfvfijFdbìo pittore^e Cd^ nu. 
to. Et duifdto dal diuino cdRigofi fermò ne la con-» 
fitfìone de la torre^md non fi fcoiìò però dd l^empieti 
per effer d'^dnimo fdcrilego,e tirdnno, Dicefì che dif^ 
jpdrue, pèrche fìi ddi giufliVrencipi fquarcidto in 
pezzii ilchepdre che duenif[è dd Ened^ cr d Komo^ 
lofiqudi fiirono dnnouerdti trd De/. Ld prouincid 
SenndrCdlded e pdrte de la prouincid Bdbilonicdj 
Greci e Ldtini Id chidmdno Mefopotdmid.c^ Kebrei 
dltdre de pumi.perch^é trd il Tigre , e PEufrdte. lui 
tìdcque Kbrddm i^z. dnni dopoH Biluuio,Genefì i i. 
in Vr Cod.cioè Cdlded citid^Ldtini^e Greci U nomd^ 
no vr de Qdldei.krdmei Vr Cod, Hebrei Vr Cdsdi. 1 
Tdrimente Tolomeo Id chidma Vr Cod : nel Genefì ' 
al ìi.fìdice,Tdre generò Abrddm,z!r Ardm, ilqudl 
mori ne Id terrd^oue ndcque Vr de Cdldei nomdtd. 
Abrddmtolfefeco Loth figliuolo diArdon , e Sdrdi 
fud moglie.e li conduj?e dd Vr de Cdldei. Molti per Tr^^ 
Vr intendono fiiocojnelqu die fi^j^e gittdto Abrddm,no 
hdnnofvnddmentodiueritL Berofo fcnddtdBdbi* 
lonid.e notato il tempo , nurrd quai Colonie mdndò 
t4no ne le prouincie. 

E .3^ 



ANTICHITÀ DB 

T)k qucfto principio mandò lano padre in Egitto eoa 
i Coloni Clìcmcfcnuo: in Libu c Cirene Tritonc,c nel ri-* 
manente de l'Africa lapeto prifco Ataleann Afu orientai 
le mandò Gange con alquanti figliuoli di Cornerò Gallo: 
in Arabia Felice Sabo detto à Petreia,raandò Canam à rcg 
gere Damafco fin'à i confini de Palcftina.Fece Europa Re 
<« Sarmatia Tuifcone dal Tanai fin'al Reno,dandogli per 
compagni i figliuoli d'lflro,e Mefc con Tuoi fratelli d'A- 
dula Monte fin'in Mefembria pontica.Sotto quefti tenne- 
ro Arcadio,& Emacio Tira. Tenne Cornerò Gallo l'Ita- 
lia, Samoto i Celtiti,c lubal i Celtìberi. 

'dai. principio il Bibilonid Uno cominciò^ 4 
mandare nuoue Colonie: e Prencipi oltre <{ue\k eh' A* 
umi Babilonid Whdued Ufciato. Mdndo Camenfein 
Bgitto,cT in A/ricd; benché effo hebbe U regd feàid 
in Cam Min. E foftitui À quello due Vrencipi in A» 
fricd Tritonca" lapeto. Tritone generò Lit/dW, 
Cirene^e mmidid^ne Uqude Tolomeo e gli hiitorici 
teSitficdno, ch'i il Ugo e fiume Tritone di. lui nomd^ 
tofil'ifold TritonidejDUe jù di nafcoSlo alleudto Dio* 
Palatua nijìo nipote di Tritone,e ?dUtud,Minerud di Trito* 
Mioerua ne fìtef^ojld fecondo Diodoro nei 4.©- dltri hi&ori* 
ci. Greci per non Ufcidrcofdjche non feldufurpdfi 

fercfi fin fero i giuochi Tritoni,e Dionifii. Libid erx 
pdrte di Egitto Mdrmdrico , benché Tolomeo Id di* 
Cerere. fUngud. llcbeftmo{lrd perche ifi ouero Cerere Egtt 
tid%dettdfi-ugifird,elegifcrd. Teodoro nel t.itct 
cheeUd infegnò in ìtdlid k mdcindre ,efdreilpdne, 
perche mdngidrono per ddietro ghiande. Plmio nel 
7. cdp. uh. Tuttduid Fejlo dice che Mgeo condufje 



REGNI. LI B. II II |t 
ilgrdnodiubid nd cdtnpodi Komd. V dirimente 
Dicdoro nel 4. dice che Cdmefe e Sdturno figliuolo 
del Re Cielo fempiterno^che regnò in Egitto , hebbe 
anchor Signorid in ìtdlid,in Cicilid , cr in Ubid. 
Moue dijjicultd che Berofo dice Idpeto effer ^dto fu^ 
fiituitonePAfricd kCdmcfe hduendogligid ddtoil 
Vrencipdto d^Europd^ohre ch'egli erd dipiuetd di 
Cdmefe. lo direi che Idpeto Atldnte |ù/?e Sidto mdn^ 
àdto come Vrencipe e^rdordindrio d porgere diuto 
4 le Colonie. Ver che idpeto condujfe le Colonie in Impeto, 
Afri Cd dei figliuoli di Cornerò fuo prinio genito. E ^^'°"^» 
fìn\ì queii'etd Spdgnuoli chidmdno Comeri molti po 
poli Africdni. Tdnto fìd detto de VAfricd in commus 
ne, CercdtAfid dice^che Idno mdndò Gdnge con dU Gange. 
qudntifìgliucli di Comero ne VAfìd orientdle* Toloi^^ 
meo nomind i popoli Comeri,e le Comere cittì ne Ba 
tri:,CT in India* Gdnge Idfciò il nome fuo dd un grdn 
fiume. Curtio nel 9. dice che le colonie cercd quefto 
fiume fichidmiudno Gange fvi'dd Aleffdndro Mdi» 
gno. Seneca del fito de Vìndid dice. Gdnge corre 
per l^ìndid per nuoue letti^comeil Nilo per fette^ vir 
gilionel 9. 

Ouero il Gdnge che jì chetdmcnte 
Con noue fiumi l^dWdcqud conduce. 
Cercd l^ Arabia Tolomeo^ e gli altri dicono che fonò 
tre Ardbiejld felice j che produce incenfoy Id defertdy e Arabie 
la Vetrea,oue i Petra Metropoli.deUqudle Bfdid di 
ce. Mdndd Signore PdgneUo domindtore de Id terra 
data pietra del deferto al monte dela figliuola di 

E li 



REGNL LIB. IIIL sr 
Sarmdto figliuolo d'Hiilro. Moife chimd ItU , CT 
Afdrmauet quei^che Berofo nomina \Stro,e Sarmato. 
Greci chiamano queiìi Sarmati . Q«eHi c'^habitanO: 
oltre i monti Kifèi.cr il Borifco fiume lungo il Td* 
nai.e la palude Mcoti.ela T àurica Qherfoneffo , co^ 
me fi uede nel 8. tauola di Tolomeo: tuttauiafichid-M 
ntdno Sciti in "Europa, Vltnio nel ^. cap.t. dice, il 
nome de Scitia pajja fin ne i Sarmati , e ne i Germd^ 
ni^ fi)lamente hannofi ferudto queSlo nome i popoli 
di quefla natione.che fono ne le estreme parti , quafi 
nonconofi:iutidd gli altri. Cercd quello che uuole 
Bero forche a questi fono cogionti i figliuoli di ìfiroy 
e di Mefe.dd Adula montefin^a Mefmbrid ponticd^ Adula; 
fi. conferma per li nomi dei luoghi, ne Ut. e 9. tOi^ 
i. uoU di Tolomeo ne l'Europa. Adulamontefi noma j^^^ 
da Adula figliuola di ìftro. Moife lo chidma Adu^ 
ra,€r èfi>pra Nicea.confina con Tenicid.eGermania 
non lontano del lago Cofìantienfe. In quefti luoghi 
^fonp le fonti d'itirojequai fecondo Plinio nel 4.* cap. 
ij. nafce ne i gioghi di Germani a Noria, i l'incotro 
iiScauro terra de Franciofì lenomafi Danubio, c 
uenutoin ìUiria,fichiama lftro,cofi paffando per 
molte genti.mette nel mare con fei fóci. Qofi egli hs 
due nomi. Ouidio nel primo di Ponto, vicin' ad ìftro, 
che mantien due nomi. Adula monte occupa infinito 
ier reno.epiglia uarij nomi in diuerfi luoghi: e trouc 
rai uer Settentrione fuperiore in Tolomeo Mefei c 
^cfa,che fignoreggiò à la Mcfia fuperiore CT infili 
rioreMte Vdlachia ulta , e baffa. Alcmi fcriuono 

£ Hi 



■ ♦ 



P2nonie< 



ANTICHITÀ DE i 
lAzCì». t^'ftd,Vlinio,meglio U chimi Mefu. L<< Vddchid 
fuperiorefi Mefu ponticd fecondo Tolomeo, ha. Ti* 
raj^oli di Tira jìgliuoìo di lapeto,lilropoli da. Iflro 
prencipce Tibifca da. Tibo figliuolo di lUro.La Vrf 
Idchid injiriore ha BofmefuVaUchi basfi^Bedani dà 
Bedano Curete,l de fcendenti corrottamente la chia^ 
marono Bardania per Dedania . Seguono le due 
Bannonieie mutando il b, in p, Vannonie. Fw uno de 
i figliuoli ò nipoti de ìjlro . Scriue Tolomeo i nomi 
de i luo ghi,Sauo fiume, Saltinoda Sjla,Azali popoli, 
e da Albine fuo fratello Albano monte. Oltre la lun* 
ghezza di Adda monte è la Mefembria, Mefei Ubar 
ni da Uefa prencipe. lador Cdonia dd lader figlia 
nolo d'i jiro. Oltre Mefa monte èia mlmatia,da 
Dalmata figliuolo di Ifh-o,cr i BioclitiM Bicla fi* 
gliuolo di iSlro. Salana da Sale figliuolo di Ijlro, 
Segue l'Ematia,dd Ematio figliuolo di Camefe, Ut* 

cano nel primo. 

Le guerre affai peggiori che cimli 

Che pur fi firon ne gli Bmatij campì. 
E poifiinomata M.acedoma,dal figliuolo d'Ofin fe* 
tondo Diodoro nel i . "Epiro figliuolo di Iflro. Tro* 
uiamo Iftro nome Caldeo, Mofaico,ìttin, promonto* 
rio da Ittam detto ìfter. Segue la Tracia detta Te* 
racid da Tera figliuolo di Upeto,fin'alfine del mon 
ìé,oue la cittd da Greci fi ncma Mefembrid , Berofo 
Moefembria,Iilone,Mefe Sefard.E Moifeneho. del 
Genefild chiama Sefdrd. Di Cornerò ragioneremo 
con i Vrencipi TuJfdl , e Samoro . Sappi ò kttorc 



REGNI* LIB. ITIL j6 

ch^dcuni uogliono che Me fi [uno i Bulgdri , ilche fi 
moiìrd efferfdlfo per tejlimonio del DdnubÌG. Le cui 
fóci fono in Mefid fecondo Tolomeo , e gli dltrù 
Vdldchi^e non Bulgdri tengono le fóci del Bdnubio. 
lAeftiddunquefonoVdldchinon Bulgdri, Seci fd^ ^^^^ 
ri concejio dlqudnto ditempondrrerò diqueili CT valach 
altri luochi c^hdnno mutdto il nome : hord conclude 
^ero fo.il qudrto Libro in tdl guifd* 

V S C Irono qucfti dopo Ncmbrot tutti con le loro fo- 
iiiiglie,lafciando i loro nomi ne i laoghi per fcgno de Tc- 
fpcditionc datali da lano padre^c per memoria de i defcé- 
dcntl,a fine che (apefle ciafcuno qual foflc (lato il primo Io 
ro progenitore. CLucfti fabricarono per commisfio- 
fic di lano voa Torre per luogo prencipale,éì: habitauano 
ne le rpelonchc, e cauerne , folamentc il noftro Saturno 
trappafTò qucfto precetto , perche volle Babilonia eflerc 
città de le cictà^e Regno de Regni, Iano,partite le colonie, 
diuife il rimanente in due parti: ritenne feco molti fioliuo 
li generati da lui dopo il Diluuio,e grandisfìma moltitii* 
dine di gente,ch'egli hauea à condurre fece ne le colonie* 
Scita primo Re fii lafciato con Arafà Tua madre, & alquan 
ce colonie ne l'Armenia , Sabatfo Saga fu creato fommo 
pontefice de T Armenia (ìn'a Batriani, ilqual tratto , chia- 
gnaH anchora Scitia Saga Jano vltimo de tutti vfci de l'Ar 
menia ì fcminare per Io mondo le Colonie Narrarono 
i noftri maggiori qncfle cofè in più librì, Noi de i tempi e 
defcendenti loro parlcremo/econdo che ne la noflra Cai 
daica^d: antica Scidca hiftoria fedelmente c conlcruato. 

DICE Berofo che dopò Uemrot i foprddetd 
Vrencipi dnddrono d i luoghi loro dffegndti. Perche 
Cidno per ddietro uolendo certificdrfì de Id qudlitd 
Ì€ i luoghi , barn polio U colonie lungo U tnarin4 # 

£ tilt 



*t ANTICHITÀ DE 

lEl t còfd memorabile the egli narra come ogm Pfen 
cipe pofe i nomi d le regioni, monti ^fìumiiC cittdjche 
poffedeud . Girolamo foprdH Geneft , CT Eufebio de i 
vocaboli dele genti dicono . lapetopoffede in Afìd 
' ' dri Amdno^ e Tauro monti di Soria, e di Cicilia fino 
. al Tdndi . in Buropi pojfede il tutto dal Tanai d 
-Gadirtilafciando a i luochi , cr genti i nomi , de 
i quali ne fono mutati alcuni da i de fendenti , altri 
caule fu- ^"^^^^/^^ • ragioni ^rono pofti i 

rono po- ^^^^i ^ g^n^i y^rdi luoghi . Le due prime afferà 
Riinomi gna Bercfò. Vercio i^argomento prefo da quefii 
'antichi nomi e di piuualore ^ che qualunque huto^ 
je, perche ciafcuno può prender e errore . Vercio fe 
/ben cheUuio nel 5 . da Koma edificata hauefjè molti 
■ Autori con i,ciualipróuaffey che i Tofani haueano 
fìgnoriggiato a tutta Italia .nondimeno tenne per 
^maggior argomento queflo nome Turreno. dicendo. 
.Quanto jlilfero i Tofani potenti nel mare difpra , 
rcr in queUo di fiotto , iquai cingono [^Italia come 
^m'ìfiola , moftrafi in quefti nomi , che chiamarono 
uno Tofico coH nome loro cómmune, V altro Atriati--* 
,co , da Atria citta, e Colonia de Toficani. Greci chix 
rinano gli iiiejii luoghi Turreno Atriatico . La ter^^ 
h:d caufa fii per iìlufirare il nome de loro maggiori^ 
àefRej^i.Lattantio nel primo deleiflitutionicap^ 
<^ontr a Minucio felice, dice . Si può argomen:» 
omf^^'di que fio modo . Saturno Re potentifÀmo per 
porre i ^^^^^^ere la memoria de fuo padre , e madre , pofi i 
poioq^fiomi. wme al ne/o, cr iU terea, chef rima fi chiamaUd^ 

Eoiodkoiou 
poioq poio^ 

t JL 1 



e 



.1 1 



no dir mente ^ecofid fiumi j d monti, et d i mdri ^« 
Tono poRi nomi , come mdre , IcariOj Egeo, cr E^e^ 
fponto.ùt Itdid , Aucntinoy Teucre . Nacque Satura 
no di un^huomo detto Vrdnoy ouerò Cielo.come affir 
ntd Trimegiilo dicendo, pochi hebbero perfetta dot* 
trina, e trd queili fu Cielo , Saturno , e Mercurio. 
Que{lo dice Lattdntio , Nota lettore che TrimegiSo 
Egittio, cr affai prima che il primo Saturno, an* 
tichif?imo Apterd di Grecia . Vercio narra degli 
antichi Dei Egittij, Cielo, Saturno, e Mercurio . E 
fi* Mercurio di una prudentia perfètta. Secodo Dio* 
doro nel primo . Saturno padre d^ofìri, Carne fe fio^ 
ri in filo fo fi a , e Magica , perciò fii nomato Zoroa^^ 
fio, cioè Mago, fecondo Berofo , CT i Catolici . Md 
Cielo di tutti Ke fempiterno ,ìanoinfegnò perfettd 
Iilofofia, Teologia, i riti del uiuere,e la magica naif 
turale • Macrobionel primo dei Saturnali dice 
tifici con molti argomenti lo repudino diuino , egli 
4xjfegnano in ogni Sacrificio la prcfattione . Mitici 
dicono che regnando lui, ogni cafa era piena di fan* 
timonia, e religione. Biodoro nel 4. aj^rma ron.B^ 
rofo , che Cielo infegnò ancho Aerologia , CT dtrc 
cofe, Bipoi dice . ìano diede il precetto, alquale conn 
trafèce Nemrot, edificando la torre . Bionifio, A//< 
carnafjèo nel primo dice . vfauano gli antichi di fa* 
re picciole città, ma fòrti, non già di pi€tre,ma eccet% 
to le torri , il rimanente era di ueie e cauerne. Veic 
egli chiama Carri,e concaui alberi per Tugurij.Vir 
gilio nei 6 . degli huomini nati ne l'Aurea età , e de 



ANT- DE REG- LIB* lllU 
gii Ahorigini dice ♦ 

I Fàuni con le ninfe poffedero 
QB^ft^S^^^ bofchi , doue erdn nafciuti^ 
Gente difcefd dd Tronchi , e dd roueri . 
Antichi per torre prò feriudno Tar/c, et indi e Tur^ 
fend, CT Turpd, come hd Mdrfilio^ e Bionifio Udli^ 
cdrndfeoneL r. Turfend^et Eturfid citti jii edtficd^ 
td con le cdfe d fvrmd di torre . I defcendenti mutdn^ 
io fi in r ♦ Ld chimdrono Turrend , Bturid . E 
Komdni Btrurid , come dicemmo ne l^Anid quiBone 
ì6 . fin^dl zo.e foprd Mirfilio , e 'Senofonte de gli 
'Bquiuoci . Idno ddunque infegnò che fi fdceffeno pie 
ciole cittk d mdnt enere il uiuer commune^non d pom^ 
pdj e depo difìgnoreggidre . Perciò tutte le cittd di 
Tofcdnd dudntiil Komdno imperio fdbricdte erdno 
picciole . Le grdndU che ui ueggiamo^ò fono di nuo^ 
uo fdbricdte , ò dccrefciute dopò che Gothi defertdn 
Tono Vltdlid , che \dno ultimo di tutti conduce fje le 
colonie , intendi del fecondo [uidggio de V Armenia 
poi che fÌ4 edificdtd Bdbilonid . Ver che egli erd ddto 
per ddietro il primo, che fi dndò a fpidre le (fudliti 
de i litti , e ui conduffe le colonie . 



Ih FINE DEL LIB. IIIL 



%9 

I L Q^V I N T O 



LIBR O DI BEROSO 




BABitONIO DE L£ 

Antichiti • 

'ANNO m- co- 
me diccmo da la (alute de 
rhum^na gcncrationc d4 
Tacque , corniti cìà il Re- 
gno Babilonico fotto il 
noftro Saturno , padre di 
Giouc Bclo^ilqualc regnò 

anni . f 6. 

L'anno . i o. di coftui 
Cornerò, Gallo , puofe le 

^ colonie del regnOjChe poi 

fu chiamato Italia . E chiamò la regione del fuo nome in- 
legnando à i popoli la legge , e la gmllitia . 

L'anno 1 1. lubal difpuole i Ccltiberi, c poco apprello 
i samoti , fece ancho le colonie di Scelte, ne fu alcuno a 
quc tempi di lui più rauio,e perciò fu detto Samoto. 

L'anno i r- di Nomrot , Oceano al Nilo d'Egitto tcr- 
mandofi , fcriffc di Tctidc forclla più libri. Indi foprauca- 
neChcmefcenuo de l'humana gcneratione corruttore^ 
oue Telcchino infcgnando la Magia era di gran nome. 

L'anno , g. delmcdcfimo Re,Gogo con Sabo fuopa- 
drc tenne Sabea, Arabia felice , Tritone poffcde la Libia, 
lapcto, Prifco, Atalea l'Africa ,Cur, l'Etiopia , e Getulo 
laGctulia. 

L'anno i f . del mcdcfimo Thuifcone fondò i Sarmati 
numcroft popoli , c Mcfa con i figliuoli di Iftro ordinò 



4i « 



I REDI 

gli Miciiì Mcfìj da A dola mótCjfin'à Politica, Mcfcrtbriai 
L*anno j g. del mcdclìmo Re , Sagi, Armeiii,cpcrciuti 

in gran numcro,poflcdcrono Ja ragione Cofpia d'Arme- 

nia iin'à Batriani, lano, Padre, Trapporto gli lanci colo». 
^ DÌ in Hircania, e gii lanci , in Mcfopotamia vcrfo il mare 

forco Babilonia . 

L'anno 4 o . del medcHmo Rc^alquanti coloni de i 6- 

gliaoli di Corner fi procacciarono danze in Battriani , e 

Gangi pofero in India il feggio . 

• i L'anno 4 r . del medcfimo Re , alqu^inri figliuoli di 
Mefe , c Getuli vnici inlicme generarono in India i Maf- 
iàgcti . 

A quel tempo Saturno di Babilonia Re, mandò i Pren- 
cipi de le colonie, Asririo,Mcdo,Mofco,e Magogo, iqua- 
li fecero i regni Asfirio, Mcdo, e Magogo in Afia, Mofco 
fece li regno in Afia, & in Europa, parimente Anameonc 
giovanetto chiamò dal luo nome i Meoni , e regnò an- 
ni. 1 r o • 

-N E M R O T fece Babilonid terra di 4. cittì^ 
tfcui purti Moife nel 1 0. del Gtnefi chiama B^fcef, 
Arat, Acat.Calanne . Perche ogni cittì regale fi fa^ 
Babilo- di 4 • citta , fecondo l^eno fonte nel fine de gli 
nia di 4. Bquiuoci . Et fii Babilonia il principio^ la fedia del 
città. regno di t^emrot, Cornerò fii primogenito di ìdpetò 
Gallo ^^P^^'^ Biluuio, e fii detto GaQo per Epiteto paterno^ 
^ nome di molte natio ni fecondo IKjenofvnte . Se^ 
condo ^origine Latina fignifica il marito de la GaU 
-tina^ fecondo Greci Candido ^fecondo Celti figniftcd 
tTdnciofi generati da Galate figliuolo di Hercote . 
Bi odoro nel 6 .fecondo frigi] ca^irata^ cornei GaUk 
ìSdcerdotèdiCibele ,0* G4D0 fiume ilquale induce 
Vhuomo à caitrarfi . Secondo Aramei^ ej Hebreifin 



BABILONIA. LIB. V. 

^ifìcd otideggidto . Coft Cornerò GdUo ft chiama 
ondeggiato . Vcrciò ut fono i generati da ìano pros 
genitore de gli antichij^imi Vtnbri . Cuto nel z. frag-^ 
mento chiama Galli gli antichi progenitori de gli 
Vmbri . Solino ne i CoUettanei dice Vmbri difcejjèro 
da Galli M. Antonio dice che fitrono chiamati vm* 
bri y perche auanzarono da Diluuìo . Cornerò chia^ 
mò dal fuo nome quei luoghi , oue prima ìano pofe 
le colonie . Ter eh e fui terreno Vetulonio è la uale Co 
meray ^ Kieomerio . Ne i Falifci e la regione co^ 
merfan ,e la terra ifoU Corner fan . Curfxo fu chia^ 
to Comerfulo fecondo Liuto nel io . da Roma edifi^ 
cdta . Tigli infegno a Tofani le leggio lequai ìano 
2 0 .anni prima hauea fritto in breUità . ìubal fu 
Autore de Sp^gnuoli y fratello di Cornerò, e figliuolo ^ *^ 
di I apetOy Moife lo chiama Tubai . Habitò prima in 
Eetica detta Tubai, e pòi Tmbal Mutando t, in dyfe^ -'^ 
condo Pomponio Mela Tubai poi fìi nomato Tara* 
tane . E la citta Taracona , Sagunto celebre per U 
conferuata amicitia col Komano popolo , fa manifi^ Saguntoi 
Ho che Saga Henne con lui.Samotefa l^ Autore de Ce/, 
tij Trancigeni, e fratello di Comero,e di Tubai , co^ Samotc. 
{lui diede l'origine a Britoni , perciò fiirono detti 
GaUi y Samotei, e faccialmente i Filo fofì , e Teologi, intoni. 
che lo fegnuirono . Biogene Laert io nel prologo de 
le Ulte de Filofof dice . Molti dicono che la filofofìd 
prefe l'origine da Barbari . fiorirono in Serpai 
Magiy apo Babilonij, cr Afirij iCaldeiy Apocelti.i 
GaUi Druidi, detti Samotei , Arinotele nel magico.tt 



r R E D I 

2 U Huifione 13 •de le fuccejiioni dice che juronù 
a humJtie , e diuine leggi peYeti^imi j e dati à U re* 
ligione . Ma Ldertio fdegndto dice . Sono d'^ogni be^ 
ne ignoranti chi dffegnano tdl uirtu d Bdrbdri.Veri» 
che deriuò dd Greci non pure Id filofofid , nid etidns 
Ho Phumand generdtione . Verche Atene , e fdmcfd 
per MufeOj e Tebe per Uno . Il primo trdttò de Id 
generatione de iBei , e del principio de le cofe il fe^ 
condo fcriffe il corfo de i giorni , e de le {ielle , Id ge^ 
tierdtione de gli dnimdliye del mondo. :Cofìld fìlofofìa 
hebbe dd Greci principio. Queflo Greco ignordnte 
doueud .drgomentdre in tdl guifd , Lino , Mufeo , CT 
Orfeo impdrdrono dd gli Egitti] in Egitto gli Orgij 
fdcrifìcij.eld Teologid * Conld [denti d de le dltrc 
cofe, e Id portdrono in Greci d rozz^ di ognifcientid. 
Come ndrrd Biodoro dd l'hifloria Egittid , ddunquc 
Centra U filo fofìdhebbe principio ddBdrbdri.e no ddgres 
)iogcnc. £^ filofofid in Grecid hebbe principio 

dd i fette SduiJcludi impdrdrono dd gli Egittij, come 
hd DiodorOyC gli dltri. Oltre ciò Orfio,Lino^e Mu^ 
feo fecondo loro frimt Tilofofdnti^fiirono poco dUdit 
ti Id rouind di Troid.pcrche Orfeo nauicò co gli dr-a 
gondutijfi con Herco/e, e fcriuono totti i Greci che Li 
no Tebdno^e Mufeo Ateniefe infegndrono dd Herco-M 
le. Di ^MeSr<t loroneo prifco dntichisfimo Re di 
greci d,che regnò Pdnno pr/mo di l^iuofi dnnouerd-M 
no in Eufebiode tempi^cercd 780. dnni^et dudnti Fo^ 
rotieo 710. dnni furono troudtiMdttoniyneiqudli 
trd fcritto Id ndturdle offerudtione de le SteUe.Come 



BABILONIA. LIB. V. 4© 
mojlrd Epigenf, e Flinio lib. 7. cdp. tdtimo • Aduns 
que k lettere, le drti , e Bifcipline Fenicie , et A^me 
^rono 1500. dmidudntii primi Tecclogizdnti di 
Greci d . Strdbone che fiori regndndo Ottduidno dice 
ne Id geografid ìbericd , che gli Spdgnuoli d fud cfi 
furono dmmdedrdti, iqudi djjvrmaudno che 6 • milc 
Mni dudnti hduedtìo hduuto leggi.uerp^e fertere.Xrf 
nofonte dice che Ibeti fdceuduol'dnnodi ^.tnefi* 
Ter ciò feimillid tdli dnni fdnno 2 . miUid foUri . E 
computdndodd Ottduidno doimiUid dnni d Vindie^ 
tro ,ft peruiene di principio di Nino • Bdlqude fin'4 
gli drgonduti fìTdccolgono dnni 700. fecondo 
fobio^ e gli dltri fcrittori de tempi • Vertdnto Spd^ 
gnuoli hebbero Id Tilofofid,e le lettere per dnni 700* 
primd che Greci. Adunque Id Blofofìd hebbe princi^ 
pio dd Bdrbdri,non dd Qreci. E fi confdnno gli Spd 
gnuoli con Beropì^ilqudl dice Tubdly Smote^e Tum 
fcone, Vdnno 4. di Nino diedero leggi d i loro regni. 
Strdbone diccychei più dotti trd SpdguoU cercd Be^ 
ticd dffegnano il medefimo tempo . Tubdl cittd fu edi 
ficdtd dd primo Prècipe in Spdgnd, comenotd Tom 
ponioy MeU , e chiamdd corrottamente BubdlFer^ 
ciò fecondo molti Autori é cofd uerifiimd , che Id li^ 
lofofid, e le lettere hebbero principio non dd Greci , 
md dd gli dntichij?imi Yenci, Afiirij, Caldei, Unigeni, q^h* j.^ 
Spdgnuolij Sdmotei, Germdni^CT Egittii . E perche ^^^^ 
Cefare nel 6. de commentarij dice che GdUi ufaudno Greci !• 
le i^lfe lettere, cornei Greci, kqudi hebbero dd Sdu Ietterei 
mote iitepddrc ^ fegue neceffdridm^nte che Cddti, 



IRE 15 r ^ ^ ^ 

Meomd,GaUogrecia,e U Grecid tuttd hebbe dd GdU 
li k lettere. 'Kenofonte ne gli Equiuoci hduendo di^ 
{tinti molti Cadmi dicejil quinto cddmo fii poco dudn 
ti Id guerrd di Troid , e famofo per Armonid Sd^ 
moted.Egli hauendo per Armonid fud primd moglie 
combdttutOyportò di Yenicid i6. roze lettere non gii 
Venicie : md Jìmili d quelle de Gddti.e di Meonio Ar 
chiloco de tempi hduendo dnnouerdto z.Homeri.di^ 
ce Id noflrd etd uede , quell'ultimo nomerò di Meo^i 
nid^ ilquale ne /a i ^ . Olimpidde^ dnni $00 . dopò U 
rouind di Troid^ effendo rimaflo uittoriofo nel con^ 
trdilo Olimpico , fii per giudicio di tutta la Grecia 
riputato il più egregio di tuti i Voeti . A lui folo fU 
commeffo di emendare i cardtttri^ i nomile la lingud 
Grec d . Lequai portò cadmo roze , e quafi Barbai 
te , e non haueano figura de lettere fenicie ,made 
Galdti, e de Meonij. Giofefo contra Apione grmmcL 
tico dice fi glori dno i Greci d^hauer hauuto da Cad^ 
nio le lettere, ma non ne poffono moftrare alcuno 
indicio per gli firitti publichi de Sdcerdoti ò per le 
Itbrdrieloro . Affai dicemo di Tubal.Samote, e Tmm 
* fcone,ne i fopr adetti libri, et ancho di Oceano, ìape^i 
to dììticho, Comeri, Mefd, iflro, e Ganga, cr di Ti* 
tone, il rimanente delteào, e chiaro . Eccetto alquan 
TelchinJ. ^fi^^iti . Prima de Telchini , che mandarono dà 
Egitto in Kodi colonie. Biodoro nel 6. dice Narrafi^ 
che Kcdiotti con Callurnia figliuola de l'Oceano noi» 
drirono Nettuno, Dato loro dd Red , e che Te (ctfc/* 
ni figliuoli del m are abitarono prima in quetl'ifol^e. 

Zidi 



9 



BABILONIA LIB; V. 41 

lìdi chi mano Telechin ApoUo, Alifia Giutwne , e le 
tiimfè Telchinie. Cdnterei chidmdno Giunone TeW 
chinid. E fegue: uogliono che Telchinij fiiff ma in^, 
cdntdtorijche poteffero condurre nuuole , pioggidy e 
grdgnoldye mutare dloruoglid lepropie forme :c 
che fi^rono inuidiofì de le drti. Dubitdfi dnchordjper^ 
che egli dice che Asfirio manddto dd Saturno fece Id 
Monarchia Asfirid. 'Xawfvnte ne gli Equiuoci ri^ 
fionde con dire che Asjìrio fii il propio nome di Gio^ 
ue Bclo^detto in lingud Asfìrid Nino^cioè Gioue, per* 
ch*eglijii Hercole a BabilonijiGioucd gli Asfirij, co-^ 
me dicemmo. E com^cgH dice Vauolo CT il padre fuo 
edifìcdrono und picciold terrd^ne laquale lo mandai 
rono. EteffoNino hauendo foggiogatoVAfìd con 
guerra. Fece di queìld picciola terrd una gran cittì 
regale^e chi amolla Nino dal fuo cognome. Biodoro 
.fid i . Moife conferma cVAsfirio ufciio di 'Èabilonid, 
ì edificò Niniue di 4. citta nomate Niniue , cioè Nmo, 
V^efemJrorum^Cale. Il rimanente e chiaro. 

Segue Berofo di Gioue Belo figliuolo di Saturno 
fecondo Kedi Babiloniaiele antiche imprefe [otto di 
lui auenute. 

BELO SECONDO RE DI 
BABILONIA- 

GIOVE Belo del predetto Saturno figliuolo i* 
Re di Babilonia regnò anni 61. Se edificò i fonda* 
damenti defignati di Babilonia, che prima era ter- 
ra più toflo,chc citcì^. Viile in pace fiao cerca la fine del 
impero . 

f 



«IN I r REDI 

L'anno ^ di qucfto Re Cornerò i coftumc Scltko.on. 
de egli veniua,in(cgnà à fuoi Italiani à fare con carri la cit 
rì,ta onde furono chiamati Vcij con voce de Sagi, i quali 
chiaman' il carro Veia/c la città de carri comporta eflendo 
picciola,Vcicula,rce grandc,Vliudo: fe V principale città 
Ciochola. Vfano fin'ad hora Sciti i carri in luogo di cafc, 
haucndofotto'l palco la ftalla,e di (opra le ftaze de la ca- 
ia. £ chiamò il paefe dal Tuo nome. 

TIRA poi c'hcbbe fondaco Tiro,tcnnc co i Prco 
Cìpì de le Colonie i liti del mare , e fu Autore de Trad, 
Arcadio tenne rArcadia,& Ematio l'Ematia. 

Danno f 5-, di Bclo,pofc lano padre le Colonie in A* 
rabia Fclice,e dal Tuo nome ne chiamò vna Noa,c dal co- 
gnome de l'Auolo quelli Galli,che fccfero da Cornerò. 

L'anno ^6. di Belo Chemefcno venne in ItaL'a à Come 
ro,c non trouandoui Comcro,comindò a reggere le Co- 
lonie^e corrompere con fueimpictà i popoli. 

1 A N O padre lafciando pia Colonie cerca*! fiume 
d'Arabia Fclicc,c chiamandole da fc laninc , in Africa ì 
Tritone Te ne venne. 

A Q^V Erto tempo Gioue Belo diuenne vago di fi- 
gnorcggiarc,e creato poco innàzi Arala coi figlio de Sa- 
gi Rc,eglioccupò tutta la parte occidentale da l'Anne* 

«ìa fin'in Sarmaaa d'Europa. 

NON potendo Gioue Belo foggiogare gli altri non 
foggiogando prima vcddcndo Sabatio de Sagi Re^'ia- 
gegnò d'ucciderlo à tradimento. 

V E Dendo Saturno di non potere faluarfi, perche gli 
kauea ordito Gioue Belo ineuitabili uifidic,fuggendo oc- 
cultamente fi nafcofc tra i Sag» Calpi. Morendo poi Gio- 
ve Bclojcoramife à Nino figliuolo che (huggcffc Sabatio 
Sagace foggiogaflc tutti i popoli al regno Babilonico che 
era nel mondo J primo. ^ 

S A Balio vdendoqttcftolbBaiialÓQfto ne i Batti iam 
Saigi^aipettando acconcio tempo 1 ripigliare il xcffiQ^ o à 

i 



BABILOfJIA hlB. V. 4» 
'"ggìfc. Cefi le arme di Giouc Belo contro lui apprcfla^ 
tc,Io cacciarono del Regno i tempi di Scmiramis. A luc- 
dcfimo tempo lafcio Tritone il figliuolo Mammone Re 
di Libia, il quale prefc per moglie Rea di Camcfenuo Sa* 
turno di Egitto forellajtuttauia generò di nalcofto Diocii. 
fio d' A maltea giouanctta,d: à Ni(à città d*Arabia lo man- 
dò u nodrire* 



NON fono di contrario pdrere inoi coloro^ 
che dicono Bdbilonid efjèr ddtd edifìcdU dd Semird^ 
mis, perche Nemroth sbigottito per U conj^fwne de le 
lingue,diJ^egno Bdbilonid piccioU di 4. cittd. Belo le 

i WUicei fondamenti SemirdtnisU ficentdggiore. 

I^Df odoro nel t. Cornerò cominciò ufdre i cdrri d I'ua 
fanzd de Sciti ne U terrd di 4. cittd dd Uno edifica 
td. Oues'hdbitdintugurij,ecdU€rne. TerciòMo 
Tà chidmdudno queUa pdrte Veituld.hord Viettdeto, 
Cr indi Veitulonid^ per dbbreuidmento Vetuleto Ve 
tulonid. Cognomina dd fe {lefjo i luoghi,e fu'l cdmpo 
Vetulno nominò U udUe Corner d, e l'Alueo Bdconte^ 
royqudndo primierdmenteuéne fotta Vlemrot. Qgefh 
anno di Bella edificò Come fola ,hor d Clufio.e Corner^ 
fandhord IdUfcd. Egli edificò Tird come ci fd ma 
nififio il nome di Tiro, Siri cr Uebrei lo chidmdno 
Zar dal prencipato di lenicid, e ddl mdre. Hor fi* 
gnificd coUt,e monte,e Zt deriud dd configlio di d/^* 
gnitdfecodo i periti Tdmuldiiìi.e Sdn Gìroldmo ne le 
interpretdtioni.^ Perno Zar è coUe ccnfulare. Tira 
epicciold ifold d fòrmd di ditole Urgo coUe.ou'è und 
uttdJJqiidle AleffdndrQ^ congionfe d terrd firma. 

F li 



. TRE B t ^^3^^^ 
Secondo Cttirtìo cr Ottiàio nel ir. de le Metdmorf. 

Tiro Feniffdjche non è più ìfoU^ 
I\d di Inno oltre quello jche ne ferine P/m. nel 6. che 
ìdnibei ì dninei furono detti ddl fuo nome , Scriwe- 
che fono gli hdbitdtori lungoH fiume de l'Ardbid fe^' 
lice^ GdUd cittd^e GdVii ifola. Et dncho le fdcre Ict^ 
fere pongono ne Id primd Ogigid lenicd di No4jC 
poi dd Hebrei dettd tribù di Giudd.k cittd, ucrfo 
dom und dettd Noi, fdltrd ìdno ne Id prejetturd di 
CdZd. Giofue cdp. 1$. Tolomeo CT i libri de Mdcd-a 
bei nomindno ìdnid porto di Pdlejiind. Verciò non 
tmnte Berofo che Noi Ogige detto ìdno dndado per 
tmtoH mondo^i pofe le Colonie, chimdndole dal fuo 
nome. Omdio m ijìeriofdmentt Pintroduce i parUrt 
nel de ¥dfli,ou€ dice. 

Inmdno di me foiosi d tipo jld 
Li gu drdis tuttd di queHo grdn mondo. 
Cdxnefe cercd Id fine di 'Belo tteme in ìtalid[:je cornine 
cri 4 regndre circa il principio H Nmo. Io giudico 
che egli fdcrifìc affé, oue fi chi dm d in Greco Kiff^sm* 
p dnos, Yerche'i^ìk dntichi [dcripcando 4 i liti de 
i fiumi p:r lo cominci art del regnOjgU mette sno i lér 
nomi^come Ki Idno^KcGiuto, Fi Comerio, Ri Cfm, 
BiAelio. BCdmtfamodiedeil uomc 4 Ri fpdììip 
mOjperche Ri in Greco pgnificd fiume^ Vdmpdnos in 
Ungud Ardmcd fìgnificé Cdmefinuo . Perciò Cbam 
•»fr Chem intrrpretdno Pan. Tioioro nel primò 
mÉirpretd Cbem Min citti di Pan. Tolomeo U no^ 
wu PdnopoU. Fdrimentc TolomentjO' dtri Geografi 



babilonia; LIB.TV* 4f 
thidmdno Vmpdnos un'altrd citù dedicdtd i Cdm 
rnefe,comedVuniùcrfd(e ?dn , cr I^^no de gli Egitti ji 
perciò BgittijnomindronoPiiìej^o C amefenuojdtini 
Cdmefe,Greci Vdmpdnos. Qofì Kijpmpdnos per dm 
gomento inejpugndbile dd htìterpretatione pigliato, 
fignificd il riuo cr il fiume di Qmcfe, Cercd quello 
che fegue, come (àioueccrcd Id fine del filo imperio or 
Uno infidie d Belo Re di Bdbilonid, cr dpparecchii 
Idguerrdcontra Sdbdtio Sdgd Ke de gli Armeni, 
rndnifèfidchcgidfifiniud Vduredetd,neU([udle /e* 
condo Trago dttendeUdno i Re d mdntenere i confini 
de V imperio, non dd dmplidrlo , md che jldudno con^ 
tenti di regndre neld loro fdtrid. Di quello ho rd^ 
giondto i lungo foprd Fdbio pittore . ^ 

Qjjello che Berofo dice de l'ddulterio di Himmo^ 
9ìe,e di Amdlted,e del ndfcere di Dionifio Libico^rioiM 
doro nel 4. con più lungo pdrUre ne trdttd, Md bd^ 
fld hduer notdto come Camefe Sdturno d'BgittijyiU 
qudle fecondo Biodoro e Beroforegnòinltdlid ,in 
Cicilid.cr in Libid^ucnne in Itdlid primd, eh: fùjjè dè 
queUd cdccidto dd Idno.^regndffein Cicilid.et indi 
ioUo l'efJèrcitoMoue^e guerrd dd limone in LibiéU 

NINO TERZO RE DI 
BA BILONIA- 

FANno I noftri Nino di Gioue Belo figliuolo terzo 
Re di Babiloniajlqualc regnò anni fi. Coftui rac- 
colte le Tue forzc,con le arme di Giouc Belo Aio pa- 
ixc,k tutti raoflc guerra k ni uno perdonando , c cercao^ 

P MI 



li^ IRE©!; 
con ogni Tao (ludio la rouina di Saba ciO), Saga, come tutti 
dcfiderauano: la onde egli tuttofi tciTipo di codui fi ftcrtd 
nafcofto. Qucfto fu il primo de i noftri Re, ch*ampliò il 
Babilonico rcgno,c rizzò à Belo padrc,c la madre Giuno- 
ne , & à Rhea fua Auola le ftatue nel mezzo dj Babi- 
lonia • 

L'anno 4. di Nino Tuifconc diede à Gigi Sarmari le Icg 
gì prcffo al Rheno. Fece il mcdcfìmo GiubaI ne i Celti- 
bcri,e Samote co colti. Camcfcnuo de l'Egitto, Saturno à 
rincontro s*ingegnaua di corrompere i Comari Ira lianij 
aiutato da foralUri,condotti da lui per coloni in Italia , e 
chi^nionfi montani,Aborigini, Sorfc in Libia vn contrafto 
tra Rhea ouc fuffc Dionifio,pcr YCCidcrIo,e durò tale co- 
tennone lungo tempo. 

L'anno decimo di Nino,Iano padre venuto d'Africa ne 
i Celtiberì Spagnoli,vi lafciò due colonie chiamate dal Tuo 
nome Noela , e Noegla , perc'haueua chiamato prima le 
mogli di Iapcto,e Camcfenuo con qucfti nomi. 

L'anno 1 9, dì Nino,Iano padre venendo in Italia,com 

{)rclc che Chcmefenuo contro ogni Tuo (limare corropca 
agiouentu,nondimeno lofbpportò |.anni. Dipoi datoli 
alquante colonie, commandò , che vfciffe d'Italia. Diuife 
«gli le colonie,faccndo che i Comari corrotti,& i fbraftic^ 
ri habitafTero i luoghi montani oltre laniculo fiume, dan- 
do loro per Reina fua figliuola Grana Helcrna,cioc,da lo- 
ro eletta c foblimata , pcrcioche Giano haucua mandato 
con Cornerò 1. fuoi figliuoli Grano e Grana virimamente 
generatijCon i loro defcendend. Et erano crefciuti in vn 
gran popolo ilquale chiamafi i noftra età Ianigcnea,e per 
cognome Razenuo,cioc Sagro gencrarore,e giacitorc con 
donne impiamente. Cefi vuole egli .che fuoi ^dcfccndenti 
habitafTero nel plano.e luoghi maritimi oltre il laniculo 
finme fcparatamente dagli Aborigini. Chiamano erian- 
dioql popolo Razenao, come Grano fu dctto Razeivfci- 
to Camefenuo d'italia,Rhea venendo à lui,gli diucne mo- 
glie,d: andarono amcnduc contro Ammonc infieme coit 



BABILONIA LIB. V. 44 
iTiCam. Ouc facto vn conHicto , caccùino Ammonc Jc( 
Rcgno,& in Candu lo ipingono* Regnando Camelenuo 
in Libia, Khea gli partorì Oliri.c chiainoUo Giouc 

L'anno ii. di Nino lano clcflc il laniculo in Tofcana 
edificato da lui à tempi di Cheniefenuo,e vi pofe il (uo leg 
gio fin'ad Arno>oue pofe le colonie chiamate Arim , la- 
iias,cioc de lano edalcate. Daua à Vcculonia le leggi^infc- 
gnaua,e rcggcua il popolo. 

L'anno 43. di Nino Sabatlo vedendo di non poter go- 
dere il Regno, creato Barzane figliuolo fopra gii Armeni 
Rc,ncl lieo Sarmatico di ponto lì riduile. A medcfiiDO 
cempo Dionifio di Ammone figliuolo pigliate le armc»cac 
ciò J^iiea, e Chemefenuo del Regno paterno : e tenendo 
Icco Ofiri lo adottò per figliuolo , chiamandolo da fuo 
padre Ammone G.oue,come dal maedro Oiimpico^e dic- 
deli di tutto l'Egitto il Rearac. 

L'anno medeiimo Pailadc vergine pofta vicino ài Tri- 
tone lagOjfu dal medelìmo Dionjiìo , detto ctiandio Gio- 
ue Libico, adottata per figliuola : ella infcgnò k Libici I4 
inilitia. 

L anno medefimo lano padre infegnò ad lanigcni Ra- 
zenniFiiìca Aftronomia,l'arte d'indouioare,iriti, de fa- 
grificij,& il tutto fcnflc ne volumi,v(àrono ctiandio i roe- 
delimi norai,e diuino cultOjCh'ufatiano i Sjigi in Armenia. 

L'anno 49 di Nino, Hibcrio di lubal figliuolo , da cui 
hcbbero nome gli Hiberi,rcflc i Cckibcri. 

L'anno rivciìNino , regnò Mago di Si moto figliuolo 
in Coltiil*ulcimo anno Balzane iu Armenia da Nino la 
fupcrato. 

Q,V E Sto limo fu HcrcoU d Bdbilonij, e Gioue 

i gli dj^irijj perciò fi dice che Saturno, Sdgd fu cdc^ j^j^q^ 

cidto con le drme di Gioue, perche Belo , Gioue^Bd^ 

bilonico dppdrecchiò Id guerrd, e Nino Gioue, A/?i# 

• • • • 
F liti 



I ^ R E Ut s A.a _ 

rio Id mdnSo dà ejfvtto . e che Nino, e Gioue.Aj^irió 
fid quel iflefio , proudo 'X.enofvnte ne gli EquiuocL 
Etejjcndo Bdto quafi 600 . dtitii dopò NinOjel'Au^ 
fedetd^ Sdturnoy Cdndidno , kpterd, e Gioire fuofi^ 
gliuolo d'ogni luffurid mdcchidto^mentifce Id Grecia 
di Sdturno cdcciaio 4 ìdno ne l^Aured etdjfctto que^ 
&o Nmo duennero iz. cofe memordbili fecondo Beroj 
fo . Frimd tuttoHfuo tempo Sdturno, Cdfpio bdndis 
io , dette ndfcojlo . Virgilio dice . 
''Sdturno il primo |m , che ddl cclejle 
Regno difcefe jfiiggendo di Gioue 
iJ^drmi , e perdutoH regno , {tette in hdndo . 
Nmotro ^^^^^!f^ ^^^^^^ Nino d principio del fuo regno, 
tiator de P^^^^^ nel^Aured etànonerdno armi ^ ne arte da 
la guerra guerreggi dr e . MdhdUendo fermato id pdce^qudfi 
per dnni 40. duezzò il popolo al guerreggiare^Dio^ 
doro nel 4 . cofì facilmeute domò i popoli d^Afìd ros 
zi nel guerreggiare fm^d i confini di Libid come Tra 
Giu&ino nel i. c Diodoro nel 4.. dffvrmdno. Se« 
condonotd Berofo che Kino jiiil primo Autore de 
Id mondrchid . Perdo dd lui comincidno i Grecia non 
id VAured etdjidquale non fapeuano qudi fw/Jero Ha 
Hi primi Ke dudnti Nino y e quai lettere . cercd le 
Hdtue , cfee egli rizzò d Belo fuo pddre , er d Ked, 
gli Hetre/5 e Ldttdntio con i Cdtolici affermano quc^ 
&d effer data Voccafione de l^ldoldtrid. iDiodoro nel 
4 . dtce che Semiramis ne fece alcune di fmifurdta 
grdndezzd d'oro, e d^dr genio ^poi che fece grdnde la 
Mttk di Bdbilonid. Terzo nota qual cofd ^ceroqudt 



BABILOMIAa tIB. V* ^ 

tro Saturni L^anuo 4 . di N/no . perche tre Sdturnié 
Tubaly Spagnuolo, Samote GaUo , e Tmfcone Qer^ 
mdno firmdr otto con leggi i loro regni. Cdmefeil ^^^^ ^ 
quarto c^baued condotto Egitto le colonie in To« 
fcdnd, dttendeud k corrompere con Mdgicd , e uici 
i Tofcdni , dd Comdro co leggi, e lettere rifòrmati* ^^^^^^ 
Diodoro nel 4. dice. QH-ft^ Sdturno , che regnò ^^^^^^ 
in Italidi in dcilid, CT i^ ^if>i<^ ^ di Singobare em^ 
pietd.CT dUdritid. Md che 4 queiii tempi Spdgnuoli, 
Irdnciofu Alemdnij CT ItaHdni:, haueffeno lettere , e 
uerfìy oltre Berofo fi comprende dnchord per dltru 
Strdbòney<ht fu k tempo di OttdUidno, nel 4. de U 
Ceografid Beticd ajfcrmd ^ che Spugnuolihebbero 
lettere, leggi , e uerfi feimiUid dnm Iberici per ddie^ 
troj che fanno doimiUid dnni. E computando dd Ot^ 
tduio i ^indietro doimiUid dnni , peruenirai al ^o. 
dnno di Nino, come dicemmo ne la noRrd emenddtA 
^defcrittione de tempi, e fi confirma con Id defi:rittio^ 
ne de tempi di Eufebio. Cop Berofo^ e Strabene qud^ . 
fi sUccordano cercd Vorigine de le lettere dpo 
Spdgnuoli Betici . E che Tubai deffe loro le lettere^ TuBal 
uedefi per Tubai cittì primd di Spdgnd dal fiio edi^ 
ficatore nomata^la Trap:uragine de {iampdtori hd 
cdufato, che Pomponio Mela defcriuendo Id Betticd, 
Id chidma Dubai , io penfo che Spagnuoli haueffero 
gli iSlej^i caratteriycome Sagi^e Tofcani, perche To* 
/cani, e Spdgnuoli f)no per origine Sagi,^ e flato 
qucflo nome apo loro frequente, e |w in Spagna Sd'^ 
gonto dntichijiimd cittd dd Sdgi nomdtd • E proudfi 



I R E D I 

con tate drgomnto, che limo lor primo precettore, 
cr more uenne di S<ig4, Scitia, Armenia . Samote 
Umote nomato Bis, diede le lettere faghe , ch'erano fenici^ 
da lequati i Greci formarono queUe che diedero à G4 
Lettera ^^^'>cr i Meonij, gli antichi Franciojì .?erche fe* 
in Fran- condo Cefarenel 6. de commentarij ¥ranciofi hebbe 
eia- ro da Dite le difcipline, e le conferuarono Siri à fuoi 
tempi, cr ufarono le lettere de Greci . y^enojvnte de 
gli Equiuoci dice. . Cadmo portò in Grecia lettere fi* 
mili più toflo à quelle de Galati , e Meor.ij , che à le 
Jemcie . Co/? auanti Cadmo forono lettere, filofofiat 
uerfi.Teologia, e leggi à Spagnuoli, ¥ranciop, Ale» 
mani , cr Italiani , per molte età . Quarto nota che 
attendendo quei tre Prencipià riformare Spagna, 
Trancia, cr Alemagna, Come Saturno. Egittio ftu» 
iiaua à corrompere gli lanigeni, aiutato da le c<Ao* 
nie , che egli hauea condotto in Italia , i quai popoli 
fono chiamati da gli ItaUani, Montani , Aborigini . 
Ben dice Diodoro nel 4. che Atlante, e Saturno furo 
no figliuoli di Cielo in Sciti a . Atlante poi mori in 
Mauritania . Ma Scuurno empioicr duaro regnò in 
.!H w 1 cr w U4li<< . Equeiìo fìiCamefe, 
con quale Uno diuife la Tofcana, cr oltra il Teucre 
gli umbri, e prono da i loro Vrencipi nominate, la* 
nicule, da laniculo terrai tutta l'altra regioneoltra 
la Tofcana, da Camefe, Camefena . Macrobio nel u 
'àe Saturnali. l più nuoui Autori fi come duintilianot 
ufarono la f per la r, comeTurfis Turfene , arbos 
honoSiCamefes Camefena. Ver Turris, Turrens 



I 



BABILONIA LIB. V. 4* 
Arbori Honor^ Cdtneres, Cdtnerend . HclUtio cerè 
Cd Albdfu dd luifònddtd con fuoi Ahorigini , ymbrì 
und Cdtnerendy i cui hdbitdtori j Romolo foggiogò. 
I>ioniftoHdicdmdfJionH Id fecondd C dtnerend camcrt- 
pofe ne gli diti monti degliYmbri. Saturno giuRó na. 
Ttfvrmò que{li, ch^erdno corrotti . E furono chidmdif 
ti , Montdni Aborigini , d diffirentid di quei del ^ri^ 
tno in Ldtioy e ne Sabini . Ho dichidrdto quante ge^ 
nerdtionifìdno de gli Aborigini commentando Idbio 
pittore, i Irdgmenti di Cato, e ne Vbijlorid Tofcdnd 
Indigeni fono quei che ndfcono in un pdefe , conueni 
coloro che di un luoco concorrdno k l'dltro . Adue^ Cotucnl 
ni quei che dd più luochi in uno /? riducono . furono j^^^^^i • 
tre generationid* Aborigini poi che Uno uennecon Aborigl* 
TratxioftAndigeni fiirono i primi ne l*Vmbrid di To m. 
fcand in fde Vmbrone generdti, conueni i fecondi in 
Sale Vmbronej CT indi concorfero in dltri di Tofcd* 
tidjdi Sabindy e del Latio^come Senui^i terzi condoti» 
ti dd luoghi diuerfi d^Egitto,e di Libid ne gli alti moit 
ti de Id Vmbrid più gioudne . Quinto fi notd come 
dncho l^iodoro ne l'Hiiiorid libicd affirmd,che Ked, 
Bgittid forelld di Saturno fi maritò ad Uammone ^ 
Ke di Libidjilquale gidcendoficon Amaltedy che Ked 
non lo feppe^generò Dionifio libico,e mdndoUo dd ef^ Hamma 
fer nodrito in ISiifd ìfold di Numdia, perche non fuc ne* 
cideffe la matrignd. Ked diqueiìo auedut^fì^lafciò il 
marito, e fi maritò con Saturno fiio jrateUo. Biodo* 
ro ne ragiona d lungo . Seiio notd Berofo che l'dnna 
to . di N//;o Ke^ Uno trdpportòle coionie di AfriciL 



in Spdgnd, e ui pofe due colonie dal fuo pròprio no^ 
mderiudtejddciude fi nomdrono le mogli di 
fetore di CmvfaìHo . Plinio nel 4. cdp.iz. annoue^ 
Td tra le citù di Spdgnd ì^oeld, e Noegdy ò Noe^/r, 
Koela. ch'erdno d fuo tempo . N04 diede il nome dd tmd ciu 
°^S^* ù in Arabia felice . Perche Nod andò per AftdyAfri^ 
€dy CT Europa conducendoui le colonie^ riempiendo 
àlberi , S^gi, Uircdni, Sciti , Penici , cr Africdni U 
Spdgnd > e tengono anchora i nomi.Settimo nota che 
Vanno i^.di Nmo ìano uene in Italia per firmaruifì: 
ddunqi Noa detto lana era d^ anni i^68.ma auantiil 
IDiluuio n^hdueud 6oo.Ge.6 .e dal Biluuio fintai i^M 
Nmo cor fero anni i68. 'Berofo annouera dd Diluuio 
il^ Edificar di Babilonia anni r^i. indi fin' 4 Belo 
dnni da Belo à Nino ói.Aggiugniuiannii^M 
Nino, quando No a uenne à Camefe, e riefce che ìano 
haueffe 868. anni, E perciò uiffe in Italiana' in To* 
fcana^i. anni, 66/1.9. ero. cap. Moife dice che 
Noa uiffe auanti il Biluuio anni 600. e dopò j $ o. 
Ottano nota, che ìano centra ogni fuo fperare trom 
uò che Camcfe corrompeua la giouentu in Tofcana 
quantunque rhdueffelafciato Saturno in Egitto , cT 
in Libia.Dìodoro nel 4, dice che effendo pieno d^aud 
ritia^fi d^ empietà jegnaua in Libia in Italiat et in 
cilia infegnandoui queiìe uoci mio, e tuo, cr il fi*rto , 
e la rapina, l'arte magica, e {Irigarie , che ci fanno 
empi] contra iddio. ìano lo fopportò tre anni.e poi 
dategli alquante colonie, comandò,che lafciafjel^lta:» 
lidi 0 re gnaffe in Cicilia, oue egli edificò Carne fena,ò 



BABILONIA- LIB- V. 47 

Cdtnerend . Mdcrobio^o' OMàio dffirmdno,che ^^^^^^ 
no fi prefe tuttd l'Udii d. Mdcrobio nel i.dei ^jitur^ j^j^ 
txdli dice . Idno regnò foprd tuttd queftd regionejcbe 
fi chidmd Italid. ìgino fcquendo Protdrco TrdUidno 
dice egli poffedc l'itdlid con Cmefe , e co gli huomi^ 
ni del pdefe in tdl guifd^^chéttoniindto dd fe il ìdnicu^ 
lo 5 il rimdnente de Id regione fi chiamò Cdmefend. E 
fi dipinge con duefdcciej a^igndndo k Id fiid pruden^ 
tidi ch^egli fdpeffe le cofe pdffute^e preuedeffe le fiitu^ 
rt . Non comparendo poi Cdmefe/l regno tutto uenn 
ne in potere di Idno . Qifeflo dice Mdcrobio, Ouidio 
nel 6. dei fa^i dice che Idno cdccidto^Qdmefeno rim j ^ 
formò Vìtdlid Camefènd ♦ 

Vn bofco preffo di Tiberino Hilerno 
' Giace ydoueportdrei fdcrificij 
vfdrono i Pontefici, ìndi ndcque 
"Ld ninfd Crdnd , ricercdtd in udno 
"Dd molti indmordti . E poco dppreffo* ^nuO 
idno U uide , e prefi> del filo dmorc , 
Con benigno pdrldr Id fiid durezza 
Vldcò , dopoi pel filo perduto fiore 
Le die che fiiffc di cdrdine prepoild. 
^ E detto quello , le donò Id uergd 
' Cdndidd, con laqudle usò cdcciare 
Vid dd le porte le nociue ftrighe . 
Verciò dice Berofo cbe Idnomdndò dd hdbìtdre oU 
trd'l Teuere quei:,cheerdno corrotti dd Qdmefe em^ 
fio ÌA^dgp^e diede k lor refòrmdtione Crdnd, Hiler^ 
ud fiid figliuold^eKegindckttd conio fcettrOiO' 



I R E D I 

VAlbd bidncdy ch'c ifafci del Romàno imperio * CO0 
me in più luoghi ho [opragli autori da me commena 
tati narrato . Cq/J k diede autorità di uoltare i car^ 
dinijìgnoreggiare a le colonie^e castigare le ftregh e, 
Cr i magi Qamefeni. Ida l^auttorità di uolgere i Cara 
dini ,fi nomò Vertano ^cj i fua figliuola Vertuna» 
Non ti marauigliare che Berofo chiami Crana fi^ 
gliuola di lano , perche dobbiamo più à lui credere 
ne le antichità^ che ad Ouidio^che narra lei effèr Sia^ 
ta da lano corrotta , cr Omdioy ifleffo fi fcufa che 
narra co fa non ben chiara^Oltre che mcntifcono foa 
" mnte i Poeti. Et Ancho Ouidio fi contradice nel i,de 
^ ' ¥aftì che lano regnò ne l'Aurea eta^ quando non era 
fiata da le fieleragini cacciata ^tlo comenda per pu 
dicij?imo, dandogli per armechiaue^ferrature^e por 
te per chiuder le cafecontraicorrottori . Perda 
crediamo à J^ercfi) ueracifiimo. Ottauo egli nota che 
Grano . (^^^no, e Crana fiirono ultimamente generatiy come 
Cwn^ mo^ra Inalbero de la loro genealogia.Et perche sUa 
mano più caldamente i figliuoli ne la uecchiczzà ge^ 
neratiy come fi ucde nel gencfidi Ciò f: fio ^ egli li lafiiò 
habitare,cercaH Teuere^oues^era egli ultimamente 
ritirato j per uiuere con effù loro. Et fi rallegrò tro^ 
uando ch'erano profperamente crefi:iuti in Tofcand. 
CXacfti Etrufci à tempi di Berofi>^ e di Dionifio, come 
^li narra nel i. non fi chiamarono Etrufii da PE:» 
truria^ ne Turreni da qualche capitano de Udi , m4 
l4nigeni dal^Auoloyedalpadre Kazenui, cioè Sacri 
pio genitori . Qj^HÌfiqonfiderinQ difi qqf^ • Vrimd 



i 



BABILONIA. LIB. V. 4» 
ttonfcriuer Kafenui, come fi legge corrottdmente nel 
J. di Dionifio . Ma Kazenui , perche fecondo Giro- 
Idtno Kdz fignifica fiero , cr Enuo propagatore.. 
Seruio fopra la Georgica^e l'Eneidd dice, che l'ifiefi 
fo, e Vanfiluano, cr ìnuo, ietto in lingua Aramena, 
Bnuo . Perciò Rxgenuo è giaccitore facro^e propu* 
gnatore . Seruio/opraH 6. deTEntida dice . Inuo fi 
"orna da ìneo latina parola, che fignifica piui ufa* 
re carnalmente, perche fi mefcolaua confifmente 
con tutti gli animali . Cofifit detto Cam Efenuo, cioè 
Cam infame propugnatore, perciò lanochiamò fuoi Ratenol. 
figlioli fiacri propugnatori, cioè Kazenui, coir a l'em 
pietadi, cr infame lujfuria di Carne fi , che uituperò i 

matrimonij.Qi!ehbenediceuanolenòzze,efattiifi ■ 
crificij fi maritauanoE quantunque ficcando Seruioj 
Imo uenga da inuo uerbo latino,tuttamafiecondo Be 
rofio uiene da Enuo uoce Aramea,che fiignifica Dio di 
propagatione , cr compongono quefta uoce Ime* 
neo. Da ìm che fiignifica la matrice , cr Enuo , cioè '"«"c» » 
propagine,e ficonàità ufiando carnalmente . Perciò 
Imeneo ficonda la matrice ne la concettìone. Quinci 
fiuede quanto fùjfero Tofani colanti d confieruarc 
le antichttx dal Diluuio /ìn'<t Cecina vulturreno. Ne 
gUpuoteroi Romani perfiuadere,chelajciateleletm 
tere Btrufiche,piglia(fero le Latine, Come dice Cato 
ne le originile mai mutarono i loro Bei Crano,Ka* 
Zenuo,Vadimona,cr lìorchia. Come nota Uieremid 
al cap.z. dicendo à Hierofolimitani , Vdtene in Cheà 
d4r,€ ne lUfiola aiti, cioè d'itdia,^ uedrai che queUà 



neo. 



I R E C I A ^ 
gente non hd mutato ifuoi Dei, md ifrdel hd mutdto 
menePìdolo, Ne fi uol fero chiamare Ltrufli da Et» 
trurio loro principdl luocojfi come li chimaudno i 
'Romani, ne Tofcani dal ritodifagrificdre.cómedi* 
cono i Credane da Tofco figliuolo di Hercole , come 
ncid ¥e{io,md Kazenui, come ha JDionifio Ualicar'* 
Vdj^eo nel i. c Murfilo Lesbio . In Etrurid citta di 
Tofi:ana e la fónte Cdrmifi) , e la torre Kazenua dd 
, la grotta Kazenua dettayKazenuo fiumc:^ i campi 
" € la regione Kazenenfe* Nono dice Ber ofi> che Ca-^ 
/.fin-^iùK mefe partito d^\tàlia,regnò in Cicilia fecondo Biodo 
ro. Otée Rea fua foreUa uenne.e fi maritò con lui , e 
prefele armecontraHammone , occuparono la Li> 
fatumò. Co// ben dice Diodoro nel 4. che Saturno em^ 
piox^ auaro fignoreggiò in Libid,in CicilidiC^ Ud^ 
iii*^ Et in Libia generò Ofiri^cognoìntnato Gioue 
giuiìo y olimpico jBionifio.ilqu de fignoreggiò à tut^ 
toH mondo, heggafi Diodoro nel 4. cerca la guer^. 
, r-::-: ^dcircd Hammoìndca, e pur nel 4.. nel i .nel r. é 
Itti 6. cercai cognomi di cftri,pernon moltiplicare 
in parole. Decimo nota^ che ìano pofe il nome d Id^ 
fiicolo terra per confine tra lui , e Camefe. A la pro^, 
UincidldniculdyEtruridyCdmefenud^Ldtindjtd^ Abori 
gini. E pofe ifuoi confini dd 1 dnicolo Teuere dd 
rim,ldmOyArno. CXy^Hd fi* U primd fedia de le pro^ 
uincie in ìtaliafiue edificò Vetulonia Metropoli de le 
fittd.o' ^gli con 11. Lucumonifacer do ti mitrati {ìa^ 
Udjinfegndndo le diuine cr humdne leggi. Vndecimo 
notdUerofo chtVdnno\^$, di NinoMb^^i^^ ^ ^^^W' 

no Qdfpio 



BABILONIA LIB. V- 49 

no Cdj^io prepofìo dd Uno d Cdj^ij, Bdttridni , & 
Armenijjemcndofi di Nino, fuggi in Itdlid d ìdno. 
làd Siene dlqudnto tempo in Ponto Bufino i mird^ 
re ({Udì fujie Vdppdrecchio di Nino: e prepofe d ?At 
menid "Bdrzdne fuo figliuolo. Biodoro nel dice che 
Nino per dnni 4o,dcco{iumò d la guerrd quei rozzi 
popolile gli riufci, come ndrrd Trogo e Giurino nel 
principio. Biodoro nel r dice che Bdrzane fi ft in^ 
contrd d Nino con Cdridoni, ddndo fe Sleffo, e l'Ar^ 
menid in potere di queUo , e perciò non fìi dd Nino , 
che odidud fierdmente fuo pddre uccifi> . Dwo* 
decimo notd Berofo come Dionifio prefe le drme, cdc 
ciò di Libid Cdmefe^ Ked , e li coSlrinfe dd hdbitdre 
in Cdndìd. Adottdndofi Gioue GiuRo ofiri,e ddndo^ 
glit regno d'Egttto.e molti cognomi defcritti dd Dio 
4lord^nel 4. e ne/ 1. nomdto giufìo, perche giuHs 
mente fìgnoreggiò in Zgitto. Viodoronel t.ei. E 
perche fignoreggiò i tuttofi mondo premidndo i buo 
rti,ecdftigdndoicdttiui, Tii odoro nel 6. Muoue^ 
fi quiui md quifkone come puote Minerud fdn^ 
ciuUd effer' efpofid, efjendo già Bionifio ne retd ui^ 
riUyleggendofì di contrdrio che Minerud gid grdn^ 
diceUd con Arifleo fuo padre nodri Bionijìo. Dio^ 
doro net ^^.fi rifponde che /wrono più Minerà 
$ie. E fi come gli hw)mini udlorofi erdn nomdti 
Hercoli, cop ogni donnd trouatrice di qudlche mi^ 
Ydbil dono , fi chidmdud Minerud . Noi di molte, 
ne nomindremo tre. Ld primd ft4 figliuola di 1 dpeto 
Atldrtte Mduro^dcttd Mirind: cojìeipofe nel'Oced^ 

G 



*X I R E D I 

M le Corgoni,AmdZoni^he durano ftti'ai hord,co» 
tnenarrdtio gli SpagnuolìMuicano cerca fafrica.Le 
qudiAmdzoni furono affai tempo prima in Libia che 
in Scitia.Biodoro nel ^.Queflafii nomata Mi«cr«4, 
Tritone e Libica, non perche ui nafceffe, ma perche 
foggiogò con arme,Ubia^ numidia, TritonidcBio* 
doro nel 4. oue nomina la feconda Minerua Tritoni* 
de figliuola à'AriSeo Irf^udle nodri Dionipo . De là 
terza non fi fa il padre, perciò fìnfero i Greci quel* 
la effer nata del cerueUo di Gioue . Berofo di queSta 
dice, che fìtej^oHa,eda Dionifto Ubico adottata,^^ 
figliuola con Ojìri fanciullo , cr effa infegnò 4 hìbi* 
ci Vane de la guerra . Hafce un'altro dubbio , Dio* 
doro fcriue, che Dionifio libico tolto feco Gioue,oue* 
ro ofiri pafiò in Candid contra Saturno , Kea cr » 
Titani, per liberare ìiammone fuo padre , cr uccifè 
tutti i Titani Ubici . E nd t. e nel s.Bro dice che 
Cfiri hauendo trafcorfo per tuttoH mondo,fii da Ti» 
tani uccifo . Come effer può che Gioue , giuSio fan» 
ciuUo injieme con Dionifìo uccideffè i Titani , fe egli 
g»<t uecchio fii da Titani uccifoi Si rifponde co Dio^ 
nifio neU.ch'egU uccife tutti i Titani,ch'erano iti i'B 
gitto in Candid cetra Hammoneima non riandarono 
tutti, e quei che ui rimafero, prcfd Voccdftone,uccife* 
ro Oftri . Terzodecimo notd Berofo, che quando a^ 
pdrue Minerua uirgine efpofla,a' Ofrn, Qioue giù* 
fio andò in Egitto partendojì da Bioniflo, Uno infe* 
gnò 4 Kazeuui,cioè Etrufci Turreni , come accenna 
Halicdrjidffeo nel primo del nome KdzetWd pdrlan* 



BABILONIA LIB. V- fo 
io . BgUinfegnò ¥ificd,Teologi(i,A^ronomidje l'ittn^ 
iouindre, cioè come fi hdueffeno gli oracoli^ ìnfegnò 
i riti de facrificij , e ritudi, cioè fecondo Fedo i libri 
de gli Etrufci,nei quaifi dimojlrd il mondo dif(Xcrd%, 
re le cafe.gli orutorij, i tempij,le cittd gli ej?erciU,& Rituali. 
dtrecofefimili.Uubitdp dnchord fe KdTienui dm^^ 
nideRrdti ne le lettere , ufàrono di Sciti d, e Cornerò in 
fegnò loro lettere, e leggi quafì fubito dopo^l Diluuio^ 
in che modo Idnopddrequ^fi dopò N/no in fegnò i 
gli IBtrufci lettere, c leggi. Si rej^onde [dcilmente^chc * ' 

ijuei rozi huomini non dnchord fi ddUdno ordindria^ 
mente d le lettere di Tilofofid, ò Teologid, ne le fcrU 
uedno . Non hduendo publicd fcold, dettd dd Armeni 
cumUhio.cioècontrdiìodidue letterdti Soridnilo 
chidmdno cum lechid , perche cuit , e cum fignificA 
due, chegiuocdno kld lottd. Md dicono Tdmuldiiliy 

che u'ciifjvrentidtrdìechidy et Ichid come trd coni ^ ^' 
munCi t pdrtxcoUre^cofi dffvrmd Giroldmo ne le in^ 

ierprettdtioni . Md dicono , che Ichio , c contra{lo 

de letterdti detto dd noi dij^utd . Euui dnchord un 

luoco in Tofcdnd non lontdno dd Etrurid cittd , no* 

mito Cum Ichioj cioè luoco delGimndfio , ìuierdno 

ifdcerdoti egli indouini di Tofcdnd^i dottori^et pre* 

pojli di Gimndfio, trd iqudli regndndo TdrquiniofU 

iìluitre Cdleno oUeno d cuimdndò Tdrquinio dmba 

fcidtore , per f xper Vinterpretdtione cercd il cdpo 

troudto in Komd nel cdpitoglio . ?linio nel lib. z8. 

dice ìndi chiammidmo tuttoH pdefe Cdnichio , e Cd^ 

pitoglio fin^d quejli tempi • ciudrtodecimo notd Ee* 

G fi 



1 



I RE Et t » 

rofo,chePdmo 49. ai Nmo,lfcero/ìgK«o/o iiluha 
regnò foprd Spagnuoli i quii à<i lui furono chamd* 
ti Iteri, e come Birzàne tùnto, hebbe U pace Ad Ni» 
mago, no, come dicemmo, e tìodoro fcriue nel r. Mdgo /e. 
condo Re in francid, e uoce Sciticd , Uquale ttfdudm 
no i frdnciofhperche nò hdueudno dnchord U ?erfià 
ttd. Ferfuni chiamino Mdgo «7 filofofo , md Setti 
„„ ^ pronontidno mgog , cheftgmfìcd Vddgio coperto, 
Salaci, e Mdgdel torre. Mdgo quiuipgnifìcdedificdtore dt 
cdfe,e gouerndtore,perch'egli |m il primo, eh' edificdf* 
fein frdncid cittì je tetti . Uche fi uede,che molte ter* 
re ne Vdnticd lingud frdncefe fi chidmd id quffìa 
uoce Mdgd fecondo Tolomeo : in A<^uitdnid Houio 
mdgo, fu quel di Ueone, \<ieomdgo,V.etemdgo, Nù» 
mdgo . 1» Belgicd dcbord Kotomdgo , Berberomd* 
go, e Breuomdgo .Bneld GdUd lidrbonefe, Vinio» 
mdgo, e lieomdgo . ìndi chidmdno Giuliomdgo, e Ce 
fkremdgo, le cdfe, e terre di Giuliocefdre - Tolomeo 
de Id Trdncid . Adunque le cdfe, e le cittd fitron noma 
te dd Mdgo, e non Mdgo dd queUe. Si come dd Uno- 
primo gudrdidno di pudicitid , e confèrudtore dt te 
porte fi deriuò ìdnud, che Unudfignificd Id portd, e 
mn Idno d/i ldnud , perche non trd dnchord Id Un* 
gud Ldtind . E pdrtito Cdmefe,trouò le porte contrd 
i Iddri notturni, perciò jìt dd gli dntichi nomdto Dto 
de le porte . Tarimente ìbero t. Re dt Spdgnd: diede 

Aero. ''l'***'* ""^'^^ ^'^ ' Cdntdbri,et 

- ' rf pie del pireneo fotto ferrdrio promontorio entrd 
tiel mdre Bdlcorico , come fcriue il noflro Alberto 



.j 



BABILONIA. LIB. V. tt 

mdgno, z^tid ndui frequentato, fecondo Vlinio.Som 
linone Diodoro nel 6. Virgilio nel jMomind le udcche 
Ibere . Indi hebbero il nome Celtiberid , CT Iberid • 
Tuttduid coftuiprimierdmetìte pofe le colonie ibere 
in Scitid foprd Armeni d tra colchi, klbdni , e Cdfpìj 
Hordtio dice. 

Herbe che mdndd Colchi , er dncho iberid* 
Di feroci ueneni affai feconda . 
Virgilio nel 8. 
Con ueileudgameKti ricamata 
Ter ferrigno color d'iberia chiaro . 
Kdcheegliconduceffein Spagna colonie Scitiche^ 
Ibere, Verfìane , e Soriane, lo moflra Marco Varrò 
che dice Iberi , Verfidni, Fenici , CeW, et Africdni e/i 
fèr uenuti in Spagnd . Come ndrrd Plinio nel iber 
fecondo TamuldiUi in lingua Ardmed fignifìcd pur^ 
gdto con nubi, e pioggie. Greci lo chiamano Vmbro^ 
àccioche tu intendi che i primi Vmbri uenuti ddgli 
Vmbri di Scitid, tennero tuttd Id Spagna,come dccet$ 
nd Plinio feguendo varrone • 

IL (ÌVARTO RE DE GLI 
A S S I R I I. 

REGNO» dipoi in Babilonia , Scmiramis, hCczlo^ 
nita di Nino moglie anni 41 . Fu coftci per mili- 
. ria, trionfi, ricchezze, vittorie, 6c imperò , innanzi 
i tutti famola. Fece ella qucfta terra grandifsima Città di 
maniera, che puofi meglio i firmare lei hauerla edificata, 
ch'ampiata . Non u'c huomo che fi pofsi ù quefta fcmina 
agpagliare, tante magnifiche c grandi opre, <& à fuo biafi 
«o,c /pecialmcntc i còmcndatione fi dicono, e fcriuono. 

G {fi 



I R E 15 T 

SARE&6e fouerchio trattdre copìofdmente ài 
Semirdmis, leggendofene cofx k lungo in Trogo.Qiu^ 
flino, e Biodoro nel 3 ♦ che feguono Bcrofo , e da Ui^ 
ftorici Ldtiniy e Greci . lio ter otti questo commento 
per lefdcre lettere,ch€ Biodoro nel dice che Semi^ 
rdmis ndcque di Ikd Afcdlonitd , nomdtd Bircete t 
cioèmd7:dpefcie,efit nomdtd Semirdmis, chefìgnifì^ 
Cd in lingud Sird uueìli, de iqudli eìld nodritd, CT 
fpeci dimente Id colombd ne Uqude fi conuerti morett 
do d^dnni 61. hduendcne regndto 4*. fecondo Cteftd 
Gnidio . Moflrdno le fdcre lettere due cofe . Vrimd 
cheld Ded d'kfcdlonitiinlingud Viebred ftchidmd 
Ddgon, cioè pefceie GiroUmo meglio interpretd pe^ 
fcie di Amdninconid.E queBo meglio fi confd coti BÌo 
doro che fcriue come qucfld Dea hduendo partorito 
d'ddulterio Semirdmis,p uergogndj^ mdninconid s*df 
fógo in m IdgOy e mutoj^iin pefcie, chefìtdd 'PdleiH^ 
ni tenutd per Ded . Ld feconda , e che Bdbilonij non 
foto teneudno Semiramis^ cioe ueceUoy ò colombd per 
tdificdtrice de ld cittd :,md VhonordUdno per Derf, 
come Komdni Komolo.VLieremid predicendo^che BS 
hilonij uenirebbono a defertdre gli Uebrei diffe.Yug^ 
gite ddudnti al coltcUo de ld colombd. 

L'Anno primo di coftci partorì Rhca di Chcmcfcnuo in 
egicto,Giunonc , Egirtia, detta Ifi Mafsima de frutti, c 
le leggi inuentricc, forella, e moglie d'Ofiridc • 

D I O D O R O nel primo, e fecondo con Vlinio 
nélj.mdnifeiid perqualrdgiontìfi Bgittid hebbf 



BABILONIA LIB. V* ft 

^edi cognomi.et dfjvrmd che in utid colonnd trioni 
fdle in Egitto erd con fdcre lettere fcritto . Io fono 
jfi regind di Egitto dmntdejirdtd dd Mercurio • Hin 
tno fcioglierd quello ch'io hdro con leggi ordindto* 
lo fono moglie foreUd di Ofm ♦ Io fono Id primd in* 
uentrice de i frutti . Io fono mddre di Ori Re. E po^ 
co di foprd dico Sdturno Vigliddofi per moglie Id jò 
relldRe degenerò C/?ri> ìftde^chidmati dd gli Bgittij^ 
t dd gli dì tri Giunone:^ Gioue,che ftgnoreggio k tut* 
toH mondo . Mentirono ddunque egregidmente i Cre 
ci con Orfeo afjvrmdndo ch'aio Grecdfigliuold di Ini 
co dd Venici uioldtd fuffe ìfi regind di Egitto • Md 
Herodoto^e DiodorOyGreci fcrittori s^dccoildno d Be 
rofo^et d Vdnticd hiHorìd Egittid. Ldfcidndo dd pdf 
te le buggidrde finzioni de Greci ♦ 

L'Anno mcdcfimo Sabatio , Saga , venne di' ponto 
in Italia da lano padre, ilqual raccolto^ dopò alquanti an 
fii Io creò Corico , ciol- Prcncipe , e prcpofclo à gli abo« 
rigfni* 

L'Anno tf". de Scmiramis , Manno di Tuifconc figlino^ 
lo regnò ne i Sarmati prcflb al Bhcno, e verta di lano me», 
glie ne gli lanigcni Razenuijinfegnò ella à le vergini fani 
ciuUe ì confcruare il fcmpiterno , c fagro fuogo, 

I^'Anoo u.di Semiramis Sabatio Saga regnò con lino 

B E R O S 6 uoltd il pdrldre d ritdlid,cr d VA* 
temdgnd e ci infegnd tre cofe primd d che tempo U 
Alemdgnd ubidi di fecondo Re^Sdiurno uene d t*inuer 
natd k Idno^e Vejld infègno^CT ordino legioudnette 
VcfidU Tcfcm dd'mno* Hemrot jìn di fe^o 

G iiii 



I R B Di 

ii Sentir dtnis Jì computano unni 1 6^ . nei qudti regni 
*Tuifcone gigànte jmai Re Babiloni huomim fdn^ 
guineiye:^ ingdnndtori non perutnaro fecondo il pfd 
mo k U meti di quejlo tempo, Cor nel io Tdcio aj^r^ 

Mn no i cofiumi di Germameyche MJno fuccefjc k Tid 

fcone,e dd lui prefe nome /'A/weo,cr il fiume é^lemdtic 
no Me in Scitica fjLUoU fignifica dlueo fecondo i dot^ 
ti TamuldiUi.percio Alemdmw fi chiama VAlueo , cT 
u7 fiume Alcmanno^e^ indifiiron chimatigli Alcmdn 
-ni. Adunque i Tulfconi fon figliuoli,c gli Alemanni ni 
poti di Cielo cioè dcPantico Imo e di Vefla Quell^ani» 
^ no Vefta infegno k le uejlali,come dicemmo.^' iftitui 
il fdcrificio fempiternOyilqi*ale commdndò iddio k gH 
•Jìebreijche offtruaffero di continuo. leuitico c . 1/ |wo* 

Palladio <^'^àerd femprenel mio dltdre. Vedefi in Yetuloni^ 
* un intiero Valadio fatto da imo e Veiia^e con fempi^ 
ierno jiiocofacrato^comemanifi:Bano le ceneri che 
dnchora uifono.e:^ il titulo fritto con Tofane lette 
rejie quali ho riportate ne le ^7. refolutioni, Macro-^ 
bionet i.dei Saturnali dice cheSdbdtio uenuto con 
ndui al lanicolo fii da imo antico benignmente rac^ 
colto e per fuoi meriti creato Corito cioè Gioue afid:^ 
to dettali a. Ver che i primi Re fi chiamarono Saturni^ 
Cr ifucceffori Gioui.Tofcani li chiamarono poi Gio:^ 
ui Coriti , cioè Uaftati dice Macrobiòne i Saturnali, 
che Tofani chiamarono Itum , cr Uimla fiducia 
Cioue , ouero Gioue j e Giunone fi come Egitii ifictn, 
cr ìfim.chiamauano Corina , lia{la,e Scetto , Sabini 
CurhBj)mani quiri,percio gli antichi Komani chia^ 



BABILONIA. LI B. V. fi 

ìfidròno (luiriti i Gioui hdftdti e corondtiyche goutt 
nauano U Kepublicdjperche dudtìti Komulo i KeupL 
Udtio per CorondVHdfld^elo Scettroficondo Tro* 
go c Gìuflino nel lib 4r. Vrimierdmente ddndolo peT 
compdgno i Crema fudfiglioUJo creò Corito de gli 
Aborigini.per ritenire meglio ne U quiete queWinettà 
generdtione con l^dutoriù del pontefice e per dccre^ 
fcerlì Id potefìd , Idfcio che pdrtecipdffe con lui ne là 
potentid.Niacrobio u^dggiunge^che Imo fe lo fece coni 
pdgno^nel regno^perche infegnò Vdgricoltur^^ 

L'Anno 17. dì Semìramls Sabacio Saga infegnò TAgrl^ 
colcura,& alquanto di rcligiofb culto. 

CI Muoue dubbioyche hduendo Idno fecondo te fi 
ere lettere infegndto l'dgricolturd jl uino e Id religio 
ne,il che djjvrma Berofo e Fabio pittore^come la inft 
gnò in Itdlid Sdturno.Cdj^io giudice ìdno^e Camoro 
hduemoprimd infegndto il tutto. Non pure ddunque 
uerifimile.che Sdturno regndjfe con Uno non edifici 
ne diede il nome dd dlcune terre ^come erd coflume di 
chi cominci dud d regnare.Nefo dd lui chidmatd Sd^ 
turnidtuttdl'ltdlidne hebbe l'hurHdtìd generdtione 
benefìcio alcuno uiuendo lui anzi t dtio morto Satura 
nochidmòl'ltdlidSdturnidjCome dice Mdcrobio feiS' 
guendo Igino Trdlidno.Kefpodcft che \dno padre in 
fegnò Id femplice^e rozzd Agricoltura di uiuere^Cf i ' ^ 
Hare in effercitio baHante.md non d la uita uoluttUo^i Itiemld 
fd.Nia Saturno Cafpio infegnò Àmieder più facilmen ^^f^J^ 
tc,poddrele Vitine gli Alberi trouò le fdlci dd ftenù f^^^^ 



Saf Urlila^ 



IRE DI 

8d mitre fi poddre.pcrcio fu nomdto Tdlcìfiro^dli 
cendo Ouidio^Saturno^CdccUto dd le fedie de Celicoliy 

Cclicoli ^^^^^ ^ ^^^^ '^^^ efponere per celicole fedie quelle di 
' Grecid md di Scitid^cioc de i generdri dd Uno^che fu 
rono i primi in Scitid.Keplicdndo ddunque in breuit4 
Idno primo infegnò id fempHcc e rozd Agricolturdf 
md Sdturno infegnò Id diletteuole e giocondd* Mdcro 
hìo ndx.de Sdtuundli decenne quefld rifpoHd dicen-^ 
àoAdno hduendo Sdturno mutdtoinmeglior {Idto^ 
quel roxo^e feroce modo di uiuere dudnti , chefiiffero 
conofciutelebidde.o'infegndtogli t'Agricolturd jfc 
lo fece compdgno nel regno .Cere d Id religione Bero 
fo dice.che egli infegnò qudlche pdrte de Id religione, 
ncnldreligionefi queUdinfegnò^non gid d dotti^ind 
celicoli è iMgeni.ò d Id Tofcdnd^d il hdtio rozoji 
Cdmerti-iVmbri^indocili* 
VirgMel 7*dice. 

CoRui difpofe dd un uiuer ciuiU. 

E diede legge d queild gente rozd. 

Indocile fi difperfd in diti monti. 

E perche s\rd trd coflor ndfcoilo. 

'Ldtio uolfe chidmdr que^o pdefe. 
nt i fdlfo , che Sdturno nel piglidre il regno non 
ntdnddffe le colonie^nomindndo dd fe Beffo più luos 
Cafpcru g^i'^^^zi dd CdfpijyBdttrij fud pdtrid nomino Cdfpté 
U. Id e dd Sdbo fuo figliuolo i Sdbinifi dd fdngni^fdnctus 
-Wx). dd Ldtini detto jc;^ i luochi fdnguindijfi Sdbdtri dnm 
cord uifonojCT dnco i Curi ddl nome del^duolo^di Gd 
fperuld fdncto dutore de Sdbinifi Sdbo^che loro ditm 



BABILONIA LIB* V, ^4 
ie il nome. S ilio Italico tid 8. dice. 

Parte cantaua di quel lieto Sancto. 

Auttordelafuagente.e parte anchoTd^ 

Taceuanrifuonar di te Sabeo. 

Le chiare lodi.perche dal paterno. ' 

Cognome nominaiìi li Sabini. 

Di cafperula poco aprcffo dice. 

Indi deriua l^Amite^na fquadra^ 

E Cafperula detta da gli Batti, 
m Cato ne le origini dice , che Sabini non p ncmdno dà 
Sebone come fognano i Greci:,un da Sabo figliuolo di 
Sangui^perche Sabatìo hebbe tre cognomi da fuoi cu 
reti^da Sabini e da Tofcani. Per la fide e religione fi 
nomato Pifliojn latino Fidiusperlo partecipare nel p,^.^ 
regno ìanOyfemipadreefmiKe da faga patria^fangi f \^io. 
tome è [colpito ne marmi ouero [angui come [criue Sangnf. 
Cato^ profirifcono i To[cani Sangtus^ ò Sanctus i Sangcai 
Komani Guidi 0 ne i[afìi. 

Cercaua fedouef[edarlenout. 

A fangroÀ fidio^ò pmipadre ci te: 

Santo mi dif}e à qualunque di qucfli. 

Le doni , a me uerra quefìo pre[ent€. 
^ Percfce uol[ero i curi di tre nomi* 

Ornarmi.perch'io fùffe iìluflre e chiaro», 
Saturno adunque la[ciò memorie inuitifiime di hauer 
pre[o il regno de la [ua origineida Ca[pìj Ca[peruU 
da la gente Saga ti fiume [agninaia uicino ad AgiUa^ 
t la Sagninaia regione.prefo al tempio^CT ài logo V4 
iìmon€:€ poco di [opra Sanguina preffo àcdeno.U 



T R E D 1 

perche fecondo Berofo e vderio Mdji.nel ixdp.i.Sé 
bdtio fÌÀ figliuolo di Carene Tofcdni deriuitio dd Cu^ 
ri i Udirne Id regione Chidno k noi uicind^e ne i Sd^ 
bini. Cure ¥dbricò le terre fopradette dal nome de fa 
uolo.E qudntunque fecondo Ouidio U terrd in Sdbini 
fi chidni Cure^ in Tofcdnd d diffirentid de Id regione 
chidmdjtd chidmdrono Curi ChidnOjnon Cocledno^B 
perche intendi come Sdbdtio Cafpio regnò con ìdnoy 
e non il f duolo fo Greco Sdturno ^egli ddl fuonome 
chidmo Sdbdtid Id regione dd idnicolo fm^dl mdre, 
€ dd le fi ci ddl Tenere fin' di fiume fdnguindix , uicino 
4 Cure uecchid Id prouincid Sdbdntid è in Tofcdna 
uicind i Komd e preffo di mire fecondo Strdbone.c 
SiUio nel S.fco^dteui ddunque o profdni Greci ddl 
terreno Tofcdno ^perche non ci defti dlcund dnticd o* 
rigine, ne dncho i Sdbini , CT udite il uerdce Hero^ 
fo che dice. 

L*Anno vcntcfimo fecondo dì scmiramìs, Sabati© prc- 
pofc Sabo à Sabini, «55: à gli Aborigini,& egli pres/o,al La- 
niculo fi dcdc al diuino cuIco,& iui morì . L'anno ; 4. di 
Semiramis, lobaldo figliuolo di Hibcro regni ne Cclcibe- 
ri ^rc/To ad vn monte dal Tuo nome chiamato • 

NON udiremo ddunque i Greci cercd le origini 
i^ltalid.edi Tofcdndyperche SabdtiOyCdfpio figliuo 
lo di curi generò i Cureti, Itdlidni, Kdzcntdy Tofcd^ 
ni dd Idno co Crdno fuo figliulo^ dd Comdro figliuo 
lo di Idpeio hebbero l'origine. Sdbo generò i Curiy e 
dd queili fcefero i SdbeUi, detti dd i Komdni Sdnniti, 
e da Greci Sdrmdti Plinio nel 5 .Vdrimente gli Alems 



BABILONIA IIB* V* fi 

Hi non hebbero origine dd Taulofi, Greci , ma da 
«0, c Veiìd, onero dd Qielo.tterrd con Tui [concio^ 
ro figliuolo, fecondo Berofo.el'UiUoridAlemdnnd. xicmain 
Tdcito delfuo, e coHumi de Germdni dice. Non heb^ ui. 
hero ¥rdnciofi dd Greci, dnzi d lUncontro Greci, eir 
Afid dd Franciofì le colonie lelittere , e le difcipline • 
Tdrimente Id noftrd Spdgnd non hebbe Yduolofi prò 
genitori hufo, Herco/e, Vdn, cr dltri Greci , perche 
fono cofefduolofe^efchernite dd Vlinio neh. md con 
me egli dfjvrmd feguendo Vdrrone Berofo, e lefdcrc 
lettere, dd Sciti , ìberi , Siri , Fenici , dd lubdle detto 
Tdrdccone,dd Ibero, e dd ìubeldd terzo Re, nonidto 
hord dd Berofo.cr è nome compo Ho di lub. E/, Ed<< 
chefd ìubeldd, in "Latino fignificd Mdgo di Voluttà 
deificd, cioè Filofofò e teologo, perch'eglifo il primo^ 
che dumentò Id Teologid,e ^celd grdtd d SpdgnuolU 
Ciroldmo,cr i Tdmuldifli dicono che lobel fignifìca 
Mdgo di D/o,cr Eedd delitie . Egli poj^ede un monm 
te cere d Be ticd imprej^o in Tobmeo corrottamente 
Jubedd,hordin uolgdre detto Gibetdr . Mdlegdfl 
con Berofo ìubeldd, ò ìobddd. 

2AMEI Q.IVINTO RE DI 
BABILONIA, 

ZAMEI Ninia di Scmiramis figliuolo r«ltediBa« 
bilonia anni jg . regno . Coftai fu nel regno di poc« 
nome, ornò de Dei i tcmpij, <& ampio i Caldei. 

r I Odoro nel \.a^rmd , the Uino Zdmei ndcque 



T RB DI -T 
poco dppreffo U morte patertid^e perciò Semirmi$ 
ucfUtdfi dd huomojgouernò il regno fecondo Trogojs 
Giustino. Hebbe curd de U religione accrebbe il nume 
ro de Caldcifdcerdoti dedicati d Teologia^ Yilofofid^ 
tt Ajlrologia.Md lUuSìrò poco Id militi d.Giuilino di 
ce.Nino figliuolo di NinOje di Semiramis contento del 
pdterno Imperio Idfciò dd parte U guerrd^e come 
s'hduefje mutato co U madre il feffo^ rdre uolte fu tr<t 
gfi huomini ueduto^dnzi inuecchiò con le fimineXio^ 
doro nel queSto dcconfente dicendo.LAortd Semi* 
ramiSjjùo figliuolo fece pdce con tutti non imitdndo 
Id mddreydnzipàj^ò Id fud uitd rinchiufo nel pdldgio 
ira le meretrici^e gli Eunuchi in delitieynon fi lafcian^ 
do uederdd gli huomini .Ma Idfci Berofo BdbilonidiC 
rdgioni de le cofe nojlre dicendo* 

L* A Nqo primo di Zamei morendo Sabatio lano padre . 
vccchifsimo fece Grano Tuo figliuolo Corito,(S: indi à g.aa 
nicflcndod'anuij 5-0. mori. lanigeni chiamandolo Vor- 
Cumno,gli rizzarono vn tempio, dandogli^comc era conue 
ncuolc^i diujui honori. 

Sabatfo -M Acrobio ne Sdturndli teSiificd che Sdbdtio mo« 
puorc riprimdchelano jilqualeper honorarlo doppo la 
morte, fece chiamare Saturnia tuttdltdlid . E ne le 
monete impreffe da una banda la Tratterà di Saturno 
SabatiOfddt'dltrdldfudpropidfdccid i defcendenti 
imitandolo fòrmarono una naue di metaUe teSlifìcdn 
io il uenire di quel Re fòrad ero. Berofo fi confd con 
_ ^ lloife cerca l'età di No4 iopoH diluuio.Et indi fegue 



i 



BABILONIA. LIB. V. 

(hequ'fl'anno Abraamerddi $8. dmi,perche tinti 
Jt computano dal 45 .amo del primo liino,nel quale 
nacque Abraamfm'al ottauo di nino il giouane quan 
do Uno mori.E quiui fi riprendono i Tamuldifii cor 
rottoci de le facre lettere , iqudi affermano ì^emrot 
dopo la morte di Noa hauer edificato la torre di Brf- 
tilonia^ tuttauia ìJemrot mori Panno $. auanti que* 
Ito ninofottoH quale mori Uno,dnni no. computati* 
do gli anni di Belo antico M nino, di Semiramis, <^ . 

Carnei figliuolo dinino^OuidioyMacrobio^cr altri 
narrano quai honorifiirono 4 Uno morto a^ignad' 
da Tojcamjo chiamarono con nmediuino , e germe 
dt giu^itia^perche uiuendo lui,n5 fi, cacciata del mon 
do la giuStma dalamaluagitl Lo chiamarottoueb, 
e Cielo fempiterno,che cuopre,e rege il tutto,cr altri 
tal nomuBi Vertunno dicemmo fi>pra la uertunia di 
propertio quai nomifiano in quella uoce comprefu 

QVEfto anno Ofiri ha.iendo con la forcHa eiouanerfa 
titrouato . formcnto,& i frutti,coii,incii,ad infignarc l»a ^ 
gncoltura ,n Paleft,na.lndi tornando in Eg.tto , l'aratro.k 
C.Ò che all'AgricoUura fii n,cfticro.andè ptr tutto il moa. 
«Jo^olcgnando i fuoi trouamcnti^ cefi a tutto'l moudo fi 
gnonggii fuori che à quelle genti , che a Babilonii 
uooidiuano. - • # 

^ QViuifi Mita per quai ragìone,ofiri quafi d'ait 
m 6o.cr ìfi di 50. trouato l'aratro , cr i frutti fiano 
chiamati giouanetti non pure da Bero/ò,cr da E«t« 
tij,ma da latini anchora, 
Virgilio nella Georgica dice 



I R E D I 

nfdncìulmoBrdtordcVunco ardirò 
'Btdticord dice 

Cererfu qucUd^che moftrò U uid 
' J^ifindere il terren^co^l duro firrOy 

Solucfi qucfio dubbio per (lucilo , che e foprd detto: 
Òot che chi uiueudno Veù de i gigdnti^erano chiama 
tifdnciuUi didimi 700, di 4,^0, gioudni uiriliji 600. 
Uecchije più oltre decrepiti:^ moilrerd herofo, che \fì 
Uiffe dnni óoo.feguendoH etd dei gigdntìAp, er o/ìrf 
troudronoil fòrmentod cdfo e compre fdne l'utilità 
Vinfegndrono k mortali ^ perdo fiirono tenuti Dei , er 
imperatori del mondo, Diodoro nel i i.e f . Perche i 
Qdpitani fdceudno d mortali qualche benefìcio, er dna 
tmuti De/,cr Imperdtoricofì Gioue giudo ofìri jì^ 
gnoriggiò a tuttoH mondo^alqudle con la foreìld fece 
djfdi benefìcij idndò per tuttoH mondo cdjligdndo i 
i cdttiui^e premicdndo i buoni. Biodo ro nel d\.Àlqudle 
^^'q^' nel i.dice cbe in und colonnd trionfdle in Egitto fi leg 
ge Sdturno fumo pddre più gioudne di tutti i Da .lo 
fono O/in Re,cfcc anddi per tuttoH mondo fina i ter^ 
mini de i deferti ìndiani.Anddi dncord in Settentrioi^ 
m firì^d le fonti di ìflrOyZT dltre pdrte fin^d l^Ocedno. 
Non Idfcidi luocQ nel mondo.oue io non anddffe infe^ 
gndndoui le mie inuentioni. TibuUo in breuitd comn 
prende le molte co fesche egli infegno e dice . 
Ofiri il primo fiiiChe con folerte 
Hdno f^ce Vdratro.zf il terreno 
l^^ffe coH ftro,e diede primd i femi 
A Id tcrrd inej^erta,e poi raccolfc 

Vi 



BABILONIA LIE. V- $J 

te gli diberi non ben riconofciuti 
1 dolci pomijegliinfegnò appoggidrc 
Ld uite di pdlo,e con Id durd falce ^ 
Tagliare del terren la uerde chiomd* 
Sdbdtio adunque trouò la falce, o' Ofiri infegno il 
modo di meglio ddoperare, ma in diuerfì tempii cr ^ 
poco a poco fecondo BeroJo.Epuote egli hauer infe^ 
gnato in Paleflina a Samo detto da Uebrei MeUhife^ Jam^ 
dechyCiceKedi gìuftitiaych^é qu.ifìun^epiteto di la* Melchifc 
^ no. Samo uiiffe to o. anni dopoH diluuio fecondo Moi 
w fi^ perciò egli uiuea d quefto tempo.E perche era fa^ 
cerdotedi Dio dltijimo^gliè fòrte drgomento che egli 
per i primi pdnitrouati in Faleilina ^ rende ffè grdtie 
d DiOie:^ ordinafje ilfacrifìcio di offerire il pane e\ui 
no. Ver che dal trouamento del pane gli huomini fiiro^ 
no ritratti da ucciderfi infìeme. Biodoro nelt^Efejìm 
guraud che con Id morte dd Me^id , e che coH pdnt 
dei fico il mondo farebbe liberato da la ceccità de le 
jdn mate Berofo poi fi uoltd k VEuropd dicendo. 

Kcgnà \ quelli tempi, Sarrone ne iCulti,il quale per raF- 
^enare denuoui horaini la ferocità, ordino,publichi ftu- 
idi) de lettere , fignoreggiò Tuifcoai iogaeuonc* 

1/ nome di Sdrrone moiird che i dotti Frdnciojì j^^^j, 
fì^rono dd lui chidmati farronidi Biodoro nd 6 Ài lo 
ro diceeSono Apo, Celti ^Teologi e Iilofofi detti Sdr^ 
ronidi molto da quei popoli honorati.Vercheejìi co-* 
Humauano di non fare Sacrificio alcuno^fe non u'erd 
un Filcfojòip arendo loro che fi debba facrificdrc per 

H 



I R B 15 I 
mezzo di coloro.che fanno de U diuind ndturd.Si co 
me huominipiui Dio propinqui.Eche ft dimandino 
dd i Bei il bene per intercej^ione loro. Non però cre-^ 
didmo che mXcaffeno di lettereAi Yilofofìd.e di Theo 
Scole de lo^^ iTrmcioft dUdnti Sdrrone.perche s"c ditnoSird I 
Franciofi io chele hehher od tempo di Sdmoteo.Nid fecondo g 
Berofo non u'erdno le publiche fcole,le qudi fole ud^ 1 
gliono d mittigdre U ftrocitd humdnd. A queflo tem 
po fU Re in Alemdgnd ìngdeuon y del qude s'c detto 
ne le genealogie . Tamuldifii dotti interpretano per 
ìngdeuon cdpreto , perche egli a la Scitica infegno 
hdbitdrefeparatamente. Tacito dei coiìumi d'Alta 
manni dice.Gliemanifiilo che Alemanni no habitdno 
cittd.ne in cafe unite und d l'altrd.h abitano diuift una 
famiglia da Valtrd come pidce loro und fonte un cam 
pOyOuero un bofco , Ydnno i borghi non uniti , con le 
cdfe come ufiamo noi, md ciafcuno circondd di gran 
fpdcio Id fua cdfa ò per [^ignoranti a del fabricdrcyò 
per timore del fiioco.Non ufano pietre calcerò tegole^ 
fabricano di legnami non lauorati. In alcuni luoghi 
impidflrdno con terrd , tdnto purd e Idmpoggidnte^ 
the pdre und co! or atta dipintura. Sogliono cdudrjì 
de le jj^elonche che cdricdudno di letdme per ridurui 
fi nel uernojc riporui le bidde. Tdcito ndrrd più al 
trifegnide l^dnticd origine , i quaiforono con i Rn« 
mdnicofimi dnnuUdti. 



BABILONIA LIB. V. rf 

ARIOSESTOREDI [ 
BABILONIA. 

A Rio Serto Re di Babilonia regnò anm trcnta^l: fog 
giogo i Battriani.perche poco innanzi la morte di 
Ninia,chemcfenno quafi cacciato di tutro*J naon- 
do,nci Battriani era andato ,1 con Tuoi incantcfimi fattofc 
gli bencuoli in gui(à,che fopra di loro con gran potere fi 

gnorcggiaua.Cofi chcmercnuo raccolto vn numcrofo cf- 
jfcrciro.afralfegli Asfirij,contro ìlqualc Nino combatten- 
do lo ruppc,& vcci(e,& indi à pochi di mori la ond*Ano, 
morto Ninia Tuo padre,raccolto un'eflercito , foggiogi ^ 
Batteiani,t tu ti' ipopoli Cafpij. 

à SE Nmo 2. pdcefìcdtoft con le genti uiffe tra me 
retricijcome guerreggio, egli con BdttridniyA qucjlo ^ 
jìdrej^oiìo , che queRo Nino non guerreggiò in • 
perfond , dnzi non fi Idfcidud uedere dd gli huominij 
éldndo tutt'hord con le meretriciymd fi bene guerreg 
gio mdnddndoui ifuoi Cdpitdni. Biodoro nel^.Md 
gli è fcioueneuole che tutti gli dutori eccetto Berofo Zoroaft# 
dicono,che Nino il necchio uccife cdmefe TlorodSto. 
In c[ueRo aidfì più toUo con Berofo , come k cui più 
fi de credere de le cofe Babiloniche , CT dnco i tmpi 
meglio fi con fdnno con Berofo. Perche ìfì Icgittid 
non fdrebbe ndtd Pdnno i.di Semirdmis.fe quel Nino 
hduefje dmdzzdto cdmefe^qudndoche Ked e cdmefe 
non dncord s^erdno pdrtiti d'Egitto. Md ndcque tdl 
dubbio per il nome di Nino di pddre 5 cr di figliuolo 
comune.Md quejlo no s^dpertiene d gtì Europdni,md 
Uiidmo Berofo rdgiondre de gli EuropdniTofcdni. 

H li ^ 



I R E D I 

CR\NO con lanìgeri Razenui c curri gli Aborigmì cele 
tra con foL-nnc pompa lanigsna Tua forella morta,(agraii 
dolc un bofco prcflb k laniculo fiume,* ordinando lolen 
ni fàgr ficij,c jIì hoggimai uccchio creò Aurano iuo figli- 
uolo Corico. \ 

Bero/o hd foprddelto che Crdno fuccefje d ìdno 
pddreinuetulonidfiuemdpdTtedi queUd hoggi ft || 
CraniÈi chidnid Cranf)p,cr Id fónte crdniffd . Ddl fiume rfi 
Kdzenuo hdbbiamo il fiume Kdzeno e ldregioneK(t 
Zenefe.Trd cornuto e Mont Ato e Id regione Cranin ^ 
chenfe Mol^drmente Crdncrefe. Ouidio nel 6 . de fdfli l 
tdntd egregidmentedi Crdnd dettd di defcendenti \ 
Crana, & Cdmd trajfonendo Id leiterd r^edd queiid deriud ^ 
Crano Cdr dine. Adunque dd Idno Unua.cioè portd dd Crd 

no Crdnd^percio ui fi* il fecondo Uno Crdno , cr 14^ j 
tid Crdnd fud foreUd.fddo vbertino fiorentino hi^ \ 
Horico.cr egregio cofmografò ftgnificò queflo.dffir 
tndndo che pre^o al Teucre fucceffe d Noa Uno il 
gioudnCidetto dd Berofo Crdno Kdzenuoy ddl qudle 
furono i Tofcdni detti KdZenui . Dionipo Alicdr^ 
tidfjeo nel primo, ^on credd il lettore che Crdtio afUa 
gnaffe d U foreìld il bofco.o' i riti dnnudi.md i pai» 
tentali, per che non dncord erd entrdtd MoUtrid nei 
Tofcdni Crdno il uecchio creò Autuno fuo figliuoh 
"Corito,cioi lo corono cioue fucceffore in Tofcand^di 
onde fi pdrte Berofo e paffd ne Id Jj[*dgnd. 

V annovcntcfimo di A rìo,b>?go fli de Cckibcri prcncìpc, 
il quale pib terre a fuo nome edifici>,agiugncndcui i nomi 
4ciprcDC;pi^i quali crano confi^natc. 



I 



BABILONIA LIB. V- f4 

'Brigd da gli Aft^ni fu detto frigo , perche plimo 
fielsÀice che 'Brigipd^atid^Europd in Afia frrono 

quei popoli nomati frigi, Brigi fpjtgiiuoli min-k 
dando le colonie in Afta ^ ne lafciaronoin TofcanA 
Sabati a ài loro confanguinei uicino' i SabatioU 
go,^ una parte fi* nomata Briginuaja quale edificò 
Brigi0o corrottamente Braciano.ma auantiArcen 
ìto,€ prima Barceno ferucdofi poi de la cofmografid 
U colonie mandate da Tofcani k gli Alpini fecondo^ 
tjuionel r. furono chiamate fecondale loro origini 
come da Reto Ketij e di Tofcani Catenaco.Catenaci 
Vlinio.Conferuarono adunque i nomi de le loro ori^ 
gini^come ufauano anticamente. E chiamando Vlinio 
gli Alpini Tofchi Brigiani,non Brachiamogli è ra^ 
gioneuole che la Tofcana fi nomi Brigiana da Brigi 
confanguinei de fp.igniuoli , e non da Brachio Bra^ 
chi ani. Et accioche intendiamo che i Brigi crebbero 
molto in fpagna.ce loda ad intédere queiìo che man 
darono le colonie in Afìa,& in Europa. E furono in 
fpdgna molti capi de Vorigine Brigiana. Secondo Be 
Tofo. E fecondo Tolomeo e Plinio in ^fta fono i Fri^ 
gij.ìn Vindelicia fono Briganti e Bartobriga,e crt^ 
dejì che fi chiami KatifbonaAn Tofana i Brigiani. 
In Hibernia i Briganti popoli, e Brigo fiume fecondo 
Tolomeo . Da nucuo pefcriue in lufitania Lac s 
cabri ga , Mirobriga , Arcobriga , Merebriga^. 
Arabriga^ Talahriga, Corgacuhriga y cr Beot^ 
brigi y cr nel Taracone fe Brigantio, tiemorbri^ 

, Teugobriga , Volubirga , Celiobriga , 



M I R E D I 

cohrigd.TiohriguUiNcrtobriga.cSigobrigd. Bjtcù 
m Iranciofì chimano Maghe le terre da Mago 
dificate.'Percio Tolomeo mette in Spagna luliobrigd 
t floiiiobriga. 

R E Gnò in Libia Prifco larba homo ne le arme feroce,^ 
Acla milicia di Pallade. 

l^omina Berofo larba antico à diffirentia di quel 
che regnarono in Numidia ftn^a Dido . E chiamanoi 
l^umidi larbifìa , 4 qucfl'eti. Et Genoejì h abitanti i 
liunifi li chiamano HùrW, cr e/?/ Numidi fi chiamd 
no Uiarbi. 

Va N no 18. di Ario,Aurano di Grano figliuolo fopra la 
nigcnìRazcnuihcbbeSignoria.L'anno vcntefimo nono, 
Drio prudcntisfimo regnò ne i Celti* 

Bicemmo quel che fcriue Cefare nel r* de i Brui* 
àe^che fuccefjero k coììui. Biodcro nel 6. dice . Celti 
ufano per indouini i Druidi ^ iquai predicendo le cofè 
4 uenirefono da la ?lebe molto jlimati. E quando pi 
gliano gli augurij^offeruano un^incredibile confuetu^ 
dineif:anndno utt'huomo.edal cader di colui , cr dd 
lo Strati arfì le membrane da Vufcire del f angue, o per 
antica offcruatione fanno le cofe a uenire. Lucano di 
queiliragiona a lungo, Vlinio ne la fine del \6, libr. 
dice, Kiente hanno i Druidi. Cofi chiamano Yrancio 
fiiloro Magi, Suetonio nelauita di Claudio dice. 
Auguro interdiffe la religione de Drudi per la fud 
crudelta.e Claudio V annullo al tutto, k tempo di quc 
{lo Druido Auruno fignoriggio k Tofcani. Latinhio 



Druidi 



Auruno 



L 



BABILONIA. LIB. V- 60 

thimano Auruns. Entrato poi nel regno pofele co^ 
lonie.e chìditìoUe ddfuonome Aurune.ouer Auruntc 
Pftmo nel j. Auruno Cittk in Tofcdna fu dd i àefcen^ 
denti chidmdtd Sdturnid^ld qudle rouindtd rifecero 
Sdnefiyi qudi Eudndro chidmd dntichijiimi di Tofcd* 
tid nel 7. ^fe l'Eneidd , dicendo ofcurd fdmd uien per 
gli anni molti, 

che nel terreno de gli Arunti uecchi 
Ndcdf^e Bdrddno^e poi filicemente 
Neleattddi Ideepaflo di jìngH 
Ne /? dice,che egli ckidtni gli Aruci , che non erdno 
qudndo uenne Encd in ìtdlid fecondo gli hiftorici. 
Vtrcio egli citd gli Aurunti Tofcdnij qudi per effe^ Arund 
re dntichifiimi:poteudno moiirdre [^origine de i loro 
fdmiglidriy ò dire Ddrddno ndcque in qucfti noiìri 
t campi e di qud dd Id ftdntid Turrend di Corito fuo ' 
padre , fuggi in fdmotrdcid y e ne le Cittd Turrenc. 
non hduendo qucSìd fold colonid in Tofcdnd md por 
ritdlid più dltreje regioni de le qudli con uoce fciti^ ^^^^ 
Cd fi chidmdno Mont kurond fìn^d quefl'etd, Efecon ^^^^ 
do un Tdmuldiftd gli antichi Sciti chidmdudno i mu t 
nicipieldcompdgnid Mont. Ardmei Mdontd no^ 
Uri Genouefi chiamano il municipio e la compagnia 
di Chio Mdond,c::r i municipi Mdonenfì. CofiMont 
jKruno figmfìcd municipio di Auruno^Niont Turima 
no, Mont italiano, Mont Uermo , Mont Ato , e Mont 
Tetin in queRo piano jnterpretdno municipio di Dt 
rini,cioè fuocero di Atldnte Corito epddre di E/et* 
tra^i Mori chidmdno Atldnte J:}irim,?linio nel 5. Et 

H ni] 



IRE DI 

c nome 'Bdtbdro.che fignificd municipio, fonoui dncù 
rd dltrimunicipij ìtdliyH€re,Pito,e TctichÀl cui pd^ 
dre ìdno quiui regtiò , CT dnco Tirreno figliuolo di 
Aio. Teti^o' ocedno dnddndo con Idno pddre per lo 
mondo UfcidYono d molti luoghi i nomi d le colonie» 
In quefto primo è Mont Teti , e uicino d \etulonia 
un tempio detto hord tempio fdtale in Vddimonid* 
Vlutdrco ne Id uitd di Komolo dice il Re d^Albdni 
mdndò al tempio fatidico di Teti in Tofcdnd.Cdprd^ 
nicd terrd hord Capralicdjl cui fiume fi nomd cd^ 
po Ocedno, fo coloni a di Ocedno frateUoe mdrito 
di Teti. 

ARALIO VII. RE DI 
BABILONIA* 

TENNE l'Imperio anni 40. Aralio 7. Re d'Asft^ 
rij.Fu cudui huomo d'alto ingcgno,V ne fa mihtiJi ; 
chiaro, accrebbe egli primieramente le pompe gi'or' 
le t dilitic de le donne. Hiarba combatctdo in Libia co le 
' feminc di paladc fu da quelle fconfìto,]» onde facendofe 
le con doni incontro,fc Se il Regno diede nel lor potere» 

Fa ladui Uydldduijcioè fdcrdte d Id militid di Brimone 

\ Tritonide Minerud dicemmo in più luoghi Greci le 
chidmdno AmdZoni.Biodoro nel 4. ne r dgiond fenz(t 
fdr mcntione d'^Hiarbdmd rdccogliamo dd le fiiepa 
rok.ouero che quello Hidrbdfiiil primo che combat 
teffe con quelle^ò chei mmidijiirono primd foggio'^ 
gdti da Mirind Keind di quelle, e che hora con Hiar 
ribeUudo fi fi^rono dd nuouo fi>ggiogdti dd queUt^ 



BABILONIA LIB. V. 



•1 



H E R M I none feroce guerriero regnaua ne Tuifconi, 
& Bardo per lo troHamento deuerfi/c di Mufica famofb, 
fii Prencipe de Celti. 

B^Kofo chidmdndo fempre Tuifconì, Gcrnidtìi 
mamfiiio.cheegltju auantigU imperatori Komdnh 
perche d tempi loro cominciò il nome de Germani fe^ 
condo Tdcito infegndndo d G:rmdni il Re loro U mi 
lUid.BdrdoinfegndUddCeltii uerpeld mi fica. Et ^^^^^^ 
io trono tdi cofe di quejli due Re. Germani furono 
chidmdti Hermioni dd Hermione^Vlinio e Tacito de rc de 
icoilumideGermdni^eldcuifirocitd dmmaejirdtd Germani 
ne la milia dicejia fquadra fi lafcia dar luoco per Cu 
ìiei,pur che dd nuouo gli facci refiftentid , e tengono 
queiìo più toflo per un^ acorto con figlio, che per ualo 
re.Kiportano i corpidegliuccifi anchor che fìd U 
battaglia perigliofayCT è gran jceleragine hauer la^ 
[ciato lo fcudo^e non può quefìo infame trouarfi ne i 
fdcrificij,ne in configli publici. E molti cofi infami do 
po la guerra s^hanno appiccati ^ Chi brama fapere 
de Pijiitutionemilitare di Hermionejieggd cffo Taci 
io. Cere a la fetta Bar die a apo trancio fi Biodoro 
nel 6. dice Sono apo Celti poeti di melodie/etti Bar b,,ji • 
di,i quaifiynano con organi come fe fùfforo lire jau^ 
dando e uitupcrando qwe&' ò quelli. E poco appreffo 
dice. Sono quefìi poeti di tanta autorita^apo noi , che 
efjèndo gli efferciti d petto con le fpade in manose lan 
xiandoidardiyfoprauentndo quetìi non falò gli dmi^ ^ 
cifma ancora i nimici ceffano da combattere^cofi apo 



A^afoni 



t fr , I R E D I 

ruiiidm Birbdri l'ira cede k U fapicntid , e M^rfe 
honorji le mufe. Queflo dice Vìodoro , benché egli 
con fjLlfiu Grecd dice chei Kujlidni > Bdrbdri fono 
confdnguinei de Frdnciofì, i qudi diedero le lettere c 
le mufe d t'Afid.O' d Id Grecid. 

L'Anno dcc'mo di Aralio, Aramcnci , lanigci, Grifoni 
vennero co fuoi popoli ad A Urano lanigcno , ilqualc ha • 
uendogh raccolti, diede loro luogo con Janigcni Razc- 
nui,A mcdelìmo tempo raccolfc AuranOjAefona venuto 
per mare 7. in g anni hebbe ncUUialia orientale luogo 
d'habitare. 

A L C Vni Grecia eLdtini nienti fcono in queii'his 
fiorid dffirmdndo che gli Aufoni furon ncmdti P«>» 
gliefi dji Aufone figliuolo di vlifjè dopo Id ruind di 
Troid . Conuincejt queftd falfitd dd Greci , e Cdldei 
hiftorici . Dionifìo Alcdrnaffeo neli. dice. Che k- 
prime colonie furono condotte di Grecid in ìtdlid dd 
Bnonio Arcdle nel «7. etd cioè soo.dnni duanti Id ro 
uind di Troid: computdndo per ogni etd dnni 30 . fi 
condo Biodoro nel z . dpo Egittij dico dpo Greci di 
ir. C cmcoejj)o{lo foprd'Kenofonteilqudle dice che 
quell^Enotrio ui trouò Bdrbdri hdbitdtori nomdti 
, AufoniyU onde non puotero hduer principio dopold 
rouind Troidndife erdno roo.e più anni audnti.Vin 
Cd ddunque Berofo Id udnitd Greca dicendo che 
dudnti Enotrio gli Aufoni erdno in Vuglid Vdnno 
II. di Ardilo Moife lo chidmd Aus , ilqudle ne Id le^ 
* udtd^ Siria edificò Aufuide, ondendcque il beato ìob. 
Secondo gli Hetra, che nominano Id fud cittd Aus^et 



BABILONIA. L I B. V. 6x 
non Vi . De Vor^nt di qutSo Prencipe dicemmo ne 
le Geneulogie, mentifcono i Greci Armando di ha* 
Uer dato principio i Perofmi, penhe Ver ofx nomi 
Scitico , e qudfi lìóreo, fii audnti i VeUfgi . Verche 
nomift però Grifor.e,ò Perofa Grifònia da la fua w- 
fegna. Ben dico che Greci PeUfgi cominciarono Cot 
toma, Acrebero parte di Perofa , e Turrenia, cr h<t 
bitarono con quei popoli, Bmifto Haticarnafjèo nel 
>. ma niego tal huggia, che Perofa jùjfe prima da Pe 
lafgi edificata ,feguendoiluerace Berofo. Zmojlm 
finterpretitione del nome. Tanta è la uanità, et am* 
bittone de Greci , che hauendo contra gli autori, non 
fi uergognano fcriuere affai cofe de l'origine di Ita» 
Ila fenzaprouarecofa alcuna. Adunque i Perofmi 
hauendo l'origine da lano,e il cognome da Piitfegna 
tennero l'Italia l'anno auanti che Aufoni la Puglia . 

: IJ. mcdefimo Auranofigrò in Vctulonia vn bofcoà 
erano, e lo annoucrò tra ifi, cio^ Del , dedicò parimente 
a Vcrtunno vn tempio , vna ftatua non lungi da la ciità.c 
lece a Razenuo in Vctulonia vn picciolo tempio . 

B E R q/ò dice che fi chiama ifoBio , et ìfii Derf 
Tofani profirifcono uo , cr Ifi , cr interpretano JjJ* 
Gioue , ò fiducia di Gioue , e di Giunone . Macrobio 
ne i Saturnali dice. Credefi che fiijfefacrato à Crano 
un ho fio per hauerui continua acqua per lo coftume 
antico,per lo nome Crauifo ò CranOjlAa dal cogno* 
ine di Kazenuo, cioè facro ìnuo , non fi troua nome 
fi* quel di vetulonia. Vi fi legge tuttauia iti lettert 



.0 ./ IRE DI 

Tofcdne Ri UUj.affirmdndo che Ichid, cioè cittdiU 
fputdtrice uicind d Surrcnd , cffer ildtd dedicdtd ai 
Inuo dntico Re di qucfta patrid.come dicemmo trat^ 
tdndo de l'origine de U lettere , e de/4 filofofid . 
Quello che Ardmei nomano Kdzenuo, Greci, Sceue^ 
ftdn, Pdn, e Latini fdcro Situano, Adunque il borgo, 
in Tofcand detto fvì'dd hord Scendilo, Pan, e Siterò, 
4 Kazenuo , da ìano Wertuno i fcpradetto. ; 

N E gli vltitnl anni A orano creò Malcr Tagctc Tuo fi- 
gliuolo Corico, c renilo jf, d' Aralio mori , à cui fbcccfc 
Malot Tagcs . 

AKdmei et Hebrei per Malot intendono indettino^ 
Angelo,nontiatore,e refponfore . Adunque Tdge Re, 
Malot. ^^^^\P^^ cognome Mdloty percioche predìceud le 
Tagc, ^^fi ^ uenire Lucdro dice . 

Kon fon fèdei le fibre perche Tdge 
De /Vfe troudtor fi finfe queiìo . 
^gli fdcrò d Bei itifiri un coUe profiimo d Vetutonia 
tra Serrend cittd di Uno, e di Veiìd, cr / Chitei,cioe 
i tumuli d^\talid,f)ttoH tempio di Vulturrena, Uora, 
li chidmano j^elonche , e grote di Malot T diete per 
Tdgete fecondo Berofò, e molti poeti, CT hi fiorici. 

L*ANno 5 9. di Aralio Fetonte venne con fuoi da Ma- 
lot Tagctc, lanigeno Razenuo, e trouando ch'occupaua' 
fio gli A ufònij il luteo vcrfo Oriente, e che i luoghi reon- 
tani da Galli Taborigini erano podeduci , nel piano habi- 
tauano Razenui Ianigcni,hcbbe in dono la parte occìden 
talc^^c poHcdc co Tuoi dcfccndenti i monti , c tutto TEri- 
danofìn'àla vicina regione , lafciando à qnedi luoghi I 
Xìioinonìi. 



BABILONIA. LIB. V. 6f 

H A L J c À Ktidjpo Greco contende con Cdtone 
Scmpromo,^ altri Latini cerc^ Vcrigini ,e dice che 
i nodri fcnuono fauole dicendo che Liguri da Yde^ 
tonte guidati uennero di Attica in Itdlia prima che 
^notrio Arcade, quando che non fi trouano colonie 
di Grecia condotte in Italia, prima che quelle di Zno 
ino, che uenne in Italia quafì 50. . anni auanti la ro 
Ulna di Troia . Ma Catone, e Vlinio nel rijponde, 
€ Gtuuenale ne le Satire, che gli è una uer gogna pi^ 
giure da Greci la origine d'Italia. E che Latini non 
teffono fauole , fe non quando feguono la huggiardd 
Grecia . Catone in le origini dice , che per affai etì 
Manti Enotrio le colonie di Faetonte Ligure uenne^ 
ro di Attica in Italia , ma non erano natie di Creda, di ia?! 
Mzi d'Egitto . Moife, e Berofo ne le geneologie di% tonte. 
^no che Cut figliuolo di Camefe Saturno 4'Egitto 
generò Faetovte, Hebreilo nomano Tut, Aramei Fet, 
JLatini Faeton . Qofìui genero Ligure, ilquale primie 
tamente edificò le colonie in Egitto.cT in Ubia,come 
fi manifiiìa per lo nome Libij col quale fi nomauano 
JJhij auanti Libio Hercole Egitio . Tolomeo dice 
•che in Etiopia d'Egitto è la citta Fut lur, in Marma 
rica Fut cautOy cr in Libia Fut fiume j cr in Liguria 
preffo i Genoua euui Fet Kiton. Detto in uolgare Fe 
biton . Vlinio nel 3. Kitos fecondo Girolamo cr i Td 
tnuldifìifignifica buono, e religio fo . Et mdi fecondo 
re&o fi nomano rituali i libri Tofcani . Perciò Fet 
iU^ort, in Latino Faeton fignifica buono , e religiofo. ^'^'^ 
Vmfo che i Greci h abbino mentito per la fimilitudine * 



-V I RE DI 

nome dffègndndo i nomi > e fatti de gli Hgittij d i 
loro nuoui Vrencipi^ come Uercdotto Greco egregid 
mente confeffd veli, dicimo ddunque con Catoche 
per più età du un te gli Arcdòi uenifferoi Fdctontei 
Uguri. E con Berofo, finito fdnno penultimo d^Ard 
Ho Re d^Aj^irij qudjì 6zo. unni dudntild rcuind di 
Troid fecondo Eufebio de tempi . SeddunqueEno 
trio fecondo Bionifw nduicò in puglid k gli Aufoni, 
.che u^erdno ,per dnfii no. dudnti Id ruind Troid^ 
tidyCYdeton ui condujfe i Liguri dnni 6ko . dUdnti 
Vifteffdrouind^glicneceffdrio che Liguri ueniffeno 
in lldUd dnni 170. dUdnti gli Enotij, come Dionifìo , 
Cdto , e Cdio Sempronio , CT dltri iìlujlri hdtini 

A L mcdcfimo tempo arfe T Italia per molti di in tre 
luoghi, Iftro, Cimco, c Vcfuuio, e chiamarono gli lanigc- 
fìì quei luoghi Palenfàna, ciol regione arfà. 

1 N O JM I che quiui interpretd Berofo fi confati 
no con Id trdduttioue de gli Hebrei , e i^dltre genti , 
tiomiridte dd Girolamo^ e dd TdmuldiRi. Dicono che 
Bfdi, Z7 fig^ifi<^<^ fi^ocoy cr incendio , detto dd 
Greci ¥legrd. Vild, e Pdlen fignificd Vdtd, CT origU 
ne di percojid . Fercio ìdnigeni in uoce Tofcd com^ 
palcnfai- pofero Pdlenfdndj cioè portd dipercoffd d^incenàio 
qudnio Id fdettd dd cielo percuote dgirdndofi fcon^ 
(idmente,ilche duiene ddl fcommouerfi de l^ottduo cer 
chio qudndo ud fuor di cerchio dd Occidente in Ori^ 

"nccn ^'^^^^ ^ ^^^"^ Occidente foprdH centro di Ariete , e 
Jjj^ di Ubrd } defcriuendo due piccioli cerchi , perche 



BABILONIA. LIB. V. ^4 

^dnio il moto duicinandoft ^ c fco^tdnàofi pcrmcn^ 

d i Càrdini del picciol cerchio : fe il Cardine e gudr 

ddto dd fteìie dcquofey induce dituuij [conci , e mirdto 

dd ^dUe fuccofe, generd incendij in luochi fulfurei, co 

me nel pireneo di Spdgnd, cr in Sodomd , oue erano 

i pozzi di Bitume. Pldto nel Timeo dice:,che ¥deton^ Factoncc 

te figliuolo del Sole afcefo nel carro paterno chegui \. hiftoria 

dd Id luce Jo conduffe fuor di ilrada j CT arfe molti non £»uo 

paefi: e quejla c hiHoria non fauola. Perche dal lun • 

go circuirete i Cieli^auiene che fi [conciano,^ è nes 

ceffdrio che gUfegud rouind d^incendio,?ldtone chid 

md equdtione fconcidmente,a' eforbitdntid.cT Vdui^ 

cindre lo fcoiìdrfi de i Cieli ^ perche faj?i queftd efor 

bitdntid con longhifiimo f^dcio di tempo, come fi ue* 

de per lo fiio moto, er equdtione , e jpecialmente che 

fuori di ogni circoldre muouimento de le altre {ìeUe , 

e cielij che corrono per lungo dd Oriente ad Occiden 

te, quedo moto gird. cercd Idlunghezzd, ['altezzd. 

E perche ci moilra Vejl>erienzd che dd [^incendio nd* 

fce Id fdlfugine jfegue che tutti quejli monti , quefio 

pidno , e udllifi chiamino Sdtfi, Uord con antiche uo 

ci nel luoco de l'dnticd origine di ?dlenfend , / mon^ 

ti i i gioghi, i Ughi fi chidmdno Cimini , il pidno 

Cimeo, e cimelio . Bdrtolomeo Berndrdo di Viterbo 

lap:id di noUro mondilerio. Là udUe cimeUd, le rupi^ 

Cr i prdti de Id cimelld regione trd le antiche rouind 

te cittì Volcend , cr Ardlido trd Veid , e ciheUdrid 

fiumi, come fi uede nel tefidmeuto . Et emendo quejlo 

no&ro primo Sul^reo ne efcono inc^nd^,et m lfìn4 



r R E 13 I 

ffe uno pmik . il dUmetro di un picciuol cerchio di 
quedd yeforbitantia toccata da fteUd fuocofaribdt^ 
teud queftj, fold longhezzd per /V/a//4, ou^erano que 
fti tre luoghi detti rdgioneuolmenie Pdlenfdnd , cioè 
prima percoffo dd celejle incendio^ e ddl falfo Ufcid^ 
togli dd l'incendio fii nonidtd CimediC Cimelld dd Id^ 
nigenojindi c manifrjlo che la Tauola di Yaetonte mi 
f auola fleriofamente intefa è uera . laetonte è l^incendio de 
'di Fac - l^cforbit adone . Verche cadde ne Vìilria prima par^ 
te d^ Italia contrapojla a l'Eridano.e le fue due foreU 
le pdrtid^ltdlidj Omedy e Veffuuia lo pianfero , cioè 
partirono l^ìncendio . Cerca di Taetonte Autore de 
Jjguri. Berojò CaldeOjTeofraùo Greco,e Vlinio Ld^ 
tino testificano che il fuo oracolo^ e fcpolcro in Etio 
pid, Id onde non fi fi)mmerfe nel Pò ♦ 



ionie. 



BALBO OTTAVO RE DE 
A S S I R 1 I. 

A L E O detto Xerfe g. Re di Babilonia regn& an- 
ni 30. Fu egli chiamato X^^t^e cioc trionfatore , de 
vittoriofo, perche fignorcggiò alircttjnte più gen- 
te che Aralio. Era cgh ne la militia feroce c di buona for 
luna, onde amplio il regno fm'à gli ìndi • 

• 

G I V S T I/io proud che Perfìdni fono hdnditiìe 
Sci ti j e per Id lingud Sciticd, che ufdno^e perche Per 
fd e uoce Scitica^ e fignifica banditOyleggiamo dpo lo 
Pcr(L fo yierfe, che fignifica guerriero^ et krtaxerfi^af» 
A^'cfc fi^^ gj*^^^^^^^ • fecondo Berofo fignifica pro^ 
pio uitìcitore in guerra * Sciti pronontiano arte 2 

cr i 



BABILONIA LIB. V. 6i 

tt (l i Tofcdni àefcenienti da queìU Urte , cioè i.uf< 
fimoycoìne hi Senio fopTAH primo de l'Enddi. Bt 
i Re de Tofcanifi chtmaudno Lucumone, cr hdtied 
no il terzodecimo He, come un dittatore ù quefj pre 
pofio nel fino di Vulturrena. Come fii già Cefdre.a" 
hard il Pontefice in Komd, csfd de Re,e de Pontefici. 
QSefto M^imo nel principato chiamaudno in lin^ 
gud Sciticd artte , ouero Urte : hord Papd.Md tro i 
«0 in Liuio Totunno Veiente Urte , Porfcnd clujìno "'^* T 
Urte , e Mezcntio Urte , e ne Vinfcrittione Ri ìeUa. ^ 
Tofcdnd, e Ctefw Urte,e ne l'dttrd infcrittione IcHo, 
ì-dth , iddi. E prefo che queBo fiiffe proprie Epitea 
de i Re Tofcdni. Perciò con und uoce diciamo Papa, 
e con titolo proprio di fommo Pontefice diciamo la 
mondrchid di Dio in tutto' l mondo . l Tofcdni con 

una uoce chiamdUdnoil mondrcd de Lucumonijin 
antica faueUd, e propio epiteto hdrth,ì di cioè inuit* 

to, e MaJ^imofoprd tutti. Perche lai fecondo Td* 
m uldiftifìgnificd inuitto . Perciò il popolo Leoni wo, 
Tofcdno creando Re lafto , grido Gulni, Ul,etper 
abbrewdtione Guln Idi , cjoé corona inuittd comeU 
Ufiand infcrittione trionfale proud, cr interpretdno P?'"' * 
itamuldijìi. Perciò Sciti Perfwiichidmdnoitloro 
Re Arte , Tofcdni lor confanguinei Urte . QneUi d<t 
d guerra ui dggiunfero :^erfe, e quefli àd U fempi. 
terna TrufoU uittoridlo nomdrono idi Cioè Inuit* 
to. potidmo beffarft de l'Halicarnaffeo , ò perdonare 
d l'ignoranti a fud de i coflumi e nomi Tofcdni , per 
che il Re de Tofcdni fi chiamo Porjind per nome , c 

I 



I RE T A 'T 

ladnh per cognome, H rincontro di queUo che djfvr^ 
mi Bionifìo , Toruidtno hord d confmguinei ìtdlid 
niÀ celtiberi,et d Germdni. 

A Tempi di Balco Xcrfc regni ne Celtibcri Tago detta 
Orma,dal quale chiamofi la patria Taga . è ne Tuifconi 
regnò Marro,l ne Liguri , Fetonte.ilqualc lafciatoui Li- 
guro figliuolo ,ritornò in Etiopia. Malot Tagc accrebbe i 
ùcrificij da lano ordinati,c l'arte de indouinarc. 

Tago. Siconfdnno dffdi TdgoeTdge nel tempo end 

"^^S^* nome^md fono differenti per cognome.cT drte.ll pri^ 
tuo hebbe per cognome ormd , CT il fecondo Mdlot 
per l'drte e (ìndio disfmile . Tdgo fignifìcd cdudrc^ 

togonna CT ormd Colonid , GiroUmo interpretd Togcrmd 
cdUdre lecobnie.Berofonele genedlogie lo chids 

^ md Tdgo ormone MoifeTcgordndGenAoXo^ui fi 
* idud d cdudrele colonie, e condurle altroue per Id 
Spdgnd,eddluifunomdto Tdgo fiume^che conduce 
fdbbid d'oro. Coiluifii il primo, che h abito in Spd-* 
gnd cercdCdrtdgened e Toleto , perche Tdgo co^ 
fieggid Toleto/ìdfce preffo d Cdrtdgine di Spdgndy 
Cr c commenddto dd Plinio nel \^ per lefdbbie d'oro 
Ciuuendle. 

Non Himdr tanto de Vombrofo Tdgo 

hd moltd fdbbid 
Ombrofo lo nomd per le fdbbie d'oro, che Pomhreg^ 
gidno . Virgilio le chidmd turbido . Queito Tdgo 
ntdndò colonie non foto per Id Spdgnd , md in Pdbd^ 
nidJnCdjpidjinhihid.cf in Africd^cotne tejlificdno 
Tdgde Tdgormdnomide luoghi in Tolomeo 



BABILONIA LIB. V- €6 
éltri Cofmografi, Spagnuoli erano cotifdtiguinei H 
CdJ^ij , Yentcie Vtetii. Varrò , e Flinio nel Tago ^ 
era cauatorc di Mjot , cioè dì rifijode e de uaticU^ 
nìj , pereto fi diede k gli Arufpici. dicemmo difopra 
che Faetonte non flette in ìtdid,md tornò in Etiopia 
lafciando ligure fuo figliuolo Principe in Liguria , e L%ttre. 
da lui fiiron nomati Ligu ri , // qual nome non era in 
lingua latina , come teilificano i tempi . Di Marfo 
Kerfe Germdni dicemmo ne le genealogie ^ e dd lui 
prefe nome la Regione Marfì in Cermdnia . P/imo « 
Tacito de coturni de Germani. Marefo è uoce Ara^ 
niea,e per abreuiatione Marfo. Queiìo nome manis, 
fiftd che coMfÌ4 il primo che diede à Germani i con 
figli y cr / principi , Uggafì cerca di quefto Tacito 
de i coilumi de Germani. 



A 



ARMATrE- VIIIL RE 
A S S I R 1 L 

R Matric 9. Re di Babilonia tenne rimpcrfo an- 
ni Ilqualc datofi i voluttà, c dclitic , trono a 
la luffuria noni modi , & trouati fommamcntc 
gli accrebc. Regnò ì fuo tempo ne Celti Lcongo , ^ ne 
Celcibcri Bcto,da cui hcbbe nome il Regno,c fopra lani- 
geni Sicano figliuolo di Malot Tago , da cui la Regione 
fu detta Vetu Ionia. 

B E Kofo nomina quattro Re à quel tempo, ilpri Armjtrif 
mo fìi imitato da Sardanapalo Re de Caldei , da Nc^ 

rone Romano imperatore altri molti. Da Lun 
go Re de Franaofì fi nomarono Longoni.c Lingoni 
pofti da Tolomeo ne la Francia. Fenfo che per cowjn 

J. • ■■ 
II 



I R E I) I ^ 

pofìtione fi nomaffe longho^cioc lonenigo,chcfigfùpd 
Cd Principe ddunanteima non fi troud qud cofd egli 
4dun4ffcSiuno figliuolo di Maloth Tagete fu Kede 
ìdnigeni. Verde la noflrd udUe non ftnomò fìcdnid 
dd Siedili d'Udlid.che molte etd dopo uennero di Ci^ 
cilid in ìtdlid , nord dicidmodi Beto Re dal quale 
prefe nome la Bcticd. Tdmuldidifìi che fanno "Lati^ 
no,uogliono che Betopfcriua per x diftongo . He^ 
Irei e Siri dicono Bcbin , cioè luogo de la uita midé 
Come afjirmano Girolamo da la intcrpretatione Hé 
hréd. Ardmeiper Beto intendono luoco di felice ui^ 
td.ln fì>agna Beticd è un'horto dclitiofo nomerò /d* 
nomd campo E/i/Jo fin^d lo {ìretto de POcedno de 
Elifii in Strdbone al primo dice, nomerò ndrrd in SpA 
BeticàV g^^ ^IP^^ cdmpo Clifto.dquale uorebbe che fi mM 
daffe Menelao dicendo^ 

Ti manderanno / Dei nel campo Blifio 
A l'ultime contrade de la terrd 
, Que fi uiue facilmente^e mai /\ 

Non uifi ueggon neui.anzi tutt^hord 
« Yn^ aura grata uifl>ird d^intorno 
in que fio c POceano , cioè il corfi) , CT il ricorfo det 
fiume. Di a Beto adunque, cioè da Id guidd deld filici 
td di mia uitàj nomafi Idjfidgna Betica, e Bcti fiu^ 
Bctica. ^ ^ij^ ^^^^^ Pocedno Senecd ne U trdgedià 

di Meded. 

QUal diede nome a le fiie terre Beti 
Battendo il littonef^eriocoH fiio guado 

QV E Sto fiume ha molte uirtu,ma J^ecialmentc W4« 



BABILONIA LIB. V. 6j 

f 4 tìnger le Une, e fa. U fdccU le donne candidai 
e come Utte. Martiale dice. 

Cingile Beti co pallido uliuo 

C he tinge Une con l'dcqud fu d purd 

igefiino. d'Armatric mandò Lìgurno Cidno 
& £riJano con i Coloni c fratelli/c ncpoti.i quali occupa 
, ronoritahafìn'ad Iftro. 

V E G Gidmo fe ne i Geografi c rimddo alcuno 
^€0 gnome dntico dd liguridinìiiridjdligurid prt^ 
fe il nome dal fuo Bucd dopo ìanojd Galid ci f alpini 
dettd dd longobdrdi Lombardid , ò come dnticamen^ 
teLongbdrdid, Cidno fu autore d Cidnomani in lin^ Cidno* > 
gud Scttica.ò Ceddnomni.ò Cencmmi. Babilonipro Ccnowa. 
nontidno Cedno,Sciti,Cidno,Greci,Cieno,Ldtìni, Ci* 
gnc. Md Tofcdni dbreuidudo neld compcfuiot:e git 
tdno uid le lettere d,c ,g,e pronontidno Cenomdii 
ìli e Cinomdni , cioè defdnticd origine Cenomdna 
dd Cidno nafciutd . Sono tra quede terre più illu^ 
Uri Bergomo , Breffd , e Cremond con altre molte 
d'dntico nome Scitico. Il nome di Eridano manifrflA 
che Id CdUid Cifdipind in lungo fi habitò d^dmendue 
le pdrti del polche fii detto dnticamente l£riddno , ma 
liguri dd Id profònditd lo ncmdrono Bodind con uo^ 
ce Sciticd. Vlinio nel 3. che fignifìcd mdncante di fin 
do.E per fegno di quefio , oue comincia U profóndi^ 
td c Bondin.Comdco terrd. E fecondo Metrodoro fu 
nomdto po dd molti alberi picei ^ che ui fono dhn^ 
tomoli quai Frdnciofì chidmdno 'Pades.Vlinio nel j 
cap. 17. Cojì ^ dd Vrdncefi uhimdtnente chidmdto '0^ 

I ni 



I R E D I 

'^0 dd te picee diberi 4 à liguri per Id profvnàiù Bo^ 
dindi , e nel principio dd I detonte Eriddno , Berofo 
ne le genedlogie dice che Eriduo hebbe per figliuolo 
uenetOjUipote Veneto e pronepote Tila.perciò, TiU 
uèto è Veneti d regione fin dd ifiro fono dnticbifiime 
progenie de Id generatione di Edetonte ed^EridanOt 
come modrdno monti eproud Berofo. Cdto ne le 
origini dicejche molte genti ufcirono d d Liguri de U 
* GdUid Cifdlpind^Vrendono errore Cornelio , CT dl^* 
triache fcguendoi Greci dfjvrmdno Vinitidni effer 
Veneti uenuti dd gli Encti di Ajìn , Poi che è mdnifiiìo Ene^ 
©ndcvc^ ti effer ndfciuti dd Erdnciofi^^ ddEurcpani.Mi 
die dno qucBijche furono quei hdbitdtori del Po e di 
Venetid , / qudi Bionifio nel i . chimd Bdrbdri , che 
tiduicdndo fpin fero gli dntichi VeldfgiÀlafòce fpi^ 
netd del Po.Non erdno Greci.poi che li chimd Bdr 
barine Eneti Afidnmi.pcheproudnemo loro effer gi 
nerdti in Europd , non genitori di quelld . i Greci 
non mdi chidmdrono Bdrbdri gli Eneti di Afid ♦ 
Erdno quelli adunque Bdrbari d'Eridenoedi Vene 

Hd.dntichifiimihabitdtorid'itdlid.O' ^eti fvrafìie 
riiOddno ddmqueU loro dntica e nobile origine fae 
tonted y perche Id Greca fduold nata pur heri , non 
Vhdpotutofapere ,e credano k Berofo che narra 
le ueracijiime antichità , e uinti da gli Scitici nomi 
fdetontei de i luoghi , cdccino le f duole e cdliginojt 
fìntioni. 

S ( C A no fece Arecia Oca,chiamancloU HorchU in len- 
gua lanigcna. 



BABILONIA. LIB. V. 68 
H O R C/?/4 non c Green noce ^ma Sciticd e To^ Horchia. 
fcdna. Linio nel 7. da Komd edificata dice. Horchid 
e Ded di Tofcana, Hor propiamente fignifica altez 
Zà 0 monte^ouero cofa longa come amatore e Qhiat 
coronale dagli Ardmei Chiarot, come dicono Tamul 
diili. Girolamo ne la interpretatione Uebraicd dice* 
Horchiarot fignifica longa Corona e fecondo Td-» 
muldi^i fatta a ì^hg^ia di Torre.Adnnque Titea moi» 
glie di Uno fìi nomata veftd e Terra ouero Are^ 
Ha . Secondo Berofo , Ouidio ne i Fafti e Biodoro /^j^^i^ 
nel 4.. dal generar tutti con Cielo fuo marito Sichid-* 
ma Aretia ò Terra, dal fempiterno fooco deifa^ 
crificij , Vejld . E perche era Regina de i fdcri^ 
ficij mddre de i Bei , CT per ufare una uolgar paro^ 
te i dbbadejfa de le Vejlali da Vinfegnd de i fdcrifi^ 
cif e de la dignità fi* detta Hor chi a , cioè corond ì 
fòggid di torre. Et effendo ddte cinque ciheli perche 
fi chiamano turrite , perche fe le donaua una coro^ 
nd con torri intorno quando erano create regine de 
i fdcrificijymadridei Dei e deleuirgini VeMi.il 
cui rito e prima origine del nome ^ Veàa Uorchid, 
moglie di lano Bea di Tofcana , come pur hord di-^ 
cemmo . Vedefì un^ antichi j^im a rouinata citta e gran 
regione detta da Vetuloncfi Borchia . E la maggior 
partediquelpaefei poffvduta dal mio monaBerio 
di Viterbo, la cafa uicina d San Pietro in quella ter^ 
rarouindtd iflatd donatd da l^ arciprete di que^ 
Id Chiefa uiuendo aUonuento di Santa Maria 4 
Gradi di Viterbo. 

1 èli 



\ 



^ I R E D I 

O S Iri vccifc ne la traccia Licurgo gigante . 

S E Ro/b fcriue cheOfm k poco,d poco duìcind f 
fidl'ltdid.Biodoroiiel i. le 6 Albo dice che 
Ofiri per cognome Giufto andò per tuttoH mondo , e 
glifignoriggiòy facendogli affai beneficij^u^ccidendo 
gli empii gigdnti , fobblimando i gfufiiy e buoni:, an^ 
dando fin'k l'origine, cr i fonti di lilrofopra Maceri 
donia , CT drriuando in Italia, foggi gò i tirdnni gi^ 
ganti . E narra nel primo , che ofiri pafjato per 
'Europa ^eylndia, finalmente pa^o à^r^fxa in Euro^ 
pd per l'Helejl^onto con gran numero di colonie, e ue 
nuto d le mani con Licurgo in Tracia , lo uinfe , cT 
uciffe, e ui creò Re Marone uecchio^ilquale pigliane 
do il regno edificò del fuo nome Maroned citta-Dio^ 
doro cercd Id Tracia fi confa con Berofo, ilqual ri^ 
torna d rdgionare de Spdgnuolij e de Irdncicft. 

L' A Nno 51. d'Armatrice Dcabo fopra Celtiberi fi fece 
Tiranno, & hcbbc quefto nome da le cauc de l'oro, e ric- 
clìczzc, che egli primo raccolfcc trouò in quei luoghi*- 
India dui anni regnò fopra Celti Bardo il più giouane. 

D I B<xrdo Re di Trdncid che fiiffe chiamato il 
°* giouane per dijjvrentia de l^ antico, delquale è fopra^ 
Deabo. detto , non è dubbio alcuno .Mdche Bedbo Tirdn^ 
chiifeo . nofiiffe padre de i Gerioni detti Chrifei , dicemmo ne 
U\7* parte de le genealogie.Biodoro nel $.dice. 6Ì/< 
pubblica fama che Qhrifeo , cofì da le ricchezza rto^ 
mato^lquale fignoreggiò in l^ìberia tuttd ^hebbe tre 
figliuoli guerrieri, per ualore del corpo ^ e per drmi 



À 



Gcrone i 



BABILONIA LIB^ tf^ 

tgregij : o' hdueudcidfcuno di loro un^efercito di 
gente udlorofa . Hercole li uinfe combdttendo à cor^ 
pOy corpo . Bd qucfti prefe il nome Geronda cittkj 
fi come dd LomnimiLomnimid.Secondo Vlinio^eToi» Geronda 
lomeo: benché fi le^gU' corrottmente Ldmnimia Lomni- 
per Lomnimid . Gerione con uoce dnticd deriud dd 
Gerdjchefigniftcd fòrddiero.come interpretd G/roi 
Idmo . Egli /w figliuolo del primo Hidrbdy di Numi^ 
did ♦ Come dicemmo ne le genedlogie . Co/i uenendo 
con drmdtd in Spdgnd,fti nomdto Gerione , cioè fò^ 
rdftieroj e dd le ricchezze Chrifeo^cioc d^oro, onero 
Dedbo .In lingm Mdurd, e J^umidicd fi chidmdno 
Lomimi Gereoni ddl principidto ne gli ejjerciti. 

BELOCO DECIMO RE 
A S S I R II • 

ELOco IO. Red*aAfsirij anni if. regnò , ìlqoalfl 

perciò da Belo prcfc il nome , che udendo maneg- 

giilrc l'imperio,ftettc occupato cerca il fommo pon 
tcficato di Belo Gioue, e fpecialmente cerca gli Auguri) e 
riiidouinarc . Regnò à fuoi anni fopra Tuifconi Gambri- 
uio huomo feroce. 

S I come BelocOj cioè dmdtore di Belo dpo CdU 
ieiy cr dncho Giulio Cefdre corflfe le cofehu^ 
ntdne con le dittine. None dubbio checjueilo Gdm^ CamSri^ 
briuio dd cui Vlinio.e Tdcito ne i coBumidc Germd^ • 
ni nomina dlcuni popoU di Germdnid Gdmbriuij dd 
Gdmbriuid regione. Et è nome di tre dittioni Scitichi 
cr Ardmee . Gum beriuio^ per dbbreuidtionc 6«m# 



B 



IRE DI 
Cambrì - iriutOy O' dd ditti Gdmbriuio Gwm, e Gum, fecondo 
• Armeifignifjcd corona, CT B:n pioggU.ò purgd^ 
tione de nubi , CT ttio dd fuoi, fecondo i Tamuldiili. 
Ferciò Gmbriuio fìgnificd corondto dd Vmbrifuci^ 
Dd principio tutti fi chiamdudno Vmtn , benché du* 
rò queilo nome per dnticd hereditd folamente a Cos 
mdroj cr d fuoi defcendenti, come e preàcttoAo pen^ 
fa che cofiui fitjfe il primo , che portò corond regale 
per confentimento di tuttd Gemidnid ♦ 

S I G N Greggio fopra Emathij Maccclonc figliuolo de 
Ofiri , da cui hora la proucnza tiene il nome . Ofiri à 
qucfto tempo opprcffc i giganti,che cominciauano ad vfa- 
rc tirannia. 

O S I R 1 detto Gioue giu^o dndando per lo mon 
io pajìb dd Trdcid in Ematid , oue cdcciò igigdnti 
dccompagndto dd Hercole,e Macedone fuoi figliuoli 
cr diutato, dd Mdcedonij e creò loro prencipe Md^ 
cedondy dai quale hanno il nome . Biodoro nel i. di* 
ce. ofiri andando fìi feguito da due figliuoli diuirtu 
differenti AnwW, e Macedone, e portarono perinfe^ 
gna un^animale d Id naturd diaf uno confórme . Anu 
Anubì. Wport<<M4 un cane, e Macedone un lupo. Verinfegnx 
Macedo . di arme.Verciò "Egitti] honor ano quefti animali.Etdi 
me folto dice. A la Tracia fece Re Muro/ie già uecchioy 
dld Mdcedonid fuo figliuolo Mdcedone4alquale 
prefe il nome la prouincia . Ne/ c . dice . Macedoni 
porfero aiuto k Gioue Giuflo contra i giganti, enar 
rd molte cofe de Id fud trisìitid, che non fi confdnno 



BABILONIA. LIB. V. 70 

d Gioue Cdndidtìo, che non fu k tempo de i gigdnthné 
fu il primo che infegnò U giu{ìitia per lo mondo Jeuà 
uid le liti , anzi ingiurio i uicini,non uinfe tutti per 
gmflitia, e fi macchiò de ft4rti Hupri.zT incedi Nok 
guerreggiò cantra gli empij.come 0/?n, perche fìan 
do tra i confini de la Candì a guerreggiò corfeggian 
do contra leperfonepie , rubbando fanciuUi, e fan^ 
ctuUe contra ogni giufìitia . y diamo Berofo ragios 
naredeinoflri. 

L'ANno i9.ci'BcIoco fioriuano appo Ccltibcrii Lomni 
miy Se haueano d-*l loro nome edificato Lomnìma cirù . 

L'À Nno fcguente Iraliani opprcfsi ne Jo regioni ar- 
fa da i Tiranni giganti chiamarono Ofciri ch'era cq Tuoi po 
poli venuto ù i lonn ad Ubo vicini . Ofiri prci'a tutta l»Ira 
lia IO. anni la tenne, c chia moli a dal Tuo nome per farft 
gloriofo . Soggiogati poi i giganti , la/ciò ad lanigeni Re 
Leftrigonc gigante da Nettuno iuo figliuolo generato . 

Q. V E S T O teiio ci ammonifce di molte cofe 
prima che tre fratelli Fil archi de gli effcr citi edifici ' 
reno Lomnimia terra , cr // padre loro cognomina^ 
to Chrifeo ficeGeronda, Bi poi Berofo^e Biodoro 
auifano gli italiani che ofìri liberò ritali a da tir art ^ , 
ni. ìnfegnòV Agricoltura, ^ il raccogliere il fir^ ròl'italia 
mento . E prouafì queilo prima per la [aera inferita da i gigao 
tione d^Egitto,che afferma Giouc Gmfìo effer andato ti. 
per tutte le parti del mondo infognando le fue inuen^ 
tioni, cr arrtuò a lefvnti di ìflro . 1/ fecondo argo:^ 
mento particolare fi piglia da la def:rittione del fuo 
uiaggio da Tarda in Macedonia ,cràle finti d'I* 



IRE DI 
firo , CT hduer oppreffo i giganti in Trdcid , CT iH 

Mdcedoììidj e poìioui i Re Mdroiie, e Mdcedono, & 
in ìtdlid Leftrigonc , che Opri uicino d l'italid d le 
fonti d^iflro in tre Vdlenfdne, cmro Ylcgree combdt^ 
teffe in Ìtdlid con i gigdnti , Bero/ò di tre ajjirmdy 
Diodoro di due nel j . e nel 6, Ne/ 5. ajfvrmd che Già 
ne GiuHo combatti in Vcjfuuid Valeri fana.ouero cdtn 
po Tlegreo contrd i gigduti , diutdto dd tìercole , c 
Campo nel 6. dice. in Cimcd Ylegred detta bora Cimili d, ddn 
f Icgrco. ^ogii ^ij^^Q folo nercoU.md gli Italidni tutti, CT 
ninfe i giganti, e ne trionfò gloriofmente . Uauendo 
detto nel primo che Qfiri Gioue Giofìo aiutdto di 
grdnde effercito dd Mdcedoni , hebbe il meiefimo in 
ìtdlid contrd igiganti^ E nel ó.fcriue. Vorfero diu^ 
io d Gioue GiuSìo dd Hercole, CT d Bei non folo Mms» 
feo, md gli altri popoli anchord contrd i gigdnti, co 
me lAdcedone contra la fui pdlene. 1 tdliani nel cam 
po Tlegreo, detto poi Cimeo . Qj^eflo dice Biodoro. 
Perciò dicendo che Macedoni aiutaffero Ofiri ne U 
pdlene Mdcedonicd, ò Mufeo in Cdndid,ò gli ìtdlid^ 
ni in Vefuuioyò nel cdmpo Cimelld d'altana, fegue che 
ofiri andaffein Macedonia, in Candia , o in Italia* 

L'ANoo BJ.di Beloco cominciòLcuco Re J regnare 
ne Celti - Negli virimi anni di Bclogonfiosfi il mare At- 
tico, c bogliendo allagò tutra l'Attica. 

VEl^fo cheniuno poffd contradire , che queùo 
non fta quel locoydalcfuale Tolomeo , cr altri Cofmo^ 
■*v gt-afì defcriue i Ludi , CT ( Lucenfi uicino 4 Varigu 



A 



BABILONIA. LIB. V. 7% 
Kon idhct Ldtitid noce, ma più tojlo dd pdroU té 
fcdtie conforme di pdrUre Scitico^ dalqudU come àU 
<emmofopTd U fduold ¥dul Fdluceres.deriudrono 
ÌMchijy Laceri, e lucumoni . 

BALBO VNDECIMO RE 
A S S I R I I. 

V 

BA LE 0 li. Re di Babilonia regnò anni ti. 
Coftui fu dopò Scmirami$ più de gli altri famo- 
fo , e fplcnde (In'oltrc l'India ne l'imperio , fcrifi 
fero i noftri più libri di fuoi fatti. 

L'A Nno decimo di Balco Porco Cado Empij Cene I(b 
h d'habitatori Vetulonici , lafciandonc parte à defcen- 
deati de Liguri. 

L E G G A N S I I libri di Bdleo Aj?irio , perche 
non trouo di lui coft alcuna tra Latini ne tra Greci} 
I>iremoperò chifùffc quefto porcoje le fue colonie in 
■Liguria, che Ifola e Cados Sene , e (juaifono le fue co 
Ionie vetulonie . Perca fit figliuolo di Nettuno Egit* ^ 
Ho, fratello di LeBrigone , come ha varrò , e Seruio 
nel r. del'Eneida . Adunque non è uoce latina, md 
àrnica Aramea.l dotti Tamuldiiìi dicono che por*' 
co fi dice per abbreuiatione , perche Aramei dicono 
poreco , e fignifica portatore da luoco à luoco , per 
che fecondo Berofo portaua te colonie per Italia, cr 
il le ifole. In TofcanaMlatic^a- in liguria fono tai 
nomi de luoghi , Vorcarecé , Vorcarilio e porcifè* 
ra. Plinio nel %.dice. Genoa de liguri ejfere tra Fe* 
ritone fiume e porcifèra . mi nostri ò perla prò*' 



1 REDI 

pietd detdlingui , òper fchiuareU bruttd fìgnifi^ 
catione diqu^jìduoce idijftro con uoceSciticd,in 

Forco . ìdtino portdtore , er in Greco portmeo. 1 ciancidto 

Fortmco Qy^ci lo fvcero portatore del Mdre e de l^ltifèrnOé 
Come Vdrro , e Seruio fcriuono . Io trono di queiio 
"Principe tre nomi Apogli Autori Latini. Virgilio 
nel T»nomindfvrco dicendo. 

Tuttd Id gente del ueloce Torco. . ^ - 

Seruio iui allegando Vdrro dice. Torco fu prìs 
mo Rf di Corfìcd e di Sdrdegnd . figliuolo di Net^^ 
tuno e di Tofcd ninfa , i7 quale uinto da Atlante , CT 
dffogdto in mdre chiamato D/o marino , CT heb 

Gorgona bete figliuole Gorgone , Italiane non di Mauritanid. 
Turonoquefle 4. figliuole Scila ^ Euriali ^ Scende 
Medufddifingoldrbellezzd . l'ifoldde le Gorgoni 
uicino d Vifd prefe da quelle il nome.e Scila tr4 Ci^ 
cilidj^ Itdlid. Adunque Virgilio nel r. lo chiamò 
in lingud Scitica Torco , e nel qudrto de Id Georgi'^ 
, Cd portatore con uoce latina dicendo. 

Fdffdr non lafcia il portator de Porco 
Viu la palude.che w'c contrapofld. 
Gìuuendle con lingud Greca lo nomo portmeo. Qt^al 
fu Vìfold Cddos fene IHnterpretdtione del nome e 

Snc?' l'dutoritk lomanifiild. Aramei.CT nebrei dicono 
Sandai Cddos , Greci ThidMinifdcrd. Uebrei dicono Sene 

liori. Greci Sdndalio italiani ?dntoftla.Timeo,a' i Greci 
chiamano Sandalictela Sardegna^ Sardo figliuo^ 
lo d'Hercole Tofpiade nominata. Plinio nel ^ CT dU 
tri hiilorici. Perciò Cddos Sene t l'ìfold di Sdrde^ 



BABILONIA. LIB. V. yz 

gnd. Il che moftrd Vdrro Sermo dicendo che Vorcpt, 
/m il primo Re di Cor fica e di Sardegna ,fe mi dirai 
che prima habitò in Surdigna lolao con Sardo , cT, 
dltri Tofpiadi, Str a bone ti rifpon de che ìolao , cr i 
Tofpiadi uh abitarono con i Barbari Tofcani, che 
ui trouarono. Per tanto diremo coH uerace Berofo 
che Forco con Coloni Vetulonici primieramente oc^ 
cupo trifola auanti tìercole,^ i Tofpiadi. Md 
che i Vei fiijfero quefli Tofcani di Vetulonia . Bero^ 
p) lo afferma , e Plutarco ne la uita di Romolo dice 
che quei Tofcani furono Coloni in Sardegna^ (juai 
han Veiuzo nome , / campi , cr / fiumi Vei , perciò 
Komolo chiamo i vegenti Sardiniani^non già per 
che quefli Vei fi^ffero Sardiniani, anzi fi chiamauas 
noBnetanijCcme fcriue ne la uita di Camillo ^md 
perche difieffero da Vei Tofcani Coloro, che primd 
habitarono in Sardegna. E mojlrafì , perche fu chid 
ntdta ifoU Sandalioti ò Sacra pantofòla , non fola, 
perche é à pmilitudine del ueftigio humanto fecon^ 
do Timeo , ma etiandio perche da principio uifis Id 
fdcYd pdntofòld y cioè il principio e Sdcro ueBigio 
de Tofcani, Gelilo nel 14. dice. Crepida è una fòggid 
di calceamento che cuopre dal principio de le pian^ 
te fin^d i calcagni , e lafcia nudo il rimanente ma le^ 
gato confiiuiccUe.vfduanofolamentei Sacri Prm# 
dpi de Tofcani queiìa pantofila^percio fìt nomdtd. 

Turrend e Tofcana Virgilio dice 

Con legami Turreni il piede ueile 
Crepida dice Seruio cuna fòggia di Tofcani calced^ 



BABILONIA i;iB. V. ff 

ne iqudlift narra che guerreggiarono i Titani coni 
tra i Dei . Queiia jù Vultima guerra che fecero gli 
empij contra i Dei . Ofiri uinto il mondo, hebbe que» 
flt epiteti . Gioue Giufto paàre^e confultore.Diodoro 
nel 6. dice che fìirono puniti i giganti da Gio ue,per« 
che fidando fi ne la propia grandezza , e fòrza , ha^ 
ueano conmeffo motte ingiuHitie , riducendo le gen-» 
ti in feruitu , e guerreggiando cantra i buoni , iquai 
per hauer fingolarmente giouato k tutti erano filma 
ti Dei . cofi per ifuoi molti benejìcij , e grande impeci 
no , ghfìt da tutti ajfegnato il regno perpetuo , e la Epiteti 
flanza ne l'Olimpo monte . Per haucr giouato à la ^'^ 
Ulta humana fu detto Gioue , per hauer cura di tutti 
padre, per hauer ottenuto l'imperio del mondo, Dwa 
ca, e Re, cr hauendo datto prouidi configli , corfuU 
tore . Per q<ieùe parole di Diodoro ci manifèna che 
per confentimento di tutti gli /ù affé guato queflo epi 
teto , Gioue , Giufio, Padre, Duca , Re , e confultore 
il cui regno perpetuo, e le {ìanze, e ne l'Olimpo uici* 
no al mar roffo. Perche ni fono più Olimpi in diuer^ . • 
fe prouincie fecondo Cofmografi , Poeti, cr hiiìori^ ■ ^' ' 
ci, uno cerca Teffaglia,e Macedonia, l'altro in Gal* 
togreciajl terzo in Mifta di Afta uicifio a Prufa cit^ 
ti, il quarto in Etiopia, uicino al mar roffo, non lon 
tana da Ueliopoli , queflo come ft narra dal nafcere 
iel Solefin'd Vhora quarta del dimanda gon fiami» 
tne,elo conferma TorteUio noflro Aretino, in queito 
Olimpo uicino à gli Egitti], er Etiopi credefi che fa » 
Hanzd del morto Olimpo . Diodoro nel ». diceOfm 

K 



I R E 13 I \ , 

fi» diordto U gli Etiopi perche infegnh loro l'Agn 
colturd,eiificò egreggie citù gli pofe i ?rencipi,or^ 
dinò,cinfe co gli àrgini le ripe del Ni/o ne i moti d E 
tiopia . Cofi andato per lo mondo , e uintu Titanty 
peruenne in Spdgnd, nel principato de Gerionulidui 
eh di Spagna in la Mored, oue nomato kphregno fe» 
condo Eufebio de tempi anni j r. fop ra gU Argiwt.Di 
poi creò Re di Acdid Bgialeo uno de i Dei d'Egitto 
frdteUo di Bdleo Re d'A^rij l' anno^r.di effe Bdleo, 
et egU nauicò coH popolo in Egitto^ue fecondo Be^ 
rofo rizzò ma colonna trionfale deld fuaejj^editio 
ne. intagli àdoui lettere fecondo Deocl. nel iMquejt* 
fèntentia SOno certaméte ofm,che fono andato per 

10 moia tutto fm'à i deferti co fini de gli Indiani. An^ 
dai d queUi anchora, che fottoùanno a l'arte^ ifon^ 
tid'mro , ifm'à l'Oceano . Son figliuolo di Saturno 

11 uecchio, Germe nato di generofo , e bello . No» p* 
luoco nel mondo, ou'io non and affé, in fognando Urne 
inuentioni. Sacerdoti d'Egittto dicono cheft pojfono 
kggeretaicofedela monarchia ài ofiri in ^ueU 
colonna. 

R E Gnò ne Tuifconi Sueuo ne Celti , Celto , da cui 
hcbbcro nome i loro pia alti monti, iquali da le arfc fcluc 
diaidono Celti da Celtiberi . 

D E Vardere de i monti Pirenei Bioioro nel 6, 
iice . I monti Virenei fono de gli altri più lungi , e 
Pirenei, grandi affai , perche dalmareloro d, mezodifìn^i 
l'Oceano al fegno di Artico diuidono la GdUtia,oue 



BABILONIA LIB. V* 74 
ro Id GdUid dd VìbcrU . Si Stendono per Celtiberia 
tremiUia ftudìi , cr effendoui copìofe [due , narraft ' 
che podoui il fuoco da pdHori.drfero tutte le regioni 
montane, ^ indi fiirono chimuti Pirenei. Eduran^^ 
do più di l'incendio, U fòrza deh fiamma fece fcoU(^ 
re molte uene di puro argcnto^ilquale non effendo da 
gli habit(i.tori conofciuto , fii da mercanti Fenici 
comperato k uil preccio , e portato in Grecia in Afta 
Cjr ad altre nationija onde guadagnarono affai.Dio 
doro in qucflo ci auifa prima che ne gli antichi tem^ 
pi neVìberia Virenea uerfo l'artico oceano i pailori 
hdueano per ricchezze gli armenti, non l'argento . 
'Perciò gli spagnuoli uerfo l'Oceano fettentrionale 
fon chiamati da Homero i<iomadi quafi l^umidi.Stra 
bonenel ^.dice. il poeta chiama Nomadi i popoli 
Settentrionali, dal rito di uiuere, perche erano aucz 
Zik pafceregli armenti . Perciò fiirono gli armenti • 
le ricchezze di Geroni , i quai ìlercole gli tolfe , ch'i 
argomento de l'antichità Spdguuola , edei giganti 
Qerioni, e perche in lingud lenicea Celte qua fi Celi* 
tefignifìca l'ardere di Gioue, fecondo i Tamuldifli , 
c Girolamo per Qelion interpreta incendio . E M^iss 
crobio dice che i Tofcani chiamano Gioue Ito . Co/i 
ia Fenici dittioni Celi, cr Ito fi compone Celto^ ò Ce/ 
te, cioè Giouiniano incendio, non fatto da Gioue, ma ^^''^ * 
da i pa{(ori, ma perche fi fèce regnando Gioue GaU 
fa oouer Gallo perche gli antichi chiamarono i Re 
Gioui.e Saturni. E perche Fenici frequentauano /'is 
Uria come confanguinei , perche erano gli iberi U 

K lì 



À 



*T V I R E D I ■ 

mdggiorpdrte di Venicid, come dice Vdrro , e Vlimo 
neh o' dncho Cilte é nome ¥eniceo , Di onde hebbe 
origine.Nod IdnOy^ilnome fenicio. Cielo, CT Ito 
fu commune i Tofcani, Sp^gnuoli , e Icrdnciofi , e dd 
quello fi nomarono i Vrencipi' Ce/i/, e Coviti. Glie cer 
tijiimo argomento che quefti popoli fcefero dd Idno 
Tenice , che fu fdudto ddl Diluuio.e mdndo di Scitid 
le colonie . effendo cireneo nome Greco poRo^dn^ 
ticamente^gliè grdnde argomento che Yruciofihdb^ 
bino ddtto Id lingud , e le lettere d Gdldti , CT d GdU 
logreci. Non fi credd d Greci ne d hdtini.che gli fe^' 
gMono, cfce Vireneo fìd detto dd Virene compagno di 
Hercole, perche fecondo Vlinio nel \ . glie una fduo^ 
la. Et il nome Celte.e Vireneo /m duanti ifuccej^i Tro 
ianiy ne quali Hirono Hercole, P/rene, V Orfeo . Ld 
regione d quejli monti uicina fi noma hora Virpinid^ 
na in luoco di ?irepiniana , cioè porta di ardore , e 
d'incedio.perche iui primieramente ipa^ori appica 
Tono il fÌMoco . fenici anchora chiamano pire fooco^ 
pini bocca di origine fecondo i Tamuldifliy che ni ag 
giongono come pi ftgnijica bocca , cr origine, e Ne, 
cuer No, di gran nome, e fama . Ver ciò Virepini fi^ 
gnifica origine di combujlione di gran nome, e ferita 
Pirplnla. ueft regione Virepinianaje jòrfe non fi getta la lette^ 
ina regio ra, e come id Celite Turreno, e Vulturrena , e/crù 
• uefi Pirpiniana. Celte, Turno Yolturrena . 

Tanto fi a detto cerca , i fatti de i Yranciofi . 
Cacao. Sueuo Re di Germani diede principio d Sueui. Vlinio 
e tacito de i coSiumi de Germdni . Moftrdmmo per 



im BABILONIA LIB. V- jf 

Dioioronel Como Gdmbriuio ofm peruenne i 
quefìdpdrte.infegnò poddre le uiti decogliere il 
grano^ e fdre beudndd di orzo^ CT herbe, oue non na 
fceud uino . Tdicemmo dltroue che ifì drriuo k i fueui 
nel tempo di Uercole Alemano ,e di Idjìo Tofcdno, 
moitrdfì per U nduiceUd con Idqudle Ofiri.et ijt uen^ 
nero k loro per lo Renose dd i tdglidti rami d^dlbcro 
fruttifero^ coUqudle fdcrifìcdudno dd l/ì, echiedeud^ 
no gli ordcoli . Cornelio dice. Vdrte de Sueui anchoia 
Td fdcrifìcdno dd ifxm fo dUegdrne dltrd cdufdfe no 
chefdtto come un fmuldcro di nduicelld infegnd l^dg 
giontd religione . Mdgiudicdnochenon fi debbdno Hcllgfo- 
riftringere i Det trd le mura, ne rdjfomiglidrli dlcu^ ne de Tuo 
nd fòrmd de humamd copi . Sdgrdno i bofchi chid^ 
mdndoli dal nome de Dei, e li mirho con riuerentid. ^^.'^|^^"' 
E poco dppreffo dice : Id confuetudirie de le forti e j^^^^ 
fèmplice.Tdgliduoin Surcoliunduergdtroncdtddd le mura* 
àlbero fruttifèro^li fegndno dijfèrentidtdmentejfpdrti 
dogli poi foprd ucfte candidd. S'è cafo publico fi do 
ntdndd configlio <xl fxcerdote de Id cittk, s'è cofx pri 
Udtd, ilpddre difdmiglid fa ordtione, e mirdndo tre ^ 
fidte in cielo lieud cidfcuno di queifiircoli in dlto^egli 
interpretd fecondo il loro fegno.ìi^drrd Tdcito dltrc 
cofcj pertinenti k fdcerdoti , k Vrencipi , cr dd dltri: 
mdfpecidmente dd Ofiri , CT l/J che honordno il li^ 
burno di quelli . Et è liburno und nduiceUd per pdf:» Libumo 
fdrd i fiumi, e tdl fidtd fignificd ndui grdndi . Clue^ 
d^cnome Bdrburo , che Idtindmente fignificd ueloce 
tìduehordld chidmimo jìiftd.SegucU morte i ofiri 



1 



I R E D I 

TIFOnc Egittio con fapuu de tutti i giganti vccife 
Ofiri, Gioue, Giufto, Egittio Tuo fratello , & egli in Egitto 
fi fece tiranno . Bufiri regnò in Fenicia,^ in Frigia vn'al- 
tro Tifone, in Libia Anteo,in Celtiberi4 Lomnimi, in Ita- 
lia Lcftrigoni, & in tufto'l mare Milino Cretcnfc. 

D I Odoro chimd i Titdni gigdnti Tirdnni , de 
Urutti poi dd ììercokjTìon erdno gid figliuoli di Ti^ 

Titani . t€d:md perche deriudti dd Titdni fduoriuano U 
pdrte loro. Ofìrifìgnoreggidtido giujldmeiite^i ficc 
Re ne le dette regioni . Biodoro nel i. e net 6 ♦ E |w 
nomdto giujlo perc^hduendo uccifo gli empij pddri • 
ritdni.creò Prencipi i figliuoli, Anteo in Ubid , Bm^ 
fni in Irdncidjifòne il gioudne in Trigid per Tifo^ 
ne fuopddrè . Mileno in Cdndid per Milino dnticot 
In Itdlid Leflrigoneye Torco per Nettuno loro pddre 
In Sp d gnd i figliuoli Gerioni per Gerione loro pddre 
Cofi Ap/, Opri , Mondrcd del mondo , dcchettdto il 
iutto^ritornò in Egitto joue fcriffe neid colonnd trion 
fdkj e re{ldurò , ò fice dd nuouo Menfi fecondo Bu^ 
febio d tempi di Bdfeo predetto Re d'Aj?/rì/. h\d Ti^ 

Tifone . f^^^ Egittio fi' dtcUo di Opri fecondo Berofo, e Sene* 
Cd ♦ Moffo dd inuidid Stimolo i prefetti d'Egitto di 
a Libid d'Africd, e d'Europd dd uccidere il frdteUo. 
Vromettendo d quelli i loro regni perpetui, fe non 
porgeudno diuto dd Opri dd ìfhcr dd Hercole.Cofi 
Tifone congiurato coni detti Re uccife il frdteUo. 
Diodoro nel i .e ne gli dntichi libri de fdcerdoti d tem 
po di Opri leggep che Opri regndndo in Egitto giù-» 
ftdmente , ^ da Tifone fuo empio fratello uccifo, c 



BABILONIA. LIB. V. 7<^ 
fattolo in 16. partiy ne diede utid k cidfcuno di colom^ 
roj chkrano confupeuoli di tdntd fceleraggincy pcr^ 
che glijuffero defènfori^ e fedeli guardiani nel regno. 
Mallìconl^dmto diOros fuo figliuolo ^ ucci fo Ti^ 
fòncj cr i congiurdtij per uendetta dei frdtcUo rejiii^ 
tui il regno di Egitto . Fece/? il conflitto uicino dd un 
fiume di Arabia detto borgo di Anico^da la vtorte di 
qued^ Anteo per mdno di Hercole, QueCto parlare di 
i:>iodoro manififla che Anteo il uecchiofii ammazzi 
to dd Hercole uiuendo Oftri , CT in Arabid Hgitticd, 
e fuo figliuolo Anteo in Libia ♦ Biodoro nel r. dice. 
Bgittij fcriuendo di Pridpo dicono,che Titdni uccifo 
oftri d trddimcto4^ui(èro il fuo corpo in pdrti ugua 
li, e fe le pertarono a cafd ♦ non uolendo dlcurto 
Id parte ucrgognofa , Id gittdrono nel fiume . Ma 
ìftuccifei Titani per uendetta del marito, cercò il 
corpo del fratello , e congiunfe le parti ritroudtc ne 
lu prima humaud fórma , e ficelo ddordre per Dio* 
J^iodoro con Berofo fin qui ha ndrrato de la mondr 
chid , honore , e morte di Ojìri , 'hord paffa Berofb 
a narrare Id mondrchiddi Hercole Egittio , e ui fi Hcrcole 
pongono certe diffirentie tra Hercole Greco,^ Bgit Greco ^ 
tiojfcriuono che fiirono più Hcrcoli Vdrro ne nomi:» * ^S^^"* 
nd^^. il primo ficjuefl'Egittio Tebdneo.l^ ultimo Al 
ceo Greco figliuolo di Alcmend , e d^ Anfitrione. Quel 
lo ifleffo dicono Diodoro nelt. enels . e ne Id fine 
deli^.^ Hcrodotto nel 2. oue dice di hautr nauicd^ 
to in Eenicid^ej hduerui troudto un tempio d^Herco 
le edificdto molte età duanti il Greco Hercole: cr 

K« • • • 
itn 



IRE DI 

fègHd effìcdce argomento che quedi due Uercolipirò 
no dd gli dntichi Greci honorati . Verche edificaud^ 
no un tempio dd Uercole Bgittio , e ue l^adordudno 
per Bioj uicino ìi quello ne edijìcdUdno uno dd Her^ 
cole Greco j dlquale non fdcrificdudno come d Dio , 
md gli Fdceudno officij mortori come d Barone. Ci^ 
cerone nel trdttdto de Id ìidturd de i Bei dnnouera 
co gli altri Uercole Egittio . Cefi gli HiRorici tra, 
molti Hercoli più commendano l^Egittio^ cr i fecon^ 
do Mdcrobio honorato dd gli Zgittij come udto nel 
primo ndfcere de Vhumand generdtione , e mdncante 
di principio . Biodoro nel primo dice Uercole Greco 
Hebbe nome Alceo, e non fi chiamò Uercole per co^ 
gnome, cioè tutto pelofo ^md Herdclio^cioc gloria di 
Giunone Alche Greci falfdmentc affegnano alfigliuo^ 
lo d^ Anfitrione, CT Uercole è uoce Egittia, non Grc^ 
td. E que^o conferma Eufebioneld prepardtione 
eudngclicd. Perdo dicendo Efòro che un folo Uerco^ 
U fece tutte queBe degne imprefe , non lo niego , mi 
ben dico che il figliuolo d^ Anfitrione non fÌ4 Hera 
* • cole, ne nomdto Uercole, cVè uoce Egittid, e propiA 
de VEgìttiofi come Ueraclio di Alceo figliuolo d^An 
fitrione, e d'Alcmend yC fefii ddulterino, Gioue Gre^ 
co fu fi4o pddre . VEgitto non fi fdld madre, ma. 
fio pddre fu il giuflo Ofiri, fecondo Biodoro Berofo, 
e Moife . Anzi il fi^o nome propio |m Libio. Balqua> 
le egli condujfei Libij nel trionfo, iquai prima fi 
, chiamauano T?utei. ouero Eaetontei fecondo Giofefo 
cr Girolamo fopraH io. del Genefi, Cerche VUerco^ 



BABILONIA LIB^ V* 7? 

te^ Uguale /òggiogatoHmondo rizzò inLibidU cóm 
lonna del trionfò, fu Egittio. Biodoro i U fine dd 4. 
SìUio nel iz . chiama Sdrdo il figliuolo d^Hercole 
'Bgittio^ nàto del fungue generofo d'Hercofe Libico^ 
fiondi Alceo j che pofe le colonne i GddineU parte 
Europa, fecondo JDiodoro, che fegue le Greche fa 
noie perche colui non ui rizzò colonne, fenon forfè 
in Grecia, come fi mostrerà. lAa i cognomi di Libia 
figliuolo d^Ofiri furono Egittii Her , Hercol , Arno, 
Mufarno , cT Ar ♦ De i quai dicemmo ne le queftiof^ 
ni Egittie. Uercole Egittio nacque nel primo nafcer 
de gli h uomini diecemiUia anni Egittij auatila guer 
ra Troiana,^ Alceo Greco meno di doimiUia, D/o^ 
doro ne/ 1. E reducendo quefii anni Egittii al cor/o 
del Sole ufato da Caldei Sciti, cr tìebrei, er lanige^ 
nr, ò Celiti Italiani, che impararono Iranno da lana 
Cielo dal mouimento del Sole , cr i mefi dal corfo de ^ 
'Luna . ììercole nacque poco dopò Ni/io fecondo Be^ < 
rofo, e da luifinVi la rouina di Troia corfero più di 
ottocento anni , che fannopiudi diefemiUia Egittii. ilnafcc- 
Anchoradiccftchequeiio Uercole Egittio manca di 
principio di tempo, cr il Greco fiori a tempo di Eu^ ^^^^ * 
rifteo Ke con gli argonauti poco auanti la guerra 
Troiana.Biodoro nel 4. cr altri hiflorici.Et ancho 
V Egittio fiori a tempo di ofiri nel primo nafcere de 
Vhumana generatione, quando erano i giganti , er i 
tnoilri , e che gli antichi Dei combatterono contra i 
giganti come efii Greci confiffano . Ma Alceo Greco 
fiori cerca la rouina di Troia, quando effendoui cit^ 



I R E D I 

ti è Kfy non erdKo più i gigdntiy & erdno morti gli 
dntichi T^ei^c'^h due uno guerreggiato coloro.Uggefi 
dnchord che per molte etk dumi Alceo d' anfitrione 
fùrono rizzdti tempii dà Hercole, cr d i Bei Egitti]. 
Et dncho fecondo Diodoro Hercole Egittio fiidtem 
Hcrcola pi di J<lino qu indo poco erdno conofciutele drme. 
lAd ufdUdno mizze di legno , e pelli per drmdture. 
Alceo fii quando erd ordutdtoH mondo con leggi , e 
Re, e troudto'l fèrro, perche gli Argonduti , efp> 
Alceo erdno drmdti di fèrro, con und mdzzd fèrrd^ 
td.Epdrtendofì dd porto dd TeUmoneydndò drmd^ 
to per hucumoni , e Tofcdni dd Euicdndro, e con U 
mdzzd fèrrdtd^che Idnciò dd fe, cduò il Ugo Cimino 
Iago ve- ^ ^^^^ popoli per moftrdre il fuo udlore . Coji l Egita 
lamcntc tio, e Pelofo, CT il Greco jtrrdto, Seruio dice che non 
fatto da fìi fcLuolofo il uidggio dd Eudndro foprddetto . Per^ 
Hcrcolc. Ycrio, e riodoro nel r. dfjvrmdno che Hercolc 
torndto di Spdgnd co gli Argonduti nel porto di To 
fcand di Telamone , nduicò preffo d Turrend , e dd 
Teldmone VrencipfZ Argondutd gli fii po^o il nome : 
md tutti dfjvrmdno ch'egli peruenne dd Eudndro 
ddl prof^imo tempio di Vulterrend, detto dd lui por^ 
to di Hercole . E fecondo Ver rio pdrtendofì dd Lu^ 
cumoni , rdpi dd i IFduli Id fdnciuUd fduld , Id^ 
qudl fecero i Komdni De4, hdttdntionel i.con^ 
trdle genti cap. ti. Seruio reputd fduolofo , che fi d 
fattd und cofd in terrd di tal modo , che non fìpoffa 
cdudre, ouero che cdudndold^gli fegud tdntd copi<% 
d^dcqud, chefdccid m Ugo ♦ M4 Vlimo 4 Rincontro 



BABILONIA- LIB. V* 7* 

iice.che ne i Cimini in V dente l gli dUdri Mutidnifo 
no luoghi jdd iqudi non fi poffono cdudre le cofe fitte, 
et ndtur dimète in Cimini il tutto c pieno di dcque^che 
fcdturifcono facilmente , CT il luoco del Ugo Cimino 
c come und concdjld onde fdcilmè te ftpoteud empire 
^ dd poc^dcqud forgentein alqudnti diieffendo gid 
ptujfdtd Idterrd. Cofinon c quefto cofd fduolofd fo^ 
no dnchord dtjjvrentiy perche Uer delio militò dd Eli 
riHeo folo, ch^erd un Re pdrticoldre . vbbidi d gli 
Argondutij k rouind de le gentiy non d fdlute-^corfeg^ 
giòpermdredi Liti uicini con ingdnno . ìnColco' 
aiutdto dd Id meretrice Meded, rubbò il uelo d^oro, 
cfe fuggi dd Cor fale uili)?imo . Diodoro nel 5. oue 
fcuopre certe cofe f duolo fe , che fingono i Greci , di 
cojloroper honordre Vdrte del Corfdle , cr ufdrono 
Viftejld fcufd di honeBd de Id correrid cercd ìlio 
qudndo di notte co ingdnno ucciferoLeomedonte pd Laomc- 
dredi Vridmo. Chediqueiìo non fi guurddudfcor^ dontc. ' 
rendo poi nel Vitto d^kfricd , non uccifero Anteo che Drago 
non u^erd: md ligdto Brdgo pd^ore 3 le cui pecore 
hduedno Und d'oro j cioè rifplendenteM tolfero le pe 
core d fuor occhi. Non udww ddunque d fdlute de gli 
Africdni coloro , che fpoglidrono gli Africdni inno^ 
centi. Cofì per Id Spdgnd fcorrendo,fìnfero d^hduer 
uccifo i Gerionijgid uccifi dd Ucrcole ì.ibÌ0:,dnzi Al^ 
ceo fdlfdmentecognomindtoKercole dd Spdgnuoli 
poHo in fiigd 5 nduicb dd llud ìfold d^ìtdlid:,CT indi 
drriuo nel porto tofco di Teldmone ^uicino dlpidi^ 
no di Turrend. Diodoro nel Indi dndòper terra 



m 



IRE DI 
aula Cem/n/, e Lucumoni, cr drriuò k Komd , e r^p^i 
Morte di f^^^^g^oudtiettd , te/icfce Verno d/c^l che elld erd il 
Caco fi^o premio. Et uccife non ualorofdmente^ md con in^ 
gdnno Cdco potente "Prencipc di Cdmpdnid ^cheuie^ 
tdud dd euadro Vhdhitdre ne l'Auctino fcnzd Id corri 
mij^ione di Tdrcontc Re di Turreni . Solino tedifì^ 
che Cdco fti pojlo inund fpcloncdddTdrconte Kc 
di Turrendj md rotte le cdtene , er i ceppi , occupò 
Id cdmpdnidj cr i uicini luoghi, e ft fortificò in guifd, 
che tornò nel^micitid di T arconte» E fapendo come 
gli Arcddi occupdudno il Utio, con licenzd di Tdnno 
€ fenzd commij^ione di Tdrconte,folo ,e difdrmdto 
4ndò neWAuentino , e tolfe i buoi dd gli Arcddi non 
dd Her delio, e li condujje neWAucntinoMer delio che 
uifi trouò di notte come un corfde gittò fiioco ne U 
fieloncd, e ue V affogò , etemendofi de i Turreni , di 
fuo [olito fiiggi* Solino dice che effendo rotte le {ird^ 
de, uccife Io figliuold di N^w/oco Vugliefe che occu* 
pdud le Rrdde . E dd lei fu, nomato Ionico il Litto di 
Vuglid.Cercd quefli tepi TroidniyTdrcone^et i Tur 
reni poffedcuano tutta I talid, d iquai floridi dopo ro 
uindtd Troid^ricorfero primd Turno Re de KutuUi 
epoil£nedcdccidto ddTroid fecondo Virgilio. 
uandro egli Arcadi uolendo fcufare quefta ^ga dif* 
fero che Caco fu uil huomo^e IddroneM che onde He 
Tdclio con diuind uirtu Puccife , parimente teffono lo 
ro fduole di Ldomedonte^di colco,di Brago, de Spd-^ 
.gnuoli, d^ltdlid^e di Cdco. Her delio ddunque non fi^ 
Scoreggiò 4 tuttoU mondo ^ non uccife i gigdnti d'E^ 



BABÌtONIA. LIB. V. 79 
»tto, di Tenicii, d'Afta d'Italia di Spagna. . Lequai 
prouincie haueano i lor Kefenza Tirami ò gigan^ 
H . Ma andando in corfo cogli Argonauti.fìt da Col 
dei nomato Cor fate , come dira Berofo . \ diamo ho 
ra Berofo di Hercole Bgittio. 

H E R c o L E d'Ofiri figliuolo detto Libio , accompa^ 
gnato dalfidc vccife in Egitto Tifonc,in Fenicia, Bufiri- 
dc.io Frigia.vn'altro Tifone.Milino in creta,Anteo in Ll- 
bia,c fconfiflc i Lomninii in Celtibcri3,oue latto Re loro 
HifpaIo,verfo i Tiranni d'Italia s'inuio.c paffando in Italia 
per ccjti.per conccljionc de padri Galtca generò loro 
Calate Re. 

* P E R le fopr adette cofe è manifè^o quanto Bc- 
rojfò fcriue quiui d'tìrcole Egittio , la cui monar* \ 
chia , egli comincia à narrare , quai tiranni , er itt 
quai luoghi egli dctlrujfe i Giganti , qual Re egli 
creò in Spagna dopo i Gerioni , cioè Uijpalo . Che 
edificò uif^ali citta , hora Sibili a^ tutta la Spagna 
da le fue colonie fi chiamo nijf>alia,efam€ntione di 
Calate Ke,dal quale fce fero i Calati, e fi nomò Ga* - , 
Utia, hora GaUi , e GaUia. Berofoje -DioAoro nel 6. padre 
dice. Celte buomo egregio ui regno , cr hebbe una Galli. 
figliuola più alta che la commune flatura , e di fingo 
lare bellezza. Cojìei diuenuta per le fòrze e beUezzd 
arroginte,f^ezzo ogn'unno , che la chiefe per mo* 
g&e. ì^ercole poi che moffe guerra à Gerione uenne 
in Celtica , e ui edificò Àle^ia , perche marauiglia^ 
ta dela uirtii di Hercole,e de la dignità del corpo 
maritò con lui , genero Gdate , che uinfe per udore 



I R E D I 

f ufrtà iftioi uguili di etL Voi che uenne d Petd ttiH 
le , e prefc il regno paterno ^foggiogò i pdejì uicini-, 
e fece degne imprefe. Bipoi chiamo , Gakti i popoli 
e Gdldtid il piiefe. riodoro con qucde parole mani^ 
fiftd.che fi cominciò k chiamare Galatia d tempo di 
Hercole > CT hora la chiamano Gallia da Galata fi^ 
gliuolo d'Krcole Bgittio , che ucci/è Gerione • So^ 
lino ferine che i Calati popoli di Apa ui furono po^ 
{ti dai primi Iranciofi ^mafAlceonon fi( k primi 
tempi come fEgittio Ubio, e dopoH trionfò di Spa^ 
gna 3 regnò in trancia e ui edifico Alfia città hord 
^SP' Al/ètd in Borgognd. "Diodoro la pronontiò corrot^ 
^ ' tdmente , Alefiid. CXuella che chidmano Uebrei Ala-* 
fd , Egittij Alefi , CT kifed trdj^pnendo le lettere, 
perche iuiUercolemefi:olò il regno e feme Hereuleo 
con i Celti . 'Diodoro iui dice che i Galati con i Cim^ 
hri , e Cimerij occuparono tutta VAfia e la Grecid, e 
fondarono i Galati ^ e chip affirono in Grecia furo^ 
' no k quei tempi chiamati GaUogreci , cr hauendo in 
ufo le lettere Galate.non e Uggiero argomento , che 
Meoni dicono le lettere effer condotte da Gdldti , in 
Galari . Grecid , c non di Venicid dd Cadmo. A quefiofa che 
Munu ^ gli j^ifjj^i ^^^pi Troia Galate il gio^ 

Udne ninfe i Sdrmdti idi Tdnai , e fi)ndò dltre colo^ 
nie Galate , perche intendiamo che durò lungo tem^ 
po in Afid perciò ai durdrono gli idituti e lettere 
Trdnciofe . Md Greci per riputdrfi i primi j fin fero 
che Cadmo portaffe loro le lettere di YeKcid , il che 
non poffono proudre con dlcund tumori d dntica. 



BABILONIA. LIB» V* 80 
come Giofefò drguifce contro Greci contrdponen^ 
doft dd Apione Grdmmdtico Diodoro dffirmd che i 
'Rontdni chidmdudno Gdldtiquei che gli altri no^ 
mdno Celti. 

VINSE il IO. anno , c cacciò d'Italia i Leflrigoni , paf- 
(àri poi anni IO. regnò appo loro in pace, edificandoaf 
dal fao nome e cognome più terre , come Mulàrtia , Gie 
drofic c Carmanie , e luoghi da l'acque impediti fece ha- 
bitabili. Adunque Tanno 41. di Balco cominciata in [Ita- 
lia la guerra contro Giganti , dui anni prima che mòriflc 
Balco gli pofc fine . Cefi Hcrcole venuto da Hifpali in 
Italia , vccife i Leftrigoni 6c ogni tiranno. Chiamò dal Tuo 
nome gli Arni , Liburni , e Mufaoni popoli , c per anni 
30 . fu loro Prcncipe , dopoi chiamato Tofco , Io fe- 
ce Re loro. 

F Ejìo dijvrmd che Tofcdni d^Udlid fiirono cofi 
chidfndti dd Tufco Re figliuolo di Hercole , e ddl ri 
to defdgrifìcij. Qjiejieuoci Tuffo , e Tufco fecondo 
i T dmuldiRi fono uoci fcitiche , krdmee^ perche 
fecondo loro di due ffy il fecondo fi mutd inc^co^ 
me lEeniffd Fenifcd , Libiffd Ubifcd , l,driffd Ldrii$ 
fcd , e pdrimente Tuffd Tufcd . Md u'è diffirentia 
che Toffd ouer Tofcd pero fignificd rupi taglidte e 
luoghi difficili d'dnddruijd trdnsldtione Cdlded^ 
che fi nomd Tdrgo nel pfdlmo ios.fi legge conuerti 
Tofco in fonte d'dcque. Giroldmo , et i Settdntd dipt 
fero,conuerti Id rupe in fonti di dcque . Md Tuffo c 
Tufco per u , fignificd luoghi fdgrdti d gli dugu^ 
rij y oue,d frofdni e ntdldgeuole l'dfcenderui Vir^ 
gilio nel ^4 



V f R B DI 

* Stdti luntdni uoi dico profani 
PER ciò c mdnifvfto ,chcU Tofcdnd fu primd 
ntdtd dd Tufco di Scitid Re del Tdiidi. Tolomeo dd 
,fuo nome chidmo i Tofcdnij del pdefe Tdndìdi. 
Co/? è minijiho che questo Tufco ji^ fi gli nolo di Her 
cUeEgittio che diHerdclio ,e perche non c nome 
Grego 5 md Scitico , e fpecidlmente che d tempo d'Ai 
ceo , che uenne ad Eudndro, Tdrcone erd Re de To 
fcdni 5 cr i Turreni hduedno legitimd monxrchid in 
ltdlid,epiutoflolocdccidrono,chd che cercdjfero 
fio figliuolo per Re. Ver che le f)rze erdno di fdngue 
4 Tofco e non Greco come Virgilio nel tO. Fabio pit^ 

tore e Seruio dffirmdno.Verdo Teflo intende di Her 
cole Egittioedi Tufco fuQ figliuolo , CT efponeU 
uoce come dfjvrmdno duco i Tdmuldifìi , e citee. To^ 
fcdni fono detti da Tofco Re figliuolo d'Hercole^fi 
Tufcid fignificd luoco diffidi e d'dnddruifi come To 
fculo. Cicerone dice Tofcd fignificd luochi k Vdugu 
rio Sdcri.ò dfpri e difficili , Id Tofcdnd gente fi coi» 
pie fii d'ogn'dtrd più ddtd d Id religione , |ù d queUd ^ 
ieditifìmd. Liuio nel $. dd Komd edifìcdtd • Perciò 
Turreni confèrmindo più to^o , che interpreUndo 
^dl rito del fdcnficdre fiirono chidmdti Tofcdìii. 
VUnio nel \ . Bionifìo nel i . Seruio foprd VEneidd e 
TeSlo lo dffcrmdno in che dnno comincidffe la guer^ 
td contrd Lehrigoni,e qudndo fignoriggio d Vltd^ 
lid dudnti Tufco figliuolo , comprendeft per qudnto 
fcriue quiui Berofo. I luochi dd lui edificdti , e nomd 
ti Libici ne gliinfubrij cioè L^ildno e Vercelli mo&r^ 
^ ifuoi 



BABILONIA IIB. V* St 

ifttoibenefìcij uerfo l'Itdlid.Bipoinomwd Afta Co* 
Ioni Ubdrn<t,tìe gli Alpini Lciridl, cioiUonindinuit 
tdregione,hord chiamdtto Ldrid Ldco mdggiore JDi 
poi dicey che fèce hdbitdbili i luoghi dUdgdti . E noti 
è dubbio che fèce quefto nel piano di fiorenti d . liei/t 
foUfd mdnifi^ che quelpidno fìiffe pdludofo , e U 
fama Fluentind. AdunqueHercole Egittio U fece ha 
hitdbile , riduccndo tutti i Ughi in un'dlueo. E di 
quedc Ufciò Hercole due mdnifiilì fegni. Vrinu die 
de ù quei popoli per infegnà. il fuo leone , CT dd Ars» 
no diede il fuo nome Egittio, che durd fin'a qucfl'etL ^^"^ 
'Echidmidmo MufdrnoU coUe di Vetulonid. EtdU ^"^^ 
^ntd pietra chiamidmo cittd Mufarnd , e uifi ueg 
gorio gran rouine di abbuttutd cittd , e ne ragiond^ 
no i cofmografì, carmani e Tefpiadi fono Mufarni^ 
cioè dmdeflrdti da Hercole . Que({ifono del f angue 
Ai Hercole Libico y non d'Her delio ySiìUo nel ti. 
Mandò parte di quedi in Carmini d come per le uoci 
Mufarno e Tafpi , e comcffe parte de Vetuloni a gli 
liarbani > e dura ancora il nome c Id citta Mufarnd, 
e parte neprepofè a la Sardegna con Sardo.^^^r ìo^ 
fo. Prima de i quali Vei Tofchi , con Itorco Ke era^ 
no anddtiy come dicemmo . E mdndoUi in Sdrdegnd 
du Vetulonid dd Harbani e Mufdrni . \l che fi pro^ 
Ud , che Hercole fòmite le fatiche, hebbe per ordcos 
lo che 4 uolerjì fdre immortale douedmdndare Co^e 
Ioni e in Sardegna i TaJ^i con Io/o fuo nipote . r/o* 
doro nel Hercole fornitele fue fatiche in Vctulo:: 
tìid , perche fèce l'ultimd guerrà m UdUd, e nel fua 



'0 



€&Mo Hdrbano uicino l Vctulonid. Ldjclo Ré 
Tufco fuo figliuolo dd cui fm'Aàhord chidmidm(K 
Vdrdtufjd , pdrte ^ardtufo ò Vdrdtufco . Dipoi aU 
tra non fiu che uiuere congli Spdgnuoli ^Cf lu^. 
mori . Co/? nncole dd Mufdrna e dd Bdrbdnd fud 
regione forni lefue fdtiche,em:Lndo i Tofpiddi con 
loto, li fecondo drgomento che in queflo pidno non 
uiè foldmente il nome MufdrnoMd loto dnchord. 
ouc Hcr YiUdin lolo ,fe mi dir di, che Ueccole fórni le fue 
imprefein Libid , ouepofe il fegno deld fud mtto^ 
ìltidic? rid.Tirifpondochepronotidno ìold Io/o,cr 1^^^ 
Ido in diuerfi lingudgi , e pronontidno lolo. Glie poi 
fdlfocheUercolefòrniffelefdtiche in ubidy perche 
egli ui pofe Id colonnd fecondo Diodoro neU.hd^ 
uendo foggio gdto pdrte del mondo :,md non tutto, 
anzi gli reiidunro due grdn guerre una contrd Ge^ 
rioni, l'dltrdiu Itdlid , oue conduffe di Spdgnd gU 
drmenti dei Gerioni. Vercio ammdZZati i uilrigo^ 
ni in itdlid , ui fórni le fdtiche di guerrd. Coft rizxo 
in Ubid là colonnd trionfale di due pdrti del mondo 
foggiogdte coH Mdre pontico e mediterdneo. 

ALTADB DVODECIMO 
RE DE ASSIRI!. 

Filofofii A LT Ade duodecimo Re di Babilonia regni anni 
d'Aliate. Coftui fi diede a le fiate à foUazzi , auifandofi effe r fcio- 
chczza di continuo con fatiche e mifcria affligcrfi , non 
giouando pero alMiumana gcnerationc , ma con propria 
rourna c feruitu . La onde volle egli goderfi la vita in rie» 
chezze c con fama mentre che vide. V. 




BABILONIA LIB. V* 9i 



Altdde ¥ilofofdud dottdmente^d uiffe rozzàmen} 
4e , Brd Id fui filofofìd fecondo Berofo tdle. VdZZO 
c chi combatte con miferid d propid rouind , e de U 
generdtioncy Sciocco echi s^dffdticd d tcfdurizzd^ 
re 3 non k fencdld gente^chi s^dftietie dd Vufo de k 
cofe e dd Id glorid , e fcelerdto dicendo SdUtnotie^chi 
e reo contvd fe jleffo , i chi fdrd buono. Bd cjuefid 
'Filofofòd fi cdududno due cofe , primd che s^afteniffè 
no dd ogni fdticd di guerrd e di gudddgno , per che 
veld guerrd l'huomo faticd j e le genti ucngono uc^ 
cife : nel gudddgno l'audro douentd mi fero , Vdltrd^ 
che fi godano i beni e Id glorid con altrui fdticd de* 
quihdtd. viffe poi rozzamente tra le meretrici, luffu • f 
rìofamente con filmando gli acquiiidti beni* Md tors 
nidmo di noSiri. 

A tempi di qucdo Altade ricchiani& Hcrcolc Tofco fi- 
gliuolo di Arafà generato da la regione del Tanai Cala- 
te , da cui fì chiamarono Galli i Samotei popoli , à (ìio 
tempo regno nei Celti , Se vandalo fopra Tuifconi. 

Ydridrono fpeffo nome i Celti. Vrimd fi nomaro^ 
no Samotei, dipoi Celti dd Galati Galate , dd Beli^ 
gio j Belgi. D4 Romani GdUi , c poifìrdncigene. Gd* ti^mi di 
Idte figliuolo d'Eercole diede il nome d GdUi regndn ^^"nciofi 
do foprd quelU regndndo Pdende,il eguale per mio dui 
fo fchiuò il guerreggidre,perche daudfi die delitie, 
eche non poteud contrdporfi k id mondrchid di Her ^^^i j. 
cole. Fdrimente udridrono Germàni il nome. Dd prin Germani 
cipio quafi tutti fi chiamarono Tuifconi, in parte 

h a 



i > I H E D r r 

Gdmbriulj , dudnti hìgheoni j dipoi ìflconL ìn^ift 
nòfndròno Sucui dipoi vanddli ^ Alemanni ^Teutd^ 
ni, e Teutoni. Yindlmentt àa Komdni fecondo Td^ 
cito fìiron detti Germani. Kegnando Altdde , Vdndd^^ 
Vanda Io ^^g"^ ne Twfconi e da hi [ce fero Vandali:!^ Vm^ 
àelici y ò vandalici che e tutt^uno per lo udridre de 
le Silabe apo diuerfe nationi Come pane , pan , pefi> 
Tafpi , Tefpi y Tofpi Sofà , Sufa , Sumfa Cofi U 
Tofcanauariò il nome. Plinio nel r . iia Cornato pè 
detta Cornar a da lano ìanico b ì ani gena da Kaz^^ 
nuo Kazena fecondo Berofo^e Diomfioldd Tufco fi 
gliuolo di YLercole Tufcea ò Tuffa fecondo Fe/io.E 
Nomi di tutta la prouincia mutò il nome, Plinio nel 3 . Bioni^ 
JTofcana yjo nel i. dicono che fit detta Vmbria da gli Vmbrij 
che ui habitarono , dipoi Pelafgiy che cacciarono gli 
Vmbri , e poco appreffo Turreno dal Re de lidiydal 
rito di facrifìcareydal quale fu da Greci nomata Tu^ 
fcia, Tufco adunque e quel Re , dal qual foto il cam^ 
po vetulonefe fu nomano P arat ufo youer grande^ 
Tofco In quciìi tempi egli ricchiamato da VLercole 
padre dal TanaiyUenne in Uarbano Camello patera 
nOy€ ui rifuona anchora qucjìo nome Toffo ó To^ 
'?rr'-v fio . E prouafi con que{i^argomento che Vetulonix 
uicina ad barbano al'horaefiri'alKomano Impe* 
riofii la {iantia regale d^Ualo e de i Redi Tofcana, 
Vercio e cofd certa che VLercole fòmite le fue fatiche 
uiregnaffcye creaffeui Tufco CoritOycioè Gioue 
Uailato , come mo&reremo. Tolomeo dice che da lui 
furon nomata Tofchi cercai Tanai. 



BABILONIA LIB. V. 9\ 
CRcòHcrcoIeTofcofuo figliuolo lòpraUnigcni Cori- 
co , c lafciaiolo iui Re , egli molto vecchio ne i Celcibe- 
ri ritorno l'anno Vigcfimonono d' Altcadc,& iui regnan- 
do fi mori. A cui rizzarono Ccitìbcri vn tcmpio,<S: vn fc- 
polcro , dandogli diuini honori,& edificarono à fiio no- 

«mc c gloria più cicfa,comc Libirofona , Libifoca , Libon- 
Libora. 

BErofo quiui mrrdmoUe cofcmemoYdibili.tccnf ^.p^j^.^ 

fòrmi 4 Greci e Ldtini:,i{iftorici, come narra Vompo d'Hcrcc 

nio Mela il Sepolcro , CT Tempio iVUercole Eg:t le à Cadi. 

tio effere à Gaie in' Spagna , e perciò che Hercole 

già uecchio iuiregnafjee moriffè, e che le coione i 

Gadifono di quefio non di Alceo. Benché Diodo nat 

ri da Greci pigliando j che Alceo rizzaffc colonne, 

nonperòdiceìiGadi ma in Italia. E fubito riuocò 

^uefto con dire , che i fatti del primo ììercole staffe 

gnano ad Alceo , che jii dopo , come fe fàffe fiato un 

folo Hercole. Ma fanno robujio argomento le cittì 

fabricateda Spagnuoli dal propio nome e trionfi di 

quello. Berofo nomina la prima libi fo fona. Bicent^ 

PIO che una noce da diuerfì e pronontiata uarioinen 

te come So fon , Sofà , Sufa , Sumfa. Et c Sufa nome Sufi; ; 

Terfìano , che fìgnifica fecondo i Tamuldifii cauaU 

c atura regale . Et una Citta ò Siretta piazzd , oue 

concorrono Duchi , CT Imperatori , chiamano Su-a. 

fa. Ne l'niiloria di Hef?er leggefì che Sufa fiilare^ 

gal Città d^Artaferfe Imperatore de Medi. Indi fi. 

noma Afiiria Sufma.Vàrimente chiamiamo fintai 

bora Sumfx il confine di Vetulonia , oue concorrer 

uano iLartijcU cauaUaria de Lucumoni . Vercio 

— • • • ^ 
t ni 



I R E D I 
Sofon. CdUei iicono Sofon.perfi Sufa^Tofcdm Sumfd. 
Co fi U Spdgna Herculed Ubi fo fon c il fòro auguUd 
le di Libioj oueld cdUdUdrid Spdgnuold Si faccud 
contrd dà effo trionfdnte. Romani dà honore di 
bio perinterpretdtioncldchidmdrono fòro duguBd 
le Oittd e le diedero ilprinilegiode Vltdlid benché 
/k primd dettd libifofond. Vlinio nel 3. cdp. 4* An* 
Àca inca cd , Incd , CT Vncd dicemmo diuerfe genti , fignifì^ 
.i^*^^^* cdndo fecondo Girolamo , cT i TdmuldiRi U coUd^ 
nd pokd dd erto coUo. Segue che libuncd fid Citti, 
oue trionfò Ubio con Id coUdnd di coUo , per fegno 
di uittorid e nobiltL hfignificdndo Socde Socor ?a 
diglioniycfiecdtifegueche Libifcd fid CittddiU^ 
hio oue egli dd principio pofe i Vddiglioni e gli iìec^ 
cdti. Tolomeo dice chequeUd Cittd è ne gli Herotd^ 
ni cioè dd PeUito legati. Her e co gnome di Herco/e, 
f fignifìcd Fedito , cioè ueSlito de pelli. Ord figniji^ 
5^^* cdfegnoe fègndto fecondo Girolamo iui Ubio 
fece gli dUoggimenti coìue fd mdnifiilo qucdono^ 
me Uerotdno . Scriudp ddunque Herotdni con H* 
ÌHcrora . contrd Tolomeo , Ordm fecondo Girolamo fi comi» 
**** pone di or y a' dm ^ e fignificd gente , cr ird . Per« 
pryAm. libord fignificd gente di Ubio fdegndtd ycon^ 
trdiGerioniinfauore di Uercole. Leggerai tutte 
quefieCittdin Tolomeo de IdSpdgnd. Plinio nel 5. 
cr dltri Geografi y perciò marauigliomi come tanto 
sfdcidtamente i Greci menti fcano di Bercole . Tre 
argomenti ci moHrano che Tufco cominciaffe k re^ 
gndre d Vetulonid, perche durd il fuo nome Uarbd^ 




I 



BABILONIA. LIB. V* 84 

no Vuratufjo cheinmczo quelpidno ui fi ttotnd dtts 
chord il guddo Tufcdnefe che Herco/e d quei foli Id^ 
fcidffc per infegnd il leone Hafldto , cioè corondtOy 
pche ufdudno gli antichi Vhdkd in luoco di corona. 

M A Ndò Tufco in Sicilia Calate fanciullo con i coloni il 
medcfinio Tofco primieramente infcgnò à Razcnui lani- 
gcni la militia dì pallade,<fe i fagrificij. 

^ Quefto fa argomento c^hduendo Uercole trionfa 

to de i Gigdnti in Itdiia , mando al Tdndi per Tu^ 

fco , cr hebbe da Iramofi in premio de la fua uir^ 

tu, Galateo fanciullo , che fk mdnddto dd Tufco con 

le colonie in Cicilia Plinio nel mette in Cicilia k co 

Ionie Galatee. Era egli adunque già creato CoritOy 

cioè di autorità di dare coH Re le colonie. Uercole 

prefoH regno ^mandòle colonie maritime cerca U 

Italia , in Sardegna lolao con i Tojj[tiddi in ìftria i 

liburni , cioè nauicanti di Ubio . Chiamano uemd 

un uafo fatto a modo di remo di largo corpo^ e lon^ 

go e fretto collo e lo chiamarono FaUtuo , oue ri^ 

poneanfìle facre ceneri di uefla. ìndi fi fece la cim^ 

ha di largo corpo , lungo e tiretto J^erone la quale ^^^^^ j 

ua k Remi uelocijiimamente :,hora la chiamamno y^fta^ 

Tufta , e da gli inuentori Uburno. in che guifd Tu^ Liburao. 

fco infegnaffe i Kdzenui la mìlitia Palatua.o' i 

Trincipij Sacri , che eram di fuo padre Uercole^ 

dichiarato fopra i lago Hauifo di Vddimonc. 



L tiil 



I R E D I ^ 

MAHITODECIMOTERZO. 
R E D' A S S I R 1 1. 

■ 

M A M Ito decimoterzo. Re d'A sfirij regnò anni jo- Et 
fcrcitò collui di nuouo i Soldati auczzandoli a le fatiche, 
& intramcticndo dclitie,vngucnti.& op^t^^*^^"^* tuttauia 
guerrcggiaua,laondeii Soriani,& ad Egitti) mofìe fpa- 
ucnto . L'anno vigcfimofccondo di Mamito , Alteo di 
Tofco figliuolo fignorcggiònei lanigcni ,1 dui anni pri 
ma Hefpcro di Chiti fratello (òpra Ccltiberi,& HarbonC 
fopraCeltijCue Tuifconi regno Tcutanc. 

Ghìe certo cheld GdUid Ndrbonefe fu nomaU 
àd queilo figliuolo di Galateo , md Komdìii poi id fè 
cero prouincid, ddndoie il priuilegio d'ìtdlid Vlinia, 
nd\ .dice Gdllid Narbouefe bdgnatd ddl mar di fatto, 
fu dettd Brdccdtd: c diuifd dd l'ìtdlid co Varo fiume j 
con ifdlubcrrimi gioghi de le dpi del Komdno impe 
rio, e d'dltrd GdìUdy e diuife nel lato Settentriondle . 
Naibo • QS^^o P^^ ^f^^^ ^^^^^ Gdbenici fèrtilitd d'huomini 
e del terretio^ copiofe ricchezze con gli hdbitì.e co:> 
fìmni de Id gente d niund prouincid e inferiore , cr è 
piutoRoUdlidcheprouincid . Tentane Mer.urio 
Tcutanc Gerntdniy ordinò riti de Sdcrificij, efdceua impiU 
Udire chi glifdcrifìcdudno fpontdnedmHt. Teufìgni 
- fica Idude, e TeuoU laudatorcy Tdam, Tanam paU 
lido fpontdnedmente . GiroUmo et i Tdmuldifli^ Co^ 
fi Teutdue fignificdidudedipdllido fcnzd prezzo, 
perche fdcrificdndo in tal guifd impdUidiudno . Ba, 
Teutoni queBo fi chidmarono Teutoni , e Teutonid • Berofo 
poi moflrd qudndo mori Hercolc,et Uef^ero glifuc^ 



BABILONIA LIB* V. 9f 

tefjè , àiot Vdnno xo. ài Mdmito , Greci dicono che 
Vìtalid^e Spdgnd jt nomano Hefperie da Uefpero 
(ìeìldjfàqUal feguono nauicdndo a (^uei luochi , e che 
ìtdlid fi* detta Enotria, da Arcade Enotrio fratello 
di Peuce, ma Berofo^z:r Igino moibrdmo queflo effer 
1Ì$fàlfo y f Id rdzione anchora lo conuince. Se Italia , e 
Spdgnd co fi lontdne prouincie fi nomanohefperie da 
Hefifero fieUa , con Liqudlenauicano 4 quejli luoghi 
la Galli a ch'i loro nel mezzo fi chiamerà parimente 
ììejj>€ria * Verciò fegue che queUa non fta nomatd 
lìefperia da la {Iella, ma da ncfpcro Re, che regnò 
prima in Spagna , e poi tn Italia . E non in trancia. Hcfperfa 
Vinterpretdt ione del nome fi:uopre la menzogna de ^^j^^. 
Greci. Enotria uoce grecale detto da Latini Vrodut^ Enotria* 
tore del uino4a gl'Aramei lanò^come di cemmo . Ver^ 
ciò effendo nomata l'Italia anticdmente da ìano^fe-sk 
gue che fia detta Enotra per IHnterpn tatione del no 
me , cioè lanea , cr Unicula . Et quefìo manififta il 
tempo . Biceamo che Enotrio Arcade uienein Italia 
170. anni dopo Taetontei, Liguri , e fe computi con 
Berofo, cr Eufebioperuenirai diranno ij. di Baleo 
Re d^Aj^irij .quando Ofiri tornaua in Egitto, efì^da 
nuouo detta daluiApenina, e Taurina pertanto non, 
fii nomata da lui Enotria . Et quantunque Antioco^ 
Tilifto.e Timeo fiano difcordi da cui l^ìtalia fufTe no^ 
mata Apenina^e Taurina fi concordano però neltem 
. po, che per adietro fii nomata Sdturnìay cr à tempo 
diHercolcy ò poco dopò Taurina . Dopo Uercolc 
HeJ^eria da Greci, il medefimo dice Bionifio nel pri^ 



I R E r I 

mo . Berofo medefmdmente dfjfvrmd.che poco dudnn 
ti ììercole Italia ^ ietta Taurina^ cr che ad Her^ 
cole morto fuccefjè tìeff)ero in Spagna^ ma caccU 
io da Italo Atloììte fuo fratello^ e uenne in Italia. La^ 
quale fi* da lui nomata ìlej^eria^e poi dal fratello 
ìtdlia. Secondo Igm/o^e TorteUio . E perche da Api 
fin'' ad ltalo,l'ìtaliajii detta Enotria (Quantunque Eno 
trio habitdfje a quel tempo inltalia, cr ancho ui mon 
ri per lo computo del tempo • Segue che Vìtalia ft^ 
detta Enotria^ non da Enotrio . Arcade , ma da \a^ 
no detto da Greci Enotrio jper ingannare i rozzi 

^ mani cerca Vorigine d^Ualia^ per non effer conofcium 
ti per nuoui huomini^ come gli imputa Giofefò contri 
Apione . E fòrzandofi di ofcurare l^origine de Tos 
[cani con greci nomigli chiamarono Tofcani, e Tur^ 
reni: ma efiifcmpre fi nomarono ianigeni , e Kaze^ 
nuifin^d tempi de i Cefari conferuando prudentemen 
te gli inuincibili argomenti de la loro antica origine^ 

£no(ria Id lingua^ Bei le letter eccome Ber o fi) accenna, e Lhoì 
àà u^o. nifionelt.eMirfilio.Laf:iamole fauoleadietroyC 
dicciamo che l^ltidia fit nomata da Italo, e cerca la fi 
ne di Herco/e, Enotrio Greco habitaua in Italia dets 
ta Uefperia/ion Enotria^epoco auanti Apenina ann 
ticamente lanicula, cioè Enotria da Enotrio Eenice* 
Qge^^ordinefegue Virgilio che Ih t alia fiiffe detta ul 
timamente ìtdia,ma prima Hefperia da Greci cerca 
^ . la fine d^Hercole.Ma & auanti detta Enotria da Eno 

nomi Qi ^ . t ' f 1 i /V t ti 

ìtàìu ^^^^ ^'^^ ìaniculiy che la poffederono cercaci Tewerc, 
Id ^ual parte fii prima chiamata Italia fecondo Ser^ 



BABILONIA* LIB; V. tt 

uioful primo de l'Eneidd, oue dice Virgilio, 
euui un luoco , che fi noma Hefperia 
Antica terra ben potente in arme , 
. Edi fèrtili campi , e u'habitaro 
' Gli renotrij,dipoi gli defcendenti^ 
Atalia la chiamar dal loro duca . 
Tar che qui fi a contradittone de l'altro Tofco.Berò 
rofo lo fd figliolo dÌTufi:o,cio€ nipote di Herco/e,He 
rodotto nel i. uuole che glifuffe figliuolo di Hercofe, 
ma fi rifpondefiicilmente dicendo che queBo fu nipo^ 
te di He)'cole Bgittio^ quello figliuolo di Alceo fi co^ ^ 
me Greci per ofi:urare le origini, rubbarono, et aj?e^ 
gnarono al figliuolo di Anfitrione i fatti di Hercolc 
Bgittioj come ha Herodotto nel z. cofi rubbarono il 
nome d^Alceo.e lo diedero ad Alce o.QneR' Alceo pre 
fo il regno in Vetulonia fece due luoghi dal fiionome Alceo. 
e ui fifiicero due terre Alteto,e rocca Altia . Ma di^ 
cendoBerofi) che Mamito pafiò mezanamente tra U 
militiate le delitie,et auezzo gli huomini a la militiay mmiìco. 
ti da à credere che il fiio predece(fi>re temendofi di 
Hercole, fi flette cheto, ma effendo inuecchiato, M4a 
mito affettò Ufiia morte, cr ammaeflrando ifoldati 
d la guerra, poi che mori nercole.Moffe guerra i 
i uicmi, cr era temuto da Soriani,^ Bgittijjjauen^ 
io perduto il domatore, efaluator del mondo. 



M T r R E D I 

HANCALEO DECIMOQ_VAIU 
Vo RE D'ASSI RI I. 



M 



A N C aIco decimoquarto Re ó^aCsìtì] anni 30- 
fignorcggiò. L'anno primo del Tuo imperio Chic» 
cacciato Hcfpero in |talia , tenne fopu Cdciberi 
la fìgnom . 

T O R TeUio Aretino confòrmdndofì con Berofò 
ttdrra con Iginio, come Atlante c Acciò di Spdgnd He 
fifero fuofrdteUoyilqude uenuto in Italid U nomò He 
fperid . Leggdft ne le quefiioni Annie del propio no^ 
me Kitim, e de i cognomi AtUnte , cr Itdlo , oue re^ 
gnò . Et dncho ne dicemmo fopra Tabio pittore . Se 
Kitim, Itdlo hanno Vijleffd interpretatione , e/d me» 
defimd diffinitione amendue co AtdU^CT ltdlo,\ginio 
Arta. * ' ^^^^ chidmo Atld il frdtello di Hefpero , detto dd gli 
Italo . dltri Itdlo , E regnò queito , e quello d L'uno , cr i 
rdtro regno . 

L'ANno tz.di MancaIeo,Chitim,Ia(ciato Reno Celtibc 
beri Sicoro figliuolo, regnò fopra lanigcni . A tempi del 
mcdefimo Mancaleo regnò ne Tuifconi flercolc Aleman 
no • Ne Celti Lugdo , da cui la prouincia c gli huomiui 
prclero il cognome • 

L sdo. ^ ^ hdbitò Id proitincid di Lugdtmo , come 
fd mdnifilìo il nome, et intendi che Id prouincia Lug 
dunefe fùjjc dd lui cof\ detta , e gli huomini lugdoui^» 
Ludouici ^IjI^ g ^qIiq nia, il Ludouichi. Berofo dice che Ale-M 
Alcma - ^^^^ Uercole fu figliuolo d'Alemano , 6 che gli fuc^ 
Hercolc. ^^'^^ P^^ quejìoj e per quello . Eglifii nomdto 



BABILONIA- riB* V. 87 
Kercok per U fvrtezzd,poi che tutti gli huomini uà 
lorofì era chiamati fercoli . Vtrciò Tacito dico che 
Germdni andando d combattere cantamno il tiome 
di cjueilo tìercole, e con quei uerfj detti Barito s^ac^ 
cendeudno gli animi 4 uenire d le manije fquadre te^s Gridore 
meno, òfono ardite fecondo la qualità dcl fuono . So 
no inanimati conato fuonopofio lo feudo ala hoc "^^"^^^^^ 
camper che la uoce ribattuta doimtipiu piena.Cercd 
quello, che dice di Kitim u'acconfente I gino, e Fabio 
pittore con dire, che Hefpero fii da ìtalo cacciato in 
Italia, e ui mori . AÌl'hcra ìtalo creò Sicoro fuo fi^ . ^"^^ 
gliuoloRe deSpagnuoU^dalquate finomarono i Si^ ^'^^^ 
€ori, e Sicóro fiume . ìtalo padre conduffe le colonie 
in Cicilia, er indi uenuto con i Cicliani , regnò in Ita 
lid cercaci Teucre, e chiamò dal fuo nome quel luo^ Cicilianl 
co ìtalia . Come ha Scruto , cr altri commentarori P'^^'^^ha 
fopra Virgilio . Quei luoghi cercaci Teucre, ou'egli 
regnò,e ui pofe le colonie Ciciliane, fono fu quel di Ro 
ma,e gli antichi Ciciliani prima habitaroncin Ro^ 
ma, fu quel di Tibure fono luochi detti Cicilienfi, e ne 
la Tofcana Tiberina fono Tcfenio, e Talari città,oue 
habitarono Ciciliani fecondo degni hidorici , e Jpe^ 
cialmente Ualicarnajjfeo, cr ìlpigene in l^Apolgetio 
co centra italiani . ìndi fi comprende che non fìi dd 
principio nomata ìtalia tutta quefla partem fola^ 
mente i luoghi cercaH Teucre, che fono il latio , e la 
Tofcana uicina . Molti Autori a queiìo fauorifcono 
prima che il nome ficulo fii nel latio , cr in Tofcand. 
Secondariamente che ìtalo fece Regina fua figliuo^ 



1 R E D I 

td d gli Ahorigini nel Udo, Uqude edificò l Cicilid^ 
ni Komd piccoU cittL Vlutarco ne U uitd di KomOr^ 
loy e Berofo poco di [otto . \tdlo fi firmò in Vetulo^ 
nid con più rdgionij perciò che oltre che gli dntichi 

^ Cicilidnihdbitdtoriin le cittì di Tofcdnd dudntii 
peldgi^ il primo drgomento , e che dndo d i Prencipi 

^ Vetulonid regdl cittd d^Ualid, et di Corito, k cui die^ 
de Idfigliuold Hetrd per moglie, e regnò con lui fe^ 
cohdo Berofo Ydbio^et dltri UiBorici . Md fdppino 
Tee At- t lettori j che fhrono tre Atldnti)e:!r hebberopdrinu^ 

huU. ^jero de mogli, e d'ifìeffo nome, parimente i figliuoli 
ntdfchi, c fiminepdrtecipdrono ne gli iftef^i nomi , t 
cognomijSeruio nel 7. de VEneidd . Cioche fi dird di 
coflui, intenddfi d^ltdlo Suocero di Corito Herculeo 
Prencipe di Tofcdnd j che regnò primd in Spdgndj 
dipoi in Cicilid^e findlmente in Itdlid . 

CHI Amarono lanigcni nel loro linguaggio CKitìm 
per l'ingegno eccellente, hauea, Italo A talaa . Diede co- 
ftui, Eletta fua figliuola per moglie à ComWafcone di 
lanigeni Prencipe, ìlquale per tali nozze mandò k colo* 
nie oltre l'Alpi à Tltalia vicine, creò parimente Italo Ro- 
ma fua figliuola ne gli Aborigineni princìpefla,e fece 
Porgete Tuo figliuolo Corito* 

NON folo Berofo , md tutti i Ldtini fcriuono 
che Italo ktUnte marito lEletrd fud figlioud d Co^ 
rito Prencipe di Tofcdnd» Md quiui ej^onidmo pri^ 
Atalca le Berofo ò IHnterprete fuo dice che lo chid^ 

cerei At ^^^^fio Italo ìtala, cioè per VecceUentid de Id mente 
Unte. Itdlnd ò Atdldd , che fignificd il medefmo * kccennA 



BABILONIA. LIB, V* 88 
poijlche dfjvrmdtio gli altri fcrittoriy che gli antichi 
quel giorno che erano gridati KCyfacrauano le loro, 
ilatue , ò titoli per loro memoria , edificauano città^, 
mandauano colonie per iUuRrare il nome loro . Per^ 
ciò gli antichi nomi de le città rendono d l^hifiorid 
fermo drgomento . Cofi Itdlo nel di , che piglidndo il 
regno j fu gridato Ri Atlao, cioè Re Atlaoy [acro ne 
là patria i titoli Chitei intagliati in pietra^ e li ripojc 
ne la fj^elonca per eterna memoria^ e li uediano preft 
fo d ¥duL e fondò in Volturrend una fabrica a torri, 
detta inlingud Aramed Sticj Kiti.Atu • Creò poifuc 
ceffore del regno Morgete Qorito, e diegli lo fcettro 
regdle • Terzoy AtUnte , Bletra , e Cambo detto per 
eccellenti a Corito .mandarono colonie in la uicind 
prouincia barbone fe, chiamandole Cambo , eletre , 
cr Atlantiche. Plinio nel \xap e quejlo fecero per 
le nozze , cr affinità contratta . Blafcone fii padre gi^^^^^ 
diCdmboydicuifìnoma ftn^adhoramonte Blafco^ 
ne. IS gli mandò le colonie Blafcone con le Cambe 
E eletre, CT Atldntiche k la foce del Kodano . Vlinio 
nel cap. 6. Cerca il primo fondare di Roma dico-, 
no il uero Berofo , e Fiutar co. Gli altri che fono deU 
ti edificatori di Roma ò l^h abitarono . Voi che fi* etfes: ^^^^ 
bandonata, ò le rificro le rouinatc mura. Ma Roma rìftayra- 
lo ultimamente fece Roma quadrata in firma di citti ^* 
e nomofii da lui Romaiche prima era detta Romula. 
Ma Roma figliuola di Italo primieramente la fondò, fo^^^t 
con i Ciciliani coloni de la fua patria. Halicarnaf[èo 
dice . Roma regina delmondo^hord da Romani ha^ 



14 

t5l 



r r R B D I 

hitdtd fu primi da Ciciliani Barbari poffcdutd . Gfi'. 
idtri cdificdtori di Kcmd fiirotwtrd KcmolouUi^ 
nto, e queftd pr/ma Komd . E questo ho feguito ne U 
Tofcdnd hiiioridjd me dbbreuidtd per i Re Tofcd^ 
ni y e Komdtii . Et nctimo che quejlu /m Id prima 
Trencipejfd in Ualid, e nel Utio^^ i feguenti non ju:» 
Tono Ke, mdluocotenenti nel Idtio per decreto de Li4 
cumonifm^k Romolo che fii il primo , ilquale conten^ 
de di regno co la Tofcdnd.e durò queiio fin chelHm^ 
perio de Tof:dni uenne [oggetto di Romdno.ìsotid^ 
Dao gc- mo dnchorddue generdtione di Cicilidni indi gene^. 
ncratio- rdtij^ultimd Henne con Itilo, e quejli propio jì chU 
^\^^ . mdno Cicilidni,Vdltrd indi Qenerdtd c Tufcd dd Tot 
faXulù. g^te figliuolo di Tdigete Sicano^c queiti )t nomdno 
Sicdni. Md perche regndndo itdlo Tufco pigi dro^ 
no per mogli le figliuole di queUi\ gli Autori non di-m 
uidono Cicilidni dd Sicdni. Adunque i Cicilidni che 
'^'^.edificdrono Komd con U figliucld di Itdlo fiérono 
Tofcdni indi generdti, e non queij che uenero con lU 
lo. Cofi e mdnifèilo che gli huomini di Komd furono 
indigeniti Tofcdni, ^perche durò Id progenie di 
qucilifin*d Ldtino fuocero di Ened^ CT Ened dif ejè 
dd ÌDdrddno Tofco.fegue che de tre tribù Tdcienfe 
Sdbind y lucumond de luceri ,e Komuled Alband U 
Komuled e Id lucer d fitjjero confdnguinee dd Herole 
Tofcoloro duolo Qu^indo Komd giouducttd edificò 
Kcmd con Sicdni Tofchi^ regndud in Egitto Meno 
pti d tempo di quejio Mdncdeo Re de gli Afiirij^ nel 
Mgeftmofettimo anno del qude nacque Moife conti 

duttino 



BABILONIA LIB; V. 89 
iuttìerc e liberdtore del popolo d'ifrdel. Coft qudn* 
do Komi picciolo, terrd fi cotninciò i edificare , U 
qude dcueui effer Signord del popolo Chrtjlidito 
ttdcque Moife, che doueua liberare il popolo di Dio, 
c di questo diremo fopr di' Ejfodo, 

SJF ERO DECIMOQ^VINTO 
RE D'ASSI RII. 

S Fero vJgefimoquinto.Rc d» A ftirij anni lo.regnè.huò 
«no do i cui fatti 5: prudenza rifuona la fama. A fuoi tem- 

pi Morge d'Italo figliuolo creò Corito Comboblafconc 
"o parcnt:. Regnò ne C clt.bcri S icano di Sicoro fiftUuo- 
dopo la morte di Sfero forto Mamelo. "' 

S Icdni dduvqiiefyrailieri non fitrono iti italid ì 
tempo di Ronid figliuoU di Italo fenoni Tofcdni 
indi gcnerdti, mi quei che fi imUno CìcìUmì uen^ 
fiero con ìtalo di Cicilid, perche Sicdno padre de Sim 
cani IvraWeri non era nato, quando ^ndò Roma. 
Per hauer hauuto lo Scettro del Idtio. Morto Italo, 
fucceffe Morgefiio figliuolo/econdo Berofi) er H^t* 
ticdrndffeo nel 1. Cambo prefe il cognome Blafi:o da 
Blafiofito padre , cr eglifolo per eccellente dignitì 
fu nomato Corito. Perche dopo Uercole Alceo , ìtd* 
loforaiiiero trasferì ilregnoddlaprogeme Herc« 
ieu velulonid à Morge . Lffendo dunque Corito 
cioe Giouchdndto con io fcettro , generò. Prima la corit^' 
Jio d Ualameide. Morto poco appreffo Morge ri» 
mafie Corito Ito , cioè Gioue fi>loj perche regno fido 
in Italia. Perciò 4/ Monte detto dal padre Bldficone, 



Hew-onfe Ito nome àe Ufud àignitì , Ver do ftnomà 
Jtchoratd rocca lU , come fi Ugge ne U wU di fM 
TkuUno martire . Effendo ddmclue Gioue , genero 
a Bletrd Jidrdano , cr Armonia. M4 U GrecufA^ 
uoloPi ha finto , che uno fi^ffe Corito padre d ì^to« 
a Bktra, Valtro Cioue , che genero ^ardano de u 
tnedefma , e tuttauia fiirono ^HeU'i/lefo Como , CT 
Ito cioè Gioue hafidto , e Gto»e , che genero di E(e* 
trd moglie ca&ijiimd ìafio e mrdano , fecondo Bes 
Morette rofo t gli altri Scrittori. Morgete pigUando ti re* 
sno , mcmdò nel latio le colonie. Vlinio nel % . Cere* 
i tempii da papere che VeucaUone Redi TemUf 
nacque Vanno primo di queilo Sfiro Re d Ajiir f 
UoStrafi prima fecondo SoUno che dd primo di* 
iuuio fatto Ogige fm'À Ikucalione corfero 4nm 70 o 
e più che mefi 9.Dal primo diluuiofotto Nod Ogige 
Tale&no ftn'al primo anno di Sfèro fi computano 
anni 700. mefì noue , da Moife per i patriarchi He* 
trei , da Berofo & Euféio per i Re AM- Secon* 
idrìamentefi proua che fu il diluuio in Teffaglid ej* 
fendo Eeucdlione d'anni 80. e tanti anni corfero da 
primo anno di Sfèro fin'al dilunio di Deucalionc, 
Cofi nacque Heucalione Panno primo di Sfiro , tt chi 
modra IdUAnitXdeU Greche fauole. 



\ 



BABILONIA LIB. V. 9o 

MAMELO DECIMOSESTO 
RE r'ASSIRII. 

M A M £lo fèftodecimo Re de Babilonia anni • 
f enne l'Imperio. L'anno 8. di cedui Ronr.ancflb di Ro- 
)ma figliuolo fu il primo Luocotcncntc de Montani Abo 
rigini , c Sicano regnò ne celciberi. 

« 

M B E R o/o replicd come Sicdno AtUntide ren 
gnò in Spdgna d tempi di Mdmelo Ajìirio. D^t lui fi 
nomarono Sic ani CicilidniltdUntidijOuero ktlan^ 
tidi^come Sicani Tofcdni indi generdti da Sicano a danti - 
Re di Vetulonid fecondo Berofo , e cofi mdnifèda la de* 
regione Sicana di Vetulonia , e Dionifio dice, i Cici^, 
Udni effer fòrdjheri^ma gli indi generati ^CT antit». 
chihduerprimierdmentehdbitdto Roma. Di Tw?i 
fio Sicano pddre indi generdto , CT Atlantide Sica* -T>» 
na fvradiera mddre Koma nacque Romanefjo , che 
fùdeimafchiilprimoluocotenenteaLdtij Abo 
rigini. CoMhebbeilnomeddRoma fua madre e 
da Neffo noci Aramee ufdte da fuo pddre e mddre. ' 
Koma lignifica SobbUmità , cr Ueffo e Neffoa fòrte 
augurio Girolamo, & i Tamuldijli. Lafiiturafub* 
blimità predetta del Romdno Imperio diede il nome 
d Romaneffo , il che Tufco fuo padre ne Vindouina^ 
re perito h duca gidpr edetto , che da quella città de 
la progenie paterna , e mdterna farebbe l'Imperio 
Komdno. Perche Enea origine del Romano ìmpe* 
rio difcefe da Tufco padre di Bardano , e Lauinia 
fiefe da Roma regina del Latio : e di quefti nacque 

■Mei 



fifcdma r^TutUuid Virgilio dice che Afcdnìo Hd 
Dirddno foló difcefe. Io penfo queSlo Komunefjo da 
cui pende l^dugurio de Kontdno imperio :,fu{)è quel 
Dio ineffabile , ne Id cui tuteld erd Komd , e perche 
eglijii il primo Sdturno di queUdterrd , come ndrrt\ 
Td Bero/b.e j^ecialmente ch^id linterpreidlione] 
Mnomependeud l^dugurto del Komdno Imperio. 
¥linionel 7S,cdp.z.dice.Verio Tldro dlleggd gli 
^, àutari'^ theio mouono k credere che nel combdttert 
le terre , i Sdcerdoti Romani chidmdudno quel Dio> 
• i neld cui tuteld erd queùd terrd, e gli prcmetteudno 
•^^p/ÌA degno culto dpo Kcmdni. Durd ne Id difciplins 
de pontefici queilo Sdcrifìcio , CT ^ minifvilo che fu 
occulto il nome di quel Dfo, in cuituteUd erd Komd,. 
dcciochenonpotejieil nimico fdre il medefmo, E nek 
No'mcfc ttrzo C4p.6.Komdhd un nome tenuto ftcreto.B 
creto di Ydleriofórdno chelo mdnififlò ,nefìipunito. 

Sdppi lettore , che Komd hebbe due nomi uno fi po* 
teud nomindre, Vdltro no. Seconddridmente che per 
Nomi ai Udottrind de pontefici fi uietdUd mdnifilldre que-^ 
^ ^P* • {lo nome , perche non lo inuocdffero i nimici de Ko^ 
mdni. Terzo che non erd uietato pdlefdrlo priudte^ 
mente,perche Vdlerio Sordnno lo feppe , e ficelo in 
éoma- publico mdniftdo , e perciò Komdneffo |w queflo no 
«cffo. me. Trimd eglifii primo Sdturno e Dio in Komd , [e 
condo perche queflo nome portdud il nome e Vdugu^ 
rio di Komd , e coft l'occultdudno , perche non pdf^ 
fdffed nimici Terzo che quedo nome per fdcrificio 
fecreto fii ddto i id tribù Komuled. Uuio nelt.ì 



31 



r 



BABILONIA LIB. V- 91 
Varode Ulingud Utindyhxuendo tiom,ito le altre 
tribù Tcicierfe e Lucere da Tdtio eLuceoUf^^^ t^o 
mo Komnefe , che fi dice in uolgare per Komdne 
/e. Bi quejlo dicemmo Urgmente fj^ra Fatioc 
C. Sempronio. 

B E L I G r O regni ne Celti , da cuf citi fi chiamano 
Bcligici , & lafio finalmente fu creato dal padre fopra 
lanjgeni Cor ito. 

S E Como , 0 Cdmbo creo fucceJ?ore ìafw fuofi 
gl iuolo ,fegue che Cdmbo erd Re , d cui s'ajpettdua 
Aicredre i Coriti , cr ifuccej^ori de Vlmperio. I no^ 
mi de terre e luoghi , che dnchor durdno ,fdnno ma ^ 
tìififto qudi Colonie egli mdnddffe , e Cittd con fdcrt 
lettere Cort edificdffe . Su quel di Vctulonid fono 
Cort Nientd , Ccrt ilidno , cr dltre , che ndrriamò 
ne le Annie quidioni Uorddice Berofochedd Be^ « 1. • ^ 
iìgio Re fu nomatd U GdUia Belgica. 

I A S I O fìì ercato Conto , c l'anno fcguentc furono 
dui Re , ciocCccropc Prifco primo Re d'Atcnieri,& 
fio lanigcna ne Celti, 

MOS Traremo ne gli Equiuoci che furono md 

ti Idsij , Cardani , Cihele , Cddmi , Fenici , e Minoi 

He Id qudle equiuocationc fi fruirono i Greci ad offiè 

fcdre con loro menzogne gli occhi di queUd rozzd 

ctd. Primieramente ìdfio e Ddrdano furono figliuoli pardanò 

^i Coritó Tofco, eDdrddno pdrtitofidd Turrend & lafio 
Sedia di Corito fuo padre , e ndto in quefìi campi di ^^n^ìchi. 

Armte , peruenne 4 le Idee citù difri^id , cr edifi^ 

-H Hi 



i v^ I R E D I 

>5 lidTdmd in irigiu . Virgilio nel 7* e Bcrofo Cù 

gli antichi Armi lo te^l.ficcino , cr dnco i nomi de i 
luoghi 3 che hora durano Dardmo , ufweUd e Cììè 
hclUrio lo prouano. Non Ddrddno alcuno pnV 
W4 che fujfe edificata Bardania . lu dopo quejlo 
e Cecrope qudfì ^oo* anni un'altro ìafw , computan 
lafio mi- fecondo Bufebio dal'antico Cecrope al padre di 
■® quello I afw kbante detto Re d^krgim. Greci e Lati^ 
c wi .> : f^i Hi^orici affermano che Abante Re creò ìafw Ar 
giuo padre d"" Atlanta Cacciatrice di Arcadia , de la 
quale s'^innamorò Meleago. Il terzo pi lafto e Tiar^ 
lafio ter dano Samotraci con Armonia foreìla de lamadre lo 
10. ro maritata a Cadmo il giouane ♦ E que^o diede lar 
ga occafwne à i Greci di Errare , & i Bionipo 
ifteffo , i quai rubando da Tofcani e da Egittij i no^ 
mi che imprefe le augnarono a ifuoi fa^famente, pri 
ma che Armonia famotrace che fi marito a Cadmo il 
giouane pi foreUa di Marte ^fecondo le hijlorie de 
Samotraci. Biodoro nel 6. dice Armonia uirgine 
tra ue fiale e foreUa de lafio , come dimostra Bero/ò, 
cr // trionfale fimulacro di quella ne la compagnia 
lafiana.B prouafi con antiche bifiorie de gli Ara^ 
tneiy per Virgilio^z^y altri Latini^ che lafio con Bar 
iano fratello , cr Armonia loro foreUa fiirono auan 
ti , che fujfe edificata Bardania. M4 quei Samotraci 
fiorirono affai dopoi , che fi edificò Bardania^ poco 
( auanti gli Argonauti quando la prima moglie di 

Cadmo giouane moffa da gelofia per Armonia àd 
^ lui introdotta , uenne a guerra con Im^fecondo Spin 



À 



BABILONIA. LIB. V. fi 
gd , f Vdlefuto Greci hi fiorici, et Eufebio poco àudn 
ti ^i Argonàuti ferine ddutique Berofoyche Ufio 
Tofco di Corito figliuolo Unigetid regnò in Udlia, 
qudndo Cecrcpe regnò in Atene ^ e fidi toro regno 
ugudle per gli dnni. 

F V ne le nozze cP Cafio Io Egittia, la qual fola fcmma 
vifT» lOO. anai pia che Dodone , e morto il manco, ^^«^^ 
per cucc'il mon do andò in viaggio. 

S T V D ìero d mio potere di efporre tutte te 

cldufi^le.perche p;>no digrdn mouimento. furono due 

Io, e queUd'Grecd di Indco fii U più gioudne f altra 

Antica Egittid . Ld grecd da un mercdnte di Fenica 

uioldtdyfiiggicon lui in Egitto, nerodotonel t. Ld 

feconddfiifor€Ud,e moglie d'Ofìri detta Giunone.ìfi^ 

Cerere Yrugifird > Ugifira . Or fio per aggradir fi i 

Tebani co gli altri hifiorici Greci ficondo Biodora 

nel udtffi che lo Grecd mutata in Vacca andò in 

gittOj e fdlfiimente le affignd ifdtttiy CT il nome d'i/J 

'Egittid. lAd Bcrofi) 3 cr i Ldtini dicono che la ueré 

ifi Egittia fii ne le nozze d'Ufio . E tutti dormano 

the la mdga Cerere fi trouò in le nozze di Idfio , e di 

Cibele, non di Armonia, e che gli offirfi pdne, perche 

fin^a quel tempo hdueano mdngidto ghidnde. E dopò 

le nozze Bdrddno fuo fratello edificò Barddnia. M J 

g/t altri Idfii eccettoH Tofi:o fiérono dopoi che fi fi^ 

bricò Burddnia • E dicendo ch'eUa uiffi un centena^ 

ro più che Bodoneo fratello di Rito , moftrò cVeUd 

uiuejfi 6oo.anni)perche Dodoneo ne uiffi 500. in lU 

• • • • 
IH liti 



I R B ^ D I ^> anU 

lirk^ Cornelio Tdcito,e Vlinio nel 7.E cdudp Ìi qu^ 
tuie drgòmento^che queRd Io non fùffe Grecdjdquat 
ndcque ne gli ultimi tempi di ìdnico qudndo uiuedno 
gli huomini dnni 20oxome Ifddc Pdtridrcd.che uiffe 
anni iSo. Md chi uifpro 600. dnm.erd'no gtgdnti na 
tifubito dopoH Biluuiofm'd Semir dmis, perche juro:M 
no i giganti cercd*i Diluuio.come dimojlrdr.o le fd'^ 
ere lettere , e chifcriuouo de gli huomini che uiffcro 
dnni mille. Et hduendoìfi Egittiduiuuto anni 600 
fcguc,chee^Undfce(fe nel principio deWhmdndge^ 
nerdtione,eche fi^ffcgigdntd. Bcrofodue ch'elU 
tidcque Vdnno primo di Semirdmis . Biodoro nel 
dice che Opri con Hercole eftrinfero i gigdnti.Ccm^ 
putdndo adunque i tempi per i Re Aj?iri;, nacque 
Cdnno primo di Semiramis^Vd quefl^dnnopn'd pri^M 
mo di Cecrope nel quale regnò ìafio ^ computano 
460. dnni. Cofì effd uenendo k le nozze di Ufio era 
d'dnnÌ4-6o. lafio regnò dnni $0. come Cercrcpe , e 
jii uccifo dd Bdrddno, come prcud Berofo^gli intd^ 
gli di Cibek.ear i uerdci Latini . ìfi ddunque qudndo 
mori Idfìo, era d'dnni$\o . Zufebio annouera da la 
morte d'ìdfio finche s'edificò Bdrddnid anni 29. Ne. 
flette lungdmente dopoH fìiggire in Sdmotrdcid , e di 
qud fìnfero i Greci che Idfto Sdmotrdce , e BdrddM 
fiiffero di Grecid . Verciò ìfi foprduiffe d U fdbrica 
'Ddrddnid dnni 60. t mori « 



BABILONIA LIB. V« «t 

'SAPAETO DECIMOSETTIh 
MO RE r'ASSIRII. 

FV Sparcto il 17* Re de Babiloni , c regnò anni 40» 
Cominciarono fotte diluì cofc mirabili del mondo • 
Perciò che fpaucntò il terremoto i fiabiloni. Corniti 
clarono Atenicfì il fuo regno l'anno 4. di Sparcto. Il me- 

Rdefìmo anno Taflo lanigcna regnò fbpra Italiani^ c Siedo 
poco appreilo ne Ccltibcrì • 

^ EG L I (j^uiui ndrrd cioche Ufciò di foprà^ Ì ^ueÈ 
tipo Idfìo con Cecropo comincidrono d rcgndre^cioc 
Vdnno 4. di Spdreto Re d^Aj^irij, nelqud dnnoft tot 
fi per moglie Ipm^Gerere trionfò, e dedicò fmuldcri 
trionfali dfe.^dd Armonia fud foreUi Veflule con 
Id cintura , er il palathio con Id chiomd Ugdtd cori 
bendd. E de la madre Bletrd con un uafo nuttiale, & 
un cingolo regale pendente dal coìlo* E quello d'I/z^* 
ti fpofa con gran coland^Vdneìlo^ C2r il uafo nuttiaU 
d^etd d^anni 15. e coH giocondo albergo in Veiu^o « 
Idjìofcriffe d Id fua imagine la caufa del trionfò.Co^ 
me il popolo UerculeoL'hduea fdutato Re^CT inuit^^ 
td corond.effendod^dnni tB. Troudìift apo gli Aùra 
loghi ^*generdtioni de cofteUationi una fuoco fo, che ^^^^^ 
predice incendij V altra pioggie , ó Biluuio . Ld ter^ coftcUjij 
Zd muoue terremoti Vultimd produce comete , nuoui tioni. 
profèti fette leggi, e nucui Re . Vindrizzò di quefli 
raggi uenuto d i luochi determinati , induce mirabiU 
mente que^i effetti. Berofo perito det^Aìlrologia cai 
ddicd dfjirmd che con cor fero quejli rdggi col cor fa 



IRE DI 

i i luoghi loro fotto Spanto, quando fu il terremoto 
dpo Babilonii, cominciarono due nuouiraggoni^e 
furono incendiji diluuiji maghi, e pronti. 

S O Tto l'Imperio di fparcto hcbbcro fine i grandi Re 
Igìttij , Oro, Achcncrc , Acorc , c cominciò Chcncrc ,il- 
qualc combatte con H ebrei per la njagia,c fu da loro foni 
mcrfo.L'ano 53.C jf.di Sparcto fu in Tcffaglia tn diluuio, | 
non folamcntc da pioggic , ma cciandio cflendo à cafo 
rinch ufi i monti, i fiumi empirono il piano, c fcgucndo va 
terremoto , aprcndofi le bocche de i monti , le acque tor- 
narono ne loro letti. Dopò il terrcmotOjfcgui m altro luo 
go vn'incendio fotto Fetonte Re loro, e foggiogò il noftio 
Rei Fcnici,& i Soriani. Innanzi l'anno 10. delfuo im- 
perio ritornò Io d'Italia in Egitto . Sorfe alPhora la prina 
guerra ciuilc tra Dardano, & lafio ,gli Aborigini adheri- 
•ano à Dardano . lanigeni , e Siculi con siccleo ad lafia 
fauoriuano • 

A D V Hque da^ que&i mirabili andamenti fi U 
prima lite in Italia. Non dice prima, perche erafta^ 
ta queUa Tirannica de i giganti,ma quefla fÌA la pri^ 
ma tra i popoli d'Italia: gli Aborigini feguiuano U 
fetta di I^ardanoy che af^maua à lui douerfi il re^ 
cm^cn - ^^^^ perche lafw era nato quando fuo padre Cambo 
©ardano era Gioueh aitato, et e ffo mentre egli era Ito Gioue, 
la onde e^i era primogenito, lafìo a Pincontro dice^ 
ua che egli era primogenito, perche il regno comin* 
eia in Corito , efiniffe in Ito , perche non fi donaud 
Vha^a ne lo feltro al Corito , che non partecipale 
ne la potentia del regno . I afio con tal ragione fatto 
fuperiore hauendo feco Unigenite Cicilianiitraffefem 



9 • 



BABILONIA. MB. V. 94 
co SiceUo fuo parente , e Re d'mendue le Spagne» 
Cofi Siceko uenne in lUlU per cicchettare la lite nd* 
fciutain Italia. Qge^o concorfo dijieUele muoueua 
Cltalia . In Teffaglia jìt il Dilmio, cr in Grecia fot* 
to Faetonte Greco,non ne la Fietontea nriàana, Ua* 
Udy cr infìeme causoH àiluuio, cr incendio in diuerfì 
Moghi.Vanno h .e 3 r. di Spareto fecondo Eufebio, 
ml>dl primo Diluuiofin'i JDeucalione corfero anni 
-700. e più che nuoue meft fecondo i utini, e j}>ecial* 
j mente Solino . Md dal Dilmio di No<t, ouero Ogige, 
Jano.fiii'à. Sfiro computano anni 700. Berofo per i 
Re Aj?irij , Moife per i Patriarchi . Perciò l'anno 
primo di Sfiro era nato lìeucalione . D<j/ primo an* 
no di Sjirofin'dh4..di Spareto quando uenne in Gre 
eia il diluuio,€ l'incendio . Computano 94. dnni.Eu* 
/ebio,e Berofo. Perciò era molto uecchio Tieucalion* 
quando uenne il diluuio in Tejfaglid . 

ASCATADE DECIM'OTTAVO 
RE D'ASSIRI!. 

ASCAtade , fecondo alcuni Alcade ig. Re de Babi' 
Ioni anni 41. rcgni.fc ce coftai tutta la Soria al fuo 
imperio vbkidiente. Narrafi che l'anno ij. di co- 
ftui la vite fu ritrouata in Grecia.l'anno racdefimo Carda 
no vcdfe lafio à tradimento, c fuggendo in Samotracia 
vn tempo vi flette nafcofto , 

EVS Ebio de i troudmenti de la uitd pdrimen no 
td che gli intagliati marmi k i bagni iafineUi moftrd 
no che lafw fit ammdzzdto dd riardanole del fuoftg 
gire in Samotmia, e poi in irigia Virgilio , cr aU 



I R E 15 I 

fri hdtini fcriuono che Sicdeo uemito di Spdgnd con 
Sicdnij cdcciò gli Abori gini j iqudi dipoi cdccidronà 
Cicilidfìi. lldlicdrn:fffeoperò diccy che Aborìgini 
ftmpre fiirono nimici di Sicdnij r che dopò lungo tem 
po uenendouii Veldfgi . Aborigitii fi ccnfiderdrorió 
con ([uelli contTd Vmbri , e Ciciliani , e prefero d gli 
Vmbri Cortonid dettd Cortone^ CT indi dffaltdndo il 
pdcfè j edificdrono Turrcnd, e poi Cdccidrono Cici^ 
lidni dd Fdldri, dd Pefcennio, e dd tuttd ìtdlid . E dd 
queRe controucrfie trd Qicilidni, CT Abori gini^ forfè 
Id guerrd in tutte le terre d^ltdlid, che non u'erd più 
ftdtd. Bionifìo ndvrd quefto co molte cìdncie.Qtie{ia 
contcntioue trd Aboriginij e Cicilidni . Venne d tdle 
fecondo Berofoj che Si celo feguendo Idfio^ CT ' CiVi?» 
lidni cdccio gli Aborigini. Ddrddno diquejìo doglio 
fo 5 mcife il Re con ingdnno-j e con md ndue d forte 
troudtd in punto , pd^ò in Sdmotrdcid , cr ii^di in 
Irigid.virg.nel^* 

S V C Celle ad lafioCorìbanto Tuo figliuolo» 

QV E Sto Coribdn figliuolo di Ufw hebbe nome 
Bdn^ t Cori, per cognome^ piglidndo lo fcettro^ per^ 
che ufdudno gli dntichi per corond lo fcettro d'hd-^ 
dd, dd Komdni dettd Qjiirin d:i Sabini Curid.dd To 
fcdni Corid. Verciò Coribdn hdUdto fi chidmd Bdn • 
Bfponendoneld 40. de le cfuifìioni Anie per und 
fcritturd d^dntiche lettere Tofcdne ne Id fdcrd j^elon 
Cd . che Veiuzo Ylerculeo fondo l^ueto Grduifcd cit 
ti dettd Cornuetto , cioè huddto ; e Corondto Nucto 



BABILONIA. LIB. V. 9; 

»of 4 Cometa , e fignifìcano queUe lettere Uolgare 
1 quello modo, tìenuleo dutite, e conducente le colo» 
me Veiuze cominciò con fucro Augurio quefto fhffe. 
N . B . E . Nkc/o il Bante Eterno, proj?imo dfluctt 
to mbilofo, ouero Grani fco . B«n Garzone inclito 
prima fùndò quefìa Spelonca. Il fecondo Oa indo» 
uiiio,Aciulno indouino terzOyleUo^ il qumo,kciuU 
no cittadino fitrreno fùndò fenzd prezzo gli aUog^ injou;„i 
gtamenti, che diede à i coloni Veiuzi , Ciano Veiuzo Tofcaai. 
foUcitatore, ilfmulacro , e di Aciulno indouino de 
uenti maritimi , ma Cercofo , che fla per luce de U 
elenca, fu, di coHui figliuolo . E dopò Cercofo ui c 
l leone de la fpelonca M . Già baila. A che fine fi fi-, 
e quello lucrale , A gli anni nati de l'età , e pregaH 
con Augurio felice, e liberi da infirmila, accioche U 
atta habbia Vhereditk . Quefi'è la facra infcrittio 
ne di Cornucto da Bante fondato. 

. > 

L'ANno 8 . d'Afcate Chencre vinto con la magia de 
w«brei , fi fommcrfe nel mare à cui fucceffc in Ecitto 
Adiere.ne Celtibcri Lufo, ne Celti Allobroge, e fooM r« 
Aborigeni Italiani Roinaneflb di Roma figliuolo . Satur- 
no il primo Refagrato incontanente moaà cui fuccclfc 
Pico primo filo figliuolo. 

R I N V Ouafi adunque il mondo fornito il cdmU 
no de le delle , perche in quel tempo fuccedono tanti 

inchinati . Pico antico fuccede 4 Romaneffo fuo ^. ^ 
P'^dre,chefiilprimotraiJieiannouerato . Salur, S^cfo" 
no Sagri fu il primo Saturno d'Italia ; che fu da lui 
àettd Saturnia per decreto di Uno . Macrobione 



I R E D I 

Sdturndli . AUobro^e quafi AUodroge fignìjicd du^ 
(ir die mi&urd • Allo dpo Jkrdmi pgnificd mura , e 
Dros, ò Bdro duùro : Hebrei fecondo GiroUmo^cT 
i Tdtnuldifli lo dicono Bdrm . Perdo AUoddrgo ò 
AUodro detto dd defcendcnti kUobroge.f^gnijìcd mi^ 
fiurd uerfo ojlro, er c colui che ne Id pdrte duHrd^ 
le di Ndrbone conduffe le colonie AUobroge mefcola 
te, cofmogrdfi ui pongono iUuftri cittd viennd, Gcbe 
mdj ó Auignone . Succeffe in Spdgnd hufo Spdgnuo 
Io, non Greco^ fecondo vlinio nel 4. e dd luifii nomd 
tdUuptdnid hoTA portogdUo . ìefu fecondo Ara^ 
nteij e fecondo altri Lup) s^interpretd dd Giroldtno 
fdludtortj ouero perche trouò luoghi fdlutifiri d le 
tolonie^ò perche le fdluo dd nimici. Md Berofo e res 
prenfibile chidmdndo Moife mdgo , ilqudle uinfe per 
diuind uirtu. Md fi perdond k U gentilità. lece pig^ 
gior errore Trogo, e Giuflino nel \6. de gli Epitomi 
dicendo, che ifrdtei di Giofeflo uenderono temendo 
td grdndezzd del fuo ingegno, che in IBgitto impdro 
4rte mdgicd, Id onde al Ke chdri^imo^e che Moi/i 
fuo figliuolo de la fcientid pdternd herede , effendo 
co gli Hebrei dd Id rognd occupdto , fìé cdccidto dà 
gli Egittii^e portò uid i loro fdcrificijy Id onde Egit^ 
tij feguendogli con dnne per rihduerli fùrono dd le 
pioggìe djlretti di torndre d dietro ♦ Md io confiite^ 
ro qucHe rdgioni ne Id fecondd fdcrd Hecd fopra 
VEffodo . Torno d Berofo che trdttd del regno Tra 
iàno . 

J^'ANao vicimo d'Afcace Re .doni hio^ Dirdaao 



«ABILONIA- LJB. V. 9* 

parte del terreno Mconico,e cofi hcbbe prcnciplo il Re» 
gno Troiano, rìnuntiò Bardano ogni Aia ragione^ c^hauca 
nel Regno d'Icalia à Turreao d'Aco figliuolo* 

R A C C Cglidmo in uno quunto fi ndrra di (jue^ 
IK tempiyt popoli, Ddrdano hebbe da Ato ììerculeo 
padre di Turreno pdrte del cdmpo Meonio . Hebben 
ro di und iStej^d origine Ato, e Bardano . Ato uno 
ie i defcendenti da Bercele , e da On falene Dardano 
fu figliuolo di Uercole, e di Ardfa . Erano adun({ut 
confdnguinei Meonij^e Tofcdni di Vetulonid . Per^ 
CIO non fi mutd il fxngue, ma il paefe^perche Ddrddn 
no dette affai in Sdmotrdcia con fperdnzd di effet 
riuocdto ne la paterna fcde^md non gli riufcendo^dnn 
dò à Meonij confdnguineijiqudi hduedintefo che per 
la pouertd fi doueudno pdrtire ♦ Md dice Sermone 
Strdbone chenon efjèndoil regno Meonio capace 
per Lido, e Meonio frateUiy effendo i popoli ddldfdm 
me aflretti , Ato loro padre creato fucceffore lido 
primogenito, e datta d Turreno la maggior parte 
del popolo , gli commandò che fe n'andaffe fecondo 
Berodotto, cr altri hi&orici dd VLalicarnaffeo nel u 
allegati contra fe fleffo. Cofi ad un tempo Bardano, 
e Turreno fiirono aàretti di mutar flrada . Varda* 
no rinontiò la fu a giuri fditione , c^haueua nel corito 
d'italid, et Ato padre di queUo donò d Dardano par 
te del terreno Meonio, detto ¥rigia da Spagtiuoli Bri 
gi. Bufebio dei tempi dice cheedifìcdtd Dadania^ 
frigi fi nomarono MeonifìnKi tempi di Tantalo Ke 
de Meon ij 4 età erano foggetti i Bardani. 



f R B 15 I 

TlRltcnonjnigando in Italia lanigcna, fu da Cibefe 
cConbanto , come vno de gli Hcrculci lietamente rac-^ 
colto, c creato di Rjzenua Cittadino. 

H E Kodoto , cr dltri dd 'Dionifto cittdtì dicono 
the Turreno nduicò in Italia , /r rmò k Id parte, 
fettentrionale del Te«ere, oue habitarono gli Ymbri 
t ui edificò Turrena . Perdo U fedia di Turreno fi 
cerchi ne la Tofcdnd Tiberina da Boriano terra à 
#.^«c«: tonfìni de oli Aretini , cue fono i fónti del Teucre à 

Confini n • • ^ / f • r 

éi Tofca I qualtd Tenere e oppotto ^t uicino a gU Vmbrt fin 
lu* gtdi Horte e Nar fiume . Indi fin'^à le foci del Tenere 
non fi cerchi Idf^iddi . Turreno. Verche quella par 
te del Teuercj non i fettentrionale ne u'habitano gli 
Vmbri , ma Sabini ^ e latini proj^imi , cr i uol'ta k 
mezzo di, ne la Tiberina fettentrionale fono prim4 
Aretini di poi Trafimeni , le cui principali città fono 
<:ortoniaeVerofa^herofo chiamd l ani gena Italia 
^ue&a parte di Tofcana fettrionde del Tenere , ou^ 
turreno edificò le città , cr habitarono gli antichi 
iVtubri fecondo Herodoto , CT altri hiSlorici. Cibele 
io raccolfe benignamente, e perche le tra parente ^ c 
'perche uedeud in pericolo Bante fuo figliuolo odia^ 
to dit gli Aborigini , e fj^craua che lafciando à Tur 
reno la fedia del Corito più facilmente hauerebhe U 
pace da Dardano^ haurebbe ilfacerdotio^òn fuo 
figliuolo ne la nuoua Dardania , e cofì auenne. Cibe 
fedonòàTurréno Kdzenua città , e fu ornato di Yt 
tulonia fecondo SiUio nel 8. Coft da principio la gen 
te Hconia fi ornata da Cibele di Vmzo terra e ({« 

la fedi^ 



À 



BABILONIA LIB. V. 97 
td fèdid CoritA. Pereto Virgilio chiamo Vetulonia 
Id fedid di Carità j e breucmenU nominò due Ke Tur 
reno e Corito , che fuccejjero uno dopo Vdltro. Co/i 
i Meo ni dpprcfjcro i coflumi Kdzenui , e fiiron no^ 
moti KdTienui co gli diri. Bionifto nel i. 

TIR Reno portando moiri ornamenti di Mconìa , gli 
«ic fece vn dono. Ma Coribanro e Cibel e ordinato va 
^agiihato de dodici Pfcncipi iopra dodcci popoli di 11* 
fiigeni , fc n'andarono io Frigia. 

L E GgMift le que&ioni Anie cercd U dignitk e po 
tentid de i dodeci lucumoni. lld gli i dd fdpere che 
Cibele e nome commune Bdbilonico k le mddri de i cibcle 
DeijO'dleueSii. Ci fìgnifìcd mddre ,f Bete Dio. che coli 
Cibele ft nomd mddre de Dei per geniturd, nodrimen ^' 
io, principdto dottrina , dggiungimento. lEfiro^ 
no cinque Cibeli , Id primd Tited Ve^id moglie di Cinqac 
Idno , che produffe dd lui DeiMminìy Sdcrificij , c ^i'^^^'* 
fiicidlmente il fdcro fioco. feconddfud figliuoU, y^^l' 
fi nomò KegindUqudle per lo nodrimento nomdif Regina 
td mddre de Dei , perche fecondo Diodoro nel^Mo^ CibcIc. 
dri i Titani. Qjieàe fìtrono le due prime Cibdi Ve# 
He poco dopoHdiluuio. Laterza fii moglie d^lafiù 
Tocco j nerculed Veiuzày che dUoggio Cerere tiele 
fùe nozzc^ Si nomò Tile , e per cognome ìpite figlia 
uold di Siro Re Veiuzo , come il fuo titolo trionfdle 
Tofcdno mdnifejld. Coflei cfudfì d'dnni loo. dndò i 

I^drddno ,e fii credtd fdcerdotejfd emdeflrd de fdp 
crificij in Frigia , e celebrò cd^jUmamente i Tofcd^ 
ni facrificij con certi CdmpaneU Co&rinfe aca^ V'^»"^** 

N T,Ic. 



BABILONIA IIB. V. 

flrdrfi Ato giouine , c'hdueuji uiolato und ninfi^f 
ft«w"' Idfcidudmimllrdre neifdcrificij fe non color o^che 
Galli di erano cdUi , V sunuchi . Ld qudrtd Cibele Trigta 
cibelc. ndcduepermolteetddopòqueild.e fu meretrice :pcr 
^"Y"' <=^« Id fanciuUezzd dmatd dd Marfta Trigio,po^ 
- co dppreffo jù ingrduiddtd dd Atu detto, Papa , m4 
effetido dd fuoi p drenti dm dzzdto y fe ne fuggi con 
l\drfti d Bionifìo in Yiifd.poco Mentigli krgonM 
ti fecondo Eufebio de tempi , cr iuidd Apollo uiold» 
■ td , ritornò con lui in Trigid , oue fepeli il fuo Vd* 
pd , cr dggiunfe nei Sdcrificij feudi rifuon iti giuo* 
'■ ' chi meretricìj e querimonie, Diodoro nel 4. VuUi* 
Tltima tnd Cibele fi moglie d'ufo Smotrdce ne le nozze 
«ibclc. à'Armenid laqudle /ù toltd dd Cddmo per moglie» 
benché ri'hdueffe un^dltrd dd kquale fi* con guerra 
trdudglidto. Secondo Vdefdrto, cr Ew/èt/o . Greci 
dd queBi nomi preffero occdfwne di mentire d^i* 
gndndo i qm ùd fold tutte le imprefe de le dltre. Dio 
doro nel Ce TÀonifxo nel t . che dice fdlfmente co^ 
me queBd Cibele con Bdrddno fuo parente edificdro^ 
no Bdrddnid , cr ordinò ifacrifìcij in ¥rigid,i qu<d - 
furono iftituitì qudft zoo. anni audnti qucfle nozze 
fecondo Eufebio ffiingd palefato , & dltri Greci ferii 
tori de tempi.Berofo finalmente concludendo i'opc* 
ra fud dice. 

RE GN A ndoAfcatadc furonoin Egitto Re cherrc» 
& Armeno , che fu detto Danao , e Ramefle chiamatu 
per cognome Egitto , fia adunque in breuità fcritto quali 
Re e tempi fi aanaao «la i «oftii de i preacipali Regni 



À 



1 R E D I 95 

Jcl mondoydal primo diluuio de lano , fìn'al comindais 
del Regno Dardanio. 

Q^V Eil^uUimo tefto mdnififid come Berofo cons 
tìnuo l'opera fua fin cjudndo edificata Dardania, 
perche non fapeuano eUi ifuccefii auanti quefti tem^ 
pUne gli feruiuano i tempi robati da gli EgittijJ 
quai fecero l'anno bora di i . wefi j bora di ^re.D/oj 
doro nel i. e z. Bgittij [òtto danao , cr EeiV^o wpn 
tono gli annifolari di 12. mefi come anco finti , CaU 
dei , Uebrei ,e Tofiani ammaeftrati da Celo. D/o* 
doro nel 4. VercioBfrofiybdutndogliinfegnato aU 
cani tempi Caldei Ji rimette nelfixbricarfi Dardania 
^ ^pttìj , da i quali robarono i DercT i Sacri^ 
ficij. Herodoto nel 1. Perciò Manetone Egittio ufif 
gli anni folari dopo edificata Durdanù , comr nel 
fupplimcnto di quello fi uedra* 



N ti 



§VPPLEMENTO 



DI MANETONE S A- 

CERDOTEEGtTTIO A 



t'HISTORIA DI BB- 



rofo . Con lo com^ 



mento d'Aniiio. 



A N E T O we p /SfCf r# 
dote Egittìo fecondo EU 
febiodei tempi di Ar« 
go quarto Re d^Argi^ 
ui , e lo fegue Eufebio 
cercd i tempi fecondo 
i principi , benché mins 
Cd in molti dnnU CT iwi* 
prefe . Giofefò lo cit^ 
iontra Apione Grdmmdtìco e nel udtle dntichiti. 

BER OS ocra Caldei Hif^orìci fotumamente cofn« 
mendaro , fcielfc in picdolo volume il fiore de fatti Cal- 
dei, de principali regni del inondo,dal diluuio fnafsinio, 
che fcriuQHO i loro maggiori cflcrc ^^ato innanzi Nino, 
fin'al principio del regno Troiano , Noi parimente oac 
egli ha lafciato fcguiremo à narrar i fatti , che da nothi 
niftorici, cuero da loro parlamenti habbiamo inrefò,pro 
cedendo per i noftri Re d'Egitto , come egli (òtto gli A(^ 
iri} la fiu hifloria ha ordinato. 




CI MANBTONE. 99 
* A Caldei fcrittori fegnono gli Egittij, i (fUdi non 
poterò intendere da fuoi fcrittori i tempi dudnti Ne 
no , ne duco intendere molto del diluuio^ fe non ddle 
hi^orie Caldee. Perciò credettero gli Egittij di e/i 
fer {ìdti i primi huomini generati, tìodoro nel 1 • 
Trogo e Giugno nel i.Mdnetone ddunque rdgioneti 
uolmente difjè che Caldei hduedno fatto nmtione del 
gr dndij^imo diluuio , non da fuoi mdggioriy ma com 
wenddndo Borofo tra Caldei Hìftorici , moilra che 
tredeua qucùo diluuio. Et hduendo Egittij mdndd^ 
to Colonie ad altri regni fotto cfni , cr altri Re fi^ 
<ondo Biodoro nel i. ne tennero memoria. Mdneto^ 
ne proud le fue dnnotationi efjer nere , prometten^ 
^0 difcriuere non per altrui opinione , ma per cer^ 
tif^ime 5 CT antiche hiHorie conferudte^con procede 
reperì Ke Egittij e tempi loro ,fi come Berofo per 
gli A^irij. 

E G I Tto , cacciato A^uxo fratclìo, regni anni 6g. il 
pacfc da hri fa chiamato Egitto^chiamauanfi i Re per di- 
gnità Faraoni, l'anno 5-. di codui regnò A minta annÌ4f« 
Tanno 6. regnò Dardano anni 64. Tanno decimo, Danao 
iìgnorcggio anni f o. 

. MAN Etone uoltdtofì d i Re Egittij prefe l'uU Nomi <B 
timo nome dd Egitto Re. Perche fecondo Dìodoro ^ìgiKo* 
nel i. nomauafi Oceand e Niled , e poi Aeria , anzi 
Mnome di Offri nomdUdjì dd Egittij Opri and, e 
dd gli Hebrei Mizreid fecondo Moife. Qwefi'EgiV^ 
tofii fratello di Ddndo detto Armeo . Il quale hd^ 
uendo regndto anni r.fkddl fratello caccidto per là 

N Hi 



SVPLEMENTO 
eaufd dd poeti celebrata. Cerca queiid noce Vdrdom 
ite Eufebio parlando ce i Ke d^Bgitto dice. Leggid^ 
mo nei libri di Nìanetotie facerdote Egittio che tut^ 
Egitto, ti i Re d"* Egitto fi nomauano faraoni , che era nome 
Farao - dignità^ come gli imperatori fi nomaìio AugufH. 
Perciò intendiamo che Manetone fii a tempo de gli 
Augujli , e creato per la fua dottrina Romano cit^ 
tadino , la onde puote fcriuere de gli antichi Re d'I 
talid non meno ueracemente , che Berofo , e ne ueg^ 
giamo quefla proua che egli f:riffe dei prìncipi e 
Re d^Egitto quafifin*i quei tempi . Manetone fi con 
fórma con Eufebio di Amintd Re d^Aj^irij.e parimen 
icdiDdrdano ediBanao. Ccfifiironoad un tem^ 
po Bardano ^IDdndo rj Egitto , CT il fecondo Ar^ 
cade figliuolo di Gioue e di Cdlifione , il quale fecon^ 
daridmente diede nome a P Arcadia ne Id Mored^per 
che fii dopo P antico Are adio nomata Velafgia da i 
telafgi,che u^habitaronojquai fìirono foggiogati 
da ^rcade ilgiouane , che diede da nuouo quel nome 
k la prouincid Vanno i . d'^Egitto detto Kameffe. 
BufebiOy Faraone in lingua Egittia fignificd crudo, 
€ pieno di jirocita fecondo Girolamo, Tofc ani lo no^ 
mano Eth. Greci Troffolo e Tromatoreo Meonij 
chiamano con queftì nomi i Vetuloniefi. 

L 'A N N O dccimooftauo del mcdcfimo , regnò Tir- 
reno fopra lanigcni anni n. l'anno 33. regnò in Candia 
Amerio , Tanno 39. del medcfimo regnò ne celti Rome, 
da cui fono detti i Romani , de indi à dui anni fignoreg- 
gio Fauno priico ne gli Aborigiai, Pandionc fopra gii 



i 



DI JWANETONE. totf 

Atcnicfi, l'anno ro. dclmedcf^mo regnò nc gli Afsirij 
Beloco il pia giouaiie,e l'aono 67, Amno di fauno figli- 
volo nc gli iUorigini tenne la Signoria. 

A L curii penfxno che quejl^Afxerio fuffe cjuel cdti^ 
tdJ^imQ Gioue cdndidtw , perche Aptera, ciò e Sdiur ^jj^^j^ ^ 
no cdndi ano regnò dnni $3- cotti' nei dndo dal <^*di 
Crando Ke d^Ateniefi fìn^dl '>6^d^£ritotìio,nel qud^ 
le ad l^.pterite fucceffc in Cdiidid ARerio fuo fìgliuoÀ 

10 come computano i Greci fcrittori de tempt; CT 
febic. Pertanto effondo flato cacciato , da Gioue Sé 
turno \,ilqu(ilehaueua cajlrato Cielo fuo pddre , fe^ 
gMf che Gione Magno Cdndiano per nome propio 
Aiierio, Si come Saturno padre fi nomò Apterite» 
Cerca Komi trouo foldmente queUo,che ne diffe Md 
netone.Leggefì in Tolomeo che Komand f^i habitaro 

no Id gaUid BelgicdiC lungo il Koddno vicnd Kotno Roman- 
nò e Koma detta per interpretatione VaUntia^e che » * 
Turreno autore del nome Turreno fiifje a tempo de i j^^^^**^ 
Rf d'Aboriginijdi Fauno e di Amno fuo figlinolo 
moilraft da gli hi^orici latini* Sillio Italico nel di ^ 
ce che regnò al luogo Verofino Amno figliuolo di 
Tduno , la cuifigliuold Agiìla fu da Turreno diman Amii<y 
datd per moglie per Trajìmone fuo figliuolo , ddl 
(fud^eprefènomcUldgo Traftnieno. Bice dna 
chord cheVantico Fauno fii padre di Amno , perche 

11 giouane fìi poco dUdnti che ueniffe Ened in Itdlid^ 
Bufebìo de tempi e Mdnetone , come dichidrero ì 
fuoi luoghi. Queft^equiuocdredenomilhd fufcitdto 
grdndi errori negli Uiftorici, Ter ciò fi duertifcd in 

• • • « 



lui 



àueiid eduiUòcdtione de nomi , e covfùfione d( tempi 
u olendo f^ipereUuer A Hifiorid. Cerca t tempi dv 
Vdndione e di Beloco il gioudne mnetone con Em* 
febio s'accordi d,??lonroM> cfce l'anno ^o.id detto 
Re d'Egitto diccjì che Cadmo il primo affJ gw'ta^ 
neuenne,enacquedi Semelefua figliuoU Diomp.o 
fuo padre. Ter che Cadmo di Samotracia ^ dopo 
padnWv lungo tempo fecondo Bufebio. 

REGnò dopo coflui anni 40.- in Egitto Mcnofo fecon- 
do Faraone, nel cui i.anno regnò ne Troiani Erittonio^ 
anni 46 , Tarqùoiie rrifco regnò anni 1 1 . fopra Razenui,( 
lanigcni, c'hora Tirreni, c Torchi fono per la Pcr.tia d» 
mifteri j dfuint da lano apparaii.dgnorcggiò ne Ccki , Pa- 
M$, ne Geltiberr Teda Libio Tritone . 

' CERCAI tempi gi Metwfìy & EritonioTro^ 
idnò s^dccorddno Biifcbio^ e Manetcne . Ma f\rchi'^ 
loco de tempi ve dice più correttamente . Glie nero 
che H ardano generò Erittonio di Bdtea figliuola di 
Entto- J>^^^^J.^ ^ Diodoro nel y. e fecondo gli hiiiorici , cf 
^* Eufebio fì notna "Eritonio il 4. Re de gli Ateniefì. Pa 
rimente fi* detto Enotrie il figliuolo di Vulcano ,f di 
Minerua . nomerò lo chiama Eritoneo . Vi /u poi 
Iritcdv Eritteo feho Re d' Ateniefì figliuolo di Vandtone , B 
padre di Cecrope il giouane 7* Re d' Ateniefì. Orièia 
Oritia* figliuola di qucjl^Eritteo fu rapita da Boreafì^iuo^ 
h di Ailreo.Verciò no pigliare errore in queiìi nomi 
Eritteo,^ Eritonio fi come in Tarcon^ perche furo 
no tre di cfueflo nome . 1/ primo figliuolo del ncfirCf 
Turréne, quando s'' edificò Dardania . A cui conaef^ 



Tarconi 
tre. 



/ bE MANETONBi ie)t 

/e il pddre di tàijicirc 12. citti. Strdbòrie al $. librài 
Valtro fu Re di Vetulonid dopo^l primo 180. dnm 4 ^ 
tefnpo d'Bi^Xìidro,€ d'Herco/e Grtco. Solino dict chi 
(i quejlo TdTcon fu muddto per dmbdfcidtóre Cuco, 
ilquale regìundo Eudndfo/fA dd HtrcoU uccifo . il 
terzo TdrconefHcceffe k Mezcntio dopo drfd Troia 
Dd codui hebbe Ened gente,et drmdtd di mare cotra 
Turno , yirglio neho . Fetcio Mdnetone lo chiamò 
dntico, er egli di tutti tre fd mentione . Mdche Tur 
tenifuffero twmatidd Turreno^iOn s^dccordd co gli 
fcrittori dntichi . Md Plinio nel cr altri coti 
feutonoche dal fdcrifìcdre furono dd Greci ncmd ^^òQizM 
ti Tofcani . Bero/ò , e Feflo dggiongono yche fu* ^^^^^^^^ 
tono primd detti Tofcdni dd Tufco figliuolo d'Her^ 
coUy md u'c difjvrevitid dd fcriueee pery^TyfcOyò p 
U Tufco Regnò dice egli Vdris fopra Celti fotto Me Tant* 
nofi, e Teiid ne i Ccltìberi * Qucdo Vdris fu Auttos ^^^^^^h 
re dd Pdrifìi,ne là GdUid Lugduntftjia cui principal 
cittì iPdrigifxmofd per lo {ludio,e fco[e di Sdn To^ 
mdfo d^Aquinio . Tolomeo^ cr dltri fdnr.ò mentione 
di queiii popoli ^ che fi jlendono dd Tede fm'd corfèo^ 
e per Urgo da Vclijjo fìn^ò Bdro uicino dd un ramo 
diSequdnd * Tesld Libio Tritono Compdtriotadl 
Minerud Vdlatud fu uicino d l^umidid . cerne djjvt-f ^crta'; 
md Y:trrone, e Plinio nel i . che fcriue dnchora cerne Tritoodì 
da Veni hebbero origine Africa, e Spagna , e che efi 
pofero i confini Conte fi ani , come diceTolcmeo.zT il 
nome lo conftrmd. Se quedi popoli uagliono t^^l^ a ^ /L 
miUtid, elle ne apprefero l'arte da Tritonide Minerà " 



JVPPLBMENTO 
Uà Trenciprffa de U militU . 

L* A Nno 7. del mt fima, rcgaò fopra Aferij Bcloparo, 
c Minos in Cjiidia, Tanno ip. regnò Erittco negli Accnic 
fi. L'anno if.fignorcggiò Aba (opra i Tofcani per anni if« 
dalquale hcbbero origine gli Abi) Tofcani, e l'anno 33'dcl 
■ledeiìmo Aba, Argiuo hebbc in Argo figooria. 
• 

LEGGI Amo che furono due Minos, V antico fc 
eondo Minetone pnfe il regno Cdndiano l'anno 7* 
di Menofi, fecondo Eufebio l'anno 8 . Qu?flo antico 
Douc lAinos^ fecondo i Greci figliuolo di 'Kanto Redi 

Minos. Candid Jlc^ude contendendo con fuo fratello Sarpedo 
ne l'antico > lo cacciò , e s'irfignori di Candia . Do^ 
po coilui anni i j 4 . /« Gioue Candiano , ilquale fe^ 
condo Eufebio ({uell'anno rapi Europa figliuola di 

Uiaou Agenore j deUquale generò Minos cojlui effendo 
d'anni peruendicare la morte d'Androgco otten^ 
ne la jìgnoria del mare . E foggiogò Egeo Re di Ate 
ne, e padre di Teffeo Vanno 9. di LamdontT .Non 
fi difcorda Manetoneda Euftbio cerca i tempi di Be 
loparo d'EritteOy e di Abante Argiuo . Atlanta Cac^ 

Atlanta, ciatrice |w figliuola di lafto generato d' Abante Ar^ 
giuo, e quefìa fÌ4 amata fieramente da Meleagro.Ma 

AbaTo ^^^^^f^^ /** l'Auttoredi Tofchi Alatiti cerca la 

ice. jì^^^SS^^i ^^^^^ Grauifci fino a la terra detta 
Hoggi anchora Cap,^lbioJet in Latino Caput Aban 
tum . Larte Trago uno de Mintimi Vrencipi chiede 

toruo. j^yj capitar^ di armata detto per nome Tors 

uo^ e per cognome Aba da la fua patria. 



DI M ANETONE* fot 

; L*ANno 50. diMcnofo, Cadmo, c Fenice venuti dal 
lliar roflo. Preflo i Sidonia regnarono. Indi à 7, anni ani- 
nlae^l^ò Cadmo la rozza Grecia, e regnò in Tebe , Lam- 
pade fignoreggiò ne gii aCsìtì) , e 1* ultimo anno del mc- 
dclnno . Zero, Se Ampionc cacciarono Cadmo. 

GRECI àrditi d mentire cercd i tempi^e le gem 
nedogiejS^ingùndrono jj^f^ljo ndE(juiuocatioc de i no 
mi, come dice Giùjefo contra Appione , Eu]ebiode 
lu pmu Olimpidde,(^ altri chiari fcrittori , Furos 
no più Cadmij più Feniciy più Zeti, e più Aufionifuc 
ce^iumente, la onde molti diUinguono i tempi ,c:ri 
riti . Macredafii^dnetonefolo^ccme k fcrntorc 
de le patrie hiilorie, che Fenice, e Cadmo fitrono co^ 
/oro, che fi partirono dal mar roffo . Fenice il mags 
giore l'anno 1 : . regnò in Sidone^e per l^antico cojiu» 
me chiamo la prouincia Fenicia^ che prima era detta 
Canan, e jìi padre d^ Agenore Siroy non Egittio . aU 
cuni per l^equiuocatione del nome ajiignarono que^ 
fio 4 Coloro, che fi partirono da Tebe . Ma fecondo 
Manetone glie falfoy perche Fenice Egittio fii jigliuo 
lo di Agenore , c non pàdre , e nacque di Egitto non 
di Boria. fÌ4rono altri fratelli Cadmo ^e Fenice Gre 
ci cerca angi so. auanti la guerra Troianay e figlia Fenice 0 
noli d'Amintore. Homero ne l'ottauo de P iliade after Cadmo 
ma jche Fenice giacciutoft con la coticubina di fuo 
padre a perfuafione de la madrc^ fuggi da Cira à Pc 
ko giouMie Re, che fu padre di AchiÙe . Veleo lo rac 
colfe benignamcntey e fvcelo caaitano de Veffercito,et 
tgliper riconofccre tanto beneficio jgU fice [oggetti 



JVPPLEMENTO. 
I Dofopt , cr dltri popoli . E dopo grdn tempo ndtó 
Achille, Ycnice lo nodri come figliuolo . Md di Cdd^ 
ino , che hduendo moglie tolfe per moglie dncho Ar^ 
monid forelld di Idfio, e di Cadmo.Spmgd, e Vdlefa^ 
to ne pdrldno.Lufebio dice che fiirono ^ .duanti il re^ 
gno di Ldcmedotite padre di Vridmo^e Id primd mo^ 
^ieglimofjeguerrd . Verciò Sdmotrdci , cr dM 
Greci fdlfdmente afjtrmduo quefto Cadmo efjerjldto 
figliuolo d^ Agenore Egittio, di cui fu parente Bdtdd 
noy che edificò Ddrddnid . Vrimd di colui ami 211.^ 
Nefitroudinqueit'etddltro Cadmo, e Fenice chei 
figliuoli d'Amintore,non di Agenore Egittio. Vercio 
fecondo Mdnetone Cddmo,e Fenice figliuoli d^'Age^ 
fiore Bgittìo uennero per commij^ione di fuo pddri 
dal mdr roffo. fenice regnò in Sidone, Cddmo in Te 
he di Grecid . Vdnno 17. di Amenofi , e fdnno ^ . ne 
fu cdccidto . Secondo Mdnetone, CT Hw/èfr/c . Cefi fu 
rdpitd "Europd poco dudnti d quefl'dnno, e non dnni 
80 « dopo , come nota Eufcbio in fauore de l'incerto 

MORTO Mcnofi,comincK) il prcnCipaCo detto Lar- 
tOyCome in Italia, ilquale durò 194. anni roIari,c fu,Zcco 
S primo Larto ciòl prcncipalc fignorc in Egitto , ilqua! 
regni anni fr. L'anno g. del fuo imperio regnò in Dar- 
dania Troe,e Tanno 35. de fuo imperio Vcibeno de la fa- 
miglia Vctulonia anni 38. fignorcggiò* 

L A Kte non è proprio nome^md di dignitd, come 
Augurio Fardone,ne i trionfali Tofcdni fcriufficon 
li Ldrthi . Erano in Tofcdnd 12. tucumoni jìanti co 
me u. Re in Vetulonid . Et uno era d tutti prepodo 

■ 



Larte* 



DI MANETONE. io, 
d<tto fupremo hmh in noce Tofcana , cioè mapmo 
regno . E perche era di tutti fignore , e che gli altri 
durauino un' anno, egli in uitafua . In qutfto mo 
do cominciò la potentia di molti Re d'Bgitto . E fu 
il primo Larth Zeta . Non dico quelZeto Egettio, Zet«. 
che cacciò Cadmo , ma quel Greco . Manetone , CT 
Bufebio s'accordano cerca i tempi di coHoro, Que* 
fio Tros fu figliuolo di Erittonio, e nipote di Bar* Tr« 
dano tlquale fóndo buona parte de la città Bardania, 
e la nomò dafe Troia, come Eufebio,et altri affvrma 
no. Cerca Larth Maguco^ tempi de Urti di Tofca* 
rM*^' ^'^^^'^"^'^ Archiloco ne i tempi , e Berofo ne 
I hiiiona Tofcana non ne parla, come nuouo,e Jlra* 
mero hiùorico . veibieno , e detto da Latini Vibeno, 
fomehavarronedela lingua Latina. EperVei* Veiie«« 
turgta, e Vetterbo diciamo viturgia , e Viterbo , cr 
e nome Tofcano 4 Vetuloniefi propio . Be fecondo 
OrientaU , Aramei, cr Hebreifignifica figliuolo.yei 
ben figliuolo di Xei.Ma il commune nome di una geti 
te nel di purgatiuo fi mette ad alcuno come propio, 
come Romano . fiorentino . Co fi benché tutti fi no* 
maffero Veizi, ò Vetulonii,ò Vibenni, tuttauia quefto 
fu nome propio di colui, che regnò dopò Abante 
Ld^th, tanti anni quanti metemmo, ne U noftrd emen 
data Cronografia Tofcana. 

L 'A N no primo di Zcto , regno ne Celti Leinlno e 
lannojx. fignorcggio ne gli Aborigini Marte Italiano 
«letto per cognome lano il più giouane , L'anno tu del 
•cdefunoRomofopraCcltiberi hebbe figooria. 



SVPPLEMENTO 
L E M A Nno ueramente fu Auttore de letndnni 

BoT^"* popo/r,e diede loro il nme.O' à l(^go Umatwo . Sul 
l^arbonefe . ìiora detto lago di Lufknd nelquale met 
te il Rorddno prefjo al ponte di Gcbend.e prima u^ett 
trd, che ne efca.Bi Mdrte ìtdliano detto I ano il gio^ 
Udne.Eufebio dei tempi dice dudnti TLned \dno,Sdtur 
tio, Pico, F<iuno, e Latino regndrono in ìtdid . Cer 
Cd if o. dmi, e dice cercdy perche non ne puote hd^ 
uercertezzd dd l'hìftoriu hdtind, e qucfto ìano co^ 
ntinciò più che u. anni dUdnti . Ferchedal dnno 
di Zeto fin^à Id rouina di Troia , cercd ilqual tempo 
Bneauennenel latio, Bufehio computa i6ì. anni. Et 
lano il gioudne cominciò a regnare ne gli Aborigini. 
Vanno $i di Zeto fcondo Mdnctone, cioè 162. anni 

^ prima . Zufebio per non biafmare chifentiuano a ud 
rio modo cerca queftì anni i prefeun tempo mcz^ 
Zano 5 cui dggiunfe cercd , dicendo . Regnarono m 
Italia cerca anni 1*0. Ma egli prefe da gli hiiìorici 
in (jueiio luoco Italia Tiberina , cr // Utio , perche 
nidnifijl mente L arth, cr i Turrenifignoreggidro^ 
no a tuttd Italid . E nel Utio i foprddetti latini Sd^ 
turno, Pico, Tauno i più giouani , e latino luochite-à 
trenti . Ma che nel hatio fiiffe luocotenente ìano ha^ 
tino,Marte puouafì nel 1 • di Hdhcarnaffeo,the dice. 
Ne/ tempo che uenne Euandro, era Re de gli Abori^ 
gini Tauno pronepote di Marte,ilquale fii da Koma^ 

iaitno* fjf, come un genio indi nafciuto, con facrificij hono^ 
rato . lano Ugiouane fii proauo di queiio fauno , 
Annoucrdndo per Pico padrc^ Saturno auo, cr l<wio 



DI JM[ ANETONE. 104 

prò duo . Cefi Mdrte Latino, c^r ìdno il gioudne fo^ 
no lo ijleffo fecodo lAdnetone. l^equiuocdtione di l^J^^J^* 
quejhj e l'i gnor dntid de tempi ingdnnò molti Ldtini. sc lana 
hficndo Tofcdni con i loro De(> leggi tdnto dritichi, il gìoua- 
che non fi confdnno con dlcme leggi , codumi ò Bei ^ 
d^dltri ìjuominij fecondo i buoni Greci , CT Ualicdr-^ l*iftcflo. 
ndffeo nel i. poiché U cdndidd fide jO'idno gli die^ 
de, figue^queRo ìdno gioudne non infigno religione 
écund^ e non fu queWdntico pddre di tutti i Bei^poi^ 
che fu poco più di i jo. dnni dudnti Encd , CT d fua 
ttd fioriudno Turreni con Idnigend religione Jeggi 
Sudio, lettere , e fìlofofìd ♦ Komo Re de Celtiberi fk 
quello, che edificò Komd non lungi da Sdgonto, e Ko 
fttdni interprettdndo il nome, Id chidmdrono Vdlen^ 
tid . Komo pgnifìcd Udiente, e KobuRo quafi in ogni ^^«•i 
lingud, e per configuente Romd Vdlentio. Solino nel 
fuo principio dice, Zudndro trcudtd und terrd det^ 
td V dienti d , id nomo Roma conferudndo Vinterpre vaicntif 
tdtione , benché dnchor a primd con uoce Bdrbdrd Roma. ' 
p chidmdffe Komd dd Id figliuold di Itdlo , chepri^ 
md l'edificò ,ficondo Berofo , CT dltri , c vìutdrco 
ne Iduitd di Romolo. Komd in Greco fignificd Ko^ ! 
bu?ld , md Giroldmo cr i Tdmuldjfti dicono che fi^ 
gnificx dpprcfp) fiibblimitd con tuono , dugurio cr 
Imperio . Perno hdbbidmo gdgUdrdd congettura 
cheYdlentiddiSpignd ^ primd dettd Kohd da 
Komofiio conditore, Ut dnco fuoi figliuoli regnd^ 
tono neViiicffo luoco,Vdlctid ddunqued'^dritichifiimd 
erigine , chidr 4 per U nobile fdmiglidBorgid 



JVPPLEMENTO^ 
erfJfto! ^ndtd de pontefici Bor gif Califto^.bedtiJ^ìmo Pdn 
pdjfottoH qudle Mdometo Turco inimicifAmo del 
nome Chrì${idnofii fconfitto in bdttdglia,^ egli 
'^IcfTan- ifiitmldfi>lennitddeldtrdsfigurdtione. Dipoi 
dro c. lejfxndro6. nel principio del fi^o pontcficato ufcira 
J cgni Cduerne i trionfi de gli antichi Re d^ltalia» 

ff f;e la fua citta vetulonia bora Viterbo , e ne ufciro^ 
noie lepri anchora , pronoRico de la fiitura filicitd 
deVlmperio Chrifiiano ^ e de la dottrina ApoRoH^ 
ca. Viftefja Valentia è iìluUre per efferui nato il 
hedto Lorenzo martire e Vincenzo confiffore^ e coti 
il martirio di Valerio Vefcouo di Cefxrea Augudd 
( Vincentio fuo archidiacono. 

R A Nfe d'EgittQ fecondo Parte anni 66. regnò. L'an- 
no vige(i(noquarto del medefimo pannia fignoreggiò ne 
gliArsirij. L'anno ig. Egeo fu Re d'Ateniefì , Cadmo 
prefc per moglie Hiimonia forclla di lafio Samorhracc, 
Olbio regnò ne Celti . L'anno 6o.del medcfuno. Cadmo 
per GeloHa de la prima moglie fdegnata ch'eglj h^ue^ 
prefb Uarmonia i pericolo c trauaglio (bftenne. 

MAN Btone , CT Uifebio accordano cerca i 
p^g tempi di Kdnfi di Fannia , e di Egeo , ma difcorda* 
no cerca il tempo quando la moglie di Cadmo guer^ 
riggio cQntrdHmarito* Mdnetonedi ce che pél^dn^ 
no 6o. di Kanfì , cT Eufebio il 58. Perciò notd che 
la Magna Cerere non fipuote trouare ne le nozze 
4i queilo Cadmo yue di lapo Sdmotrdce fuo pdrent^.^ 
perche era mort a molto audnti, 

A M n9 fi^ehmoterzo dc{ mcdefuno Cecolo dcu# 
""^mi^ Sacurn 



i 



DI MANETONE. tof 

Saturnoilpiugiouaocnegli Aborigini hcbbc fignoria, 
tfrirtdi.à |. anni Olio fu Ac Tirreni Re , e portaua per in- 
fegna vn (èrpsntc. Mandò coftui molte colonie da Vctu- 
lonia , onde egli di nobile famiglia era difccfo. 

J S f conuengono i Ldtiai primieramente che Ce* 
eklofeàificator di ?renejle,fÌ4 Re d'Aborigini nel ^ 

l'atto te figliuolo di MirteLtino.AU colui che fuc ' 
cejji 4 Marte pAire ntl latio |h detto Saturno. Vera 

eh qneilo fopradetto Ceculo jii nomato anco Satura 
iio.¥urono adunque tre Soffimi in Italia , Sabantià _. 
il quale fìtgg:endo da Gioue Nino fii da lano antico „!taiZ 
ticcolto, e fatto nel regno partecipe.Cmejlo^pa^ lia. ' ^ 
iré Ae Sabini eic^ Samnfti, il fecondo fi* Komaneffo 3| 
fiè^iiicb di Komii e nipote di, Itahie filli primo Sa-* 
turno creato degli Iylfo,rigini. \l terzo fii Cecuìo fi» 
gHuòlo di Uno il giouane e detto Marte. Il primo ft - •q';^ 
nel'antica etì aurea , il fecondo à tempo di lafio ,il * 
terzo à tempo di Kanft Egittio e d'ojco Vetuioniefe. 
Ofco è nome Tofano da un uelenofo e terribil fer* 
pente nomato, òJvi'aJL hqra detto da Tofcani ofcor 
zone. Mdnetone adunque dice meg'io affermando 
che Ofco , cr ofci da un celebrato ferpente che era 
Vinfegna di un Principe pan detti , che Seruio fo^ 
praH 7. de la Eneida ilquale dice che ofci fi chiama* 
no quei popoli , c'hanmy copia de ferpi. vfauano cer 
tamentegli antichi principi nomarfi da Vitifegna, 
Macedoni dal lupo , Anuhi dal cane Diodoro neh '. 
Cerche Macedon in lingua Egittia fignifìca lupo, a" 
Anubi cane . Fingono i Greci che Gioue fi tnutaff^ in 



O 



i 



svppiemento 

Aquili per mpir Gdnimede t in toro , per hdiur 
E»rop j , cr in oro , per goderp Ddndc , cioè ft Jer 
uiffe dePinfegitA de V^quiU per hiuer il gioudne,cr^ 
-Europi del toro>e deVoro coruttore per hduer Dd* 
me. Ofco di Vetulonid ottenuto l'Unperio d'italu 
mandò mette Colonie e noinoUe Vofthe , (fuaft Volo 

yolfd fche ,«oc ofche confuUri • Volfchifignifica antichi 
perche fìirono i primi popoli delLdtiOyCr tràtio 
anticm^nte Capuani , Scruto fopra quel di Virgt* 
Ito, lafciuadra d'Ofchi dice . Egli intende i Capuenjt 
che anticamente fi nomarono Ofchi . Scruto iBejjo 
teùifìcafopran decimo , che Capua fii edificata da 
Tofcani ,ueduto f augurio di un fitlcone detto Cd* 
pis in lingua Tofca . E fegue. Glie manifiBo che 
Tofcani foggiogatonoquafi tutta Vìtalia. VupM 

Capa» ietta vulturno ,edii campi Capua . Uuio nel 4« 
di Roma edificata dice. Sanniti prefero vulturno 
citt'i de Tofani , hora detta Capua. E poco appref 
fo fegue. Capua Rinomata da i luochi Campéiri, 
oue è pofia. E riprefe nome Capua da Capi Tr.oiatt 
, Capitano. Virgilio nel IO. 

E Capi da cui prefeilnome Capua. 

Lucano nel i.dice che u'habit^irono i edotti Ddr 

dan^. 

Habitar ne le mura Capuane. 
I Colonij Dardanij à lor piacere. 

L'ANno dscimoterzo regno Ilo in Troia anni »"»■• * 
Paiamo ne i Ccitiberi , Calata ne Celti , ilqual vinti i Sar 
•tan, fu ét Calaci Afiani l'Autoie . 



i 



kì.:a ili 

3 



DI HANE-TONE" to6 

T R O ueraiin Archilocoy e ncU noBrd crono^ 
2^dfid i tempi non corretti in Mdnetone. Sdppidmo '^iu^ìa^ 
per le cofc precedenti che hduendoi Re Spdgnuoli • 
udrid origine , VMmo àe qudlifii TeHd Libo Th- 
ione , che regno in Cdrtdgined , cr hauendo i fuoi 
de fcendenti dmpliato l'imperio fm'd Vdlentid. Seé ' 
gue che Valentid foffe nomdtd Ad Komo fuo figlia 
uolo , cr i popoli Paldtui hauer dd lui l'origine , CT 
il nome Tolomeo li mette ne i monti di foprd uicin i 
Valentid. Galdtd il gioudne che ninfe i Sarmati e gli 
Afidni, nomino molte Colonie dd Olbio fuo pddre in 
GdUid in Sdrdegnd ne U gran Sdrmdtid in pjfu in i- 
Cilicid come teiiifìcdno i nomi di Qlbi fm'dd hord ' '^ 

ufdti efcrittiinTolomeo.Biodoronel ó.comfnen^ ' ' 
dd Id uittorid del fuo effercito , co7 c{Udle egli fog^ 
giogo Id Sdrmdtid e buond pdrte de l'Afia. Md glie 
€ofd certd che ilo edificò ìlio , cioè Id roccd di Troia i h 
idy e Gdnimedefuo frdtello fi^ rdpito dd Gioue mutd^l 
io in Aquild , come fduoleggidno i Greci. Md Eufes 
hio con Id rdgione de i tempi moiìrd Id loro buga 
gid dicendo. Per Id rdpind di Gdnimede , ndcque la 
guerrddiTroipddrediejfo Gdnimede e Tdntalo, - 
che lo rapi. In Udnoddunque fi finge cheV Aquila 
lordpifce. 

L'A NnoquaJragcfimofcftimodcImcdcfimo Pico il 
più giouanc fu creato Re degli Aborigini, e Tarconc 
fecondo regnò dopo Pico anni 44. fopra TofcanL L'an- 
«o penultimo di Ranfe regno ne Celti Nanne* 

SI Kdccoglie ddlerdgioni foprddettt chefid 

O ff 



boi SVPPLE MENTO 
rfco il r dìttico Pico . Qncflo Vico gioudtie fu pdSre 

giouanc di^^A^nq il gioucttia,, d cm tmpo regnò Tdrconefe 
coido in Udiate durò fitì^k fuo figliuolo d tempo di 
E^ua^ìdro e di U£rcff^e..5oUi\omlp^rincipio dice Cd^ 
tal^dl^itò in Sdlene , one ehord ld porta Trigcmi^ 
Tarcon, QeUio dice che Cdco imprigi^ndto dd Tdrconte 
Turreno, > a cui erd uenuto émbdfcidtore ^rotti i 
ceppi j ritornò d cdfi fud ? c uolertdo con buono efn 
fercito occupare U regiof^ide gli Arcddi ^ dd Her 
cole oppreffo . Ndmne , ilqudie fecondo Mdnetà tre 
i^ìtluz^ regnò ne Celti ifcriu^fi ^nco per due nn.Udnr.e.l po 
Nancne poli IUsnneti nel dGdìUd lugAunefe hebhero dd lui 
Nanncti origine Poco foprd Pdrigi fcqudnd fiume diuide 
hldnnetiddueffonildcuiprincipdl cittd fÌÀ Augufl<U 
di Veffoni yhord demoni Augujìd di Ndnnete fii no*. 
mdtd condouico fecondi^ Tolomeo >ho.rd Yenecidl, 
^dd i proj^imi luoghi. Vd cjuefìi Nanti cppcfli d Vin^ 
ghilterrd dcriif^rquo dciìi lidmeti. Ne Id prouin%. 
cidTuronefeU-cittdprincipdlene Id Bertdgnd dL 
<jud .'hd titulo di contato , che fi dd di primogenito^^ 
delducddi 3ertdgnd. 

Amcnofi . A M Enofi , tr.no lartc d'Eg»tto anni 40.tcpnc M^tipc 
figiCCio rte , nel cui primo anno Liomedónrc fu Re di Troia 
L'anno ferzo del mcdcfimo fofarmo fu Re d'Afsiri) , 
Hcrcolc d'Anfitrione nacque il fcfto anno, VifTc anni.^x. 
e'ft il primó de grandi COcfali ch'arfc nel fuogo. 

S'ACC Orddno Mdnetore , CT Eufebio cercd i 
tempidiAmenoftdiSofdmto e di Ldomedonte pd* 
dre di Pridmo. Md difcorddno qudndo ndfceffe Her 



in firita- 

nia* 



IH^ DI M ANETO NÉ. iny 

'<ó/e Greco adultenivo di Alcumenu , md feiondo Itti ■■• 
«iJfon /ctnno 42. m Pridmo y cioc anni \7. audnte 
4d rouina di Troia. Alcuni uogliono che egli uiuefje 
' ànni ^o. diri $1^: Eufebio de i tempi di Prtamo dice^ Anni di 
Herco/e infèrno di peSlilentia , per cacciar tal dolo Hcrcolc 
'^^ } fi gittò ne le fiamme^ ui mori d^anni 51. r fecon 
do altri di %o. Ma parmi più ragioneuol* opinione 
d'Eufóio che uiuefje anni ?i ♦ Foi che tutti affònua^ 
Im^o lui efjèr fiato co gli P.rgonauti. Se egli mori Nn 
no 42. di Priamo , cioè 17. anni auanti la rouina 
di Troia y egli farebbe morto auanti d quéfio tem^ 
:po anni 47. e fcguirebbe che Uercote d'anni 5". ha^ 
uefje uccifo laomedonte padre di Priamo. Cofa ridi^ 
colofa. Perdo lafua uita fu d'anni r 2 « perche effen^ 
'do d'anni to.uccife di un colpo Uno mufico fuo Hcrcole 
mtaeflro JDiodoro nel 4- effendo tanto robuiìo, ^^circ 
puote cogli Argonauti e con inganno uccidere lao^ 
Widonte di notte y come ueggiamo hauer fatto al^ 
tri corfali , e furono gli Argonauti ueri cor foli co* 
me dice Manetone , benché il garzone di J^irito di^ 
uino e mirabile fòrtezzd ^ faceffe le impreft co gli 
Argonauti difertando con latrocinij e flupri tutta 
lujpiaggia. ^ 

r L'A Nno dccimoquarto , d*Amcnofi regnò ne g'* 
Aborigini Fauno il pi u giouanc , Tanno 19. Tiberino d^ 
la Vcij famigifa de VctuJonia anni jf. iopra Tofcan* 
hcbbc Signoria* 

' L A T Ini e Greci Uiflorici affermano il medefi 
wo. Cerca tanno il gìouane ,che alloggio Buon 



1 



Faanà 



O ili 



SVPPLEMENTO 
Tiberino àro, ediKomudcttdValentid.Bi Tiberino prin^ 
tipe de Vei in Vetulonid trono che ft nomò per co^ 
gnome Tiberi jcioèingiuridtore :, poftogli dà Pe* 
..i li. 11/^. lafgi , che ^rono cdcciuti dd lui. VeUfgi poco dudn 
ti cdccidti i Cicilìdni con pjirte de gli Vmbri , hdbi^ 
tdrono con Terreni pdcificdmente fin^k queflo Tibt 
rino^iheregroperz.etdjciocdnni yo.audnti U 
guerrd Troidnd. Tiiodoro nel i. Ld origine de Id 
guerrdfutdleche Minosilgioudnemdndòin ìtdld 
ìclduco fuo figliuolo , dccioche regnaffe con ?elafgi 
t tàccolto dd Ceretdni hebbe SciUd gioudnetto dd 
queUiindono. Tiberino fdegndto di queftojmofje 
guerrd d Ceretdni di mdre,^ k fdlerij al teucre, 
ne Id qudl guerrd mori un grdn gigdnte , che diede 
nome di fiume ^ il qud primd fi chiamo AlbuU , e Ve 
tulonieft uittoriofì cdccidrono Glauco , CT i Velafgi 
Enotò di tutta ìtalid , e prefo Znoto jvrtijima terrd non 
lontdnd dd Komd fi fdbricdrono und cittd , e nomd 
ronld dd l^origine del luoco e gente loro Veiente.cos 
me ndrrd Bpigene. Plutarco ne Id uitd di Romolo 
dice che furono primd gli Enotdni dd lui detti Sdr^ 
dinidni defcefi dd Vei comprefi nei confini di tofcdn 
na. Sinomdrono ddunque Coloni Sdrdidni non per 
cheueniffero di Sdrdegnd in Tofcdnd^^md perche 
effendo Tofcdni per naturd^^rono i primi che con 
Torco Keloro fecero li Sdrdegnd hdbitdbile. Strd^ 
bone nel uMdcercd Tiberino Manetone dice Ti^ 
Qtm- ^^^^^ regnò Vdnno i r. di Amenofi. lo non ueggo 
come fid cQnueneuoU queflo tempo , perche fecondo 



X 



DI WANETONE. toS 
gli VLìftorici . Mdnto fatidica cacciato Tefeo Re al 
quale hauea feruito , uenne a Tiberino Re il Vetulo 
nia , ial quale ingrauidata , partorì Orno edificato 
re di lAantoua. Coilui fii nomato figliuolo del fiume 
Tofco cioè di Tiberino , da cui fi nomò quel fiume 
Teuere, Virgilio nel io. li 
Orno conducea le armdte fquadre 
Da Fatidica Manto la fud patria . : 
Tenfano alcuni che TiberiKed^ Albani dejfe nome al Tibcru 
Teuere nelquale fi fommerfe . Liuioy Ouidio nel fecon 

10 de Fajli dice. 

Mbula, che da Tiberino prefe 

Il nome ^ fi trouaua d^ acque gonfio. 
Seruio Virgilio j e Plinio dicono, che molto audnte 
Tiberino Albano fii Tiberino Tofco . Yefio dice che 

11 Teuere fi noma da Tiberi Re de Tofcani, oda Ti^ 
herino Re de gli Albani . Plinio nel 3. cap. d . dice* "^^^^^ 
Tiberi auante fÌ4 detto Tibri^ poi Albula. 

Virgilio nelVottauo. 

I Re , CT il Tibri di gran corpo , dfj^o . 
6/( Italiani lo nomaron Tibri, 
che per fe il uero , e uecchio Abula nome . 
Altri penfano che il Teuere pigliafjè il nome dal Re 
de gli Aboriginiy ilquale mori combattendo uicino k 
quello . Altri lo nomano da uno Aborigine uccifo in 
Italia da Glauco figliuolo di Minos Liuioy CT Ouidio 
dal Re de gli Albani . Virgilio, cr altri da Tiberino 
Re de Tofcani.che ui mòri. Altri da le ingiurie del re 
de Tofcani , che rubaua quelle riue , cr ingiurim^i 

O Ufi 



t* SVPPLEMENTO 
pdjjdggieri . No/1 ci Siringe Omdio che non jùjfe rw^ 
mato Teucre dumi Tiberino Albano , ne ancho 
^'^^^ MIO, perche trouiamo come audnti Tiberino Klbxno 
fÌ4 nomato Tenere, lo comprendo per Manetòne v 
or dtri hiftorici che queste opetìioni fono uerc. Per^ 
che Tiberino fii Tofco, e Vedono , e fu detto Utro^ 
cindtore fecondo Scruto, perc'^haueua effcrcito affol^ 
datole perche àffoLdo i primi degli Aborigini,oUrx 
Mia iTofcdnij centra Glauco,^ PeUfgiyfìinomatóLd'^ 
trocitiatore, Abcrigitu i Re de gli kbongini, Tofeo 
è Re de Tofcani, Veitulono è Prenctpede Vetenti 
Seruio foprd quel luoco nel fettinio . Gli feudi de la^ 
Glauco l^ico^ ^ice di Glauco. Venne in UoIìa Glauco figliAo^P 
lodi Minosse non effcndo accettato rie la fìgnoria per 
che non daua co fa alcuna^ come fuo padre , e.haueus 
lor^hiJdato la cintura, perche prinia andaùano difcim, 
ti,moftrò lo feudo, dalquale ^nomato LaBico , e dx 
lui i popoli Labici, e uifi con fanno ueracemente i té^ 
pi di Wercole di Tolomeo di 1 afone , de gli Argonau^ 
ti, di Medea, e di Circe fua forella ,/e uogliamo bene 
duertire a quello che e fcritto Seruio foprd quetuer^ 
fodel j*' 

Scale nel deihro lato, e l'impUcata . 

Caribdi nel finidro fa fua jlanzd, dice . 
Sonoui due fciUcy una m Cicilia vicina À Cdribdi^CT 
è un faffo celebre, che fi uede di lontano . V altra 
figliucld di Kifojccme dccennd Virgilio ne id 6\EgLo 
gd \ Ld terzd poi era figliuola di Forco, e di Cretei^* 
ié Rinfa/^he amawa GImco amato dd CirceU^jf^ 



Ueàendofì dd lui j^rezKàreyAueUno U fònte^fìue Scilè 
U perlaiurfifcofe jìn^d ifijLnchi y e fi mutò in udrie 
forme, e per uer gogna fi precipitò in mare . Qjieftd 
terzdt ju Tcfid Cerite jicondo glìAuttori ^^fj^ecuU 
mente Epigene, ne ^apologetico cantra italiani nar* 
fandom la guerra di Tiberino e di Glauco je dice - ' 
che chiamò Minos il termine del fiume Cerite > e no^ 
tnò SciUanomare lafvnteyetilm:ire,oue SciUafipre^ 
cipitòy hoggi anchora fi noma in uolgaremaf 
Sciìlano . Euui un fiume preffo k Cerite uicino al md 
ff, oue Scilla ufaua di lauarfi . Cofiogni cofa corrii 
fi^onde àqueito . Verche regnando Tofco^eraMané 
to y Tiberino Tofeo^ Glauco il figliuolo del minort 
Minoi, Scilla,Circe,ìlercoleye Telamone. Circe uené 
ne in Italia co gli Argonauti , i quai peruennero nel 
porto Telamone preffo à Turrena . Biodorcnel f* 
Heno/e, da cui fi noma porto d'Hcrcole fin^ad hó 
Td in TofcandiUenutò al tempio di vulturna d le ra^ 
dici de Cimino per date un faggio de la fua fòrzdiUi 
fèce il Lago Cimino • Seruio foprd^l di Virgilio i Lago CI4 

A M Enofì quarto, Lartc d'Egitto anni 17. regni , nel 
cui quarto anno regnò ne celti Rcmo^ da cui fi chiiimarO' 
ho i Remi popoli* 

L'ANno nono del mede/imo, regni ne gli ATsirij Tai 
tane , e Tanno decimofcAo latino (òpra gli Aborigini , t 
Mczentio fopra Tofcani hcbbero iìgnoria* 

NON trouo chi fiiffe cjueflo Remo àd cui fi no-^ 
mano i Kemiy bafta che GaUi Kemenfi da lui deriua^ ^^^^ 

noilnome .lucanondueCefarcnticQj^tfìtdriJiC ^ 



>i SVPPLBMENTO 
fono trd Belgi.uiciniiCHti.O' i Suejfonhconiqudii 
uijJironeletUtffelcggi . Sonouicinii Verecondi 9 
Trewen, Niettenfi CataUnfi, Ldudumenfì.cr 4 lafeU 
Ud Arduend dd Cefdre Celebrdtd , U loro principal 
cittì c Remi, oue foleafì ungere^ e fdcrdre il Re. Ld^ 
tino fecondo alcuni fu figliuolo di Fanno ,e fecondo 
altri BAddrdo di Hcrcolc , Corfdro^ Niez^ntio fii cit 
Ileahio tddino AgiUino fecondo dlcuui ^ mdinueroegli 

Tofcdnoje ddl'hsuer prefo Agiìlind jìé detto AgiUinOt, 
Virgilio ne l*ottdUO dice che ufdndo crudeltà nel bom 
fco, e tempio di Vulturrend,^ cdcciato dd i cittddiit 
niy e fi riduffe in Cerite fud terrd . Onde uenne con 
effircito in aiuto di Turno , contrd Ened^aiutato dA 
Tdracone con effercito per terrd^ e per mdre . Co# 
dui fecondo N[dcrobio regnò foprd Rutuli , e uolen^ 
do che glifdcrifìcdffero come a i Deiji Ldtini di quc 
fio fmariti ordrono in tdl fvrmd . O Gioueyfeglii ho 
neflo che d te più toftOy che d Mezentio Sdcrijichid* 
ffto, ddcci contrd lui uittorid.Virgilio lo nomd fj^reTi 
Z<^tore de i De/,e quel pio Sacerdote gli infultd dicen 
do . Sono quefle le J^oglie del Ke fuperbo, e poi diuto 
Turno contrd i Ldtini . Eufebio, e gli dltri s^dccor^ 
idno cercd i tempi di Ammenoji, e di Tdutdne. 

SEgui l*uIc!mo Lartc per anni 7* dopo ilqu;)le fì venne 
Ìl h dina(lia,oue i Prcncipali regnarono fcnza Larte,laqua 
le iTT-anniduiò, per quella adunque parleremo de Ba- 
bilom'i, Egitti), Tiranni che fiorirono . L'anno primo de 
la Dina(lia Napolitana Troiafuabbatuca. £t l'anno terzo 
venne £nea in Italia da Latino^ ^ £uandro,<S: à Tirreni • 



à 



r 



DIMANETGNE» irò 

fopra i quali Tarconc il più giouanc hcbbe fignoria. 

L E prime Dindilie , ò Vrencipdti à^Egittij ddl 
Biluuio fìn(i Iranno 4J. di Nùio, firoìw 15. La pri^ 
ma Secondo Berofo ^ di Cantefe^detto tra primi Dei ^S*"*J' 
Saturno giouane , duraua ciafcuna anni j.fotto 1 2. 
primi ) e maggiori Bei d^ Egitto . ìnquefio modo. 
Vanno im. dal Biluuio Clemente primieramente heb ^^.^ 
frf la 'DinaHia anni 7 * Acuì edificarono la cittì 
ChemyMìn. Oceano con Teti glifuccej^e. Coiìuipoi^ 
fe le colonie lungo il Ne/o , detto prima da lui Ocea^ 
noj e codui generò molte ninfe, lìftodo ne la Teogo^ 
nia, e Biodoro nel i. Nilo tenuta la fignoria anni 7. 
cedete al terzo, e regnarono cofì dodici Leiciafcu* 
no ne la fua citta per anni 84. Ma tre de i Dei gio ^ 
nani, che feguirono , crefcerono il tempo . Kegnò il 
primo anni 1 4. il Secondo 26. il Terzo 37 . cioè in 
tutto anni 77.C computando ifopr adetti, fanno an^ 
ìsV.ty- aggiontoui anni ijt.dal Diluuio fìn*a la pri^ 
ma fignoria di Camefe faranno 292. anni ^ .nel qual 
tempo nacque Abraam l'anno 4;. di Nino fecondo 
ìiufebio de i tcmpi,et il computo^ che fi caua da -Mom 
Ji\ Cominciò quefl'anno la \6. Dinadia fotto O/in, 
che conceffe la Dinafiia k Tebei , laquale durò anni 
190. come computano Egittij, CT Eufebio . Segui la 
Dinafìafìa 17. de pa(ìori,che durò anni io\.e da que 
fta nufci la iS. Dianopolitana , d'Ianni 54^ • ^^^^ fi 
Jparfela 10. Dinasta per l'Egitto fotta diuerfì 
Vrencipi per anni 190. e tornò in mano 4 Dianopo^ 



c S VRP M BNTOl 

litinij efutiomdtdld 20, Diandiita. Sehzd V^cncìplj 
Manctone procedendo per qweflu BinailidAicc* Ne/ 
primo anno di queUd romnò Troid , ilchc fecondo 
Eufcbio duenne L'dnno ultimo de U precedente dina^ 
ftid Egitti d . Archiloco k pieno pdka dfl uenire di 
Ened in Itdlid.md cercdH tmpo del fuo uenire è U(i^ 
. rid openionc . Md glie mdniftiio , che £n€d Cd^cidif 
^^^^ ^^^^^^ k Ldtino Ke de gli Aborigini detti pri 
inierdment^ dd lui Ldtini . Coflui lo rdccolfe benigné 
mente, e diedegli per moglie U figliuold^o' indi for^ 
fe Idguerrd trd Troiani AboriginiyeKutuli ♦ Uuio 

Ssrno , ^y^^ Turno à cui erd promejfd Launid prima 
che ueniffe Ened , dolendo fi che gli pjiffc prepofto un 
fòrdiliero ,moffe guerrd i Latino . ii^i U buttdglia 
fdnginofd perderonoi Kutuli:,Aborigini hebbero uit 
torid . Troidniui per fero il Prencipe^Turno ricor^ 
fe 4 mcz^ntio, ilcfudle per non Idfcidv crefcere le for^ 

Mcsccio. Z€ Troiane fjLuori d Kutuli. Mdufando firocij^imd 
crudeltà , freddi popoli con fèrro e fuoco cdccidto , r 
jì riduffe 4 Qercte Jud terrd. 

L'ANno fcttimo Afcanio i Latini fignorcggiauj,c Tctf 
reo ne gli Afsinj il fèguentc Anno, di poi Fraaco d*Het- 
core figliuolo fopra Cdlci . L'anno racdcfimo Udì occupa 
ioao il inare • 

I Openfochefùffero Meoni di Afiae non Lidi 
Tofcdni cjuei ^che egli dice hduer ottenuto^ mdre 
qudntunque Tofcdnidquel temp ^ occupdffero ilmd^ 
re di fopra e iifotto e le ifole tutte cerca Itali a. Li^ 



D I M A N E T O N E. tu 
uìond t.àicè. Nel uenire d'Enea era tanto polente 
là Tofcdnd , che empiua con U fma fua non folo là 
terra , ma il mare anchora da le alpi fin' al mare Ci^ 
ciliano. Non ho letto mai chi fi a quedo franco , ne Frane* 
comcfùjfe da Celti accettato per Ke. Vincentio dili* 
gente UiiloricQ dice che egli rouinata Troia , andò 
in Francia , ouepcrla fingolare uirtu diuenne gra^ 
to d Celti , CT hauuta per mogHe la figliuola del Re, 
/ùcceffeà quello nel regno , e fu da lui chiamata U 
^rquincia Francia. 

• 

L'ANno 41. a r fero le Amazoric il tempio di Diana in 
Etefo,c l'anno 47. Ocno A Tltalia fignorcggii anni 46. 
Ville anni 06. c Tanno 49. siluio de Latini,c Tineo d^Af- 
lirij fu fi^iicrc , 

^10 Credo che quiui fi a er rote nel computo de i 
tempi . Eufcbio,diligente inucjligatore de tempi dice 
che Siluio regtiò trd Latini l'mw 4 r. di quefid Di - , . 
iìnRid, quefto,e Siluio Toi}umo,Siluio dico perche fit 

ncdrito ne le fclue, e Pcftumo, perche nacque dopala 
martedì Enea fuo padre. Cedui fucceffe ad kfcddo «luiop» 
fìto fratello ,eddluijì nomarono Siluij, i Re Albani, 
Ocno parimente ^ poftumo, perche nacque di Man» *''"'^* 
tp^t^opoi che Tiberino fuo padre mori nella guerra 
contrd Pelafgi, e Glauco . a queUo giouane datto 
con Enea il gouerno di tutta la militia, per Augurio 
delfìtturo imperio, cr egli Urte condufjè le fquadre 
da la regione Tiberina fua patria ne la GaUia Tra* 
fpadana,peredificarui'la città da Manto fua madre 
detta Mantoua. Virgilio nel 10. 



SVPPLEMENTa 

L'ANno 4r^dc la Dinaftia, regnò fopra Latini Enea Sii 
■io, & Dcrcilo à gli Afsirij anni 47. L'auno 71. rcgn« Pi- 
pino fopra Tolcani anni cinquantadue • 

m^ntr SI Bifcoridtìo Mdnetoììe , CT IBufebio cercd i 
tempi * BufMo dice che Bercilo regnò /'ct/ino jS.di 
(juedd tìtidflid.a' Ewe4 Siluio Vdnno y^.md io pen 
fo che duuenijfe ^perche dltri diofcurdfdmd regndfi 
fero pochi dnni , poiché trouidtno che dudnti queflo 
Bnedyregnò ^. dnniLdtino frdteUo di Vojìumo . Zt 
Buft bio rij^ondendo d quejid differì ftone dice . Tro^ 
uimo in un^dltrd hiHoridyche regnò nelqudrto luo^ 
co Latino Siluio .figliuolo di Lduind , e di Melampo 
e de und mddre con Vofiumo, e nel quinto luoco^bentt 
che qui fi d nel 4. Siluio Ened figliuolo di PoBumo . 
Vipino rifece Id {idntid regdle di Cibele nel cdmpo Ci 
beldrio fu quel di Vetulonid.Come le lettere ne i Mar 
mi trionfali intagliate manifvflano . Non lontano dd 
Yetulonid e il piano Pipiniefe ^ ^i bagni di Vipi^ 

Pipino. • ^'^^'^ Ro'W^ edifìcdtd dice Vmbri , foU 

leudta Id giouentUi e buond parte de Tofcdni d la re^ 
beìlione, fecero tanto effcrcttoche ft uantarono di Id^ 
'^'^^ fcidrfì dietro Becio , CT dndare d combatter Roma. 
Ma Decio dui fato diqueiio , andò uer Kcma d gran 
giornate.e fi firmò nel pidno l?ipinienfe,perche udiud 
il uenire de nimici . 

L'ANno 7. regnò ne Latini Siluio Latino,c Tanno ai. 
Eupale fopra gli Asfirij .L'anno i8r. Alba fu de Latini 
Re , c Tanno izg. Nicio, Fcfulano regnò in Tofcana anni 
47* Tanno i06, Pifeo Tofco Pirato anni cinquantadu 

J 



Di MANETONE. ut 

licbbc ne l'Italia f?gnoria,cofiammollcndofi cTAsfìri), -n. 
d'figitrìj , c Tirreni le forze per lo dedicaro vincrc , Lati- 
ni airincontro fi fecero più potenti . Narraremo adun- 
que breucmente in che modo i Re /* sfirij , & Egitti j co- 
minciarono ad indcbelirfi , e qualmente Greci, Latini , 
Aborìginidouentarono maggiori,(ucccfle à Pifco (òpra Ta 
fcan( Tofco il più giouane, ilqualeanni 59.tennc la figno^^ 
ria . Segui ^ codm Amno, ilquale regnò anni ar*dopo lui 
Fclfino per anni 3 3. fu loro Prcncipe . Succcflc Bon per 
anniig. Atrio 17. Marfia ig. Etalo 50. Celio 11. Seguiro- 
no dopoi i Latini Prencipi /da i quali i Romani generaci 
tengono Pimperìo. ' Y 

LASCidte ddunque V altre cofe ndrrd del Komd^ 
Ito imperio, dettd Drimd in breuiù U diminutione de 
gUdltri. Ldtino Siluio regnò tre anni audnU Eneà 
Siluio^e dopo lui $xome narra Phiiioria Latina.Eum Latino» 
pale regnò fecondo Manetone tra gli Afitrij , Iranno 
tao. de Id Binajlidy ma fecondo Eufebio Iranno ti8 . 
Alba siluio fecondo Manetone regnò Iranno 155. de 
la Uinadid fecondo Eufebio Panno 1 y^. N/cio Fe«i 
fiUdnOy e cohiyche cacciò Eocerft di Corfica^CT ^di^ Nido* 
ficò Nicea citta , e commandò à Corft , che pagaffeno 
ogn^ anno tributo à Tofc ani . Biodoro nels.dicCé 
Vn^ìfola lontdh'a i6b '!éadij da Cercina, e da Etali a^ 
t nomata da Greci Cirnos, e da Romani Corfìca. Eo 
ctnfì ui edificarono CaUiroi citta , iquai ^rono poi corfiou 
cdcciaìi da Turterii. Parimente ui fii cdifìóata NiVf 4 
id Turreni maritimi , / quii foggio garono anchord Nicca. 
U altre ifcle del mare Turreno. Ethduendo poifog^ 
giogato le aUre città di Corftca , granarono di tribù 
-uraggi^jlacera.cril tnelk^ de li quali cofe i 



rem* 



> 



' t SVPPLEMENTOr 
fifco In- fopiofo quel terreno. Vifeo trouo Id tromba, per 
dch^tro ^If^^^^^^^f^ ^ corfeggidre , e comincio .cja^ndo per 
fca/ ^ àiffenfìonedili ti. Popolilo (ìidto Turreno cornine 
ciò d fnerudrfì . E fiirono le delitie e le richezze , di 
€o{ioro , che diedero a Komdmli uid di foggiogdr 
li. Duro tuttduid in loro Id Yilofofidld interpretd^ 
tiene de le [dette , e de gli effetti ndturali con ld Teo 
logia, sin^d tempi di Biodoro fotto Giulio Cefdre, 
il qudle dice nel ^.cheTurreni fonouicini di por^ 
LaaJe fo Teldmone,e nel 6. poi dice • Turreni per ud^ 
de Tur- j^y,^ (greggi'] bruendo ottenuto grdnde imperio 
edificdrono molte ricche Cittìi , & hduendo Si 
gnoreggidto lungo tempo di mdre^di [otto no -:» 
mdrono queUo Turreno . Kitroudndofì poi con 
effercito dd terra potenti , troudrono Id trom 
<ib utile d deftdre d Id guerra , e Id chidmdro^ 
no Turrend: Grdudrono i Cdpitdui di udrie infe^ 
gne dggiugnendoui i littori Id fedi d d^duorio j eia 
.obin ^^S^ porporind . Aggiunfero il portico d le cd^ 
fi , oue (ì ritirdffero i ferui e Vdltrd turbd , cr t R<> 
mdni toltone Id formargli edificdrono k miglior 
guifdfì diedero lungo tempo d lettere d cofe ndtwd^ 
lidldTeologidyej^ecidlmente dd interpretdre le 
•r?n:c . f^^^c > fìn^Ud hord ogni ndtione a loro ricor% 
re per tdle interpretdtione. Ld loro pdtrid c copios 
fdjcldfdnno conld fìudiofd agricoltura più firs 
tile. Mangi dno due fiate di di molto delie dtdmente.^ 
Vfano ueRi Iduordte d udrij fiori, uift d^oro e grdt% 
numero de ferui , cr molti anco lib cri 4 loro ferui^ 

tic. 



GLI EaViVOCr. ì'ì, 

tio Tìndlntente gittdtd ogni uirtu ,fì diedero al be^ 
re j cri l^ocio , co fi meritamente perderono U glo% 
ria y da loro maggiori accjuiildta. Benché U firti^ 
htddeUpdtridcaufoin loro U ddpocdgine. Ver 
che fono i campi Turreni larghi diiìinti con più 
coUi , culti y e fertili , perche ne la fiate dnchord ab a 
bonddnodi dcque. CÌueilodice IDiodoro . ìlrimd^ 
ftefite dicemmo nel'H'ftorid Tofcana pontefici dycioc 
ddt^od detto anco Idno pontefice maj^imo cornine 
xidtà , in Vaticano , e poi foggettd da nuouo al pori 
te fi ce mal^imo ^ crdld Sedia Apoflolica . Cofi bre^ 
uementefidmo fcorfi per tutti i tempi , per i Re , CT 
per le loro degne imprejè. 

IL PINE DI MANETONB. 



XENOFO NT E 

DE GLI E aVIVOCl 

CO'L COMMENTO 

DI A N N 1 0« 

V AL ftéffe qucflò 
Xeno/onte non fa 
prei anchor d/Vf, 
tuttduid pcnfocbe 
juffe figliuolo di 
Grifóne , che fiori 
dopo ArchilocojiU 
qudepofe dijlinta 
mente S.Kctneri , e 
pdrimente Xrno* 
fonte mette 8. Homeri^mcL non gli diftingue uno dd 
Pdltro , qudjì rimettendoft dd Archiloco , che fiori 
là 29, Olimpidde,e^€nofi^ntefiorild ^s-. Equiuoci 
fon nomi , c^hdnno trdtto in errore i Grecia penfdn^ 
do loro che ficonuengd ddunfolo qucUo^che fidi 
€edi mobile cominciddd Cielo. 




SA T V rni (ì nomano TRe de nobili famiglie , e 
chisiìmi , che edificarono le cicca. Gioui e Giunoni chia* 
mano i loro primogenici , i loro foi Cifrimi nepofi Herco* 
li , i padri de i Saturni Cicli , le mogli Ree , & le tnogK 
de Cieli vede. Q^uanci adunque erano i Saturni stanti 
Cicli , vcfle. Ree Giunone , 6c Hcrcoli C\ rrouarono • Ec 
quel idcHo che ad vn popolo era H ercole , àTalcro era 
Giouc. Perche Nino fuHercole à Caldei, à gli Alsirij 



GLI E(iVIVOCr. 114 
I leraGi'oue , Ìl i qiuli egli edificò vna picdola tcrr^ p^ccr* 
na di quaccro cicca , &. feccia capo de 1 imperio , pcrcii 
lo chiamarono Nino , cioc Gioue , perche nofnaoafì per 
dricto nome Afsirio , e da lui furon chiamaci gli A&irij, 
& dal cognome la cicu Nino* 

^ A T Anno neli.de le iiuineiititutioni di Càp. 
uniecimo. tìcefì che Cielo fu padre di Saturno^ eia ^. . 
terrà madre , perche crediamo che jcendano da Oc are • 
lo coloro, eh e fono per uirtìi egregijyò app areno feti 
' za che fi fappiamo i fuoi genitori , e Lattando lo 
prona con ^autorità de Vantichijiimo Trimegi&o, 
itquale dice che pochi hebbero la perfètta uirtìi , e 
tra queitì annouera Cielo Saturno e Mercurio. Sa^ La czmfk 
turno nacque di un^huomo detto Cielo e da Greci di porre 
Vrano. Enel cap.i^Aice Ennio in Eumcno afferma ' "^"^^ ^ 
che cielo primieramente hebbe in terra il fommo 
imperio. Ma quei Principi fi nomarono da Dei, 
Cieli e SteUcj per far più chiari i nomi loro , e con^ 
firuarne la memoria , hattantio al cap.\ i. dice. Ss 
turno effendo potentif^imo , chiamo fuo padre Ciclo 
i Vd madre terra, per memoria perpetua , f quai ha^ 
ueano altri nomi. Vercio furono po{li i nomi a Fiu^^ 
mi j Ciri Monti ìnaco Eirenc , Teucre , mare Egeo 
Ionico y monte Aucntino. E fegue. Minutio non fa^ 
pendo quejlo , uoltò altrove VtìiHorid. ì^ota Ldttan 
Hoc he hautmo altri nomi , come lano Cielo Caos fi 
nomauaNoa. Seruionel y^fopra quello. Saturno 
ticcchio , dice . Gli antichi Re s^ufurpaudno i nomi 
de i Deis hattantio nel cap. 11 ne affegna la ragion 
ne con dire Secondo Cicerone ne la naturd de i Dei. 

P li 



Terche non furono Ke duxnti Cielo e Sdturnò Jdlè 
darono il Re e tuttd là progenie'di quello , credendó' 
che fujfero Dei ò per U fingoUre uirtìi , ò per i 
Tiificij ycheli fdceudno humdni. Cofìqueiii Sommi 
Re per lo nome celebre erdnointuttele prouinctc 

^ , . telebrdti. Et i popoli honorduano pdrticolàrmen^ 
^ . te gli edifìcdtori de le cittd ò per altrd uirtìi egregij. 

Quiui fìgnificd U medefmo 'X.enofrnte dicendo 
che fi chidmdrono Sdturni gli Antichi Re, che edifi^ 
cdrono cittd , CT ordmdro popoli. Perciò jiirono 
più Sdturni cui pddri nomdudnfì Cieli ò Wrdni^ 

"^^Bw 6^ CT i loro figliuoli Gioui , CT i nipoti Hercoli . Co/i 
idi nomi fitrono troudtiper dccrefcer Id dignitì^d^ 
i Re prcffo d quei rozi popoli. Saturno ddunquefU 
colta che ndcque di Cielo e di Terrd ò Vefl4, e ge^ 
riero di Red ouero cpi foreUd e moglie Giouee Gin 
Itone, il qudl Gioue genero Hercole . E per ciò fo* 
no quegli nomi più, tofto dependenti che equiuoci^ 
per che fi dcccmmoddno d più defcendenti per con^ 
firmitd del primo. Gli ditri Cieli che feguirono ddl 
primo Cielo, e dd Id primd Vefle le più gioudni 
co fi diremo de Sdturni , Gioue , Herco/i , Veioui , e 
Giunoni. Pipo Bdbilonij Nemrot c Sdturno , Belo 
/ùo figliuolo Gioue Bdbilonio. Diodoro nel j. Apo 
'^gi^^ij Cdmefe i primo Sdturno , qfni primo geni^ 
to > cr l/i Gioue e Giunone, Diodoro nel i . hibio ft^ 
gliuolodi Ofìri /wHerco/e Egitti o, per che erd 
mirdbil corpo. Apterd |ù in Cdndid il primo Sdturm 
no^ilqudletdglioi Cielo fuo padre i membri gCA 



A 



GLI EQ^VlVOCrr rTf 
flitali y cr i fuoi primogeniti fi^iuoli jì chimaro^ 
no Gioue e Giunotie . Et Alceo di Alcmend fu Greco 
Herccle. E perche uno può effer padre e figliuolo^ 
uno iftefjo può effer Gioue Saturno , cr Hercole co 
me y^enofòtìte moftra con effempij. Oue dice che i po 
poli fi nomarono Af^irij da quello , e la citta Nfno, 
Hebrei profèrifcono Affur e Niniue , Gemft cap. io. 
cue Moife dice. Eu ilprincipio ò la fedi a del Regno 
di Nemrot Bdbel , Arach , Achar e Galanne w ter-^ 
ra di Senaar^eta quale Affur ufcito , edificò Nini^ 
ue e le piazze de la citta ,écalee Kefcn tra Kiniue 
€ cale. Non fono queiìecitta molto fcfìateccme fai 
famente penfano alcuni Geografi. Verche Moife non 
diffe queiìefcnolecittàymaqucfld e la gran cittì 
^oe (fi 4. citti. Come narra 'X.cnofinte. 

EEL SECONDO E Q^V I V O C O 



FORONEO. 



F V R Ono più ForoneJ , ma due fcnun' hi grtin flfJ 

«la L'ancichirsimo fiori l'anno primo di Nino, in Hclli* 

^liicadcrta poi Grecia, il fecondo giouanc fu Re d'Ar- 

•giu(, c figliuolo d'Inaco, tra qucfto c ranfico corfcro 
tpiu de dieci età. V 

S Egue di Foroneo fecondo Equiuoco e benché poroncob 
tono piu,futtauia due poteuano ingannare gli Hii» 
fiorici . Mafonoqurfìi prima dif^imili nel tempo, 
'il primo fiori l'anno primo di Nmo , // fi:condo Pan 
^tioj. diArmatrice Afìirio ^che /m fettimo da Ni^ 
'fio. Secondo Eufebio de i tempi. Greci non fanno 
qtidi Ke fidffero aumtiUino , perche i loro hiilorh 

P III 



XENOFON TE DB 
ci comincidrono da Nino 4 ferirne. Diodoro neh. 
e nel \. e folue dnco anco 'Senofonte quedo dubbio^ | 
perche non hduendo Greci più antico Re che ìcoro-* 
neo , non feppero troudre più dntichi Re ,m4 coetd 
nei ^come^ Nino, d delude per t di rdgione pote^ 
, ro comincidre. Sono dncho di^renti nel regno.per l 
. che il gioudne jii Re d^ Argini parte de Id Morei, | 
' md il primo regnò ne l'altrd pdrte , dettd Heline ddl 
.figliuolo di Beucdlione ,md prima fi nomò Grecia. 
. Arinotele nel i.deld Meteord dice fatto Veucalio^ 
tic ^ un gran dtluuio , oue h abitano gli Helini , che 
fi nomarono primd Greci. Vercio gli HiRorici lo 
chiamano antico Yoroneo Re di Grecia. E Vlinio 
nel 7. cdp. ult.ufa quello epiteto. Vdltro Foroneo 
chidmarono Ked^Argiui , il cuipddre erd {Idto lor 
primo Re. Eufcbio de i tempi ufd qw jl^ epiteto. Ter 
Zo fono dijimili che non f^ troua gemdogia del pri 
nto ¥oroneo , ma it fecondo nacque dhnaco e di N/o 
he , ilquale primieramente ordino le leggi , cr i giu^ 
dicij in Argo con uerfo uolgare , perche non haued^ 
no quei popoli dnchord lettere. Trd quefto , cr H 
primo cor fero più cheìo. cta^ cioc dnni i ro. come 
Vduttore dichidrd dicendo. 

ECLVIVOCI né TEMPI. 

L A età apo diuerfi popoli fi mifara con vari; fpaCi'ff 
Kgirtij la fanno da anni 30. Greci de la (juarta parie di 
cento , cioc anni if . L'anno anchora c diucrfb. Egitti j lo 
fanno di vn mcCc , fpefTo di due , tal fiata di tre, altre voi 
te di 4* & akuaa volu di n» ^uelU y^iìcù fece cirarei 

II 



GLI EQ^VIVOCr. tftf 

fioftri faujj y che prcfero da lor le lettere , iberi \Uno 
l'anno di 4. Mcfi e di raro di ii.Caldcià l'incontro ne 
l'aotichicl^ de le lor dottrine V ufano di vn mefe, ma ne le 
altre occorrentic di ii. £c in qucdo modo Tempre, co'l 
quale femiramis ne la colonna ad honore di Nino cofì in 
taglio. Gioue Belo mi fu padre. Saturno Babilonico auo, 
cur Saturno Etiope proauo. Saturno Egittio abauo, Cie« 
lo fenice ogige attauo , da ogi^c al mio auo il Sole corfc 
per lo fuo cerch-oanni 131. da Tauo al padre anni ^6. da 
mio padre ì me 61. Io Scmiramis dedicai la colonna ,il 
tempio eia (latua ;i G.oue Belo fuocero,<&à la madre 
Rea in queQo olimpo. 

S E Gue il terzo ecjM/woco de tempi , e Hce che 
VetidpoEf:>ittij durd dnni to* Ma. perche grdnni 
fono confufì dpo Lgittij , non fi comprende U qudli^ 
Ù diquefti dnni Apo.Greci Vetd e HVnmij. come St* 
4ffèrmdno dltri Autori c^reci . Antioco Sirdcufdno 
dice. Cicilidni ftirono cdccidti dd Veldfgi 7 r. dnni 
dUdntild giie%rd troidndjO* Hercole fi pdrtid^ 
Eudndro dnni$s. primd che Ene4 ueniffe in Itdlid. 
KdUcdrndffeo computdndo le etd, uiene di medefimo 
dicendo Cicilidni ldfi:idrono U Itdlid tre dnni dudn 
tild guerrd Troidnd. Come dice KeUdnico lesbio, 
ntd Yilifco fdrdcufdno ui mette dnni 80. E nel mede^ 
fimo libro dice .lield fi:conddetddopoH pdrtiredi 
tìercole , cercd Vdnno r^. erd Re d^Aborigini La^ 
tino ¥dmo c^hdueud regndto dnni \s. Cercd P 
quiuocdtione deVdnno è mdggior confufionee jpe^ 
cidlmente dpo Egittìj i qudi fecondo Xerto/un/f , CT 
àltridutoritdnto confóndono l^dnno , cheui prefe^ 
ro errore meo i Sdui de Greci che prefero dd loro 

P tilt 



XÈNO FONT E DE 
te lèttere , perche tengono per co fa certa che Cdi^ 

mo le portd(fe d Grechmarduigliomi come egli dica 
i fdui Greci hduerhduuto le lettere da gli Egittij 
ajjvrntdtido loro che furono portdte da Cadmo in 
Qrecia . Ma penfo che non intenda ^Kenofònte de^ 
cardtteri de le lettere ma de le dottrine Egittie.le 
qudi per duanti Cddmo lino oreo e Mufco portavo^ 
no in Grecid con uerfi uolgari , e finalmente fiirono 
ridette da Homero re la firma , che hora Jono . Coa 
me accenna Archiloco. Vercbe tutti i faui, cr HiV 
flor/a di Greci , andarono in Egitto. Vercio fi ue-» 
de 'la caufa , per laquale da Nmo fin'à la primé 
Olimpiade PhiHoria Greca è incerta, fecondò Bufe^ 
bioy e fecondo Gio/cfò affai uolte falfa . ìlqual cantra^ 
Appionedice . Sappiamo in quanti luohgi HeUanlco 
fi difcordd da Agefilao.cT Uercdoto da AgefiiaOj ^ 
in quanti Agefilao corregge Herodcto. Non ci c na^ 
fcodoin quante co fe Efòro moiìra Ueìlanico cffer 
buggiardo^ Timeo riprende E/oro, i più giouani TÌ9 
mero, er tìerodoto da tutti fia biafmdto. Perciò ben 
dijfe Giuuenale . 

E qu atit^ardifce la buggiarda Grecia 
Ke Phtjloria di più menzogne ordita • > 
Per tanto Eufebio ^eGiofefò dicono loro hauer erra 
to auanti la prima Olimpiade, perche pofro i tempi 
fenza certezza alcuna.E cerca le loro uarie openio^ 
tiirijponde 'K.enofònte, che prefero gli anrd da Egit^ 
tìjy i quai perche fono uarij, ogniuno fe gli accom^ 
modo , come gliparue meglió . Et anche Man€ton0 



GLI EQ^VlvO^l.-: ttj 

tgitHo non puotc fcbiuarc che i on pigli àffc gli atmi 
Udridtamntc . Prraò gli hi fiorici fchmdno gli dntii 
Bgittii . Xfnc/o'itf àche che ìberici.e Spdgnuoli ufd ^ 
no Iranno di 4. mefte rdro din. Sttdbonc in U Geo 
grdfid Spagtmold. Perciò dice che g/i SpAgnuoli dot 
ttfiimi, che h.xbitdno cercd U Leticd hehbcro lettere , 
^ggiy ^ ^^fì ^nni feimiUid auarti di lui , perche 
ftmiUid anni di 4. mefìfixnno doimiìita foUri, i qudi 
ti riufcirdnno computdndo dd Ottduidno/ielqujd tc^ 
po fiori Stdboney e fin^d Nino , cioè procedendo per i 
certtji mi fdtti dnnudii de le 4,, Mondrchie * Berofo 
tòmputd dd Ninod Sdrdanapdlo 1254- ^^^i ^f^^^ijr 
MetJiùtnePerfiaTìO rdccogUedd Id Mond^chid de 
Verfidìtifm^dd Ale fj andrò dnrd 495. Eufebio dd Alef 
fdndro fin'd i Re di Afu^ di Soria coputd dnni 7 36. 
ti indi d U Monarchia di Ottauidno ^^.Quefld fom 
tndfd dnni 2014. i qudi dnnoucra Strabone da Nino. 
Kdgioneuolmente , adunqne cice 'Kencfìnte che ìbe 
riufaronol'dnnodi ^^Mcfì. Berofo nel fuo r. dece 
Vanno 4. di Kino Tuifcone gigdnte fvrmò i Germd 
ni , Celti I Sdmoti , e Tubai i Celtiberij il che ci md^ 
niftda una cittk in Beticd dettd Tubali e poi Dm#, 
bai come pronontid Melddefcriuendold Beticd.Si 
troudno adunque ìberi ,Samotei e Tuifconi pddri. 
di lettere e di Yilofofìd ypiu che mille dnni aujinti i 
Greci come Arrotile nelMdgico e Senone afjirmdJ 
no^enon come fognano i Greci luggiardi. Uord 
yienofvnte portando come fi piglia l'anno apo gli CaUtfàr' 
'Aj?irij dice che ufano Vanno lunare [oUtn^ntt cjuan-à 



ti 



XENO FON TE DE 

HopdrUnodel'michitddele loro difcipUne.Có^ 
me dicemmo opra filone. Cerca le colonne e fiatue 
di Belo Gioue di Ked e Giunone e del tempo , c de Ti* 
mdgine di Semirmis, e di N/no intagliata Diodoro 
nel \. ne dice tacendo folamente de anni 1^9. dà 
Ogigi à Nino. 

ALTRI Q^VATTRO 
E Q. V I V O C I. 

OLI Mpoha più fignificati , ogni piu alto monte dì 
qualunque regione fi chiama da Greci Olimpo . Pcrcii fu 
rono piu olimpi , quafi rutti limpidi . Barbari chiamano 
Limpo ogni vltimo (patio circulare,& con l'Ara di dentro 
Olimpo. Indi l»Aftrolabio,& il facro Pomerio fi noma 
olimpo. Furono piu Homeri Tultimo de tutti dopò 1 ba- 
ie Milcfio fu Egregio Poeta . Furono anchora piu NinU 
li primo Asfirio ,ilquale per hauer accrefciuto la Pater- 
na terra , chiamarono Nino^cioV Gioue in lingua A fsiria. 
Zameìfuo figliuolo parimente fu dal paterno cognome 
detto Nino , cofi furono piu Ogigi. Il primo fopradctto 
Attanuo di Nino detto da Babilonij Gallo, perche fopra- 
ftando al Diluuio ne liberò molti,& ancho ne gcnerù.Pcr- 
cio Sagi,appreffo i quali fifaluò j naue.chiamano la "^"^ 
Calieri perche falua de le onde. Ma Gallo in Greca Imgua 
fignifica Candido, e di color di late ,in Frigia Eunuco , in 
Latina fauclla il marito de le Galline. Et Celti che fono 
gli antichi Calati da Calante Re figliuolo d*Hercole , da i 
quali fcefeno Calati in Afia, & Gallogreci in Europa. L'an 
rico Ogige fu nel primo Diluuio . Il fecondo Attico nel 
terzo» 

T R Atta y:eno fonte di 4. equiuoci^ ma non per* 
ibe Olimpo jìa eqmuoco al modo^he ^uìm parla Xt 



GLI EQ^VIVOCI/ iT« 
nofonte , perche equiuoco s'ajpettd k Vi^ejfd lingué 
Olimpo deriiid in Greco da Olos.che fìgnìfica, tutto^ 
t Limpoft Limpido^quafi tutto limpido, laqud ragion 
ne con noce uniuoca , e non equiuoca fi conuiene al 
cielo,^ al monte . Ldttdntio nel lib. \ i . cap. i.dele 
iftitutioni dice. Olimpo è nome dubbiofò,cio€ indifjè^ 
rente a queRo , cr à quello . Cerca Corigine Barba* 
raj kramea > Ol fignifica antico eterno , ouero per* 
petuoy fecondo i Tamuldiili , Limpo, o Limbo' pgni* 
fica eilremo cerchio , come de rAÌìrolabio . Olimpio ^ 
adunque fi noma da la fórma circolare^ e continua bi 
con la Pira di dentro . Chiamduano Top: ani Olimpo 
lafvj^a fiior delemura . Plutarco dice che Romolo 
fkyt uenire di Tofcana gliindouini , iquali faceffero 
la fiera fiffa a la città con loro lettere, e m^ftcri^la* 
quale Greci chiamano mundo con antica uoce , per* 
che habitarono prima in Grecia i Barbari, e ui rimd 
firo molte fimiluoci . Str abone al 7. de la Geogra* 
p4 • Eprouafiper quefld uoce Omberi detti dd 
Greci Ombri, dd latini vmbri , e Heila, da noi, ve* 
^ nomi Aramea , che per Heft^ fignificano fuo* 
go, e fiamma . Ouidio ne i Fafli . Altro ycfta non é, 
che pura fiamma , e per Ombri intendqno popolo di 
pioggie . Per Olimpo la fvffa del ?omerio,'ò del tem* 
pio, chefia da facrare . Ma come fi facraffe il luocù 
con VOlmpo, lo manifiita Omdio nel 4. de i tafti f 
S'elegge un giorno per fignar le mura 
Con Vanco aratro^ ey indi fi comincii^ 
raJiinelfoioUrgdfitffe^edmro 



XENO FONTE t>B 
Sì gittdtio lifemiyepci ricoprono 
Dd nuouo ilfvffo , e fdnnoui l'dltarc, 
Accendetìdoui fuoco,itidi Id fìiud 
Tenendo fdnno il folco, dccompdgrìdndo 
. Col bidnco toro Id cdndidd udcca. 
Queflo dice Vlutarco ne Id uitd di Komolo , ntd dU 
ijudnto ofcurdmente . Benché Vdrrone de Id lingua 
l.dtind più chidrdmerite pdrldndo ne rdgiond con di 
te.Edijìcdudno le città d coiìume Tofcdno^giungen^ 
io un bucj cr und udccd.e uoltdudno lo drdtro d den 
tro per farui il folco^il luoco cdudto chidnidudno fvf^ 
fd, e fdceudno di dentro il folco, quello che rimdneud 
trd'l muro^eld fèffdy chidtndUdno "Pomerio . Cercd^l 
quale fdcendnfi cippi/t dltdri. TibuUo nel fuo Olinto 
po dice . 

Tdl c Vertunone Veterno Olimpo 
Bi miUe forme j e ben di mille degno . 
^•mcr» gli Homeripdrleremo foprd Archiloco,De Vuno 
e Vdltro Nmo Diodoro u^dcconfente neh. Md cerca 
due Ogigi dice . Glie dd notdre che hebrei , CT krd-^ 
mei per GdUim ftgnifìcdno unddy CT inondatione. Sa 
muel Timuld'fld foprd queRo luogo, dice GdUi f/?er 
quei, che pdtirono ddle molte pioggie, et Ombri quei 
popoli, chendcquero da loro . Cato nel Prohcmio de 
le origini dice che ìdno ulne di Scitid con i GaUi prò 
Gallo . genitori de gli Vmbri. Solino ne i CoUettdnri dice che 
Vrobro. Vmbri fono progenie de gli dntichi Galli . Tofcdni 
chidmdno Gelei , Bdbilonij GdUerij , Sciti Sdgi quei, 
^hefdludno le ndui da IHnonddtionc. 



GLI EQL VIVOCL rt^ 

9 V R Ono più diluuij , il primo durò noce mcG per 
tutco'l mondo letto Tancico Ogige . Il fecondo Nii^ico dtt 
tò vn mcfc, [otto Hcrcole,<Slc prometto Egittij . Il terzo di 
due mcfi Cotto Ogigc Attico m Achaia » il quarto Tcfla- 
lico dicremefi fotco Deucalione . Il quinto Faronico du« 
rò alcrettanto {otto Proteo Egictio, quando fu rapita He« 
lena • Dal primo diluuio al nafcerc di Dcucalioae l'anno 
fecondo di sfcro fi computano fcitccento anni . bgli d'aa 
ni ottantaduc vide il diluuio in Thcflaglia^oue regno pri* 
na Forojneo in Eilinica. 

N O N feppcro i Greci (judi fufftro i primi Re 
firf mondoy ne i tcmpiy 6 fdtti loro , jè non da Burbd* 
ri , che afjvrmdno di ejfcr\ primi fcrittori de le cojc 
Utili, et hauer confirmato U memorid de i tempi, Dio 
doro nel i . Hebbe Senofonte cognitione del Diluuio^ 
che fii dudnti Kino anni x ^.ddld colonna di Semi^ 
ramis.e quanti anni corfero dal primo Diluuio al nd 
fcer di Beucalione per gli annali, e Ro loro , Ogigc 
antichoj e SfirOj decimonono da ^McHo^e computa an 
ni 700. Solino ne i coUettanei imitò 'X.enofònte dicen^ 
io . Tengap memorid , che ddl primo r//M«io [otto 

0 gige quando fu notte continua per noue meft . Sm'i 
Deucalione corfero anni jpp.j^on puote egli faper 
que{lo,fenon da Mafea Tenice^da Berofc Caldeo^ 
Girolamo ò da Maretone Egittio Moife Hefcreo • 

1 qudi ne fcrijfero , e nomanla eccellente inondatione^ 
perche allago tutta la terra . Gli altri ft nomano dal 
tifoco,oue auenero,come NilacOyAttico^Teffalico, Fa 
Tonico, come dice ^iZenofònte .Plinio chiama Komd 
€dpo del mondo. Verche foggiogò tuttoH mondo. 



XENOFONTE DE 
, Ne? primo Tiiluuio calando le acque ,fi fcuopeffero 
prima gli Olimpi j ò i monti Cafpij in Armenia.o' fc^ 

©iluuio condo Solino ne Vlfola Deh . il fecondo Biluuio du^ 
fecondo, rò un mefefotto Uercole, e Vrometeo Egittij. Lt è da 
notare prima che Seruio [opra l^Eneida afferma che 
pirono tre Atlanti, il più anticho /« detto Mauro dal 
luocò, oue di fparue,r ultimo^ Greco Arcadejlmez 
Zano fié italiano j e fuocero di Corito Vrencipe di To 
fcana . Hebbero ugual numero de mogli^de figliuole^ 
t de fratelli:, e degli i{lej?i nomi, e perciò fi pi^ia er% 
Tore , ilquale perciò caufarono i Greei , affegnando 
dd uno i fatti di quei, c'*h ebbero njìeffo nome,e con U 
facundia del dire caufarono affai nuuole di menzo^ 

Promc- gna • Queflo Prometeo Egittio fu fratello di Atlant 
• te Mauro, ilquale fecondo Diodoro nel i. andò a tem 
po di oftriper lo mondo,cioi Panno 28. di Armatri 
te, Re d^Al?irii, ilqual folo regnò dopò Nmo . Bero^ 
fonel 5. AU'hora fecondo Diodoro aUagò il Nilo^ne 
la prouincia gouernata da Prometeo ,e ui morirono 
quafì tutti gli habitatori^e uoleua Prometeo ucciderfi 
^ non che con aiuto , è confìglio d^Hercole diuerti 
quefl^aUdgare del N//o . ìndi prefero Greci occafio^ 
ne di fingere, e di mentire . Da Ogige fìn^d iS . anni 
d^Armatrite^ft raccolgono ioj. anni fecondo Beros 
Ciluu'o c corfe traH primOy e fecondo Diluuio Nilid 
co, che durò un mefe . 1/ terzo fu PA ttico fu quel di 
Atene, regnando Ogige Attico , e fecondo Berofo 
dopaci Nilidco anni 4. ^. cioè il 5 f .rfj Beloco fucceffò 
te di Armatrite fecondo Eufcbio . Qflfflo diluuio fé 



GLI EQ.VIVOCL fio 

ne Id prouincid ktticd,t àuro i. mcfu md dUdgo Vlp> 
ìt d^tìellefponto , CT i liti d'Afid . Biodoro ndó^ìl 
quarto fu il Tejfxlico effendo Vcucalione d'aduni Si* Dilitié 
€oft ddl primo d queiio cor fero anni ySi.Qtteflo du^ qium» 
rò tre mefì in luoco pdrticoUre . Greci tuttduid finn 
gono che queiio fìd il primo^ cr uniuerfale. Fdrimtn 
te Ldtini feguendo Greci cdddero nel medefimo etrom 
re. E /w dudnti che fi edificdffe Komd dnni jzo.qul^ 
tunque Giuftino fenzd fvnddmento dlcuno dicd che ui 
corfero dnni 8 io. Vultimo Fdronicoy oue e Aleffm^ , 
drid d'Lgitto dd Aleffdndro edificdtd.CT erà dnticd* quinto? 
mente Vi fold Fdron hdbitdtd dd ¥dronici , oue ^ il 
T)iluuio d tempo di IProteo Sdcerdote^ d cui primierd 
niente nduicò Pdris rdpitd Uelend , come notd quiui P*^»* * 
Senofonte, CT Herodoto nel 2. e ccfifo cercd Id ro% ^^^^^^ 
uind di Troid . Lucano ne l'ultimo lib. dice di tdron. 

QueUd gid fi trouò có'l mdr e intorno 

Uordl muro Pelko fi troud unitd . 
Cìmfti s.Biluuii trouo dd gli Autori Celebrdtiiil pri 
mo uniuerfiile, gli dltri pdrticoldri^e corfiro ddl pri . 
mo d Pultimo più che 800. dnni fecondo le ueripme 
bidorie de gli Afiirij . 

DE L'ECLVIVOCO 
PROTEO. 

FVROno pili Protei , il primo Saga in Carpi) , l'altra 
Egitrio. Socco*! quale tu il Diluuio Faronlco • Era 
egli Sacerdote del magno Proteo Fenice, per lo col 
confentimcnto fi ed ficarono in Europa, in hCuif^ in EgiI ^ 
toitcìnpij.lpftaji^j^^&Eligl^ajfi. 



LlCSM 



i 



XENOFONTB DE 

V A D Imone, Proteo, e Vertano fono il mtiipmo 
TaJlmd y^^^^^j^ Smud Tamuldifid ypncheuado ape Ard^ 

proteo • Wierd dgli dntichi t^ittij Vroto.d Ldtini Verta. 
Vcrtao» Et// mdifvno c Uno di idin , cioè ddl nino , cIk 

^roMÒ primierdtnente , 'Senofonte , c lAacrobio ne i 
Sdturndli dice ch'erdno fdcri d Uno tutti i Frencipij 
le intrdte, le ufcite^O' i j^^i de le cofe, CT erd inuocd^ 
io perche fduoriffe d i principij , pregudolo in nome 
di VertunnOydccioche uoltdffe le cofe d buon fine.To 
fcdni dffegndno cfu^fld rdgi^ne perche Uno folofiifjc 
uertunno . PenfdUdno eUi , che ìdno fiifie mutdto ne 
Vdnimd motiud del mondo, U ondefìiffe in fuo potere 
mutdre le cofe in ognifòrmd^ e iìdto,come gli ekmen^ 
* ^^^^'^ ti le pietre , gli diberi , gli dnimdli gli huomini Id lèi 
tdele opere di quelli , e chefiiffc mondrcd del mon^ 
do , potente d mutdre le cofe celefhi e terre&i , come 
affvrmdnoLitinicon'Berofo.Ouidio nel u de fdSU 
itdrrdldpotentid di ìdno. 

Qgineo ueder qui puoi lo cielo eH mdTt 
Le nubi con U terrdjio con Id mdno 
Vi^inchiudo , dpro ,c tengo del grdn mondo 
hd gudrdid^e poffo per mid dutoritdde 
Volt4re dltfittpicdrdini eie porte . 
Vercio fin fero i Poeti ^ che ^gU fi mutdffe in ogrd 
fòrmd ^e quefìo dffegndno di fuo indouino VrQteo 
^gittio. Hordtio ne le EpiS. 

Con qudl nodo potrò ritener Proteo 
Che fi fouentemutdbdbito e firmi 

Umdfi che i^ifi* Ufimuldcro di Utio per tuttd VAm 



À 



GLI E(iVIVOCI. Ili 

f'icdcome dicono Bcro/o "KenofòntCit Vlinio nel 
^6.cap.s. dice Uno padre condotto di Egitto fk 
dedicato d^ Auguro nel fuo tempio md non fi fa fe 
fu opera di prafitele ò dt fcopd trouidtno ìano , 
Vertunno in Europa in Afrìcd , cr in Afia . E per^ 
che ne la fagd Scitica quedo jùi7 magno Proteo ^ 
Vertunno mult^rme . E /ù un^altro Proteo fuo fa^ 
cerdote in Egitto , come dicemmo del diluuio faro^ 
fMco al quale Horatio comparò VdUagare del Teue^ 
re dicendo. 

Temer le genti , che non ritornaffc 
' Vetd di Virra , che fi Ument aua 

De nuoui mo&ri quando riconduffe 
sé V^oteo ne monti il fuo lanuto grege. 

M £ D Efimanìente furono più Cadmi. Jl primo frarcl*- 
lo di Fenice, poco dopoi edificata Troia, c quefli due re* 
gnaroQoin Sidone. Da Fenice prefe nome quel tratto , 
^k'ì: da Sidone k Latinco porto di Afcalonc citta di Semi- 
ramis vicino al monte di quattro città, e de l'antico Gim- .: qgj 
nafio de Fenici, ilqual pacfe prima fi nomaua Afiirìa , po- 
co apprcffo fu vn*aliro Cadmo Arginò,ilqualcdopòl'c- 
filio , tornato di Fenicia in Beotica edificò Thcbc, il ter 
zochene lafteflaciita s'era fatto tiranno fu cacciato 
da Lino, & Ceto , il quarto guerreggiò con Sparti,il quii^ 
to poco auanti la rouina di Troia illuftre , per Armonìa 
Samotraca fofìennc guerra da h prima moglie , & ritor- 
nando di Fenicia fu il primo che portò in Grecia fedc- 
ti lettere non fenicie , ma fimili à i caratteri de Galati,* 
de MeonI iralfrc furono pocp dipoi portate da Palamc 
de , & da Simonide medico. Fu anco l'ultimo che in(c- 
gn6 a fcriuer in parbr fcioltp , perche pa auanti vtàua- 
no folameotc vcrfi volgari, 



i 



XENOFOUTE DE 
Cadmi . N A Kra quiui che furho più Cadmi qua ft tri 
200. anni Zufcbio defcriue i tempi di quelli* Noi di 
chidreremo i luoghi ofcuri , Tdceche dudnti ìtni^t 
td regione fi nomò Ajiirid. Verche Nmo // cui prò* 
pio' nome era Ajiirio cacciata la pAce e aurea f ^i, 
/w il primo che mofjè guerra à i rozX popoli , e fogn 
giogo tutta l'Ajìa fino in Africa , cr 4 1 confini, di Li 
t^ia y come dcconfintano i Barbari Uiftorici ^ e con 
toro Trogo -fGiuftino ^Vabio pittore e gli altri. B 
perche fecondo Seruio anticamente i uittoriofi daui 
no il nome a uinti , tutti fi nomduano Afiirij^ cr bcr^ 
rano le ifteffe lettere Afiirie e 'Fenici * Bffendo . poi 
foggiogdti da Siro gli h abitatori trai pafii Cilicini 
fin'ai Ap:dlone e Gaza. Quefiapdrte fi chiamo So^ 
rid^e nomafi regione in^r^oye , CT e V Adirla fiiperio 
re. Queiia inferiore e diudfii in Soria Comagena 
mdfccnd^ CelefiriupiegataeYeniccdda l'antico ¥e^ 
• j vice Egitiio. Vlinio nel r. cdp. 14. dice lope c terrd 

de Fenici più antica che il diluuio , lope porto di ' 
Cierufi^cmfi chiama porto Femceo, Solino ne i col 
lettanei la mettein Faiefiina dicendo, lope terra art 
tichifiimafii, edificata primieramente auanti il di-^ 
huio. Sotto ogige anni 7 00. duantiVeucalione.CoJi 
Valèflina è parte di Fcniciay ouc dice che è Afi:alone 
cittì di Semiramis Porto lanineoy cr Tetrapoli an 
fico ginnafio de Fenici :,i qu ai luoghi fi nomano ne 
Afcalonc ^^^^ lettere. Perciò ne ragioneremo alquanto. 
ScmiraJ f^<done è detta citta di Semirami , perche ella ui nac 
■> piirarais, que di ftupro di Venere Afcdlonia tìomata da lora 



GUI TTQLXaVOCLX tu 
tìrce:,I>iodorond^.€dd Hebrei ddgdn 4 iJe i ventre. 
Ke cap.^ r^Giuiici i^.Vrimo de Mdcabei \o:Dio^ Dircc. 
dorofegue che cjfd fu nodritd dd le colombe , e dìue^ 
mtd moglie di Nino , edificò idbiloitid 'j perchtl^d^ 
noto di Nino hdued folmcnte figndto oue dnddud U h- 
torre cr ifònddmenti. l\oife chidmd cofìui NemroL 
t^iodoro dice che Scmirdmis 'poi che fu mortdjjì mw 
tò in colombd. Perciò Siri nonmdngiano tdi uccelli, colcraba 
C^hdnfìQBdbilonijnelloro gonfdlone Id colombd 
Hicremid dlcdp.i r. dice d Gierofolimitdni che fug^ 
gifero d'dudnti d Id colombd.c^hdueano Bdbilonij 
per infè^nd.ò perche Smirdmis gli dmmdeBrò più 
ne le drme , che Nino fecondo Biodoro , e cofì ef^o^ 
ne Tomdfo di Aquino. Vorto ìdnineo , e7 in Rebreo 
Idninednel i.de Mdcdbei.Giuda Mdcdbeo drfe Id^ Popo la- 
pite,& Uniti detti ddld regione e citù projBt'di '^^^^ 
Idno. Ciofue nel cdpi. z$. ne Id mdritimd regione di 
Gdzzd^ dnnouerd ìdno e chiridt Arbd , e uerfo mez^ 
Zà di i confini di EdenìmetleNod . Il che mdnifèfta 
feconda Berofo che Nodju ogigio^e:^ Uno k cui pri 
mi-ermente promdedicdtene Id fudpdtrid le ini^ 
tiere cittd . ' Md per moilrdre Perror de gli Hebrei 
cercd l^dntiod Tetrdpoli de Fenici , proponero pri^ 
ntddefdntichitde conditione di c^ueUd , fecondo dt 
l'antica Academid de Fenici. Terzo de l'dntichifiim: 
mo nome de tdtetrdpoU\ quarto in qudl co fd fono 
contrdrij, e fimlmente con fortijiimo argomento fùn 
ddto fui tempo defindero le rdgioni di Xcno/ofife»- 
Primierdmente s'accordato con noi in quello, che 



XENOFONTE DB 
dice Moife din. dei Numeri , che fÌArono più dntim 
chi i giganti de fenicij , che i giganti Titani à' Egit 
io perche Hetro ^edificaid anni 7* auanti Tanain 
d'Egitto detta Titani da li 7 0. interpreti, e di ^wefl^t 

Tiuni fi^^onoi Titani giganti, Moife pronontiò Tanim 
gittandolo U prima fiUdbd per cerume Hebreo ne i 
nomipropij de genti e de luogbiXome ancboraji 
uede ne Id noSira lingua uolgare. Greci difìinguono 
dcuni Cieli e Saturnine dicono che Titano fii fratello 
di Saturno di maggiore età figliuolo di Celo e di Ve 
&d. Saturno BgittioHi tra IDei il più giouane pd^ 

gatainoi drediCftriGioue Giujtod^Egittij fecondo Biodoro 
nel I . che afferma luhv Hercoie effer ftdti uicini al 
diluuio , nel qual tempo fiirono giganti e mofiri dos> 
mati da opri e da Hercóle Egittio.Vercio fi couince 
che Titano , Saturno, Egittio , Zio di Gioue Opri 
tffer fiati fubitodopoH diluuio. Secondo Berofo^To 
mafo d'Aquino fopraH capA^. de i numeri e l^icolo 
de lira dicono che Moife pdrldndo de i gigdntifubi^ 
to dopoH diluuio ,fegue che Hefcron ^edificata an^ 
nij. prima che Tani d'Egitto,Berofo nel rMce che 
Ofiri Giouey Qiuflo Egittio nacque di Saturno e Red 
cerca l'anno z r. di Ntno , auanti al quale cerca an^ 
ni 100 jfo il primo Saturno d'Egitto , cioè a tcm^ 
po di Nemrot Saturno di Babilonia. Ma Titano di 
più età hauea edificato una città in Egitto. Siano 
ugualmente antiche Babilonia ,ìiebron Emcea,e Ti 
tana d^Egitto fia fiata edi^cata 7* anni dopo effd 
idmeno farà data fabricata cercaci principio di Be^ 



GLI EQ^VIVOGL ui 
fo pdire di Nino.Seconddridtnente s^dccorddno con 
noi de l'dntichijiimd Acddmid uicind 4 quefld cittì* f^^^^ 
dofue dli$.cdpo dice, Giofue diede i CdUf pdrte ^^-^ 
ne Id tribù di Git$dd , Chiriat , Arbd , cioè ìlcbron^ ma . 
f Ddbinte dettd Chiridt , Se^ , cioè cittd di lettere. 
Sefèr fecondo Girolumo ,e Tomdfo fignificd Scrits 
4urd ò libro , perche in quelTdntichijiimd cittì pri^ 
mietdmente fi fcrifferoi fdtti d^Ajiirije de Venici 
t fit iui l'dnticd Academid. Lird dice che iui grotto 
troudte le lettere , ò che ni fiori lo fìudioychimdno i 
gentili fenicid Id terrd nomata ne i facri Ubri Cd^ 
tìddrtu Terzo fi dccordano con noi cercd Nntichi^ 
td^O^i molti nomi , Vrimiermente fi nomò Arbd^ 
tr ultimdmente Hebron , Giofue al 1 4. dice Hebron 
énticdmente Chiridt , Arbd , cioè qudtro cittd ^enel 
1 . cdp.de i Giudici. Andò difjè la tribù di Giuda con ^^^'^ ^ 
ira Cdndneo , chehabitd in Hebron dettd anticdmen chir«r* * 
te Chiridt Arbdi cr indi ì glihahitatori diBdbir Arba* 
dettd dnticdmente chiridt Sefèr y cioè cittd\di lette-» 
te. Ma fi difcorddno dd noi in queHo gft Hebreie Ne 
colo di lira e quai dicono che Chiridt, Arbd , in Gre 
co quattro cittì , in latino cittì quadratd c dettd dd 
li ^.Pdtriarchi iui Adam > Abraam , ifaac ^e Gid^ 
cob fepoltiymd queRo fecondo Giroldmo , e Toma 
fo i* Aquino è falfoy perche primd che ui pijfino /è* 
polii li tre ultimi , haueua tal nome da la fud quali^ 
id quddrdtd* Md i più faui Hebrei dicono che fi noè 
mo da Enac con tre fuoi figliuoli giganti , che uifì^ 
gnoriggidrono Giofue al cap. i r i Calef prefe iti 

• « ■ 

MI 



jtJ! XENOFONTE DE 
Giuda y Chiridt y hrbd del padre Enoc effa i Hf* 

_ A ' ^^^^^ ^ ^ ^^^^f^ figliuoli di Enoc , Sefdi, Udimdn 
^^Fiohmai di fiirpc gigante d . Cofi Arbdfitpddredi 
Enoc, che ui regnò con tre figliuoli. i\d ^ueflc? c/a/ 
fo ^perche annijoo. dudnti Giofue ,dnzi dudnti 
Nino queUd città dal fuo principio fi^nomatd Chi^ 
ridt Arbd.^Fercio:^€nofònt€dice in un frdgmcntùj 
j 4nticdmcnte la terra di undcitta^eraund uiUd , di 
due cittd era ricca , di tre , capo di promncia,di qua 
. tro era la cittì regale Xome Samotracia:, ouefu fai 
ta una terra di 4. citta Smo , Ne/Jo, Tracia , e Sao 
^ «4 , e quefla tale dopoH diluuio Attico era prepo&a 
. ctttàyStr abone in la Geografìa dice Samotra^^ 
! eia di 4. città , ne hebbe una , che fi chiamò Sme 0 
^ Samos.Moife afferma che Pantichij^imo Nemrot fè 
' Babilonia di 4. citta , e Nmo parimente Hiniue. U 
^^-^ che egli manifv&a nel Deuteronomio al capiit.di^ 
sdì A ^^^<^0' Quando diuideudValtij^ìmo le gentil cioè [e 
lingue ala torre di Babel, quando feparaua per le 
colonie i figliuoli di Adam. Et dffegnò i temùniii 
popoli fecondoH numero de i figliuoli d'I fr del y nel 
quale fi$ parte e colonia del Signore , il popolo fuoi 
Ciacob fÌ4mceUa , cioè mifuratore duca e capo de 
Vheredità fua. Si dimanda in che modo ne la difper 
fione de le colonie fìi fmilitudine alcuna del popolo 
d'ìfraeledet fuo duca Giacob fecondo il numero. li 
ra feguendo alcunirijponde che quanto al numero 
Giacob con 70. de la fua generatione entrò in Egit^ 
to.ek colonie e le lingue in 70. duchi fon dm fi. 



À 



GLI EQ_VIV0CL U4 

Koife nel Genefi di cdp. io. cr ' qucSlo e faU 

f> , perche s^dnnouctdno 72. lingue f 72. duchi de j 

k prime Colonie j e cojì prendono errore nel nume^ 

to , nel qudle Moife fóndo U fvnilitudint , e per ciò 

dice , dimdnddne 4 i tuoi mdggiori , c ne fdrdi dui 

fdto. Giudei defcefero dd Qdldei, Verche Kdccr Td^ 

te , CT Abrddm ^rono Cdldei di Ardm cittd di Me^ 

fopotxnid cdivr cdSlello. Moife dffvrmd che lfrdel 

hebbe 4^. mogli e i j .figliuoli. Et che i duchi di cid^ 

finn popolo hebbero le regctl terre di 4. cittd , Ncm* 

Tot Re de Cdldei hebbe Bdbilonid di BdbeljArdt^ 

Acdt jiécdldnne. Nino hebbe Id fegdlfud cittd di 

ìf^iniuc yfvrd , cdle , Kcfcm.Gierufalcm fi* di 4. citti 

fion , Morid j ìebus cr Sdlem* Melchifedecb edificò 

due terricciuole fdccerdotdi per le hodie pdcefiche, 

t le chidmo per quejio Sdlem , CT egli fi* detto Re di: j^i^^ • 

Sdlem. Genefi i.^.ldprimd cittd unicd di Sdlem erd 

iticino di giorddne pertinente d ficcimiti neld tribù 

di Efrcùm. Gìoudnnidl \.cdp,dice yErd Gioudn* 

ni bdttezzdnte in Ennon prtffo k Sdlem oue ird di^ 

ce che queRd cittd no s^dpertiene k LAelchifedech, cT En„o„ 

é Uiegd ìfidoro^qudntunque Id Scritturd dicd.Genefi 

14. oue dice. Venne Gidcob in Sdlem cittd de Sicci^ 

miti. Perciò dffirmdno che Idfcidndo idi fi^e cidncie ^^^^^ 

Mclchifedech fece due terre fdcrdvientdli , Id prima 

prefjo dd Ennon lungo le dcquc per IdUdre e bdttez 

Zdre , il che erd dpo gentili un purgdmento fin^A ue 

nire di Chriilo ^fiyttó'i qudle è il nero fdcrdmento e 

furgdtione. L4 fecondd fdcerdotdle c Sdlem , oue e '"^^'^ 

* • • • 

0. mi ^ 



^ • XENOFONTE DB 
MoHa ^^^^ Gerufdlem , er iuifegue Moria preffo là Udld 

lebas. Giofdfdtj douecportd d^Efrainii Ubus era. ne la 
parte di fopra, come Una rocca, oue i la pifcind 
fuperiorcy la quale fu con tanta fatica paffata da D<$ 
uid. in quefta che fi chiamaua la feconda città habi^ 
bitò olda profèteffa, la terza /w la rocca di lebufeo 

f ion. detta Sion, il cui piano fi Aende come una gran citté 
fin^a MeUo uoragine tra fe , cr il monte Moria^Ba 
uid edifico queUa terzà parte nel 2. de i Re cap.i.fi 
dice cominciò Dauid la rocca di fion , cr edifico dd 
MeUo di fuori in giroye:!r habitandoui Ja chiami 
citta di Dauid. Volfe egli aggiugnerui nel coUc Mo^ 
ria la quarta parte coH tempio , per farfela di ^.cit 
ta , f facrarfela coH tempio. Ma gli lo uietò Bio per 
Hatamprofitayperchedoueua Salomone edificare 
./f: quella parte de la citta coH tempio, Cofi era la re^ 
gal terra deleìi. tribù di 4. citta.Cicerone in la 6» 
de le Verrine dice che Saragofa metropoli di Cilici a 
tra di^.gran)citta Tiche , Archedina^ Newpo, ìfola^ 
Komolo facendo Koma di terra citta , cinje il coUe 
paldtinoy e la fece di 4 -citta, Koma ViUa, GermaUid 
t fvro,come dichiara ¥abio Vittore, e Varrò nel pri^ 

j mo de la lingua Latina . Parimente Etruria regal 
citta de lano e de Tofcani era di 4. citta Uarbanoj 
Volturna , vetulonia , Para , Tuffa , ò Sara,Tuffay 
cioè principale di Tofcana , Harba fignifica 4. CT 
Harbano terra di 4. citta , e fono in quei luochi Ca^ 
kmbaéMufarnoyCioècoUedi Hercole, dopoH qud 
le e Para Tuffa . il ponte Para Tuffo . Para in lin^ 

Hi Ki ' 
... .A 



GLI EQ^VI VOCL tìf 
gUd Ardmeapgnifica ha&a, e Frencipc. Secondo Sdm 
muel. BddTufciideriudno Tofcdnefì ndcuipdcs 
fi y e il guddo Tufcdnefey e fononi due Tdgioni che iui 
fùjie Id regdl citù . Primo il cognome Fard , ó Sdrd ^^^^ 
ficondogìiUebrei, ciocFrencipe, evironiffdi E 
perciò Para Tuffd Frencipe, e Vinuffd è citù Tofcd 
fid. Chidmdno gli habitdtori Tofcd Ndndycioèignó 
bile quelld ch'i rouindtd trd Cdminv , e TofcdneUd, 
de le ctU rouine, cr hucminifé edifìcdtd Tofcdntttd, 
tome fd mdnifijlo il ncme.Vrouafì quejlopcr Vertuti 
no,ò Vddimoe Dio di Tofcdndjlqual Dio regdle era 
d Id regdl città prepoRo. Ttoptione Id profopopeid 
di Vertunno codotto di Tofcand d Komd dd Lucumù 
ne Gdkrito in fxuore di Romolo contrd Sdbini dice\ 
io fon Tofcano, e ndto de Tofcdni , 
Md non mi pento hduer dbbandondto 
Trd Id bdttdglia le Volfmie cafe . 
¥u di quejid cittk licdbd uno de turreni Dclfini.Oui^ 
dio nel ^ dele Metamorfdice, 
Licdbd quelTduddce fiiror mend . 
llqudl cdccidto di cittì Toftdnd 
Per crudd uccifon ftdud in ej?tlio % 
tdtio Vittorino neU fud Geografid dice che Viterbo 
fu dnticdmente detto Veiuzo, Veiuzd.e dd T»rc, cioè 
incenfo, Tufcd. Segue à quefia fecondd pdrte il coUe 
ftn'dd hord detto Vetuleto, dd cui fi nomd Id regione Vciulct# ^ 
Vetulonid:, chejti la ftdntid regale, per Pinterpretd^ 
tione del nome da le uoci kramee^ cioè Veid,che figni 
ficd cdrro^ r Lomnifignoreggidre à le tribù Giroldé 

V 



Vu 



XENOFONTE DE * 
iwa ne le interpreutioni dice che homtnmifono fJdr 
chi , cioè Vrencipi de le tribù . Cefi Babilonia , c Fi^ 
Fflarca. ^^^^^ B:i populonid de pope , f Yetulonia dd, i 
carri j ciò r Prencipe den Lucumom curuli^ e di 1 2 ♦ 
popoli. Cofì era la regdl città di ix. Re . haucua 
quella auttoriddi darekinfegne de IHmperio y cT 
ammettere ne la ciuiltd Vulturrena ifòraftieri, Siìlio 
nel 8. dice . Vctidonia antico ornamento de la gente 
Meonià ordinò primieramente , che precedefjero iz, 
fxfci con altrettante [curi , che tacitamente f^auenta 
nano. Queiio honorò con auorio le alte fedie curuU* 
Segue la quarta Vulturna regale , nel cui tempio 
Itar . ^ fd<^^^dno i configli publichi del coniglio. Come af» 
firma uuio . Glie manifèfto quefta effer {lata di 4. 
città fenza mura come era Gierufalem^ e molte altre 
fvnili , perche Defìderio ultimo Re de Longobardi U 
cinfe di mura.ej ancho ben c^haueffe un'^iilefjh nome, 
tattauid le fue particolari città baueano i loro pro^ 
pij nomi, cioè KarbanOjTufcanefì,Vetuloniefìj e \ul 
turreni detti Tofcani,cproudfì anchora per la con^ 
fòrmità del nome , che oue fono volturreni detti Etru 
fci, iuifìa Vulturrena detta Etruria. E fègue poi che 
effcndo Etrtirid dt 4. città, che fiano uicine infieme. 
ferciò fi rijponde à la dimanda, che doue c Vulturnd 
iui e Vetulonia, ch^c doue fi troua Tufca^Vulturna^ 
Volftniefi, Etruria città , e le acque pifcofe dei bagni 
prefo al lago Cimino . Cerca Etruria , e le acque pi^ 
fcofe. Plinio nel iMce A Fifa ne le calde acque nafco 

no rane , cr apo vetulonij in Etruria città tra VoU 



GLI EQ_VIVOCr. tig 
fini} e Veicntani,come Liuio dfjegnd i confini di queU 
Id rErd 'Etrurid uicind d Sdhini.CT d Veienti dlld^ 
go Cimino de co {jtdti . BtVulturnd fi nomd Etruria 
m i volfwicfì, i quii per loro nome origindk fi chid^ 
mdno Etrufci . Uord pdrlidmo de i Cddmi . ¥u dice 
V Autore Cddmo Sdmotrdce per Armonidfdmofi).Vo 
co duinti Idrouind di Troid • Menti fcono ddunque Cadmiti 
t Greci fdcendo coiìui pdrente di Ufioy e di Bdrddno 
per Id foreìld Armonid, ilqudle dopò quefle uozze^ c 
td morte di Ufio edificdffe Vdrddnid . Tiiodoro nel 
6 . e Dionifio nel i. ejfendo {idto d Id fine di Ldome* 
dontc qucjìo Ddrddno Sdmotrdce.qudndoBdrdduia 
hdueud gid hduuto molti Ke , come dice "Kenofvnte. 
Spirìgd 5 e Pdlcfiito dicono che per dnni 6i.dUMi la 
irouind di Troid Id primd moglie di Cddmo contendi 
con fui per gelofid di Armoni d regndndo Ldomedon 
iti e nduicdndo Eudndro in Italid, Be l'ultimo Cdd^ 
mo . Vlinio nel lo.fcriue in Afide Mileto cdpo di Io 
ftid dettd primd. Le legi , Eibiufu^c^ Andttorid , da 
Idqudlfìirono generdte 80. cittd per tutti i mdri , CT 
hebbe Cd^nù) cittadino, che trouò Id ordtionein 




FINE DI XENOF. DE GLI 



I 



IL PRIMO LIBRO 



DI FABIO PITTORE DE 

DE L'AV.REA ETÀ* ET ORI- 

G INE DI ROMA,£ DE I 

nomi di qucUa coH com* 
mento di Annio • 

VINTO Tdbio 

IPittore de Villuflrt 
famiglid fdbia c cit 
tato dai buoni Pit9 
tori per htéom 
dottifìimo , f com« 
po/e queJVoprd it 
VAured etd , fottù 
ìdno, Sdturno^^ 
Cdmefèj ne Uqudi^ 
te comincio Komd, e de Id fvrmd de li 7^ coUi , trati^ 
tdtoneceffdrio a chi brdmd di fdpere l'dntichiù di 
Roma, f d^ltdlid . E diuidefì in due libri , nel primo 
trdttd de V Aure d etd fin'd Romolo , nd fecondo ifuc 
cejiifotto Romolo . il primo hd due pdrti . Ld pri^ 
ntd trdttd de PAured etL Ldfecondd mo&rdVdntica 
regione de li fette CoUi . 




ETÀ LIBRO i. uy 

CERCA LA PRIMA 
PARTE DICE. 

SI G N Orcggiarono à Mralia dui popoli. Pr/ma Toi 
fcani cominciarono focto lano ne J'a urea cti dipoi 
i Romani , laurea età fu da principio , che nacquò 
wo gli huomini, c chiamor$i Aurea.pcrciò che à le fcgucn- 
ti età coraparata,com'oro ne gii altri metalli, e fcolata e 
^ìmù. Narra Xcnofontc,<S: i più antichi che quella comin- 
ciò rotto Ogige cerca loo. c cinquanta,anni prima che fuf. 
le Nino. Q^ucdo lano nel principio de l'Aurea età poflc. 
<lc la Tofcana da la fponda fmiftra del Teucre. E cerca la 
finedc b mcdcfima età, Camefe,e iaiurno la dcftra parte 
poffcdcrono . Non era à quell'eri alcuna Monarchia, pcr^ 
t:hc non anchora era ne gli humani petti nafciuta di regna 
te la cupidigia . I Prencipi perch'erano giufti , & à la rcli* 
gione dati furono con ragione tenuti, a chiamati Dei per^ 
^hc i loro giudicj;,non fi fcoftauano da la giuftitia,nc il po 
polo da la innata legge fi partiua.;Ofrcruauano fpontanea 
mente U fede, e reuudinc fenza timore di caftigo regeea 
la vergogna i popoli , <& la legge , ì Prencipi , non' erano? 
le loro cafe ornatamente fabricatc, ne fplcndidc, ma era- 
no le loro danze caucrne i di Vimcne, ò incauati alberi. 
Il loro Viucre pigliauano da frutti Iponfancameiue nafciu 
ti , ouero de di in di andando à la caccia , s'accquiflaua.*^ 
no il viuerc • lano fu il primo che moftrò loro il vino , & 
4 farro ad vfo più torto de facnfici; , e religione . che per 
mangiare, e bere . Infcgnò egli primieramente i fare gli 
altari,! giardjni,<S: i facrificij^e perciò falsi di lui in ogni fa- 
orificio prima mentione , e primieramente fc gli offeriffc' 
vino, c &rro . Vefta fu di lui moglie , laquale prima Rei- 
na de facrifici j diede in guardia à le vergini il perpetuo 
fagro fnogo . le guerre à quel icmpg non pur*erano nar 
fcofte, ma ne anehc ad alcuno erano venute in mentc.tro 
uò egli ì conferuare de le cafc l'honca^^ e fantimoBia, lo 



EE L'AVREA 

porte, le ferature, c le chiaai, c dal fup nome Ci chriama- 
rono lanuc . Sagrato poi Olimpo Regale, & il tempio di 
Tofcana, fagrò ctiandio à dodcci colonie altrettanti giar- 
dini, & altari, & à conferuare nuoue colonie in quelPau- 
reo viucrc, diede à cadauna vna vcrga^ & vn fafcio . Go- 
de lano fi dipinge con la verga, e la chiauc , e fotto i pie- 
di eoa dodeci altari. Cercala fine de l'Aurea età Nino Re 
d'Afsirij fu il primo, che per cupidigia di regnare mutò 
queftì aurei coftumi , &vrcitode fuoì confini mode k 
fuoi vicini guerra, e foggiogò tutta l'Afia . Regnando lui 
Camelc fu d'Aborigìni Prcncipe, c poco dopoi moucndo 
contro di lui Saturno guerra d'ogni parte , cgU hauendo 
prima caminato per tutto'l mondo, i lano fi conduflc, il* 
quale benignamente raccoltolo, al Latio,& à gli Aborigf- 
ai lo (oprapofc, & in tal modo fecondo il coftumc , come 
che fuffe fu la fine de l'Aurea età, ritenne , e popoli tra i 
fuoi confini , lano in Tofcana , e Saturno in Latio , ordi- 
nando che'l Teucre foffe de l'imperio il confine. Perciò 
che non fi (lendeua d'alcuno il regno oltre la fua patria. 
Era adunque il Teucre tra loro il termine, 8c il Ianìculo,e 
Saturnia capitoIina,erano de lor confinigli altari. lano 
chiamo dal laniculo la Tofcana , e Saturno da fe fteflb'no 
ffninò il Latio. perciò che Saturno à pie del capitolio ha- 
uea edificato Roma,come lano il IanicuIo,fu queRa adua 
que la prima origine di Roma , à le radici del capitolio» 
D'erano all'bora pafcoli de buoi • 

P E Rche àd queSh trdttdto pendono tutte le ori 
gìni de le dntichiti , quando ndcquero le genti nié 
CAured etì dudnti Id guerrd di Gioue Nmo, che cdc-^ 
ciò in Itdlid Sdturno Cdfpio , quiui fono dd notare 
molte cofè, primd che dopo'l Diluuio dUdnti che Ni « 
tjo efjèrcitdffe tirannide uiuedno gli huomini con mi:^ 
rubile fimpliciti et innocentidjbcnch e pur^dlcuni ^fs 



ETÀ LIBRO- I. i^S 
fero infoienti , i qudi toHo erano cpprcj^i dd i giujli 
Frencipi : l cui giuiicij erano tenuti per leggi, Tro^t 
go^e Giustino nel i.Md che^jfero moltiplicate le gett 
ti dudnti Nino ft mxniftjla , perche egli ne foggiogò 
molte, e precefjè k luifuo padre, Vano ilproauo Va^ 
bauo , e l^att4uo Re . Secondo Berofo , altri , i quai ^ 
affermano che fì^ffe l'Aurea etì copio famente da Qui cri. 
dio nel iJe le Metamorfòfìl defcrittd. Burò queii'*eti 
paceficd fvi^ìi NinOjche mofjc guerra à le gèti uicincj 
eluntane Giu^lino nel i dice. Dd principio fìgnoreg^ 
giduano a le genti i Re leuati d tal dignita^no per am 
bitione populdre:,md per qudlche loro figndldtdui^ 
td • NO;j era il popolo dflretto dd legge dlcund , ntd 
teneud p legge ilgiudicio de giudi prccipi^ qudi Rd 
Udno contenti tra i confini del loro imperio , termi^ 
ndndo i regni ne la loro patria. Nino primieramen^ 
te per cupidigid di regnare muto rantico coftumé^ e 
muouendo guerra ad huomini roxi^^ inetti d definì 
derfì, dgeuolmente amplio il regno fm^d Id Libidi coft 
e mdnifido che l^Aured etd fu audnti Nino , poiché 
erano prima di lui nati molti huomini ^ c^egli fu il 
primoy che guerreggiando pofe fine a V Aurea etd , e 
cdccidto Saturno dì mare di fatto yfegui Petk argen^ 
tea . Ouidio nel primo de le Metamorfòfi dice, i 

Spinto Saturno nel profondo infirmo 

Gione regnò y e fii l'argentea prole . 
Non poterò Greci fapere da i fuoi gli anni de V dure a 
etd/he furo uno meno de i^o.perche i fcrittori Gre^ j*)""' ^* 
CI commciaron da NinoyDiodoro nel 4. md jeppero 



DE L'AVREA 

id Bdrbdri fcrittori, che primd inueiUgdróno te co 
fe utili afjirmdìido che fono dpo loro le memorie de 
molti anni, yienofinte dd ¥dbio cittato ufd il teStn 
jnonio deVifcrittione Bdhilonicd , cr Archiloco pin 
glid il tefiimonio di iAdfcd fenice. Tutti ({ue&i con 
Berofo nel $ .ajjvrmdno , che ddl primo diluuio dudn 
ti Nino cor fero 249. anniy e tdnto durò l^aured etd^ 
Idno nel i. de fa^i mojlrd che ^gUregtidffe di prin^ 
^ipio di que f 4, e dice. 

lo regnai qudndo fofiened id terrà 
1 J^i y cr erdn le diuinitadi 
In udrij luoghi , e non hduedno dnchord 
I mortdli cdccidto Id giuditid 
che d pdrtirfì l^ultimd dd noi. 
hd uerecondid udled per timor ey 
Non s^dttendeud per render rdgione , 
hd guerrd non regndud, io defindeud 
E le porte e Id pdce^eccold chidue 
QueftWdn Vdrme di mio bifogno pronte 
T^pi di ^^fi ^^"^ ^ principio de Vdured etd, perche tnoU 
|4no, to dopo fiirono Cdmefe , e Sdturno principi jpecidl^ 
mente cerca U fine , perche Gioue , fotto^l quale 
minciò Id prole ar gente d^h due d gli moffo guerrdMd 
non niegd che il fdvro , CT il uino non ^ffe troudta 
4nco per mdngidrne e beuerne^dnchor che il princi^ 
faVufo fuffeneifdcrifìcij e s^offirifeono fddmente 
4 Idno , perche pgnificdno il rozo uiuere e Id parfi 
monid di quelVetd. yiencfònte e Mdcrobio djftrmd^ 
no ch^ egli primieramente infegnò 4 gli itdlianifdre 

<iltari 



ETÀ LIBRO»- ^129 
dlturiteìnpij ^c^riti ^epeniq in agtii fdcrifìcio i 
lui fi dduano le primitie^ouidio nei ^aili ne dfjegna 
qucftd rdgione , che egli, c Dio de le eirtrdte-.y ppr-^ 
ciò bifogìu per lui entrare i gli dltri Bei , ere per Uno. 
td per hdu:r generato i I)cie[gliJ^uomini. Pewp fe 
condo Mdcrobio ne SdturtkiU ^eSeruìo nel^Eti^ida 
iicoììo che Idno hdueud ^.fdccie per le 4,. pdrti (Ì€l 
Cielo , che cdu fatto le 4 pdrti de VdmOjU:rno , prU ^^^^^ 
mauerdj Eila^ Autunno . CÌ4:eronediceldno quafì 
nano da eo uerbo latino ^ che fignifica. atidare , per^ 
che^lCieloeVdnnocdmifiano. Cefi lano^ Edno Eano. 
Vertunno fono una ifteffa cofa.lndi e mamfiQo che 
Bitumo yil quale uenne à lane , iwnfii queWdnti<:hif 
fimo Greco candidno detto Aptera . Vcrche quel che 
uenne aldnofÌ4 ne Aure a età k tempo di Nino uiucn 
io anchor gli huomini in fimf licita ne gli alberi can 
Udtie nei tuguri]. 

• Virgilio nels Mce de gli Aborigeni .v 

Irt cjueB bofchi con le Ninfe i Fauni ' 
5 fiabitaudno cheti , e quella gente 

Kata di tronchi ò di rouere duro 
» Senza cojlumi fenzacultQ,poi , , , 

A^he non fapeuan porre al giogo i tori 

l^econquiflar ricchezze ne feruarle, 

. Elafi noàrian de itami e co'l eaèciare. 

Saturno primo da l^etereo Olimpo 

Venne fiiggendo pur Varm e di Gioue, 

Eg/t riduffe ad un uiu er ciuile 

td gente , che dijj^erfa in gli altri motiti 

R 



.tJlOl ^ 



ÌAptera. 



lafio. 

Conto. 

Morge. 

Italo. 

Api. 



DE L'AVREA 

Anàdud errando , e diede lor le /c»gi 
Cfeùrn^ndo Ldtio tutto quel pdefe 
Otte egli Bette ficuro e ndfcoflo. 
Sotto di que{io Re |m fdured etdie 
Come fi Mrrd. , e con trarquiUa pdce 
I popoli reged fenzd traud^lio. 
Md Apterd fii effenio gid Vetk firred più d'rfnn», 
500 . dopo Nino , poi che Ddrddno uccife Ufio Juo- 
frdteUo , per duni 30. duanti che s'edificdffe Bdrdd* 
nid. Eg/i dncbord fu crudo , er empio . CdUro Juo 
pidre , cr uccife i figliuoli. Guerreggiò contrd Ti 
tdnni e con jrdteUo , e turbò tuttd Id Grecia . Al juo 
tempo fecondo Herofo. Sdturnid dd Sdturno che 
«ernie a Uno cofi dettd,fichidtndUd Udlia.Comeci 
mdnifiùd il tempo. Udued primd regndto Ujw, 
audnti Idfio Confo fuo pddre genero d'itdlo Atldtl 
te per Eletrd fud figliuold, mddre d'ìafw, v <^udn* 
ti Corito Morge , cr dudnti i N.orgete figliuolo re* 
gnò fuo pddre ìtdlo Atldnte , ddl qudle jù nomdts 
Itdlid , cr dUdnti Udlo Api , ddl qudle (m dcttd Ape 
nind , e Tdurind. Vercio Apterd Greco non ^ quel* 
Vdureo SdturnoM qudkVUalid anticdmente fino* 
mò Sdturnid. Non ti muoud che Virgilio dica lui e/* 
fer uenuto dd l'Olimpo Etereo , perche non pure i» 
Candid , ntd ne U l^ored in Afta , cr in Egitto tro* 
udnfi monti nomdti oVmpi , er in ogni pdefe il più 
alto monte fi chidmd Olimpo , come i monti Cdf^ij, 
idiquAÌi Saturno pio g'U&o e Sagduenne a lano. 
Verche fuperano gli alti monti di Scitid,cheiU 



no. 



ETÀ LIBRO !• rjo 

più dltd pdrte dal mondo .Ver ciò dicotto i Mitici che 
Sdturno jii dd Gioue cdccidto 4 l'infèrno ycioè dd U 
più dltd parte del mondo al mdve di fotto. Md che 
nonfof]} duMi Nino dlcund mondrchid fecondo Fd ^ 
bio , perche ogn^unoregndud trd i confini de Id fud 
pdtru. Come S^àturnònelldtio , Uno neld Idniculd 
Tofcundfi può uedere, perche Eufebio non cornine 
ciò i fuoi tempi dudnti Nino md de Vdnno 4?. di e/i 
fo , qudndo egli cominciò k mettere efercito in cam^ 
pdgnd.Biodoronel $. Verche linoue idtimi dnni 
foggiogòconguerrdtuttd l'Afu oltrdi termini di 
Ubid. Se Aleffdndro in dnm H-foggiogo Afìd CT 
Bgitto potenti 4 definderft cr dd dffdtdre dltri pde 
fi, che mdrduiglid è dice Giujlino fc Nino in cofi bre 
ue tempo fòggiogoP Afìd fm'ilibid i Moilrdfi che 
egli ne gli ultimi dnni comincidffc d gudfldrel'Au^ 
redetd, perche egli primdmofjeguerrd 4 Bdttrid ^^^^^^^^^ 
ni fuoi uicini,k i qudlipgnoriggidud Sdgd Sdturno. ni!""^* 
Jn qucfld guerrd Semirdmis Afcalonitd uene k Nino Scmira- 
ilqudie hebbe di lei Ninid figliuolo^ mori Idfcidndo^ 
lo fdnciuUoyper il che Semirdmis regnò per lui, Bio 
doro nel qudndo dice che ìdno riceuuto Sdturno 
ftel deliro Uto del Teucre, fi firmò nel fìniiìro in To 
fcdnd , gli è ddfapere che fi può confiderdre deilrd 
efiniflrd pdrte del Teucre d due modi , cioè dnddn* 
do dd Komd dd Oiiid y ò dd Oliid k Komd di yrimo 
modo il Utìo c k deftrd mdno e Tofcdnd k finiflra,et 
c di contrdrio uenendo dd Ofìid a Komd , e cofi bd Dc^"», t 
luogo il pdrldre di tdbio dluenir di Sdturno dd 




DEL'AVRBA ..... 
OUid in cdpUogUo.ouc Unolo cm.vmcipe^ ^cgl^ 
Aborigiììi , e chiamò il hdtio Sdturnid ,t U T'Olcd^. 
m lanicuU, Ouidio nel primo de ¥fìfli àict. 

Kcfld che rdgiondn pur àt ld nduc 

Vene il falci ger Dio connauepoi 
i^Che trdpdffo buond pdrte iel maiio • 

Io mi ricordo che qui fu r decotto 

Sdturno qudndo dd Giouecdcci(^to 

Brd dal Cielo ,mdgli defcendenti \ 

Ceccaron queUd ndue ne i dendri r.f:^^ 

Teftifìcdndo come erd uenuto ?^ 

Vdlbergdtore iddio con queUd ndUC 

Coft per lungo tempo qi^Hd Urrà, 

Sdturnid dettd fu md primd Ldtio 
E poco dpprcffo dice* 

io hdbitdi in quel terreno Joue 

Cofleggid dd fviijlrd l'drenofo 

Teuereyl'dltdrmio {idjlimhQUc 

Idnicolonomdto ddlmio nome. ^ 
Egli chidmd Vdltdre IdnicoU Tofcdì)d d Id finii': 
ftrd del Tenere pofto per confine fdcro de l'impe^ 
rio fdtto d'dmendue iPricipic fdcr dto. Ouidio nd 

1 • de F<tft/# 

Sei corondto d''dmendue le pdrti 
E Principi diuerfi t'ojftrifcono 
Dmc fdgrifìcij , due girldnde , e fd^i 
VdUdrc doue in uiUdnefco Udfo 
Vortdfìil fiiocO:,econ l'dgneUo uccifo 
E quinci e quindi il termine fi j^drgc^ 

ah 



ET5A tlBRO I* i!t 
Idnicolo diuhquec und Urrdt , out Urtò pofclc colo 
vie ìdr^icole , cT dnco Vdlurc fatto per temine trd 
fc e Cdmfe e SdturrtoSktumid d pie dd cdpitoglio 
non è dare , md cittk Vergilio nd 8. dice 

Qjieiicdue terre con roivMe murd 

Sono reliquie de gU dntichi noitri 

Tè que&d ìdno padre, l^dltrd 'poi 
- QyeWdltro edificò^ qucjìd Unicoloy 

QiieU^dltrd poi ft nomino Sdturnid. 
No/i uolfe dire Virgilio che quelle terre hduefjeto te 
fnurdrouindte^necheciafcuno cdificaffe Id fud à 
propie Jj)efe j Come ^dcrpbiq nel iÀe i Saturnali lo 
riprende , mi ftgnifìcd folamente eh erano rouind^ 
te tè mur a ne la f aera foglia. Vcrchein quel tempo 
ogni Re terminaua il fuo regno ne la fua patria co 
me dice rabió.iodaucifì a ciafcunKe und cittd edijìcd 
td d comune f^efd.Satutnid d Sdturno come dd cui fi 
Tìomitl Ldtio Sdturnia.Come lanicolo da Uno, dal 
quale L'Etruria /w prima dettd lanicold,edicefì che 
fii dd Uno edificdtd , ntd non d propie spefe , perche 
ne Veti durea ogni patrimonio erd commune. Secoti 
do Mdcrobio e Giurino , & dltri fcrittori. Non ri^ 
duce a que^d communita di uiucre altra legge,che Ve 
44angeUcd.Comeiomdnifvilo ne i commcntarij fo^ 
praH ftiiouó tejlamento. tarliamo hora cercd Vori^ 
gine di Komd ,de l'età dured di Saturno e di Uno. 
Varrone al primo deld lingua Utind dice. Capito^ 
Ho fic nomato da un capo humano , iui ritrouato , e 
Tarpeio , dd Tdrpeid , nirginc Veftaley ma prima fi 

R ( ii 



TE I/AVREA 
nomo Sdtumid. ouidio nel 6. de fd&i dice. 

Se miri k U progenie fono primd ' r 

figliuola di Saturno, e dd mio padre 

Saturnio fi nomò Pantica Komd 

VercioH mio tempio k ^wcHo del gran Gioue 

Tarpeio tengo fempremai nicino 
Plinio nel 6. cap.didinguendo l'origine del latio e di 
T^ofcana dice. Saturnia e doue bora fi uede Komd, c 
Id contrapoiia é il lanicolo, ma non già 
Ef è ({ueUd la prima origine di Koma. 

-, DB LA SECONDA PARTE DEL 

PRIMO LIBRO. 

FABIO hauendo dichiarato la commune opU 
nione cerca t origine di Koma e di l^ Aurea etì 
fotto l ano j bora dipinge Id regione de j^coUiAo 
ho defcritto in pidno cioche narra fabio , rimetten^ 
domi in cjuefto al giudicio di chi c più pratico in Kò 
md* Egli[dice. ] 

£ R A à quel tempo quel campo à foggia d'arco , la 
cui corda faceua il Icrto del Teucre , le corna veramente 
erano, ad Oriente la Rupe Auenrm.% & ad ocddentc la 
CapiColina,l nel mezzo la Palatina, laquale guarda con la 
fronte il Teucre, ^ da fìniflra con Celio monte , da dcdra 
con rEfquilino ii congiunge, T A ucnrino parimente ha ia 
faccia il Teucre, c Capena da delira al Celiolo, vimina- 
le s'accoda . Il Capirolio fi vede d'auanti il Teucre , e la 
porta Carmcntale . Il (Quirinale monte glie appreffo, chia 
naarono gli antichi quelle Rupi fetce colli , c (ette monti, 
ftcndeft P A ra di queft*arco, quanto c lo fpatio tra l' A uen 
tino,& il CapitoLo,e dal palagio al Tcucre.Chiamofsi pri- 



ETÀ LIBRO I> t!t 

tia LibifTo dopò Argco, & apprcfio Vico Tofco fu detto* 
Albgaua per qucfto il Teucre foucutc, onde fi laccuà il 
luoco ad habitarc meno acconcio, prima che fati à fcrtu 
no fagrificij , Il Teucre ti cUuo letto fi vniffc . Fu adun- 
que nel colle Capitolino di Roma la prinaa origine. Segui 
à quello l*Auentino,ouehabiCo Atlante Italo, condor 
t«ui di Sicilia contro Hefpcro fuo fratcllo,nc la cui tutella 
era iMmpcrio di Torcana,cfi"cndo anchora lano fanciullo. 
Se d gli vffici regali meiK> acconcio . Italo eflcndogli , vie. 
taro da lano, e Tofcani il guerreggiare » fermofsi ne l'A- 
uentino, à le cui radici lananzi al Teucre con aiuto , e 
configlio de lano , edificò Capenna picciola terra , e con- 
cedendolo lano, chiamò la regione rtalia,Morto poi He- 
fpcro luo fratello, pcfc Italo de Iano,c di Tofcana la tu- 
tella, Se eftinti t utti gli altri cognomi, tutto il pacfc , cerca 
il Teucre, da (e chiamò Ifaha. Q^ueftac l'antica Italia, 
il cui nome à poco àpoco da le radici de l'Alpi fintai ma 

^ re Siciliano, & ad efia Sicilia diucnnc communc. Et era in 
potere folamcntc de Re, e Prencipi, u gente , & i popob* 
porre i nomi. Italo adunque pigliato d*Ital>a rimpeno,prc 
pofe Roma Tua figliuola nel Latio à Siciliani, & Aborigini, 
laquale lafciata Capcna , occupò il Platino , ne la cui ci- 
ma , oue c Efquilo, edificò Roma piccola terra , che tanfo 
lignifica, come Valentia. Morta lei, la terra perle paludi 
fu abbandonata (in'al vcnirr d'fiuandro,ilquale rifacendo 
la terra, il nome parimente le rendV. il campo à i fette col 
li fottopofio fu detto Argco , da Argo ch'albergò Euan- 
dro,e da i compagni d*Hercole Argiuo , che vennero, ad 
Euandro, & in Saturnia fi fermarono , e però chiamafi le 
cftremità Argilcta . Il luogo di fopra nel principio di Vi- 

. co Tofcano lotto Celiolo tra il Circo marsirao,& Auétino 

ouc c d* Argo il letto, & il fepolcro, chiamafi Argileto di 

fopra . Argileto di (òtto , oue fi vede lano di quattrd 

fronti, e detto anche Vertuno ne la fine di Vico Tofcano 

ÌL le radici del Capitolio nel foro Boario , oue fono di $a- 

ttttsia le vcftigiCj^ furoao adunque babicati 5. colli innanzi 

- « « « • 

K IMI 



ET A LIBRO' 1. IW 
fikolo. Cefi dd quejld porta pdifdrono il TcueYe lun 
go il Idtiicolo dndando centra Veienti nomati Ldrten 
nidni fecoìido Antonio nel'ltincrdrio , ó Enetdnife^ 
condo Vlutdrco^ò Enidni.QueùiUfcidrono k deftr4 
Idno Quadrifronte fottoH CapitoliOi come fi H^dc n$ 
lafìgurd.Ouidio nei ¥afli. 

La porta carmentale siauicina 

A lano deiìro . Tu non u'dnderdi 

Terfuo cattino augurio^ che per queUs 

\fcir 300. Yabi]^ già la pcrta 

non ha colpa di ciò^ma tuttauid 
• Vufcir per Lei fi tien per triilo Augurio ♦ 
Vigliano adunque errore chi dicono la porta Car^ 
mentale effer fiata de l'antica Roma da Romolo edi* 
ficata, laquale cingcua folamente il Palatino , e non 
arriuaua al Teucre , ou'era la portd Cdrmentale • 
Glicancho errore di quei , che dicono Veienti effer 
gli Ermiani cercaci Teucre lontano ismglia da Fi^ 
iene k Vaticonc,^ lanicotoXomepare che dica P/i 
nio^Uquale però nel 3xap.6. Benché egli non dice che 
fpaccio teneffero i Veienti lungò il Teucre. Ma quan 
io il terreno Vciente era lontano dal Latio , cr effo 
Vlinio nelz. cap, 9S. dice che il campo vciente fi fleti 
ieua dal ìanicolo ftn^k Talari . Nf la felua dmina h 
gli altari Mutij^fu quel de Veienti le cofe fitte in ter 
f à non fi poffono cauare. La terra di Ara Mutia det 
ta da contadini Aremuza c poco lontana da¥alirio,e 
Tafcennio^ hora citta ca^eUana . Verciò fi flendeua* 
no Veienti più cheii. mgUd an^j^ arriuauano k igio 



DE VAVKEA 
gfci Cimni che fono il confine di Ltrurid dui . JJm t^ 
CittS ca iice Etrurid, erduicina i Sabini, t Veienti dà Btru^ 
Ite cna . ^ jj ^^^^ errore e che dffirmdno alcuni citù CS 
{ieUdnd effer quella de Veicnti^ilche fi uedrd efjkrfab^ 
fo per Iduid per lo fpdcio, e cognome . Cercd Id uid^ 
i Fdbij dnddrono fottoH Idnicolo uerfo Sdbatio Idgo^, 
nò ucrfoH Teucre di citta Cdfielldnd per dnddre d Ve 
lente . Lo fpaàio e dijìimile, dd Veiente d Komd fono 
20. miglia fecondo Apio^e Uuio nel ò fecondo Dio 
nipoio'j.ììddijilqudleneli. diceche Romolo fece 
Komd quddrdtd grdnde, come Atene . llche mdnifi^ 
ftd che Veiente Atene.e Panticd Koma no fwron grdn 
citta, perche Koma occupaua folamente il coìk ?al(t 
tino. Mdpdreudno grdndii quel tempo, dicendo 
'Dionifio.che ufarono di fondare cittd non molto grdn 
di, ma lefdceano fòrti, e fpeffe.Et effendo fecondo To 
lomeo lo {iadio la quarta parte del miglio ,fegue che 
da Oilia al mare fìano i r. miglia di mifura commu^ 
ne. E da Komd a de^rd mano uerfo Idnicolo fin^i 
Veiente cerca u^et dndando per quefla uia uerfo Sa 
batio per ti. miglia trouidmo Ldrtenidco in fòrte col 
k . Betto Martenidco. Moiìrdci ddunque Id uid^ lo 
fpdccio che Veiente non c citta CaSleUdnd . Si comi» 
prende dnchord per lo cognome . Et benché V diari, e 
Vefcennio fòdero primd habitdte dd Cicilidni , e To^ 
fcdrà,tuttduid Enidni^et Veldfgi u^hdbitdronpoi con 
le citta Enos , come hd Bionifìo nel $. Tofcdni poi 
cdccidti i IPeUfgi, € gli Cdnidni , u^dggionfero i com 
gnomi Etrufchi,Eefce,cioc Koche,ò Squddre,ò Ldtt^ 



ETÀ LIBRO r; M4 
ttot Principe di tutti y come proudtno ne Id nojirà 
Tofcdna hìsiond , Idcjudle gid hdbbidmo fòrnita itt 
^y. Epitomi dd Uno fin^inofirdetd. Cofi Ldrtenid^ 
no iprtncipCjCirEnidnd Metropoli dettd Veiente 
idVei Tofcdni Progenitori^Fefcemno fìgnificdroci^ 
che di Enid . Virgilio le nomd rocche^ e f({uddre Fe* 
[cenine, Sor dttir.e, e uolgdrmente CdfleUdne, CT hdn^ 
no queUe fcjudire per infegnd un CdudUierc drmd% 
to . Qercd VAuentino diremo poi de Id fud deriudtio^t 
Ile, bora diro,come quello fecunddridmente fu, dopo'^l 
Cdpitolio hdbitdto. Igino con Berofò dfjirmdno che 
Kcfpero Re di SpdgndftifrdteUo di AtUnte Udlo.dà 
cui fi nomò Pltdlid^e guerreggidndo per lo regno in^ 
jfieme^ AtUntefu uincitore^e cdccidto He^ero in Itd^ Hc^ctf 
li4, regnò in Spdgnd, CT in CicilU . He^ro |w fdtto 
dd Tofcdni Tutore del regno Itdlidno . Effcndo Id^ 
fU) dncbordfdnciuUo . l>lotd che fu un Idno dntico^ t 
molti dcfcendentij tra i qudU /ù queHo nomdto Cam» 
hldfconej e per cogtwme Coriio , Suocero di ktldntt 
Ualo,dd qucjlo Uejffero la Spdgnd,e Vltdiid fi nomd^ ^'"^ 
tono Uefperie . Greci attenti ad oj^eruare lo f^lendo^ 
re de gii antichi^ dicono che Spdgna, CT Italia fi no^ 
mdno Hejperie dd H/^ero Stela , con laquale nduicd^ 
no da Itdlid in Spagna . Ma feguircbbe che la Eran 
ci4 anchora fi nomdfp: Ucfperia. E uolendo ofcura^ 
re ^origine d'ìtdid, moftraro di non fxpcre hiitorie 
ne Geografia . Ma poco auanti la morte di He/pero 
Italo uenne di Spagna in Ciciliay cr indi in Italia . B 
fi ritirò nel latto per combattere co'l fratello . M4 



ETÀ LIBRO !• i)^ 

td fua morte dettd iiì Ldtino kttun /? nomò Argildo^ 
non àd ArgiUd.virgilio nel 8. 
- E mohtdH fdcro bofco d^Argileto 
Che mmftjld ben U morte à'Argo 
Venendo poi Hercole co gli Argonduti dd Etidndro 
àUoggidrotio in Sdturnid.e dd loro fi nomò il cdmpo 
Argeo imo fecondo feruioy cr infimo fecondo Liuio^ 
che dice nel t . Numd per dchetdre i feroci dmmiedil 
ficòldnomoflrdtorediguerrdedi pdcei Vlnfimo 
Argiltto.Seruio foprd quel uerfo ^ del 7. fon due por 
te di guerrd dice , cioè due tempi} di Uno uniti, e Nti 
md fece queilo Sdcrdrio d l'imo Argileto preffo di 
tedtro di MdrceUo in due piccioli tempij rper effcr 
ìdno di due fronti^prefi poi i falifci cittd di Tofcdnd, 
mftétroudtd Id {idtud di Uno con 4. fronti , e fdtto 
ài fèto trdnfìtorio un tempio rft 4. porte. Terzo fi$ 
nomato quel cdmpo uico Tofco. Md Bionifìo nel 
dice del uico Tofco. Tu il uico Tofco Vuhimd UdVe ^ '^^ 

qudpdÌ4..fiddijddlcdpìtoliodlpdUtio,onde fiud 
al circo maJ?imo,md Dionifw prefe errore , perche 
Vdrro deld liiigud Idtind dice. Morto Celio.Tofcd^ 
tii.ch'erdmmfospctti.fìirono mdnddti dd habitdre 
ne Id conudlkyé nomdnld uico Tofcdno oue è il tem^ 
pio di Vertunno Dio principdle di Tofcdnd. B fegue 
A Celidni , che non erdnofospetti ,/m ddto il Celiolo 
congionto di Celio. Verde ben dice ¥dbio che il uico 
Tofcdno comìncid fatto Celio uerfo dumino, e finim 
fccdle rddice del cdpitolio Berofo nels.e Vlutdrco 
f ma mcntionc di F,omd figliuold di Itdlo, che Id co 



.DB L'AVREA T 
mincio mi PdUtino > e nomolk da fe Komd. Md che 
per V(xrid paludofo fiifje lafcidtd e nomdtd valentia 
t poi dd EuandrórìfdUd , Solino ne i coUetanei , CT 
àltri ne ferino no. fdbio dice che Vinonddre del Te^ 
uerc dudnti Komolo^ non Ufcidud hxbitdre deconcia 
mente quedocdtnpo . Verchc ddlpdUtioU uaìledi* 
uideud U citù e dd Vkuentino , e nduigduafì U udU 
le j fecondo Vdrrone, CT Germdlid e pdrte deU uec 
chid Komdy oue jiirono cfpoiti Remo e Koim lo.Erd 
dncoilldgo Curtio undgrdn palude y ne Id quale 
fi gi^^o Curtio armdto a cdUdUo , onero Metto Sd^ 
^^agocur y^^Q^^ ótnenduijche Idno e verlunno fìdno una 
i{leffd cofdy le interpretdtioni de i loro epiteti lo di^ 
tnoérdno. ìdno qudfi Eano dd co nerbo latino , che 
fignificd dnddrefinomd fecondo Cicerone, e Mdcro 
bio nel %.dei Sdturndli , cioè che egli uadd^ nolti il 
Cielo e tutte le cofe. Perche ìdno folo ha lUutorita 
diuoltdrc i Cdrdini. 



FINE DE L'AVREA ETÀ. 



IL SECONDO ' 

LIBRO DI FABIO 

PI T T O R E. 

ABIO H AV EN# 
do di foprd mmjt&dto 
come da l^no.e da l^Au^ 
red eù fin^k Komulo fi 
comincurono dd hdbU 
tare tre colli j Saturno il 
cdpitolinojltdlo l^Aucn^ 
]tinOje Jud figliuoldjl Fa 
latino in quefto fecondo, 
moflrd:, come Komolo mutò il pdlatio in cittì qud^ 
irdtdy poi gli dltri colli fiirono computati in Romrf, 
€ fin alme te de i nomile luoghi fuoi . Adunque prima 
dice in qudl modo Komulo mutò ilpaUtio in cittd . 

H A V E Ndo finalmcnccRomuIo ottenuto l'imperio 
'Albano, c fattofi à i Re Tofcani amici(siiiio,fu i] primo de 
gli Italiani prcncipi, che fuffc creato Re nel tatio . Fece 
egli Roma ch'era picciola terra città Regale , e fondoUa 
nel palatino . Perciò che condotto di Tofcana vu'indoui- 
no, e facerdote, fece Olimpo, cioc luogo fagro, e (àgrò vn 
giardino . Et arando da l'Olimpo nel vico Tofcano per lo 
Palatino, da Jc radici^ del colle fm'à la cima difcgnò la cit- 
tà in quadro . Ampi ò etiandio Roma picciola fin'i la ci- 
ma del vicino Colle Efquilino , e fece i l'incontro Vcllia 
nel Celio monte . Fondò anchora più abbjflb verfo il ccr 
co mafsimo Gcrmmalia . Ouepcr ccmmifsione d'AmuliO 




^ DI FABIO 

era (lato co'l fratello cfpofto, perciò che per innanzi cor- 
reua per di la il Teucre . Indiverfo l'tlquilino edificò il 
Romano foro. EcoiiRomulo di Frcncpc fu creato da 
Tofcani , il primro Re . La onde Mitridate pigliata di qut 
l'occafione imputaua per biafmoit Romani,ciic de Tolca 
ni fodero allicui . Il c;uarto melò da Roma edificata rapi- 
rono i-Romani audacemente le vergini latine , e Sabine. 
JVloflcro contro R emulo guerra primeramcnte Cenincfi 
Atennaii, e Crulicmini Latini popoli, Romulo domanda* 
to da Tofcani , aiuto, cqn Celio di Tofcana Re riportò di 
loro il trionfo . E perciò cominciarono i Tofcani ad habi- 
care il quarto colle di Roma, e chiamaronlo Celio • Dipoi 
i Sabini mouendo afpra guerra, coftrinfcro Romulo di 
nuouo à chiedere da Lucumoni foldati , Fuui mandato 
Galcrito Lucumone , Atba , ìlquale con numcrolò efìcr- 
cito de Tofcani , c Sabini venendo, trouò il Capitello 
da Sabini pigliatola onde egli fortificò il CLuirinale mon 
te al capitolio vicir>o . Ma iuggcndofi Romulo fcnto,pcr 
che audacemente fotto'l Capitolio hauea afialiro i ^abi« 
ni , & elli ver la porta Palatina feguendolo per pigliare, 
la citta , Galerito incontanente fedo dal Cl.uirinale,chiufe 
loro la via di cornarfi al Capitolio , ouc hora c lano di 
quattro facic ,& haucndo aflalito i S^ibinlili fconfiffc, 
onde c nafciuta b fauola de Tacqua fulfurea , Romulo 
accortofi di qucfto , ripigliate le forze , contro loro fi voi 
fc ,vccidendoli di maniera, che Merio armato fi getto 
co'l cauallo ne la palude , FaccuaQPuccifione grande,qs 
pur vno farebbe faiuato , (c le femine non fi foflcro tra 
loro interpoftc , Fatta la confederationc, diuifc Romulo 
iltcrrenointrc parti, bicolli parimente, Hcbbcro Sa- 
bini con Tacio il Capitolto 6c il (Quirinale , RJBmulo co 
fuoi l'efquilino , 6c il palatino , ou'era Roma , Galerito 
con Luccri Tofcani il monte Celio , Se il celiolo,Non voi 
le Romulo ch'alcono habitafle ne Paucntino y perche 
(in*ad Helcrnal'haueaà Remo fratello fagrato, hHendo 
poi morto Celio I cercato Galerito Re dì Xoicana.Fuda 

loà 



PITTORE LIB- IL tiy 

fO Tofccni per confcntimciuo de h tubu il monte CeJio- 
lo, & iadi cucco quel rpatio.ch^à lette colli fotcoiacc, e fac 
co ad lano Vcrtuao £agrifido,c purgatele paludi, fu fen- 
duto habicabile , e chiainosfi vico Tofcano . Adunque. 
Roma da tre popoli fu da principio habitata , c gli diede- 
ro nome i Prcnupi , i olco à Toicani , i quali hori,*fcnca-^ 
no d'iialia Pimpcrio . Tacicnlì da Tacio ,iRemnenri «da 
Romolo. Perche Larentia da Tofcana pnma con fofco 
Faullolo,dopò con Hctrufco corruicio maritata , con tal 
nome in lingua Tofca lo ciiiamò , haucndo à lìioì fucccfsi 
conlidcratione, chiamò poi la (iia tribù da (c ftedo Lu<;cri, 
Talcra poi Tromcntina tu dcrta,c 4*1 luogo di Celio mon- 
te. Q^udla e di Roma vecchia quaiitò Al fecce colli' IW 
riginc , e del piano tra i colli habiratò , laqualc hora da' 
quei colli in altri colli, Se valli fommamcnic , e ampliata . 
5ono qucftì i nomi de la mcdclìma Roma vecciiiA • i no-» 
mi de colIi,Capitolio,CLuirinale,tlqmlinp, Pala ci no,C elio, 
Ccliolo,Romutio dccco anche Aucncino.Sono i nomi del 
piano,Lib.fìb,Cerco]Mafsimo,Forotranritorio.Argilecó di 

fopra Argilèco,difocto,Via,Sagra,Senacolo,CÓcordia,Grc 
coièafi,Tempio di Sacurno, Vercuno , detto anche lano 
di quattro fronti, Foro, Boario, Vico longo, Vico Atnien 
fc. Vico SceUatino, Sabatino, Lartcniano, detto anche Vc- 
gcntc,Falifco,iquali|cognomi da Tofcini che vennero 
ad hab tare in Roma, hcbbero origine . E parimente l'alta 
t re d'Hercole,ou'cra l'Olimpo!, il prindpio del làcro 
Ejario da Germalia lìn'à la fagra via , onde b di tal nome j 
rodigine • 11 Foro Pifcario, porta carmentale , tempio de 
la pudicitia, Rotonda d'Hercole. Foro venale, Laco Cur- 
do, Suburra, Suburbano, Saturnia, oue è hora il Tuo tcm-"^ 
pio, e P£rrario,quiui fu Roma vccchia.Sono parte di Ro-^ 
ina i luoghi di Tolcana, Antcpoli, laniculo , Vaticano, & 
il Teucre confine de Timperio , V^ilturreaì tra gli antichi 
lano, e Saturnoi ilquale da Vulturrena prencipale città di 
quel pacfe fu detto Volturno, cacciandone alcune lette- 
re, c perciò fii egh Tofco non Latino • Ma Volturno no- 

S 



^ f DI FABIO - .1 

me non ckriiiato da Volcurrcna fignifica vn fiamc In San- 
Ilio, & vna terra Romana nel lieto, da Iaquale,c Volturna 
Dio Tiberino nel latio, fi come Volturno, c capo de l'im* 
perio in Torcana,pcriIchc dice Roma c Tofcana Tiberino 
cller Tuo Dio,c chiamando iano Vcrtunu,<& anche fu dcC 
detto da loro Vadimona* 

MOS Tr àttimo foprd ^cnofòntc , che cofd fid. 
Olittipo e fvffdycotne fi ftcruno le cittd , CT i Vomerif^, 
rij , che cofd fìd terrd di ^xittd e cittd quddrdte. Et 
Re c Re- differenti d trd Regolo c Rf come hordd tr Re 
golo . I^ucd , perche ogni ducd è Kegolo , md non Re . B' 
no poteudno effer Buchi in ìtdlidfenon erdno dUe^ 
Udti dd Tofcdni nel tempio di Vulturnd coH Urte e 
con i lucumoni , e mofirajl per due fegni.Vrimd che 
Tdrcone Re di Tofcdnd imprigionò Qdco imbdfcid^ 
tore del Cdmpdno Duci , perche non effendo no^ 
àrito dd Tofcdnihdued prefc il ducdto . Solino nei 
CoUettdnei dice che Mitriddte rinfacci dudd Komd 
ni y che fuffero fldti dUeudti dd Tofcani. imprimo 
Re de i ferui ndti in cdfd de Tofcdni jw Kotnolo , il 
qudle poteffe più i Id liberd che i Buchi i^ituireì 
precetti del regno , cr i fuoi fucceffori , tra i qud^ 
in Tofcdni Tdrquinij fùrono più licentioft . Md 
cue ft fdceffe V Olimpo y e fi cominci dffe il fdcrofol 
cp dd l^indouino , ¥dbio dice che fié nel uico Tufco^ 
cioè nel fòro boàrio , oue è il toro di MetdUe ,per 
memorid Cornelio , Tàcito dice. Si cominciò d dìffei» 
gndreil folco deld cittì, oue ili toro di MetdU€^ 
perche queWdnimdle trdhe l^dràtro , per cingere 
Valtdre di Hercole. ìndi |wro no pofle pietre con cer 



PITTORE LIB. II, t^8 

ti spdccij disgionte , ù le radici del ?atdtino k l'ds 
idre di confutio dipoi Tito , Tdtio , Sabino arriuo 
dopo Id confideratiotte à le curie uecchie al tempio 
di Lare , cr al fòro Komdno. Et indi potiamo fape 
re come il foro Boario fii nomato dal primo bue poro boa 
trouato da Uercole , cr immolato per la uittoria rio onde 
contrari ladro Cdco\ Quidio ne i Yafli dice. fi nomi . 

^ Egli uittoriofo ite gran Gione 
Immola un di quei tori, e ui conuita 
Budndro e i contadini , iui fi fece 
V altare , e uolfe che dal boue fiiffe 
Nomata parte de antica Koma 
Secondariamente perche ibuoi iui cominciarono il 
fdcro folco,tuttd cpteUa parte fin'd Uno a le radici 
del campidoglio fi chiamò boaria il fòro boa* 
no t parte di c^ueUa. \n quejla boaria la maggior 
parte del uico Tofcano , erano Romani nobili , e ui 
fi ueggcno molti archi trionfali , e memorie d'impe* 
ratorù Cerca il coìk palatino di ^. città Varrone 
di primo de la lingua Latina dice . Ne la quarta re* 
gione e il palatio nomato da quei , che uennero con 
Buandro palanti cioè uagabondi òdisperfì , e per 
cheip^alatini Aborigini dal campo Reatino , iui fi 
firmarono , ó fecondo altri da Palantia moglie di 
Ldtino . Alcuni penfanoche fi nomi da le pecore , e 
cofi Keuio lo nomò Baiatio dal gridare de le peco* 
re , detto in Latina Balatus. A quefto luoco dggion* 
gonoQermaUiaeVelliaddVeUo.che fignifica ca* ^ 
Mreiue%pcrche dMdnti che fapejfino fondere, cd^ ^ 

II 




1 



U9 I D 1 FABIO 

'.Ududno con tndno U Una , quejlo dice varrcne^Lh 
Mio nel 2 . dice che ?ublicoU compdgno di liruto ro^ 
uinò U cdfd che edificaud in dito [opra VeUid , e Ì4 
^crroallia fubricò in piano. Cerca GermaUia IHHefJo Ydrro di 
ce , che ft noma da i Germani Romolo e Remo por^ 
tati dal Teuere d quel luoco. Ydbio fecondo Dionifio 
dice che portando i fanciulli a V acqua per cornij^io^t 
ne diAmulio trouarono un piano aUagata dal Te^ 
nere et iui pofero li ne l^orlo de l^acqua^e che und lu^ 
pa uenuta a bere-, uide i fanciulli auolgerfi per lo fan 
go partendofi Inacqua , e penfdndo che fiiffero i fuoi 
lupati, gli diede latte. MaFaumllo diqueitomard \ 
uigliatofi partita la lupa , li portò ad Acca lauren^ 
tid fua mo^ie , CT iui^ conferuata U cafa di Ko^ 
molo , CT eraui il fico ruminale. Ouidio ne i Faili. 

t hora oue fi uede il cerco majiimo detto uolgdt^ 
mente cerchi tra le radici di Palatino e Celiolo 4 
PoroRo- P'^^^ Ce//b.li toro Romano finomauala quartd 
m^ao. pdrte di Roma , che era di 4. citta , cr oltrd Id ca 
fd eraui una piazzd , oue faceuanfi le publiche ora 
tioni. liuio nel 8. dice de le naui de Antiati parte fo^ 
Tono tirate ne l^arfenale^parte ne fii arfa , elde i lo^ 
ro speroni ò roiiri fecero il pulpito nel fòro . Seruio 
fopraH 8. diceM Romano Foro era doue hora fono | 

Cosnitio > "^^^^ Comìtio^^oue Romolo e Tatio 4J 

* fi confederar cno. Plutarco ne la ulta di Romolo di^- 
ce, chiamano comitìo ouei Vrincipi uennero a confi 
derarfi. yarrone de la lingua hdtind dice . Auanti 
la curia Hodilia erano i roftUiV d de{lra mdno il 



PITTORE LTB. II. i,^ 
luòcQ per lo Comitio fabricatojoue fifdceuano f 
pdXticoldTi configli j critndgghriincmpo Mar 
tio. ¥ibiodcl celio dice che fu primx h abitato Adk 
Tofcdrii^e nomato dd Celio Urte di Tofcdttd, che ini 
fdbricò un tempio e ui fu fepolto . Varrone de la Un 
gudLdtinddice. Celio monte fu detto dd Celio ver* 
beno Prófcrpe Tofcano , che uetwe con gente in diu^ 
to di Romolo contrd Acrorte Re de Latini. Perno 
mimdrdUi;^io di dlcuni che afjegndno i Romolo 
€luel trionfò.-, ilqudle fu ddto d Idrte.Ydbio cercd i Sa 
biniuinti dice. Haucndo Romolo ottenuto di hduer 
foccorfò dd Tofcdfti , uifii mdnddto Gdlerito, ilqud 
le con f^roffo efercito deSdlpiiidti diede Id uittoria 
i Romolo. 'Eermifì quiui chi portd inuidid a Id glo-s 
Vy»' rid Tofcdnd y ò penfì che Romolo in quel tempo po 
teffe foflenere tdutdguerrd. Ferche Gdlerito Lucu^ 
mone Tofcdnolo fece conle drme Sdbine uittoricfo 
Vopertio in perfond di Verttinno dicci. 

Qji<indo che Lucumone porfe diuto 
;>! A Komul contrd Tdcio , io uidifùggere 

le fquddre^c^ il nimico bruttamente 

Volger le j^dUcyfdccid il fommoGioue 

Chetd Romdnd gente con Id togd 

Sempre mi pdjii lietamente dudnti*. 

IViglid adunque errore Liuio nel 2. e Bionìfìo ne/ r# 
affermando che il vico Tofcdno /ù nomato da 
quei Tofcdni , che rimdfero in Romd [otto Vorfena 
innanti al quale per dnni 240. Vertunno , che t \d^ vico 
no fi dd Romolo e Gdlerito facrdto di legno nel ui 

S« • • 
ni 



^'t^r FABIOOT 
eo Tofcdno , i l'infimo Argileto. Mdpoi Uuntd fd^ 
top uenire Mdtnurio ofco lo fice di bronzo* Pro^ 
pereto feguc. * 

AudntiNumd fiiiii ntdl polito 
^ "Legfio pouero Dio ne Id cittdde. \ 
Perno Vdrro più dntico che hiuio e Vlutdrco , e pin 
dotto nel i. di lingud Ldtind dice il Vico Tofcdno jìi 
hdbitdto [otto Romolo , perche d fuo tempo uifi^po 
flo vertunno Dio principale di Tofcdnd. Come dc^ 
cennd Fabio , e afferma Vropertio, chefit dato il ui^ 
co Tofcdno qudndo Gdlerito Lucumone conqudjiò i 
Galerico . ^^^'"^ ^ Tdtio Re loro. Mdcrohio nel iJe i Sdtur^ 
nati dice che Giunone diuinitd capitolina fduorendo 
4 Sabini dperfe le porte de lo jlecato joue e lanose 
tofì fiiggi Romolo uerfoH Palagio perfeguitandolo 
i Sabini. Ma Uno principal Dio di Tofcdndjtem 
mendodi contraporfì a Giunone y e pur fauorendo 
i Romolo^aperfe fonti fulfitreiecaldijiimijeldncidn 
do le dcque dietro'à Sdbini^fice Romolo uittoriop}. 
lanofa- cofierd fiero queflo Idno j non quello, che fiitrdsfi 
norifcc à ^^-^0 nel fòro trdnftorio. Ouidio nel I .de fdfti dice^ 
Romolo. j^ip^do tdnti Uni .perche fidi 

Cid confdcrdto in queHo luoco foto 
E poHd Id fopradettd fauold fegue di poi 
Temendo eontrdpormi d figrdn dea, 
A VdUutid ricorfi , e riferdndo 
1 fónti in un momento f aitar feci * 
■ Vdcque boglienti foptd li Sdbini 

Ma primd fottopofì il caldo fol^ ' 



1 



I 



PITTORE ITIB. II. l^o 
Per rinchiuder à Tatio queUd uU 
Con Vhimor cddo , e confèruar Komdni. 
'Sono dette quejle cofe con mifleriofx fuuoUjper 
<he laudano in qt4efio modo 1 ano Ouidioe Proper^ 
tio come dicemmo. Macrohio recitatore de la f<xuo^ 
U dice che i mtici laudano ìano , che regnando lui 
'Strano le cafc ptencdi Santimonia e religione. Seruio 
pero fopraH ^. del^Btieida dice che non fìnga il poe 
td cofa alcuna , che non jì riftrifca 4 la uera hiho^ 
: ria. La quale c che ifoldati dduano il nome al lago x 
^Vadimone. Limo nelc^.e Plinio nipote neVepiiìola i 
^<3aUodice che quel Lago era fulfiireo.Senzd nani per 
%tfferfacro .Eté Uno, Vadimone , Vertunno e Pra 
Mo una iSleffa cofa. La uera hiiioria che i foldati di 
iGalerito [aerati alano al lago fulfureo , teneuano 
il coUc quirinale fecondo Fabio e Bionifw nel z. E 
perfeguitando Sabini Romolo , Galerito fulfìireo 
fcendendo dal Qjiirinale ,/} pofe oueelano à ferire 
i Sabini di dietro , e coftrinfe Metio Curtio a profòn 
^drft col cauaUo ne le paludi. E coft i uerfi d'Ouidio 
fi poffonoef^orre. io ìano, cioc Galerito facrato a Efpontti 
le acque fuifiiree ne la militia , temendo contrapormi la fauola 
4 la gran dea Giunone , cioè a Tatto , cr d quei.che l^^» 
erano rimanti à la guardia de la rocca . Mentre che 
glialtri Sabini perfeguitauano Romolo ftrito^io ufai 
un Rratdgema militare , moj?i la mia gente ful^reà 
idi Qui rinale ì le radice del capitoglio , oue e Uno 
a 4- porte, cr aperfi le finti, cioè occupai i capi de 
{d regione, dipoi Umai dietro a Sabini le acque fuU 

S iiii 



€>^ì r DI FABtO 
furee cioèi mUi f;>ld4ti d Vmprouifo coft furono 
rotti i Sabini. Ma prima ch'io mandaffe queUa fqud 
drappo fi d pie del capitolio il folfòycioè i capitani 
co le calde acque , cioè con i foldati [aerati a le ac^ 
que fulfùrte , perche non potejfe Tatio mandare 
. 4iutQ a. i fuoi j che erano firiti da Romolo in fac^ 
dfia<daTofcani nelefi>atle.Marauigliomicon che 
ragione taceffe Liuio tai cofe dette da fabio , Pro^ 
Centra P^^^'^ ^ DioniftOyfe egli non portò inuidia a la glo^ 
liuio. ^"'^ Tofcana de^ la quale egli tace quanto può , anzi 
tal uolta per ofcurarla di<;e il falfo. Caligula im« 
peratore de uicij machiato , ma di fmgolare dottri^ 
na e più uirtu dice che \irgilio jù poeta fenza dot 
trina cr Uuio un cianciatore 'in cofe di poca im* 
portantia , ma che taceua le cofe che dauano gloria 
Tofcani. Come fi Ugge ne i fragmenti del'itinera^ 
rio di Antonio. Suetonino in Caligula dice . Voco ut 
manco che non rimucucffc da le librarie gli fcritti e 
le imagini di Virgilio e di Uuio , uno de i quali ri* 
putaua che fùffe fcnza ingegno e dottrina Valtro 
cianciatore e negligente. Tanto fia detto cerca il mi 
flerio di queda fauola. Uora j^onero alcune cofe 
Hclcrna, àdichiaratione diqueUo che fegue. Cerca nelernd 
erano . Berofò nel 3 . dice laìio hebbe molti figliuoli^ CT 
Rafcnua . fendo morto in Vetulonia , Crano Kazcnua gli fuc 
ceffeeCrana fua figliuola diede per regina d gli 
Aboriginidel latio.Bclernacon lo fcettro Ales 
ba , cr yulerna fignifica regina con fu^r aggio cfat 
[aitata. Cofi è manifijìo che tra Carne fo duca di I4# 



Contft 



PITTORE LIB. II. 14» 
tio c Saturno^ CranA fikd figliuoU goucrnò il Ldm 
•tio e Creino Kdzenud fuo frdteUo l^dtinouerò tra 
leBee ficendoleunbofcouiciuo d Tewere. Bero/a, 
■Cr Ouidio nel6.de ¥ajlì cofì djfvrmd. 

V dìttico bofco d^Helertid fì gidce ^ 

Pd Teuere uicino, cr hoggi dnchora 

I Sdcerdoti ui fan fdcrifi. io • 

Bicefì ui che ndcque Cvdtid Ninfa . 
*I4 idefcendenti Id nomdrono Cdrnd trafponendo U 
letterd r . Ouidio liccntiofamente per fudleggercz^ 

ne Vinndiuordrfi dijfe,che queèd Ninfd dmdtd dd 
^anà \ e nioldtd, hebbc per là perditi d uirginitd i'Afe 
hd, ouero Vdbd , che juffe Und Vertunnd , c^hduejfe 
4utoritd di uoltdre le cofe, cr i Cdrdini . 

Idno Id uidej e fìinne inndmordtOy 

E con dolce pdrUr Idfud durezzd 

Vldcòj fi che Vindu)?e d fuoi pidceri ♦ 
Epoifegue. 

lo te concedo d ifje perche fei 
^ Gidcciutd meco, e Id uirginitdde 

Vi perdiy queftd uergd Albd nomdtd. ♦ x!^ \ 

Egli con queìld ufaud di cdccidre 

Vid dd le porte le nciofe flrighe . 
Ter che Idno folo hd l'dmoritd di uoltdre i CdrdinVj 
& t und ifleffk cofd con Vermno , quefld t Id Ijen 
Yertunnd:, d Idqualc egli commur.icò qutjld poteiidf . 
Ouidio nel u deFdfii. 

lo folo tengo di que^ogrdn mondo , 

hd gudrdid, e pofo mutdt ogni Cdrdinc • 



.mDI FABIO 
puidio nel u de Fafti dice . Yd che Uno funU che 
tenga per arme, chiaui , ferature, e porte j a mantene 
te la Verecondia.e la Cailimonia de l'Aurea eù,e poi 
sfacciatatnentenel 6 . mole cheuiolaffe la Ntn/i>,* 
jj. 'P^r^iò diremo meglio con Berofo che ella fu figliuoU 

j^P^ ' dilano.eperciòvultureni chiamano capelU dila* 
ndfin'a quejl'eù queWherba.che le fu facra k ftmilini 
dine de capelli bianchi . Alba non e uoce Latina. t* 
^^fi> pronontia Aleba . Al fecondo Girolamo , cr tm 

ilcòà. f^^,^ T4mwW/ft4 dice chefignifìca miiiuraMgatura 
fàfciOj er £f)4/i mucchio di uerghe, con lequai erano 
battuta colpeuoli . Non dirai che deriui da Al , ZT 
Bbal, perche Ebal fecondo Girolamo fìgnifìca muc^ 
chio di pietre^ e non di ucrghe, ?erciò gli antichi To 
fifnichiamaudno Aleba, ouero Alba, quel che Latti» 
ni chiamano fafci. Pertanto Chriftoforo Landino fo^ 
pra l'oda d'Horatio. Quel huomo,ò Barone dice. ¥d 
fci erano fafcettidi uergheconuna fcure Ugatak 
ciafcuno . Uno ne l'Olimpo iflitui,che fe neportaffe 
noiu per conferuare l* Aurea età , cr J}>auentare , 

Alba Fa- P^.^'^^ ' ^^^^'«^ A/64 adunque fìgnifìca fcettro/ fa^ 

fti. M con i quai fì cacciano le firighe . Il Vrencipe di 
q^^fliTafciinTofcana fi nomaua Baracel^inLOo 
tino Littore , e percuffore, come fìgnifìca que&a uoce 
Baraccl ^f^^^ fìcondo Girolamo ne finterpretatione de i no 

liuorc . . • ^g^i ùttore hauea 24. giouani auantiy che fdtM 
ceuano in tutto ^ 00. foldati Pretoriani , e fì deputa^ 
nano z 5. ad ogni Pretorio, TDionifìo nel 4. Era co* 
fiume cfK dà ogni Lucumone predeceffe un littore 



e 



PITTORE LIB !!• 14» 
con ifafci de le uerghe, e U fcure^. E quando fi muom 
ued guerrd per commune cotifentimetito daudnpli 
ti.fafci, e le fcuri i colui, ch'aera di tutti il Prencipe. 
limo bencheinuidiofo de U gloria Tofcana conferà 
ma pure che Romolo prefe da Tofcanili iz . fafci 
€on i littoria e dice . Romolo giudicando che le leggi 
ioueffero efjèr tenute in maggior riuentia fe egli ac^ 
crefeffe la maeiia con infegne imperiali , e con certo 
h abito più ragguardeuole.prefe li 12. Littori. Altri 
penfanoluihauer prefo quel numero dagli ucceUij 
th^egli uide ne l'Augurio . Io però afjvrmo lui hauer 
prefo ufficiali , da Tofcani, fi come la fella CurruU 
le, e la toga pretesa j emiui perfuadeil numero. 
Ter li iz.popoli di Tofcana chedauano un littore p 
uno à colui.ch'era creato Re. Cofi Romolo prefe dd 
U II. Pretoriani Prencipi i Littori, cioè ;o o. arma* 
ti giouaniy che fempre gli Seffiro intorno , come fa-^ 
ceuano al Larte Etrufco^e non da Lacedemoni j^come 
fogna Bionifìo nel z. tacque Vinuidiofo Liuio chi con 
cedeffe queùo a Romolo, poi che fenza corninone de 
i Lucumoni non poteua u fare tali infegne . Ma trd 
molti Propertio quafi Coetaneo di Liuio ne parla in 
que&o modo nel 4. moftrando che Galerito Lucumo^ 
ne prima iftituii Pretorij, diuife con Tatio,e Romon 
lo la città con tre nomi Tofani, e diede a Romolo 4* 
trionfi computato il primocon aiutc di Celio hauuto. 

Tu Galerito Lucumone il primo , Doni di 

t Che pofe li Pretori], CT hebbe Tatio Galerito, 
- Tra lor gran parte, Tatif Kumni, e Luceri 

- if 



Furò le Tribriyccon cdudìli bianchi 
•\ '{^Komtdo trionfò ,ben ^. fiate . 
Varrone più antico uel i. delalingud hdtinddice 
Komolo diui/eil terreno Romano in tre parti. Per^ 
ciò fi nomarono tribù , Tatienfì da Tatio yKoma^ 
nenfi da Tomolo, e Luceri da Lucumone , e fon queSH 
nomi Tofani fecondo Tolumenio de Tofcane trage^ 
àiefcrittore . Qm^o dice Varrò. Se dirai con hiuio 
che Lucerij e nome dUncerta origine , Caligula Ima 
peratore te dira che Liuio fi debbe cacciare date lim 
brarieyCome HiHorico negligente.che tacque, oue bis 
fognauadijfonderfì, e fu cianciatore in cofe leggieri^ 
come lo ueggiamo in quefto luoco . Poiché varrone 
più antico di lui,e più dotto,Adduce teRimonii più an 
fichi dife , cioè Tolmnio tragico, cr affcgna la ra^ 
gioney che forono pofìik le tribunomi Tofcani, per^ 
che furono poHida un Vrencipe Tofcano , e pigliati 
da tre Prcncipi, perc^ha detto Fabio, che fot amen te 
i Prencipi poteuano porre nomi à i luoghi,et a le gen 
ti.Effendo adunque nomi Tofcani , fiirono importi da 
Tofcano Lucumone. Non fono adunque dHncerta ori 
gine fecondo hiuio , ma fecondo Varrò , e Tolumnio 
di Tofcana certij?imo, oue fi dicetacio, Kdtienfi , md 
Latini^ e Sabini Titio, e Kitienfi, Tofcani dicono Ko 
molo, e Komenfi, ma Latini, e Sabini Romolo , e Ron 
mulei . Tofcani dicono Lucumone,e deriuano Lucevi. 
Latini, Sabini, e la loro progenie SabeUa , che fono i 
Sanniti dicono Lucio, e da queflo Lucani , ilche feppe 
troppo bene Liuio, ilquale nel afferma che Tar* 



PITTORE LIB ir. f4> 
quinio detto da Tofcani Lucumone TarquinCe fe Ko * 
ntdni chiamarono Lucio Tdrqainio . Vlinio ,e Sem* 
pronio affirma che da Lucio Frencipe de Sanniti fi 
nomarono i Lucani, E quantunque Vlutarco rie la «f 
ta di Romolo.e tediano dicano, cheLucerijiiron no^ 
mati dal hofco detto in Latino Lucus^ de l^Aftlo , ri* 
fpondocheej^inon feppero Latino ne la dijjirenzd 
de la prouincia . Verciò fi fprezzd ogni propoiU 
fènza fiindamento di ragione pronontiata . Seruio Scruio, 
nel s.fopra quel uerfo . Trefguadre de cduaUi^dice, 
furono da principio tre parti del popolo Komano • 
Tatienfida Tatio Re de Sabini^gia con Romolo con 
federato^ Kumnenfi da Romolo , e Luceri fenz^i ma* 
nififìa origine fecondo Liuto . Non però conferma 
Seruio la fententia di Linio , Azi adduce contro, lui 
Varrone che dice. Romolo combattendo contrd Ta* 
fio, chiefe aiuto da Tofcani^c^r ad unoyche uenne con 
feffercito fii dato il vico^ che poi nomarono Tofca* 
no.lìratio. Elkmpia turj>a del Vino Tofano. 
Quejlo ha Seruio. Creder afi adunque più toRo a Li* 
UIC cianciatore, che k Varrone graue^c degno Auto^ 
re. Perche chiama Horatio adunque empia queUa tur 
ha, che fii fempre religiofima . Acrone rifponde che 
iui intefe de la tnrba de roffani^e mercanti quali pri* 
ni d'ogni pietà, ft^rono indi cacciati da gli Herennij , L'empia 
ilchec falfo, perche auanti i Tofcani non ui fiirono turba del 
meretrie , fenon fvrfe Acca Lauren tia^ne mai fii^ Vico To 
Tono indi cacciata mercanti .E perciò le patricie, 
^le Plebee haucuano il tempio de la pudicitia 



DI FABIO 

nel fòrohdno fecondo Uuio nel io* CT dnchot, 
uidurd Vdrco trionfale de mercanti de U par^ 
te Boaria • Vorfino dice . Nonufi vico Tofco 
per douefiua al Welabro , CT iui fono i profamieri, 
^perche i profumieri' ^ enr i Koffiani fi contrapon^ 
gono k la cailiti /cr 4 la pietài non chiamò turbd 
empia qucUi , perche ui fUffero fiate meretrici ò per 
fuìnieri j e gli hauejfc cacciate la religio fa famiglia 
Herennia. Ma la mercantia non fi contrapone a U 
pietà , anzi /m trouata per carità de la patria. Per 
ciò ajfegna altr i ragione^ e dice fU empia turba per 
che fotta Romolo e Porfenajafciata la Patria uen 
ne ad habitare nel uico jofcano . E ^rono queSli i 
primi che con ualorofe arme trasferirono /'imperio 
d'Italia da la Tofcana lor patria i Koma. Perciò 
la terzd gente lucerà da lucumonee Ciliana da Celio 
Trometino cominciarono fecondo Fabio empiamen 
te contra la patria loro l'Imperio Romano. Qnan^ 
do dice Varrone che per fof^etto /w datoli uico To^ 
fcano à luceri toltogli il coUe Celio , cr a Celi ani fìi 
dato il Celialo , perche non erano fofpetti , non con^ 
trafla k quello che dice Fabioy quel luoco cffer flato 
dato loro per commune confcntimento . Perche ha* 
rebbe potuto cominciare da fofpetto , e finire in coti 
fentimento . Marrano gli auttoriche il uico To* 
fcano fìiffe per auantipaludofo. Vertunno apo Pro^ 
pertio dice. 

Pajfaua giaper queflo il Teuerino, 

E fi ragiona che sbadirò i uenti ^ 



tv 

PITTORA LIB. II. 

Suonar per queìU guadi , ma dipoi ^ 
ik 'Cheloconcefii à popolari miei 
V ^{"ornano Vertutine dal uoltdre 

il'fimealtroueperfciugarlauaUe. 
Seruio accordandoft con Fabio dice fopra'ls iW 
con profpero rumor Kumone fi nomò Rmuh , cr 
^^cofico Kuminale,oue fitrono efpoai Remote 
r Remo .efuouee bora illupercale nel circo . e fé» 
gue Correua per qua il Teuere , prima che fatti U 
crific,f u Vertunno,queUofiuolta}feà dietro. Et/» 
par te de fòro Boario Qumto Curtio fi gitto arma* 
tOr.Outdio nel 6. de Fafti dice. . 

Q«e/ lago Curdo c'hor con [oda terra « 

Sofiitn gli altari prima era gran lago. 
E, deluico Tofio dice. 
, ^ fiorai il fòro d'humide paludi 
• ^'^^ga fòffa , perch'ogn'hora 

^ Scorretta il fiume ch'aUagaua il tutto. 
Tibullo nel Sicono dice del Velabro parte iel uìct 
Tofcano. 

E doue fiala parte del Velabro 

Soleua andare una picciolbareheta. 
Varrone de la lingua Latina polìe le altrui opinioni 
cerca l'Auentino, dice, lopenfoche finomiAuentì* 
no , che effendo tra quello eU capitoglio le paludi, cr 
A monte da gli altri luoghi de la città feparato.ui 
erano condotti gU huomini in naue , e Velabro fino 
m da le uele e Velatura da queU^tto di condure, . ' 
detto m Latino Veho. Cerca Acca Laurentia , F««. ** 



Dì FABIO 
Salo Cdrruttio , cr altri fìmili dicemmo ne li 67 M 
bri de Vhiftorid Tofcana , cercd quello che dice fa^ 
bio che Vorigine del'dnticd Komd ine li 7 . detti col 
li Jfe nel pidno Jofco fottopoHo ? e che poi dd que^ 
&i colli /u {tefd k gli altri, fi può uedere ne la no{lrs 
figura , oue fi comprende qual parte de la grdn cit^ 
tàdqual parte de L'antica corrifponda,e fi nomi. 
CoUuia ò capitolina , E fiiuilina , Quirinale yVdldi 
tind , Vimindle , cr Auentina , che fi>no li 7. primi 
colli- Virgilio nel 6. dice. 

Ell^t cinjè coH muro 7. coUd. 
oue feruio dico che rinchiufe 7. coUi y hcbbe nel 
mezzo il pdldtio. Pdtri dicono li 7 . coìU effere Idni^ 
coloyQnirinaley EfquilinOj Vaiatino, Celio, vimina^s^ 
ky CT Aucf^tino . M4 il capitolino che lafi^iano dd 
parte, e il principale , oue Saturno edificò Saturnia^ 
laniccio. ^ idnicolo éin Tofcana,nonin Koma,?Unio nel 
cap. Saturnia fi* doue hoggi é Roma, ma Antipodi 
li, oue c il lanicolo in parte di Roma . S^accordano 
meglio coH noSlro Icabio coloro, che efclufo il lanico 
lo,annouerano in quello modo li 7. colU . Auentino 
da Veho,chc fignifica codurre,^Celiolo giòto d Celio 
€ detto viminale dal tempio di Gioue, fecondo varrà 
ne che mette pe'l terzo il Celio da Celio duca Tofcd^ ' 
nojl quarto VaUtino da Palatini Aborigini, e de gli 
Arcadi, òPalantia moglie di Ldtm> - EfifuilinoU 
Roma 4^^^^^ ^^^^^ guardie pretorie di Kotr:olo , e di 
° Tallo Uoiiilio. il feilo , QJiirindle, che ficondo Dio 
nifio nel 2 .fi tiene co'L capitolio , e nomafi dal tem^ 

pio di 



PITTORE LIB. II. 14, 

pio di Giunone Sabina , detta da loro haUd ò ck»^ , 
ouero Qtiirin, et il Capitolino deto Tarpeio,e Sàtttr 
no.Tantofìa detto deli 7. rolli, e lor nomi>cr erigi* 
ne/egue Fabio dei nomi,ch'erannetuico Tofco.C^ 
ca Libijfo Argeo , e due Ar giteti dicemmo di fopra. 
Ma la facra uia uecchia comincia dal palatino.ou'er 
rano le uecchie curie AuguBdli, e pdffando per Ro* 
ma terra , fcendeui nel Komano jtro , e ripiegauifì 
nel Campidoglio per lo uico Tofco,comefi uede ne U 
nojira dipintura . Ma da la curia uecchia Augusta:» 
le , perche era de Sacerdoti, e gran Vontefici, nomaci 
xUafituttduiafacra. Varronedice . Erano due manie 
itede Curie , una oue manegqiauano i Sacerdoti ie 
^ofe diuine,comele curie uecchie, Valtra, oue ti Sena* 
to gouernaua le cofe humane,come la curia UojiiUd. 
Plinio nel t^.dice di queilauia. Cefare dittatorecuo 
perfe con tele tuttofi fòro Romano, e la uia facra da 
Mc'if^fnaftn'àlaleuaturadel capitolilo neigiuo* 
^hi gladi atorij . Suetonio dice che Augujiò fifiattò 
quella cafa ornata fontuofamente da Lima, ne la cui 
\hora /ù fabricato tlporùco di Uuia. Ouidio nel 4. 
;4eJdilidice , 

Almenofappild uegenteetade, S 
, Ch'ouefì uede il portico di iJuia 

Furono di gran cafa gli ampij tetti . . 
Plinio dice che Vefpefiano ui pofe la fud pace . Ce* ««^ f ^-^'^ 
fare habitò ancho altroue . Suetonio dice Giulio-Ce* ' 
fare habitò prima in Subura in piccola cafam crea 
.t9?onUji(eMdJiimo,SUtÌeneUm ficrd in ctf^ Sebon. 

• T 



.T'D Jr FAB IO J 
,public4 . Suburd ftcondoy arront di i.àtU lingu4 
'J^dtina dice, che fu cojì notndtd per effer fòttó^l mw* 
*ro de le uolte . Efegue, md Gtunio fcriue che fu fitto 
ìlei uico Tofco^e Id dijiintione di Fabio fifa dal priri* 
. npto, cr di fine de U uidy perche cotninciaud dai col 
le Vdldtino, e nomafi Suburbdiio, perch^erd fatto U 
xuecchid cittì j drriudud fintai fvto del' mercato 
cere di Teuere, Ouidio nel i . de l^arte dice . 
i. Ben potrai dire che ti fuffe ntdnddta. 
Dd Suburdnd uiìld , benché fid v \u» t 
nord comprdtd neld fdcrca Uid. *^ «-^^ 
che quefld regione forni fcd al fòro bodrio;JìpU'o coin 
prendere non filamente perchWd iui il muro de fe w 
fine, M<t perche ui fi uendeud il pefcie. Giuuenale rie 
.U $. Satird dice del uile pefcie Tiberino • 
t E filito [pdffar giù per Id grotd 

Df mezzo fempre d Id subumd dnticd. >h 
Vdrro nel i. di lingua Latina dice del fòro pifcario. 
longoHTeuere d Idno^eilfvro Vifcario. Buui dncho 
il fòro giugario^ oue fiirono pofte d boui i fdcri gio* 
,ghi , per ddr con buono dugurio i Id cittì il fuo pri 
mo luogo . LrWo neld guerrd Mdcedonicd dice. Cdd 
de un fajfo grande dal capitogìio neluico Giugario^ 
cr oppref]e molti» Del fòro boerio dicemmo di foprd 
del Dio Tiberino^ e de i nomi Volturno^ e Vultureno 
Circo mzC^ho detto foprd Cdio fempronio . Cerco Maximo 
fimo. p^^YQ ^ Vertunno Mdj^imo Dìo come dicemmo 

foprd le elegie Vertunniane . Komauafi Toro tran^ 
fitorio ne PArgileto di foprd , perche indi s^dnddud 



PITTORE LIB: il 1^6 
ntl Cerco NiAjiimo i i fuochi Circenfi^ nel -fòro Ro 
«M*io4 fdrtle pkggUrie. Sendculo , cGrecoRafì 
erdno due fiAn^t jd fvro^ nel fòro Komano jopra l 

ii^. porte . Er<t fecondo Varrone U GrecoHd^ Grccofta- 
fi^^ ft'inzade glidmbafciatoridelendtìoni . Sendco* 

era ti tempio di concordia fopra U Grecofidfì , \c 
hdfilicd opima. S nomò Sendcolo^ perche ut fi fvrmd-^ JcnacoB 
Udno i Sendtori, ouero ti fenato . X)e/ tempio di S4« ' 
it^rnoj e di concordia : Seruio nel z.de l^Eneida dice. 
l' tempio di Sdturno e dnanti U montate del capito* 
glio uicino di tépio di coruordid. Curtio da queiio fi 
ntoffe per gittdrfì ne la uoragine de Id terra . Fm an^ Teirpio 
cho dopò qiieiìo un^ altro tempio di concordia ^ ptrs* di concor 
che quedo è uicino al Senacolo^ cr à la facra uia^oue ^ ' 
ftcefì la concordia ira Sabini , Romolo , e Lucumos 
ne . Perciò uifu il Cenacolo , cr i7 temp/o di concorm 
^ia . Dionifìo nel i. dice . Vengono in fretta.nel Sena 
to di concordia per confermare il patto tra Roma* 
loy e Tatio, che regnaffero parimente in Romrf pafii 
tecipdfìdo ne le dignità ,enei facrifìcij • E fermato 
queéio con giuramnti ^(ì mefcolarcno infume qua 
fi nel mezzo de la facrd w.a . Liuio , e Dionifìo non 
fecero mentione di Galerito Re, in tale confideratios 
ne , perche Uuio fecondo Galiguld fu negligente 
cianciatore^ e Dionifìo Greco buggiardo, ilquale po^ 
co di fopra dice.che Galerito coniattendo uirilmcte, 
fit da un Sabino co la lancia amazzàtoMa làfciama. 
Greci,da parte poi c'^habiamo lunio Tolunio,varro 
1^1 c Propertio, che s^accorddno con Fabio,come G4 

T» • 



T 



ò^ì J ìDI rAEIOOTl 
leritou(nne con effefcito in aiuto i Romofo^ c fion^ 
fiffe i Sabini di Tdtio^ che pofH i pretòrijiCcme mg 
giare pofe d le tribù i nomi Tofcm i perpetua tne^ 
i*sfto>dip mordj e dignitky come dWhora fi coQHmua é.Bjio» 
•'^ nidmo le origini de le dltrt tribù . Ld tribù dice ^^4 
iuoco di Celio fu detto Ttomentindy&'il cdinpo tro^ 
Trorocrc Afciini tedi corrottdrftentt hdnno Tromentina, 
la^na come ueggi amo dpo Vlinio, altri effer de torti iu€ 
ri nomi dd dltriy che tengono con queUi dlcund fimi^ 
litudine . Dionifio nel t.dice. Lucumone uenne di To 
fcdna con folddti Tofcani di Solonio , per colonie , e 
- " Sera/o nel 4 . dice . TuUo ditti fe ld città in paldtind • 
Bdbordnd CoUdtind, CT ÌLfquilind ,per Suburbdndt 
e CoUind .Bneh. Cdluftniy e Bufalini per Clufini , e 
BJtfceìldni. In Pomponio Mela Dubdl per Tubdl cit 
ti di Beticd , e defcriuendo ld Tofcdnd dice Grdui^ 
Ceco fa, Alo perA^o, Grduifcécofd .Vdrimente 
uio dice fìirono aggiunte de nucui cittadini 4. tribiè 
Sdbdtindy Trcmetind, Arniefe , e fteìUtind . Sdbdti^ 
ndfi noma dd Sabatid Regione di Tofcdnd, trdH Te 
uere, CT il mare, oue c il Ugo Sabdtio , hord Anguil 
Idre . StTdbone dT.dice . Sabatid di Tofcdnd c uim 
dnd al mare, c fi legge ne la uitd di Sdn ?rotogenej 
che egli /m primd coiuiottoÀ i bdgni Sdbdtini ^ epoi 
di foro di Cldudio luntano dd Remi 2S. miglia Jjord 
Tulfd nuoud: Giulio Fdntino de gli dcqueduti dd To 
fcdnd in Ttddeuerey ouero in Antipoli parte di Ro^ 
md fecondo Vlinio IWquodutto Alftetino dd Alfio, ho 
Td Ceri nuouo^ ddl Ugo sabatino, horx Triueiatto^ 



PITfóRfeH^^^B. II. 147 

Wejtueggdno gr^n ue^ig'^^ dim^icquédutto ♦ Ro* 
indhichumàno H cdmpo Trometey ma Tofc4ni tra 
rnetert), e dd qacfh tromctoray e la tribù Tromeùna 
in Komà . Sono 4. parti di V^rurid ciitd .hd prinid, 
^uìturndy t àd quesì'd fì riomino i Vulturrcniy detti 
ITòfcdm.cfonp con lord ivolfìnicfu Flinio neh^cdpé 
^. ìliWotó di tdno t fotto d xiuefió con 4. fdcre let^ 
terticdendri impref^i di rilietio. Vreffo d queStd vul 
iumd e^kfid pidnwTd dettd pidno Trometora . Ma 
'^d fe^fo Cdmpo trotntte dà ¥<ibìó cittì di Celio, non* 
ìdimetibìd tribù Celidndfit folto Romolo.come dncho '^"^ ^^"^ 
Ì'd\fòffàfid Lucer d.Md qucSid Trometind dggiun * ^ 
n fbttói con foli,? Arniefcdd Ar Quo fti fono fluc 
tini p&{ìivu€fi fpdrgeVArno hord lEiorentini con 
^yuefli ff<empr€fìdonoi fl^fuldni. ìteUdtini in Tofca 
ftd fono Prdtevft, e Vifìoricnfi, dd SteUd fiume d loro 
UiciìiOyleggimo di dltri Stettatirtijin cdmpdnid. Md 
YaUo nàrfd foUmerite de Tofcdni.c^hdbbitdrono nel 
uico Tofco . Vico lungo i in Vdlttd pdrte di Etrurid 
tittd fóprdH Tdno di vultùrnd, detto ddlonghe^cioè 
ht^fldypercht UcTcole Bgittio luiìòycioe coronò Juf 
fo fuo fi^iuolo . Berofo nel r. Md pcrchelungo ino 
me Greco perciò i detto per interpretdtione dd Pe^ 
Idfgi Sdcrdtor del grdn tempio di Vulturnd.cy' i con 
tdàinifìn'i quefh tempólè chidmdno cdmpo di VeU 
tdfgi per dueLh. Cdto ne Vorigini dice, che Idno ft 
ce Id fud terrd regdle di 4 . cittd nomdndole con uocié 
Ardmee^e non Ldtinepercht non erd dnchord Id Un* 
ZUdLotina .Terciò TurrendVulturrend, 0 VuU 

T iit 




i 



tund.Vetulcto jVdYiiy a'lidrbdno fimnomi Ard^ 
mei . Pur dpo loro figniftca foafta, ò principdto.per^^ 
che fecondo Trogo, e Giuflino ne I Vt/mo- gli michi 
Ke.ufuudiio l'haiìji per fcetro, e corond. T>d par de* 
nuà.l?ar<t,cÌQc hdftdto, ò corondto c, Vrencipey^c^ 
ci poi Id chidtttdrono longoU.perche in queìld pdrte 
fi coronMdtioi]?renciph perciò Tuffo figliuolo di 
Hercóle iui corondioiùi pofè il nome fiio con Id gion^ 
td ,efmo d quefì'hord chimdfi in uoce Ardine d Fd^ 
rti.Tuffd, che fignificdin Ldtino Vrencipe , o C^roa^ 
ndtd Tafcdnd.Feilo dice. Tofcdnd dd un modo fu det 
td dd Tufco Ke figliuolo di Hercóle^ In que&d Tofcs 
nd corondtd e Vico longho , e dd queUo fi fece Vico 
lungo nel fòro bodrio cere dH tempio de Id pudicitidj 
t quello rotondo d'tìercole . Uuio nel io. Vidrrd U 
pia contentione trd k donne Vlebee:,eVdtricie Tofc4 
ney per lo tempio de Id pudicitid nel Vico longo. Cefi . 
fponeremo le altre cofe . Come il Vico Tdlifco dd Fi 
lìfci, Ldrteniano dd Vei • Inche modo ?roteo,Vddi^ 
mone , Idno, e Vertunno fidno und iBeffi cofd.xnten^ 
derdf^inel noflro commento [opra l'elegia di Ven^ 
tunno di Fropertio ♦ 

r 

FINE DEL LIB. II. DI FABIO PITTORfi 



^MIRSILIO DE LA ] 

' GVERRA PELASCICA I 

? 

E DEL' ORIGINE 
DUTA LI A B DB 

Tirreni * 

I R S I L I O J E*i 

conio Greci fu Lesbio^ 
e fcriffe de la guerra 
Velafgica in Tofcandy 
e nel Latio contra Cici^ 
Uani, e fi moffe egli é 
c{uefto per la [olita di^ 
[cordia tra Greci cerca 
l ^origine de Turreni , i 
d^ltdlid.egli acconfente eh e Greci habitafferoin ìta^t 
Ha Jaqudl tutta difiefeda loro eccetto i Tirreni , i 
(fuai da ì^erodotto fono tra gli altri annouerati. Ha 
licarnap^co [egue in tutto Mirftlioneli. eccetto del 
tempo quando uennero Enotr^ in Italia . Seruira 
ddu'icfueil mio commento adìntendere Dionifio yC 
Mirfilio.ilquale primadimojlra in breuita in qual 
co[d egli fi conforma conKerodoto, e co gli altri. Se 
cundariamente in quali contradica . Cerca il i . dice 

H A B iraron in I^lia i fbrto noininati popoli , Arcadi, 

Veneri, Liguri, Ardeati , Rutuli, Siciliani , Pcbfgi , Iapigi, 

Lacedcinonìj, Salciidm • Perdi), Bniani , Achei » Oropiti» 

__ .... 

T IMI 




I>t LA (SVERRÀ 

Filij, Pifi.i altri «li» Enofrio Archade di quefti prW 
c Pcucino fratello trapportò le colonie , oue habitauano 
gli A u fqni ;Sc pu c hora. l T knotrif regione ^ l'incontro di 
Peucini.DiC'^ri.chcqucfta fu de Greci, che vennero in 
Italia la prima colonia , innanzi la ronina di Troia quin- 
dcci età. , 

C O M I N Centro dd c^overt U fine di^ quejlo 
a di ^^^^ • T^roid fu rouindtid 297 dnni dopo che id edifi^ 
Troia! ^ fi<^^ BAtddno Tufc o fecondo krchiloco, CT Uufebio 
T^drddno fecondo Berofo l'anno 29. poi c^'hdueud uc 
afo fuo fr ditello ìafio, c'hduéud gid regnato 50 • Co* 
rito fuo pddre dnni ^^.Morgetefuo parente dnni 10. 
Etprimd di coflui Atlante Italo di Elettrd figliucto 
ànni 19. Cercd l^età Dionifio nel t. ne computd 1 7 • 
ime Mirfùlio notd meno di \$. Md fi crede i Mirfiiio 
come 4 pm dnticoj cr erd Veti d'dnni 25. cofi ts-eti 
fdnno dnnÌ3so. B perciòVdnnO 24. di \dfio Enotria 
Arcdde uenne^e dd queWanno fin*d U rouind di Tro* 
id fi computano qneUi anni t$o. hdunc{ue ìtalo fi^pri 
Enotrio . Enotrio Greco dnni S6. Md fi^rono duanti 

Enotria . i^^ioqucUiE^otrii, nomati dd Virgilio nel u de l'B^ 

neida. 

5 , euai un luoco che fi nomd Uefperià 
^ Anticdterrdienel'drmipotenter 
Dì grdno copiofd-, e u'habitaro 
Bnotrii primd, hùr fitdgiond di tutto , 
che i defcendenti Id chiamaro ìtdlid , 
Per Italo lor ikie i che gli die il nome. ^ • 
Hd perche perone tre Enotriiji'ultimo dòpo Itdto /il 



i 



PERSIANA. 
^uejió Gfecó Are ddtyilqude fecondo i Geogrdfiy che 
f decordano con MirfiliOitcnne und pdrticcUa di Pm# 
glid cercd'l mdre,€ u\rdno duante lui gli AufoniyCo% 
me dfftrmd Dionifio nelt.e nomafì Enotria Grtcd.. 
rrf quefld non credo ch'intenda Virgilio, perche non 
promeffd dd Zned quella parte ch'era potente con 
imperio, cr armi anticamente, fii un'altro Re de Sa^ 
tini , ddlqudle il tratto Sabino fi nomò Enotria dudn 
ii Italo . Ne di quefla fi può intendere Virgilio ^ per^ 
che non era mandato Eneaa pof.eder quella laqualc 
énchora non era anticamente potente con arme , cr 
imperio, perche dd Uno IHmperio, e le drme d'itdlid 
tfdno in potere de TofcdniyLiuio ncl$.€ Fabio uitto 
re ♦ hd terza Enotrid fu oue regnò Uefpero fratello 
ii Atlanta . ìtdlo, come dccennd Virgilwj e regno m- 
Vetulonia re gal città, e nel latio^A que^d trd mdti^ 
idto Ened , cr in diuto de Tofcani contrd Turno. 
Virgilio nel 7. 8. e nel io. d^rma queRa effef Id tet 
td dnticd, e potente con drme cr imperio . Catone in 
te origini dice , che quello dntichìj?tmo Enotrio , che 
regnò in Tof:dnd,envlldtio , fa lanoimentore dei 
mo,qudtHunque non fùffeuino in Top:dnafin^d Me 
Zentio Urte di Tof:dni, tlqaale porfe aiuto a KutuU 
contrd Latini con patto che deffiro uino per merce^ 
de . Perciò dice Fabio che lano trouò Vufo del uinó 
« imarro più todo à fiacri ficdre,cht dd altro ufo htè 
Wdno,eper quefìo in ogni fiacri fido fie gli ofjvriuaé 
no leprimitie delfdrro.e del uitio .Berofio ui aggiori^ 
gc ch'egli fa da Sciti nomato lano ^perche egfipn» 



LA GVERRA ' 
mtcTdtnente trouò in Armenia , CT anche inlingUS 
Ar ditte d, cr Hebrcd Idin ftgnificd uino ^CT lana da 
quello nomederiud * perciò ncmafi Unoin krdmeo^ 
in Greco Bnotrio, CT in Latino portdtore del uino, e 
^ per l^interpretutione del nome , e per lo tfotidtHtntó 
del uinoy d l'ufo humano, oucro ne ifacrificij . Cerca 
Id prima coìonid de Greci Mirfdio dice . Ld prima 
compagnia |w di Enotrio Arcade . Bero/ò , Cato , e 
Sempronio dicono fìi la prima dei Liguri di Attica 
per molte età auanti la guerra Troiana. Dionifw net 
x.bidfmd qiiejii Autori, che non dijfinifcano U hiQoì^ 
ria, tuttauia cerca le antichità s^ha da credere i pm 
antichi dilui perciò mi uergogno pi gli ite da Greci 
ragione dlcund d'ìtalid, oue gli antichi non s'accora 
àdno\on Ldtiniy Catone, e Sempronio , che fcriuònà 
compiutamente le origini d'Italia, non doueano diffi* 
nire l'hidoria de liguri . Mirfilio feguito da Hionifio 
dice'* Venne Enotrio Arcade yOu'crano gli Aufoni. 
Adunque il nome Aufonio era prima che fi edifìcafje 
I^ardania fecondo ilueracijiimo Berofo . Perciò nari 
fiérono detti Aufoni da tKufone figliuolo d'vliffe dopò 
Aa(bni. la guerra Troiana o Pifì fecondo Plinio nel 6 . fiiron 
• nomati da Pi fa terra di Arcadia^auanti laqude cor* 
re Alfio fiumey e Plinio nel |. dice che queki edifìcd^ 
rono Pi fa in Tofcani . Virgilio nel io . 

Pifd che prefe Id fua prima origine 
< D'Arcadia^doue fon le genti Alfie . 
S trabone al dice che Id edificdrono i comp i gni di 
Ke&ore detti Pilij , Ma prefero errore dd Pi fa cittì 



à 



PERS^A^fA. ira 
Uicitid id^queiti Filif edificuU, e dettd VilU,e da Tó 
F^dni Caplglid . Cd fignificd U deriudtione dd To* 't, 

fcdnoycome Capenidno CufcronidtWiCdpendXapU « i.^ ^1 
^' r • 1 ^ " r ♦^1.. / ' Pina* ca* 

HdyCio ndjciun dd Venij,ftronij,e Ptltp tìordcorrot 

tdmentc profirìdfno CdmpcnidnoCdmpilid dggionto 
uijjji^ Qdmpi totio dicidmo corrottamente per cdpis 
^io \ Oropito fecondo Tolomeo è cittd de Arcddid . 
Hor4 per breuitd diciamo Orpito^emutdndo p, in b P^^^l^^ 
Orbito.Comepronotiò Kel^efìderiotiel decreto intd "^^^^^^^ 
glidto in Alabddro . Orpito è cittd in Tofcdiid uicis 
nd 4 VoUerrd > cr Voifm.fKchei, fi nomdrono dd 
Acheo loro dnticho Re, e queftì guidati dd yibio fi* 
ctropdrtedi Verofd , come teàijicdundpietr dita 
intdglidtd . Verche Id primd pdrte di quella cittd ft^ 
cero VerJìdtiijCioc Grifvui Armemi fecondo Berofo , 
V olir A Turreno Meone fecondo Apiano ne le gaer^ 
re ciuili * cofì Perofd c di tre citta . Etuani fono da 
rlutdrco nomati Enerdni,e dd ^enofvnte Enajì.e fu^ 
tono Veldfginomdti ddl fiume, cr regione Bnijid di 
Teffiglid, oue (u li conflitto trd Pompeo, Qi:efdre.LU 
cono nel 7. in per fon d di Pompeo dice * ' ' * ^ ' 

CXHdnto n'^andrd turbato, ejuribondó 

Lnipeo miito coH Troidno fangue. * 
Et dnchord dice* 

Vicino 4 i fiumi cr d profóndi laghi: 

D'E/ifpeo ufcito del fuo letto fiiori * 
Quejli ìlnidni edificarono 'ùtnana in tofcana quafl 
ti miglia lontana da Roma , e con Tofcano epiteto 
ìd nomarono Larienino y cioè Metropoli Eniana^ 



t LA GVfiRRA 

.. Tofcdni Vei cdccuti i VeUfgi ui diunfero il nome Vé 
pcLj*. '^'^^^ * ^^^^ hdbitdrono nel monte ài Tf ffxglid detta 
Velion, oue habitò Chiron.o' i Celebre per lo conni 
to di Teti , e di Vcleo^ ddl qudle fii ddto nome di mcn 
, CT i ipopoli . Quelli fono ?eldfgi Enomii, c'hd^ 
bitdrono in Tofcdnd prcjfo dd Orpno monte, itcludlé 
fin^dd hord chidmidmo Velid , CT il fiume corrottd* 
mente Pdlid.Cercd le dltre genti nomdte dd Mirplio^ 
efìiordi Tofcdnd leggdnfìi noiìri commenti foprd 
Turrcnia Sempron/o Cdtone, eBerofo.HorddichidridmoVcm 
bigine de Turreniy ch^i il principdle iftitutOj f Mira 
filicPrimd recitd le dltruiopenioni^epoi con rdgÌ9 
ni fòrtijiime le confiitu . 

CAP, SECONDO. 

PENSA no alcuni che la prima orìgine di Tfrrcn fa 
fé da b'dì , perciò che giudicano che Ati di MeOrtfa 
Re, di Hercolc figliuolo, gencrafle di onfalc di Ì2t^ 
i^^iA de Mconi Rciua,Lido, e Tirreno , nati ad vo partq^ 
Ma non eflendo il Reame per due capace , ne potendo là 
ilerilc carreno grìi molntudinc nodrire, Aff gerrata !a f<Jr 
ce, à L'do lafciò regno & ^ Tirreno commifc , ch'egli eòa 
la ^naggior p^irtc del popolo à cercare nouc danze n'an- 
daflie . Codui ne la parte del Teucre verfo Settentrione 
venendo la meli di quello comincindo da i fonti , fino 
oue habiraujno gli antichi Vmbri tenne , e con quelli ha- 
bitandoje città) Meonie^e Tirrene fin'hora dcttc,c dificò. 

STK Abone di 5. dice qudp il medefìmo, md non 
nomind in qudlpdrte del Tenere p ferma jfe Turreno 
Hdlicdrndffeo dffvrmdche Uerodotofii de Viftefp) pa 
^ rete che drgomentd con Mirplio in queUo modo. 



À 



PERSIANA. rn 

cut fonò hoTd U città Tìomdte Meonie, e Turrenicy lui 
fi firmò Turrtno Meone. Ma ejjèndo quelle da le fona 
ti del Teucre fin' al fine di quejia metd,oue era l'antica 
habitatìone de gli Vmbri. jegui che Turreno iuifi fèr 
piò co Mepnij. ha prima me ti del Teuere fecondo He 
rcdotOy e altri è da le finti del Teuere , fin'ad Uortc 
terra Tiberrina, oue la fecondo parte del Teuere.é da 
mezzo di, e corre ad ohia Ne la prima metà fi troud 
no la. terreda Turreno, e Meonii nomate . E quiuifi 
pnduo coloro,che uoglmiMeonij deriuare da zidL 
é^t^erca quello , che accenna Mirfilo , e tìonifio che 
infine di quifia fii l'antica habitatìone de gli Vmbri^ 
perche fia contrario a P//o, ilquale nel j. cap.6da met 
te ne la regione Maritima non ne la Tiberina , e dice, 
il fiume de gli vmbri capace de naui, cr indi è il trai 
to de l'Vmbria. e porto Telomone.dico che Vlinio non 
nomina l'origine de gli Vmbri , ma ii fiume, cr il trai 
fpfeguente . Cerchi fi adunque ne la regione tiberina, 
e nel terreno vulturrenp, oue ha fine qneSlo mezzà re 
gione del teuere fecondo Hcrodoto, e gli altri . il ca^ 
mino tiberino da Roma in Trancia fi troua nelitine^ 
vario d'Antonino in queilo modo. Il uiaggio tiberino, 
e Gallerà Larteniano, ò ueienteKofulo , Sutrio , Qci^ 
Vano , Goghi Cimini VuUurreni Saleombrona , Larti 
egli ajtri^come dimemmo ne i commentar ij fuoi . Sale sale. 
in lengua Arameafignifica origine, e fucceffo fecondo 
'Rabi Samuel Girolamo ne le interpretation dice Sa^ 
Ufignificaufcitd.Verciò Saleumbruna fecondo Heros 
doto, e gli altri fignifica l'habitationede Vm6n, 



ì LA GVERRA 

ione dncho nàcquero^ e poi fi f^drfno per lo tratto 
a Tofcand fvi^dlmare, cr oltraH tenere d i monti di 
cmbrid , Segue Antomuo . Dopò Saleumbrdn,i ldr% 
tf.euoìfmo . coft Sdleumbrdnd è primdcheldrti 
Volfìniefì, e come poco apprefjo dird Mirftlio il terr 
reno Vulturreno idi^ .cittd:,oue ft<rono gerxrati gU 
cmhri, e prou:ifì con ciuefto firmo drgomev.to cheti 
confine di quefto cdmpo nel fiume Idrtd detto ucl^dr 
mnte di MdrteÀ no^rd et a /? nomd citfo Sdhmbrei 
ne . Hord tutto j] cbidmd terreno di Viterbo, l cont^ 
dinicomincidnodd Vetrald d chi dm are il pi dfio Sdle 
fui'dl fiume Urte Sdlcmbrune^ come fiuvdrd ne le 
Annie quiilicmi . Mirfilio ddunque rccitdtd ropcniop 
ne di coloro^ che dicono Turreno, cr i I-idi efjcr Wf« 
nuli d Id regione Tiberind, e VnlturndiChefu ld pris 
tnd hdbiidtione, CT il loro ndfcimento.e perciò fu det 
td sàleumbrune . Hord per confutdre U loro opinion 
ne primd Id ribdtte^ecercd Idfine del Hb. rifpon 
de i le loro ragioni . Ld primd pdrte diuide in due « 
Vrimd fa mdnififlo 4 qudi hi&orici fi debbe credere 
^qudndo non s^dccorddno' . Secondo proud Pintento 
fuo . Qrcd ld primd dice . 

C A P. T E R Z O, 

MA qucdi sfacciaramcncc mcntifcono. Perciò che 
de ranrichiii de la gente ad c$fi popoli, & à vici- 
ni più fi credc> che à (Iranicri , e luntani , C|:cdafì 
adunque più à Lidi, c Tirreni , 6c a Romani vicini , c chq 
H Thiuoriade laloropacria acconfcncono^chcJi qualua» 
(jue alerò, co me che ha do tcisfimo • 



PERSIANA. ffi 

CO"© ANN, Ori quefìe regole d conofcere la ueriù 

ieVbifìorid . Vlinionet fecondo dice . lo non feguò 

più quefio, che quello, mi mi accodo al più uerace . 

Fercke glie una fciocchezzd feguire gli errori d^aU 

cunoy perquAihe ueritd checolidicd • Scegliamo .,.^^8®'» 
1 ^ I r t r ' , t r- i» a m^^titi- 

itdwn^Me /f ro/e , /;r/cMW(fo /e/p/we . Ld 2. ^'^g^*^ C gare U ve 

detta quiuidd Mirfilio. La terza é quafi d quejid fis ritiu 
mile. che i tempì^e gli annali cioè hiftorte annuali de 
le Monarchie fono più cenile queUa regola mette fi^ 
Ione in fine, e Metailene ci principio . "Ld quarta re* 
goldy quando due fono uguali di patria^ e d^antichi* 
td credeft àquello.che dice cofe più probabili.La quar 
td regola di Girolamo dice ogni propojla detta fenm 
Zà ragione tanto facilmente fi fprezzdj quanto debol 
mete fi proua . Mirflio poha la feconda regola ag^ 
giunfce conira Herodoto.e fuoi fimili de VhiSlord pi 
Jria Lidd cercd Turreno, e dice . 

CAP. Q.VARTO. 

MA gli hiftorici de la loro patria affermano cffcrc 
CutC'il contrario, di quello che Tirreno Meonc di 
ce , perciò che X^inro Lido ne 1 hilìona de la Tua 
patria, non nomina alcuno Ati Tirreno.ma di Lido,cTo* 
rebo ad vn parco nafciuii fa mcntione, da i quali i Lidi, c 
Torebi popoli furon in Afia, in niun'alira cofa tra fc di- 
ucrfijfe non ne la pronontia,e veramente poco, come tra 
Dori, & Attici fi vede quale aduquc Lido hiftoricoha 
mandato Tirreno d'A ti figliuolo, e di Lido frate lo ne la 
. prima parte del Teucre, oue gli antichifsimi Vmbri habi- 
CaroQO • i 



LA GVERRA 

H A L ìcdriujjio nd ifu l^ijlejfo argomento con 
Cdutoriù pur di Xi</Uo, e dice* Non alcuno Tuvm 
reno figliuolo di Ato come afferma Pianto ^ perciò 
niuno tale ucnnenel Teucre . Kejpojidefi che :Kanto 
prefe quefto nome Torebo no Turreno detto da Tur 
/t' V* ^end citta che gli p/t donata. ?crciò può {lare che 
non m ^ffi alcuno detto per nome Turrenofigliuo^ 

10 di Aio, md fi bene per cognome ^Iquale conduffè in 
Turrena le colonie , md non fi* l^origine de la gentù 
Tofca^md fi mefi:olò con quella del [angue de gli auà 

11 • Hora ui dggiunge una'argomento fi)rtifiimo pre[o 
id tempo . 

CAP- Q.VINTO. 

QVANdo che Xanto la guerra de Pelafgi fcriuendo 
aPirma,PcIafgipiu antichi d*Ati haucr modo guer 
ra à la Tofcaaa, che per adicro Vmbria fu derta.e 
pre(a v^rocone, haucr afTalico la regione del Teucre , & oe 
cupaca la Tirrena proucnza , con Tirreni hauer habitaco. 
e da quelli lamilina haucr impararo, masfimamcnte à 
guerreggiare per mare , nel qual eflcrcitio erano clli per 
tucco'l mondo per faioa chiari . De i quali più fauolofà* 
mente da i Greci, e ibto decto,chc in Dolfìni fi mutarono, 
che con le naui (cherzano, e fannofi loro compagni . £ ve 
ramente à quei tempi, e per il corfcggiare, e per la figno« 
tLi del mare, veniaano chiamati dolHni,p^chc erano con 
armata potenti,e da ogni luogo conduceuano,le colonie* 
A qucflo fi da per proua che Tirreni popoli ne iMfoIe di 
ACene,e ne l'entrati di'Traciahabitano,i quali vfano li 
Tirrena hngua con i vicini popoli , honorano i medefini 
ilei, e le ftelfc lettere vfano . Perilche non poflbno venir 
«hÙPiati da alcuno figli uolo d^ACi » quando che furono 

chiamiti 



i 



. PERSIANA. • 1^, 
chiamati Ti'rrenì,c più colonie conduncro co'I mcdcfimo 
nome , e forma , prima che nafceflc Ati, et qucfto da Lidi 
pigliamo. 

COMI Hciamo de Pdrgomento fòrtifAmo del tè 
po, e di poi fponeremo ogni cofd piXrtitdmente. X<t» 
' to dice che Aio fu dopo i Veldfgi, che prefero i Tur^ 
reni . Adunque Tofcdni non fon nomdti dd Turreno 
figliuolo di Ato, che non erd , CT il nome de Turreni 
mito dUdnti i Veldf^i era ne le 1 fole Attiche ,eneU 
boccddiTracid.efurono dd Turreni trdportdtiin 
colonie, md fduoleggiano i Greci, che fi mutdrono in 
Delfìni, Co(ì fiirono i Turreni molto dUdnti che Ato. 
Hdlicarndffeo ufd gli iflel^i drgomenti nel primo.Ef^ 
fdminidmo ddunque cidfcund cofd, primd glie fdlfo 
cheVeldfgi dffalijfero Turreni dUdnti Ato, perche J^. P^^^* 
rurreno figliuolo di Atouenne in Tofcdnd^qudndo JloTur 
Darddno fìiggi di Sdmotrdcid dd Ato Re di Meonid reno aui 
cr hduuto in dono Id frigii,ui edificò Ddrddnid , e ^ aio. 
rurreno uenuto in Tofcdnd.hehhe in dono Vetulonia 
Berofonel r. Md cerca queflo tempo che s'edifico 
Ddrddnid Arcdde figliuolo di Gioue foggiogò i Pr < 
lafgi, che non erdno dnchord uenuti itiTofcdnd. Ma 
fi niegdche archade foggiogdffe gli antichi Velaf 
gi nomdti dd Mirfilio , perche quei che fiirono dd 
dd Archddefoggiogdti, non furono fpinti del pdefe^ 
ma lyffercito guiddto dd Beucalione cacciò quelli an ^^^^^^ 
fichi . Bionijlo nel f . Bencdlione cominciò a regnd^ 
re cercd Vdrnafo l'dnno 7 t.d Cecrope^ di Ufio figli 
uolo di Carità Tofco.Eufebio de i tempi l'dnno i^leffo 

V 



LA GVERRA 



comìncidrono d regndre Cerope in Atene, er ìdfw in 
Vetulonid "Rerofoj nel r. Md non cifatisfd queRd ris 
fpojidj perche dnnouerdndo dd Pdnno lu di lajìo , c 
di Cecrope fin che s^edificò Ddrdanid. Sono dnni 50. 
Perciò era Aio pddre di Turreno, qudndo Deucalio 
ne cdcciò di Tefjdglid i Velafgi , CT era Turreno , 
qudndo s'edifico Ddrddniu,euennero i Pelafgi k Spi 
reto foce del Po . Dionifìo nel primo . Ver ciò Mir^ 
filio, e Biowfio argomentano altrdmcnte , e dicono i 
Quei che fi nomdno Turreni^ e per cognome Dolfini 
cioè fìgnori del mare ^ furono duanti Ato , e Felafgo 
'R.e.perciòilnomede Turreni era audnti che fiiffe 
Turreno figliuolo di AtOy e cofi Turreni non fi noms 
no dd Turrenn di Meonid. Certa l^antichita de Tur 
Sncccsfi Yeni Dolfini . Auenne il cdfo de i Dolfini fecondo Mir 
^} jìlio dudnti Pelafgo Rr, dd cui fi nomarono i Veldfgi^ 
ep4 6 . eti prima che Deucdlione cacciaffe i Pe* 
lafgi di Armonia regione di Teffaglid . Dionifio nel 
i. Annoueriamo adunque 6. età da Vanno 21. di la% 
fioitdi Cecrope^quando cominciò 4 regnare Deucd^ 
lione, tornado i dietro per gli anni de gli Aj^irij . Re 
gnò Deucalione Vanno 24. di Spareto Re d'Aj^irid, 
^^^^^ dal quale fìn'dd Altddc Re d'Afiirii computdno à Pin 
SdL dietro anni 150. che fanno 6. età d^anni 25. apo Grc^ 
ci fecondo Senofonte • Pcrtdnto auanti Alt ade , che 
fÌ4 il IO. Reda Nino auennero leimprefè de Turreni 
Volfini^ e Turreni con armata potenti portauano le 
colonie ne le ifole Cicladi . Ma Berofh dice , che due 
énn. Oiéonti Alt ade Hercole Bgittio poffcde Vltdià^ 



À 



PERSIANA^ t^4 
hduendo uccifo i Lclìrigoni . Coft fiorirono Bolfìni 
regnando Leftrigone . Et è fòrte argomento che Le^ 
iirigonea quel tempo gouernaud U regal Vetulonid ''^^ 
€ Torco fuo fratello portaua le colonie per lo marejl pjrc© 
quale perciò fu da buggiardi Greci fatto Dio , come 
dice varrone . SeruiojopraH r. de l'Enei da . CoM 
in tatino fi nomò portatore, cr in Greco Porthmeo^ 
in Aramea Daguto , cioépefcie porco , perche apo 
Aramei Dagon fignifica pefcie^o' uto porco fecondo 
i dotti Tamuldìfìt . Cofì r\aguto è pefcie porco, cioè 
delfino per la periti a del neuicare . Perciò non uolfe ^^8"^® • 
regnare col fratello in Italia^ ma eleggendofì Corjìca 
t Sardegna fìgnoreggiò a tuttoH mare coni corfali 
Turreni, finalmente uccifo in mare combattendo con 
Atlante , fh tenuto Dio maritimo , e Vrothmeo , cioc 
conduttore di luoco à luoco lo nomarono Greci, e fin 
gefi che portile anime per i fiumi de l'infèrno. Giuuc 
naie ne lai. Satira. 

Sta fu la riua quel crudele Vorthmco 
perciò fecondo 'Kanto prima che s'edificaffe Dardd PortJ*^ 
nia, e che fiiffe Ato, e Pelafgo Re cioè mii 2 00. pWa 
ma che Meone Turreno ueniffe in Tofcana, auennem 
ro ifuccejii deforci dolfini detti Turreni, non già da 
Turreno figliuolo di Ato, che non era , e queiìo arm 
go mento prefo dal tempo e fòrtifiimo . ha fauola dt 
Turreni dolfini , e finta da Greci, e da lgino,a' altri 
Latini , cr Ouidio nel de Metamor. dice chefitro^ 
tio4n queir armata 10, Turreni dolfiniy e de la rega 
fUt4 Tofcana Ucabaj del ^coniano Tiberino camm 

V U 



LA GVERRA 
Fatti de f^ceJle.Bc Id regd Turrena, cioè Vulturnd,Libio 

dolfiiii. Ofilte.mdonyEtdlioeyVroteo, Epipco.Epiteo, A/nmc 
donte^ MeUnto . Quejli portduano feco Bdcco , o 
Trioni fio EgittiofdnciuUo , perche ofiri pur didnzi 
ucci fa in EgittOyfu tenuto Bio Api^gioue giujlo e dio 
nifìo.Biodoro neLi.e per. he portdudno un Dio no^ 
uelloynomafì fdnciullo.Et hduendopoflo A cefle fd^ 
ctrdote coH fìmuldcro^ le colonie in Udfo ifoldjì mu 
mutdrono in dolfini^cioè nduicdndo fpeditmente por 
tdrono le dltre colonie k le l fole Attiche contrdpoilc 
® ' Terciò fecondo poj^idonio nomdnp ìfole Turrene, Id 
fcidrono poi dltre colonie di bosfvro Trdcio con Id 
religione tofcd.gli hdbitdtorigli chidmdno Bilingui, 
ìndi fi mmftHd che Greci prefero le Egittie, e tofche 
religioni . hd fduold ndrrd Venteo effer ddto pu^ 
nitOy perche bdndi Acefte, ciò è i tofcdni riti ne ifdcri 
ficij diDionifìomdnifvildehe queiio rito durò fin^ì 
Fenteo Greci fduolofdtnente affegndno quejlo k Dioi» 
nifìo Bdcco lor Greco Jlqudle fiori dnni ioo.dopò Re 

-ibio ; Teldfgo. Anzi gli Orgii , cioè fdcrificij di Bdcco tu^ 
fcdniefì durdrono ftn^dd Orfeo, ilquale per dggrddir 
fi k Tebdni finfe che fiiffero fdcrificii di Bdcco Gre* 
co, cr erdno de t'Egittio fecondo Biodoro nel Dio 
nifionel indice che dlcuni penfdno turreni effer Sdti 
i Vcldfgi per Id grdnde dntichitd , ntd dimoflrd che 
furono molto du dnti i turreni con i qudi dopoi furo^ 
no cdccidti i ?eldfgi,cìr hdbitdrono infieme in Tofcd^ 
nd . Md contrd Mirfilioje Dionifto. vUnio nel \ . 
ce . Ld tofcdnd fpeffo mutò nome . Vmbri dnticdtncn 



A 



PERSIANA. tSf 
te furono cdccidti dd VeUfgi, e quedi àd Liii dal cui 
Kc turreno, e poi ddl rito di fdcrifìcdre in Greca Un 
gud fi nomarono i Tofcdni . Co/? Id tofcdnd jt4 dettd ^ 
Vmbrid.Efdlenibrond.percheglidntichi Vmbriui salcmbrc 
nacquero y er hdbitdrono . Cop fecondo Mirfìlio Ve na. 
ìdfgi hdbitdrono con turreni. Ldonde non fi uede^co 
me li cdcciajfero , io direi che non li cacciarono , ma 
fe li fecero [oggetti, 'Diomfio nel t Mce, Cecilidni con 
U\Etrufci hdbitdrono in tofcana . Verche FaUri, e fè 
fcennio fiirono prima hdbitate da Ceciltdni , che dd 
Velafgi , e:r e/?t Ciciliani erano Italiani, e uenuti con 
Itilo. Mecni erano configuinei de gli italiani per 
gli loro duoli . Velafgi prefa Crotona, e turrena re^ 
gale cacciarono Ciciliani. Perciò Plinio dicendo j che 
cacciarono gli Vmbriy intende de Ciciliani confangui 
nei de tofcani . Tuttauia Velafgi codrinfero gli anti-s 
chi turreni a fargli partecipi de l'imperio . Virgilio 
nel ottauo . 

l^clafgi antichi facrarono il bofco 
Siluano detto . 
Ma turreni poco appreffo li cacciarono fecondo rio 
nipo . Midir ai forfè come cacciarono tofcani gli vwì 
brij, quaifono fuor di tofcana , /? rifponde , che fono 
due Vmbrie la paterna^e:!^ antica detta fdlembruna J^j"^^™' 
ne ^itinerario di Antonino, ^ noflra età , CT il ter * 
reno Vulturreno. E nomap ilfuo confine uolgarmen 
te caduta di Sale Vmbrone.Con quede fi fermò turre 
no Meone , e /w tolto ne la ciuilità turrena fecondo 
Berofo, siUio nel ottauo . 

V in 



* 



lA GVERRA 

£ Vctulonidchefu aiìticawerìte 

De U Meonid gente l^ornamerìto . 
B dd queila U Tofcdnd mutdtoH nomefi chidtnò Vwl 
bridy cioè dnticd fecondo "Plinio , e Mirfdio , ^dntó 
con Mirfdio ,eI>ionifìo U chiamano Vmbrid de Id 
guerra VcUfgicd^dUdntiUqudle eUd funomataVnt 
brid . Turreni progenitori de gli Vmbriyfuron no^ 
tnati Galli uecchi da Latini Solino ne i coUcttanei di 
ce M. Antonio afferma che gli Ymbri erano proge^ 
niedeGaUij ilqual nome in antica lingua Tofcand 
Aramed, e^UebredderiuddaGaUimcioi inonda^ 
tione . Cofi la progenie de gli dntichi inondatovi in 
Salembrona fono gli vmbri giouani^i quali moltiplin 
cdronOi e fi fparferoper Tofcana, e ne i monti Ape^ 
nini y e con paterno cognome fi nomarono Ymbri . 
QgefJo inteje ifìdoro nel 14. de te Etemolo ^ie diceri 
do . Tofcand e parte d^ltalia, Vmbrid , cioè Vanticd 
Sdlumbruna e parte di Tofcana, De là giouane Vni 
brid dice . Euui dnchord Vmbria ne gli Apenini wer 
fnezzo di . Mirjìlio, Dionifio affermano che ICantó 
Lido ne la patria hiftoria non dice che alcuno detto 
Turreno Fuffe figliuolo di Ato . E narrando id 
guerra IPclafgica dice chefiirono i Turreni fìgnori 
del mare, non folo auanti Ato^ma etiandio prima che 
il primo Re de Pel a fgi. Laonde ne l^fioria Lida piU 
foflo contradice ad tìerodoto cercai Turreni • Ho* 
td dichiard qudntofi ha de Vhiflorid de Turrtni 4 



PERStAMA^ tré 
CAP. SESTO* 

Ho R A Ir conucuolc manifcOarc cii clic Tirreni di ^ 
fé dicono^primicramcnrc Ci ridono, che alcuno gli 
chiami fora(hcri,quando,chc s'auifano cHer foli ne 
r Italia generati, e dal ftgh'uolo che Rafenua chiamane de 
Pantichifsiino loro Dio . fano Vadimona derro , e chiama 
Ilo la Tua Tofcana di tre citta,c parte di quella bolturfena^ 
Vctulonia TufTaje Harbano detto Calombo da Lico,affer 
mando che quella innanzi il Diluiiio ne l'età Aurea dal 
fuo Dio c fta edificata,quando ehe rton anchora era nafciu 
to Ati, perciò che da elio diluuio chiamando il filo paefc 
ne la lor lingua Salembruno, oue primieramente naeque* 
re gli Vmbri, moftrano apprc/To de la loro antichità altri 
vcftigi, come i Dei, i facrificii.i coftumi, le lettere, e leggi, 
iurte Icquali cole veramente i quelli fi conuengono, che 
j>iu veraci hiftorici Greci affermano, i quali Tcriuono che 
Tirreni fòli fono d'Italia antichi$rimi,quando che non hi 
no d'altri originc,ne vi fono come gli altri concorfi,c fora 
(lieri,ma de U loro propria patria nafciu ti,e(rcn do loro;ep 
idci»c peri coftumi no fòlamence da gli altri popoli d'Ita 
lia differenti, ma etiandio de Crofoniati,c Pcrofini^chc gli 
Cono à fronte, e da Falifci vicini che gli fono di dietro tra 
i jquali fi (lano.pcioche tuf(i i Toicani hàno ^ dei Ciioue,c 
<;iunone,ma Tirreni Iano,c Verta honorano,e chiamangli 
ne la loro lingua lanich Vadimone , eLabith Orchia . 

D I O N l/?o noli, hd caudto pafì il tutto dd 

Mirfìlio . E fono qucili gli argomenti ^ primd gli huo 

mini in un luogo generati, uifono de gli altri più un 

ticht. "Perciò effendo elli foli nati in Italia jf^no più 

antichi di Turreno fvraftiero . Et ancho iloro hiho 

ricijì nomano da Razenua figliuolo di ìano Dio lo-* 

ro . Adunque Turreni non fi nomano da Meoni. Dio 

_ . • . • 

V l/ll 



: LA GVERRA 
nifìo fd nel primo quejli due drgomenti d proudre 
VdntichiÙdeTofcdni. Idno fecondo Bevo fo hebbe 
Figliuoli pif^figiiuoH.mdchidmòCrdnoilmdfchiOyC Crdna 
di lano. ^^^^ .^^ p gioudni . Fece Crdnd Helernd nel U 
tioy de Uqudle Ouidio nel 6. dei ¥dBi pdrld. Tofcd^ 
nild chidmdrono Und ddl pddre,et etdlefdcrd Vher 
bd dettd capelli di Idnd^ et ilfrdteUo Crdno Uno R4 
Zcnuuo dd Kdz che fìgnificd fdcro , cr Inuo propd^ 
azcnua? ^^^^y.^ ^^y.^^^^^^^ Dioprepodo di mdtrimoniide 

Tofcdni.Nontdnfì dd lui dnchord in Vetulonid Kdzc 
mo fiume y regione Kdzenefey egrdtd Kdzenud . il 
terzo drgomento fi piglid dd i nomi de Id regdl citù 
nomdtd Eturfh c dd Id fud pdrte Volturfend , perche 
hduendo Voriginedel nome de Turfi^non Vhd dà 
Turrenoy chìdmdno ej^i yulturrend £trurid da 
Turfi Eturfid turfend.e Vulturfendycioè dnticd Tur 
fend . Co/? non dd Turreno Meono jnd dd Turfi no* 
mdnfi i turreni Vulturreni Eturfu ò Etrufci . Bioni* 
fio nel primo fd queii'^drgomentoMirfilio Greco ufa 
il by per Uy d Id Grecdy e dice Bolturfendy e Betulmid. 
Cdldmboy come dicemmo ne Id iS. queilione Annid, (ì 

Calombo gnifìcd uerde. Et dffvrmdndo che turreni fmo dnti^ 
chij?imi,proud che gli Vmbri gioudnifidno dntichifi» 
fimi popoli d'^ltdlid . Come dffirmd Plinio nel j.cdpr 
Tarrena Adunque fìirono più dntichi gli dntichi Gdtti Id* 

origine: ^^1^ Vmbroni.che fiirono ne Vetd dured, e fon* 

ddrono Vdntichd Turrend , come hd Cdto ne l^origi-^ 
Dei di ni .Turreni dnchord affegndno s. argomenti de U 

Turreni . ^^^^ antichità . ?rimd i loro De/, perche tutti gli dU 

. unuTur 11. 

m 133 

\jnilV\JjMlTSj 



PERSIANA. t!7 
tri Tofcani hotwrdno Giowe,e Giunone. Turreni hdfì 
no k fronte i Croton! ejì md più proj^imi i Verofmi , i 
qudi honoTdno Giunone per patrone de Id citti^Ap^ 
pidno de le guerre ciuili . fìdnco d turreni fono 
Tdldrij Tdlifci , il cui monte c Sor atte . Md turreni 
antichi , cioè Vulturreni hdnno Tdlifci di dietro,e ?e , 
rojìniddudntij i qudi due popoli honordno Giunone» 
Qui dio neiTdfli. 

Aggiungi Tdtio VecchiOyO' i Trdlifci 

Chedld Giunone i:iedfdn fdcrifìcio. 
Turreni foldmente fono per dei diffirentiy cr hdnnO 
per Dio l^dntichi^imo ìdno Vertunno^principdl BÌo 
di tofcdndy e Vdnticd fud moglie Orchid Veftd Bed di 
tofcdnd fecondo Liuio nel 6, e Crdno Kdzenuo tra 
i minori dei . Sono dnchord dij^imili ne i dei da popò 
li Ldnitdni. Vopulon^ hdueano Gioue per D/o prin^ 
cìpdleMirfiliOiVdrrone-, e liuio fon di contrdrio pa 
rere^perche honordUdfì dncho in Komd idno Ver^ 
tunno^ e Veild Horcfe w, alche rifpondo che non ui fi 
honordudno per deiprincipdli^perche il Idtio ha per 
dei principali ope, e Sdturuo. Secondo Vdrrone,Val 
tra argomento de Pantichiti^e la faueUa Ardmea^co 
ì aqudle erdno Turreni difjvrenti dd i Vdìifci uicini lo 
To. Come ndrrdStrdbone al s.Varimhe fonoc 5 la fa 
ueVa dij^imili da Crotonidti, Bionfìo nel i • IJ terzo 
inditio de la loro antichità ^edale Tofcane lettere , 
che fìtroudno foldmente y come un pdtrimonio nei ^^''"^^^ 
Turreni. E fono le dntichtpime Femcee, come ho 
ietto ne Voriginéde le lettere • 1/ quarto argomento 



i 



LA GVERRA 

c àd le leggi Unigene . 1/ quinto àd i riti Idnigenìji 
i quiifempre s^c ddto Id gente Tofcdnd con tdntd te 
cellentidj che ne fono commenddti id Berofoy e da Li 
uio nel principio del s. f ultimo Argomento di Mirfì^ 
lio, e di Biowfìo nel primo, e che più fi credd d gli hi 
fiorici Greci, che ft confvrmdno co l^hiiìorid turrend^ 
che d dltri pur Greci jche non s^dccorddno con co 
lorOyche fcriuendo le cofe de Id loro pdtridyne fono 
più e Inerti. Ver ciò credaft più d Greci che dicono tur 
reni non ejfere dntica progenie de Lidi , md dnticd^ 
mente ndti in Itdlid. Perche ef?ifoli dnchord conferà 
udno le dntiche lettere^ i coHurni, i ritiy i Deijgli fcu* 
dij, e le leggi : md dice Vdlerio Mif^imo mi z.d cd* 
pitolo del coftume de i giuochi.che Tofcani deriudno 
dd CdrtetifCdd lidi diche fi rifponde che non niegd 
Mirfilio i tofcani hduer qualche origine da Lidi , mi 
non uole cheld primd origine , CT // nome Turreno 
defcendejfe dd quelli, perche certij?imdmente deriui* 
rono dd lano ne Vaured etd^e^rono gli antichi Qdl 
cioè gli antichi dUdgdti ddl diluuio , e geni tori de 
gli Vmbri . Cdto ne le origini, folino ne i CoUettdneiy 
piglidndo da M. Antonio diee^chegli Vmbri furono 
progenie degdlli,e nomdti dd Greci Vmbri con pdter 
no Epiteto , perche rimdfero uiui ddl diluuio . Word 
Viirfìlio Idfcidndo Id hifloria pdtrid , piglia ^ultimo 
uRimonio da Komdni uicini d turrcnd. 



Ì^ERSIANÀv tri 
CAP. SETTIMO; 

ESSI Romani parimente confcflino clic Tofol- 
ni fono antichi sfimijC ne Taurca età nafciuti, da 
i quali hcbbe l'antica Italia gli altari, i facrifici, 
rindouinare le colonie, e la dirciplina,pigliato'l pnncipid 
da l'Hetruria loro prima proucnza di tre dttà detta, de la 
quale i Romani Heirufci gli chiamano.Non pofibno adun 
uc gli Auerfàrij A modo alcàno proUarc.chc Tirteni dal 
gliuolo d'Ati,nome & origine pigliàffero ^ ma hebbcro 
clli cotal nome da Turfi . Perche fcSurfe, t Surfcnc fono 
città pontcficic, c TurfCjC Turfenc fi nomano . 

BlOl^ìfìo net primo nplicd il medejìmo . Là 
forzd del^drgomento c tale^ogni certa proud de Hi* 
{lorid fi piglid dd gli Autori di c(ueUd patrid , de Id* 
quale fi trdttd, ò che fianoa i^ueVia mini . Cofi non 
poffono gli auerfàrij prouare^che Turrenifiano prò 
^enie de Lidi, ò nomati da quelli . Leggendo "Kantò 
non ui troueranno Turreno figliuolo di Ato , ò cht 
tgli ueniffe in Tof:andj md fi bene che turrtni fiirono 
fignori Minare auanti Velafgo Re . ha hiitorid dè 
Tofianigli dirà^ che fi)li tUrrenifi>n nati in Italidyne 
pendeno dd dlcuno,eche ndcquero nelUuréd età d& 
ìdno Bio.e lor padre jche fono genitori de gli Vmbri 
r di tutta Itdlidy i qudifoli hanno per Dei 'principali 
Vertunno, o' ìlorchidpadrid^ Italia , eKazctìud x>c{ài 
Dioy dalquale fi nomano Kazenui ,e ddld metropoli Tofcana* 
turrita, turteni . Afiani U chidmano MoJ^ined , md 
Tofcdni turfend, e Surfend . Romani Surrena, e tur^ ' 
rena .Dimandandone poi a Romani uicini diranno 
labio pittore, Cato^ Sempronio^ cr altri antichi chi 



LA GVERRA 
li nontdno Tiérretii non dd qudche cdpitdno lorOf 
md dd Id primd regal cittì Metropoli Uetruridy CT 
che Tofcdni ndcquero ne Vdured età fatto ìdno. So^ 
no dntichi pddri de gli Vmbri de "Pduni de ninfe de 
gli dntichi Aborigini^ ddi qudli l'dnticd ìtdlid heb^ 
beld religione^ e le difcipline. Ver ciò non poffonogli 
àuerfdrifdre drgomento tdgiomuole. Et e dd notd* 
Te come non e uero il detto di Mirftlio che Turfend fi 
nomi terrd Turritd di 4. cittd , perche ne PApudnd 
Tofcdnd oltre Lucd, il monte CdrinOy e Tur/end pic^ 
ciold terrd, non di ^.xittk, md di und.B nomdfi hog 
gi Curfèndy mutdtd t, in c^p può nondimeno faludre 
Mirfìlio, ch'egli intendd de gli dntichi Turreni^ cioè 
Vulturreni , e queflo fi proud per tre modi . Vrimd 
egli pdrld de Turreni, poftiti trd Pero/Jn/, e fdlfci . 
Seconddridmente cheKomdnili chidmdno Etrufci 
de Hetrurid metropoli , e queftd e Vulturrend cerca 
Vulfinij . perche Turfendy Zturfid, Etrufd , Voltura 
fend dettd dd Komdni turrend, Hetrurid Uetrufciy é 
Vulturreni hdnno U iHeffd pgnifìcdtione , e deriud^ 
tione . VUnio nel di cdp.6 . dice . Vulturreni trd i 
qudlifi>no Volfiniefìjnomdnfì per cognome propio He 
^rM/c/> Idonde figue che Vulturrend fid cue fono VoU 
finiefiy e che il fuo propio cognome fid Hetrurid . Ne 
le queflioni Annie , e fi>prd "Kenofvnte dicchidrdmmo 
quelle uoci . Monopoli Biopoli, TriopoliyTetrdpo^ 
li.Mirfilio pdrld de Vulturreni Tofidni dntichi , che 
fono nel mezzo trd i gioghi ciminijyC Volfinefi dico 
fini Perofini. Et in quefti è utro, che Turfend^ VoU 



i bv Coo<^le 



PERSIANA- if9 
tur Jerid cioè Pdnticd Turrena fignificd terrd Tur* 
ritd di 4. cittd , hord Viterbo ,euic uicirid Srfend^ 
che chiamidmo Surrendj cr euui fcritto i Surreniefi 
AuguMi. Hfdluap in quejìo modo Mirfilio , illude 
conclude in quefto modo* 

CAP. Vili. 

E quantunque Torcbo d'Ati figliuolo i loro venne, 
non furono veramente da lui ch'era forafticri , chi;}niatì 
Tirreni , anzi à l'incontro fu , che Torebo da Tirreni fc 
condo i Greci prefe il nome. Per ciò quantunque , fi co- 
me i noflri affermano , habirarono per tutta Italia i Gre- 
cijtuttauia per cfsi Lidie Tirreni , e vicini Romani mo- 
ftrato habbiamo eflcr ùdCo ciè,che molti contro quello, 
che diciaramo de Tirreni hanno fcritto, 

L^vltimo drgomento di Mirfilio confile di una Xorcbo. 
proud di due membri, ò che Torebo figliuolo di 
fido no Henne in Tofcdnd, e co fi i Turreni no fi nomd 
no dd lui 5 onero ui uenr.e , tuttduid gli huomini nd^ 
fciuti nel p dcfe non pigliano il nome dd fvrdiìieri. 
Bt dnco dudnti peldfgo Re trouafì il nome de Tur^ 
reni e loro dominio ^e cofi è mdnifèilo che gli dntichi 
Turreni non fi nomdrono dd Torebo, e che non fi>no 
progenie de Lidi. Anzi Torebo fòrdUiero prefe il 
nomedd Turreni. Greci ch^ dicono che Turreni fica' 
Tono più dntichi che Torebo figliuolo di Aio ^fcriuo 
no con rh , Turrheno, per figmficdre Id pronontid 
Tof:dnd , cioè Turfeno e Turfend , e non come Ro^ 
ntdnij cheprofirip:ono Turreno e Turrend Vcrche 
rh,cun mezof. bercio Mirfilio dice che Turreni 



LA GVERRA 
non ft nomdno dd Turreno , ma più tojìo egli 3d lo 
ro perche ifùrdilieri fi nomdno dd quei del pdefè. A 
rincontro dirdfii che Id Tofcdnd fi noma dd T urfi^ 
che t'ombrid dd fòr avieri Veldfgi e Lidi Turreni mu 
tò il nome. Sermo nel i.de l'Bneida rifonde ^ che i 
uinti pigliano il nome dd V inori ofi, Perciò Etrufca 
Vmbria Velafgia , tofio |u nomata da Turreni Tur 
tenia, Plinio nel i.cdp^ ^. Torrebo uenendo non li 
uin/èjmd per la confdnguinitk fu r decotto benignd* 
ntentedaCibelemoglied^lijfioedd Bante fuo figli 
nolo IdTt^ di Tofcdnd , CT hebbe in dono Vetulonid. 
Bero/ò nf / 5. cofi Torrebo r decotto come firaftiero 
pdffdndo ne Id ciuilitd , leggi riti , lo quale e cogno* 
me , fu detto Turreno :^eddlui fi nomarono i UH 
Turreni , 



IL FINE EE LA GVERRA PERSIANA,. 



FRAGMENTI DI 




CATONE DE LE 

ORIGINI CON IL 
COMMENTO 

ài Annio . 

I A R . Cdto Vortio Smpro0 
nio cr altriiUuftri Komdni 
fcrijfcro de U origini de le 
genti e de le citù d'ìUlid. Se^ 
iondo Dionifio nel i. No/j ho 
troudto libro di Sempronio 
cercd U origine del^ìtalid^lc 
non è quello che fi nomd Id diuifione de L'dnticd Ita^ 
lid , «7 qudle babbi dmo commentato. Non ho troud^ 
to dnchord chi foffe qucjìo Cdto , che fcriffe de le ori 
gini , md mi fono uenutl ne le mdni certi difordind^ 
tifragmenti ^che erdno ne i coUettdnei di Macjlro 
Guglielmo Mdntoudno. lo ho ordindto queili frdg^ 
menti .perche fi leggano infìeme quanto s^appertie^ 
ne dd und regione d^ Italia , e coft partic olarmente 
di qualunque altra . E perche ho commentato altri 
autori , che rdgionano de le ifteffe cofej che ft trat^ 
tana ne ifragmenti , quiui s\fpe diremo breuemente^ 
fe non doue farà il nuouo bi fogno. Si diuidono que^ 
fiifragmentiinduepartinela prima c il proemio, 
ne Id fecondd ft trdtta de le origini j il proemio dice. 



FRA GMENTO 
l G REc! con vna tale sfrontata audacia Hoggi cefi fi 
ilargano , che non gli cffendo già gran tempo da alcuno 
rifpofto, liberamente affermano Pltalia da loro haucr 
hauuto origine , c ne le loro fauole , non Icgirima , fpor 
ca , e nuoua la chiamano , quantunque fenza alcuna au- 
torità , ò ragione , ma per fola lor pazzia . Per ilche driz- 
zaro hora i gli altri Latini la via à tutto ciò che de l*lt-jlia 
hora al Romano Imperio reggetta cfcritto, e cofi à dei 

piaccado determino di fcriuere* 

I L Udntdrft de Greci e Id fdlfd origine d'itdlid^ 
ddlorofìrìtdmoffeCdtone d fcriuere de le origini 
d'itdlid. Vlinio nel 20. cdp.i.ndrrd le pdrolc di Cd 
che moi^ fone d fuo figliuolo. Diro 0 Mdrco Cdtone di ques 
fe cato- '^i ^' /«^ luoco.qudnto ho intefo di Mene,e co^ 
ne à Ieri- ftltchene mirdr le fuelittere^md non impdrdrle. 
bere. yincero Id nidludggid e rozzd gtner diione loro. 

. Tieni qtéeflo come detto dd un^indouino . Qudndo 
di Catot ^^^ft^ gente ddrd dd altri le fue lettere , corromper 
oc ^ Td il tutto,md fid peggio qudndo ci mdnderd i fuoi 
medici.Ver c^hdnno congiurdto i Bdrbari d'uccider 
ne tutti con Id medicind. E quefìo fdnno per merce^ 
de , perche fe gli credd,e più fdcilmente ci uccidd^ 
no. E fegue. t^omdnciBdrbdrie fpurij bidfmdndo^ 
ci coH chidmdrci imbrdttdti e fordidi. Cdto dduncjue 
predijfe che qudndo Komd , CT UdUd dccettdffe i lo 
ro dutori , pieni di menzogne , CT ojfufcdtori de le 
une origini , eli/ corrcmperebbono il tutto, Ldttdìt 
Grecui *>dele i{litutioni cdp. 1$. dice. Anco dpprepM 
l^j^^^i^, foicdttiuiKe dduldno con buggidrde commendd^ 
da, tioni * Qtte/to mdle i nato da Grecita cui leggerez^ 

za armata 



DI CATONE t6t 
Zd irmdtd coh l'clocjuetitidjhd eleuato nebule incre^ 
dibili di menzogne» Giofefv centra Appione dice. Sap 
pidmo in quanti luoghi ììeUanico e diffvrente da 
gefìldo ne le Genealogie quello che fcgue cittato 
di fopra . D/orf- ro nel dice. 1 Greci daiifi poco 
tempo a gli {ludij,fì uoltano al guadagno e per ciò 
troudno nuoue opinioni y di fput ano di cofe grandi, 
finza alcuna certa fcientia Jia onde lafciano gli au* 
ditori in certi , e coftringono gli h uomini ad errare 
tutta la uita loro. Perciò Cato dice ne i fragmenti 
Tofcani fempre hebbcro in horrore le Greche lette^ 
re , ne anco uoleuano accettare le latine , dopoi che 
la Citta di Tofcana fu data da Tenbre a Romani 
Catone adunque preuedendo quai Tembro douea ri-* 
ceuere l'Italia da i Greci autori^per iìluArare l^lta^ 
Ha raccolfe tutte le cofe memoreuoli de le genti Ita^s 
liani i e fpecialmente de Turreni padr: de gli Vmbri 
che teneuano quelle antichifiime leggi I ttere, riti co,. 
fiumi e tempi del diluuio di lano.Dioiiifio nel \^e Mir 
filio. Si contrapone Cato a le menzogne e dande de 
Greciyper con feruare l'antichità d'Italia uer amente 
/plendidifiima.Lmojlra che fii habitata l'Italia mol 
to duanti !<lino Re d'Aj^irij guaRatore de Vaured 
citi quando non erano anchor Greci , la onde non 
era potuto uenire in Italia alcuno di loro. Tutti ac^ 
confentono che quejl' aurea antichità j prima che fi 
guerreggiaffe , auanti Nino fu [otto lane , camefe^ e 
Saturno antico ^ non ti Greco Saturno Aptera^che |« 
dopo Nino più di joo. anni fecondo Eufcbio ce i 

X 



FRAGMENTI 
tempi Cop ueggiamo tutti fcriuere Parigine à^ltdii 
^ dd Vdurcd etd , come F dbio pittore , Trogo , Giuhi 
no , Cdto , Virgilio , Ouidio ne i Tddi e ne l'operd 
Wdggiore , Mdcrobio ne i Sdturndli , cr dltri , che 
fcrifjerodel'etddiìdnoe del uecchio Sdturno fuo 
compagno. Concludeudno^dduncjue i nojlri mdggio^ 
^ con fi gaglidrdi fondamenti contrd Grecia che Ida 
no regnò in Itdlid ne Pdured etd.Vltdlid adunque ^ 
hdbitdtd nel i .ndfcere de Phumana generatìone.con 
fèffdndo Greci e Latini che nel principio de Phumd^ 
ud generdtione fu Id primd dured etd.l nodri dncho^ 
Contri riprendeudno i Greci con dire . ìdno regnò ne 
fixcci Vdured età , adunque fÌ4 hdbitdtd Pltdlid duanti N(« 
no , il qudl Vrimo per defio di regndre , mofjè gucr^ 
Td a Vkfid , cr a PEgitto , e mutò Paured età de gli 
duoli fiioi. Et egli fdcilmente foggiogo quei popoli 
tozi , inetti a difender fi fecondo Trogo e Giudi 
no nel i. chi fi ddnno a Greche lettere a noflra età, 
quedo ne riportdno ^cheefjèndoui fi^lamenteilue-s^ 
Uno finzà ueritd dlcund, non fdnno che Pltdlia fìa 
ndtdnePduredetd. Non duertif:ono dppreffo che 
Giuuendle dice. 

E qudnPdrdifce la buggidrdd Grecia 

Tinger di fdlfi> ne Puiiiorid fi^a 

Et ancho. ì 

che peggio fi può dir che non fi tiene 

'BeUd colei che di Tofcdnd Greca 

No/i cerca douentare a fiio pctere 
Et ancho dice. 



GooqIc 



DI CATONE itfi 

Tutte le cofe Greche, mn uedenio >^ 

Qumo fìd brutto non fdper Latino. 
^ Gli riprende le fimine .tvdu^indude gli huomìni 
Mchord poiché non fi tengono dotti ,fe di Tofca* 
ni c^hduedn fprezzM le ondeggidvti dottrine de 
Greci fecondo Cdtone^non douentdno Greci fi godo 
MLdttni di faperele fduole Greche, non compren 
dendo qudnto bidfino fix non fapere Ldtino^eU 
fplendidd origine d'Udlid . Cdtone dice Gli e bene 
legger le cofe Greche ,mdnon impararle . Leggi d^ 
mo i Greci dutori per ripigliare dd loro ogni cofd^ 
che ui'trouidmo gioueuole k Vitaliano (plendore^ 
non gli ddndo fide, oue contrddicono k la ueritk . E 
uergognamoci k cigliare da loro P origine d ìtdlid. 
YornitoH proemio , paf^idmo k i frammenti de l^ori^ 
gine , ne i qudli Catone printd dichidrd in communc 
Vorigine del mondo e d'Udlid , e poi di ciafcund Itds 
lidndndtione. Cofi mette primd due opinioni cerca 
Vorigine del mondo e d'ìtdlid , e parla contra Id leg 
gierezK^ de Greci. 

F V ci*Iralia il prina'pio chiariTsimo , c per Io rempo 
^P*jf*' origine de la gente. Perciò che ne l'Aurea età 
hebbcprcncipio,rignoreggiando i Dei lano Caracfe c 
Saturno , gente di Fenicia detta Giga , dee religiola e 
prudente, laqualcdopo*ldiluuio primieramente per il 
niondo le colonie mandi. Variano veramente gli autori 
« P origme del mondo. Caldei fe'l crcdeno etemo , Fc* 
nici c faui huomini gli concedono prercìpio. Ma in qac' 
«o fi conuengono, che per anni uo. che duri l'eri Au» 
rea innanzi Nino Re , fu il diluuio , c nacq«e in S citia U 

X a 



FR AGMENTI 

gcncrationfe d'Indouini . Ma fc tu pcnfi ch'il rrondo fia 
eterno , e che da principio il fuogo per tutto Ci fpandcf- 
le , e che gli elementi à poco 4 poco ridotti Tuoi luo- 
ghi habbiano prodotto Thucmo , ouero che innanzi l'e- 
tà Aurea la terra fufle da l'acque coperta , laqual fecca- 
ca , appariflero gl'huomini , dafti veramente ;i Seti de 
Toriginc il prencipato , i quali, come fi dice, per lo 
mondo le colonie mandarono. 

C A T One in breuitk dicchidrd innumerabilì hi^ 
Horie^O' und felud infinitd di cofe lequdi tutte ej^or^ 
remo liggiermente . Primierdmenteribdtte Id Grecd 
Udnitij e IHgnominid che ci fduno. MoHrdci J^lendi* 
. ^. 1 . ddmente l^dntichitd d'Udlid in più luoghi. Primd ddl 

Antichi - # f . • M ^ f r • 

ca d*ita- ^^wipo notdbile, cioè nel dured etd non ne id ferred,o 

La. fozzd. fecondo di gli egre gii progenitori Xdtone 
quiui, e Biodoro nel ^ . dicono . Cdldei tennero il mon 
Origine dofempiterno. Yenici, e focgi credettero chefuffe fdt 

del mon to . Arifiotile fegue i primi , Vldtone , e Id chrifiiand 
jide i fecondi . S^dccorddno del diluuio , e de l'dured 
etd dUdntiUino, dnni 1 ro. Secondo Cdto^ouero uno 
meno fecondo 'Senofonte ^ CT Archiloco Greci , Md^ 
fed Fenice, Gir oldmo Egittio^e Fabio pittore hdtitiOj 
fltroudno $. diluuii . Il primo per eccellenti a fi chid 

^^""'j ^ md Vniuerfdle . il fecondo Nilidco . il terzo Attico. 
Il qudrto Teffalico. Il quinto Fdronico , Catone la* 
fcio, e gli altri pdrldno del primo , dopoH quale co^ 
mincio l^humdnd generatione e Id primd etd aurea. 
Md fìd fldto 0 no il diluuio uniuerfdle auanti Nnio, 
gli huomini però non fiirono fempre , ma fecondo Id 
QrecdUdnitd per tmpi innumerdbili dopo il Caofà 



DI CATONE f tsf 
ò dopo^l àiluuio gli huomini comincidrono dà ufcire 
di terrd corrottd. Bioioro nel i. Md non t poj^ibi^ 
U che Id cofd nobilijiimd ne U ndturd ueniffe ne l'ejfe 
er k cdfo e fenzd feme. Mettendo tuttduid che gli 
huomini jidn nàti di corrottione , ò creiti dd "Dio^ò 
conferudtiddldUuuio j fi riceve d oue cominciaffero, . 
cr indi fi fpdrgeffero per lo mondo. Cdtone > Tro 
go , Giustino e Mo//e dicono che comincidrono in 
Scitid^eBiodoro nel cercdH lùoco particoUre ^ ^ 
oue primd furono dice , che dd principio in poco nu i^^^^^J^ 
fnerofì firmdronodd Ardfì fiume in Armeni dmdg de gli 
giore. Moifeitjfirmd che ne P Armeni d mdggicrefi huonaini. 
fdluo l^humdna gentritione^/s moltìplicdtdui , indi fi 
diuije in colonie per lo mondo, il medefimo ferine Bf 
rofo Qdldeo , lAdfed , fenice , Girolmo e Mdneto^ 
ne Egittij fecondo Giofefò nel i. de/c dritichitd. Ars» 
tnenid Mdggiore è Ardmed fagd uicind d Id Verfia. 
Vlinio nel 6. cdp. 17. dice. Verfi popoli de Sciti chid Aramca 
ntdrono tutti quei fdgiddld uicinu gente fdgd ^md Saga 
gli dntichi li chidmdrono Aramei^ilche fi moBra 
per Id primd cittd icheedifìcdrono uicino dd Ara^ 
fé fiume dettd dd Tolomeo per dbreuidtione SdgdU 
bindjet dltri Sdgd Albind Sdgd in lingud Armed fi 
gnificd in lingUd Sdbind fdngui, er in Latino fdnto 
fdcerdote.Feslo per Sdgd efpone facerdote propitid 
tore* Giroldmo per immoUtore , cioè ponteftce.pcr 
ciò queUd primd gente dopoH diluuio ^ dettd Sdgd 
cioè ponteficid , c Tofcd, cioè fdcrificdtrice^perche 
ficondoBerofo imparò dd Uno U religione , cr * 

w • • • 

X MI 



fiti.VercheìHod primo pontefice con fuoi figlinoti 
mogli offvrfc fdcrificij , cr holocdu&i. Se lano 
cNoà fono und i fleffx co fa ^ come pare che fìa per 
lauoc U cor fòmiti de i tempi, ouero fe /wrono iiuerfi 
Hwi Principi , nondimeno tutti affegnano ìidno egregif 
• "Epiteti , f che audnti il ddumo egli con fuoi figliuon 
liete mogli era di patria Fenice , e falnoj^i con nd 
iif in Armenia, il primo padre del Caos efeme dei 
tnondod.a cui gli huomini , CT i Dei hebbero origine 
e |ù primo Re e monarca de aurea età , in cui ma^ 
no è la guardia del gran mondo , e ^autorità di uol 
tare i Cardini.e dare la uerga bianca , cioè i primi 
fafci fecondo Berofo^cr ogni latina hiiloria che 
parla di lano, Vercio da lui Saga fìirono chiamati 
Sagi Tofcani . Vlinio nel ^ cap. T7. diceSagi To/i 
chi fecero prima quei fiumi e /ojjè, hauendo fpinto 
il cor fo del fiume ne le palude de gli Atriani .dette 
fette mari luoco nobile per lo porto di Atria città de 
Tofcani, dal quale p nomò il mare Atriatico , hord 
Hadriatico, Et immediate di fopra fi mette dai Sa* 
gi la fóce del po. Catone adunque breuemente efpone 
in commune come di cofe a fua età manififìe , che non 
nacque Vltalia ne la fporca e fèrrea ctà^ ma nel prin 
àpio deV Aurea -.nel primo nafccre del'humana ge^ 
neratione auanti Nmo , e da ìano Saga fommo poti 
tefìce fplendidi^imo padre , che era religio fo , litte* 
rato y Edofojò e Teologo auanti ad ogn'^altro , pas 
ire di tutti i Dei , CT huomini ^monarca di tutta U 
prima generationehumandi in mano del qual foto 



DI CATONE ttf4 
i Id gudrdid di tuttoH mondo dureo , CT ogni duto^ 
riti di uohdre il cdrdine , perciò |w detto Vertumio, 
trd in fòmd di folddto , perche ddud i fdfci , per 
trdttenere gli huomini ne l^Aured etd. Cojtnon c Vo^ 
rigine fplendidijìimd d'itdid dd gli fporchi Greci^i 
ijudi non erdnod quel tempo jtttdddl'etd dured da 
iUuBri principi dd Dei, Re e Pontefici, Cdtone 
poiincommunemàwfiSldoueldno uenendo con le 
Colonie fi firmò in Italid dnchord fdnciuUd , e doue 
ifiituildprimd Metropoli , e 11. Popoli con dltre^ 
tdnti fdfci, per rcggerld. 

E che da qucfti lano infi^mc con Dlri,& i Galli de Vm 
bri Auoli tcnne,e portato con naue perii Tcuerc, hauen 
do fcco 1 coloni, à (ìnidra del Teucre tenne la Tofcana, 
ouc egli primieramente in terra ferma pofc le colonie, Óc 
cflb fu creduto , c chiamato Dio Vaticano . E la regione 
Vaticana, ciol Vagicana fu detta , perciò che lano iui pri 
mieramenteà l'Italia diede principio, c partito/ì indi 
con i coloni,nel tratto d' Vrabria,la regalc'ftanza edificò, 
& à lano Tolimpo, e la foda (àgrò , dedicando non lungi 
dal palagio la Tirrena Augurale, oue nel nome de i mcfi, 
le dodcci colonie à falutarc il Re fi ragunaflero, indi fcri- 
aono che le dodici colonica tenere i Fafci , & ad ogni 
pretorio littore 24. huomini liberi , & armati a/Tegnano, 
Edificò egh vicino à la ripa del Teucre, lanicolo , Se Azi 
lanof ;ì le ripa d'Arno altrettante Fiefolc, parimente A ti 
Iano,al lito Tofcano quattro, Fcrcgcna, Volccna , Vola- 
ferra, e Cariara detta in Lutino Luna,infra terra 4. Ogigìa 
no, Arezzo, Rufclla, Volfino. Foco dopoi diede il deftro 
lato del Teucre Ìl Tuoi figliuoli, à Camefe . Dalqualc fura 
no due colonie C^mdcnc, Ìl Saturno, da cui fu per adfe- 
Cro Saturnia chiamata , 6c c bora il capitolio . Q^ueda in 
gaell'cci aurea piccioli c yeramcnce de Tltalia l'origine 

X* • • • 
t f II 



FR AG MENTI 

D I R T M chidìnatìo i MorijTofcdni Atldo.Gre» 
ci Atldntc . Berofoy e 'Plinio tiri r . cdp. a. dice . Dd 
¥uut (i Diritti, cofi tiottidtìo i Mori Atldtitefotio 200. 
Dirim miUd pdjii . Ma gli atitichi GdUi fìchidttidtio itmoti* 
ddti, cottte àicmttto foprd MirftUo.éyitnofòntt.VA^ 
ritìiente fié faludto Uno coti fuoi figliuoli^ele mogli 
dal diluuio iti Sci ti d Sdgd . Cofi gli dtitichi Idtiigeni 
itìctìddti grotto progetiitori de gli Vmbriifecodo Cd 
to Vdbio^et altri Ldtini^ rdccolti dd Solitio ne i coUc 
tdfìei^ oue dice gli Vttibrieffer Id progetiie de gli dt\^ 
tichi GdUi Greci li tiortidrotìo Vtttbri, perche ftirotto 
cottferudti ddl diluuio, Cerca'^l fitiidro ^e dedro Idto 
del Teucre, che fotio Tofcdtidy e Idtioj oue fotio i Bei 
priticipdli Sdturtio, cr Opc,e de le Tofcdtie^oue fotxo 
prittcpdli Dei Veriuntio,^ Uorchid, cioè Idtio.e Ve 
ftd, dicerttmo fopra Fdbioj e Mìrfjlio.Gellio tiel 15. di 
ce . hdueudtnttio ititefo che il cdtnpo Vdticdtio , CT il 
Dio prepoRofi tiomò dd i Vdticini , cioè dd Htìdoui^ 
tidre, che per uigore di quel Dio iti quei luohgififd^ 
ceudM . Varrò tiel libro de le cofè diuitie dice che 
u^erd dltra rdgione di qucfto tiotne , perche fi cotne 
Aio Dio A'o /w chiamato Dio, e ^gli rizzato uti^dltdre ne U 
Vatica- nuouduid, perche uierd fiata uditaunduocediui^ 
ttd, Cofifiiiwmdto Dio Vdticmoy in cui potere, erdno 
i principij deld noce hutndnd, perche i fdciuUi fiibito 
che udfcotw, protwntiano Id primd fiUdbd di Vdticd 
Vati ^^«^ Vagire è fdre la prima uoce . Q^eflo dice 

Natirc ^^^^ • V4t/re, e Vdticdre in Tofi:dtid,fignifica Va^ 
Natiearc gire , f natire , ò naticare cesfxr di Vagire * Tofica^ 



no. 

t 



Saia 



Dì CATONE. Uf 

ni Viterbicp, che tengono molti fegni de l^dntichitdt 
Uolendofdr tacere un bdbinoy dicono natica. Ma che 
doue e la regni metropoli Vulturna^ cr il fuo tempio 
fi firmaffero elli^lcabio , e Mirftlo confentono a Cato 
ne, e moHrafì con ragione. Perche lano fi fermò con 
i Galli progenitori de gli Vmbri , oue eÙi nacquero^ 
cioè in Saleumbrona cerca Volfìni , à Vhora terreno 
Vulturrenoj cr hora Viterbiefe. Verciò lano fi fir^ 
mò con le colonie ne la regale Vulturrena Viterbiefe. 
I^imoilrammo [opra Z^eno fonte , e fopra Vabio che 
cofa fta Olimpo /fòffa facra^o' H ^ito difacrare iluo 
ghiji Turrenc Augufi ale nomata Surrena dicemmo 
fopra la fine di MirfHio . Nota che fi nomò Sui a da 
l4fio je Vefta jìioco ueiiale, e facrificij fondata, e de^ 
iicata come Rr, ìelliy fritto nel facrario con lettere 
Tofane. Suia fecondo Girolamo, i Tamuldiflifi^ 
gnifica falutey e falutationeyperche Un* popoli ne U 
nuoua Luna ueniano i falutare il larte.Cjome qui di^ 
ce Catone Macrobio nel i.dei Saturnali. Cere a ifa^ 
pei , i Latini y CT i pretorij dicemmo fopra Fabio , de 
le il. prime cittì, CT origini de le uoci , e da fapere 
che lanicolo.EnotriOje Vinifero fono per Vinterpre^ 
tatione il medi fimo . lano edificò vinculo p facro ter 
mine tra luije Carne fe ,etra la fua prouincia lanico^ 
la, Etruria ,e Saturnia Latio .Lai. cittì fi nomò 
Arin ìanoy cioè fblimata da ìano . Carin , Arm 
fono dijfirenti uoci, il primo fignifìc a VÌte,P altro Su 
blimc,jfècondo Girolamo, CT i Tamuldifìi • Perdo i 
promocorio Genoucfc fi chiama Garia lano, dot uis caria^ 



An'n 

lano 



FRAGMENTI 

te di Jdno, non lontano da fdnta Maria ne i uignalL 
Perdo Cdrin lanoc citta fublime di Idno percjier 
poHd ne l'dlto luoco. Bionifìo nel i . dice ufauano gli 
antichi di edificare le città picciole , cr in luoghi fòr 
* th perche erano da principio pochi huomini . E gli 
Fcrcgc • ^^^fi^^ f^P^^ mare^. citta Feregena in Latino Yor 
na Gc- ^'^^^ ^^f^io • f^^^ dpo Arameifignifica il dentino» 
nio Secondo Samuel Tarnaldiila.e Genio Principioyò par 
te di pofteritd, perciò lano genio è dettto Lio d^ltd 
lid,fi come Vdticdno . Coft Idnua cittd ^ e da lano fi 
come Carin lano, e l'ifleffa Genoua /w detta da I ano 
Genio . Non è da credere che ìdno facefjè folamente 
12. colonie [otto una regal cittì , ma che poi accre^ 
fciuto Vimperio, ne mandaffe ad altri lunghi, effenda 
manifijlo che Tofc ani empirono la lombardid,e le di 
pi d^ itali a di colonie dopò quefle per che cornine 
ciòfotto lano l'imperio de Tofcdni in tuttd l'itali dj 
ne l'età Aurea fenzd armene uioientid mandando fuc 
cej?iuamente colonie, e moltiplicando per ìtali a.Per^ 
cheigiouani erano fmpre gouerndtiddi ucchij 
qudihauedno per De/ , come dice Annotile nel i. dt 
Id VoUticd e TeofrdQo è tejlimonio ne i loro frdgmen 
tijcheftojferuaffeinltalidqueB'ordine fotto idno^ 
prouajì per V aurea età.quando i giouani per riueren 
tid fottojìauano a Id ftgnorid de i uecchi per naturd, 
non con fòrzd alcuna , come affermano i fopr adetti 
Autori . Uuio nel ^.imitandoli dice, he fòrze de To 
fcdni dudnti il Romano imperio fi {leffiroper terra, 
€ per mare, e quanto fùjfe U loro poffanzd mani firn 



DI CATONE' x66 
flap che chidm (irono jofco il mure di fotto.et Atrù 
fico dd Atrid loro colonU il ntdre difoprd, i qudi db 
hrdccidno Vltdid i fòrmd di ìfola . Segue poi Liuio 
. iiqueUd aure d origine di fìgnorid : e dice Tofcdui 
érriudndo di mdre d'amendue le pdrti , habitdtono 
12 • cittd di qui di l^Apenino di mdre difotto.cr oU 
tre? Apenino altre tinte, quinti etdnoi capi dek 
ntdnddte colonie,,e pofiederonc fìn^à le dipi ogni co^ 
fd oltre il ?o, eccetto il golfo de Vinitiini, che u'hdbi^ 
tdnocercdHmdre . Pdrimente gli Alpini hdnnoVi* 
fteffd origine, fpccidlmente i Ritij,i qudi per i luo ghi 
douentdrono feroci , ne altro ritengono che l'antico 
fuono de Id uoce, CT dncho corrottd. Quedo dice Li 
uio , cop furono mdnddti più colonie per ìtalid fotta 
lino oltre quelle n. di Tofcdnd , due de lequaifìiroM 
no di Teuere lanicolo, ej Arin lino. Et ^.al ma 
re, Id printd.e Vregene.cioe desino di Idno Genio fai 
fdmente imprefji Fregne.a" dlcuni Id ncmdno igno^ 
Tdntemente TrcgeUeJaqual cittd e in Campania medi 
terranee ^e fregenein Topdnd mdritimdjOu'c la palu 
ie Alpa . Ld fecondd è Volcen , dd Tolomeo Vlinioy 
CT altri Geograp celebrdtd . Romani fi la fecero co Volcen • 
lonid. Plinio nel h^cdp.6, dice Id colonia de vdcenfì 
fÌ4ddl popolo Romano condottd. Horde rouindtd 
prefp) d Cdftro cittd maritima.contddini gittando U 
L. Id chiamdno Voce, Tolomeo Ce, Cen pgnipcd 
rame, ò argento . Secondo Samuel, e Girolamo , aU 
indicono che pgnipcd ogni metdUe. Volpgmpca dn 
fico , cefi Volcen fignificd micd cittd dd metdìU, ohc 



FR AGMENTI 
ìdno fice bàttere monete dimetaUe^ come hd Vlu^ 
turco nel i .de Saturnali per tejlimonio di Igino^e 
di Protdrco TraUiano.Et iano ceccanào i MetaUi:MÌ 
fece Immagine di Saturno . Et il monte et queRa atti 
ideino fi chidmd Volcentario , benché i marinari , ò 
per l^interpretatione , ò per corrottionelo chiamino 
Argentario. La terza e Volterra, Ater fecondo Sa^ 
muel in lingna Scitica fignificaua larga piazzd 
àuanti Vufcita de la porta . E perche queiìa è come 
un^Atrio^ilqualeuenne da Tofcani fecondo Varrò-» 
ae^fègueche gli Atriani fianoi Tofchi Volturreni^ 
cioè gli antichi Ariani . Perciò queda città fii l^inuen 
trice de^gli Atrijy da la cui colonia fu nomato il mare 
Atriatico. La quarta città c Vuna da Vinfegna cofi 
nomata.Martiale . 

E quel fvrmazzo, che uedian fegnato 
Con IHmagin di Luna gran cittade . 
Ma fecondo Catone nomaft Luna perl'interpretatio 
ne Latina, come Selene à Greci fecondo Strabone al 
. 5. perche con uoce faga Tofcana nomafi Cariar dy 

Luna ^^^^ ^^^^^^^^'"^"^^ ^^^''^^^jC^^ fecondo Girola^ 
Car. f^g^^fi^^ ^^^^iy CT lara Luna . Cariara, città Lu 
QskTuiA na,^ bora é rouinata uicino à Macra nel confine di 
Tofcana, come Fregene non lontana dal Teuere. Ma 
fecondo Catone egli pofe cerca Arno due colonie di 
quelle 1 1 . und dettd fiefole, l^dltrd Arin lana . For* 
fe cerca Arno qualche colle, oue egli pofe le colonie 
lano Arin,cioe alta terra di Uno. E trouaft forfè no 
lontano oue fi p affa Arno, e nomafi hora ponte Arin 



A 



l3Ì CATONE. \6j 
Idno . CXb^JIì fono i flucntini uicini di paffurede /' 
Arno . nord fiorentini . hd dttk di Fiorenzd e nuo^ f iorcn - 
Udj ntd Id gente dnticd Idnigend, undde le 1 2. prime ^ 
colonie di ìdnOy e con pdrte di queBa fi fece il uico Ar 
niefe in Romd. Tefe fignificd pdj^dggio, CT Vidi pd^ 
lude^ fecondo Smuel, CT Giroldmo de le interpretd* 
tioni . ìndi Fefulni in Ardmed faueìld, e fefule in Ro 
nidnd fignificd pdffdggio dd le pdludi, perche il pid^ 
no erd pdludofo dd l'dìttichiU di Idno fin^dd Hercole 
Bgittio.ilciude riduffe tutte le pdludi in un fiume , e 
diedegU il fuo cognome Arno . Hord Id cittd è roui^ 
fìdtdy CT unitd d compdgni Arin Iddi , hord Fiorenti 
vi . Edificò dppreffo 4. colonie trd Arno.cT H ^cgdl q ^ 
tempio di Yutturnd,und chidmo Ogigidno ddl fuo co n|*'** 
gnome , che fi nomò Idno Ogigio fecondo Berofo , e 
'Xenofinte. Que{lo dccennò fatino dicendo cheHpri^ 
mo diluuio fii nomdto fiotto idno Ogigio . Bdlquak 
fin^d Deucdlione corfero dnni 700 , Id regione Ogi* 
gidnd e trd Siend , CT Arezzo , dettd uolgdrmente 
Cigidno. Ld fecondd colonid chidmò Arezzo dd Vf * 
dd fud moglie fecondo Cdto. E furono i nomi di que^ 
fte ii.cittd prmd che ficffe ld lingud Ldtind. Ver ciò 
non deriud Fiefole dd YWy e fold, ne Arezzo dd Vdrd ^rckio 
turd, 0 dd drd, che fignificd dltdro , ne dd l^driditL 
"Berofo dice che Ve{ìd moglie di idno fi nomò Areti d 
cioè terrd, dettd dncho Veftd fecondo Ldtini. KufeU^ 
li fignificd Torre, ò più tofto bailone, e deriud fecon 
do Giroldmo dd Kos . Btc rouindtd preffoi bdgni 
difdn Mppoj nomdfi uolgdrmente Kofeìli , Pultim^ 




FRAGMENTI 

colonid c Volfìtìd , cioi antichipimd , CT dccefforid^ 
fecondo Samuel .Forfè jldUdìwprejios^d Uno li ix. j 
hucumoni^e cojì Uregdl Vulturrend dettdperco^ 
gnome Btrurid sUnnouerd in quella pdrte Plinio nel 
6. cdp. 6. dice VuUurreni , per cognome Etrufci, in 
queìld parte Yolftniefì . Queflo dice Cdto de Vdn^ 
ticd origine d'itaUd, picciola per numero d^huomini 
md fplendidij^imd per lo tempo , e fuoi genitori dnti^ 
chi Bài e non da nuoui Greci * 

SEGVE L'ALTRO FRAGMENTO 
DE 1 NOMI D'I T A L 1 A. 

HEbbel'Italia da Dei c da Capitani più nonii.da lano 
veramente lanicula, ilquale vogliono,alcuni che fi- 
notrio vcniffc dettO; perciò che trouò c gli il vino, & il 
farro. Camefcna da Camcfe , e da Saturno Saturnia , Sa- 
lembrona parimente de gli babitacori fu dctta.Duiò il oo 
ne de la terra Saturnia quafi altretanti anni , quanti fu 
rono quegli de r A urea età fino ad Api vltimo d'Italia 
Dio , come Antioco firacufano kriuc , ilqualc Apenni- 
na c Tauerina la chiamo , ò come piace ad Hcianico, per 
che vi fi generano grafsi bnoi , oucro feeondo Herodo- 
to dal vitello che n'vfci^ò pure che Greci chiamano! 
buoi Italus , come Timeo dice , quantunque alcuni Gre- 
ci vogliono che da buoi d'Hercole (ìa detta, indi da due 
fratelli , da vno Heiperia da Paltro Italia chiamofi . Con 
qucdi nomi da prmcipio fu chiamata l'Italia cerca il Te- 
ucre, come fiume tra gli altri d'Italia da tutti i Dei , & 
huomini difefo , e commune fedia di tutto l' Imperio ,e fa 
nel prencipio , 6c origine de V Italia da i figliuoli di Uqo 
chiamato Albula , diuidefi l'Italia con i monti Apennini^ 
& Italia di qua d'Apennino^e di la chiam<){i» , 



. DI CATONE ,« 

Cmmctdmo aà ej^onere dal Teucre , e cefi uede* 
rajii mmftftdmente l'intentione di Cito cantra Gre 
ci. Unofit ti primo che uenne in udticano e nel Uni* 
colo, e lo tengono per antichij^imo di tutti i Genii e 
Dei, Giuuenale. ' 

I^mmiqualfiffequeW antico E/o 

Tu Uno padre 4 quefti dai rij^ofta. 

bercio t Sali) facerdoti celebrauano il lore U* 
no per r>io de i Dei e padre. Macrobio ne i Saturni ra„o „f 
ft. "Parimente -Berofo affirmaluiefferconfutioe pa^ mo di i 
are dt maggiori e minori Dei. Qamefe e Saturno uen • 
nero con naue nel fiume Tofco à Uno fecondo Bero* • 
fo , Trainano , Igino , M acro bio neh. de Saturni 
Il , cr Ouidio nd t.de fafti. lano fece Dea Helerna 
«rc<i /e riue del Teucre , Berofo nel 5. Ouidio nel 6. 
de Fasìt. Cefi da principio concorfero 4, gran Bei 
almedeftmo luoco del Teucre. Uno,Saturno,Camefe 
e Crana. Api anchora interpretato da Antioco To* 
ro,uenned Teucre, c chiamò da fe Vltalia Apeni* 
tia , cioè Taurina. Secondo Cato. wfpero anchora, 
regno in Vetulonia , cr Italo ne la parte Ttberind 
a'it alt a edifico C apena. Sia queSlo l'argomento di 
Cato. Tutti i Principi progenitori de fltalia , co* 
mnciarono cercaci Teucre di qua e di la,percio il ftu 
me Teucre , che confina con l'Italia e con Latio e 
luoco folo in tutte la de i Dei genij d'italia.Ma non 
m fi troua alcuno Dio Greco, la onde fimanifidd 
che non hebbel'ltalia. principio da Greci, ma dà 
lo fplendido [angue de Dei . Uno carne fe Crani t 



FRAGMENTI 

Saturno non furono Greci,ma Aranci fecondo Bc^ 
rofo , cr i "Latini , cr io foprd Sempronio Yabio 
ho dichiarato. Et Api Egittio detto per cognome 
Gioue giuiio ,|ù Dionifto e per nome ofiri , che tri^ 
onjò in Italia de i giganti. Co/? Uefpero Atlante, CT 
ìtalo fitrono eiicrni , ma non Greci. Per tanto non 
• hebbe l'Ualiaì>rigine da Greco alcuno quantunque 
alcuni di loro fvrafcieri fiano {iati benignamente 
,^ ammej^i ad h abitare inltalia. Et è queda la mente 
di Catone contra Greci . nord confideriamo partii 
colarmente le fue parole . Alcuni chiamano lano 
Enotrio , perche trouoH ufo del uino e del Farro. 
Vercio fecondo Fabio in ogni facrtfìcto fe gli offe* 
riua un micolino di Farro , cr alquante goccie di ui 
no.Ouidio d quefìo dice. 

Kicerco poi perche ragion facendo > 
A gli altri Bei lor facrifìcij yfempre 
Ateprimaojjirifcoincenfo e uino 
Dicemmo fopra Mirfìlio de le tre Enotri e, e de li tre 
Enotrij, ni camefe e Saturnia parlammo d lungo fos 
pra Sempronio e Fabio. Et anco di He/pero , ìtd^ 
lo , Api , Edi , ofiri , e come l'itaUa |m da lui noma^^^ 
Qtecil^^ ' d/cf mmo foprd Berofo . Oue dice che i Greci 
' ' contrariarono ad Antioco Siracufano , lo refiri/ce 
d quello , che fcriffe d Marco fuo figliuolo chefo^ 
no Greci maluagia e rozd , cr indifipUnajbdc ge^ 
neratione Maluagia dico. Perche portando inuidid 
i tuttiydudiano di ufurpare l'altrui fplendore con h 
ro menzogne , c fono indtfciplinabili perche non 

mai cre^ 



DI CATONE 
mai cYcàono de U antichità d più dnchi.Udlicdrndp' 
fio dice che Antioco Sirdcufuno c dntichi^imo Ht* 
borico. E ne i'ijlcjfo libro dice , benché molti dico^ 
no l'ItdUd effer dettd Tdurind dd i buoi , nondime* 
no Antioco ferine che fi nomò dal fuo Re Taurina 
poi che cejiò nomdrfi Saturnid. Nondimeno fduolèg 
gidno ipiugioudni che fi nomdffe ddi buoi come 
fenonfxpejiwioperqudlcdufdld Grecide Id Aio* 
red fìijjè nomdtd Egidled cioè Uircind, perche gene 
Td huomini caprini e fpor chi , e perche gli Itdlidni 
chidmdno i Greci cdpri . Co/} non debbo credere <i 
più gioudni [dìtole ggidtori lieUdnico , Ucrodoto e 
Timeo j md d ["dntichij^imo Antioco cercd Apenino 
c Tdurino dntico nome d'itdlid . E perche Apterd ^^^^^ 
àntichìfiimo Saturno de Greci fit empio e feroce, cd-^ f ' 
iìrò fuo padre yUccife i figliuoli guerreggio coii i ^"^^ 
fratelli, morto dopo Api e cercd dnni 600 . dopo rau 
rea etd computando dd Nino fecondo Eufebio , per* 
chefiuede Id menzogna di dlcuni che fe^uendo i Gre 
ci/fcriuono che Saturno Greco uenne in Itdlid 4 Ids 
no ne Vdured etd: md io foprd Berofo,e Tdbio ho mo 
jlrdto Id buggia de Greci^che uogliono ìtalid, e Spd^ 
gnd nomdrfi HeJì)eriddd Uef^ero SteUd , e tuttauid 
eUdfi noma dd Uefpero Re . Co/? ributtidmo coloro^ 
che affirmao l'Italia effer nomatd Apenina dd Anni^ 
bdle Peno, cioè Africdno. Voiche fit cofi dettd dd Api 
i$o. anni dopo V aurea etd, perche tdnto durò Vdun 
red etd, cr il nome Saturnid . Berofo computd da U 
morte di Sdturno giuflo, e pio fin' di trionfò di Api in 



4 



FRAGMENTl 

ItdlidMl ^^dk fin'dd Annibale fi computano più Ji 
^lOo.dnnijCotnemoBrmmo neUnoflra emendata 
Cronogrdfid, cofi l^ltdlid fo dettd Apenind itoo.dn-s 
ni dUdnti Annibdle.cdusò qurii^errcre il paffdr d'An 
nibdle in Italid detto peno . Giuuenale dice. E ruppe 
con dccetto gli dltri monti . Quando poi d uidt 
V Udii a in tre pdrtii ne i monti Apenim, che diuidono 
Vitalid per la pid meta , in italid Qifalpind , al mare 
difottOjC Tranfdlpind al mare di fopra • uuio fd 
l^ijleffd diuifìone nel $ . oue fcriue de Porigine, e grdn 
dezzd de l'imperio Tofcdno,e fempronio dice hflef^ 
fo ."Diccidmo findlmente di Albuld dntico nome del 
Teuere . Vrimd di qudnti nomi /w chidmdtOjfecondo 
dd chi prefe i cognomi . Terzo quando. Quarto che 
fignificd Albuld. Quinto qual parte gli è defira,òftn 
nijlrd .Tlinionel^.dl cap. c.rij^onde^edice Tibe^ 
fi dudnti fi nomò Tibri , e primd Albuld . Virgilio 
nel ottauo. 

Con queUi Vdjj^ro Tibri, e di grdn corpo 
Chidmdro Italidni dd cofiui 
, il fiume TifcW, che perde il fiio uecchio 
ì^omcj eh' Albuld, fu prima chiamato, 
fd fecondo dico chefo detto Tiberi dd Tiberio Re de 
gli Albani . Liuto nel i . Ouidio nel 2.. de Taftidice. 

Albuld, che p4 poi nomato Teuere^ 
. Ver ciò che Tiberin ui fi fommerfe . 
Trouandoft nel uerno d*acque gonfio. 
E nel 14. de de le metamor. dice. 
C<tp(> fitprimd 3 Tiberin dalui 



CI CATONE 170 
il regno prefe, e nel Tofcano fiume TibcrL 
CctdendOy d Vdcque diede il proprio nome . Albula. 
Komoj?/ poi Tibri da Tibero Re de Tofcunij come 
figmficò Virgilio. MbuU deriud da l'dbd di Uno. 
Ouidio nel 6. de Yàfti. 

Et detto ciò, que ìld uergd le diede 
che poteffe cacciar uia da le porte 
Le (Irighe, cr alba fi nomò tal uergd . 
Borofi) nel dicelano creò Qrana fij^a figliuola re#^ 
"gind d gli Aborigini, e le diede lo fcettro con l^Albd^ 
Catone, e Virglio figmficò , che Albula da Vhlbd di 
lano fu ueroj er dntico nomefi)tto lanigeni . Al ter 
Kofi rifponde, che Tiberino Re de Albani, il 10. do* 
po Ened annegò nel Teuere,e /w l^ultimo che gli die 
de il nomeprimd che s^edtficafff Kcmd id?. anni,co 
me computa Eufebio confi^rmandcfi a VhiHoria Lati 
na . Tiberino è quello, che i Pel a fgi nomarono Tibe% Tiberino. 
ri d tempo di Tefeo Re de gli Ateniefi , e prouafi con 
tdlefirtifiimo drgomento, che Manto Fatidica ferui Manco. 
fotto Tefeo, e Cleonte ^e ft4ggendo,nauicòin tofcand 
d Tiberino Re , dalquale ingrauidata partorì Ocno 
edificatore di Mantoua . Co/J ad un tempo regnaron 
no Tefeo in Atene, e Tiberino in Tofcana, e Manto 
nduicò dd quello d queSlo. L fecondo Eufebio Tefeo 
regnò d tempo di Priamo , ài Eano di Volturnd 
Urte Tiberino,auanti Mezentio Agilino fecondo md 
netone, cofiil penultimo nome del Teuere pofto ad 
Albuld fotto Priamo, auanti la rouinadi Troid, più 
di 450. anni primi che fi edificaffe Troia che no erd 



FRAGMENTI 
• énchordUlingudldtind.e durdud dnchordVdntico 

- nome Albuld. E mdnifiiìafì ancho in tdl guifd . 

U primd cheperiejfe folto Tiberio queflo nome ^fi 
chidmò Udo^d Id gente Lidd per guerrd iUuflreM^ 
quale fecondo Virgilio hdbitò nei gioghi Tofcdni, 
cioè ne i Vulturreni uicini di teuere.vUnio nel ìXdp* 
6. dice • Sono cercd Volfmoi Vulturreni detti Toh 
fcdni i perche dd le fónti del teucre fmdH fine de Id 
primd metd fettentfiondle.fì fermò Turreno Meone 
€ pofe 1 2 . colonie lide fecondo Herodoto . Mirfìlio , c 
Dionifìo nel t • Meoni uennero qudndo Ddrddno uc* 
cifo fuofcdteUo Ufto^ fuggi in frigid. fecondo Bero^ 
fo . Cofiprimd che s'edificaffe Troid Albuld fii chid^ 
mdto Lidoy dd Id gente che ui hdbitò. Virgilio,^ di 
tri Voeti tdl uoltd lo chidmdno Udoj md più fouente 

Tofco Tofco . Mdrtidle nel 4. Lduò le udcche Hefperie 
iume . al fìn^^ (gfco . Alcuni uogliono che p chidmi Tofco, 
perche ndfce in Tofcdnd ,m4 ft chidmarebbe dncho 
Vmbroy perche ndfce in Vmbrid. Biccidmo ddunque 
con Tdbio pittore^ che il Teucre erd il confine de Piwt 
perio vulturreno trd gli dntichi I dno, e S diurno y ih 
qudle dd Id principdl citù di vulturrend fU chidmam 
to Vdturreno.e cefi fii tofco in Latino, Sonoui ddum^ 
quedue cognomi dd Id regdl Vujturrend , cioè dnti^ 
c4 Turrend, poBd Tibero.cioc VuUurno per dbbre 
uidtione fenzd dbbreuidtione vulturreno^tofco.Vdrm 
ronedliJilingud Ldtinddice. il teucre inqudnto 
Vulturno e cdpo fìiord del Idlw.non s^dppertiene d Id 
lingud Ldtind, benché pdfi in ufo di queUd • Pcrcfcc 



>oofr 



DI CATONE tjt 
Vulturrcnd,ò Turrena Vulturna, 6 Turnd in quut9 
ha il cdpo de Vimpio Tofcdno fuori del Latio,e di ori 
gine Tofcdnd,^ Armea, perciò Turreno Vulturre 
noy e tofco non fi fcriuono con fc, perche tofcd è par 
te de Id cittd regdlejcriuaft fen^d h, Virg. nel 7. de 
VEneidd dice* 

Lduoin Turreno quelli bouilherL 
TU il nome Turreno dnduti Id lingud Ldtindy t Grem 
Cd . Sotto lanoj e fatto nercolt Egittio , cofi i nomi, 
e cognomi di Albuld fiirono poi quefli Tiberi fotto 
Vridmo, tiberi fotto Albdno Ke.Udo fotto Turreno 
Meone, tufco fotto tufo Ke figliuolo di Uercole Egit 
tioSotto Idno.e Sdturnc vulturreno ddld regdlcit^ del Te- 
fi refhd chefìndrri ilfgnifìcdto di queilo nome Albu ucrc, 
Id, eld fud origine, ch'i il quirto quefto . Alcuni di 
cono che il teuere fi chidmo Albuld ddl colore bidnco 
detto in Ldtino dlbus . Md Seruio dice che ^epiteto 
del teuere i cheftd gi dileggi dnte. Virgilio dice. 
E gidUeggidnte con Id moltd fdbbid. 
Hordtio. ne le ode dice. 
Vedemmo dnddre il gidUigidnte teuere 
Con ronde fue ritorte k rouinare 
ìllittodi Tofcdndyoue egli forre . 
Glie dnchord Ydlfo, perche non erd dnchord U lin^ 
gUd Ldtind , cT Albuld e nome compaio dd vU ut 
Md Scettro di \dno,cercd Albd, vld > cr vidi è dx 
fdpe^e che A Ibi fi compone dd dUche fignifìcd mifiu^ 
fd fecondo Qiroldmo, md Ebdn è differente dd EbdU 
fecondo Samuel Ebdl fignificà mucchio di pietre, cr 

Y« • • 
III 



là 



FRAGMENTl 

feban* ISidnii uerghe . Vn fdfcio di pietre fi chidtndrèhhé 
Akbdljouero Albdl,md unfdfcio iiuerghe,e firro fi 
nomd Alebdn^ ouero Albaiiy cr indi U regdl cittd de 
Cantica Scitid Imgo Vhrfx fi nomò Albina, eU pro^ 
Uincid uicind Albdniuj CT il regdl terreno di ìdno , é 
diuifo in due regioni Ri \dn0y CT AlbiìdnOy ddlqud^^ 
le fi chidtnò Albuld il tenere * Adunque ìdno diede 4 
Crm-d l*Albd per fcettro, cr c un fdfcio di uerghe, e 
firro^cioè und [cure per fdfcio d punire i malfdttori^ 
lequdi iilitui uno per sbigottire i cdttiuijche non tur 
bdffeno Vauredetd . Ouidio fdmulofamentediffe che 

^ Uno diede i Crdnd tjueiid ucrgd,perche poteffe cdc^ 

cidre le jirighe dd le porte . ìduo adunque le ordino^ 
e diedele ileìz. colonie , per raffrendre gli huomini 
tozzi . E // diede ne Id regdl citti Vetulonia , SiUio 
nel ottduo. 

Volfe che precedeffero li Tdfci 
dodici con le fcuri accompagnati 
Ad ogni lucumone precedeud un littore con unfdfcio 
di uerghe, e lefcure, Dionifw nel 7. erdno ifdfci dn* 
ticdmente come hord Id corond, e lo fcettro, ej ufd^ 
no gli Autori di nomdre Fdfci , cr dlbd Id fìgnorid 
imperiale . Albo era la togd imperidle . Nomduajì in 
lingua Tofcdna Panno, coHqudle ifideli Prencipiy CT 
gioir elijì fdcerdotifì uelaudno , perno dd Ardfe fìum 
Ibjnj ^^j^weprimit/? frrmòld generdtionehumdnd Saga 
^ ^ fitedficdtdldregdlcittàSdgddlbindyCioèSdgd im^ 
periale^ebreuiando con Tolomeo,Sdgdlbina. A que* 
fta c uicinala colonia, e prouincia Alba,v' Alb^nidi 



A 



DI CATONE 171 

f con tioct fciticd U ferine Tolomeo^CT ditti Gtogr.S 

"fi , percht le prime colonie imperiali fì^rono dd lui 

fHdnddte dd Sdgdlbind . Non è adunque mdrduiglia 

fe id regione^ oue fi fermò Idno pddre, e Re, detta 

Albd Idnd. o per compofìtione Albina, cioè imperio 

di ldnoy et imperiale regioe Idna.E fonoui indìtij del 

nome ft ddl Re come de Vimperio^ oue i la regal vuU 

turrena di lano nomafì Ri lana , cr Bd lanefe , cioè 

regia di l ano . Perche BJfignificd Re,come dicemmo 

ne le Annie que{lioni . Ma Vltra parte di quejla re^ 

gione, da Ferentino ueefo^l teucre fi nomaud Albina. 

Cr Albino hord fi chiamd un fime^ che mette nel teue^ 

re, cr il primo di Vmbrid uicino di tenere nomano 

Albino . Ver ciò non mi mdrduiglio ft Uni geni chia.^ 

ntdrono il Teucre Vulturreno dd Id regal cittd^ e da 

ifdfci Albuldj cioè imperidle , perche vidi fignrfìca 

pdludcy cr Vld il correr del fiume . Qneflo uuole inn vlafc \ 

ferir Cdto contra Greci , che non currdvonoi Bei di 

fdr primi hdbitdtori d'itdlid , i Greci nuoi huomini, 

perche ejii D«, e Vrencipi de Vdurcd eù, CT ifeguen 

ti elef?ero la regione Tiberina, cr ri fiume per com^ 

muìie rocca,e fedia per Vimpcrio de i Deiynon de Ore 

et, e diedero i lor nomi à la regione^ CT d fiumc.pers 

che fìiffe eterno , e firmo inditio che W gente Italiana ' 

fìa nafciuta in tempo antichifimo dd i Vrencipdli dei 

t non dd Greci , chiamdti nouif^imi di ogni ndtione 

dd Giofefo contrd Appione Grdmmatico . Greci poi 

che fi edificò Troia , fiirono certi Aborigini fenza 

erigine certdyi qudi cdcciati li Idnigeni.u'habitaroi^ 4^ 

Y« • • • 
tilt 



FRAGMENTI ' 
no . S&dhone pdvldndo ie U Grecid dice, che hahitd 
reno prima Barbariy perche hdnno dttchord trd lo« 
ro molti nomi Bdrbdri.Perciò non hdnno U fud ori^ 
gine, hdnnojì dppropidti i 'Dei de Yenici] d'^Egit^ 
tij^ e di lUiriciy Oc/o, HercoU, Sdturnij Gioui.'Et Ho 
meroxhejupur heri fecondo Kerodoto neVz. e Gio^ 
fefò contrd Appione^ primieramente fii drdito di men 
tire-, che le origini ^ forme y e ritifvjfero de GrccL 

SEGVEILFRAGMENTODI ISTRIA 
E DE LE ALPE D'ITALIA. 

AFfcrmano gli habitatori che tutte le alpi furono 
de Tofcani coloiiic,c che da e sfì Prencipi u*pro 
genitori de la gente hcbbcro il nome,come Re- 
'ij da Reto Re de Lidi , e Veroncfi da Verona Tofcana, 
coIonia,Comenfi da Coma. Regio da Regio , Volcurreni 
da la valle Volturrena , Ofci da Ofcela. Hiftria parimene 
te dal Capitano madato da lano tiene il nomc,Ma voglio 
no alcuni Grcci,che da Hiftro fiume, bora Danubbio det- 
to, Hiftria fi chiami,al(juale Idami popoli diedero nomc,e 
fingono che di quello vn Ramo per Hiflria pafiando^ne 
l'Adriatico metta, Altri fingono che la NaueArgofuda 
Hiftro oltre i monti portata in lpalla,c ne l'Adriatico gui 
data,tanta c de Gtcci la vanita e lcggcrc2za,chc da le por 
te dMftro fino i fuoi fonti oltre fmifurati /pati; de popoli 
/iano volati,^ habbiano nuotato oltra i fiumi,e portando 
la iu rpalla habbiano nauicato , Io non (o fe i Greci eoa 
l'Argonauc nauicarono l'acque, oucro fc la Nauc fopra 
gli Homeri portata nauicò i monti* 

H A B B I A M O difopra intefo dd Uuio , che 
Tojcdni primd hdbitdrono tzxittd di <fud dd l^Ape 
mnOyC che poi manddte Colonie oltre V Apenino ficm'^ 



15Ì CATONE I7f^^ 

•^updrono il tato oltreH Vo,e le dipi de Itcdid fmoii 
KctijySempronio dice che furono mdnddte le Colonie 
^nco di qui dd Po dd Bionore fvsfmo Urte di Tofcd 
ndAuileggcrd più chiardmente quello che ferine qui 
vi Cdtoncjfl qudle dicendo che VHiRr^iafunomdtd dd 
Idnigeno Vrincipe,ìl tutto prefe dd Berofo Caldeo^ 
molto dd Komdtii ìiimdtojl quiU nel $. dice fAnno, 
37. di Sdturno Pddre di Belo Tuif one diede princi^ 
pio k Sdmtdtijche fono un popolo numerofoyC Mdre 
fd con fuoi figliuoli iBitui gli Antichi Me/?/ de A« 
duld monte fin'*d Ponticd Mefembrid. E che ui jiijfeit 
ro mdnddte di Scitid non di UdUd egli difoprd ne 
fcriut. 

CERCA'L Ddnnuhio detto ifìro. Plinio nel4*cd ^^^^ 
pi.iiÀice^lfcrondfce nei gioghi d^Anobe monte di 
Cermdnid , d l'incontro di Kuurico citta di CdUid 
molte migli d dild ddle ^/pi . Corre per molte genti 
(òtto nome di Bdnnubioy dipoi entrdndoin lUiridfi 
chidmd ìilro.riceuein fe feffdntd Tiumi^e dd mezo in 
giù nduicdbile mette nel ponto con grdndipme onde. 
Vedcfiquiui cheVuiftrid non fi nomd.dd ìJlfOyilqud Hiftrft 
Upiglid queiìo nome molto lontdno ddìtdlid cue 
hdgnd lllirid , l'¥ii{lrid ddunque prefe il nome dd 
qudlcheducd nomato Hiiìro e mdnddto dd Idnc.Vli^ 
nio nel cdp. 1 9. dice Hiflrù fi nome dd ìf^ro fiume^ 
cheddl Bdnnubio mette nePHddrid ^emolti differo 
fdfdmente che k onde d^lilro incontrdv.doft con quel 
ledei Pojdnno il mdre d^dcqud dolce, md ueramevtt 
prefe errore Cornelio nipote hdbitdtore d Po ,per 



FRAGMENTI 

(he niuno fiume dal JDannubio corre nel mire HdM 
aticoMi L^Argotidue^che per un fiume fcefe nel md^ 
re HddriaticOynon lontano da Tricfte, ma non fifs 
per qual fiume alcuni dicono che fii portata infpal^ 
Une l'ìUro e nel feguente cap.dice Pota bora Giulié 
anticamente edificata da ColofiiCio ida Sciti fecon^ 
doCatoe Berofo. 

SEGVE IL FRBGMENTO DE 
LA REGIONE Dì VENETlA. 

VEnctia prouenza ftcndcfi cerca il golfo del mare 
da l'H iftria fino à la foce del Po, Vogliono alcuni 
che dal Tiliauento Ce pigli prencipio, pcrcioche af 
fermano i Taruifini gente da Perfa d' A pi Capiranno ha- 
uer hauuco origine. La prima origine de A^encti fu da 
ronre,dondc prefero i Greci occaìione di dire di Fetonte, 
& d'Eridjno fiume più mczgnc.A quelli poi la Trofana 
gente fi mcfcolò.Ia quale cd.ficò Padoa,per Io Tuo edifica 
core famofa. 

DE/4 regione Vinitiana Sempronio ragionati 
Paciotc lungo. lAa FavtSte padre di Ligure no jw Grecco per 
che egli primieramente conduffe d^£gitto in Atica 
indi in Italia le Colonie auanti Enotrio e tutti i Gre 
ciy come afferma Cato , in Dionifio nel primo impu^ 
ta i Catoneyche egli narri cofe fmli à fauole: a cui 
Catone rifponde con dire. Vincerò la maluaggia er, 
indifciplinabile gente Grece a , che corrompe il tutto 
le fuc Ietterete mi uergogno pigliare da Greci le 
ragioni de l'italia.Berofo e Cato ragionano copiofd 
mente di quefloFaetonteJlquale molto auanti pafjo 
lecolonie in Liguria fin' al Tiliauento benché poco 



131 CATONE. I 174 

iUdtiti che fi edificaffe Troid^ d^po U rouind de 
quale Antenore cr alcuni Troiani andarono in U 
prouincia di Venetidj perciò Catone dice yche poi fi 
mefcolò co quei la nobile prole Troiana. Plinio neLu 
tdpitu.ioMce Catone a^rma che Veneti nacquero vcnccl 
ia Troiani y ma fecondo alcuni da i Veneti di Afta c 
fecondo Berofo dal Bucd faetonte lE.ridanofÌ4rono 
pofte le Colonie Cercaci ?o ^eda altri difendenti di 
Fdetonte Eneto^Tila e Vento,tutti vemi , da laqual 
regione prefe il nome ta Città di Vetretia.Si come dal 
uecchio campo di Ogigia fii poi edificatp Ogigiano 
Cdjlello tra Siena Arezzo CT il fonte nuouo di Vetu* 
ionia.SipatiprefU nome da Sipdt terra di Qibele, 

ScriuemìnofopraBerofodele menzogne di Eridd^ 
no e Faetontè. 

CERCAI fragmento feguenteeda notaresche 
Tdurifci Son Norici Plinio nel.hcap>^t dice.Cìuei Taurifll 
che prima f nomarono Carni, fono Tauri fi da Api 
cioè Tote^che uenne d i fonti uicini nel ìfìro.tìiodord 
ìlei primo dice che gli è fritto ne la Colonna di Ofu 
ri Gioue Giulio detto Api,e da quel luoco da gli Ita-i 
hdyinchinnato contfdi gigdnti,contro iquali per tut 
toHmondo guerreggi auano. Betofo nei r. Diodoró 
ìiel.6.dice che Gioue giudo ìiebbe il padre empiono" 
(egli guerreggio contra rei huomini per tuttoH mon^ Oisid^ 
do,e fì come Macedoni gli por fero aiuto. cere a Pale^ . 
ncycofi gli fòccorftro gli italiani nel campo Tlegreó 
detto poi cimery perciò tuttofi mondo lo nome Gioue 
giuiio e Saluatore, cefi dd le fènti d'idro JAorich$ 



FRAGMENTI 

AphOpriyGioue giujlo trionfò in ìtdidje nomoUc A 
penine fecondo BerofoAntiocOyC atee Diodoro ,fo:» 
no molti ueRigidiOftriinVetulonid e per Vltdid 
da Qgeft( Norici Ofìridni , Tdurifdnni fu edificato 
Taurifw hoggi Triuifo.Segue ilfragmèto de la Tra 
[pana GaUia. 

T V T T I i luoglii rotto le Alpi oltre il Po da anticlif 
Tofcani.madatoui Coloiiic,furono poffeduti, c molti luo 
ghi confcruano il nome da loro hauuro , Franciofi molti 
ne {IrufTcro,!* quali primi haucndo per capitano Arunte 
Clufsino, paflarono le alpi, 6c i poco à poco di tutta Gal- 
lia Cifilpina cacciarono i Tofcani , & il pacfe da Galli pi- 
gliando ilnome.Gallia Cifàlpina vien detto,ouc e Manto- 
ua per ceno Bianore Tuo edificatore e de Tofcani Re , e 
famofa.PafTarono le Alpi i Boi,e Senoni,e gl'in fubri & al- 
tre genti di oltre le Alpi . La Gallia di qua dal Po, da Oc-r 
no veitoriofo Bianora per adictro , di poi Fcifina fino à 
Rauenna, hoggi Gallia A urelia, 8c Emilia da Romani ca- 
pitani vien detta • La città del paefe capo primieramente 
da Tofcano Re che l'edificò chiamafi Felfina. Indi da Bo- 
no Tofcano fucceflbrc, Bononia fu delta, fpireto foce del 
Po, fu da Pclafgi che edificarono Spira chiamato , e fu da 
Diomede reedificato , Nouaria dal nome d'Herccle Egit- 
ti©, primieramente fu detta Libica, e dal cognome Aria.c 
con parola Eg'ttia Leonina-Ma da Liguri rifatta ,chiamoC. 
fi Nouaria, Olano prima fu detto dal Prencipc de Tofca- 
ai, ilquale primo con le colonie oropie vi fi fermò , la cuf 
origine, come etiandio de Comi, Bergomi , Licinofori , de 
altri popoli d'attorno non fi fa , indi da medo d'infubri 
Prendpe fatta maggiore Melano vien detta, il Po dal 
conduttore de le colonie fu chiamato Eridano , ma 
Tofcani per la fua altezza Botigon , c Liguri Botigon 
lo chiaraaro , ma Franciofi da la Picea ' Albero , che 
glii d'attorno lo differo Po . oltre la foce del Po , c Ra-^ 



i 



Ir 



I CATONE 175. 
Menna gencrationc de Sabini, Saga de Tofcani terra ^ roof 
nat-i, come Anchora, Adria, da cui l'Adriatico mare heb 
bc nome Gallia Flamminia fino ad Arimino dai compa- 
gni d'HcrcoIc edificata V da lui chiamata, indi ad A ncona 
c Senigaglia, da Senoni, cacciatone i Tofcani, chiamata. 
Hoggi G-Jlia Togata fi aom^. ' 

SEGVE PR IM AQ^VESTO 
FRAGMENTO. 

A nchora prima in lingua Tofca, c d'Aborigini Picco# 
• lu detta . 

C E Kcdrrdfl)dddnd regione dicemmo foprd Se^ 
pr onio. Gli dntichi GdUi d'Itali d,et i primi, che pafr ^""f^^ 
fdrono le alpi d'Udlid^cr i primi , che paffato Upr* ^ 
nino, uennero in Tofcdnd^zT drfcro Roma fono dtfm 
ferenti • Gli dntichi GdUi nomati Biluuio forono Ids 
no j cr gli Unigenipddri de l'antichij^imd prole de 
gli Vmbri in Udlia^duanti Kino nel principio de l^'au 
rea eti . Quefti furono auanti Komd drfdquóft t. 
miUid dnni . Md i primi Galli , che paffarono le alpi 
d'Italia dd Galate figliuolo d'Hercole guidati , fono 
Celti uolgarmente detti Francigeni . Queiìifiirono 
conladolzezzddeluino ddefcdtid uenireinUalid. 
dd Arante Clufino , per uendicdrfi di lucumone , che ... 
glihauea uiolato la moglie loo.anni prima chefiar ^({J^ 
deffe Komd d tempo di Tdrquinio prifco, dopò l'au^ Italia . 
redetd poco meno di i f op. anni. Qjjtjìi paj^ati k po 
co d poco le alpi Cacciarono i Tofcani da la regio^^ 
ne oltre il Po,e poi dd quelld di qua ddl Po, tanto che 
I Rctz ^rono aùrctti 4 condurre le cckme Tofcant 



FRAGMENTI 
ne i Ketijj come ajjvrmdtio gli hijiorici • Co/? per 
dulterio di und fimitieUd fi perde /Vmpcno di Tofca^ 
nd in Mtd U GdUid Cifdlpina , detto poi da longo:^ 
hdrdi uittariofì hongobdrdid, e fono Longobdrdi fe 
condo Tolomeo hlemdnni. Md GdUi che occupdro^ 
no l^imperio Tofcdnonele alpine tnttdldLombdr^ 
didfiirono Boiy ìnfubri^e Senoni, qudi mutdronoi no 
mi i molte cittì. Vertdnto Vorigine di iuttd l'itdlid 
pltrePdpcnino dettd Lombdrdid fino ad Anchoni, 
non e Grecd, md Tofcdnd Yaetonted , mefcoldtd con 
dlqudnti GdUi uicini, er Alemdni. Q«^' ddunque di^ 
remo noi che deriuino dd Greci t Ne Id prouincid Ve 
netd Id prole Tofcdndc mefcoUtd con l'origine To^ 
fcddd Ddrddno Tofco . Lecittd pdrticoldri fono 
Mdntoud dd Urte Tofco Idcidtd foU de le tofcd^ 
Manroua città trdjjpddiney e di qudddl Po .Bologna dettd 
mino!' ^^Ifi^^ principdle de le cittd Tofcdne di qud ddl Po. 
Plinio nel i * cdp. i5. ^ o . MeUno , poiché ottenne il 
nome d^dmendue i Prencipi^lchefiimdnifiilo che Ao 
fcdnìy e GdUi iuifignoreggidrono fenzd contentione 
Spird terrd 4 Id fóce del Po. edifìcdtd de Peldfgi , che 
ne furono cdccidti . lOìipoi Diomede Id rifece, preud^ 
lendofi (come i detto) de i tefori Delfici . Plinio nel 
cdp. 17. ilqudle cercd ì<loudrid,e comò dice nel is. 
Cdp* VerceUe de libici è N^M dd Sdluij Koudrìd dd 
Vertdmdcori Vocdntij .non comeCato djjirmddd 
Liguri . E gli infubri edificdrono Mildho . Cdto dice 
che corno Bergomo ^ Ucinifèro fono di progenie 
Orobij^d egli confejfd di no fdper U origine di quel 



ir 



DI CATONE»^ 176 
h gente , ma Cornelio Aleffandro dice che forono ^ 
Greci , per l'interpretdtione del nome Orohij, che fi-^ 
gnifìca hdbitdtore ne i monti . M<< io penfo che pri^ 
magli Alpini '^ofcmedifìcaj^eno Vercellese Noud^ 
rd, perche ej?i prima poffederono le dpi. Dipoi ac^ V'crcclli. 
crefciuteda Libio Hercole Egittio . Perciò nomanfi ^"""^'^ * 
mendue le regioni Ubiche arie, cioè Leonine, fi co^ 
me Arno, Libarno, e Mufarno fon cognomi di Hcr^ 
ro/e, edificata da Uercole, cr ultimamente reflaura^ 
ta da Liguri fi come nucua Aria cioè Leonina nuo:^ 
ua, ó nuoua Kerculea. Orobij fecondo Catonehanno 
incerta origine , perche que{ia uoce Orobio può de^ 
nuare da Grecia o da Tofcani ne i montile fono ques 
fii i Comenfi , cr r Bergamafchi , cofi farebbe nuoua 
k quejld origine Greca . Secondo Aleffandro. Catone 
parlò con pm modedia con dire che era la loro origi clmctfi 
ne incerta, perche Orobio anchora,e uoce Saga Ara Ber gama 
mea, laqualfaueUa ufauano Sagi ìanigeni. Et Oro^ ^chu 
preffo Aramei , Uebrei^e Tamuldifla fignifica monte^ 
e Bir figliuolo , ò figliuola . Perciò Orobij fono 
figliuoli de i monti y iquai habitaro nei monti. 
Da queiìi fcefero Comenfì.Bergamdfchi, e fmiliper^ 
che Tofcani habitarono prima le alpi, e poi il pian& 
Kon uale adunque ^argomento d^Aleffandro^che fuo 
le effer ne l^hiHoria fvrtij?imo, non effendo Orobio uo 
ce più Greca che Aramea • lAa glie una regola che il 
nome Barbdro ha origine Barbara, anchora che fia 
defcefo ne la Grecalo Ldtina, come Vcfia e nome Ara 
meo, da Efìa chefignifica ^oco ò fiamma , fecondo 



FRAGMEN Ti 
TdmuldiRi , e poi uenne in U lingud Grecd . Tuttdi» 
uid Vejld moglie di ìdno hd origine "Bdrbdrd . No» 
€ mdrduiglid fe Greci prefero dd Bdrbari djfdi no^ 
tniyperche fecondo Strdbone hdbitdrono primd i Bdr 
bdri in Grecid eld lingud Bdrbdrd e più dnticd del A 
Grecd ò Id Ldtind.Et effendo . Orobio primo nome 
Tofcdno,cheGreco,CT c mdnifvflo per Id jofcdnd 
hi{iorid,che gli Alpini de principio \iirono progenie 
didi:erft popoli j che ui concorfero ddhdbitare,e 
anco ne i luoghi oltreH po,e no fòrdiiieri Grecite per 
ciò Orobij fono quei popoli Tofcdni che concorfero 
nele Alpi.Cofi Sempronio e Cdtone di terzo fragmei» 
to dicono che Cdmenft hho origine dd id regdl vd 
terendjilche fi comprende per lo hdgo Urio e Id pd* 
lude Vulterend.CercdH nome et origine del po Plinio 
nel s. di cdpit. 1 7 . dice . Metrodoro Sceptio diffe 
che p nomd dd Vdlbero Picei che ft treud ne lefue ri 
ue,e chidmdnlo Frdncefi Cadere Liguri lo chiamdno 
BondingOycioimdncdnte di fóndo: emoitrdft perU 
terrd Bodinco Mago.oue il po e projòndijiimo.Dice 
che Arimino fi* edifìcdtd ddi compagni di Hcrcole co 
quejl^drgomento molto gdglidrdo.che Ar-puero Ari 
e cognome di Hercole Egittio , e fignificd in lingua 
Hebred ^ e Ardmed leone, CT Idmin fecondo Sdmuel,e 
Ciroldmo Uimeno ùnouerd chi ud infrettd,Cofì Ari 
mino fignificd leone ó Hercole^ che dnnouerd chi uà 
in firettd.ciòè k l^efpedttione conird i Tiranni d^itdn 
lid . alcuni non hciuenio altro^ricorrono k Id lingud 
lidtind come fe queUa fuffe più dntic4 che Id B^rta^ 



DI CATONE 

mefeduraffencn perpetuo , il rimantnU di aueiio 
iragmento trouerai in fempiterno. ^ 

S E G V E L'ALTRO 
FRAGMENTO. 

L ACallia Togata da Liburnie Ceciliani prima fu 
habitata.ma furono cacciati da gli Vmbri gumeg- 
giado contro di loro.e furo poi da Franciofi a] tut 
to d.ftrutti.Ficeni in lingua Tofca gcncrationc Sa.-ra ven 
gono dctti,e nacquero da Sabini.il monte Gargano dopoi 
i P.cen< da varie genti in d.uerfi tempi fu polleduto, Mar 
fidai Capitano di Lidi (1 chiamarono,* hanno AfcoliCit 
Cà,Frccun, hanno Adria ouero Atria.Veftini, tra iquali A 
n..tcrni,Mjrucioi e Pdigni S'annoucrano.hano Curfello 
Ortone.c Juimone.Ferentini primieramente da Liburni* 
c Dalmat ,e cacciati qucfti da Tofcani hebbero origine 
nella cui lingua chiamarono tarinola principale Ciità! 
cioc nobile Prencipe,Pcrciochc chiamano i Tofcani Laro 
ne Larune,& Arune il nobile Prencipe . ne la trafpadana 
c .1 Lago Lario . & in Tofcana . fiumi Laroni e le A rune 
Co/onic,egIi buomini Aruni. 

PLINIO neh.ha prefo molte cofe da quejìo luoco ài 
Catone,percio nel.\ i .dice a Branditio e uicino il eia 
po de pedicoli,noHe giou ani,cr altre tante giouanet 
te uenute dnUtria,gener arano i^.Popoli . Et di fotta 
J.aritioditernid fiume Tifèrnio, indie U regione 
frentana^e nel <ap. 1 1 .difcordandcft da Catone dice 
che furono aj^ignate i le genti altre terre,dicendo,ln 
Velini Angulani,de Sabini amiterni,ftcondo Cellia» 

Z 



FRAGMENTI 

no^d Ugo fucino profóndo drchipe terrà de Mdrfi c 
iificdtd dd M.drfid Ducd de Udi.Enel feguente cap. 
Circd Arimino dd Ancond comincid Id regione GdU 
licdjdettd GdUia Togdtd. Siculi e Uburni tennero 
buond pdrte di quel pdefe, primieriimtnte il ?drme(è 
il Vreciécido eCddridno cdmpo.Qneiìi fiirono caccia 
ti dd gli Vmbri riputdtati dntichijimi popoli i^itd* 
Ud^credendoi Greci che fiàffero conferudti ddldilu^ 
uio.l<ldrrdft che Tofcdniprefero ^oo.loro terre.Pli 
ìlio in queé*umbrid dnnouerd hifpeUo^Tudeojulgind 
tiiMendnidtiiSpoletO:,Amcrid detti Vei Vmbri , cioè 
ndti dd gli dntichi Vei,cofì nomdti con uoce Tofcd^ 
nd dd Tolomeo cr dltri Geografì.cT e firmo drgu-M 
mento dd l'origine del'dntico nome Tofcdno^ che e/i 
fifujfero fdntichijiimd progenie de GdUi Unigeni^ 
ìtdtd in Sdld Ymbrone^i cui fiumi fi chiamano Veij 
cr «7 monte Veioco, perciò molti gli dnnouerdno con 
Tofcdni. Gli c mdniftUo che drutini uecchijdruntini 
più confidenti , cr druntini KulUenfi fono douc re^ 
ftdno àncora i nomi Tofcdni druni e Ldroni. In Sa 
bdtid non lontdno dd Komd il Ideo Sabatino mdndd 
fiiori hdrone fiume.cj' indi e dnuldrd , hoggi dnguil 
Urd.Qjieiìi fono gli druntini Tidentiorij detti dd Sd 
bdtio Santo Yidioilqudlt difpofè ipopoli nelpaejè. 
Valtrojìume tldrojlqudle correndo per RuUidnd 
regione Jndi dudntidi ato monte ,/J fcaricd in mare 
tperciofì nomano druntini KuJUeneJìnon Giuliefi 
aranti uecchi fono Volturni CdmiUdrìj , come di^ 
remo. 



DI CATONE tjf 

Da Gargano 1 Bràdirio habitarono i Cclìj,JDaunij,c piu 
oltre i pugliefi 3c i Boij,<ra i quali c ArpCjCanufio c Bara 
no,oltrequefti Apcnino parte per traucrfo L'Italia ir» 
due parte tra Icquali l il golfo di Taranto da la gran Gre 
cia,attornìato,uer(ò oriente c l'Enotria d'Arcadi , buona 
parte de la gran Grecia,* iCalabri, per addietro Aufòni 
detti^ i quaK dicono le Greche ciancie,che.40o. anni qua 
fi innanzi la guerra M Troia vene la prima ammara de Gre 
ci,e tuttauia Antioco firaculàno afi^erma che dopoi edifi- 
cata Troia ,Enotrio d* Arcadi Duca in Calauria nauicojc 
pofeui le colonie,&i Greci accio non paiono dire tante 
menzogne, vogliono che Tltalia fuflc per addietro chia- 
mata Enotria , quando che Mtalia da Antico Re de Sabi 
ni c Tofcani, che le fignoreggiaua, hcbbe tal nome. 

P L Inio nel ^.cdp.s.dice Greci d glorid de U ha 
ro generdtione chiamarono una fdrte d^ìtalid cdUo 
Grecid ycofìtroudronoin und parte d^ltalid ouei 
Greci fòrdfiieri dd gli italiani raccolti , ut pofero il 
nomejper colorire Id mèzognd che tutta Italia hab 
Hd prefo da loro origineXercaH tempo che ui uen^ 
ne Enotrio Greco ^credef^i piu a Catone CT dd antio^ 
co Sirdcufdno dntichif^imo ìliUorico cercd le anti^ 
chitd Enotrie jche d Dionijìo nel primo Mora pdj^id^ 
ma d Vdltrofragmento, 

D A Lcucopetra (ino al' Sarno fiume vicino .\ Napoli 
diuerfì popoli habifarono,Vmbri,ltali,Saniti,Siculi,Pcuci 
ni,Piccntini,& Hcfrufci,le loro Citta fono Clufio , pedo. 
Elea hoggi Velia,tra'l fiume Vulturno 6c ì monti Apcoi- 
ni fono i Sabelli,che da Sabini hebbcro origiae y come d 
f2 fede il nome,da Latini Saniti^da Greci Saniti chiamati* 

O V EST Ofrdgmentù c troncdto^ perciò ctr^ 



FRAGMENTI 
chifi in Sempronio , uuccpttra e Vultimi pdrte dtr 
ìtdia i l'incontro di CiciUa, indi uerfo d Intc ciden* 
tro^GT il monte dpenino , occuparono ({uet che uene 
ro di vmbriAAe Tofana e di Cicilid con italo , cr 
4nco di Enotria con Veucio arcade fratello di Eno« 
trio,a- i Sanniti,che uenero da 8annie> [otto L«cjo 
VrincipeM cuift nomarono i lucanij:ome da ^ru* 
to vmhro i ^rut^Aa Viceo Tofane i ficentim.U* 
ce poi che SabeUi foncfceft da Sabini con qucft ar* 
gomento,che ogni nome diminutiuo e derwatiuo dert 
ua dal primitmo cr intiero.^ pche tttffa Hanae Tu 
fcanella è diminutiuo da para Titffa e da Principe 
Tofca, fegue che tuffe mni e TofcaneUi fiano prò» 
genie di Tuffa ò di Tufca Principe^ dà qwefld Pimi» 
nominai Tufcaniefe. 

SEGVE IL FRAGMENTO. 

DAI Teucre fino al Sannio ^abitarono primirramé. 
te gli Aborigini da Vmbri generati. Camefcna aa 
ticLfima da Camcfe edificata, fu loro prmc.pal 
Città non lungi.oue poi fu A Ibula, Tofcani con qu^ft'^' 
«lefcolarono. Gli Ofci hora Capitani . V olofcr, cheVolfct 
chlaniiamo,la cui prencipal Città fu Anfure hoggi Terrei 
»a.Stabia. Antini.Ortenfi,LonganìPfcori ,Mac»n .Nu^^ 

rini,inlatmog.au>fce,Pic*nti.Sorani Feuntina i.Frc^Sm^ 
li,Sanguini,Tufculani,Cortinefi,Vifcntim,VoUentani. 

CATONE dichiara quai popoU tennero Cam 
P^nia uecchia e nuoua dal Teucre a Sarno, e furcnc^ 
Abod;?- IrimigUAborigeniAefonoditre f 
ni. «Itimi ui concorfero cercaH uemre ài Encrt m IftfUrf, 



le 



DI CATONE 179 

i ijudì mefcoUti con fòraflicri mudduitìo udoabondi 
viuendo di Idtrocinio^^ iqudlipdrU SdUuBo nel ed 
tilìndrio.e Dionifio nd.^ .Qji^^ti fi nomdrono latind^ 
mente dborigini , cioè fenzd certd origine^ U fecon-* 
id generdtionefù dudnti queRd neld mdgnd Grecia, 
ietti Greci Aborigeni, perche uennero dd i monti di 
arcddid con Znotrio^percio Cdto e Dionifìo nel fo^ 
prddetto libro dicono , che gli diborigeni fiirono di 
Greca progenie.Ldterzd generdtione fiinel^aured ^^^^^^^ 
ttd.e:^ dborigini fi nomarono con noce Tofcanae^ j,^^ 
Aramea.Et e queflo nome di tre dittioni ab, cioè pa borigini. 
ireiOri^fòro e Qaux Geno s, poster ita eprole,fècondo 
i dotti TdmuldiRi e G roLmo^coft aborigene é pro^ 
^enie di pater nd Caua nafciuta ^perche nel^aurea 
^tl hdbitarono ne le fpelonche,ne tugurij ò ne le cd^ 
iidte quercie.Ouidio ìicLìÀcU metdmorf. Virgilio 
nel S, dice. 

Gente di dura quercia e tronchi nata. 
Catone dice che quejli fìirono i primi figliuoli de gli 
Vmbri.perche I anigeni GaUi antichi furono pddri di 
iuttiyma Vmbrifono ilor primi figliuoli. B qucftige 
iterarono antichi aborigeni 4d iquai fcefero mol 
td altri ne l'utica I tali a, ciò e cercaci teuere. Et in q&(K 
modo gli Aborigini generarono ne P antica Italia, 
perche fiirono prima gli Vmbri.o' auantiloro Galli 
dntichi lanigeni.Di queR^antica Italia dice Giufìino 
ne V ultimo igli aborigini ^rono i primi habitatori in 
Italia^fotto Saturno Ke giuBo^prima del quilefÌ4cd 
mfc Saturno d' Egitto, co&ui regnò in Ubia^in òcit^ camcfc t 




FRAGMENTl 

Ud & in Itdlid^Berofo e Viodoro ne /.4. E trouid 
mo le fut Cini Cdmcfcne c Camerene in Ubid Cicilia 
hdtìo cr Vmbrid. Cdmefetid in ne i montile Cdtne* 
rena nel Ldtio cercd Albdj^fiiprefddd Komulo^U 
cittì de Aborigini c dntichiji'md.'Diodoro neUix 
Cdtone,Vufo dt id r^per Id s^erd fmiglidre d gli dn^ 
tichi-Qa^iii furono U primd origine del ldtio e de 
Vitdlidie no Greciy e poi gli dui loro Tofcdni ntdndd 
Udno le colonie^e pojfederono ddl Teucre fìidldmd 
gnd Grecid.Cdtone quiui ndrrd qudi Tofcdni mdn^ 
ddrono le colonie. Vlinio uel ^xdp.s.dnnouerdime^ 
defimi^ no miferd greue efponere le loro origini Tti 
fculdnieffer deriudtidd Tofchift mdnifiHd perla 
Sanguini ^j^mc Sdnguini fonoin Sdbdtid yenomàjìillorofìu^ 
me Sdnguindid , uicinino d Sdguind terrd qudfi roui^ 
natdSanguind terrd è dnco in Vulturrend hord Vi* 
terbo^neld regione Sdnguindia^d Sdntd Mdrid Si 
guindid.fìn^d Sdguind quafì rouindtd Cercd Celeno. 
Fcfttfna- -gy^gtndti dd fregene und de le ii.cittd di Uno.fèren 
tindti dd firentino Trofculo terrdferrd di Otone Ce 
fdre fecondo Suetonio,luntand dd vetulonid $.miglid 
Sordni Tofcdni fon uerfo mdre , CT hord foggetti i 
Senefì.Vicenti dd un Tofcdno Vrincipe. Nttfto bora 
Cornueto lotdno dd Volturnd Id io .?ietrd. Le lette^ 
comucto ^^f;,^^^p.^ipiic n chidmdno metiniy in Idtino Grd^ 

uifciMrd nontdnfi cornuetdni dd un loro dlbero cor 
no molto mirdbile. voice dtini dd Volced und de le do 
deci principdli cittdy le colonie Cercinefe dd Cercind 
portd di Yetulonidi leggi le Annie quijlioni . QJieBi 



r 



DI CATONE tSo 

mnero Vidtitno Vromontorio d^ltdUdy t gli diedero ^crciné 
il nome.Vlinio nel terzo k Vundefe dice. Cercine e loti 
ghipimo premofìtorio di ItaliaA nojlri dntichi Af» 
credni dicono effer {Idto tèuto di titd mdeiid quelche 
hord fi chidntdViterbOyche ui coducednofin di Puglid 
i mdl fattori k ^ufàtidre.Et oue p Vdntichitd no hab 
bidmo cerUZKd fiiaft à publicd famd . Liuto nd 8. 
tuttduid non ci mducd certezz^ty Lucumoni Signori 
d'itdUdfdcedno reftdentid nel fdno di Vulturnd^oue 
■e Cercind Vetulonid^nde mdnddrono , i Lucumoni k y r .m 
le ultime pdrti d'itdlid le colome Cercine . Vrfentini 
^d VOrfdfdmiglid TofcdndyUqudle h abitò in Roma 
nel uic tofcoy cr indi fono antichi^Ami gli Orfini Ko 
mdni.cr i Tufcdniefì,co g/i habitdtori del uic tofcd 
no.knitini cr knitiefx nel cdmpo Tdrquinicfì.Longd 
ni et of:i dd fdmiglie Vetulonie , i loro cdmpifìn^dd 
hord fi nomdno de Ofci e dd longhiypercio in Tofcd^ 
nde vico lungo y e dd quello uic logo in Komi . Ofce 
ra fdmiglid nomdudpidd O/co Larte.dd cui deriudro 
no i volofciyouero gli dntichi Ofciyche fono i Cdpue^ 
fi fecodo feruio nel.sM Virgilio . Plinio nel hdl cdp. 
7 .dnnouerd dal Teuere k Sarno.hord firentindti, fre 
gendtiySdnguiniyTufculani,AmtìniMort€nJt,Terrdci 
nddd Volfci dettd Anxur^Ofci e Volfci e furrento dd 
Surrend AuguMe. Plinio per metdni dice k la Kos 
mdnd Nubetdni,perche t^ueto Nubeto e Grduifco fe* 
condo Tofcdnifignificd Pdrid. Cercd l'origine To* 

fcdna leggi Sempronio O'i no&ri commenti foprd 
iiqueOo. 



FRAQMENTr 
SEGVE ILFRAGMENTO, ' 

ROma da principio era de buoi vn pafcolo,c dat- 
torno il teuerc crao fette rupi vna dietro à l*altra 
1» ne rErnico po(lc,e co picciolc balTure diuife,pre f 

fo à lequali il Teucre v^cendo nel piano faceua vna palu 
(le,Saturno primieramente habitò in Capitolio , Italo ne 
l'Auentino Roma nel palatino , Celio con Tofnani nel 
monte Celio e nel Ruminale , Romulo nel Palatino , oue 
egli Roma quadrata edificò , Tenne egli ancora il monte ^ ^ 
Efquilmo da le guardie co(ì detto , lequali Lucumone à 
collume Tofcano gli dic,ch'crano dodeci littori,cioc tre- 
cento armati à guardia de la fua vita , & ad ornare la di- 
gnità perciò che Tacio non era fcn2a fbfpctto , che non 
fode Romolo ne la compagnia infedele» 

CATONE brtuementefe ne pdffd cerca PorigU 
" ne di Komi,uolcndo che fi tenga per certo che Ro* 
md derìuajfe dd buceri Tofcani ^ Komdnefi Pdbdni^e 
Origine Taticnft Sibini^e no dd Gre:i. Et dnco ne hdued ferii 
di Roma. ^ ^ ^^^^^^ ^^^ -^^ pittore. Dioniso nel a» dice Vortio 

Cdtone imitò ¥dbio Pittore,^ dlcuni dltri ne Vbi^ 
&orid di Remo e Romolo. 

SEGVE IL FRAGMENTO. 

LA Tofcanaifu già delMtalia prima.e da la fua princi- 
pai città cofi detta dal Teucre fino a Macra fiume fi 
ftende, il primo loro popolo c de Liguri maritimo, da Li- 
gure di Factontc figliuolo, da montani Laguri Feuton dee 
to, oltrcla foce del Teucre^ primieramente Fcrogonc 
terra de Tofcani nel hto profsimo,da Genio Iano,chc pri- 
ma vi pofc le colonie, chiaraata.c da Ferir Jne,ciol* Feton 
re, che le colonie v'aggiunfc, come ne la Liguria monta- 
na, oue da coloni di Genio Genoua città y e da FeretuRt 



DI CATONE i8f 

aggionti à quelle colonie vicino al fiume, la regione Fc- 
Tcntiana chiamo(si, Fetonte primo di tutti i Greci parti* 
lofi d'Atene con Ligure Tuo Agluolo, molti anni inn^inzi 
ch'Enotrio Arcade , potè in Italia le colonic^da la foce 
del Teucre fino a Nizza di Marfilia, & c chiamato il por- 
to ch*cra nel mezzo Ligurno, dal nome del figliuolo , & 
il lieto di qua, e di la Liguria. Ma i Tofcani^e Romani che 
furono dopòjda la foce del Teucre fino à la fine di Tofca 
najTofcano la chiamarono . Indi t il mare Populonio da 
Popie m Romana lingua Pupìo loro principal città detto, 
finalmente dal porto Ligorno fino à Macra, vicino à i cui 
fonti e Apua città, Apuani Liguri fi chiamano * £ monta* 
ni Liguri fono detti quelli,che da Macra à Nizza fi (lendo 
no . Ne i montani Liguri, c d'HercoIe Egittio il porto > e 
quiui 1 Liburno dal nome , e cognome di lui ÒW\3, i Gre- 
ci quantunque volte odono d*Hcrcole,facendo argomcn 
Co dal nome fi credono che fia il loro, nondimeno quello 
che vinfc i Libii non viene detto Libio , ma Alceo , e la 
voce Hercolc non è Greca, ma Egittia , perciò che il Greco 
fu detto HeracliOjCioc di Giunone Gloria • 

DICE Mmo che Tregene fi noma dal fdto di Ge q^j^i^^ 
imo; mx Cdtoìie mole che fiijfe nomdtd d<x due, dd Ge 
ìlio ìano, e poi dd Fdetonte . Credaft più toflo d Cd^ 
ione, che d quelTejjfofìone^come d più perito de le dn^ ^ 
iichitdy CT perche ufd più gdglidrdo nome doppi dto 
dd i confini . E perciò è dd notare che Uebrei chid* 
ntdno Fdetonte Futh, Egittii Feth, Ardtnei Feritoti* 
Grecite Latini Faetonte^c onte dice Catone-, e Giros Pactontc 
IdmofopraH Geneficdp, lo.Ublj dnticamente erdn 
chidMdti Futeidd Futh, e F detonte, md effendo uinio 
Anteo loro Prècipe dd Hercole, i Ubici prefero il no 
me dal uittor iofo. Inodoro dU fine del dice che 



FR AGMENTI 
Hercole Egittio foggiogdtoH mondo pofè in Ubid 
una colonna trionfale . Secondarimentcnoterai^che 
firmif^imo argomento pigUaft da Vtìiftoria^oue il no 
me de Frencipi fi doppia ne i cofini, fi come nomane 
dofì da Turreni il mare difotto cr il mare di fopra^ 
che terminano Imitali a. Segue che tutta Italia fiijje co 
Ionia, e potentato de Turreni . Uuio nel rn^afmi^ 
le argomento « Quanto fiijfe il loro dominio tra'l ntd 
re di fopra, e di fotto/he cingono l^italiay moflrafci 
per i nomi, perche Greci chiamano uno,e Paltro Tur 
reno . M.a il litto da la fóce del Tenere pn'à Genoua 
i limitato da due nomi di ?eritone,e di Genio. Perche 
cercaH litto e Teregenc da Feritone , e Genio nomi^ 
€enoaa. nata,è Genoua da Genio, e feritone fiume, e regione. 
Cofi tuttoH litto da le fóci del Tenére fina Genoua fié 
di colonie di Uno Genio d'Italia, e¥aetontee,de Ugu 
ri . Perciò nel mezzo è porto Ugumo • Pertanto gli 
antichi chidm:irono Liguria dal teucre /ìn'4 Genoua^ 
Termini ^ diuifero quel tratto in Liguria Tofcana^popolonic a 
c parci di Apuana,Montana, Genia,e Montana monaca.Geno* 
Liguria, ua da Genio, o'ianuadalano.perciòiuii carico 
lano, cioè uignali di lano,oue i [anta Maria ne i ui^ 
gnali . Carin fecondo Girolamo figntficauite. Porto 
Greco fecondo Strabone fi noma in Liguria Motana 
Monaca da Hercole Greco . Ma Catone proua que^ 
fio ef^erfalfo prima da Lucina ctttà Libarno, noma^ 
*<^ da Tolomeo, e d^altri Geografi, perche Libia e no 

Cognomi ... , f Iti 

d'Hcrco- propio di Hercole Egittio . Bt Arno e uno dejuoi 

le. cognomi fecondo Berofo neis* i fuoi cognomi fono 



0f CATONE. tit 

tter,HerroZ Arykrno,Niufdrno. Efìgnifìcdno in linm 
^d Egittid Her peUofo,pche fi uciliud de peUe di leo 
ne^ col feconio Kebrei tutto . Perciò Herccl fìgnifì^ ' 

tutto ueSlito di pelle ^perche non dnchord erdno 
.troudte le drme fecondo Biodoro nel i. Ar, et Ari /?* 
gnifìcd Lone, e |ìi nomdto Ar ddl Leone fud infegnd:Jt 
come Micedone lupo , CT Anubicdne . No fìgnifica 
xhidrdfdmd, coft Arno jtgniftcd Leone celebre per 
UertUyCon Uqudle fecondo Diodoro egli defendeud dà 
ingiuridVhumdndgenerdtione . Mufd flgnifìcd di^ 
fciplind, cofì eglifìi detto MufxrnOy cioè dottore Leo 
ne celebre, perche fi diede d fdgrificij,et incdntejìmi ^ . 
tnilitdri . Biodoro nel 6. Adunque Liburni Liguri fo 
no colonie d'Hncole Bgittio Cdtone lo proud per lo 
nome, e per lo cognome di coloro J qudi egi difife dd 



ingiurie ^e Ufciogli l'infegnd del Leone Arniefi dn^ 
chord fi nomdno Tofcdni.perche riduffe le loro udtU [ j 
in un^dlueoje diede loro injignd del Leone,come d f io ac"lJguri 



tentini . lAufdrnifono hord in Viterbo , CT Hercolc 
di fife co&oro dd i gi^dnti^ eneld projiimd Tofcdud 
liguridy ouo piouerono i fdfci di Lamone , e fj^cidU 
mente Ldchtei LeHrigoni ddl principidto di Vetulo^ 
nid:^t d que{ii dnchord Ixfciò hnfcgnd del Leone^elo 
fcettrojioghold e gli infegnò i fdcrificìj,e gli incdntcfì 
mi . pciò coUe Arbdnofii dd lui detto MÙfdrno,e Mu 
fdrndfìnomdundrouindtd cittd poco lontdnd ddl 
lago Vddimone . ht egii in ìndid dnchord ne i regni 
ài Gedroftdye di Cdrmdnid fondò principdli cittd Mu 
fdrnoj e Muffimi popoli fecondo Tolomeo , cr dltri 



FRAGMENTI 
Geogrdfì . Cop per drgomnti dal nomef la i cogrtfP 
mi UercoU Egittio non Greco Ufciò in Udlidtnemo^ 
rie de le fue imprcfe, perche il Greco fi chimo Alceo 
Cr Herdclio, non Libio^ne de glialtri foprddetti co^ 
gnomi. Eque fi JL noce Uercoie è di origine Egittia^ 
non greca, Uquàle Greci djiegndrouo al figliuolo di 
Anfitrione , come d Id liberd confi^d Herodoto nei 
cofi Mondco porto di Ligurid , è di Egittid origine 
non Greca, cr c uoce compofld di Mon , cr Acfco5 , 
Mcnaco cioè hdbitdtione de chi pefcdno con l^hamo. Cofi Cd-^ 
oMonc- tone conclude, che ninno luoco in Udid hd origine 
Greca ♦ 

S E G V E. 

LA prima gcatc di Tofcana e marlf ima,ouc fono Fcrc- 
gcnc,Airio,Agilb»chc Cere anche chiamor>,da Fclafgi 
ficata Pigro,GraaiTca,da l'aria cofi dette . Cofc, Voice, Te 
lamonc dal Prcncipc de gli Argonauiri, quando Hcrcolc 
Alceo andato à Laciimoni fece il ciminolago,c rapita Fau 
na giouanctta del tempio ad Euandro n'andò, Vmbronc 
fiume termine, e lunghezza d'Vmbri, de Tofcana,e capo 
Se confine. Populonio le naui.& armata de Tofcani con- 
ftruaoa, Volterra, & i Tuoi guadi, Fifa da Pifi, & Alici Pc 
lafgi edificata.Luca celebre città da Lucio Lucumone Re 
de Tofcani hebbc principio. Il bofco, c monti iFeroniani, 
Luna da Tofcani Cariara detta, da Greci celini , Apua 
«ci paffarc d' A penino vicino à i fonti di Magra . onde fi 
chiamano gli Apuani, Liguri, che da Arno fino a Macra 
habitano. 

C A T Ow difcorrt da U fòct del Teucre a queUd 



DI CATON E i8| 

il Mdcrd^ g^^te primd mmtimd di Tofcdnd^ t qui^ 
uifì domandd di più cofe . Vrimicr mente :per che 
ce egli di Md)?d egregid citta dncho k tempi nojìri, 
del cui Lucuntone pdrld Virigilio nd S. 
il Mdj^ico Prencipe ueniud. 
lendendoHmdr con Id ¥errdtd Tigre. 
S'/o dirò che Geografi tion ufdrono di porld^mifdrd 
irij^oilo che ufdrono di nomindre Id città Tdrquinia 
e tuttiiuid Cdto ne tdce . RiJ^ondono dlcuni, che Cd^ 
to pofe trd le mdritime quelle ne lequdi fi concorda^ 
no gli Autori j e tacque di Tdrquinid^ perche non fo^ 
no cercd di queUe di un parere • Vlinio nel$. cap. 6. 
Vdnnouerd trd le mediterdnee. Siìlio trd le mdritime. 
Dicemmo difoprd, che Alfio fu nomdto dd Alcfo Ar^ 
giuoper dbbreuiamento dd Alefo Alfio . Vknio nel ^ • Alfiob 
dnnouerd trd queRd gente fregene^ Alfio, AgiUd Ce% 
rehord Cere uecchid^ Firgo , ddlqudle fi nomd fdntd 
Mdriddi Pirg^Lno^edaluolgo Vurgdno . Grduifce 
ddVdrid^mdin Tofcdno l^ueto^ldtinamente Nuteto, 
cioè Grduifco^ e dd l\nfegnd Cornueto . Cofe nel nu^ 
mero del più, deftruttd dd Cogi , e rifdttd. d tempo di 
Defiderio Re de Longobdrdi , come fi mofird per lo 
/i<o decreto, fÌ4nomdtd Alfidonid . Sono anchordin 
Alemdgnd i Bidonile::;' mi i Longobdrdi fe:ondo To^ Alfidonù 
torneo • Cefi e dettd A fidonid^ come dd sidonii Lon» 
gobdr di edificata . Segue • 

DAL Teucre fino ù i giuoghi Cimlnì t: de Tofcani il fe 
condo popolo . Poi c Larccoiana, CiOc la prencìpalc cittì 



FRAGMENTI 
Cniana j perciò che i loro Re chiamano Lartc , c la cittì 
Eniana da Snetani Pclargi edificata, & in quel luogo « la- 
quale i Vcij Hetrufci cacciati i Pelargi fecero maggiore,q 
dal Precipito de la prouenza inficroc, c da antichi edifica 
cori, Larteniano, ma Romani da la gcncrationc del popo- 
lo, Vcientc la chiamarono fono iui città Saba in Sabati» 
da Sabo edificata, Lartcniano Veiente detto, Napeta,So- 
ratte, monte de Falifci ad A polhnc fagro, Falifcano , Fc- 
fcenio, Vmbrico, daglianifchi Vrabri,Flauiano chiamato 
Arfeno, Mefio, dalqualc chiamafi la fclua McfiajRufello, 
Altari Muti) . Jutrio da Pclafgi edificato , da l'ottimo gra- 
no cofi detto, per la compagnia de Romani famofo . Ca- 
pina,& i Capinati popoli,Lago Ciaamo,c Troito de Falifci 
^ Tpicaqi vicino. 

V I R G Ilio dice che ui furono tre forti de gentil 
per le citti nomindteM quekoj e nelfupcriore ¥rdg^ 
metìto fi m<xnifi{ld tfjer nero il detto di Vionifìo nel 
primo, che le citti antichi j^ime erano picciole. Later 
tiiano era città Metropoli di tutta la prouincid, e tut 
tduid eUd e picciold città. Plutarco ne Id uitd di Ro^ 
Sardinia- molo dice. Veienti furono dd Romolo chiamdti Sdr^ 
ni. dinidni, perche Tofcdni ò Vulturenifì chimano co^- 
Ionie Sdrdinidne , i qudiprimierdmente pdffarono di 
Tofcdndin Sdrdegnd.Strdbone di s- àlee . Hauendo 
Uercole mdnddto ioldo con i Tofpiddi in Sdrdcgn<i 
uitroudrono coloni Barbari Tofcdni, CT habitaros 
no con queìli : ma quiui fono due dubbij . Frimd , 
perche Romolo chiamò Veienti Sar dimani , e quan^ 
tunque Tofani vulturreni, per hauerui mandato le 
colonieyfùron nomati Sardiniani ,non però doueano 
(biamarfì veienti Sardinidni.fi ri^ode che i defcen^ 



À 



DI CATONE- \t4 

denti fi nomdno fouetUe dd l'epiteto pdterno . EneM* 

tìii ouero Enidni , Pelafgi furono cdcciati dd Vei To 

fc ani fecondo Cdtone^e Vlutarco ne Id uitd di Romo* 

/o dice che Vei Tofcdni fi nomdno Coloni Sdrnidni 

Diomfio nel i . più chiardmente dice^ V denti effer di 

generaiione Tofcdndyperciò cdccidti i IPeldfgijì chid 

ntdrono ddl pdterno epiteto Sdrdinidni.Seconddrid^' 

mente fidubitd qudPtìercole mdnddjfe ìoUo coni 

7oJl>iddi, il buggidrdo Greco rij^ouderd^che /w il fuo 

Alceo non l^Egittio^ e mutdndo o, in e, nominerd quei „ 

popoli TeJ^piddi.Md perche d tempo di Alceo fiorii UbT^^ 

Udl^imperio de Tcfcdniji qudi non fi mefoUudno durici 

col'dltro Principdto,eUfdticd hebbe il premio de Id To/piarfù 

fud uirtu Fduld gioudnettdjcome ajjvrmd Verio.Et 

in quel tempo Vìfold erd piend d'hdbttdtori , e SiUio 

nel II* con i Ldtini d Libio non dd Alceo dffegndno i ì 

Tofpiddi Sdrdi. Froudmmo dnchord foprd fempro* 1 

nio,che Ldrteniuno detto Veiente erd lontdno dd Ro* 

mdfoUmente m. miglid . Non fi cerchi Veiente detto 

dd Komdni , md quello che Tofcdni hord chidmdno 

Idrtenidno . Uetrouerdi in tuttd Tofcdnd qucftilue 

ghi Vei fiumi , Foderi Vei , CT // nome Veio fono in 

Ztrurid di^.cittdy hord dettd Viterbo . Co/? fecon^ 

do Cdtone ft come dd Etrurid cittì prefe il nome. Là 

Tofcdnd tuttdj cofi dd hdrtenidnoje Veiente Metro^ 

poli fu, nomdta Idfecondd gente Ldrteniandyò Vcien^ Li^tcma 

tc^dd Romd.fin^d i gioghi Ciminiprof^imi, dd Etru 

rid citta . Liuio nel i. dice, era Etrurid uicind d Sd^ 

bini, zr i V denti i queJld prosimi > per confini dirti 



FR AGMEN Ti 
tpergenerdticney Catone dnnouerd le citta diquefld 
prouincid^ e chidtndno Subo bora fanto Sabo , ò dd 
Stdgni gente di Sdbo, detto dd Kommfdnto ¥idio^ e 
mezzo pddre fdUri /w dcttd Falifce . Seruio foprdH 
7. dice che Idno (juddrìfìronte fu condotto dd lalifce 
^^^^ d Kontd . Mdcrobio nel u de Saturnali dice Ir alari e 
Id citù ¥dlifce . Sordtte e monte de Falifci, come af» 
firmd Acrone foprd quel di Hoiatio . Vedi come So* 
rdtte c cdndido [otto Valtd ncue. Vigliano errore chi 
dicono lifcone effer monte de Talifci:percheil primo 
è trd Etrurid, e Volfvid, l^altro tra Talari, e Ylauid^ 
noy ouero uno e in Etrurid, Vdltro in Vetente . Fa/i* 
X . fcdno hoTd Tildmano . Ycfcennio uno in Cdmpdnidj 
talìfcano quello che Catone quiui , e Plinio nel \, porgono in 
ycfccnio. TofcanaUra e citù CdfteUand.Vmbria citta prep» 
fo Tefcennino c quafì rouinata . flauiano uicino aU 
Teucre dnchord mdntiene il nome.virgilio nel sMce 
Quejli hdn le rocche difordtte, CT dncho 
J cdmpi Flduidni , e de Cimini 
Il Ugo e7 monte . 
Arcennd ò Arcenno e terra de Veienti cercd i conp^ 
Arccnna. ni Ceritdni e da Komdni rouinatd.Uuio ne la fine 41 
quarto.JiAd poi rifatta (t noma Barceno. Ma fi* pri^ 
md detta Brigidtio,hord Brdccidno.Mcfio terrdno 
luntdno dd BdccinoAl bofco di Bdcdnofi^ da Tofcd^ 
Mcfu Sci p^i^^ detto lAefìd.lJuio nel primo. JD/ce Id Selud 
aa . Mefìa fii tolta i Tofcani ne la guerra Veienteyqudn^ 
do fi udì una uoce dd la Selua Mefia* Ro/m/o terra c 
ArcMu- fHQfite con f(r Udii nome, Are Mutie bora AreMuzc 

e terra 



DI CATONE tSf 

e terrà dtd preffo i Vefcennio . Fimo nel fecondo.' 
I>ice Ale are Mutiane in Veientt,e ne la Selua Cian» 
nafano luoghi, ot4e non fi poffono cauare le cofe fit* 
te in terra.Sutrio èuoce compojìa da Suto.cioè fvr* 
mento^ tre,perche la fua infegna è di tre finche, co, 
me dicemmo ne la t j.quefitone Annia .Non deriua a 
dunque Sutrio da Saturno come fauoleggiano alcuni, Sutri» 
perche ^ Muti edificato da felafgi e fcrmafi Sytrio 
pfr y,pliitto nel terzcnomina Capina, Capinati^i ho Capiti» 
f(hi capini,d<t capi,cioè falcone loro infegna.Capa 
nà e la fclua Capena^à nel mote Auentino,come dice Capen* 
tdlfio Pittore e Sempronio,Trotto terra de falifci, Troiia 
Vultima tra cimini,al confine di Viterbo e pro^ima i 
Jofcani.L'impreJitonefalfadÌLimo nel decimo.m ' 
fatto leggere Trotlo per tràto da un pefcie, che era 
U loro infegna , que^a terra /ù da Gotbi rouinatd. 
TDura tuttauia in Viterbo la troita famiglia, 

SEGVE IL FRAGMENTO. 

r 

LA tenta gente di Tofcana tranfcimma , da Cimino ìk 
Piftorlo fi ftcndc,iui c Volturcna II piedi del Cimino» 
c chiamafi Tofcana,da laqualc tre po poli Tofcani (i 
chiaroaDo.come da la coinmune loro citta , Se il terrena 
Tofcano fu prima detto Vmbrcne,* iui nacquero gli V«' 
bri,in quel terreno e Perentia TrofToIo, Mcom'a. Mconc, 
Tirrhcna,Volturna,di (òtto i VoIcurena,gli Aronti anti- 
chi Cimillarii dctti,pia liitana Blerc,oleana, Tufia,Nana' 
Lartc Citta,Salembrona,Cort No/la , Cort fincbra , monte 
di Coreto ne i giuochi dmini,i 1 incontro,montc Fifconc, 
che Rocca di Ito fi chiama, Volfino,Pcdij,Orop!ti,Scnti. 
Aat)|Ciufi3 secchio dal combaic:re,ouero da Comcrfola 

AA 



^v- FRAGMENT* 
Duca^ofi dcttOji monti Tuniati. Sora Soana , hon lungi , 5. 
da Saturnia fono le pietre da Gioue in aiUtp d'Hcjcolc co 
tro i Tofcani gìganti,chc dal figliuolo di LaumideTìcbbc 
ro il nome piouutc,il fiume Pclia,& Pclio monte , monte ^ 
Tonnia^de Rofclc,Vmbronc nel monte Sena <k)lonla;Fd^ 
cenfi,Piftorio,Vmbfone,Ficenc,Stcllatc,Fluentinì,Arnic 

fi chiamati,Clufo nouo, oue Annibale piifiò,Arc2Z0, CrO-., 
filivi CrctonCjd'Hcrcole compagno edifica^a.^ 

S I come ddld metropoli Bdbilonidy Bgitto^Vers 
•i»oi.Ojìd,Sdnnio e tutte le regioni fot tò ([UeUd prefèro i co 
gnomiiCofì tre genti di Tofcdnd dd Etrurid loro me ' 
*fnqO tropoli e dd Vdnticd Turrehd fÌ4mo dette litrufche e ' 
o^oiT Turrene^d fpeci dimente Vulteréniuichiid'Volfmie 
fi fi nomdno Btrufci .Vlinio nel terzo. Ver ciò Vultur 
rend poftd d pié di Cidnino e ìd fnetropoli,di Tofcdi» 
ndiCome dice quiui Cdtone^e proudfi per Pdrgomcto 
id le cofe unite. Se Vulturreni poili d le rddici Qidni 
ne eVólfiniefe^nomdnfi Hetrufci.fègue fecondo Cdto 
ne che Volturend prejfo d Volfvùefi er d le rddici di 
Cimirofid dettd per cognome Etrurid.dd Id qudlép 
cojlume dntico fi nomdrono tre genti di tofcdnd:,cer 
Cd l'origine e Id drittd fcritturddi turrend^Btrurid t 
Vulturrend iicemo nele qBioniAnnie efoprd Mirft 
I/o. E pdrimente di fole Vmbrond^Verofd, BeUdte cr 
Arniefi Hord dichidreremo pdrticoldrmente ciò che 
quiui dice Cdtone.Vlinio neLudl cdp.6,dice Ferenti 
nd e qudfi y.miglid lutdnd ddl fdno di uulturnd Tro^ 
fuloje Meonid , Meono e Turrend fono nel medefìmo 
luoco.Vulturnd mincre unicd cittk é nd pidno del fd 
no a wdturnd regdUJ^dltrd i romndtdf Cdtotte poi ^ 



. dnnoucrd le altre citti uime a vulturnd regale,e di Aruntf 
telj^n^ntiuecchi fonò detti per cognóme CdmiUdrìj^ vccchù 
Vlinio gli chiama Aruntini uecchi.Virgiliomiy.gli 
tìomd fecretarif t reftrendarij de gli drttkhi Anndi, 
iquai diceuanOyirKptejli ncfhri campi nacque Bardd 
no in turrena regal cittd d^ Corito fuo pddrCiXy dn 
dò in Tri già: e cofì dice^ ^\ ^ :^ . ; . 

Ofcura fama da gli arìtichi Aranti '^'^ 
>r Narra che effèndo Bardano nafciuto 
in qtieiH campirle citt adi idee 
Bi frigia trappajiò^e poi in tracia ( 
- . anco in Samoj c^hora famotracià' 
Si noma.quiui pcruentie Corito . -4 

Da la Turrena fede hora nel foglio 
^ Stellato fi ripofa à fuo bell^agio. 
^^miUarij finomano Mon aruni^ cioè municipijd^ 
^^uni Mot fìgnifica municipio ò borgo^arunifi chid 
^^<^no aruti declinado à la romana, Camillo in lìngua Camill* 
^ofcana fignifica cameriero ò fecretario fecodo Ma 
crobio Seruio cr altri.ptrcio Tofcani chi dm ano Cxi. 
miUo Mercurio fecretario de i Bei^cofi camiUarij uec 
chi Arunti erano fecretarij e cancellieri de lucumò^ 
ni Al loro borgo era in luoghi deletteuoli de bagni 
caldi luntano un miglio dal Fano di Vulturnd fèdid 
Turrena di Cor ito^non lontano da i bagni iafineUi,é 
fonoui ancora uedigij de bagni.onde fi cauano ogni 
di alcuni indicij d^antichiti , il principio del borgó 
fin^ad hora chiamiamo camitlario cr il ponte camil 
Urio celebre per lo mdrtirio i'HiUrio e VdletinoU 

AA ij 



151 CANTONE f %ty 

iBerofo , r Lattdtìtio nel primole leUuine infiitutié 
m depdij e VéafgUfonoui il monte cr il fiume pelia^ 
corrottamente Vdiayprefp) ad oropito, nomato orpi 
to nel decreto de Defiderio^ndi i mmfiSto che PeUf 
gì ui Ufcidrono più nomi, perche oropito i citti in 
AcAÌd fecondo Tolomeo ^perciò Achei dd Vibio giU^ 
dati decrebbero Perofd. Cdtone hdued propoBo che 
Greci non haueffero dato k Vltalid origine dicund^t 
quiui pdre che gli ne concedd , d quefto fi rifponde 
the quantunque ^eldfgi edificafferoin Italidgrdn 
tittdytuttduid fecondo JDìonifio nel primo. Ne fiirono 
tofto cdccidtiydd i uicinije fpecidlmente dd Tur reni, 
fentino erd cittd trd Aqudfenfi e Tdmidti^e nifi no^ 
md dncora il ponte fentino, e leggidmo in Limo il ci 
po fentindte de Tofcdniy Sentind ancor d è un campo 
in Fdlifci.Clufìo uecchio e cognome dal combattere, 
perche duo ftgnificdua d gli dntichi combdtto, Vli^ 
ìlio nel I rxdp.z^^Liuio nel toÀice Clufio primd dei 
to CdmerfoiBerofo nel. TÀice lano fece Re de Vetu^ 
lonid Cornerò GdUo,che diede nome al paefefi ueggo 
no uefiigij di Corner fol,cio è giogo di Cornerò e nel d 
po Vulturreno Id uaUe Comera^GT Ri Comeriojcioè 
fiume del Kr Comero^e ne fiali fci trifola Comerfand. 
Monti Tunnidtihord Kadicofani, CT Santa llord 
uolgarmente BuniataStrabone al quinto.Segue po% 
pulonid e cofd d Id uedetta de Tunnìy che mirano fm^ 
•é porto d'Hercole e Cofd,oue e OropiteUo Ugo , cofl 
iunnidti fiiron dd longobardi chiamati Kodacofianij 
forajòrdndfono ne U maritima Senefe ,tnonfo rn 

AA iìj 



Sena 



Arano 



piOorìo 



thtmolo pdno àd dlcuni po{iiwjrd terrdycercdl^d 
none combdtter d^Hercole dicèmo foprd Sempra 
nio.KufeUd c rcuindtd d i bdgni ài fan Filippo.Liuio 
iic€iCombdtteronoi Romani nel campo KufeUano. 
Vmhr'one per mio parere e fan Onirico nel monte^d 
pie del quale ndfce Vmbronc fiume , ilquale paffando 
per Kofeto,hoggi GrofetOjmette in mare^oue cornine 
eia umbrid da Sale umbrone in Id regione tiberind* 
Plinio dice nel terzo.Ld colonia Senejefii condotta^ 
cercd il tempo di Pompeo , ilcfuale fecondo Appiano 
nel primo, hd faccheggiò^perche fauoriud d Mdrtio 
€dpitdno . Sdturnid poco fa e ddtd rifdttd àd Senefi 
Appidno dice. SiUd hauendo lafcidto dlcuni de fuoi d 
gudrddr Komd^dndò d clufto^o" in quel tempo uinfc 
il rimdììente de nimici d Sdturnid . Quejii Saturnini 
fecondo Plinio fi chiamano prima Aruntini.dd Arua 
no Urte di tofcanijBerofo nel quinto, IBocèfi habitano 
la udUe di Efdra fiume , oue e un^ antichi fiimo lagone 
terra detta Focechio.perche ui habitarono i Yocenlì 
Pelafgi.Turreni e Qrotoniefi la rouinarono. Defide^ 
rio Re edificò terre in quefìopaefe detto fan Cernia 
nidno e Miniato^come man \fifta il fuo decreto inta* 
gliato in Alabdjiro.Piélorio ha tre origini Jdtind dd 
Piéiori ne la guerrd Cdtilinarid ìna /w più todo und 
renouatione dì nome^ perche fu habitato da Peldfgij 
perche piflos oros compone Pi (Iorio, cioè termine fi 
dele.perche u^hdbitdrono huomini fi:deli:per effer^un 
ferrdglio oppbdo a id GdUid Qifalpind , hord Lom^ 
bdrdia^ma m è una per antica origine^ pid fecondo 



; Eri-CATCFWB 1*7 

' Sdmud jignificd porta^^ oros monteinii Vidorio^ 
eporf^ ipitj)^. rA])pmno mote da Tofcand in Gal 
lìd.percw 'feconjlo SijilIu(iio Catilind s'^ingegnano di 
pdffdre da quello, in GdUid.Antonino ne Vitenerdrio 
dice.pidorio e il pdffo de Id uid Aurelidnd,e cUudia 
ftd in Gxlìid.Vmbro l'dltro fiumee SteUdJbno ne U 
yegione Pifiórienfè^e pratenfe.SteUdtini nel uico To * 
fco in Romd fecero m4 tribu.Defìderio Re primierd 
mente Cinfe Viélorio di murd.Fluen tini, per cognome 
Arniefì hdbitdrono lungo Arni in più borghii^rono ^^^^^^^ 
poiìidd idno trdli ^ aprimi popoli ;^]^e^i jicero 
und tribù neluicoTofcdno,Clufioj<luouo^dhcordfi Clufio 
fiomd in Clufcntino.per doue p^ijlo Annibdle in Are^ ^^^oìio 
zo e ne Trdfmeniye penfo che fojiedsttdld regione 
clufentind ddl conflitto d'Annibale^ cr bora esentiti • 
ttd.Efdr fiumeU qual uoce in TofcandfaueUd fìgnifi ^c^j, 
Ctf Bio.Suetonio in Ottduio.Strdbone di quinto ndr^ Crotone 
Tdundfduold.perld quale Tojlani l'bonordrono 
per Dio. B far fiume corre contrd Ama, e ud con lui , 
nel mdre.preffo d porto ligorno. Crotone infrd terra, 
d tempo di Bionijìo,mUicdrnaj^eo fiifuttd Komdnd 
colonid e nomojii Crotonid^come egli ifteffo Bionifio 
dice nel primo, cefi fii dnticdmmte detta Crotone Me 
dilerdned , vj^ebbp origine da Hercole Egiitio no* 
mdto dncord. Crotone. 

SEGVE. 

AFcnnfno monte diufdc in dac parti iTfaJia, Lf 
radia* de Va pénino,ouc ^nnibale pafsi da Nìz • 
za longo l'Apennino fi (tendono , enfino à Ma- 

AA iiij i 



, . n CATONI* 

S E G V 

O Anniri nomarono f Lucani da Lucio capitano , ma era* 

^no prima di lui le colonnic di progenie Tofcana , che 
fono Budento, ofencini , Scntìnj, Tergillaoi, Vrfcntinicia 
Trafimeni , Vokencìni da Voice par icinu , c Tcbani da 
Ocno mandaci* 

DICE Mmo in Sempronio di (futi luoghijche no 
mind Plinio nel r. chentdnifiiìdno di effer di origine 
Tofcdnd. Vufentini fu quel di Vulturna habitdno ne i 
bugni bora detti Vufentini : mdfjilfmente nel \.cdpl ^^^^^^^ 
4. dd Plinio detti Eftini,0' u^defi Verrore in que&o ^^^^^ 
che Plinio dnnouerdndo per dlfdbetto le dltrt citti^ r rCcaùtd 
terre di Tofcdnd, mette hfetini in Id letterd V. Per» 
ciò Vufentini fono in Tofcdnd^dd i qudlifi nomd Buf 
finto, e chiamiamo Buff ti i bagni, e le terre rouind» 
te . Sentini nacquero dd Sentinati , fi come Vrfentim 
id Traftmeni. Cortoniefi chiamdno Vrfaid Id regio Vrfendnl 
neyC^il piano fottopoflo . Tebani fiirono manddti 
dd Ocno,e uennero con Manto fatidicd loro genitrim 
ce di Teucre uniti in matrimonio con TofcdiiiM 
furono mdndatié 



^ Ahgni Io chiamano gentile^ Sabini Sabo • Romani Saa* 
^ lo , Birbari Saga, da cui fi dicono Saei, i primi tofcaol 
cioc Pontefici, e Sacerdoti i Di onde la Icggierezza con Ig 
€i;lncìe de Greci f;irsi niamTcfla, quando dicono Lacede* 
inonii cflcr de Sabini l'origine, fingendofi che da &cuom<ì 
Cre» Yocc^ c*hooorc figuiiìca^fiano chiamati. Ma era 



FRAGMENTl . 

quel tempi Roma rozza , quando che lafciatc le lettere^ 
e fcienue di Tofcana, mcrauigliandofi de le fauolc, e dot- 
trine Greche, era in errore , ma Tofcanì fcmprc le fprcz- 
itarono, e perciò noo volfcro le Latine lettere accettare 
fino à Cecina macftro de carri, e d'Auguri Prcncipe, p»- 
drc di Menippo, 6c Auolo di Menodoro, ma Vulturreno 
di lui padre , e Tito Auolo,c Turrcno proauolo à Roma- 
ni Prcncipi charisfimi le rifiutarono, come che à riceuerlc 
fuflcro altretti. Perciò che vccifo Turrcno , predo al lago 
Vadimone . Elbio VultìTrreno di lui padre, dc vhimo Re 
de Tofcani icconfenti di dare ;i Romani la città Hetruria 
Oc la centcfima vcntcfima quarta olimpiade, ma di accet- 
tare le latine lettere non voile acconfcntirc. 

^Jig\ ' Tofcdniy , qudi cdudrono li 7. mdrij e pofcro nome 
Sdgd dld fóce dd Po, come eglifcriue nel ^ cdp. 17Ì 
lEefio per Sdgd , efpone purgdtore. GiroUm immo 
' ìdtorej chei ufficio de pontefìcey e di Sdcerdote , co# 
* me e foprddettOy oue moSlrdmmo che Sabini hebbero 

klboiiiV icL Tofòdni Vorigine , e ledifcipline > non dd Greci 4 
Qg'M« e dd notdre primd che Idno infegnò fìlofofìà, 
& Afironomid. Secondo Ber ofoy ej i l^ifici, che con 
. - fdcrdno ìdno con molti fegni di diuiniù* Et egli pri^ 

gnò fifica wi/er4mentei«/e^no 1 jdcri rith Id religione^ e la teoa 
logid . Perciò dicono i Mitici che fotto Uno le cdfe 
erdno piene di religione , efdntìmonid^ efecodo Bero 
fo infegnò dnchord U uitd morakj e Vindouindre ufs 
fò molto dd Tofcdniyè Idfciò tdi tofe in fritto. I^ioi 
doro dffvrnidiChe ^«efìe cofe durarono fih'd fuo tem^ 
po , c dice: nel 6. Turreni confumdto molto tempo di 
nueiHgdre ie cofindturalij e Id teologid , s^ejfercitdm 



DI CATONE 189 
rono fpeci dimente di interpretare le fdctte àimme* 
Tdy che fm^k noftvd eti tutti gli portano h onore, e fi 
ne feruonodele loro interpettationi . Secondo édd 
notare che Uno fu di pdtrid Ogigio Fenice, perciò le 
lettere, e Id difcipline Tofcanecrdno Fenici, cr Aj^i^ P^^"* ^* 
rie, Icqudifono da le Greci diuerfe per U loro certez 
Zd, CT dntichitd, e ie Greche per loro cotifiifme fdn 
no errdrVhuomo tuttdld uita fud . Biodoro nel j* 
noni peri mdrduiglid fer Cacone dive che Tofcdni 
fempre hebbero in horrore le lettere, e difcipline Gre 
che, come nuoue, cr incotìRdntiy e fi ccnfcrudrcno le 
antichi^im hdmte dx Uno fìn^d tempó di Bicdoro 
Cojì diremo che Arijlotile anchori fìiffe incoddute, 
CT in più luoghi buggidrdo . Qudnto nuocque d Id 
ueritd \tdidna, infegndtddd ìdno y iitroudmento di 
filofofid Grecd . Fu Cdtoneuerdce indouino, come di 
, pricipio p fue pdrole mofhJmo . Terzo t dd notdre 
fecodo Liuio nel 9. che KomM impdrdrono le lettere \ 
difcipline tofcdne, fi come poi le Qreche,pcheld rozd \f 
Komd incofideratdmcte ft delcttdud de le fdUole,e me 
Zogne di quelliyperche poi ducdutcfcne gridd* il Gre 
co dffdmdto fd ognt <fofd ^'^ quinto U buggidrdd 
Grecidènel'hiiìorid arditd . Perciò non uoleuduo 
Tofcdni dccettdre le Ldtine difcipUne^perche pendei r. i 
Udno dd le Greche menzogne . Qudrto i dd notdre 
id Gene dio gid dei Prencipidel Fdnodi Vulturnd, 
poi che ft domitd la Tofcdnd. Z^ultimo diceJidTte de . 
Tojcdni fii ElbiOjdd CUI jt nomo meo Gimmo Elmo. Turrcno 
Secondo Tolomeo . Md uccifo cojiui di Ugo Vddimo 



DI CATONE. IM 
OtUuidno.perefferadto figliuolo di Meworfor^ 
coH cui aiuto Cefare fuo padre haucd uinto U relU 
qute Vompidno . Cofì Mecenate fu Tofcano,cioi VtU 
iurreno. Perche Tofcatiifono Vulturreni , cr hdmo 
gli ifiefii confini da la cimind / dd Id Ttberindte pdr 
H vetulonU fu dd principio l'ornameto dt Meonij.Sil 
Uonol 8 • hjìeffa gente Lidd illuflre per guerrd fi fir 
mo ne i gioghi lofi: ani , cicè Vulturreni, e dminij, 
^ome ho detto ne le queSlioni Annie d. 9. II. 50. fi, 
1/ Uuere dd Turrena fu detto Turreno, e dd Lidi Li^ 
do, e dd Etrurid, e Tofca Btrufi:o , e Tofi:o non Ld 
tino fecondo Fabio nel fine . kcronefi>prd ifoprddet 
ti uerfìdice: Lidi uenuti di Afìd habitarono in To/ci 
ndcercaHTcuere • Emétterò fecondo Uordtioche 
Aui materni, e pdterni di Mecenate fignoreggia^ 
Tono d numero fe legioni din. popoli.perche Elbio,e 
moUifuoipredecefforifurontarti inTofcdnd. Et e 
ucra la prima odd, oue dice. Mecenate dcfcefo dd gli 
Aui Re cioè Lucumoni, e Larti , c7 àncho Turrend 
progenie de Ke . Perche ndcque di Vulturrend Elbio 
egli duoli fuoi Ldrti . Dicono, dlcuni che Mecenate 
nacque in Arezzo , ddducendo Macrobio che dice 
ne Sdturndli ,che Auguro lauddndo Mecendte , lo 
chidma didmdnte d'Arteini, 4 que&o fi rifponde che 
non perciò fi fa in queft'epiftold mentione del nafcerè 
di Mecenate più toflo in Arezzo^ che in Tofcand , i. 
in clufio di Por/ina, md fono epiteti, che gli attribuii 
fce Auguro, che glifujfe k le genti dolce, k gli Areti^ 
ni durò come didmdnte , k ld tofcand Efar fignificd 



'♦^ FRAGMENTf 
PrV in lingua tofcdndSudonio ne U uitd H Ott'duid 
no Id iidtud di Cefdrefu toccd dd cielo.efì annulò U 
primd lettera^efii detto che egli doued uiuerefoldtnen 
/ te cento giorni , come fignifìcd Id lettetd c, e farebbe 
pei fatto D/o, cioè e far , ch^e il rimanente di queilo 
nome Ce fare, che in Ungud Tofca fignijìca Dio . B 
^^nc" o ^"^"^^ nojirò prqpofito Mecenate nodrito trd 
fcriucrtc Celebri Voeti,d fdticd fapeu dia lingua Latina.per^ 
nero. che fcriueua co jlile remeffo e difcioltOyacdoehe tifid 
manifrfloche Mecenate hebbe malamente le Latine 
lettere poco auanti da Cecina Vulturreno accettate, 

\S E G V E ♦ 

Orna d'Italo figliuola nel monte palatino fignoreggìi 
ma gli Aborigini palatini v'habitarono.i ^uali dal tur ' 
reno Reatino ;\ cercare per le loro pecore pafcoli riandj 
rono,pcrilche fasfi manifcfto Vellia del Palatino parte da • 
cattare la lana coli elTcr ftata detta prima chc'l modo 
Tofcano di tondcre la lana fuflc manifefto à i popoli, 

V A R One ali. de la lingua Latina ferine il me^ 
defmo, loue parlò fopra Fdbio. E perche Velli d 
fi noma da Vello uoce Latinay che fìgnifica cauare, 
cr indi fi noma il ueUo, con due U , perche Velia con 
feplicel, e una citta in Italia. Virgilio. ^^uu^ t 

Fa che ricerchi lo porto Velino . 
Tofcaniinfegnarono in Italia i'arte di lana^ fondere 
le pecore, e tingere i panni^SiUto nel 8. dice Vetulo-^ \ 
nid principale tinfe porpora firiacd , perciò nomafì 
ueUo Romano . 

£r 4 a ffai meglio dice afte latine 




À 



DI CATON E y 

Viuer pouermentCy e non UfcUrc 
Contaminar con li nefandi uicii 
Le cape loro, al dormire eran Vatrchl 
Le mani haueuaper lo curar le lane 
Bure, e c aUofe^ c per molta fatica. 

S E G V E. 

rf^ApitoIioda vn'icapo infanguinito , che vi fi trouò, 
^quando Tarquinio Rje^l tcpjo di Giouc gettaua i fon- 
damcnti,pcrciì> che prima Tarpcio di Tarpcia, cbc fu da 
Sabini con gli (cu di vccila> chiamauafi . Ma prinia fu dee- 
co Saturno . Q,uirìno da ia vittoria di Lucamonc,chc dal 
CoJlc Q^uirino fi moffc, 

I L CapitogUo mutò fpeffo il nome come dice qui^ 
ui Catontj e Varrone de la lingua Latina . Onde fi 
nomi \ anobio e fpone Quirino, la cui hijloria c trat* 
tata fopra labio vittore. 

S E G V E. 

QVirinale da Giunone de Sabini Dea , che chiamano ci 
li Curitim, cioè Giunone con l'hafta, perche chiama- 
no rhafta Curia , e Curina, non hauendo loro ne ancfio i 
Tofcani la lettera Q.. come hanno i Romani , i quali di- 
cono (Quiriti. 

T O Scani anchord profirifcono ^tgittij 
Ifum , cr l/?m Latini Giouc, a Giunone. Ver ciò fotta 
laftatua di cibel€,de ìjì Egittia,che uenne à le fue no 
Zecfcritto in Ietterete uoci Tofcane VeiuzMeos,\ti 
ntos.ìey,Zcb,cioé veiuzo albergatore ìfì magiatrice 
Valbergò, come prouammo nel trattato de le Utterc^ 
€ titoli Tofcani ritrouati 



4 



DI ANTONINO* 19? 

Hìdggio da Roma a Centrare in Francia Ne i comus 
muidggiufxìfiUmigliaìulidfi e Ma Antonino fen 
Zd parlare de le miglia Aejcriue i uiaggi del mondo 
coti Ufuccej^ione de le citta, ilche da le genti meglio 
s'intende che le miglia : CT anco feparo i uiaggifo^ 
pra la [piaggia da ciueìliirfra terraneo fi e mamjvflo 
che quefii uolgati itiverarij non fono tatti Antoni 
no^anzi fe tutti fu(]eno in tanta fufficictia^ccm è (JUl 
fio fragmentOjpotrefimo andare jenza guida per tut 
toH mondo, efapere la defcrittione de la terra , CT i 
nomi di tutte le citta.Efponercmo adurque quejìi due 
fragmenti,per la loro breuita cr antichità . 

COMINCIA IL PROHEMIO. 

VANTVNclVe' iiaiuinoAugB 
fio habbia diuifo il mondo cucco dirica 
mentCjOue dice il mondo tutto d diui« 
de in tre parti,Europa , Africa,* Afia, 
laqualec quafi il doppio comparata! 
qualunque de I* altre due, nondimeno 
dcfcriuendo i uoghi del mondo , egli 
tacque di molti luoghi memorcuoli,& quai terre & citta 
fi trouino ne i più vfati viaggijcquai non poco giouano 
rpccialmente 4 fcldaci,à viandanti^ ^ gli hiaorici.hora io 
mj pongo a ragionarne per ordine, 

VLinio neU.al cap. 6. afferma di no uoler feguire 
Auguro nel diuider e Atalia, ilche manifiUa cheeffo 
Augujlo habhia difordinatamète a-aU groffa dem 
fcrittoH mondo, poi che Plinio cr Antonino fprezZA 
Tono lafua defcrettione.benchenon c mdrauigìiaft i 
primi più rozamente tentano una materia, cheife^, 




t ¥ 1 N E R A RI O 

^uenti.per effer cof(X ficile dggiungere d le cofe tro^ 
• pdte.Augudo fii il primoyche àefcriffe tuttoH mondo 
qudndo troudndofì in pace il mire e Id terrdyndcqut 
CHRISTO No/ir <i fdlut€,come dccennd Luca Eudn 
-geliSid0oftfv,& i Idtini Uijlorici . Tdntofìd detto 
cercdH frammento del VroemioM i.frdgmento fi diui 
de in 6.pdrti ne li 6.uidggi dd Komd in Gdllid detta 
hongobdrdid,neldprimd diuipone diuideli6.uidg 
gi^a* dichidrd primd il mdritimo dicendo. 

« 

Da Roma in Francia fi fa per fci viaggi, ma ritimo dico 
'littoralc,Aurcliano,CaIsiano,Tibcrino,c Flaminio.ll ma 
ritimo tiene Feregcnc, Calici nouo,Ccllc,Hcrcolc Tela- 
monCjCapo di Tofcana,Falifca .Traiano , PopoloDÌo,va. 
da,Ligorno,Erico,Entclia , Delfino , Genoa tra Porfena • 
Feritonc,Monaco,c Nicca. 

1/ Mdritimo uidggiop fdper mdre.con ndue^e co 
Fcrcgcne mincid nel porto leregene dopo Oitid^nomdto dd Fc 
rone e Genio ìdno.Brd und terrd oue e hord und pd 
lude^d Vhord /? nomdud caM nuouo , bora poi cVc 
rouindtOyUecchio^come mdnifi^d Id pietrd intdglid^ 
td ne le murd dd Pio a .pontefice chimdp ddl uulgo 
Vorto di citta uecchid . Porto di Celle c d l^impetto 
de Id fóce di Minione, oue fi nomd Cin OUe.tutteH Ut 
todd cerei Minionefichidmd ddTop:dni uecchie 
ceUc^il fiume dopo cere dncord fi chidmd mdre ceUid 
no c i/olgdrmente MdrceUidno^iqudi nomi mdnififtd 
no che ddl fiume Mdre ceUidno a Id jice di Minione^ 
oue e ceUeJì nomd Nidr celli ano e litto celli dno. Ce fxrc 
hduendompodo cento giudici^chidmo illuoco cento 



Celle. 



PIANTONI N D/ 194 

feU^.Vorto d'Hercole e di Tel mone fono preffo tWr 
TcndActti da i principi argonauti, iquai uennero ih 
nane a uicino Fano di Volturna ò de l'antica Tur^ 
rena a i Lucumoni.oue futtoH lago Cimino.cr hauuw 
ia in premio faula giouanettamndarono per cimi 
nio ad Zuandro.e firmaronfi ne la capitolia Satura 
nia.Quefli porti conferuano i loro nomi , porto /hm 
pra THamone uerfo Vopulonia fi chiama , capo 
di Tofcana , perche iui cominci^ua la Tofcana li^ 
guriafin^adoRia^e nomoJ?i porto di Tofcana da 
Btruia citta principale^ la cui più celebre parte c 
Vulturna . Hora iluolgo cacciatane la lettera r,lo 
chiama porto di Etruia.cofi dicciamo come a yfvnti 
'Llettai.per Cornerà e fónti Elettrai , che fono alfin§ 
ie i campi di Elettra non lontano dal Fano di uultur 
na,hora Viterbo, il cui capo é il monte e la terra di 
Corito.cr hora lo chiamiamo in antica faueìla To* 
fca,coritjl^y.Bnta,cioé monte e terra di Corito.Palì 
fca efopra porto capo di Tofcana,uolgarmente Fam 
lefce. Traiano porto fecondo Tolomeo è k plobino, 
hora piombino, fi come dicciamo corrottamente cai» 
pilia,campanniano,.campidoglio. Capilia e la nuoua 
Pilia citta,ffdificata da ?ilij compagni di Neilore do 
po Vifa.Campanniano è il fecondo Paniano da pane^ 
che latini nomano Bacco,come dicemmo efponendo 
la defcrittione Tliniana di Tofcana . Campanniano 
hora e Baccano,^ il paefe con la feluagia detta cd 
panniana,hora e BaccanayPopolonio dopo Fiombi^ 
fio terra rouinata hebbc queUo nome,percheera prt 



ITINERARIO ^ 

pofld d le ndui. Vddd con fer udii nome trd Voliera 
€ ?ifd,e nomdfi ddl uoltarfi iui il luto i ligorno di fo 
pTd.Bgittij diceudno prcto.Ardtnei c Tofcdni Uddo 
Vado. Verto.che figmfìcd uoltdrefercio fono Viilef^ 

Ligumo fd cofd proteo Vddimone e Vertunno. Ligurno por^ 
Porto todd ligure figliuolo di ¥àetonte,e liguri ferentone, 
^ricc p^^^Q Ericc ddldpdrtedi TofcdndoueeEriceter 
^^^^^ Tdjìnd dd Id pdrte di ligurid dd porto Venere.Tolo^ , 
meo lo chidmd golfo di Enee, SiUio nei8, porto di 
fiotellia ii^^ ogrì^dltro più Idrgo.EnteUid fecodo Ardtnei 
€ Tofcdni fìgnificd iflfcmo terrd.perche Ellidfecoitn 
doH Tdmuldiiid fìgnificd lflhmo,cioe terrd c^hdbbia 
dd due Idti il mdre.o' ^ntd terrd.come ho foprdde^ 
io, io penfo che Entelid ftd ligustico feiio di Oriente. 
Tijullia. p/|„/^ fici ^xdp.6Mcuni Id chiamdno TiguUid^ bo« 
Td Lduinid per i conti Iduinij iUuRre. Delfino port^ 
t Porciftrd fi nomd dd porco principe detto dd de^ 
fcendentifòrco^il qudle conduffe d più luoghi di To« 
fcdne le colonie porche porcdrece, porcdrilie,e porci 
ft,e ddl p*o nome lurrene e Dolfìne come ho detto fo 
prd Mirfilio.Berofo dis feritone id Id regione Te% 
ritidnd cercd Rifanne fiume, fi nomd dd Faetonte pd^ 
dre di ligure^Genud dd cognome di ldno,e Idnud dd 
fuoìX)meypercheCdrin ìdno promontorio e pdrte 
di Genod uechid.Cdrin in lingud Tofcdnd Hebred^et 
Gcaoìia Ardmed fignifìcd uigndle.come dnco interpretd Gi^ 
roldmoycoft Cdrin ìdno e uigndle di ìdno, e pdrte di 
Genoud nuoud fi chidmd i uigndliyOue efdntd Mdrid^ 
ne i uigndiiCofi proudno i nomi cr i cognomi dd cui 



D r A « T O N I N i?f 

Hmuino i Genouefi.cioc da forco Kdddlqudk fi nos 
mijòrcifèrdM Y monte d c Feritone feriti dna fecon 
^0 liguri.ò Fdetonted fecondo Utini è Greci.Bt duco FcritUiu 
4dl padre dituttd IHtdlidldno Genio fi nomd Idnudj 
<drin ldno e Genod,benche dlcuni ignordnti de le dn 
Éichiti cr origini de liguBici ,edei nomi Tofcéni^e 
^àndole Idtitid origine penfino che fi nomi dalgenf 
Tdre ò dd Id figurd del genocchio.Vlinio nel BXdpiL 
óMceyil fiume Porcifird.Genoud terrd^ feritone fìu^ 
fne,porto BelfinoM uolgo chidmd quel fiume Bifxm 
u/,e dd Id uicind firitidnd regione Feritone. Di Moa» 
ndco dicemmo in Cdtone . hliced confine d^ltdlid Si^ Niccai 
gnoriggicttd dd Tofcdni^p mio duifo fi nomd dd Ni^ 
€io Urte di Tofcdnd^che ui mdndò le colonie, fi come 
ie hduedno manddte ne Id GdUid Brdccdtd Ndrbone 
fe Aildnie ìtalo Urte di Vetulonid e Corito fuo fuo^ 
i:ero detto per nome Cdmbo per le nozze di Elettra^ 
€ nominarono da loro le tribù . Bero/ò, Vlinio nel.-i. 
€dp, r ,dice Cininefiy CT Cambo Elettri fi nomano dn% 
cord Atldntici . Non è mdrduiglid fe ìsiccio Urte td 
vtdndilecolonieyqudndo che Turreni prcfd Corfìcd^ 
ue edificdrono Niced ddl nome di quello. Diodoro nel 
^Xìneflo bdfti del primo uidggio di Antonino in Gdl 
lid di qud e di Id da k alpi , hord pdrU di quei che 
guidano foUmente di anddre 4 Id GaUid di qud dd le 
dipi e primd del littordle • 

IL lìrrorale contiene Alfio,Cerc,PJrgano ,ForoncclIc, 
grauiTca, Cofa, Volccrra,Pifa,Luna,c Cariara,pcr doae fi 
j^aQà io GallU • 

BB iij 



ITINERARIÓi ^ 
VIAGGI Ojper lo litto non fi fu con ndue , fttà 
fi dnàdua per le citù maruime , benché fiano alcu^ 

Alfid . „^ pif^ iiicine altre più lontdne dd litto. klfio^tl 

tee detto fpprd Catone ^fii più tojlo picciol borgOi 
€he terriiCtretani meno antichi lo ri^ceroj e notna^ 

Cere. fofiio Q^^ì loro jlcj^i.Cere detta prima AgiUa.fk 
da Pelafgi edificata fecondo Catone^ Vlinio étìoni^ 
fioyMez^ntio cacciati i Felafgiprefe queJl^Agilina^e 
/w per tal uittoria nomato AgiUino^cóme Scipione A 
frìcdno^Strabone al ^.la chidmd CerCi hotd Ceruete 
re d diffvrentia de Cefi fopr adetta. Fyrgo e Vyrga^ 
no per y^hfbbe da Greci originerà in tofcana Cat 
carinycio e terra de le terré.Ma fcriuafì p w, purgò 
^'^^ c purgano^ e dicono fanta Maria di purgano nel col 
le di ca&el uecchio^anticamente nuouOyfòrunceUe uol 

f orlccllc g^rmente forcelle non lontano da CinceUe , che uo^ 
gliono alcuni effer città uecchiajlche no affirmo^per 
che(come dicemmo)fotto marceUiano fiume fin^à Mi 
nioneyCeUenfe da Top: ani e Vyrgano da Greci fi nos 
ma^perche celle in Arameo,Vyrgo in Greco fignificd 
in latino torte definfiua.Tuttii borghettie gli habi 
tatori di queSia regione fi nomauano cellenfi^e:^ Vyf 
gi antichi dal mare celli ano al fiume Mintone * Vir^ 
gilio nel lo Jice 

Quelli che fon ne la cerite cafd 
E neli campi di Minione fiume 
Gli antichi IPirgi^e Grauifce nociud. 
Kueto dicono tofcani^e latini Crauifco,eÌa Un corna 
cornucto ceUbre^nomafi cornueto^comeluna Verofa^Su 

/ 



1) I ANTONINO i9<r 

trio,nrpeyVtfceniOiVetulonia^ Cofx foprd U parte tu 
multuofd del mare coHpprto tìercoleuicino^judOf 
GothirouindtdiC rifatta dd Befìderio^fìnonid Afìdo 
nU àd i principi Alemdnijche ui habitdrono , perche 
Longobdrdi e Sidoni d Befìderio [oggetti fono Ale-ai 
mdni,Tolomeo mette i Longobardi dal Kenoftume 
fotto Sicdmbrifia k i trofèi di Drufo , cr Albi fiume,, 
che fegue^Sidoni dlHncontro oltre Albifiume^ uicino 
dì fiume VitiuUJ)ord vìfcla , Sidoni e Sidonia fono 
hor a Poloni e Folonid.prima perche Viftuld fiume^ Sidonf* 
pdffa per crdcouid loro principal citti^o' iui fono i 
Sidonijyoltre ciò ddi popoli detti dnticdmente Looci '^o^^^a 
huti.Voloni fono dd Boemi chidmdti Loot.cr i Looci 
butifono uicini a Sidoni, Co fa ddunque prefe il nome 
da chi Id rificero^md roindtd da Saraceni a tempo di 
Carloygiace d terra.Bi Volterr alluna e Vi fa dicem^ 
mo difoprd.Cdridrd e nome Tofcdno ddcdrc^ 
Tdycioè citta tundre fgnifìcd Cdriard Id citta lund cr 
il tenitorio di queìldychidmdfì ddluolgo Cdrrdra^ 
onde fi pdffd di Tofcand in GdUid Cifalpind. 

S E G V E IL TERZO 
VIAGGIO- 

A Vrcliano i Claudiano fc ne va per AureL'a per II 
bagni ftigiani/oro di nouc borghi di Claudio ,Tar 
quinio,Sarurnia,Volcc.Tuniafc monte , Rofella, 
Rofctto,Turrcna,& Apua,ondc fi pafla in Gallia. 

NON trouoj oue fìa vico Aurelidy ò Id terrd do 

po Komd i bagni Stigidni tengono il nome dal uici^ Bagni 

noldgo Sdbdtino,horddiBdrceno,€nomdudnfibci^ Stigiani. 

^ .... 
JBB Hit 



%n\ Oi XI N ERARIO 

gfj! Sdhdtini , come fi uede ne U uitd H Vrotogene 
mTtire,e chiatnd.fi dncho Ceritdni dd Cere terrd lo 
touicind . Str abone di <.fdcendo compdrdtione trd 
quei bdgni, cr i Gdij Tofcdni dice , Id Tofcdnd , oue 
s^duicind d Komd dbbondd di dcque cdlde, e non me^ 
no che le cdie, lequai per loro nobiltù uincono le dU 
tre. dlcuni cdccidtoneld gy ò td c, ui pofero Id by 
dicendo BAie, e ne l'eiegid di Tibuìlo de bdgni Ugge^ 
fi Bdie per cdie. Cof^ quelli nonfapendo Id difcretio'^ 
ne de Id terrd, ne le dnttchitd, corrompono glìAuto^ 
ri . E più fcioccamente ef^ofero queWelegid , perche 

" 'Bdie no forge dd monti di Tofcana, ne fi può chiama 

te Tofi:dnd dcqud.ne mdi poffedcrono Tofcdni Id r4 
ioe bdid ne ui hdbetaronojcord che Cdpud fìiffe ter 
* Td 4 tofcdi eoe moiìrJmo in fine di Sèpronio.¥oro i 
nuoue uiUe.ò borghi di Claudio ode comincid il uidg 
gio Claudianofi nom.i,?linio nel ixap.C. per qiieftd 
uid fw^ge dd Komd fdn Tlauiano mdrtire neld roc^ 
chd de iti dettd monte Yipone, chene Id uitd di fdnio 
rUuiàno fi legge corrottdmente Yiùfcone, ^ 
Ud Vrotogene martire ^ condotto d i bagni Stigid^ 
ni , cr in à di fòro di Claudio lontano dd Komd iS. 
miglid^ouefu p Chrifto decdp:tato Et e Tulfd nuoud 
inclitd peri Komdni perfetti Jdqualededruttd ddfd 
rdceni, perde il nome di Claudio , e dd Tulfani dntta 
chi, che Id rifecero , prefe il nome . Dd Tulfd moud. 
già fòro Claudio, dndauafi per dritto ne le Tarqm^ 

Voice. ^ in ^olce dd Tdrquinii rouinatd , che uolgdr^ 

mente fi chidma Vote, preffo laquale e monte vdcett 

tdrio, e corrottmente Argentario, de Uqudl dicem^ 

% 



E'ANTONlNOi «97 

Ino foprdi^l terzo Frdgmento di Cdtone. VdrUndo de 
k 11. città fatte dd Uno dopo le lurrene, tra lec^ud^ 
li è KofeUd rouinatdj che conferua dnchoru il nome. 
iJuio dd quefld noma il cdmpo KufceUdnoj e foncui 
ibdgni KufeUdni, hord di fan Filippojel monte Tun 
mate, e gioghi di Kddiconfani.e di fantd Flordydicem 
mo nel 6 . fìragmento di Cdto . Kofeto per mio giuii^ j^q^j^ 
ciò hord fi nomdGrofetto dggiuntduild g, ufdno 
Germani y e:^ il uolgo di preporre lu Uycome Veftd 
per . Velid per Elia . Ardto porto preffo Fa/i^ 
fci,le Piombino. Luca inclita citta per huomini fingo 
idrij e riccd per mercdntij iUufire per religione , CT Luai. 
per lettere anticdmcnte^ e miUtia.jii fecondo Str abone 
al s. edificata dd Luchio Lucumone^ ^ il 45. l^drtt 
dopo ìdno.e perche bdUaud fouente ne ifdcrifi:ij,erd, 
tenuto matto fi come fu riputato Bauid da la moglie 
perche baìlaua auantil^arca.preffo d luca e un luo^ 
co detto Luchio da l^ edificatore di quella citta ^cU 
terra Turfena dopo Catino monte yluquale tuccnfi 
thiàmano curfend, Froudno Mirfilio^e Dionifio gd* 
glidrdamente, che Turrenij e Id citta Turrene furo^ 
no duanti Turreno tAeone ^ e non fi nomano da lui, 
tnd da Tur/? Turfeney come pronontidno i Tofcdni^ i 
qudi chidmjino Idloro princtpdl citta Etrufia , Tur^ 
fènd, c Volturfend. QU'^ftit Turfend è in alto luoco, e 
picciold à co fiume antico y perche lefaceudno in luo^ 
ghi fòrti picciole.e fj^effe. Dionifio nel \ . cofi ueggid^ 
mo le dnttche città di Tofcana picciole,md le grdnde 
fon nuouefiuero dccrefiiute dopoi.Erdno le città 4/1* 



ITINERARIO 

itèmente dijfvrentij e per la grandezzd, e per le mot 
te parti, alcune erano di una cittàj altre di due, alcu^ 
ne di tre, ma le regali di 4. come Samotrdtid , ArbeA 
de Fenici, Babilonia , Nino^Gerufalemme , Saragofa, 
cr Etruria, come dicemmo in y^enofvnte. Apuano c 
l'ultima terra di quefto maggio per paffure in GaUi<^. 
.^^•)^^D4 Apua nomdnfì gli Apuani Liguri in Tofcand.Hiy. 
ra ponte di Romolo * 

ÌEGVE il dVARTÓ 
VIAGGIO- 

ILCasfiano conduce per Polirono Ar ccno,MInIonc,fo 
ro di Casfio . A rotiti CamilIarii,Tuderno,Varentano^ 
Ombronc monte Siena colonia, Foccnfi , Luca, 6c Ca- 
feroniano^ clie il pa/To ne ia Galiia è 

L V C A adunque hd due paJ?i,Apua fcpradettd^ 
e Caferoniano, cioè Feroniano fecondo, e nomafi dal 
bofco di Fcronia, come nota Tolomeo , Befiderio lo 
nomò Pietra [anta, contra Id Bea de gentili. 1 luoghi 
montuofì tra Pietra fantd, e Luca nomanfi corrotta^ 
mente Cdrfinia. Sono due Volitorii, uno ne Id Uid caf 
Politone p^^^^ j^^^^ ^- ^^p.^jj^ ^ Vatro in Campania 

deiquale parla Liuio . Arcenna fu rouinatd da i Ko^ 
mani Vrencipi.Veienti ne i confini fu commune a quel 

Tcicnto. U, cr i i Certani* Liuio nel Ma poi rifatta^ chid 
tnarono Bar cenno, ò Bdrccdno , e Brigidno ddl fuo 

Mìnio P^^^^^ edificatore . Enea andò da Minio, à i Lucumo 
ni . Virgilio nel io. Foro di Cafiio fi noma da la fd^ 
miglia Qafiiandyche laùregò U uia, e prouafi per 



i 



jb'ANTONINO. t9È 
imenhe i nomU perche c fdntd Mmd Ai fòro cdj^iò, 
ò corroUdmente di ¥orcdjiio , e VetrdUd, cioè uec^ ^oro ài 
chid duU (che fìgnifìcd Sdld) lo chidtnidmo ♦ Perciò Cafsio i 
ÌS.ned Henne dd Eudndro nel fdno di Vulturna , e nel 
gran bofco k i Lucimoni^per Miniane fiume di CerU 
te, e per VetrdlU, Arunti, CdmiUdrii.e per TudernOj 
esr c queiìd Id ttid Cdj?idnd. Veggidmo hord dd i Cd. 
fniUarii rouindti d Ttiderno , e dd VetrdUd ne i Cd^ 
fniUdrii:, Id uid cdjiidnd mirdhilmente Id^rigdtdjbem^ 
che in più luoghi interrottd.lDe gli Arunti,e cdmilld^ 
tii dicemmo mlfrdgmcnto 15. e di Tuderno ne Li 5 o, 
quiUione Annid . Vdrentdno conferudH nome cercdH 
IdgoVoljìniefe.uohato dld cdfd TdrndcidMolgdrme Varcnti* 
te TdrnefìdVmbrone,penfo che fid.S.Quirico nel mo 
te d le cui rddici forge Vmbfone fiume , di Siend di^^ * 
cemmo nel ló.firdgmento di Cdto^ e quiui nel ^ uidgs 
g/o . BiLucdytficechité. 

SEGVE 11 Q.VINT 0 
FRAGMENTO. 

TiScrmo <letto ancho Ciminio , Ce ne ta per gallcrtj 
Lartcniano, o Vcgcntc, Rofulo, Sutrio , Lago di £l- 
Ilio > & per lo Fano di Volturna , à le cui chiare imprcfc 

Crti inuidia Liuio, per Salcunmbrone di Voltutna^ 
rtc fiume, Volfmi, Clufio vecchio Per adictro Comcrfo 
lo detto, Clufio nouo, da chi c Clufentino palTo di Anni* 
baie, Se il pasfo di Fiefole^ 

IL uidggio Cimino hord publico^cdd Komd ^^^^ , 
per i gioghi Cimini^ CT H F4/?o di Vulturnd,hord vi 
tcrbo • Homdfì Tiberinóinón gidjperche fi uddd pet 



^' ITINERARIO-^ 
lo Teuercy cefi U regione mdritima fi nomi Cldàid^ 
Y na^ non che fi uadd per ndue, md perche fi ud per re 
Gallerà « ^^^nemdritimd al mireuicind. GaUerdc nome di 
origine Ardmed , e Tofcdnd d( tto dd gli dntichi Gal 
li, dd le dcque ondeggianti. Babilonici chiantdno Gal 
lere le ZMere, e Tof:atn galee . Ne/ frdgmento 
di Catone, come Lar temano, e Veiente fi>no una iilef^ 
fd cofi^ragionammo et dncho di Sutrio. Rofulo mon 
te conferud il nome . Ldgo Elbio, e cimino e douefos 
no ifiioi monti , e dd quello fì>n noti i gioghi vimini 
nel pajjdggio publicoyoue Quinto Tabio contemplò 
Inuldia 'i^^^''' campi di Tofi:aua fecondo Liuio nel 9. die* 
ALiaio. ciamoyil Fano di Vulturna con ^.lettere [acre fcoU 
pite ne le monete F. A. V.L.di \ulturna. Cerca quel 
lo che dice Liuio inuidiofi) de le degne imprefe.So^ 
no uarie openioni^ej io diro il mio parere. Suetonio 
ne la wtd di Caligulafcriue^che per poco glifcritti di 
Liuio, e le fi^e ftdtue farcbbono {Idte cdccidte de le li» 
brdrie, pche lo riprèdeud come cidncidtore,e neglige 
te ne ["hiftorid. Et i negligete chi tdce quel ch^è da di 
Celio ' ^ cianciatore chi contradice à le ragioni de gli 
Galcrito. Autori. Celio Tofco larte del Fano aiutò Komolo con ^ 
tra Ceninefi , Crufiumini, e Latini , e ne riportò un 
trionfò . \l mcdefimo fece Galerito Lucumone contrd 
Sabini. Vcrciò egli primieramente pofe i Fretorij in 
Komay e diuifa la in tribù, le diede il nome, e la terz^ 
parte affegnò 4 rofi:ani fecondo Fropertio di Ver* 
tunno, Var. nel i. dela lingua Latina Fabio pittore, 
Dionifio nel i.fji Mitici fotto la fxuoU di Iduo^cbi 



D'Antonino. 

Idncìdui te dcque . Mdcrobio ne/ 1. de Sdturndli^ & 
Ouidio nel i. de FdHi . Md Liuio inuidiofo.come no^ 
td quiui Antonino, per ofcurare lo J^tendorc^e U glo* 
rid de Tofcdnijtdcque al tutto de iloro trionfi, ne 
pur uolfe dire che fùffeno {iati dcquiilati dd Romolo, 
ilche notd fomma inuidid , e negligentid cercd Id ue* 
\titd de Vhifiorid . dncho cianciatore, perche fen* 
-Zd dUegdre Autore alcuno dice con tra Varrone che 
heucero c nome di origine incertd,perche Tabio più 
antico di lui moRra per hiftorid quello hauer certifm 
fimd origine Tofcdnd . B Vdrrone più antico diluiy 
€ più dotto afprmd nd i.deld lingua Latina che lu 
ceri fi nomarono da Lucumoni , e lo proua con l^au^ 
toritd d^dntichij^imi fcrittori Giunio.e Tolunio trd* 
gedo Tofcano^e da firmij?imo argomcto , che Luceri 
deriud da Lucumone , e non da luoco , cioè bofco de 
Pafilo y come di(]ero Tediano, e Vlutarco ne la uita di 
Romolo . Non e marauiglia fefifdegnò l'imperato^ 
re contra la negltgetia di Liuio efelo chiamò ciacid 
tore , poi che fii ardiio dijj>arlare contra varrone^ 
che aUegaua antichij^imi Autori,e jòrti^imd rdgione 
/prezziamo adunque Liuio, e gli altri cianciatori co 
quella faciliti, che uale d ribattere le loro ragioni. B 
tuttauid fapeua troppo bene Liuio ciò che ne diceud 
Vdrrone , Tabio , e gli altri, ma per fua maluaggid 
natura tacque cioche erd dd dire, e con più cidncie, e 
fprefjc queUo^ che fi poteua tacere . Perciò Cciio, CT 
Antoi ino im\ eratori lo riprendono dicendo , Liuio 
porto imi Aia a le chi re iwprefe di Voltumd.Sdlem 



ITINERARia- 
fn-ond sHnterpretd ndtiuitìi cr ufcire de gli Vmbri^ 
perche gli dntichi GdUi generdronogli Vtnbrh come 
i foprddetto. Ldrte fiume, che efce ddl Ugo Vo//ìrii>* 
/è, fi chidmd dncho Mdrte , e Mdrtenidno » Vdrte di 
questo fiume fi nomd ddl uolgo cddutd di Salmbrc^ 
Selcum . ^ ^ p^ime citù di ìdtio.Clufio 

Volfinc • ccfcto fw primd detto Comerfolo, come dicemmo fo 
clofio prà'l i6. frdgmento di Cdtone ,e fiiunde le i^. pri^ 
Vecchio, me di Uno. Ctufentino detto dd Clufio nuouo.corrot 
tdmentefi nomd Cafentino. Plinio nel nomind Clu^ 
fini uecchij e nuoui. Conclude ddunque Antonino ch^ 
il uidggio cimino hd due entrdte ne Id GdUid Cifilpi^ 
fìd • La clufentind > e Id Fefi^ldnd 

SEGVEL'VLTIMO 

VIAGGIO. 

IL Flaminio ha caftclnuouo, Ocrea, Ocricolo , Narnia, 
già nequinaTuderjHifpelIo, ò da Cade] nuouo Spo- 
Icti, Caincriao, Vr bino,Pc(àro^ Se Arimino • 

T R O V Erdi più cddeUi nuoui : md nel uidggio 
mdritimoy e CdM nuouo, e nel mediterrdneo Hdm-^ 
minio un'dltro cercaci confine de Sdbini principio del 
Latio . Ocrd degnd citt 'd di Sabini uicina al teuere, e 
CdUefio di Tofcdnd fi mo{lrd per le fiie rouine , e le 
gioie che nifi caudno fpeffo, Ocricolo da quella nomd 
Naroia uifi habitd uicino . Ndrnid dd Ndre fiume hd il 
fuo cognome, perche il fiio nomee detto N^quind. 
Vlinio nel i Tuder è nei Veilumbri.perciò è manifi^ 
Bifpcllo. {io che nacquero da Vei, Vmbri^ Tuderni^de i^uali 



Caftcl 

flUOUO • 



D'ANTONINO. loà 
pMd Vlinio nel^. Ucfpetto conferud il nome ,edd 
quello fìpdj^a Apenino in GaUiu , ouero per altro 
fentieroàd CdMuuouok Spoleti.ch'è Metropoli spoUti 
dntichij^intd deVeilumbri^coe Cdmerino edificdta dd 
Camefe. Vorigine d' Arimino, ho dicchidrdtd nel 
frdgmento . E perche 4 tempo de Veilumbri non erd 
Id lingud Grecd ne Id Ldtind, fegue che Spoleto non 
fid nomi dd Volire, ò ddfpoglidre uoci Ldtine,md dd 
Volo Bucalo Spolo uc cello, coH cui dugurio edijì-^ 
cdtd Id terrd, fi come Qdpud dd Cdpi , che jìgnificd 
il Idlcone. 



IL FINE DE l'itinerario 
D' AN TO N 1 N O* 



LA D I S I O N E 



ET DESCRITIONE 

DEL'ITALIADI CAIO 
SEMPRONIO CON LO 

commento d'Annio* 

AIO S E 

pronio iUuftre Ko^ 
mano , riprep) con 
Catone da Bionifto 
cerca la prima arma 
ta de Grecia che uen^ 
ne in Italia , cr oue 
egli dice che cerca 
l\ffer ej^ofti Remo 
eKomoloe gli s^ac^ 
cofla con Calfùrnio^ e Catone^ i quai feguono Fabio 
fece la àefcritione dtt*ltalia^ e prima la diuide in tre 
partiy in monti Apenini , che diuidono htalia in due 
parti, che fono la parte di qua da l^Apenino al man 
di f otto per la 2. e queìU oltre /'A /pi per la 

COMINCIA tutta l'Italia da i giogVii de le Alpi, ^ ha 
fine in Lcucopctra,& al Marc SiCiIiano,cingcla il mare di 
fopr a & il di (òtto,c diuide rApcnnino ,ilqualc da i gio- 
ghi de l'Alpi, nafccndo , per mezzo d^Italia da Liguri in 
Ancona ftendcfi,indi fin'i Venufia alquanto picg3to,iui 
aiiraucrfa l'Italia,tQCcàdo da una parte Brandicio, da ì'al 

era 




\ 



rra Vclia,cerca il Golfo di Taranto ^1 quale primieramca 
te gli Aufonijindi Aborigini Greci dopo Enotrie Arca 
de tcnncro,daiqualichiamafila MJgna Grecia , ouc fo^i 
no SnotrijjCabbrijSalcntinijMagna Grecia è ^rutij . Era 
anticamente Vitalia nel mezzo de 1* ApenninO e del Cifa 
penino verfò'l mare di fotte,* oltre r Apccnino al mare 
di fopra Se era diuifa tra Rhctij,e Liguri con le Aipi. 

Ih titulo di qucBo libro i taUyUdiuifìotwd^ìta 
ìid e Vorigine di Komd di Caio Sempronio , perche 
egli cotifirmudoft d Vittore 4ice affai cofede Vorigi 
ne di Komd.md chi uuole bene intendere quefl^duto-^i 
re,hdbbid dUdti gli occhi Id figura i'ìtdlid^ fpcciaU 
niente queUd di Tolomeò^tte Id ^uale mirando^ sHnten 
iera quefV autore fenzd efpofìtionejcome tutta Italia 
tidfce dd i gioghi de le Alpi, e fiendefi tra due marinai 
ntdre Cicilidno^e come fÙd pd da l^Apennino diuifa 
in due pdrti^ej oue fono le citta, ej i popoli^che qiàn 
mfe le affegnano.Vrefupponendo adunque che fi mi^ 
rild defcrittione di Tolomeo.trafcorrero folmcte p 
alcune cofe , le Alpi i'itdlia conferuano il loro Alpi 
ìtome,md VApennino fecondo Id diuerfìtd de i luoghi 
e de i popoli ha diuerfi nomi. Tolomeo ne la ó.tauo^ 
Id d'Europa capA .dice ["Italia ha i fuoi confini , dd 
Occidente i giuoghi de le Alpi,per la linea, che fi fkn Dìuifio - 
de da Aduld monte fin' a le fi>ci di Vdro fiume dd Set^^ J*^ ^'^"2 
tentrione hd fine con i giuoghi de le Alpi Retie , e da 
Settentrione uerfo Oriente il mare Pkdridticoydd mez 
ZO deH Turrene.De l* Apenino dicevi gioghi di Apeni 
no fono quafi foprd Id Ugurid^e cominciando da le al 
pi fi lèdono quafi in Ancond,e uoUdndoJt a l'Adrid^ 

ce 



• DIVISIONE 
ttco.dtrtudno d monte Gdrgdno.^ dopo ìnchindnìofl 
d mezzo di termind d Leucopetrd fecondo GreciMdn 
cdpietrd,^ ccercdKegio ^ouehd fine Vlidlìd^efi 
paffd in Cicilid.oue ft troudno i gorghi di SiUd e Cd 
TibdiLd diuifione d'itdid cercd le origini , primd ci 
dd le Alpi d pdffdr d'Udii d in Yrdncid , e quejli gio^ 
ghi foprdjidnno d i liguri. QueUe chefoprdiidnno i 
Comenfj & d Veronal fui'd Vddoud e Venetid ddn^ 
no il pAfJo ne Id grdn Germdnid dd Venetid dd Hi> 
jirid cr d Keti e il pdffo d gli Bijiri ouero Bdnnui^ 
bvj detti Bdnnonijyhord Vngdri , l'ìtdlid dd le dipi e 
d mdre difotto.gid detto Tofco e Turreno dd Turi» 
reni Signori del mdre, c'hord per id mdggior pdrtc 
fi nomd LconinoÀl mdre di foprd dd i Signori vini 
tidnifì nomd Golfo di Venetid Jt come per ddietro da 
i Principi Turreniedd Id coloni d de Tofcdnifi no^ 
mdud Turreno & Atridtico. Liuio nel. tm breuiti 
ndrrd quefld diuifione dicendoy le fòrze de Tofcdni 
dudnti il Komdno Imperio fi (ìefero per terra ddl 
mare di fottod(iuel difoprd che cingono l^itdliai 
fórma di ifold e lo mdnififldno i nomi.che uno fi chid 
ma Tofco coH nome comune , V altro Atridco da 
Atria Colonid de Tofcdniy md Greci li chiamdno To 
fco e Turreno ♦ Qgefti Tofcdni occupdndo uer Puno 
e Vdltro mdre hdbitdrono primd di qua da l'Apeni^ 
no con 11 • vittime poi oltrd Apenino altretante quan 
tierdnoicdpide le origini mdndandoui le Colonie 
Uqudi occupdrono tutti i luoghi eccetto quel cantone 
c'babitdtu) Vinitiani cercaH mare.Cìi^Ua gentf died^ 



DE L'ITALIA. 10» 

^origine k gli A/pim> j^ecidlmcnte i Kttìj iquai per 
i luoghi icuenUrono tdtito ftroci , che altro non ttn 
gena de [^antico che il fuono de Id uoce^ duco dis^ 
conilo e corrotto. , 

C E R G A Ì4 grdndexx<^ de lo^mperio Tofcano 
ne ho rdgiondto d pieno in fefdntdfette breui trdttd 
ti ♦ Tdnto fid detto qercd i nomi de Id diuifione di lt4 
lid * Dicemmo foprd Mirfilio comes^hdnno dd feri:» 
pere quefteuoc i. Atridtico fi nomd dd VAtrid fumip 
glid Tofcdnd , cr Hddridtico dd Uddridno,fegue la 
iiuifione de Apenino . 

DIVISIONE De le a LPI. 

DTuidonfi TAlpi in tre parti, la prima c de Liguri' 
di onde nafcono^la (ègucnte da Nizza k penni- 
no, & indi fin'ad Ocra monte. E chiama/i Pennino 
dal pa/Tarc d'Annibale Pcnno, cioc Africano , la terza e 
detta Taurifcano fm'm Iftria . L'origine di Tofcana Aio- 
ri che a Liguri , i tutti gli Alpini popoli c manifcfta, CpQk 
palmcntc à Rhctij . 

SEMPRONIO diuifel'UdUd in Alpi Apén 
nino in Cifdlpind di mdre difetto e trdfdlpino dm^ ^ 
re difoprd.Biuide Id primd pdrte,e dice Id primd co 
mincid dal mdre difotto,oue ancor d Niced cr Anti^ DluFfio - 
poli fono i confini tra t'itdlide IdGaUia Braccata ne de 1« 
ietta fecondo Plinio nel i.cap^ r.mrbonefe. Dd que ^'P^* 
Se montdndo per le Alpi d le fonti di Atridno fiume, 
Uqudle ndto di Apenino ^trd Verona e Vicenza met^ 
te nel mare fecondo Tolomeo^Sempronio chidmd que 
&a prima parte Alpi de ìAguri perche nafiono dai 

ce a 



DIVISIONE 
'foro corìfìni m4rù/m/;e fi {tendono quei gioghi in frd 
'iìrrd. Cercd le prime colonie gli c cefi certdshcgli 
Alpini hanno Vorigine dd Tcfcdni. Uuio difoprd ci 
tato. Equ dntunque Sempronio nel fine di quefld pdr 
te dicd eccetto i Liguri perche egli dichiarò difoprd 
quanto al nafcere de le Alpi oue habitdno preffo al 
tndreihigurij e poi Id progenie de rofcaniiTolo-^ 
meo.mette trd quefìi i Sufani, cr infine Atridte fìu^ 
tne.Sufd c pdrte de Vetulonidy e Id chidmidmo corrot 
^tdmente Sifd . Atridno fiume ft nomd da VAtria fd^ 
miglid Tofcdnd . CT dnco Atrid cittdj uicind d la fò^ 
ce del Po . Vlinio neUxdp.ijÀice Sdgi Tofcdni fe^ 
cero tutti quei fiumi e f offe mdndatoH corfo del fiume 
d trauerfo ne le udUi Atridne dette. 7 . mdri fdmofi 
per lo porto di Atrid terrd de Tofcdni , dd Idqualc 
pi nomdto il mdre Atridtico , hord Uadriano. Le Al 
pideld primd pdrte del mdre Liguflico al monte 
Apennino hanno uicinole fónti di Atriano fiume . Id 
feconda pdrte fi fiende dd Venino d Tdurifio^e nomof 
fi Venino , dal paffare de Veni dot Africdni guidati 
dd Annibakfiiuuenale di lui dice. 

Bt egli ruppe i monti con P aceto 
m oniund cofd ifìeffa Venino cr Apenìno, come H 
cemmo foprd Herofo . Siflendono queile Alpi dd le 
fon i Atridne fin^dd Ocrd monte uicino d Id regione 
\tnetddd Trento fin dTiliauentoJe dltre alpi dd 
Tiltduho peruengono al fine d^ltalid^enomanji Tau 
Ti fine, alcuni uogliono che dal fòro di Giulio ^ond^e gli 
pdjjdUÀ dd Vltalid d i Traf alpini jpiglino principio. 



I bv Goo_<^l 



DE VI T ALI A* f 209 

t nomdp Friuli : e tutte le Alpi per lecludifi pafftua 

uerfo AquikiiX ft chìdmdno in lingua Tofcdna Zulit 

€ corrottdmente Zelieiperch^ufdUdno i Tofcdni U Ut 

fera Z . come ZdpOjUfìo: Zuliojulio. Come fi uedc 

ne le loro fcritture. Et dlcuni lo chidmdno jdu-A 

nfio , corrottdmente Triuifo . Comincidno U Alpi 

de TduriJìnL Vlinio nel 3. cdp. 1 dice^Venttid T'^orifick 

le fiume nafce idi Anconti Tdurifdni. E jòrfe dd ^mw 

fio Tene ti d Sile fiume tuttd Id regione fi nomi Vene* 5ilc ^ 

tid^ò più uerdcemente fecondo Berofì) dd uento , ouer 

Veneto uno defcendente di Fdetonte. E perche Tila 

fìi de Id progeniedi ¥ detonte ^fi come Veneto fi nomo 

dd loro il fiume Tiliduento, cioè Tìld Veneto. Cofi i veneto* 

Tofidni qudift nel primo , hdbitdrp l^ltdUd empirono Tila • 

di colonie queiìd lunghezzd de le AlpifiVerà dd hd^ Tibucn- 

tdtoribifi>gnofi. 

DI APENNINO. 

SEmpronio dopò le Alpifegue d U diuìjtone de U 
ìtdlid per lungo dd le Alpifin^dl mdrc Cicilidnoi 
dice» 

DlVIDcfil*Apenninoin Liguri, Montani, Apuani, Vm« 
bri,Sabini,Sabc]!i , Tofcani, Liguri da Ligure di Faetonté 
figliuolo pigliano il nome, ilqualc primo di rutti molti an 
DI prima che Greci reappòrtò d'Attica in Italia le colonie, 
iiiefcolari Jofì con gli anticbisHmi popoli d'Italia da la Fo* 
ce del Teucre (ìn'à Niza 9 perciò chiamarono gli antichi 
Liguria tuttala regione maritima.Cofì la parte d'Ap<nirii> 
da Niza Ìl 1 fonti di Magra fiume nodrifce i Liguri mon-' 
caoi^ i^uali da Genio $cd^ Ligure pigliano origine. Da i 

ce III 



c i V f s r o Ntì 

Ibilti di Magra fiume fin'*ìi i fonti del Teucre habifano !(^ 
Apcnnino Liguri. Apuani lUTolcaninafciud^e come ha, 
IVlarc'Aaronìo nomati da gli antichi Galli » Ma ne la partò 
d'Apennint^ dai fonti del Teucre Tin^àNar fiume habi- 
rane gli Vmbri,primà generarione de gli antichi Galli , cò- 
me narra A uguftò, daNare fiume fia'al fonte diSilaro^ 
podeggono Sabini i monti, & hanno da Saga origine per- 
che Sango fu di Sabo cittadino. Q.uefte poco inanzi la ro« 
Dina di Troia impararono le Tofcane fcienze,& appcrife«*' 
« . , ro da Megale Tirreno le diuiné & humahe leggi ^ Ba ifoit- 
ti di Silafo ì quelli di Vulturreno e Sarno habitatio i Sa« 
belli da Sabini generati. Iquali da Romani Samniti,da Gre 
ci Sanniti fi chiamano. La parte d' A pennino da i fonti di 
Sarno,fin'à la magna Greciayfu occupata da Tolcani, & il 
rimanente Greci. Tanto fia detto de la diuifionc de VA'* 
pennino^e de PAlpi,e de l'orìgine di quei popoli* 

, . * EGLI ditaie Aptnmnò per tmshezzd in fetti 
Cioifioftc ^^^^^ p^^^^ ^ LiguriMonUnidd Uicea md^ 

no» ritimd fìn k MdcrdyU cui Metropoli c Genoud dd là 
no Genio dntico d^ltalìd edijìcdtd cnotndtd ìdnud , a 
Genoudyfecodo Sempronio è Id publicd fdtndtrd fuoi 
cittddini pliche fi può comprendere per lo fuo promon 
torio detto dttchord Cdrin idno , cioè uigndle di ìd^ 
no. E dd noi Sdntd lAdrid d i uigtidUi. Quei che du 
cono Cdrin Ifino nomdrfi CdligndnOjperch^iuifi por 
idudno i tegndmi j s^dffomiglidno à i noSlri uiUdni di 
Viterbojch^ajfermdno A. V* h.fdcro ej^er detto: 
perche iuifì jfèmittdnofdUe.Vdltro inditio i che il fitè 
me fi chidmd Terito,& dnchold regióne uolgdrmen, 
te FeritidndjCioè Fdetonted.QUel fiume hord fi nom4 

V Bifiimne* flinio nd \ . tdp. é. dice. ?orcifird Genom * 



X 

À 



CE ITALIA* »04 

terrdiVcritone jìuìne porto dolfini : Berofo tefti^, 
ficd chetfgure fu figliuolo di Tdetonte , e ft ftmò ne 
Idpirte Occidentdle d'Ulid fotto Tdgett Urte in^^ 
iouinò TofcdiW. Gli dnni ulimidi ^ddio Re d'Ap 
fìrif chefo 5. dd Nmo.Come Cdtone de le origini con 
Sempronio affemdy Liguri dntichisfimi ejìer uenuti 
in Udlid primd, che i Greci. Dionipo ndlicdrndffeo 
nel primo dice.che Cdto, e Sempronio fduoleggiano^ 
cercd le dnticbitd Ì£ i Uguri , perchè non djìegndno 
in qudl tempo, e perche uennero in lidUd» M4 Plinio 
nel 3. di cdp> 17. dic^. Mi uergogno piglidreimpre^ 
fiito id Greci V origine d^ltdlidy perch'effendo loro in 
difcordid de Id proprid origine,mdle fxprdnno deVd 
trai giudicdre.Ne ui dccdde affcgndrelt originici te 
pi,o i fuccesfiie le citid^ perche quedo s^dppartiene i 
Vhiflorid.Ldqudk esfi prefuppongono che fid cono^ 
fciutd primd dd i Lettori Nomdnfì Montdni4.iguri 
perche fono ne monti ^ eli coWudno fìn^ileftnti di 
MdCTd fiume^oue c Apudjd Idqudkfono gli Apudni^ 
li fiume conferud il nome Mdcrd , md Id cittì c det^ 
td Vont KemulojO' dnticamente Apud. Sono dunque 
^i Apudni Montdni.Liguri, Cdrrdrij dd Cdrridrd^ 
cioè Luna: E Cefòridni dd bofco di leronidhord pie 
trdfdntàtecorrottdmente Pefid • Indi fono gli SteU 
tdtinidd Stelle fiume peri monti di Pijloid fin^d F/e* 
fole. D/ Id fin^ di ponte del Teucre fonoìMontdni 
Clufentihi corrottdmente Cafentini. Queiì^c Id 1. 
pdrte di Apennino al mare di fotto. Oue hdbitdno 
Uguri Apuani di Tofcand origine, d i quali faeton^ 

ce mi 



^ot DIVISIONE 
Hinefcoloi Liguri facondo Semproniojtiuioti ch'idi • 

Apuani Li^m, Lt iqudi fpccidmcnte fi pàffa nt 
laGaUidCifalpindy horahongobdrdid. Oue tgli 
dice chef detante mcfcolòiLiguri dglidntichi To^ 
fcdm/rtdritimiye perciò dd Id foce del Tenere fm^i 
' l^iced ìwntdnfi Liguri mxritimiydue inditij ue ne fonò 
nel Uto Tofcdno . ?rimd il porto Ligurno in Ligu^ 

I^ignmo. riunddegndtnetnorid. Non pfcriud gid Uburno^ 
perche parto Liburno e tra tìifirid Itdlidnd, CT 
Pietre rid. Vdtrainditioelegrdn pietrepiouute cotnbdt 

piouutc . ^^^^ Uercole Egittia,per diuturla contrd i gigdnti 
d'ìtdlid: E nomdnfi dnchard Lutinone dd uno figliuo^ 
lo di Hcrcole. Biodoro nel 5. e piouerono trd Grd^ 
uifcd^e Cofdjhard Asfidonid. Gli nifloriciy Greci, t 
Idtini dffermdno che quel conflitto fi fece in Tigurid. 
• ISIe trouidtno ch^dltroue pioueffe Ldmane. Cofi fecondi' 
io Sen^rcnio Id fpidggid tndrititnd dd Id fvce del Te 
uere fìn^d Niced chidtnu'U Ligurid.Plin. nel 3 *cdp. 
f.fdlfdmentedicejche nel campo Mdrfilienfe fono le 
pietre in memorid del conflitto di Hercole.Verche niu 
no hifiorico lo mette ne Id GdUia Brdccdtdjmd in 
gurid d^ltdlid . Qadndo dice , che Montdni Apud^ 
nidi Tofcdnd ndcquero dd GdUi Tofcdni , fecondo^ 
M. Antonio^ egli medefimmente dffèrma gli Vmbrt 
dd gli idej^i GdìU dntichi effer {^ati generdti fecondo 
r Berofo . Cercdld terzd Vdrte hdbitatd dd gli Vw* 
bri dd le fonti de Teuere jìn*k Udr fiume . ll te&o < 
chidro. Md doueAuguJlo dice che quefli Vmbri hdn 
naldprimd origine dd gli antichi GdUi^iptenddA 



9 -\ hv C^.r\n\n}r 

À. 



t) È LM T A L I A* aor 

tonM. Antonio dd GdUi Umgeni . Perciò Tolom 
dltri Geografi U paru d^Vmbrid uicina 
d Id Tofcdnd chidìtiiino Veilumbra , cioc ndtd de gli 
antichiVei. VcrcheiVeifono Tofcdni fecondo Più 
tdrco ne Id uitd di Komoloy e dd quefli fono i Veienti 
'Enìdni y onero Enetdni , e Id primd progenie de gli 
Vmbri fonoi Velumbriy cornei foprddetto . ìseU 
qudrtd pdrte dìApennino hdbitdno Sdbini dd Udre 
l^equino fiume yilqudlecercd Horte Tofcdnd terra 
fi fcdricd nel teucre^ fin'd SiUri fonte , ch'e Id loro 
erigine Sdgd . Ld Grecid buggidrdd uuok ddve 1*0* 
rigine i Sdbini dd Seuome uerbo Greco^ come hd P^t 
nio neh. di cdp. CT dffèrmdi che Vitdgord infci Vìz^ngùrz 
gnò loro le diuine, CT humdìie leggi,ejJcndo fdnciuUo 
l^umd VompiliOy che fuccej^e nel re gnod Romolo, md gnè pri- 
fi fcuopre ld loro menzognd per IDionifto nel z.e Lt* \ ^o- 
uio nel imperché no fi confdnno i tempii Verciò hebbe 
ro dd Tofcdni quelld feuerd i^litutioe di uiue're le kg 
gi diuìne, cr humdneyC le d!tre difiplitìe fecondo Me 
gdlc Tofcdno dutore cittdto dd Sempronio . Solino 
ne i CoUcttdneidice Cdcco mdnddto umbafcidtore dd 
Mdrjìd Re di CJpdnid d Tdrcote Re Turreno fic dd 
tui imprigiondto folto ld gudrdid di Megde difri^iA 
copdgnOtWd fùggendofì diprigione y ritornò d cdfa^ 
con buono effercito occupò il regno cercd vulturrea 
noy e Cdtnpanidy mu tentdndo di piglidre lo Hdto de 
gliArcddiy fÌ4 dd ^ercole oppteffjy Sdbini dcccttaro 
no MegdUy itcìudtl: gli ihfegnò Vdrte de Vindouindrc* 
In ^tée^epdroU di Solino fono molti fecreti di dnti^ 



DIVISIONE 

diti prlmd Pauttoriù del Tofcdtio imperio tdntó 
)p'dnde,chenon temcdHmprigiondreVdmbdfcidtort 
di Murfta Vrencipe de Sdmiti . Seconddridrnente 
fi notd i'dntichiù del tempo, chcmmji&d, come fot* 
to Eudndro, VLercole Pdceo molto dUdnti U roui^ 
tid di Troid fi^rono potenti , i Tofcdni in tm'ltdlii 
fin' dì mdr Cicilidno . Terzo che queflo Tdrcone /S 
il fecondo Ldrte de Tofcdtid, e precede Tiberinópà'è 
dre di Ceno, che edificò lAantotMo come dicemmo fo^ 
prd Mdnetone. Quarto che HercoU co gli drgondii 
ti uennenel lito preffo d Turrend , c che quel portò 
fi chidmo Tddmone ddl loro cdpitdno fecondo Bio^ 
doro nel Adunque nomdfi dd Alceo porto d'Hetcó 
le quello^che s'duicind d que^o.Qujinto che gli Argó 
nauti andarono dd Euadro per Yulturrend dal por 
to Telamone ò di Hercole.e moftrafi con più ragioni 
prima perche ufauano gli Argonauti di dnddre a uc 
Aere le citta regali yper udntarft de la loro uirtu. Sei 
cùndo perche fecero a loro gloria in Cimina il Ugo 
Cimino , cr hebbe in premio dal Vano di Vultuma 
rdula giouanetta, fecondo Verrio . Verche da lefa^ 
ere lettere cercaH Eano A. V. L. tutte queUe chc 
u*habitarcno fiiron nomate tdule , da le quai Kats 
Taulei Valeologi con Belifario è Harfete tornarono 
contra Gothi . 1<loncfauola del lago Cimino fecondo 
Seruio . Verche fono acque fmì furate fotterra.ne fi 
Ori ine P^^^^^^ cauarele cofe fui fitte in terrà^vUnionel 
de Sabini ^^P* 9^' pdrimente Sabini hanno origine Cafpia^^ Sd 
Sabo. gd non Greca. 'Berofo nel 5. dice SabatiO^^Sagi pa^ 



IbtVlTALìA.' iog 
ìrè di Sdbo, e Sdturno Cdfpio cdccidto con te drmt 
a Cioue Be/o, dnzi di Nmo, chefii Gioue kj^iriojutfìf 
ite d Uno, e r decotto benigndtnente d pdrte del regno 
infegnò i gli Abori ^ni , cr fece fuo figliuolo Sdbo 
prefidente de i popoli oltreH Teuere , egli fignoreg^ 
già nel Idtio,^ in pdrte di Tofcdnd dettd dd lui Sd^ 
hdtid^ e del cognome Sdgd fecondo Tofcdni^e Sdn^t 
guindriddd Sdbini . Perno Sdgi TofcdnicdUdron<^ 
U f. mdriyVlinio nel cdp. £e é dnchord cercd Cere 
Sdbdtid, il fiume Sdnguindrid , e Siiti terrd , c^horé 
io chidmdno Sdbo fdnto , Araviei^e Tofcdni lo à'co* 
tio Sdgdy Sdbini^Sdgni, ^omdni fdnto j cioèfdcerdo 
te efpidtorcy e puro . 1/ pddre di Sdbo hebbe tre co* 
gnomiy dd Id pdJtrid, t dd fdCerdotio Sdgd , o Sdngi$ 
vfdntOjddl Pdrtecipdto regnò con Idno^femipddre^ Scmiot* 
Ddl cognome di Uno cdndidd ftdcy tidio^ ò dd Id ff« j^^/ ' 
iigione fecondo dlcuni. 0 uidio ne i lEdfii li tdccoglie ndio» 
dicendo. 

lo rtctrcdud d ctfi dondr te noùi 

A fdnto d fidioy euri te femipddre. 

Md fdnto tni irif^ofe d qudl di loro 

Le donij d me ne ritornerd il dono i 

VercU Curi mi diedero tre nomi: 
Curi e terrd de Sdbini fdmofd per td ndfcimtntò H cori 
Kumd Re de Komdni,e fii dal detto Sdturno edificd^ 
tdy ò dd Sdbo filo figliuolo i Sono due dntichi terre 
in Sdbini . Curi ddlpdterno genere ^perche Sdnghtf 
ò Santo pi figliuolo di CuridSagd.^erofonel cafdcfH- 
Cdjperuld terrd fìi dettd da Batriani Caj^ij.il cwi j,^ 



DIVISIONE i 
Re trd pontefice . Secondo Berofo,e l^hiBorid LdtU 
nd Stillo net g.dice* 

ìndineuienebfqujLdfdAmiterndj 
^ 3B dd Battri nomdtd U Cefperuld . E fegue. 
Et und pdrte lieti ogn'hor cantdud 
Il Sdnt dutor de U fud gente, CT dncbo 
Te Sdhoy che nomdSli li Sdbini . .4 
Come potrebbe pdrUre più chidrdtnente dicendo,Sa 
ho nominò dd fe i Sdbini, md co pdterno cognome dd, 
Sdbatio dicoy cioè da Saturno padre di Sdbo, ilqud^ 
le Sabatio /m l'Autore de la progenie/ /ù detto Sagd 
in lingua Bdttimdy e Cdfpid . Non hebbero adunque 
S4£;u Sdbini Nrigine ne dncho le difcipline dd Greci ofcu^ 
Tdtori de le dntichitd. Ld quinta parte d' Apenino, c 
da le fonti di Silari a queUe di Vulturno, e Sarni, out 
habitano i SabeUi^i quai per deriuatione del nome fi$^ 
Saltili ^^^^ p^ima progenie de Sabini, enomaronfì da SX 
nio Metropoli bora rouinataSann ti, ò Etrufci cioc 
Tofcanida Etrurid loro metropoli al E ano diVuU 
fuma. Flinio nel^Àice , che uulturreni detti Tofcd^ 
ni, fono ne i Volpniep . Hora Longobardi la chiamd 
no ducato di Beneuento,comela prouincid del patria 
monio fi nomd ducato di Tofiana, e Vedumbrd ducd 
io Spoletino fecondo Paolo Diacono ne ['hifloria de 
longobardi. SabeUinom infida Sabini. Sanniti dd 
Vdnticd Metropoli detta in Greco Sannite . Plinio 
nel 3. cap. i|. Vulturno i fiume, ma fecondo Vdrrom 
Vultnrno primo de la lingua Latina è Bio del Teuere, iU 
qu4e cogliono Tofcani che fia loro Dio, nondimeno 



i 



DE L'ITALIA. 507 

Romane dnchora fe l^ufurpdno . vulturno in linguéi 
Armea fignificd diuifor di fiume fecondo Samuel 
Tdmuldijld, perche queiio fiume diuide i Montani , e 
Cipe&ri SdbelU dd i Top: dniy fecondo Tolomeo^Sem 
pronio, e Vlinio: quanto al monte fegue la feild par^ 
te del monte dd le fonti di Vulturno , e di Sdrno , cue 
habitarono Tofcanifìri'd Id mdgnd Qrecid . Ld fet^ 
timd pdrte poffiderono i Greci mefcolati co gli Aufò 
ni . Md Vulturno in lingud Komdnd fignificd ld co^ 
Ionia de Komani non lontana dal Teucre . Cefi Ko^ 
ìtìdchidmd Vulturno Dio Tiberino . In faueUd To« 
fcdnd uento , ò campedre . Uuio nel 4. dice Capud 
terra de Tof:dni effir dettd Vulturno , cioè cdmpen 
fire. Md in qudnto è cdpo fij^ori del hdùo, non s^dpm 
pertiene d ld lingud Latina, md d ld Tofi:and,di cui e 
Cdpo Volturno Dio Tiberino • Perche non fi fcriut 
Vulturno, md Volturno . Compofio dd voi , che fi^ 
gnificd dnticOi ò eterno fecondo il TamuldiBd, e Tur 
rend, 0 per dbbreuidtione Turnd . ìndi Volturrend, 
c Volturnd in quanto e capo de Vimperio fiiori del 
latioy e di Tofcand origine , e fignificd dntichifiimd 
Turrendy cioè turritd metropoli . Cefi volturno c 
Dio Tiberino di Tofcdnd , nomdto dd Volturnd cd^ 
po de (^imperio fi^oridel Ldtio , fi come il Teucre Ji 
chiama fiume Tofano da la Tofana fiiori del Latio 
t non Latino , benché fìano due openioni fe il Tcuere 
fi noma dd Tiberino Ke Latino , ò da Tiberino TO0 
fcdnoj come Vdrrone fignificd di i. de là lingud 
Idtind. 



JPI VI SIONB 
PIVISIONE DE LA 

Sempronio diuif^ le Alpi in tre pdtti, cr il mom 
Afennino in 7. bora fi uolu a VUdU^ prima din 
tcndof 

I T A L I A ;di qua da l^Apcnnmo con i fiumi «: di- 
pi&,c parimente oltre TApcnnino , il Fò diuide la Gallia 
CifaIpina,Tcnncro Tofcani il pacfe dcl^PÒ, maodatoui le 
^olonìc,La famiglia Doria de Tofcani prencipale habitò 
da prencipio d'Afca Colonia fm'à Farma,da lacuale il fiu 
fne c parimente la regione fu detta Doria ,hora chiamafi 
Emilia,c da Parma fin'a Bologna chiamauafi Bianora daj 
fuo Prencipe,Hora c detta Aurelia,parimentc la Flaminia 
da Bologna à Rubicone fiumc,c chiamoifi prima Felfin^ 
dal Prcncipc di Tofcana,mandatcui coloni Lamoni da Ru 
bicone fin'ad Ancona. Il pacfe de Senoni , chiamafi U 
Gallia Togata,da quellli che con Aronte capitano primic 
ramcntc pafla rono le Alpi, e cacciati a poco a poco i To- 
rcant,nel paelc di qua,c di la dal Pò fi fermarono, e chia- 
mafi hora Gallia, Affermano gli Auttori che tutta la re- 
gione oltre il pò ha da Tofcani origine, dilchc Mantoa cic 
tà rende Tndicio.ll lago da la Tofcana origine Lario chia- 
mato, perche pofftrdcrono da prencipio i Patricii Voltur- 
reni tutti quei luoghi fin*a Verona , perciò chiamarono i 
prcncipi uallc Volturrenail luogo cerca Lario Lago,c 
Verona da Veraulc Tofcani famigtia & il fiume Veronc- 
fc da Atria loro Colonia , Atriano detto ne fa argomen- 
%o , quando che pofTcdcrono Tofcani fin''ad Atriano fiu- 
me , ch*c tra Volturreni e Veneiia il confine, hebbero da 
prencipio in Vcnctia^Signoria i Fetonti , e dipoi i Troiani 
^ loro rocfcolaii.Et in qucfto s'accordano gli auttori de 
V^l^aUa oltre ApcaninO|C de l'Apeonino monte fciiucdo^ 



DE I/ITALIA. jo» 

SEMPRONIO non diuide U Itdlid per regio^ 
ni come M.Antonio Augufto e IPliniOytnd fecondo gU 
antichi e Tolomeo per le orgini de fiumi diuide Ic 
Alpi cr Ap enninoje per i fiumi che forgenp dd le fon 
ti e corrono per lo pidno fin^dl mdre di qud e di U 
dd VApennino.e primd diuide queìld.che è oltreH Po, 
l^jiudle hd più nomi:>primd fi nomd Briddnd ddt co^ 
gnome di fetonte fecondo Vlinio ò più uerdmentefè 
fondo Berofo fu primd dettd Tdtepntend, e poi Bri^ 
ddnd. E pdrimente il fiume fu primd detto Vde^ 
tonteo, Secondo "Berofo ^ primd Idetonteo^epoi E* 
riddno , egli ndfce dd Vtfuuio monte uicino di mdr^ 
difotto, e fi fcdricd nel mdre difoprd • perciò fduo^ 
leggidrono i Greci che ISrriddno è fiume infirndle, iU 
^Udle ri forge d noi difoprd come hd Virgilio neL6f 
r ' Onde Briddno fiume d noi di foprd 

Vi forge in Copid per Vombrofd felud. 
l^omafi Po dd Vdlbero piced detto in Trdnciofo Vd^^ 
ies. Liguri lo chidm^no po^>,cip^ mdncdnte difòni^ Pp 
do , vlinio nel cdp. i^. oue comincid Vdltezzd 
€ Bondimdgo terrd . E fi>rfe che e dntico nome Tos 
fcdno , perche chidmidmo Bonddgone Id'prcfònditì 
del fiume. Verche Tofcdni non Liguri tennero Idpd 
tri a ¥ detonte d , cr Zriddnd , m4 cdccidtidd Yrdnà 
dopoché uennero con Arante in Itdlid cercd ^oo.dns 
ni primd che fi drdefic Komd , fu co'l ferzo cognome 
dettd dd i uittoriofi G dUid Cifdlpind . Perche U trds 
fdlpind chidmidmo Yrdncid qudrto uariò cognome 
[otto longobdrdi^ che fono Alemdnniy edd loro fin'd{ 



Lario. 



DIVISIONE^ 
Lombar- preferite fi nomalo ngobiirdid , ÒLcmbdrdid. Colt 
Sempronio s'dcordd Vlinio , CT dltri Geografi , che 
queiìd gran parte e diuifa dal Po, e nomufì Galli a di 
qua^edilddal Vo . Echeiui habitaj^ero TofcdnL 
Sempronio u fa forte argomento biforco dà glidn^ 
tichi nomiyche fono bora, e quei foli ejponermo. Ne 
la Trafpadana ehario , cioè iitaggior Vrencipe , CT 
dnchora i maggior fiumi Tofc ani f nomano haronU 
Ne la dcfcrfttioné Cornuetana di Tofane lettere fi di 
ce cbe Laro Veiuzante mandatele colonie Cihelizoj 
cioè dedicò à Cibele la citta con tre lettere N. B. E * 
E neramente il lago fi cbiamaùrio in Tofcatto.ciot 
maggior prencipCy non da la grandezza , ma da U 
nobiliti,percbe ni fi fermarono i vulturni,che diede^ 
ro nome à la uaUe Volturrend . Varimente Atriano 
fiume fi noma da la colonia Tofana . Verona fitdd 
Verona. la fx^riigUduer a edificatale laquale furono kntos 
nino, e commodo imperatoriy Helio Spartiano . Vli^ 
'""^ nio piglia errore affermando, che Mantoua fola fi a 
de le Tofcane città ne la GaUia Trafpadana.falfame 
te s^annoutra Verona in la Venetd prouincia.perche 
Atriano fiumedimde i Volturreni di QaUia da i Ve^ 
neti anticd Stirpe taetontcd, me folata con la Tro-^ 
idiid prole. Kefia che fi dicchiarino alcune cofe de la 
GaìUa di qua dal Vo , laquale egli diuide in Emilidi 
Aurelidy e Flamminid . Emilia fi nomaua Boria , CT 
&niììa. fy^ Boria Fiume, ilqude fecondo Tolomeo nafce da^ 
le Alpi uicine ad Adi, emette nel Vofopra Bertona. 
Comincia ddunque ddle Alpi de Uguri montamfm'À 

Varona 



DE L'I T A L I A» 20 p 

Vdrond:leggidmone U uiu di S.Amhruogio^che 
effendo gioudne jù mdnddto i reggere Ligurid , CT 
JEjnilid. MiUno , non è gid in Ligurid ntd nel Idtio 
Volturreno oltreH Po. Foffeduto ddGdUi Infubriy Emilia. 
I qudi ne cdccidrono i Tofcdnij e dd queiii l*infubrid 
t pdrte di Idrid vulturrend. Sono in Bmilid A/}/,Co 
lonidyDertond e Pidcenzd. ?drmd dice 4 Bolois 
gnd hord fi nomd Aurelidydnticdmente , Bidnord dd ^.^.^^ 
Genio (arte Tofcunoy detto dd Virgilio Bidnore.Ccfi Blanora. 
ddl uittoriofo e Vrencipe de Id Coloni d & dettd Id re^ B^anoro 
gione Bidnord , e Bidnoro und terrezzuoU d pie de 
t Apenino per doue dndimo ddBolognd d Fiorenti 
Zà . Fermio duifo Bidnore edificò Mdntoud e Vdr^ 
mdjUoceTofcdnddbbreuidtdqudfìPdramdn. E fi 
come fece Mdntoud del nome de Id mddre ne Id regio 
ne oltreH Po. Coft ne U Bidnord fdbricò Pdrmd dal 
principdto de le Colonie . Pdrd in Ardmeo dd pdr^ 
cioè hdjid 6 principdto e fard in Hebreo prencipcffd ^ 
fecondo Sdmudyche dnchord diceche Mdn j e Mori 
dpo Egitti) fi dice Min , e dd Uebrei Mdon^ cioè hd^ 
bitdtione ò coloni d come ejjpone GiroUmo , md di^ 
cendo Pdrdz ò Pdrdzin pgnijicdprencipejfd ò Pren 
cipeconfoldre jperchezi 7 C ZU deriud ddl confì^ 
gliare.Cofi Ardmei , cr Hebrei chidmdno Pdraz e 
FdrdZdim quei , che Greci e Ldtini nomdno Per fi e 
Perfidi dd Perfeo , etrouaficome affvrmd il TdmuU 
di{ld di molti dntichi nomi Pdrdzolo , Pdrd Tuffd e 
Pdrmd ò Pdrmd j oue pdrd fignificd prencipato 
confuldre. Pdrdzolo c regioni di Volturni , oue c 



^ DIVISIO'NE t 

Stìc, Km, Arìm.dccioche intendi di qiidntd dntichiti 
fiànoinom. E fi compone di?drdz,a' Oi ò volj 
che pgnifìcd dntico cr eterno. Come Volturrend an^ 
ùchisjìmd Turrend. e Vdrdzolo prencipato con fui d^ 
re dntichisfmo.Verche al "Pdno di Volturna p rugu^ 
naua il Concilio di tutti i Con foli, ò Lucumoni, cr de 
ti t 2. popoli di Tofcand. Come cU publicdfdmd,et 
Parazolo. dfjvrmd hiuio in più luoghi. Cercd Km. Pdvazoloy 
Arim4icemmo ne gli dltri Cjommentdrij. Bafiici che 
¥drdzolo e l^Epiteto di Vulturnd, nomdto da l'effit^^ 
tocche uififdceud. Et d l'incontro è ?drd Tuf^ ducici 
prencipe Tofcd, pdrte de la terra di 4- ^i^^^* ^^fi 
Vdrmd di nome tofcano t ne Id prouincid Bidnordj 
che fii poi dd Komdni uittoriofi ncmatd Aureli d dal 
Capitano. Segue l'ultimd pdrte di origine tofcdndj 
Flammi - i^a EÌdmminid uolgarmente Komdgnuoìd dettd ¥eU 
fìnd dal Tofcano Urte detto felfvio, eh' edificò Bolo^ 
«n^U^ g/M dettd ¥elfmd,?linio nel ^ cdp.i6. BdogndftA det 
f clfma! Feljìnd^qudnd'ejid erd Signord di tofcdnd.di ¥ldm 
minidjcome Pdrmdin BidnordjMJttoud in NLintidnd^ 
Milano ^^^^ Volturrend. CXB^ftd regione fi jlende in lun 
Lamooi . go dd Bologndfin'd Kimino nel fiume KubiconCy oue 
mdndò co i Tofcdni dnchora le Ldmone colonie, cioè 
Tofcdnemdritimejpcrlomare Atridtico uicino. E 
fono Lamoni Tofcdni maritimi Herculei. hd udUe 
hdmone in FldmminidyO' huomini atti d corfeggid^ 
reAd iqudi mi fono injvi muto di quejli habitatori. 



H 



crani 



t)E L'ITALIA^ i»0 

DE L'ITALIA OLTRE 
LO APENINO. 

Ora Sempronio tratta de l^ìtalid di qua dd 
r Apenino al mare di [otto per tutte le regio^ 
ni [otto Apenino fm'd Roma. ìndi e manifido che 
Sempronio affretta diuenireal latio ^e^K^firare 
conquaVhuomo Komaà poco a poco conquajiò le 
rcbuile fòrze de Tofcani^GaUi^Vmbri , Sanniti^ 
€ Grecite dice. ' 

D I V Ifcro gli antichi Tltalia Tri falpina verfo il mare 
ìli fotco in tal guifa con fiumi. Da Niza à Magra fiume cen 
gono i Liguri montani , per origina: Fctontci da Magra 
fin'ad Arno , 6c al porto Ligurno habitano Hcrulci detti 
Apuani Liguri , feguono à quefti i Liguri , Tofcani po- 
puloni] , da Ligurno porto fintai capo di Tofcana . Indi 
lineai Teucre fono Tofcani , Liguri , Tirrheni , fono lui 
i c^mpi y oue piouerono fafsi , per il combattere d'Hcr- 
cole ,c chiamanli hoggi ancbora Lamoni da Lamonedi 
cflo Hercole figliuolo. Parimente trafcorrcndo da l'ul- 
tima Italia fin'al Teucre , 8c Roma , da Velia i Silarc 
fiume habitano Lucani da Lucio de Sanniti Prcncipc no- 
mati. Indi fin'à Sarno fiume tengono picentini , da Sarno 
i Volturno fiume habitarono Cumani,ne poterò i To- 
Icani con ogni lor sforzo , come ch'i rutta l'Italia figno- 
reggiaflcro , cacciarli , ò foggiogarli , da Volturno fiume 
al Silari fu l*antichifsimo campo de Tofcani , ou'cra pri- 
ma Ofca città, dipoi u'cd:ficarono Capoua> 

EGLI diuidt l^ìtalia di qua da P Apenino per Italia di 
i fiumi Macra , Arno , cr altri , perche egli non fe<* qua da 
gue al tutto Augnilo e Plinio , i quai la diuifero per ^'.^P*^"*- 
le regioni* Prima difcorrt perla mdritima del ma^ 

DD a 



no* 



DIVISIONE 

re ài fottoid Nicea fin^dàojlid uicind di Tcuere^ 
come dichidvdmmo di foprd . Verche dd Niced fin^i 
Mdcrd fono i Montdni liguri , per origine Tdeton^ 
tei. Bd Mdcrd fvi'dd Oftid fono i Liguri più to{ìo 
Tofcdnd origine che ¥detonted, Bd le fóci di Mdcrà 
fm^d higurno porto,ncmdnf Apuani.e Montdni. Dd 
ligumo di cdpo di Tofcdnd i Vopulonij dd Id pren^ 
Popolo- cipdlcittdmdritimd. Popolonid i Prencipejfd de le 
nìa. ndui. E dicefì cdfo di Etruid cdcciatone Id r, dd c[ue 
jld uoce Etrurid.come dicemmo fdrfì in dltri nomi. 
Ddqueiio cdpo dd Oiiidfono Tofcdni, Turreni.Li^ 
guriye fonoui i cdmpi Ldmoni , oue Gioue pioue fdsfì 
in diuto di Uercole. Cominciando poi dd Velid, ch'i 
lamoiii . ne Id fine d^Udid.e ddl principio de Id mdgnd Grecia 
fin^dl Teucre fi uì di contrdrio uerfo Ldtio^e Komd. 
E tdce de Id mdgnd Grecid , perche ne rdgionò dd 
principio.E comincid dd Velid d queUd uenendo ucrs 
fa Komd fecondo Tolomeo. Virgilio: 

E cercherdi de lo Velino porto. 
Glie dd fdpereydccioche meglio s^intendd il teSio , che 
LÌTI fiu. nel'effempldrefìlegge Sildri per Uri fiume, oue hd 
me ^ la fi flfi^ U jjdtio^ch'è fecondo Tolomeo dd Komd d LfW, 
^hordlochidmidmoCampdnidKomdnd. Vd Uri 
i Vulturno e Cdmpanid Cdpudnd.oue hdbitdrno to^ 
fcdni,mdddteuile colonie dd O/co Urte di TofcdndM 
cui infegn^erd und Serper dd lui CdpudfiidettdOfcd 
al mare , primd che s'edificdf^e Cdpud Terrdcinefe.l 
fuoi popoli fi nomdrono Volofci 6 Volfci , cioè dnti-^ 
yoìCd. chisfimi Ofci. Indi fi nomo Cdpud dd l'dugurio di 



DB LMTALIA. xti 

CdpUjCioè Tdlcone,epoidd Cdpis TroidnOj che Vdl$ 
mento. Si chiamò mchord Volturno : Bd Vulturno 
fiume jchc le corre dppreff 3 , ò per effer Cdmpeflre : 
perche Volturno infdueìld Ofcd,e Tofcdnd fìgnifica 
CdmpeBre. Tennero adunque i Tofcdni tuttd queiiA 
regione dd Uri fiume in fine del Latio^fin^'d Cdpud^et 
à Vulturno fiume d quelld uicino. Segue la Cumea 
regione dd Vulturno^ e Cdpud fvi'd Surrento illuflre 
per Id SibiUdiC che iui Encd fcefe d Vinfirno^e fonoui 
Linterno , Cume porto Niifeno , Bdie, Vozzuolo, e 
HdpolL Cumc. 

Segue Vdltrd regione de Tofcdni ?idcentind,dd 
Sdrno i Lucdni.hord Sildri. Vlinio nel cdp,6* di^ 
ce dd Surrento ì Sildri fiume fono 3o. migUd. Il te^ 
nitorio Vicentino fii de Tofcdni-.o' iViuhre per lo tem 
pio dì Giunone Argidddìdfone edificato, Ferciò t 
mdnifèiìo che Id regione Cumea haueud didietro i 
Tofcani Capuani ^e dauanti i Tofcani Vicentini al ma 
re ìonio^iquai habitauano tutta la fèfca parte di Ape 
nino.uicina d Vicentini ^come fi può da le rdgioni fo^ 
pr adette comprendere, Tuttauia non poterò iTo^ 
fcani.anchora che Afferò tanto potenti , occupare U 
Cumena regione^come quiui afferma Sempronio .Dio 
nifionel 7 dice. Vanno 4* dela ^4. olimpiade^To^ 
fcani habitdnti uerfoH mare Ionio uniti co gli Vmbri 
e Barbari da so. milla pedonile \ 8. miUa caudUi^uo^ 
tendo foggiogdre Cume^ furono per diuino miracolo 
fpauentati:,e podi in fuga. Verciò malamente inter* 
pr etano TibuUo coloro che per Caia intendono Baid^ 

CD iij 



,1^ PI VJ.S.I.ONE 

il<!jud1uogo non fi nonni da i monti Tofcdni Vulture 
reni fecondo Flinioyne mai pojjederouo tofcdni Cu^ 
ma. Ne fi debbono chiamare acque tofcanequeUe^che 
fono fotto tofcani:,ma bi fogna che pano in tofcana det 
ta Etri^riaj da laquale fi chiamarono gli.habitatori 
-'Etrufci^enonUprouinciada loro, Dionifio nel !• 
Gilè adunque mamfiiìo che i C aij, T ofc ani agni fo:^ 
no deglialtripiu faniStr abone al r. Martide dice: 

Se non ti laui ne l'acque Tofcane. 
Certamente Opianico morraiSempronio paffa a ras 
gionarc del Latio^e di Koma, 

D A Liri fin'al Teucre ftcttc Saturno con gli antichi 
Aboiigini.da Vinbri,c Camcfcni difccfìjOue t i/ cap^'toli' 
no monrc,ne l'aurea cri ili Saturno habitato, & oue hora 
c Roma capo del mondo, perche con poco giudicio fcri- 
uono alcuni Rema ne la nuoua età eflcr (la(a da Romulo 
edificatale chiamata con tal nome nel Tuo prencipio^quan 
do che niuna di queftc cofc leggcfi appo gli antichi^, anzi 
hanno detto il contrario . Percioche non piglia Roma il 
nome da Romulo , ne Faufiulo Hetrufco pador regale 
chiamò quei dui fanciulli Romulo e Remo^ ma Rumuio e 
Rume dal loro fuccefio .Et quefti fono Tofcani nomi, Al- 
tramente il nome di Roma,e di quel o l'origine farebbe al 
uolgo manifefta , laqual dcbbc per religióne efTer nafco- 
fta. Perche fé del Tuo nome foflc conofc:uta l'orìgine, 
quel Dio^ne la cui tutella flà Roma , e da cui ella deriua, 
fkrcbbe à le genti manifciio, c come gli akriinuocato, Per 
tal cagione honorauafi Angerona Dea del Silcntio ionan^ 
zi le fblennifà di lano auanti le porte , acciò non foflc ad 
alcuno lecito manifeflare quello , che vollero gli antichf 
cfTer tenuto fccreto à falute de la Rcpublica, onde Sora^ 

fu il primo,che d'haoer violata qucda religione hcbbe 

'■ . *» 



DE L'I TALIA. tu 

(Segno Jopplitio. Adunque non fi noma da Romulo Ro* 
ina,anzi egli più torto prcfe da Roma il nome , la cui ori- 
gine e al tutto nafcofta^c Icggclì che Roma quali ottoccnr 
ro anni innanzi Romulo (i commcìò ad habitare da Italo | 
ne TAueiftina Capena.e da Roma Tua figliuola nel Palati- 
no colle,e più d'anni 500. ne l'aurea età da Saturno, ouc 
hora e dt Saturno il tempio à pie del colle Capitolino.Ma 
Romulo folamente fece di Roma picciola terra nel colle 
Palarino,vna quadrata e regale città, di cui erano quattro 
parti. Roma. Velia. Gcrmalia, ou'era il fico ruminale , e 
la ftanza di Rumulo,dctto poi Romulo per occulta deri- 
uatione dal Dio, Edificò egli la città, chiamati grindouinJ 
Tofcanf fuDi amici,e fagraca la foffa ouc c capo Centauro 
& il giardinOjCon augurio di prudente indouino cinfe col 
fagro aratro il colle Palatino.à 11. d'Aprile,tra lai.e^. ho 
ra: tr ouandofi il Sole in Tauro,la Luna in Libra,Saturno, 
Venerc,Marte,e Mercurio in Scorpione, e Giouc in Peici^ 
comefcriue Lucio Carrutio de matematici pcritisfimo. 
Dicono alcuni ella efler ftata edificata ne la ii. Olimpia- 
de. Altri nel 8. alcuni ne la 7. altri compiuta la 6.Ma pfci 
lialc a tuttijCome fi dice la vettoriofa regola di Eratoftc^ 
nC;. Ma conferendo Pomponio Attico innanzi al Senato^ 
& ad huommi dottisfimi i tempi certisfimi de Greci . Fu 
comprefo che da Enea,e da la rouina di Troia per i tem- 
pi de i Re Latini, fino che Romulo fu creato Re , corfero 
cerca anni 450. onde fasfi manifefto,cheRoma ne la (et* 
tima 01impiade,c nel fecondo anno di quella fu edificata 
primieramente nel monte Palatino. Fatta poi con Sabini 
c Tofcani confedcratione, Habitarono Sabini ilCapito- 
glio,e il Q^uirinale: ouc fu poi di Numa il palagio. Romu- 
lo,c Rumncfi l'fifquilino,il Palatino, & il Celio,To(cani, 
Luceri,il viminale, e la valle fottopofta fin 'al tempio di Sa 
turno,& à le radici del Capitolio,Rcmo fratello à tempi 
di Ronjulo hebbc l'Aucntino fagro. Sono qucfte le uerc 
antichità 8c origini , cofi de la vecchia Italia come di Re- 
ina: con Icquah , perche molti Greci ne le fcguenti età 

PD ini 



DIVI S.1 O N E • 

palTando in Italia fi mcicolarono. il leggiero c fauolofo 
giudicio de Greci fallàmentc ha giudicato l'Italia da oro 
hauer prcncpio, E quale antico hiftorico non fcriue il U- 
niculo:c gL antichi Tofca..i,Galli,'Ja Uno hauer origine? 
Tuttauia affermano molti Greci Tirreno Lido^he iu pur 
dianzi.efler ftato loro autore . Anzi ardifcono affermare 
Tirrena de Tofcani città Regale efler Roma , Tanta e la 
loro sfacciata arroganza.che fouentccon aperte menzo- 
gne de tutte le gcnti,& imperii , e de nobilisfime citta li 
icriuono autori. 

DICE che Saturno co gli Aborigini gemrdd 
^id gli Vmbri , e da Camefe diedero origine al latto 
Igino , e prima -Berofo de le antichità dice cerca ti 

Camefe . principio di Uino Saturno Egittio detto Camefe uen* 
ne in Tofcana . Indi a tre anni creato da 1 ano Vren* 
ciped'Vmbri,e d'Aborigeni nominò da fe Camefe* 
nal''Vmbria,t'Apenina,e la Sabina oltre Tofcana: 
e fece due citttà dette Camefena una ne monti, detta 
AnchoraCamerena, l'altra preffo ad Alba, de la* 
quale dice Hionifto HaUcarnaffeo nel 2 • che Ro* 
. molo prefe Camerena colonia de Albani, e che (pteìla 

2™'"" /» Camerena anticd città de gli Aborigini . E perche 
facilmente mutauano la f,ne la r, fi legge Camere* 
na,per Camefena,zr altre ftmili. Macrcbio nel i. de 
Saturnali pigliando da Berofo, e da altri dice,che U 
no conferuò il fuo nomeàla Tofcana,che ftnomò io. 
mula , eprepofc al latin Saturno, da cui l'italia fit 
nomata Saturnia,e dice. Quella regione, che fi noma 
Italia^ da Uno ftgnoreggiata . Ma partecipatoH 
regno con Camefe , e con i popoli del paefe , nominò 



j by G( / 

I; 



D E LM T A L I A, J M 

id fe il l4/»*co/o,cr il rimanente de Id regione fii det^ 
ta Cmejèna : mx poi ritornò il regno d Uno Solo. 
Terche ammaeRrato da Saturno ne le cofediuiUa, 
riduffe il rozo uiuercy d miglior fórma , e lo rimme* 
TÒ con accettarlo per compagno nel regno. Sempro 
nio dice tre cofe . Vrima che alcuni fcriuono in con^ 
fideratamente cerca Vorigine di Koma , cioè che ^/i 
fe cominciata da Romolo, quando che ui habitò Sa^ 
turno più di uoo. anni auanti Komolo , CT edificò 
Saturnia , a pie del Capitolio , er Ualo Capena ne 
VAuentinOy e Rema fui figliuola fabricò Roma nel 
Palatino. Come dice Fabio Vittore . Terzo glie faU 
fòy che Roma deriui da Romolo , pn due argomenti 
primay che Romolo non è il fuo nome propio^a Ru 
muloj cioèmamiUario . Tofcanidiffero Rumale La^ 
tini mamma. Perciò Fauéulo li chiamò Rumuloy e 
Kumoj perche fiirono prima lattati con la mammeU 
la dela lupa . Seruio nel S.fopra quelle parole . Con 
profpero rumore^dice.Sipuo dire con Rumone pro^ 
fpero, perche Rumone fi* detto Romolo.ìndi fi noma 
tifico Ruminalcjoue fiirono gittati Romoloye Remo, 
cr euui hora il lupercale nel circo- Correua per qua 
il teucre prima che Vertuno fatti gli i fiacri ficij, lo uol 
taffe. Sempronio ufa queit^argomcto.Qjiel nomcy che 
deriua da nome di oculta originerò fi noma d a nome 
dimauififta origine. Ma Valtronome dalquale deriud 
Komaè di ocultd origineCofi non deriua da Romolo^ 
ch^cd^originemanifiSìa.Penhe la lingua Tofana art 
ticamente^cr d mid etd pronontia tra o^et u^auicinati 



DIVISIONE 
icft più to^odl% in più uoci . Perciò lEJuMo To^ 
forno pronontiò Kumulo per u^ c Latini dijjero Ko^ 
molo per Oy^ltre fijite nonintendeu^ quejlafeìitentid 
che Komx deriud dd un'dltro nome occulto . Hord ne 
diro il pdrer mio . Plinio dice che ne Id Tofcdnd dis^ 
Chiama - fcipUnd fi comprendein qud modofì chidmdno i Dei 
re I Deù flette: CT ildmpi:,efdceudfì ottimdmente occultdn 
do il nome di quel Dio in cui tuteU erd Id cittd . Et 
ufduxno Tofcdn' m flerio dd occultdrloj cduando 
poi ddl nome di efjo Dio un^dltro nome , ilche ufano i 
Tdmuldi&i CdbdUdrii^md Sempronio Ouidio Vlutdr 
Cuballa- ^^^^ Romo/a, CT dltri dicono, che Komo^ 

lo douendo cdificdr Komd , /? jiceuenir di Tofcdnd 
■ m'indouino , ilqmle in giorno felice fdcrdjie Id fòf» 
fd y cr in luogo trd quelld , e le murd , cingeffe con 
Vdrdtro il colle Pdldtino^e metteffe d Id cittd il nome. 
Plutdrcouidg^iungeche l^indouinocauo con certi 
mi fler a :,e lettere il nome de Id cittd ddl nome di cjuet 
Dioyd Id cui tutti d erd commefid Id cittd . Md l'^ altro 
nome, dalquaie deriud Komd per cofìumc Tofcdno^ 
trd occultdto dd Sdcerdoti. Plinio nel jxdp. 6, due. 
Komd lUltro nome di queìldy non fi poteud ne le ceri 
monienomindre. E Vdlerio Sordno^che lomdnifiRòy 
nefii d^dmente punito . E nel i8*dl cdp. i* dice Ve* 
rio Pldcco mette gli Autoriy d i quali egli crede , che 
nel combdttere le cittd^ Komdni Sdcerdoti chidmd^ 
Udno fìiori quel D/o, in cui tuteld erd queUd cittdypró' 
mettendogli più degno luoco dpo Komani.Dird an^ 
chord queftofdcro miseria nei Sdcerdoti^e neipon 



DE L 'ITALIA- ^14 

tefìci^efii occultato il nome del D/o tutore di Roma 
dcciò^ non fdceffero cjueWiflejJo i nimici . QneSo e il 
mio parerei rimettcdomene però d più fdno giudicio: 
cercd A ngerond tutti fono di un pdrere.Cercd Phd^ 
uer edifìcdto Komd in quei punti di {ìeUe,io(fc fìiffe d Nome di 
propcfito de /'opera) moiirdrei.che non fiirono tali. Roma oc 
Cercd le menzogne de Greci ne mdndero in luceund 
operdpdrticoldre . BelUurcdetd , origine di 
Komd dicemmo foprd Fdbio pittore. 



FINE DE LA DIVISIONE 
D'I T A L I A. 



ARCHI LO C H O 

DE TEMPI C O'L 

COMMENTO DI 

R C H 

locho Greco 
fcrittore de 
tempi,uittos 
riofo nelgi^ 
uoco olirne 
pico sfiori 
con Sinomì^ 

fene l^olim^ 
piade 

condo Lufe^ 
bio , per più 
cdufefì mof» 

fekfcriuer e quell'io pera. Vritndchenon fapeuano^ 
i Greci qudi Re fi^j^ero fldti ne l'durcd eli dudnti Ni 
fio ,ddlqu de cominci dronoi Grecite loro hijlcric. 
J^iodoro nel |. e Xeno/anfe . Perciò /u neceffario fer 
uirfì di quei Re Aj^irij.che fìirono dudnti Uino^efcri 
nere quanti duni regnarono y e perche dncho dopo 
N/no fi contrddicono, le hi&orie Grece fono incerte 
ne i tempi fecondo Lufebio ne U primi olimpi dde , 0 




DE TEMPI. it; 

Gio/è/o covtra Apione, fu necej^drio concordarci 
tempi de Greci con U certij^imd hiftoriu de Barbari 
Ad Ntno fiti^i l^edificdre di Troia , e qudnti dnni , e 
fotto quai Re effa Troia durò . E perche cerca U 
uecchiexzd i'Archiloco, che uiffe dnni no. fi comin 
ciana pigliare errore cerca i tempi di Howero, egli 
fii ailretto di aUongare t'epiteto fìn^ad Homero poe^ 
td . Cofì Archiloco quiui pdrld de i tempi de aure A 
età duanti Nma, che primieramente fjpofe d uiolar^ 
la fecondo Fabio Trogo , e Qiujlino. 

NARRA Mafea Fenice Damafceno nel libro <j7, 
d e rhiftoric, che innanzi Nino cerca uo. anni fu un di- 
luuio, e che vno, come certifica Mofe antichifsimo hido- 
rico , fu liberato da quello vicino ad A rad fiume , ne i 
monti ca(pi,ilquale all'hora nel «uouo ciclo, edcndo ro- 
2a la gcneratione humana, vide ne l'aurea vira, ne laqua 
le fcnza legge alcuna viucafi,come la natura diCtaua,fino 
che Nino , e Semiramis guerreggiando contro i popoli, 
primicraméte vitiarono la generatione human^. Dicono 
adunque i Caldei che 131. anno dopò Ogige, regnò appo 
loro Saturno di Nino Auolo anni f 6 • e fu il primo che 
fondò Babilonia, fegui à coftui Belo Gioue, che \ Caldei, 
& ad Afsirij 61. anni fìgnorcggio , Nino r*- Scmiramif 
41. Accrebbe ella Babilonia mjrabilmcnte,lfi computano 
adunque da Nino fin'à l'anno fecondo di Sfero, nelqualc 
nacque Dcucalione anni 4ri. e 700. dal primo diluuio 
di 9, mefijdalquale fin'à Troia Mnafea raccoglie gig. an- 
ni Regnarono in Troia 6. Re, Dardano 31. anno, £ritro« 
nio 7r. Troc 60. Ilo ^5*. Laorocdonte )6. Friamo.40 . 

DICE Mwo che i Greci non conobbero i tempi 
dUdnti Nino, la onde fìirono diretti d pigliarli dd 
Vhijtorid de Ajiirii^ e lenicL Giofefò contrd Appiont 



ARCHIXOCO 
dice Medrea Dctma/ceno «ei J'tro ^6. de Ufue hijto* 
rie dice. foprd MirUde è un'alto monte m Ararne*, 
detto Bdri,oue molti fuggendo (come ft narra) rima 
fero dddduuioliberi^a- uno fii portato tn un arca 
Copra O Cile monte, oue ft conferuarono lungo tempo 
le reliquie dei Liguri, e Moi/e nel Genefi fa di cojtui 
mentione . QHefto dice Hiafea . Tutti i tatirnhiuo^ 
ricifono confòrmi, che fatto i'huomo,cominciajiel au 
rea eti . Ouidio neh. de le lAetmorfòfì, cr w ne ho 
detto difot>ra, Archiloco Adunque tratta de i tempi, 
cr annuali biilorie ci'Aj?iVi/ , e Fernet dal primo (li^ 
luuio fth'a l'edificare di Troia,e poi finche judeinut 
ta per le hiflorie annuali de i Re di queUa . Ne/ teilo 
Error ii per fe chiaro uedeft un'errore di Lufcbio cercai tem 
Eutcbio. pi de i Re Troiani,per hauerfeguito la hiHona Gre 
ca, che fi difcorda trafe (ieffa . Perciò cerca TroU 
feguiamo Archiloco, che defcriuefol amente gli anno, 
li de i Re Troiani pigliando da Mafea fenice . E poi 
da la rouina di Troia fm'ad nomerò Poeta . de i cui 
patria di tempi, e Patria fempre littigarono i rozi <^reci, per 
Homero. mojlrarci uer amente, che non ftppero co fa alcuna. 
Pindaro Lirico cerca la patria di nomerò fi contri 
dice, bora facendolo Smirneo, bora Chio . Antma^ 
cceUicando lo fanno colofonio. Ari{larco,e Dio* 
nifto Tracio a§:rmano che ^jie Atenief, fecondo 
Ariftotile Salaminio Argiuo . Eufibio de t tempi di 
Enea Siluio fcriuendo dice . Penfano alcuni cfce Ho« 
mero filile à queiii tempi,e moiirero quanta dt«er/U4 , 
fia tra fcrittori, di che tempo egli fi ^e . Alcm,e tra 



I 



DE TEMPI. jitf 
^tteftì Socrdte djfirmano lui effer {iato prima , cfce . 
(^befcendejjero gli Herdclidi.Erutotetie anni loo.do^ HomcrJ 

/it rowm^t Troiana Filocoro nel tempo che paffa 
tono gli ìonij fatto Archippo mu^ilro de gli Ateme^ 
fh chefir dopo la prefa di Troia anni i(io,ApoUodo% 
ro Ateniefe 2^0. anni poi che rouinò Troia . Altri 
penfano cheejjojìiffe auantile Olimpiadi, anni 400. 
prima, che fi^fie prefa Troia . quantunque Achiloco 
dica lui effer flato la n . Olìmpiale , e computa anni 
roo. de la rouina di Troia . Quefìo dice Eufebio.md 
Archiloco quai Uomcrifvffcro appreffo quelle genes 
rationi > rifolue quejlo dubbio • 

S E G V Irono anni roo. da la prc/a de Troia fin'*à la 
aj. olimpiade, ne i cjuali fiorirono Homcri g. parlafi del 
primo ne gli annali di Tcucco Re d'Alsirii , ilqualc fu 17. ^ 
da Nino,tu qiiefto Homero,come fi dicc,Smirnio,e perfct 
co del medclìmw Re poco innanzi che andaflero gli Hera 
elidi nel Peloponneflb,ranno lo.di Demofonre Re d'A- 
tcniefi quando Pirro fu nel tenipio d'Apollo da Oreftc ve 
ei(b, fegui à coftui Homero Chio^ ilqualc, come ne le hi- 
ftorie Chienfi lcggefi,fu de medicina pennTsimo. L'anno 
I5>.di Melane© Re d'Atcmefi . Fu vn'altro Homero Cu- 
meo, ilquale, come narrano i Cumei, più toflo f u mago,, 
che litteraro huomo,l'anno 24. di Codro Re d'Afeniefi. 
il quarto fu di Salamina città di Cipro ricchijfimo cittadi" 
fio , e mercatante eccellente, l'anno 8 di Agafto Atenie- 
fe forle indi a 1. anni Homeio Colofonio,(econdo le loro 
hidorie nel partirfi de gli lonii ne Tarte di dipingere , e 
(colpire famofo. Il 6. fu Ar cnierc, ilquale , come elli fcri- 
ùono, à riuocare le annullale le«gi,d: à farne di nuoue fu 
illuthc fotio Aìchipo. Il 7. gli Argiui per arte di mufica 
e geometrie perito , l'anno 17. di Diogenito Ateniefe 




ARCHILOC O 
rultìmo Homero e à noftrà età , ilqualc ne l'olimpiade 
i3.e da la rouina di Troia aani foo. tizio in Mcoaia fu 
nel giuoco olimpico virtoriofo , & à giudicio di tutta la 
Grecia sómo Poeta giudicato,a lui folo fu data Timprela 
di àmcdarc i carattcri,& i nomi de la greca lingua, i quali 
Cadmo Samoirace portò quafi Barbari,e rozzi dopo roui 
nata Troia, cffendo tornato poi eli e fu ^gi per lo trau^- 
glio datoli da la prima moglie. Perc'bauca pigliata anco 
/ Harmonia per moglie. Sono adunque i caratteri da Home 
ro acconci più belli. Quando ch'erano i primi di antica 
barbaria,& al tutto da b'enici disfimili , come ve^g^amo, 
anzi de Gallati e Meonii tengono le figure. ^ 
mcdefimo Homero i caratteri, e fu il primo che dela Gra 
matica diede i precetti,quando che rutti per innanzi Icri- 
Ucano,e parlauano in lingua volgare.Quefti precetti fu- 
rono da l'Italia, detta ancho grande Grecia , accettati* 
Tanto fia detto de tempi, 

E V S E B I 6 con quefld pdrticeUd,benche td^ 
^^^^ ' citdmente conclude con Archiloco^ come d dire: hen^ 
che Archiloco certisftmo datore de i tempi , dijjolud 
Id equiuocdtioney perche ni furono più Howen,e prò 
uando i tempi,e le nobiliti di queUi.moflrJdo che Val 
timo fU d puoi tempi, tuttduid eUi perfeuerdno ne Ve^ 
quiuoc dtione: e noi dicemmo foprd Cdtone^ che i Gre 
ci fono confufì,e cojlringono gli huomini d cdmindr^ 
ne l'errore tuttd Id uitd loro. Stuiidndo dppreffo di 
corrompere il tutto con le loro lettere. E con Id fd^ 
candid del dire lieudno ofcure tenebre di menzogne. 
Creddfì adunque dd Archiloco fcudiofo inueBigdtorc 
de te hidorie pdtrie, e perche fii d tempi di queiVHo^ 
mero, che fi cercd. chefuld i r. Olimpidde, CT Ar^ 
"X chiloco Id % 9* Er4 Volmpidde dpo Greci d'dnni 4. 

/ìcomc 

à 



DE TEMPI. jiy 
fi come iiluilro àppo Lumini di 5. Perciò a luijpecid 
utente ddremo fide. Qumi Cadmi fùffero dicemmo 
fopTd yienofvnte. e cerca le nozze di queUo Cadmo, 
E come fohenne guerra quap So.anni prima che ar-^ 
deffe Troia fecondo Spinga yV alt f aio, ^ Eufebio,cofi 
non ftt dopo le nozze di Cadmo con ArmoniaH'fìcam 
io Troia da Bardano Samotrace, ilqualefitrouò d 
que^e nozze con ìafio.e Cibele. Secondo la buggiar^ 
da Grecia^ perche fi troua Troia edificata per anni 
2 00. duanti queBe nozze da Bardano Tofcano figlia 
nolo di Coritojlquale fecondo Virgilio, partitojì da 
lafedia Turrena di Corito andò in Samotracia . t 
poi a le Idee citta di ^rigia.Cìjieilo Bardanio fu pa^ 
dre,e7 dutore de la città iliaca . 

Che tìomero Meone rtfòrmdj?eleletterey che s^af^ Homcro 
fomigliano a le Calatide Meoniejo praua Ce fare nel ^"^"^ 
é.deiCommentdrij.condirecheFranciofì ufauoììo 
fm'c quel tempo le lettere de Greci. ' : 



SS 



METAST ENE DEL 

Gì VDICIO DE TEMPI, 

EDELEHISTORIE 
ANNVALI DE PER- 

jìm con il Commento 
di Annio. 

ETÀ STENE PER^ 
fìdno trdtU del giudicdre ft 
hiftorie dnnudli de Id Mondr 
chidiAsfirid^e de Id Verfìdnd* 
Md chi lo trdduffe doued più 
tojlo direcenfurd.cioè emen 
ddtione^che Giudicio.Ferche 
quiui s^emenddno le opinioni 
de priudti.che uoljiro fcriuere fenzà Id publicd fide 
de le hi^orie dnnualijAlcuni leggono MegeBene per 
lAetdjlenCynon duertendo che il primo |ù Greco hiìio^ 
rico,^ il fecondo Verfidno fcrittore de tempi , queUo 
Idicoje queflo fdcerdote: perche fcriffe con Id publicd 
t priudtd fede il cVerd foldmente 1 fdcerdoti coceffo. 
Come mdnifiBd Metdfìene. Perdo non fono dccet^ 
tdti i Greci dutori de i tempi^che non erdno fdcerdotij 
Ldonde nonfcrijfero con Id publicd fide. Cofì non c 
mdrduiglid fe trd loro ft cotìtrddicono. Metd^ene 
primd defcriueld emenddtione de tempii Seconddrid^ 
mete dichidrd glidntichi uerisfìmi di due Mondrchic^ 




i 



DE TEMPI. 218 
S'ALCVNO à Ter iu ere de i tempi s'apparecchia, 
non dcbbe egli folo per vdita,& oppenione Icrmerne, a^ 
ciochc fcrmciido per oppcnione al(rui,come fanno i Grc- 
ci,cgli inficme con i Lettori non venga ingannato , e dal 
vero fi fcoftijMa qiieflo riu(cirà fcnza errore ahuno,fe pii 
gliace le annuali hiftorie di due Monarchie, le alfrc come 
fauole ributrcremo,CLuando che in quefte cofi chiaramea 
re,e con venta fono djfpoftiitcmpi,iKc,<S: i nomi , come 
appo loro furono fplcndidi i Regni , Non fi ammettano 
pe; ò tutti quelli che fcriuono di quefti Ke,ma iolamentc 1 
facerdcri di quel Regno in mano de ^uali c la publica . c 
priuata verità de le ioro hi(lorie,come e Berofo, perch'c* 
gli cflendo Caldeo turtM tempo d'Asfirii, pigliando da le 
antiche hiftoric,hi ordinato, e noi Perfiani a lui lolo dia-^ 
mo fede. 

METASTENE àffegnd le regoUde itemph 
dccioche fdf>pidmo giudicare . qudi autori debbatifi 
accettare nel defcriuere i tempi , e quù nò . Vrintd fi 
accettino quei.c^hanno fcritto con la publica fide. Per 
che anticamente ifacerdoti erano publichiNctari de ne lede- 
te imprefe^e de i tempi fiuero copiauano da altro an^ fcrittioni 
tico Notaro. ha feconda regola r, i fatti, eie hi^orit »cpp* 
annuali de le 4. Monarchie non fi poffcno rifiitare : 
perche fi fcriueuano con la publica fide, e conferuds 
uanfi nele Librarie^ene Scrigni. Leggiamo in Zfdra 
the le controuerfie di edificare il tempio fi diffiniuano 
con le hidorie conferuate ne le Librarie de Per fi ani* 
Ctefia Giudeo è accettato ne i tempi de Verfiani, per^ 
ch'egli copiò da le publiche Uxorie. La terza rego^ 
la. Non // accettino chifiriuono per oppinioni finon 
douefi conformano con la publica fide. Perche chi 

EE a 



G I V D I C I O 
fcrijiero per opiyinione^come i Gr€ci:,fono tra loro Hf 
ferenti Come accenna MetaHene^e Giofefò coìrà Ap 
pione grammatico. Giofefò da queiie regole di Mc^ \ 
tdftene fa un gagliardo argomento.che i Greci non 
haueffero le lettere da Cadmo: perche non fi troua ne 
glifcritti publici a ne gli Scrinij ò Librarie de facer^ 
doti. Verciò le hebbero pur dianzi da Meom, e Gala^ 
ti fecondo Senofonte CT Archiloco. Cefi non fi ac^ 
^etti fcrittore alcuno de tempi^che non fi concordi co 
te annuali hiftorie de le à^. Monarchie . Berofo che 
fcriffe de la Monarchia de gli Asfirij con la fide pu^ 
blica^ degno di fide cerca i tempi >e Met aliene in de^ 
Crono- fcriuere de la Verfiana Monarchia. Be Greci fona 
grafi acce ^enofònte^Archilocox^ Eufebio^mafi nfiitano He^ 
caci ò nò. TodotOyHeUanico^cT Agefilao Grecite de Latini Giuti 
ftinOyCellio.o* Orofio. Ne la x. Monarchia de Per« 
51 fi^^^'^ ^^^^ MetaSlene ferine con public a fide, cr 
i 3a ^^^fi^ Cnidio , Biodoro nel j. fi rifiatano de gli Ue^ 
^ liwì hrei Giofefv^de Greci Clemente^ Tatiano, A^ic^wOjCr 
' Bufebio .iquaifeguendo lepriuateoppinioni contri 
lapublica fide , notano Ke^e tempi^chenonfiirono ne 
le hiftorie annuali,e che Ciro diede licentia à gli He* 
brei prigioni m B abiloma > e mori prima che Dario 
poffedefie Babilonia, berciò Eufebio feguendQ ne U 
terza Monarchia de Greci , e ne la 4 . de Romani , le 
publiche hiiìorie^f fice degno di effer* accettato , cr 
dncho Yilone^chenonfidifcordada c[ue\lepur di un 
mefe. Si rijiitano Giofefò y CT i Tamuldifti , che fono 
conuinti buggiardi molto ne i tempi. Meta{iencuoU 



À 



DE T È M P L t I5> 

tdtojì d U ftde publicd di herofo dichidrd i tempi de 
Id Mondrchid Asfmd per i Re di <lueUd,e qudnto cid* 
felino di loro regnò* 

NAR.ra egli che innanzi Nino. 24 9. anni regnarono |, 
Dei Re,de iquali Ogige fu il primo)ch'à tutt*il mondo fì- 
£noreggic>,e fu al Diluuio foprapoflo, indi Saturno fonda 
ta Babilonia^anni r 6. tenne la Signoria . Belo Giouc Tuo 
figliuolo anni 6i,Nino da Belo generato, ilquale fu il pri 
mo Monarca anni fz. S emiramis 41, Zamei 38* Ario. 50. 
Arabo 40. Xcrfe Balco ^o.Armacrice is. Beloco prifco 35-. 
Balco il giouane 91. Alcada 31. Mamito 30. Men calco 30. 
Sfero 10. Mamelo 30. Sparerò 40. Afcarade 40. ArainU t 
4^. Beloco il giouane ir- Beileparo 30. Lampride 32. So* 
faro 10. Lamparvi 30. Fannia 45*. Sofarmo 19. Mitrcoij, 
Tautanio 31. Tcuteo 40» Tineo 30. Dercilo 40, Eupalo 

Laofleno 45-. Pintidia ò Piriciade 30. O fracco lo.Ofra- 
ganco^o. Afcrazape 41. Tonofconcolero ir. chiamano 
Greci coftui Sardauapalo. e fin'à qui fcriuc Berofo. Noi 
feguendoIo,uon habbiamo leguitu altro auctorc che la pu 
blica Libraria di Sufa, ne laqualc dicefì che Beloco terzo, 
iJ^uale fu di Sardanapalo capitano,e di nafcofìo al Re ne* 
micOjfece le Perfiaae hiftorie. 

XENO Fonte dnnouerd dd O^ige d Nmo qu£4i 

glUBe^fì Dei con Nietdfiene e 'Berofo : cr altretdnti 

^nni dd Id defcrittione di Semirdmis. Md egli quiui ^^^^^ 

chiamd Saturno Ncmrot: padre di Belo & duolo di 

Nmo- Coft dd O^ige d NinOjche cominciò d gUdBd^ 

re Vdured età per defìo di regndre'xorfero dnni 149. . 

Come s'dccordxno gli auttoridifopYd efpoili chid^. Noa&u 

mdno Ogi ge.No d per co gnome Idno: che fÌ4 di tempo no quel- 

del Diluuio^ e come d'ìtichisjìmo ridrizzò Vhumdnd ^^'^^^^o. 

' * __ • • • 

£E III 



G I V D I C I O 

generdtme» Cofì e cofa certisftma che idi Diluuio d 
Nino primo Monarca degli Asfirij : corfcro anni 
24,0. DdNino d Sarà anap alo durò la monarchid 
degliAsfìrij ii;^. anni^ bufvbio ddu*ìque feguenio 
i Re^cr i tempi de gliAsfirij fm^k Sarddndpdlomer* 
td die(fer dccettato, eccetto d'dv.ni v. perch'egli mette 
Sardanapalo hauer regnato anni 20. e le hiilorie Ap 
ftrie dicono 15. Metaiiene adunque prefequefìe cofc 
dd la publicd Libraria de gli Asfmj, oue erano le hi^ 
fiorie annuali de Terfiani^ che dichiarauano in qual 
modo dopò Sardanapalo la mondrchtd de Verfiani, e 
UìoT^' ae Medi fi diuift trd Medi , e Babilonij, e come poi ft 
riuno fatto i primi Ciro e J^drio. E cominciò in que^ 
fio modo, che Beloco cdpitano di Sardpinapalo tradì 
il fiio Re, e diuife la monarchia con Medi , come nar 
Td Met ditene de Pifteffo trdiìtore* 

DIVISE coftui la monarchia con Arbacc de Mcd{ 
Prcncipc con tal parto , che pofTcdcnc Beloco Babilonia 
& Arbace la Meclia,& i Perfiani. Adunque baucndofi Sar 
danapolo vccKb Se arfo, la Monarchia m due parti fu di- 
Uifa Furono quefti ì Re di Media per anni 504. Regno Ar 
baceanniig. Mandane fo. SoJaimo 50. Ani Carmin fo. 
Arbiane iz. Arceo 40. Artino 11. Aftibaro con Apanda fi- 
gliuolo 10. Apandafolo 30. Ciro e Dario/upcrato a Pan 
da, anni ^6, perche prima che fi riunifce la morarchia re- 
gnarono in perfia anni 6. Indi asfignaro ?i Cainbife figh'uo 
lo il Perfiaiio rcgnò,per 6. anni conito Tamiri de Sciti Rei 
na gucrrc^giarono,ranno 6. furon da fcabjloni richiamati, 
O 6l vccifo BaUhaffare , riunita la monarchia, à Periìani la 
trapportarono. 

DI ODORO neh ragiond di Belcco diungo, 
Bc oc o. ^ j . ^^y^^^^ ^ ^^^^ Q^^jj^ ^ Gnidio lo deificd,non di^ 



DE TEMPI* 220 

fponettdo i nomi, e tempi de i Re>ne qudnto cidfcuno ii 
loro regnò. Ma ne U monarchid de Medi Idudd tjio 
CteftUjilqule dd U pMicd fide j e Ubrdrid Verfidndj 
portò le dnnudli hikorit in Grecid: e fi conjirmd con 
Metdfiene. Perciò Ctefìd Greco c dccettdto ne i tempi 
PerPam^md non ne gli Asfirij^ cr Eufebio d Vincotro 
ne gli A "ifìrijfì dccettd.e non ne i Verfidni, perche in ^"^^^^ 
queSUfegui Hero^ o/o^cr dltri fuoi popolani f iuold^ f^jj^Q ^ 
tori* e corruppe Id publicd fide, con ferii dtd dd Biodo ni». 
rOiCtefìd e MctdSlene. Oue Diodoro dice che Greci 
chiamano Apdnda Ailiage ^ guarti daVimpresfiont^ 
che dice Bel Ofo ò Bel Efo.per Bel Ocho. Kegnaron 
no adunque ne la diuifd monarchia Medi:, e Terfìdni ^^^^ 
304. dnniy CT dltretdìitift regnò dppo Cdldei , e Bd^i 
bl^onij comeftgue Metdiìetie. 

R E G N O S S I altrctanti anni iii Babilonia effendi 
òìuifa la Monarchia. Fui Bcloco primieramente anni 48. 
regnò. Fui Aflar ir« Salman Afiar i7.Senachcrib7. Aflar 
Adon IO. Mcrodach fi. Ben Merodach 11. Nabugdono- 
for il pnmo jr. Nabugdonofor Magno 4^, Amilino, c Vil- 
mcrodach 30. Reg Aflar fuo primo figliuolo anni y il feco 
dò Labe Aflar Dach 6, il terzo Balthafar f . 

FILONE Hebreo fi conforma con Metdfkne 
in queiìo luoco . Co/i nd 4. de i Re, e nel 2. del Pd^ 
ralipomeno fi fa di queiii Re di Babdonid mentionejt 
qudi continuamente guerre ggidrono co gli Hetrer. 
I^d4. dei Ke al cap. 5. di Belo Ocho detto luL 
Venne Fui Ke de gli Afiirii contra ManaffeKc di Fui. 
Samaria* E [appi che le diuine lettere chiamano i Re 



• • • « 



EE ini 



' G I V D I C I O 

ài Bdbilonid Kede gli Afiirii . E di fetta , Vette Te# 

gldt,¥uU J^lfir cantra fdced Re di Sdtndrid, e trdp^ 
porto ne gli Ajiirij, e Id tertd di Neptalim. E nel fi* 
guente cdp. dice . Mdndò Achdz Re di Gierufdlem* 
me d Tegldt, Vul, Ajfir Re de gli Ajiirif , che lo aiu-^ 
"^tdffe contrd i Re di Sdntaridy e di Ddmafco. jyi Sdì* 
ntdn Ajfdr dice nel feguente cdp.Afcendè Sdlntdny 
Affdr Re de gli Aj^irii contrd Ofed Re di Sdmdrid, e 
io prefe Vdnno 6, d^Ezechid Re di Gierufdlemme , e 
- conduffe le io. tribù d'ifrdel ne gli Af^irii , e nel cdp» 
17. e iS. dice Pdnno 4/di Ezechid.Sendcherib Re de 
gli Aj?irij djidlfe le fòrtifìcdte cittì di Giuded.e le pre 
fi . Nel Cdp. \<).fì dice di Ajfdr Adon Sendcherib fa 
cendo fdcrifìcio nel tempio del fuo Bioyfudd duefuoè 
figliuoli uccifo . E regnò per lui Ajfdr Adon fuo fim 
gliuolo s Ne/ Cdp. 20. dice • Mdndo Meroddch Re di 
Bibilonid lettere , e mejìi dd Ezechid Re di Giuda» 
Non fi legge il nome di Ben Meroddch filo figliuolo^ 
fe non che fice prigione Mdndffe poi che jw morto 
"Ezechid fuo pddre Pdralipomeno cdpAi* Ma nel 4» 
deiKe dlcdp,z\.ftrdgiond del primo Nabucdo* 
nofor ♦ E delmdgno Ndbucdonofory che drfe Gieru* 
fdlem, cr il tempio ^ e conduffe gli Uebrei prigioni in 
Bdbilonidy e di Euil Merodoch fuo figliuolo fi pdrU 
ne Id fine del VdrdlipomenO:, e de i Re. Cercd li ^ . fi^ 
gliuoli di coftui il mdeftro de le hi fior ie fcolddiche 
replicd (jueilo luoco di Met dilene. Md che uccifo Bdl 
Affdre.jùfjè riunitd Id mondrchidy e trdsfiritd d Per 
JìdtdjDdnid di f. Cdp. rdffirmd* Metddene ddunque 



DE TEMPL alt 

defcritte le hilorie dtmudli de U mondrchia diuifd 
trd Medi e Verfidniy e poi riunitd^ narra le publiche 
hiilorie fin* ad Pdeffandro con dire. 

V C C l S O poi Baie Aflfar , regnarono Ciro , e Dario 
dui aiini,di poi Ciro folo anni ix Jl primo Artafcrfe AiTuc 
IO, di Dario figliuolo anni io. ilqualc punì la fetta Tamo 
rica, c'haucaà tradimento dato il Zio ne le mani di Ta- 
mira . Ciro Artabcnc, e Dario, Longimano di codui fi- 
gliuoli 7. mcfi per l'imperio guerreggiarono , ma Lon- 
gimano,hauuta la vittoria, anni 37. tenne l'imperio . Da 
N^io Noto di lui figliuolo anni 19. Il magno Artaferfe Da- 
rio, M enone anni j-f. Artafcrfe Ocho. i6.Arfcà noftra età 
anni 4. Dario l'ultimo 6. anni hcbbeilignoria . il magno 
Alellandro, che trapporto à Greci l'imperio anni 11. Sc- 
Icuco Nicànore, c'hora e d'anni 30* tutta l'Afia^e la Sona 
dopo AlcfTandro tenne • 

Q_ V 1 Kdifì uede,che la Nlonarchid riunita duro 
anni tot. Ma dal principio da Arbace fìn^ad Aleffan 
dro 49 r«E uedefì che queRo Metdftene fiori d tempi 
del magno AleffandroAl rimanente fponeremo fopra 
Filone . Ma perche ne Vhiilorie de la Greca mondr^ 
thia da Seleuco , e dal magno Aleffandro fin* a Filip^ 
po ultimo, Zufebio fegue la public a fide di Afia , e di 
Soridy per i tempi, e Re di queUa, e ne la monarchia 
Komana nota la public a fide de latini , noifeguiamo 
cffo Eufebioy eccetto che ne la monarchia de Medi , e 
de Ferfìani da Arbace fintai Magno Aleffandro . 



FINE D'ARCHlLOCO 
DE TEMPI, 



IL PRIMO LIBRO 



D I FILONE D E I 

TEMPI CO'L G O M M E N- 
r O Di ANN IO. 

Vroemio di Annio nel primo 
libro di lilone. 

VOVESI VNA 
queftione fe U gcncdogid del 
Saludtore e certd , ò no , prr^ 
che Giulidno dpoflatdj CT 
tri herttici dopai differo quel 
Idefferfdlfd:^' incertd . Gm^ 
lidno.come tefjfìcd GiroUmo, 
diceud^queUa genealogia i mdnifeùd , che dd i primi 
fcrittori ci c ddtd concordeuolmente ♦ I primi ferita 
tori de Id gencalogid di Chriiìo fìirono due princifi 
Matteo . pali Mdtteo , che feppe molto bcnei fecreti di Chri% 
Luca. ^ li ndrrby e Lucdy che fcrijfe per boccd de Id bea 

td uirgine dottij^irad de Id progenie di Chrijlo^ cr c 
dd Paolo commenddto con dire ♦ Ld cui Idude e ne lo 
'Eudngelio per tutte le Chiefe. Adunque ld gene do^ 
Gcncalo- gU di Chrijìo è fdlfd. CT ofcurd , perche fi contrds 
Ch ift* ^^^^"^ d^rmdndo uno che Giofefò fpofo di Mdrid 
* fid figliuolo di Gidcobdeld progenie di SdldmonCy 
l^dltro di Heli de ld progenie di Ndtam • Mafia egU 




^' TEMPI LIB. h Ali 

Hi qud pddre fi uoglid, che ude Id progenie di Gios 
fefo fpofo di Mdrid k proudre Id gencdlogid di Chri 
{tOytion effendo dd lui generato^ come ajjjvrmdno dine 
due quefii fcrittori } Ver eh e uno dice che Chrifto fÌ4 
riput<ito figliuolo di Giofefòy Vdltro dice , che egli fk 
concetto di Sprito Sdnto duduti le nozze id onde Gio 
fefv prefe fofpetto di mdnierdy che non credeud d Vdti 
gelojche lo duifaud que^o efjer fdtto fecondo Id pro^ 
fitid di Efdid . E benché non Id lafciaffe , non perciò 
credette che elld douejfe rimdner uergine dopoH pdr 
to j perche fi fcriue . Non Id conobbe finche pdrtori, 
qudntunquepuote con libertd mdritdle conofcere, co 
me non era uioUtd. Md awefto fòrfe fi potrebbe ere* 
dere, qudndo non fcriueffcro cofe k id ndturd contrdi 
poflcy cioè SdldtieU e Zorobdbcl effer dffceft dd Sdlà 
money e dd Kdtdn . Perche dmendue fono pofli neld 
genedlogid di quello, e di queUo.Qjidl cofd e più fco 
tid^ che porre effer dddue pddri generdto , Quefii 
argomenti fd Giulidno contrd U genedlogid del Sdì 
Udtore . Seguono quelli de gli heretici^c primd dicoa 
no queUd genedlogid , che non t determindtd dnzi Argomi 
muoue fcdnddlo neld fide. CT dpoiidftd^non è mdni^ Hcrctic!^ 
fèfid ne certd, dnzi ofcurd , e ftxlfd, Id genedlogid di 
Chriflo è tdle^e VApofiolo ve Id primd k Timoteo uic 
td che fe ne difputi dicendo. Auifd dlcuni che non at^ 
tendono k fduole, CT k genedlogie indetermindte, che 
muouono più toflo quiilione , ch^edificdtionedi Bio, 
che confi fle in fide . E 4 Tito cdp. 3. fchiud dice , le 
[ciocche queflioni , e Genealogie , r coritentioni de U 



FILONE DE 
legge y che font) inutili y euane. A Voppoptìone ìt 
Giulidnoyoue dice che hd dafdre k U genedlogid di 
Chrijlo Giofejvyche non lo generò.fan Tomafofoprd 
Matteo 3 e Lucd yC IdglofdordindridfopraH primo 
cdp. di fan Matteo replicando Pobiettione di GitdiS 
th^^^u^ nOyrifpondono.Nonufalddiuind fcritturdd porre 
iiionc"dt Genealo^^ie l'ordine de le ftmine . Md Id gened^^ 
GmìiAnò logia di Giofcjimamfviid quella di Maria madre di 
-Chrijloy perche Vhuomo era dflretto per la legge i 
pigliar moglie de la fud tribù , e famiglid * Numeri 
ult.fi dicey tutti gli huomini pigliar anno mogli de U 
fua tribù, e parentato, dccioche rimdngd Vherediti 
ne le famiglie , non fumefcolino le tribù , mdreilino 
come furono feparate dal Signore. Girolamo k le ob^ 
biettioni di Giuliano cefi rfponde . certi heretici , e 
Chriùiani Giudaizdnti pigliano errore y non f apendo, 
come le linee di Salamone , e di mtan per ddditione, 
e fucce^ione del regno, laquale fi fimi fatto Atalid, 
erano obligate una à l'altra , fecondo Blone , e non, 
confìderano che uno euangcUSia tcffe la geneatogid 
di Giofefv, l'altro de la Vergine y e che Id parola c 
corrotta. Ver che Luca fcriffe .Blyhy che fìgnificd 
D/o fvrtey che fecondo gli Hebrei importa questo no^ 
me Gioachim , ilquale fu padre di Maria . Md cdc^ 
ciafi ogni dubbio confiderdndo il parlare di filone 
Hebreo cerca i tempi . Queflo Filone è da Girolamo 
dnnouerato tra gli huomini iìluftriy cr (Alcuni penfd^ 
tiolui hauer fcrittoH libro de la fapienz<i • Fdcendoi^ 
(ìgrande uccifwne tra Qwde/.cr Alejfdndriniy R'/o^ 



TEMPI LI L 22 1 

ne ghudne dotto fu mandato ambafcidtore k Tiberio 
Augudo Vanno 20. del fuo imperio ^ oue trouò Seia^ 
no Tofco figliuolo di Mecenate prcfidenle ,ilquale Filone. 
{ludiana^che fòffe annullata la gente Hcbrejiycome 
teftificaeffo filone nel fecondo libro de l'ambafcia* 
ria j ej ^ufebio Vanno n. de Vimperiodi Ce fare. 
"Egli fece molte opere , ma fpeciaimente' riduffe à la 
uerita tutti i tempi da Adam fin^à la fua ultima uec^ 
chiezzay e nomò quell'opera breuiario de tempi . E 
mimarauigliò, che i Teologi Vhabbino cofiUfciato 
da parte, effendoui molte cofe contra gli Hebrei, e la 
dichiaratione i molti dubbij ne le facre lettere . Ma 
cchUonon sòia caufadi quejlo :,òpure s^iolasò 
non Vardifco dire . Ma riffoluano quejlo fèndamene 
to di Vaolo con ejjvtto, ch^egli dice , d cap. 7. 4 gli 
liebrei . Glie mamjrfto che il fignore G I E S V è 
nato da la tribù di Giuda.Verche leggendo i commen 
ti de più giouanifopra MatteOy e Lucania genealo> 
giadelfdluatorejaqudleera fecondo VApofloloi 
gli ììebrei, à i quali effo fcriueua, manifvfia.con loro 
[ciocche qucftioniy er empii litigijft rende dubbio fa^ 
cr incerta^ la ond'eUa è fchernita da Giudàiche pen 
fanoancbo à primi Chriftiani la genealogia di Cbri 
fio ejfer {lata incerta per la fai fu a de gli euangeliSìiy 
e perciò che non fi poff^prouareChrifìo effereil 
MejUaypoi chegU euangeliiìi non fcriuono apertaci 
mente luieffer deUcafa di Vauid naf iuto.echei 
dotti Chriìliani fono in controuerfia di quejlo . Mi c 
fiato rifpofio più uoltt che Njco/ò de Lira podiìlòla 



FILONE DE 
Centra fcritturd^cioe dopoi qucUe antiche L'annichilò. Bwr^ 
hcolg 11 gh^f^i^^i^ pi^g^^^if^i ìfjpfolfi.cr una'altro UrepU^ O 
mpictàMfacTdfcritturd imMufijìd un lucido 
teiiimoniOiChe dd fdpitntid <l i piccioli. Non fono le 
diuine lettere bifognofe di pieghe:,duolgimenti,ò di re^ 
pliche.Lequdi non danno fapientidÀ piccioli^ md co^ 
fóndono gli dnimi facendogli errare^ mentre che nino 
no, Ld fcritturd non dice chi mi piegano, e ripiegano 
md chi mi dilucidano, hautranno uita eterna. Qtteftc 
[ciocche queiiioni commandò l'Apoftolo che fi fchi^ 
uajfero. Come dimoSlro ne miei Commenti^quai con 
drdore difèdehofattofopratuttdld diuind fcrittu^ 
rd.Hord per dichidrdtione de ld Genealogia del SaU 
uatore^e de i tempi diuini,mando in luce due Libri del 
Breuiario di filone cerca i tempi^nel primo s'annoue 
vano i tmpi dd Addm fin^d ld rouind del tempio , ne 
V altro da quella rouina fin^d l'etd fud* Et ultimamen 
te rifponderemo k le obiettioni. 

LA PREFATIONE. 



IL primo Libro fi diuide in due pdrti, prìm d p trdt 
td in fommd quai tepi corfero da Addm /in'4 t^dn^ 
no qudrto di Sdiamone. Ne la feconda da quelVanno 
fin^d la rouind del tempio, E perche ne gli autori co^ 
prefì in queftò uolume fifa fpeffo mentione de gli dn^ 
tichi tempi , dmmonifco i Lettori che ufino Idfenten^ 
fid di Giroldmo foprd il detto di Vdolo d gli Hebreh 
Qon fide credidmo che Afferò fatti i fecoli , dcciochc 



TEMPI. LIB. L 214 
S^inuifibili fi faceffero uifibili; ouedice. Gli antichi 
Caldei dicono che di quriìo uijtbile fòrntdto mondo fii 
md fòrmd imiìfibiU. c^wu fempiternu natura^ ch^e^ 
ra printdye da ninno prodotta , Idquale i Greci chid^ 
mano Uike Cdos.e Moife Abijfo.Confvffino cheque^ 
Hdmdteridfiiddldmiglior ndturdridottd dd effer 
uifibile e fòrmdtd. E fecondo Moife.che le HeUefiirona 
pofte dd orndre il Cielo.non db eterno . E che poi Id 
terra fii orndtd d^dnimdliye di pidnte, le dcque de pe^ 
fci.e Vdridd^ucceUi : e fin dimente fiifvrntdto Vhuomà 
Signore del mondo. Quefìo tutto defcriffe Moife pi-^ 
glidndo dd Cdldd Et dncho mdnifiddno gli anni^chc 
corfero dudnti il regno Mdcedone^che fono jé34. i« 
qudi computdndo d ^indietro , peruengono dd Addm. 
llche fcriffe Moife in ogni loro fcientid , er hifiorid 
dotto^md ribattendo Verrore , che u\rd, e diffe. Nel 
principio creò Vio il cielo^e Id terra^ IdqudVerd inui^ 
fihile.o' tncòmpoBd , perch^evdno le tenebre fopra 
Id fdccid de l^ Abiffo. Se dirdnno i Caldei che Moife 
non prouò queHo, Id rifpojld è in pronto, che ne an^ 
cho esfì proudno Id loro propo{ìd; md fcriuono per 
oppinione. Et e più certa di ogni oppimene la fide, 
laqudle è più con firme à la ragione je cheno tollera^ 
no gli ingegni^che la natura fid uguale a la fuperion 
''re. e con Uqudle credidmo con VApofiolo che fùj^ero 
fdttii fecoliyche pigli d}?ero firmduifibile. in queila 
fententid di Girolamo fono molte co fe memoreuoli* 
Vrima quando dicePApoiìolodeinuifìbili efier fatti 
uifibili^s^iitendeirimainrifpctto dicaufa e^ciente 



Hife; 
Caos. 



ARCHILOCO 

iàedU: perche queflo mondo uifìbile fu fitto idi tno-^ 
àeUo inuijìbileinon foto fecodo U fede^md dnchord fe^ 
coda Vldtone, Coft Girolamo confutd l'errore de Cd 
dei y che dicono Umaterid del mondo dd niuno effer 
fidtd prodotti.. Seconddridmente s'^intendein rifpet 
to di cdufd mdteridle,neldqudefi confirmdno i filo-^ 
fofi con Id ftde,che de lHnuifìbìle,cioe rozzo, CT infòr 
me Cdosfuffe ridotto dd Dio , e fvrmdto in migliore 
tidtura que^o mondo uifìbile , CT or dindio ne le fue 
pdrti, fpecie,e fórme. Terzo s^intende in rifpetto del 
tempo: come qudndo dicemmo de Id mdttind fi fd mez 
zo dh cioè dopò Id mdttind. Cofì dicendo VApoHolo 
de inuifìbili fÌ4rono fdtte wfibiU.fignifìcd che dopò 
VinHtfibile^e confiifd fojidntid del mondo , fi fece U ui^ 
fibile fvrmdtione, e Id diftintione de le co fe in tempo* 
Et in quedo s*dccorddno i gentili con Id no^rd fide, 
cioè che qudntunque fdccino Id mdterid eterndj tutta 
uid Id fvrmdtione mettono con Moife tempordle.Oui^ 
dio feguendo quei ychemetteno Id mdterid eterndja 
de ferine in que^o modo. 

Vrimd che fiiffe il mdrJU terrd^^l cielo, 
che cuopre il tutto,hdueud un folo dfpetto 
léd ndturd dd mondo dettd Cdos, 
Chhrd und mole rozzd:/e fenzd fòrmd. 
E che cominciaffero dppdrire le fleUe,e le imdgini de 
i Deiycioè dei fegni celeiii^ de i Vidneti^e poi (ùJ?ero 
fermatigli dnimdli,G^ indi gli huomini i lo mdnifida 
in quefli uerfi. 

J ddtOfC fecold miglior natura ^ 

VdrU 



TEMPI LIB. f. 

Tdrti cotanta lite.e comincidro 

Le Helle k riboUir dd tuttoH cielo. 

E perche non ui fuffe regione 

Vriudtd d'dnimai,l€ fielle.crdnco 

Le fórme de gli Bei nel firmamento 

Celesìe ffèrmaro.hebbero i pefci 

V acque per flanzd^la terra le fiere 
Varia mobil annidar gli uccelli. 
Dipoi dice come fu fatto l'huomo. -^^^ ^ 
' M dncduaui queW animai più fante -^^mm 

Capace d'Yalta mente Jlqu al potè ffe 

dominar fopra quanto è giù tra noi: 

Cefi quel grande artefice del tutto 

formò di diuin feme VhuomOj onero 

Che principio gli die la terra nuoud. 
^d rimando il littore d i mici commentarij foprdH 
Cenefi d Id letterd.e r tornò à Filone ^ilquale comincia 
Adi primo huomo dalqu ale yi Caldei dicono di effer 
rtdfciuti cerca 5 6^* dnni dudnti Aleffdndro . Auer^ 
tifci che queSli Cdldeifiirono ammaeflrati da Adam, 
ne l Aerologia, e ne le letterey come accenna Diodo^ 
ro nel 3. dicendo. Caldei afjirmdnoil mondo effer 
fempiterno fenzd principio ^ e fine. l\a non fi può ere 
dere.che e^i {ludiaffero in aUrologid tdnti dnni quan 
ti efii dffirmdno . Perche computdno dUdnti Id mo^ 
ttdrchid di Aleffandro ^\mUid dnni Lunari fecondo 
"Senofonte, che fanno gli dnni foldri computdti da 
Girolamo.Coft lelettercj e le fcientie infufe comincia^ 
tono coH primo buomo , comtmdnijiildno i Caldeij^ 



, FILONE DE 

Cr i Teologi confermdno . Vlinio mi 7. cdp^ ultimò 
dffirmd, che le lettere A/s/r/e fujfero eterne , peuht 
1 auinti Nino , onero Yoroneo il uecchio , che co^ 
mincidrono i regnare qucU'anno iBej^Oj comincia^ 
rono le lettere Egittie, che fono dntichij^imey ìru nius 
no fcriuel'originedele s\f^irie . E fonoquejìele fuc 
pdrole Aopenfo che Afferà fempre le lettere Aj^iric 
Antichidefcriuejche fi^fono troudte dd Menone in 
Egitto.elo proud con memorie d'dnni is.dudnti Fosi 
roneo dntichi^imo Re di Grecid . Epigened Vincono 
tro dfjirmd che ftironotroudtedBabilonid fcolpite 
in mdttoni le offeruationi de le SteUe d^dnni 710. e fe^ 
condo Berofo, e Critodemo di meno 408 ♦ E concia^ 
de IPlinio . Adunque i cofd mdmfiftd , che l'ufo de le 
lettere è eterno . Md il fondamento fuo è fdlfo, e non 
fegue tale argomentdtione , perche ne dppò i Caldei 
principali duttori de gli Asfìrij trouaft l^pngine di 
quelle per é^$. mila anni Lundri , che cominciano ds 
Adam^e finifcono in Aleffandro fecondo Girolamo. 
Terciò lafciati i Greci^cT i Latini^che fognano le lets 
fere effer fempiterne, crediamo più toflo i Caldei, & 
éMoife antichisfmo auttore cerca le antichità , CT i 
primi tempi y d confòrmiti de iquali filone fece due 
lÀbri. Il primo è àiuifo in due partirne la prima trai 
ta da Adam padre de Caldei^e de l'humana generatio 
nefin'ì U fdbrica del tempio^ poi a lafua rouina. 



TEMPI LIB- I. 

DE LA prima parte dice. 

DA Adamfin'al Diluuìo corfero anni t6^6, dal 
Diluuio ad Abraam ipx. da Abraam fino à 
Mofe . da Mofe à l'ufcirc di Egitto , c comin- 
ciare i! tempio di legno anni 80. da quello al comin- 
ciare il tempio di pietra l'anno quarto del regno di Sala- 
mene, & H l'cfecutione del precetto di Dauid, cercai luc- 
c«flori del regno C\ raccolgono anni 480. 

FILONE dìuide Id prima parte in r.parti^co^ 
me fi uede nel teHo. Ne la prima mette il tempo dd 
Adam fin alDiluuio. Ne la feconda No a fin^ad A* 
hraam, ne la terza da Abraam fin^à Moife,nela qudr 
ta da Moife fin che ufci ti popolo d^Egitto^nela quin* 
ta da queilo ufcire fìnchefì cominciò il tempio. Van^ 
no quarto di Salamone. Ma perche la fomma de tem 
pi è cohfiifa non effendo difìitita per i Re, e capi de le 
origini.chefuccefjcro uno a l^altro.e quanti annifcor 
tino tra queUi.ne ordinati gli huomini uno dopo l^aU 
trojfècodo Caldàie Moife, uferemo la mofaica deferii 
tione de tempi auanti il Biluuio, perche non potemmo 
trouar quella de Caldei:, benché l'habbiamo fìudiofa* 
mente cercata* Berofo^come tocca anchoVlinio^nar 
rò folamente alcune defcrittioni de anni 4 8 • auanti 
Nmo ,e Toroneo^tacendo de Prencipi,e de i tempi. Et 
erano in luoco deiPrencipi Uovo primogeniti fuc^ 
cefiori e capi de le origini, per iquai difponeuano i tem 
piy e fiirono 10. auanti il Biluuio. Adam uijfe fintai 
anni i $0. e generò Seth^ilquale d^anni 10 r. generò 
'EnoSyd^annÌ9o, e genero Caiuan,che d^ anni 70. gaie 
rò MalacheeliCoJiui d'anni 6 g.gmerò laret^che d'uni 

fF il 



PILONE DE 

t f 1 • generò Enoch,che d'anni 6 r. genero Mdtufk^^ 
lm,il<f*(ile d'anni 187. generò Lantech, cofm fdnni 
182. generò No4. Coftuid'dnni s 00. generò Sem, 
Cdm.ar Ufit. No4 d*anni 6 00. uide il Diluuio uni^ 
uerfale di noue meft , perche fecondo Moife nel i 
ntefe cominciarono k fcoprirfi le cime de i monti in 
Armenid,a'inl>eloifoU fecondo SolinOy Md Notf 
nfpettò che fìfciugd^e U terrà fin che forni il meft 
nx.cril commandmento di ufcire de Vkrcd. Qgi 
^ nidnififtdmente Moife intende de glidnni foUri. Ne 

r folo Moife fcriue di quef \e lunghe uite de gli huomini 

fin'k milk dnni,effendo nuouo il cie/o^ Id ndturd inchi 
ndtddldgenerdtioncymd etidndio tutti coloro che 
fcriuono de le uitelunghe dppò Greci e Bdrbari , co^ 
pieMdnetone hiHorico Egittio Berofo Cdldeo , Mo« 
loco e2r Eftiofiirolamo Egittio e Mdfed.che fcrij^e* 
ro Vhiftorid fenic€d,come hd Giofefò nel i. de le dnti* 
chitd. Anchord fi uedeche Giofe^ cr dltri più gio^ 
Udni errdno computdndo più dnni,che Moife, t coIo-m 
ro che bidfmdno Giroldmo di hduer fdlfamente pofto 
U numero de gli dnni.tlqudU fapcud troppo bene ({uU 
tinehdueud pofto Moife. Md prefero errore per 
non fdpert dnnouerdre fecondo Id defcrittione de i 
tempi, Bft comprende id primd conclusone di Blo^ 
ne,che dd Addm fm'al Diluuio non cor fero più che dn 
ni 16 $6. e quando dice che ddl Diluuio fvi'dd Abrddm 
corferoi9i.lopiglidddl i t.cdpitulodel Gene/? in 
quedomoio. Sem due anni dopoH Diluuio generi 
Arfafdt,d<iudie à'dnni \ u generò Sdk^che d'anni 



TEMPI. LIB* L *i7 

^ntrh UeherJlqudU di 34,. generò Vdtc. Cedui H 
30. generò Keu^che di generò Sdruchjilqudle pur 
a 30. generò Ndcor: e queRo d^cinni zo. generò T4< 
ru, ilqudle di 70 . generò Abram^che finno fecondo 
Vilone dal Diluuio ad Abradm 2 91. dnni. Cjojt uiued 
anchord Nod pddre.che uijìe dopoH Biluuio ^50. dn 
ni fecondo herofo nd cr di ^. cdpÀel Genefì ♦ F<« 
Ione prcfe dncho Id terzd conclusone dd Moife per i 
cdpi de i Pddri in queiio modo. Abrddm dUnni i ooé 
generò ìfddc^ilqudle di 6$. generò IdcobyCofiui di 90* 
Generò Giofefyche uijie anni no. e dopò lui dnni éy. 
fègui Id feruitÌA in Egitto^e ndcque Nioife^ ilqude d^n 
ni ^o.fìprefentò dudnti ¥drdone:,econduffe il popo^ 
lo di Egitto nel deferto , e Pdnno ijleffo fi cominciò il 
tempio di legno jcioè il tdberndcolo del pdtto» Cefi c 
uerd Id fommd di Yilone.che dd Abrddm d Moife cor 
fero dnni 41 r. e dd Moife di comincidre del tdbernd 
cotojCr di ddre de Id legge nel monte Sindi dnni so. 

Cofì dd, Abrddm di ddre de Id legge corfero dnni q^oan- 
Tor*f cdUdndo dd queiìiyf. dnni di Abrddm yquan:f do fa da 
io riceuutd Id promeffd cominciò dnddre in peUegri% la Icg- 
ndggio. Genefì r 2. Jègue che l^dnno 4,30^ dopo U 
promeffd fu ddtd Id legge Mofdicd^ non gid d repros 
Udre ò cdj^dre Id dettd promeffd del Mespd , md per 
difporrel^dnimodelpopolo/hefiifie degno didccet^ 
idrlo, perche no pdd l^hereditd de Id bcnedittione per 
lo Decreto de Id legge ^d per fold liberdlitd , e pro^ 
meffd di Dio fdttd dUdnti Id legge 430. dnni. VApo* 
&0I0 nel |. 4 Galati argomenta dicendo. Ad Abraam 

FF III 



V FILONE DE 
furono fatte le promeffe cr al fuofme , cioè Chrijlo» 
MdUlegge data dopò ^ìo, anni non annulla U pro^ 
meffa. Ver che fel' ber editi delabencdittione ci fùfjè 
data per la legge^queUa non farebbe per la promejiai 
fercbe donò Iddìo la pronteffa ad Abraaniy non i 
lAoife: ilquale din, de PBfodo dice: Vhabitatione dt 
ifigliuolid^lfraelin Egitto ^ cioè da la prima uolta 
che J^braàfcefe in Egitto fii d^anni 4^\c*La còchiufìo 
ne di Tilone-yche mette 4go. anni dal f are il tempio di 
legno à queQo di pietra. Si defcriue neh* dei Ke al 
eap, 6. in quefio modo.' Vanno 48. da Pufcita d^ìf» 
rael d^Bgitto^ SaiamoneVanno 4, del fno regno co^ 
minciò ad edificare la cafa. Moife defcriue qucila 
fomrna da Moi/è i Baiamone non per i capi de le oria 
gini.ma per i Duchi de gli Hebrei. il primo de iqua^ 
Ufo Moife,ched^anni 80. conduffe di Egitto il popom 
lo. vfodo 7>elo gouernò anni ^o.nel deferto: e cofì 
uiffe anni no. Deuteronomio ult.fi difpongono adun 
que gli anni 3S0, per i Duchi in queSlo modo. Moife 
gcuernò anni 4.0. Giofue 27. Otonid4.o. Aodto. 
Delbora e Barac 40. Gedeone 4.0. Abimelech fuo fì% 
gliuolo 4. Tola 11. Inir 22, upte 6. Esbon 7. 
Labdonfi. Sanfoneio. He/140. Samuele Saul ^o. 
'Dauid primo de la trhu di Giuda 40. Salamone fuó 
figliuolo regnò anni '0. ma il quarto anno del fuo re 
gnO:fo Iranno 4S0. da Vufcita di Egitto de i figliuoli 
d'ifraeiquando nel deferto fi diede lalegge^efii co^ 
minciato il tabernacolo del patto^ ch'era portatile in 
luoco del tempio {labile. 



V 

TEMPI- LlB. i. 42 t 

L A S £ Con da parte. 

Hcquc litigio tra i figliuoli di'Daiiid generati 
lui di Bcrlabc qua! di loro douefle regnare, Dauid 
ila.ui che C\ cominciade da più giouani,& che vno 
a l'altro fucccdeflc , mancando la lua poftcrità naruralc. 
Et cofi Salamonc cominciò à regnare. Et Natan per nati- 
uitài lui Vicino doucua fuccederc. Perciò Tuo figlinolo 
Aiafar Marat fu detto. & i Tuoi defccndcnti Ahiafarim , óc 
Matatim, cio^ che lì nomancno,e fufleno fratelli del Prcn 
cipe con aucioritH di fuccedere à tempo,pcrcii fino à Gio- 
ia rat,& Ochozia lapoftcrità dìNaran Tempre fu detta 
Ahiafarim^e quelli defcendcnti di Natan vccii^i da loram, 
iquai haucua il padre honorati ne la tribù di luda con tra 
ii dccreio, furono detti figliuoli di Giofafat , e fratelli di 
loram. Parimente i figliuoli di coloro,ìquaIi loram lafciò 
P ne la tribù di luda^maTènza fatuità , fumo chiamati fra- 
telli,e figliuoli di Ochozia*, ilqualc nondimeno era unico 
figliuolo di Ioram,c folo reftante de la progenie di Sala- 
monc* Perciò vccifo lui. A taha fi pofc ad vccidere tutta 
la (lirpc regale di Ahiafarim, ma per induftria di lofabcth 
^ lorella di Ochozia fu laluato Ely,dctto Elyachim il mino- 
re de gli Ahiararim,pcrche quefti nomi Ely,Elyachim,Ioa. 
chim,fignificano il mcJcfimoappo Sirii,& Egittii. iJ fan- 
ciulloEiy detto loas fu il primo de la cafa di Dauid. & 
poilerità di Nacan.per cui fu cantato dal deftro,e dal fini- 
ftro choro il Salmo, ilquale dai fecianta vecchi fu pofto 
al numero 74* de i Salmi. Et idituito (òtto loas, accioche 
non rouinaflc Iddio al tutto la cafa di Dauid^effcndo finita 
la progenie di salamonc. Da quc(lo Toas per auanti i Re | 
fempre hcbbcro dui ò tre nomi, in memoria di quello, che 
fu nomato Ely loas, Simeone Her,Manafle,£zechia,Ieru,c 
fimili. Cofi da Tanno quarto di Salamene fioche fini la 
fila pofteritH , & al primo lucccflorc di Ahiafarim detto 
toas^fì computano anni 138. Da loas fino al padare fpon- 

Ff 1111 




4 



tancamcntc di Ioachim anni annouerandoui fO. an- 
ni, che regnò Amon, effendo prigione fuo padre Hcr,dct 
IO Manaffc. Ma dal pafifarc volontario a la rouina corfc- 
to anni i r* 

I N queiìd fecon^d pdtte Tilone uolendo rdcco* 
gliere i tempi fol dtvenu dd U potleriù di Bduid^ ui 
intrdtnette con poche pdroU un^infinitd fclud d'hijìo 
rie. Primddffegìtdldcdufdde lo Bdtutodi I^duià 
cere A i fuoi fuccejfori foldtnente dico de i figliuoli 
hduuti di Berfdbe . Ne/ 2 . de i Re cap. x.ZTdlì.cd 
nel t. del PdrdUpomeno fi dijlinguonoi figliuoli di 
Dduid per le mogli ò concubine di queUo . ì figliuoli 
de le mogli per Id legge Hebred^e gentile potedn fitcce 
itr ne Vhonore^e dignità, pdterndjmd no quei de le cS 
' cubine. Perciò nelii. nel Genefi Sdrrd ne Id leg^tdi 
tìdtuTd dice dd Ahrdim. Cdccid Id ferud, cH fi^fi 
gliuolo^ perche il figliuolo de Id concubind non fdr4 
herede con \fddc mio figliuolo, E nel cdp. if*fi dice 
degli dltri figliuoli di Abrddm. Diede Abrddm tut^ 
toH fiio hduere dd ifddc, CT d i figliuoli de le concu^ 
line dj^egnò dlcuni doni^ e fipdrogli mette che uiues 
idlfddc Perciò uifi nomdno ne Id genedlogid di Di 
uid fi)ldmente i figliuoli generdti de le mogli j e di quel 
li de le concubine fi fit mèntione in commune , perche 
non erdno dtti d fiiccedere nel regno . figliuoli de U 
J- Dauii '"Og/z/òno queili , Bduid generò di Archinoe Amo# 
* * ne primogenito, di Abigdil Ddniel Abfxlone il terzo 
di Mddcd, Adonid di Ag t , Sdfdtid di Abitdl Itrdm 
di Egld. Quegli fei gli ndcquero in Hebron , ouere^ 
gnò anni 7. e mefi e 13. in Gierufilem, doue oltre 



TEMPI LI B. h tt^ 

i figtiudi it le concubine, gli ne fece 4,.Betfdbe fcidtn 
md Sobd , t^dtdmyC Sdiamone . Quedo Kdtam non Natiiw 
fìi profiu ne Sacerdote^ ne figliuolo di Vrid adoUd^ 
to dd Bdttidy ilche fpidce d Fi/one,er d Giudeiye ne fe 
guirebbt.che ChriRo nonfdrebbe figliuolo di Diu/d, 
€ che Lucd teffendo dd Ndtdn Id genedlogid del fdU 
Udtorey hdurebbtingdnndto i Chrijlidni • Epfònddf 
no queiìi ne i prouerbij di 4. oue SdUmone dice, che 
fu tenero fdnciullo dudntifuo pddre, cr unico dudns 
tild mddre, id onde fegue^ che fu unigenito rifpetto i 
Dduidye che gli dltri figliuoli di Berfabe ficrono ddot 
tdti dd Dduid . ?rimierdmente dico , che Vrid non 
hdued figliuoli di Berfdbe molto gioudnettd. Non uà 
le poi VdrgomentOy io fui unigenito dUdnti Id mddre 
midy ddun(jueeUd non bebbe dltri figliuoli. Et dncho 
non dice fili unigenito dUdnti mio pddre , md tenero 
fdnciuUo dd lui ultimdmente generdto, e fui unigenito 
dUdnti Id mddre mid, perche IDduid d preghi di quel 
Idlo difjegnò fucceffore nel regno, che s^aj^ettdud al 
primogenitore Vhdueud dncho giurdto;come Berft 
he gli dice nel ^.dei Ke cdp. i. Terzo s^ìngdnndno 
nel fenfo litterdle de Id fcritturd, Idqudle non femprc 
chidma unigenito queUo , eh è unico , md etidndio fe 
^i è unico d Id fuccef^ione . Abrddm generò ifmdel 
audnti IfddCy tuttduid Dio lo chidmd unigenito , non 
di Sdrvd md di Abrddm Gencfi 12. gli dice . Pi gli d it 
iuo unigenito figliuolo \fddc^ che tdnto dmi^e difotto 
Honperdondfli di tuo unigenito figliuolo per me ^ 
V Dir di dduncjue unigenito tuo ^ non di Sdrrd » cr Ht}h 



FILONE DIE 
genito dudntiU mddrc non rifletto al piire . Co/i i 
tndnifido che queRi ofcuvdno Id fcritturd IJpeggian 
te, {ludidndo di fdr cdligine di Sole . Md io riprende 
ro i loro fcanddlofì errori ne i miei commenti foprd 
le diuine lettere.Cercd Filone, che d Dduid fu per lo 
peccdto detto dd Udtdm profttd, non ufcird il coltel 
io de Id cdfd tud in eterno legge che Abfdlon ucci^ 
fi Amone, CT eglipdrimente fÌ4 per diuino giudicio 
mdzzdto, e fegui Id difcordid trd gli altri frdteìU^ 
perche giurò DdUÌd, come benedicchidrd Tilone^che 
Sdldmone il minore fuccederebbe nel regno, e mdncdn 
do Id fud lined, che entrerebbe quella di J^dtam , CT 
trd queRo decreto conforme d la legge de Gentili , fi 
non che Dduid uolfe che comincidffe dd i mmori, per 
ciò uolendo Adonia mdggiore che i figliuoli di Ber fi 
he ufurparfi il regno dd lui depofto al de i Re 
cdp. i. oue dicendogli Berfdbe tu, ò Re giurafli per 
lofìgnorDio che regnarebbe Sdldmone , Dxuidgli 
rifpofe.Come ti giurdi per lo (ìgnor Dio d^ìfrael,coM 
fi fardj e:^ aggiugendouiperlo fìgnore,mdn\fifid^ 
the non per amore cdrndle , ma per diuino precetto 
fdceud queHo NeL t. del Vdrdlipomeno al cdp. 27. 
IDauid ftxndo per morire, diffe d i Vrencipi. il fìgno^ 
re Dio hd eletto Sdldmone mio figliuolo , perche egli 
fideffe nel mio foglio, e mi diffe . Io firm iro il regno 
fiio eterno/e egli perfeuererd d coferuare la mia leg* 
ge • E moRrò nel medefìmo cdpitolo, che egli conob* 
he come i defcenienti di Sdiamone douedno effer cdc^ 
V cidti dd regno , qudndo diffe . Tu Sdiamone figliuon 



A 



TEMPI LIB. L 0 
tornio fe cercherai il fignore,lotrouerdi. Ma feh 
Idfcierdij eqli ti cdcciura dd fe in eterno . Che Sdtd^ 
monefdcejfe i figliuoli di Natdm Atridfarim, e Md^ 
thdrin fecondo F/ione, moHrajì nel i.dei Re al cdp* 
4. ouedicey che di tre figliuoli di Ndtdn il più gio^ 
Udne fu creato khiafdre, e dice . Azarid figliuolo di 
Ndtdn erd fcprd quei che flaudno dudnti di Re, Cd^ 
bui figliuolo di Ndtdn erd fdcerdote , CT dmico del 
Re^cT Aidfar mdeilro di cufd.Sdcerdote quiuifigni^ 
ficd prepoiìo d i Sacerdoti^ come nel 2. de i Re di 
cdp.S.fi dice.l figliuoli di Dduid erdno Sdcerdoti- E 
nel i. del Pdrdlipomeno di cdp. iS.fi dice. I fìgliuoit. 
li di Bduid erdno d mdiio del Re, cioè d gli ujficij del 
Re che erdno tre^ il primo erd U prepofuurd foprd 
ibdronidfiifienti di Re • Quefld hehbe Azdrid pri* 
ntogenito di UdtdnM fecondo erd la prcpofiturd fo^ 
prd Zdnedrin, cioè di coUeggio de i Sacerdoti e dot^ xfficiì de 
toride la legge, i quai hduedno la publicd poteBd de saccr- 
i giudica, di eleggerete de porre i Re,come fece ìoid^ doti. 
id di Atdlid, C2r d quefld erd prepoùo il fecondo ge^ 
nito di Natan detto Sdcerdote, non gid.ptrche facri^ 
ficaffe^ ma ì ritenere i Sdcerdoti ne la legge regdle. 
CT dmico del Ke^accioche non congif^raffe con queUi 
contrd di lui. 1/ terzo officio erd del primogenito del 
Re, d ritenere nel fuo debito Id fdmiglid^ che moilrd 
dutoritd di fuccesfione^ e quefìo hebbe il minor fi^iuo 
lo di bldtdn, ilquale è nomato Aidfar:,cioè fratello del 
Vrencipe fecondo Girolamo , e filone. Lucd chidma 
j^uedo Mdtatxioc donato de Id fuccesftone del regno^ 



- - FILONE DE 

come dice Tiloneyilqudle\irfìem co gli Hehrei chUmd 
nel numero del più khiàfmm, e Maurim tutti i de^ 
fcendenti di Nat athcioc fratelli del Frencipe.che pofei» 
Udno fuccedere nel Regno: e ddnno effempio dei fird* 
teUi di loram,e di Ochozid. Et è dd notdre , che nel 
4 . de £ Re /i dice , che Hieu uccife i firdtei di Ochozi(f> 
Re di Giuda,qudrdntd huomini.non gdrzoni.e nel 
del PdVdlipomeno di cdp. 1 2 .fi dice che queQi erdno 
Vrencipi di Giudd.e figliuoli de ifrdteUi di Ochozidic 
la fcrittuTd dice/ecodo Filone che erano frdteUi,ò ni^ 
poti,che minijlraudno ne i tre foprddetti ojficijypertii^^ 
nenti foUmente i fucceffori. Coft tutti de Id linea di 
Hdtdn in qudnto era Ahiafàrinij nomdu anfì frdte% 
enepoti delprencipe , mdinqudnto fufcitdudno U 
linea di faUmone , fe ella mancaffe , fi nomaudno 
figliuoli di Salmone :,e non di Ndtan , perche /e# 
condo la legge , ilfi-ateUo, che fufcita tlfeme à l'altro 
fiifcitd ancho il nome di quello. Perciò di raro fi no^ 
mano de fcendenti di Ndtdn , ma di Sdiamone. Perciò^ 
i padri dei fratelli di Ochozi a fiiron nomati frateVi 
di loram padre di Ochozia, e figliuoli di lofafdt , e 
nel precedete cdpfi dice,che lordm ucci/è fi*oifiateln\ 
li figliuoli di Gio fa fat fecondo alcuni per poffederei 
lor benii e che non lo potefieno caciare del regno: ma 
quefiecaufe fono falfe in parte . Primieramente egli 
uolfe foUmente quei loro beni ^ che e]^i poffedeuano 
contraH decreto di rauidj concefii loro da Giofafati 
fecondo Pilone, e nota che uiueano i defcenti di Sala^ 
monete di Uatan de la metà de le entrate del regno, iL 



TEMPI VÌB. L ' 2| t 

éhe fì proudy che effendofì riheUdte io. tribù dal figU 
uolo di Sdiamone de le due Giudd , e Benidmin fu dal 
profitd p diuind comijiione aj^igndtd d Giudd U fuc 
celione del regno . Ne/ 2. del Pardlipomeno dlcdp* 
lo. fi dice . Non fegui là cdfa di Dduid fe non Id foU 
tribù di Giudd . ìlche mdnifvSla , che quefìd [old tris 
buhducud l^auttoriù difuccederenel regno . E qudn 
tunquefidicd nel cdpitolo feguente, che il Re conuo^ 
co la tribù di Giudd^ e di Btnidmin 4 combattere con 
tra le io.fi confvrmd con U fentenzd di Yilont , che 
chi gode i commodi del regnoy debbe d commune fpe* 
fd combatter per quello. Ver ciò d quel che /ù detto i 
Hierobodmi ti ddro diceci tribù y cr di figliuolo di Sd 
Idmone una quando feguirono Id cdfd di Bduid fi ri* 
fjfonde , che la tribù di Giudd /« ddtd di figliuolo di 
Sdldmone, e queUd di Beniamin d i figliuoli di Ndtdn 
fratelli di Salamone. Perciò per decreto di Dauid , e 
di JDio ogni tributo di Giuda s^af^ettaud di Re . Ma 
Ciofdfdt Re de id Un ed di Salamone padre naturale 
di loram auolo di Ochozid contrafice di decreto^ 
perche ne la tribù di Giuda oltre gli altri doni , affé* 
gnòi fuoi figliuoli le pcfìoni di Al7Ìazdrim3Con le cit 
fortificate, e fece Ke loram foto diminuendogli le 
entrate . E perciò gli amazzòy non per haucre i lo* 
ro beni, iquai lafciò a i figliuoli loro:ma per rihdue* 
re intieramente le entrate del regno . Si può dnchor 
dire che Giofafat huomo fanto già preuedendo che fi 
finirebbe la pofieritd di Salamone^puote mutare il de 
creto, e dare parte de la tribù di Giudd i ifufcitdtori 



F I L O N E D E 

iel femeài SdUmotte . Tuttduid gli è ucro in parte, 
^ che egli ft teme di effer cacciato dd regno prima che 
fìniffela pofteriù di Sdiamone, llche uolfe fare Ata* 
iia,ldqudle morto fuo figliuolo Ochozia^cioceffen 
do finita la pofleritàdi Salamone > uccife tuttoH re^ 
gal feme figliuoli di Ochozia fuo figliuolo , non gid 
naturali, perche non ne hebbe, la onde non u^era 
ranza, che regnaffe alcuno de la fua progenie , ò di 
ì^atan fufcitatricedelfuo fcme. Se non che fu confer 
Uato ìoas fanciullo di tre nomi , cioè Eli , Simeone 
Ioas di ^ 1^^^ ^ filonenon dice che egli^jfe il primo Re di 
ire nomi^^^ ^^^.^ ^^.^^ p,kuf^rim,perche Ochozia 

fuo padre per fuc ce sfìone fi* nomato loachasOcho-^ 
zia, e fecondo alcuni Azaria . Coft e chiaro il teSlo 
ii filone, ilqudle ritorna a i tempi, cr dice . Da Vm 
no 4. di Sdiamone finche pi evintala fuapofleritl 
naturale, cor fero anni nS.ìiel j.c4.(Jei Re end i.del 
Faralipomeno fi dif^ongono quedi anni per i tempii 
e per i Re de la fua poficrità.Saldmone ddVdno 4» re 
gnò anni BC*Koboam 17.hhia3.Afa 41. Giofafat zs* 
Gioram S.Ochozia i.Atalia j.^^uni feguenti scanno 
uerano fm^k la defolatione. lods il primo de la proge 
nie diNatamregnò anni 4. Amdfta'i^. Azaria rz. 
Gioatan id.Ezechia^^ Mandffe Amone annone 
randouene 10. inaffentia di fuo padre i^.ìofia^i.Gio 
dcar me fi 5 .Gioachim anni 1 1 . Giodchim detto Ueli 

chim*^^' i^^^^^^fi^*^^^ì^^^^^^^f^ P^f^^ fpontaneamente 
£li . ' Babilonia regni in fuo luoco Sedechia anni ii.efiiU 
defolatione del regno di Giuda, e del tempio. 
PINE DEL PRIMO LIBRO, 



é'ì L SECONDO 

L I B R O D 1 

FILONE. 

ILONE DIVIOB 
il fecondo in 4. pdrti^ 
prima mette il tempo dd 
U defolutione del tem^ 
pio fìn^ii Giuda Maca^ 
f^eo.Ne U feconda fvi^i 
la tirannia di Herodc. 
Ne/ft terza fìngala fine 
del legittimo regno .l^t 
la quarta dal fucceffore di queUo Jìn^a Peta fua, Cer* 
cala prima dice. 

D A la defolutione i la prigione di Ioachim fono anni 
lo.c dal Tuo paffare volontario ji.Corfcro Tei anni fcquea 
ri, allhora fi fece il pfalmo 57. in fine de Tanno 7. Heuel- 
merodach LberÀ Ioachim di prigioncjhonorandolo affai, 
& chiamolo popolo di Neri , perche hauea dato luce la 
lampada di Dauid, laqual fi temeua , che AifTe eRinta , e 
fecefi il Salmo 88* à rendere gratie à conferuare il popo- 
lo, & perche fufle tofto mandalo il Mesfia Neri liberato 
generò Mefezcbcl per cognome Salathiel.llquale Tanno 
17. prima che fuflfe fcioltala carriuiià Babilonia generò 
Barachia,coftui Tanno 17* poi che fu fornita la cattiuità di 
Babilonia fu'Prccipe del popolose nomo s fi da quel Preci 
paco Zorobabcl Tanno 81. dal pafTar in Babilonia. & il 70^ 
da la defolatione. furono Prcncipidel popolo da la cafà dì 
Dauid, e Sacerdoti di Lcui fepaiatamcntc fìo'à i (empi di 




FILONE DE 

Afinonai.A di qucft? lalciarono fcricto in qucfta guifa , Il 
fcitanta vecchi, i£S V figliuolo di lofadcch pontefice 
magno con Barachia Zorobabcl figliuolo di Mcfczcbcl 
figliuolo di Heri, che c Ioachim,l*anno primo di Ciro vcn 
ncinGierufalcm ,c Panno (ccon do fecero i fondamend 
profetezaado Agai,c Zacharia,ma per la morte di Dario 
Hiftarpc fu impedita ropera,ne fi puotc ricorrere à Da- 
rio impedito ne la guerra Tamirica.Et vccifo Ciro,Afluc'- 
reprimo A rtaxerfe gli fucccncjilquale appieftaua lagucc 
ra coatra Arra ai faurorcdclaTamiricafetta,coftui lol- 
lecitaua a la ribellione A$ririi,Mcdi,c Perfiani, Ma hRuc* 
ro fé ne (laua in Babiloniajiaucdo i Prcncipi di Soria fcric- 
to contragli He rei, Icfu pontefice fc n'andò ad Affuero 
l'anno 1 1. del fuo rcgno,e lafciò nel ponteficato Aio figli- 
uolo Ioachim detto £ly. Ma eHendo quell'anno occupa- 
to ne la guerraJefu non hcbbe audientia. Et cdcndo poi 
flato vccifo da Giudei Holofcrne, quantun quc fufle egli 
tornato virroriofOj luttauia vietò con publico editto Tedi- 
(icacione del tempio, Succcnero a lui dui Tuoi figliuoli, 
che guerreggiauano per lo imperio , Ma Dario Long'mar 
no,che fece voto di annullare l'editto pacerno,nel 7. mefc 
bebbe la vittoria. L'anno primo del fuo Imperio lefu ii« 
tornatola conforti de gli illesfi profeti, s'ingegnò di edi^ 
iicare il tempio.lefu tenne il primo ponteficato fin'a l'an 
no 11. del primo Afluero^cioc anni e Ioachim fuo fì« 
gLuolo g. in affentia del padre. Co(lui fenile i fuccesfi di 
]udith,& ordinò l'anniuerlària memoria di queda libera<< 
tione. L'iflodo Ie(ù ritornato tenne il ponteficato anni, 
xo. fintai 10. anno di Longimano,& era d'anni 130. e fuc- 
ceflc Ioachim la feconda fiata d'anni 48. fin'à ix. del ma* 
gno Arra ferfc Affuero. Coftui (crifle 1 fuccesfi di Hefler 
dcinditui la memoria de Furim , confortandolo à queda 
per fue litiere Mardochco,ilqual viffc anni ig.piu che Ifà* 
ac. Eliafib terzo pontefice fucceffe d'Ianni xt . fin'à ^9. del 
magno Arfaferfe,Coftui primieramente pofe à Gìerufalcm 
wcl^ porta del grcgc, ioada 4. pontefice tenne il ponr 

(efica 



•TEMPI LIB. fr. %ii 

tcficc tenne il pontcficato anni 24. & Ioafan alf retanti flit 
ì la fine di Ocho Artafcrfc. ladua fcfto & vltimo ponte 
fice fu fotto rcrfianijC tenne il ponteficato anni 10. il pri- 
mo Prencipe de la cafa di Natjn fu Simcon detto Icay. 
Segui Leui detto Amafias , dipoi lefu cognorainaro Ezc- 
cliia,<S: hor detto Manafle: e furono qucfti auanti la catnV 
Ulti. Ma fciolta la catriuiti,ZorobabeI primo Prencipe re 
gnòanni c 8- Rcfa Misfiola 66. Gioanna ben rcfa rj.Giu 
da primo detto Hircano 14. Ma da Alcflandro fm'à Def- 
mona furono Pontefici fino a luda, Onia antico anni 17, 
Simon li primo tredeci,EIeazaro inimico d'Antioco teot 
zo. Manaffc amico di Seleuco Gallinico 17. Simeone giu- 
ftohonorato dal Magno Antioco 17. Onia Tuo figliuolo 
priuato da Sclcuco del tempio 39. Segui à coftui^Giuda 
A fraonai. Ma i Frencipi de la cala di Dauid fin" al c'ctto 
Giuda furono Giofefo primo anni 7. Abncr Semci xi. Eìy 
Matatia ii.AfarMaat 9. Nagid Artafat 10. Agai Ely 
2\/IanotNaum,& AmojSirach 14. Matatia filca. x. Gio- 
fefoilgjouane Arfes honorato da Tolomeo Co. Giannco 
iCccondo Hircano ai>ni 1 6. 

TRA U molte ccfè mmoreuoU , egli primiera^ 
ntctite diftingue gli anni del pacare /pontanementet 
chefeccil popolo in Babilonia da fefp:rui a firz^ co 
do tto con la rouina del regno. Kieremia d^amendue 
quedi pajiaggi predice al cap. -^4. e dice contra Ser 
dechia. Condurrò i Caldei in quefta citlà.iquai comi 
batteranno contra quella, e la piglieranno, cT arde* 
r annoiale farò folitarie le città di Giuda. Come ha* 
ueffe effetto que^a profeti a ft dice dal Vrofita nel \6. de 
fìn'k 40. capitoli^ ne la fìre del 4 . i Re , e nr/ 2. la dcfolt 
del Varalipomeno. Quanto ^ffe per durare qucfta «'^"^ 
defolatione lo narrò il Profeta al cap. 2 $ . direndo. 

GG 



PILONJB . PE 
Coniurrò ìHdbucdoTiofor mio feruo contri queftd cit 
tk^ gli hdbitdtori i'intorno a quella , e gli ucciderò, 
ficèndoui foletudine fempiternd.e ftuporc* e feruiran^ 
no quelle genti di Re di Tjdbiionid dnni 70. e poiuifu 
teròldntdludgitddd Ke di Bdbilonid . Verciò ben 
pofe Filone dnni jo.delddefoUtionenondel pdffdg 
giote 'Ddniel nel^.lichidmò dnni de Id defoldtione 
AVfficfò.Nei prim^dnno di Bdrio figliuolo di Affuero 
de Id progenie de Medi , che regnò fopra Cdldei , lo 
Daniel intefi ne i Ubri il numero de gli dnni^delqud^. 
le pdrlò il Signore k Uieremid, che fi fòrnijfero dnni 
70. de Id defoldtione di Gieru fdlemme. Cofi ueggid^ 
mo ogrì'dltrd efpofitione dd più ofcuro fònddmento 
proudtdypoicheilteiìo è chidro. Seconddridmente 
Tilone mette 191. anno ddl primo dnno de Id mondr^ 
chid di CirOyC Bario fxn^dl magno Alejjandro per 6. 
:PontefìciJquiiNeemidnel cdp. 10. dnnouera diceria 
io. Giefu fdcerdote generò Giodchimy Giodchim ge^ 
nero Blidfìb pddre di loddd. lodtdn ]w pddre di le^ 
iue.e figliuolo di loddd. Quejli fono dnnouerdti dà 
k 70. uecchi^ouero Zdnedrim nominati^ ouero li 70^ 
interpretijiqudi dnnouerdno tdnti anni da Zoroba^ 
bel fin^d Giuda primo Hircdvo de Id progenie di T)d^ 
uid. E rdccolgono i detti uecchi per i Pontefici Lc^ 
ultime per i Vrencipi de Id dirpe Bduitica 174. anni 
dd Aleffdndro fm^d Giuda Mdcdbeo.Leggdnfì nel tes 
fio I nomf, e gif dnni. Terzo è da notare che Filone 
fola hebbe Id defcrittione de le Ustorie dnnudli de le 
4, Mondrchie. Come dimo^rerò ne Vemenddre Ifi 



TE^PI LIB* U.] i 1J4 

Cromcpe^.Perciò egli foto de gli Hebrei fcrittori pdr^ 
la de i tempi, Scriuendo certi^fmumente per tc^imo^ 
mo de II 70. uecchi,non per oppinione come Giofèfo^ 
^J^^^àmente fjponerò i luo gin ofcuri del tefto. Gioa^ 
chim fu imprigionato ingiujimente, h(mndofi fotta 
U publici. fide dato in potere di mbucdonofor, per* 
(^to Euilmeroddch detto per nomeAmiUno figliuolo di 
^dbucdonofor lo cauò di prigione , cr honoroUo d 
4"deiKe,C(ip.i^.e 15. Mizmor uoce Uebrea in 
datino fìgnific a Salmo : cr il Salmo 87 . che corniti* 
cid. Signor Dio de U mid fdlute , fU fatto e cantato 
quei 6, anniy che Rette Giodchim mgiujlamente in, 
prigione. Et il Salmo feguente poi che fa liberato dd 
^ruilmerodach: a* in queilo fentimento litterale ho 
^fpoÈÌo i Salmi. Luca Eudngelifta chiama tseri il pd 
arede Salatiel^detto per nome propio Mefezebed.que 
ito fa figliuolo di BardchiaMto ZorobabeL.cipe Frc 
^^pc de la cattiuitd di BabeL Zorobabel generò Re* 
f^nel i. del Faralipomenocap,^. detto MifioUa. 
I>^eemia al ^. mette queHa ^enealogia^con dire, vi^ 
ctno 4 lui edificò MifcioUa figliuolo di Bdrachia ge* 
f^^dtodaMefezebeel. 

Cercala guerra Tamirica filone fkgue lauera 
hitioria di Metailene Verfiano fcrittore dei Vcrfiani 
tempi,e dice che fa ammazzdto dopo Id morte di B4 
no non auantiycome fognarono Hirodoto , er Eufe^ 
bio. Efdra al cap. e 4. dice che quantunqne Dario 
c Oro ottenuta la monarchia liber afferò gli Uebreil 
dand 0 Ucentia di edificare il tempio, tuttauia farono 

GG a 



-ti FILONE DE 
impediti dd i MdgiUrdtidi Ciro ,fin che effo regnot 
Cr Artdxerfe che fucceffe lo uietò al tutio , aUegandcy 
che quella cittì fempre erd jlatd ribeUd centra i Ke^ 
pcrc^h(XU€Ud una fèmina uccifo Kolofirnefuo capita^ 
no* E quantunque quejìo Afuero fu chiamato nd 
'Libro di Giudith Nabucdoncfor^ tuttauia filone dice 
che krtafat haueua occupato Id monarchia.e teneux 
AsJìrijjMedi,e Verfidni^equeiìo Aj^uero folantente Bd 
bilonid,oueil Ke per dignità fi noma Nabucdonofor 
come Faraone in Egitto. ìpiugiouani Giudei cele^ 
brano la folennitk di Giudit , cr hanno il libro dub^ 
hiojo per lo nome di Nabucdonofor. Ma hanne per^ 
duto ogni loro f Apienti a. per ciò la fanta Chiefa lo ac-^ 
cetta,e ne fa argomento a gli antichi Giudei^eur à Chri 
{iiani,ma non à più giouani Hebrei-lanedrim fecon^ 

pancdrì ioiTamuldidijìgnifica collegio e* fccttro di public a 
poteiìà di tuttoH Kegnoych^era in mano de 70. uecchi 
principali di Ciuda^iquai haueano un Ke. e Salamone 
in luoco diqueUe per ordine di Dio/ di Dauid ui pos 
fe Matatim.Queèo publico fcettro nomatoZanedrim 
da Dfo ordinato nel deferto Numeri cap. 1 1. ouc 
D/o dijfe a Moife. Congrega 7. uecchi d^ìfrael mae 

Vecchi, ftri del popolo^ e fa che ftiano teco auanti i la portd 
del tabern acolo, io fenderò iui a parlar teco, e le^ 
uerò de lo tuo fpirito^e daronne à queUi.perche fodtn r 
tino il pefo del popolose tu non ftj grauato. Et età 
[opra quedo fcettro la tribù di Giuda.cr il Re /J co* 
me Moi/f ; e nomanfì con folita uoce Hebrea uecchijn 
Komana Senatori^ in ^ramea , e Tofcana Lucij con 



TEMPL LIB* IL i$f 

Vau^nto tic Pultiind,^ in Greca ?dlei. E ul debbono 
tjfermdgi&r^tiÀi^ cui purola fi ubbidifcd, e chidirtéL 
ucirìli Romdni dal comntdndurc imperiofo BittdtorL 
Cefi il collegio de Idpublicd potefti appòHebrei fi Magiftra 
nomdud Sendtorio mdgiHrule^o' dppò Komdni Se« 
ndtorio dittionale , dppò Tofcdni Lucumoniojdppò 
Creci Paleologo^ che fono tutte uoci compone di und 
^àittiont^cht fignifìca uecchidid^e Pdltrd di pdrold im 
periofd. Come dppò Greci Pdleologo dd Vdlo , uec^ 
chiome Logos pdrold ò rdgione , appo Tofcdtìi Lucu* 
ptoniojdd Lucu^cioé uecchiOyCr moni pdrold^i jìndU 
mente yiterbo^cioi nero uerbo ò dittdturd. Cojì que^ 
fte p>prddette uoci dppò udtie ndtionitorndno per lo 
ro interpretdtione d l'iBeffd fignificdntid. Oue Filos 
ve diceche Mdrdocheo fìi fiiperdto ìfidc dUnni iS^. 
mojlrd ch'eli uiffe dnni 198 . Genefì ^ Cerca i Rf , 
4Ìe Id progenie di Kdtdn duatild liberatione dd Id cdt 
iiuitdyO' i Vrencipi dopò Id liberdtione^ loro nomi fc 
cognomi fìn^d Giudd lAdCdbeo jfi confermano Lucdj 
t Tiloneycr in molti Giofefò. Tra queili furono più 
iUufiri GiofèfDikriey& ìamneo facondo HircdnOydmi 
CI di TolcmeOy de iquali Lufebio dice. Giofefv nobile 
^aifiioifiémdnddto Ambdfi:iatore a Tolomeo^^ ot 
tenutdldfud famiglidritdjfuddlui credto Prencipe 
a Gàuded e de i pde(t uicini. E del figliuolo fiio dice, 
Hircano figliuolo di Giofif generato dd Gmdd . Yh 
Tolomeo dopò Id morte paternd honoreuolmente 
raccolto. MaleudndogliilfvdteUo feditiont contra 
po fero la Giudei in [Ir ane calamiti* Afinonai uoct 

G G a i 



1 



1 

à 



I FI I L 0 N É b 

Kebredfignifìcd in Latino combattente^e uolgdrmens 
te Palladino da PdUadè.Grecilo ificohò Macdbeo. 

fiiihacryi |\ trX), E LA SECO WD A , 

hh:w4erzdy e quMd parte dei tempi. 

<ou\o: , 

Mòne nel primo Libro ìPa irafcorfoi tempi dd 
Adam fin' al uolotario paffar diKeri detio Giod 
^ixn in Babilonia. Il fecondo Libro ha dichiarato 
Id prima arte de i tempi de la defolatione firi'a Giuda 
MdQdbeOyhorafeguonoi tempi da Giuda fin'd lati^ 
^dnntd di Uerode^edd c^iieUd allegittimo Vrencipato^ 
cr ir^fin'à fud etd. 

, S E G V I R O N O incontanente gli Afmcnai > iqnài 
rapirono da la cafa di Dauid il Ponteficafo,& il rcgno,indl 
fiafciiira la fmmicitia, Giuda Afnioiiai prcfc le arme cen- 
tra Antioco illuftrc,& Eupacorc Aio figliuolo,c Demetrio» 
icgnò anni cinque. Gionaca Tuo fratello 19. Simeone Cac- 
to effcnte da Antioco fedetc . aani g. Gioanni Hircano il 
'primo 26. Àriftobolo vnc. Giannco ^leflandro 17. Alef- 
•ft'ndra fba moglie 9. rultimo Hircano 14. ilquale prcfo 
da Parri,hrdc) la mogIie,la figliuola , & Àriftobolo Tuo fi- 
gliuolo, & incontanente Hcrode per coromisfionc del Ro 
^ano Senato occupò la tirannia (opra gli Hebrci. Et prefà 
per moglie la figliuola d*Hircano prigione de Parti ,crcò 
Pontefice Àriftobolo figliDolo de l'ifteflo Hircano per ren 
dcrfi beii^ùoli gU Hebrci. Hebbè de la figliuola d*Hirca- 
po faa moglie dui figliuoli. Et Tanno i5. del Tuo Rrgnò 
tirannico vedendo Hircano Tuo fuocero ritornato da Par- 
ti,efl'er cp me Re falutato da gli Hcbrei, vccifc lui, che gli 
era fuocero, la fuocera e la fua figliuola c'hauea per mo- 
glie. Dui figliuoli kauuti di lei^e con quefti Ahftobòlo t & 




A 



TEM¥!. X'IB. II. ti 6 

' InJl'pcr dui anni afflilTc gliHebrcicon varie calamirài 
L*atmo 30. del Tuo tirannico prencipato dcftrudc l'uffi- 
cio Zanedrion de la famiglia di Dauid. £ fodicui vn cer- 
to i^nnalco,e Zancdrim de i profeliti,che parcuano molto 
dotti ne la legge. Vccife anchora Salome lua forclla,il ino 
manto de la tribù di Giuda^iS: il propio figliuolo,hauuto dì 
vna moglie de l'iftcHa tribu,perchc dicca Chrifto ne Ja kg 
ge «.pmeiTo già eOer nato, finalmente Giudei Hanchi fpota 
Tieatnente gli cóceffero il regno,giur:1doli fedclfa,per lui c 
fuoi defccndcnti. Q^uefto primo Hcrodc Afcalonita rcgnà 
co tirannico Prencipato anni 31. e con legittimo fei. Arche 
lao fuo figliuolo 9. Hcrodc tetrarca 14. nel cui anno n» 

10 fui mandato da Qoi^ri Giudei ambalciator in AlcHan* 
dria elTendo anchor molto giouane,fegui à cortui Agrippa 

11 primojchc regni anni 7. Agrippa ilgiouane 17. & A- 
grippino che fu Tultimo Agrippa anni 30. fin'à queft'ulci- 
mo anno de la mia decrepita età. 

E V S E B I Ò dei tempi dtmouerd chUr mente 

yt\ -.,.1 ' ■ r* 

quinti furono gli Antiochi.Ke di Sorid^e d'A/i^t dfo:* 
po7 Mdgno Pdcjfxndro. T)d Giudd l^dcdbeo jìn^kU 
tirdnnid diKcrode cor fero dnni 129. fecondo filò^ 
ne.Giofefi dice che gli Afmondi regndronodnni tij. 
Tdmuldiiiinellibro AdboddZdrd neU dijlintione 
lipfne Idiem dicono^che Kdbi loccp djfirmd gli Afino 
ttdi hduer regndto loj. dnni, cioè is- meno dl^udu^ 
to djfvrmd filone ♦ Md locep intefe delregno pdcti» 
fico.percheftconibdtte 76. dnniGiudds» Giondtd 
19 . e Simeone due , perche Vdnno $.fiifdtto effente 
dd Antio Sidette * Si 'concordino ddunqueì Tdmul 
asti con Filone jGiofefv cercd i tempi btimini, e diui^ 
ni prefe errore. I libri de i IMcdbeifcrittìfetÌTid ìèìn 
pi , t leimprefe folto diui Re duenneto erdno in 

GG xxxi 



PILONE DB 

mdno ie^i dntichi, md Giofefò dggtungenioui i tem 
piy lijtct dpocrijij perche mette che Antioco regnaj^e 
Vdnno 1^7. dopo Aleffdndro j come fihdneli. dei 
^ Mdcdbci cdp. i. e tuttJiuid egli regnò dnni 1 ro. come 
\ fi uede ne U hiflorie annuali de Qrtci ptr i Re di Api 
e di Soria dopo kleffandro, comtnotò dottdmete EU 
Contra P^^^'^^ f^^^^ fententid di Metaftene, e d' altri ferita 
Qìoklo. ^on de tempi i che fì rifutd queWjutore, che non feri 
ue fecondo le annudli hiitorie de le ^.monarchieMe^ 
rode regnò tirdnnicdmète dnni 3 '^ t co Ugittimo prin 
cipdto 6. chefdnno $7. Va lui per i fuccej^ori fm'i 
• Vanno che filone fcriffe.p computano anni 97. cojì 
Id progenie di Herode regnò Icgitimamente 104. an^ 
Regno Ili . locep nel luoco fopra aìUgato dice^ Rfi 

*Hcro. gj^^ncrodeiìando il tempio anni loi . la glofa di t 
- Kdbi Sciamo dice, idrcozbe regnò con Agrippd an 
mjo. llchei fai fo, perche egli cominciò d regnare 
fon Agrippa Vanno ultimo, e con lui fi ribellò da Ro 
mni, eft4dd qutUi giuàicdto nimico,ìocep leuò Pan^ 
no ultimo detto da Yilonc Agrippino , perche non fu 
.pacifico, cofi rimdngono i legittimi dnni del regno di 
JHerode io$.feuoglidmo fxper quanto regnò il falfo 
^Mejiid detto dd TdmuldiiU Harozban, 0 Bencozban 
cioè figliuolo di Menzogna, perche fi^rono da lui in 
gdnndti. Cominciò il legittimo principdto d'Herode 
Vdnno 12. delfuo regno, che erd il^i. di Ottduidno^ 
fomt fi notd per le olimpiddi^ come bene notò Eu/è* 
bio. Cofi queVdnno ueramente tolto lo fcettro de 
U tribù di Giudd, perche ndcque il Mefiid, che douem 



à 



i 



TEMPI. LIB. II. x%y 

Ud effer mandutoxomputando adunque da Panno 41 
de Vimperio di AuguBo fm'al z^Ji Agrippino cor^ 
rono anni i t e Jì arriuaiPanno 6. diTraianoj 
ijuando cominciarono k regnare infime kgrippino^ 
€ Bencozban. TamuldiiliU hifìoria latina et Eufe^ 
bio de tempi dicono che Panno 17. di Adriano, Ben* 
^ozban co gli Kebrei /w da le Romane legioni rotto 
fciocc amente , e rouinato finalmente . Cofi Bencoz* 
bdn regnò [otto nomedi falfo Mej^ia annidi, con 
Agri^pino, e tanto fi computa dal 6. di Traiano, che 
regno anni 10. al 17, di Adriano . Chi bramd fdpes 
te i fatti di queilo fjfo NieJ^iaJegga i Tamuldiili, et 
^Eufebio conPhiHoridecclefiafiicd. Sono dd tenerci 
rnemoria quefii tempi di Vilone , perche uxgliono ai 
tmendare le defcrittioni de tempi , CT d trattare Me* 
' irij^imamente de le yo.fittimane di Daniella' d con* 
firmare i tempi del Mefiia^ Cerca il tefto filone dice^ 
<he fu piglidto ilprencipato per le inimicitit , perche 
i Vrencipi di "Dauid opprefii^ragioneudmente fi fdes 
gnauano.Vilonenonfcriue chi fucccffero deldfami* 
glia dì Dauidj perche egli attefe ad ef^rimere i tempi 
per i prencipi più ìUuflr . ^lcuni Giudei ne Id primi* 
iiud Chiefa fingendo di ej^er Chriftiani per ofcura* 
re Id genealogia di Chriftoymeffero ne Peuangelio di 
Luca per Melchi ?anter, e per Leui Brapatiterie che 
IeM era differente de Gioachim padre di Giofefò lega* 
le dico per fufcitdtione del feme . Girolamo del nafcer 
de Idbedtd Virgine dice^contra coiìoro^cheno face A 
mefiiero il nome di Pdntere, ò Brapdntere, ò fufcitA 



FILONE DE 
tione àifmt \ dicchiardre U chidrij?imd genedlogid 
de U bedtd uirgine , fe non che certi falft frdtelUgli 
hanno finti per efponerliy oue Luca , i fanti padri di 
Sitidj e filone parlano chiaramente , CT oue quejli 
nonafjegnano tempo alcuno ejii Pd\jcgnano dicendo: 
Melche d'Ianni i$. genero Leuijlquale d'Ianni 40. ge 
GioacV "^^^ ^^<^^^fh co{lui di ^>o. generò Gioachin detto E/t 
Maria.* ' .P'^^^^ naturale di Maria, e legale di Giofefv , e d'^an^ 
ni 46. efjhìdo {lerile generò MARIA, lacludle 
d'Ianni 14. ?artori il S AL V AT ORE, Ma Sa^ 
tana jì trasfigura in'angelo diluce contra gli Euan 
gelij . Queiìo dice Girolamo. Se tu annoueri, ò let 
tore da Melchi a Panno 14. de la Beata Virgine tro 
uerai anni 161. ej altrettanti da Giuda Macabeoi 
li di Herode^ nelquale anno ndcque il Sdluatore* 
La crudeltà di Uerode contrd tutti i fuoi leggefi in 
Giofefifj CT in ditti HiStorici^ CT Eufebio ne fice men 
tione ne i tempi di "Zdnedrin elettione: gli Hebrei [cri 
uono nel Tdlmut a la diftintione Affiirafin^ e dicono^ 
Herode Afcalonita fiiferuo de gli AfmonaijCofìuiprc 
fo àfi^rzd il regnoy ucci fe tutti li 70. giudici Zdne-g» 
drim^ riferuando Solo Babà figliuolo di Bota,ma gli 
cauò gli occhi. Augufto intendendo , come Rerode hd 
ueua fatto uccidere i bdmbini, CT ancho il propio fi^ 
gliuolo, diffe che glierd meglio effer porco di Uero^ 
de che figliuolo. 



A 



*" «TEMPI LIB. II. 
SEGVE L'VLTIMA PARTE. 

t 

LA tcrzàc un'epilogo confvrmdtiuoj ò di filone^ 
ò d'dltri dei i tempi fopr ade ttL 

FORnifce il brcuiario de tempi di Filone Ebreo hiftori 
co dottir$imo,Ìlquale afferma ne le hiftorie Tue tutti i tein 
toieflTer confrontati àie vere hiftorie annuali de le quat- 
tro monarchie, lequai fole fon tenurecorrcttisfime . Età 

quefte prcfero Berofo Caldeo per la monarchia d'Asfirii, 
& Mcraftcnc rcrfiano hiftorìco ne -li indcii de le annua- 
li hiftorie parimente afferma di fcgu rc de ì Greci quei Co 
li i quai prefcro da Muftoric annuali de Greci amichi no- 
mati (cttanf a interpreti fin'à Tolomeo, & A fmona»,& in- 
di l Romani , i quai diligentemente conferuarono i lorp .^^^^^ 
tempi. 

Q^V E Ste pdrole fuondno che fimo 'dggionU dd onr.ru\ 
un'^dltro che filone, per ch'egli diceche Filone prouò^ 
ifuoitempi efpreemenddtifùmi,pcrch'cgli nonfcriff 
fe per openionedi dlcnno hìiìorico.md per Id public 
Cd fide de le dnnudli hiftoric de le a. mondrchie , che 
fono per fe in cidfcund probdttj^me, perche le CdU 
dee ft piglidno dd proudto dutore de Cdldei.che e Bf 
rofo . De Vcrfìdni, e Medi Dìocle, e Metadene, non 
come dice P/efro Comeftore De/oc/e , e Megdiiene^ 
the furono Greci, e quei di foprd Perftdni . Eglidice, 
chedd Aleffdndro dd Afmondi ha feguìtoli 70. inter 
preti y dotti ne le Greche hiflorie . T)d i Mdcal^ei, per 
%he gid crdno confidcrdti con Konidni fegui le Ko^ 
, ntdné unnudli hifìorie, perche fcriucudno i loro tems 
^ pi peri confoli dnnudli fecondo Limo^ che fi pofe dd 

/ 



PILONE DE 
emenddre i tempi per i Re Ldtini da linei d Romolo 
e per i Romani da Romolo i Tarquinio fuperbo , f 
per gli dnnudi magiilrati dd Bruto fm'd Ccfare.Co 
fi c mdnifiSio quai autori ne i tempi fi dccettdno , e 
qudifi rifiitdno. Ne Id mondrchid Ajiirid da Gige an 
fico kttduo diNinofin^d Nino^Berofo e più ueridico^ 
chcfiT' ^ 5"">^^^/^2^^'^^'^^^'^""'^ firittddi Semirdmtf^ 
ccttano . ^'^^ Senofonte Arcbiloco Grecij Cdto , Futio pitto^ 
re, e Sempronio Ldtini quei che fcriuono i tempi de 
l'auredetddudnti Nino.Dd Nino d Sdrddndpdlo 
Berofo^cr Eufibiochelo figue^firiftit^no Pdolo, 
Orofio,GiuiHno,e TrogOyLdtinij e de Greci Kei 
Autori ^^^^^^y HeUdnicOj e 'Kenofòntejchelifiguono, e Ctt 
che fi ri- fià Gnidio, benché in altre cofi commendato , perche 
furano, fidifiorddddle annudli hiftoriedi quefla mondr^ 
chid, e che non ordina i nomi, cr / tempi de i Relcom 
me fa Diodoro nel $. "Da Nino d Sarddnapalo fimo 
ìo. Re d'Ajìirii in tì6o. anni , come hd Ctefid , che 
ordinò i nomi dei Rt,et itempicheregndrono^benti 
che dice i che Tdutdnio Re d^Aj^iriimdndò aiuto 4 
Priamo . A Id monarchia A^iria fegui la feconda de 
Mediy e Verfidnifin^dd AleffdndrOy le cui annuali hi^ 
ftorìe defcriue Deiocle.e Metaflene.o' Arbace in par 
tCj cr Ctefia Gnidio fecondo il fuofragmento , e Dio* 
doro nel \, perciò fi cacciano da quella monarchici 
HerodotOy Eufebio, Taliano^Giofejò^Qlemente, Pifri^ 
cano, e Porfirio • Perche fi difcordano da iueri auto 
ri di quella . Tuttauia fi accetta Eufebio nelai^ mo 
narchia^ ne la ^.perche fegue le uere hidoric.Tato 



i 



•4 



TEMPI LIB. II. Xf9 

pd ietto hord per mdmfiUdre come il \ breuidrio di 
Filone de tempi è utilijiimo , e per ddre i Chrijliani 
occdfione di rifpondere k le obbiettioni fpecidlmente 
di Giulidno apcjl^itdje d^altri heretici . QudJido fi 
ÀicCy che gli eudngelifli hdnno fcritto ilfalfo nel nut^ 
tere Zorabdhel, e Saldtiel in due difìinte genealogie 
di Sdldmonc , f di l^dtdn^fi rifpondeche p troudno 
ne Id lined p>ld di l^dtdn . Cop Mdridy e Giofeffce^ 
fero dd Dduid per Ndtdn. Ne pcontrdridno gli 
eudngelifti quando uno mette Giofefò figliuolo di Gid 
cab V altro di Heli , parche uno fu pi dre ridturdle, 
Valtro legdle per hduer fìid figliuola per moglie^ co^ 
fi chiamiamo nipote il marito de la nodrd nipote 
ciò Girolamo diceche Giofifò fw generato da Idcobj 
e di Eli per legge maritale . Che impoSd dicono Già 
fef d td genealogid di Chrifto . Molto ueramente,no 
gid a pgnificare cheH Saluatore /u/]e pio figliuolo, ma ^^^f^f^ j 
che Maria era de Id tribù di giudd . Numeri idtimo la gan^a 
p dice . Tutti gli buomini piglino mogli de Id tribu^ logia di 
f pid parentela , e parimente le fimine , perch< {lid chrifto . 
Vhereditd ne le famiglie . Ouefta legge fecondo i td^. 
muldifii ohligdua folamente i primigeniti, i i quali fi 
dfpettaud Phereditd, e ficep queitd legge per le pglis 
noie di Safat.e per le famiglie che fuccedeano ad he^ 
reditare, Ld beata virgine fii primogenita di Giod^ 
xhim . Sterile^ e Giofef di Idcobj perciò fegue necefr 
fdridmente ne la legge , che emendo Gio pf de ld prò 
genie di Daw/cf, che parimente nejvffe la Beatd Vir^ 
gine • Verciò lofabd figliuold del Re lordnshe fi ntà\ 



FILONE DE 
rito d loi di d pontefice fuori de Id fhd tribù ynónf$ 
fud primo genitd. Se dird Vheretico , che non fi tro* 
Ud figliuolo alcuno ài Zorobabel nomato Abiut^Gi^ 
rolamo dice^ che in Mateo fi ferine Mifcioila fenzd 
cognome fuo Kefa, poilo dd Luca, cr ^JÌ>^^ffo dd Fi 
Ione. Cofì Xorobabel hebbe un figliuolo nomato And 
Abiut . ^'^T CT Abiutj come coflumano le fdcre lettere,^ per 
chek tempo i e gli Apofloli erd mdniftilo.che Marid 
eGiofef erano de la tribù di Giuda, e progenie di 
T^duid ♦ Pereto Pdolo nel 7. d gli Hebrei piglidndo 
queflo per cofa manifiila,drgomentd in questo modo 
Glie certo cheHnoflro Signor ndcquedeld tribadi 
di Giuddy eneli.d Romdni , G I E S V c fatto dd 
Genealo fème di Dauid fecondo la carne: qudndo fcriued Ti^ 
chriOo f^}^^^ piazze queiìioniy gene dio gie, e contentd^ 
Genealo ^'^^'^^ cotrdSli de la legge, perche fono inutili ^e udne 
gic non fi rifponde,che egli (come fuonano le parole) intende 
ccrmina di genealogie interminate fauolofe inutili , e nane* 
non di queUa del Saluatore,ch\rd termindtd e chid^ 
rdycome egli dice d gli Hebrei, e PEuangelifla la met 
te nel principio del fuo Eudngelo,come certisfìmo fon 
i'dnknto de Id fide. Et erd neceff tri d, per che fe Òri 
do non deriud dd Oduid,€gli non e il Mesftd. n5 può 
bene intender Vdoloychi no conofce le udnitd fare mdi 
che e TamuWfie ftate ancho ne la primitiua Chie^ 
fa. Md cercd Id cognitione di quefle uoci apofloUche 
interminato, fduoloCo, inutile e uano , gli è da fapere^ 
che Vaolo ne la 2.4 Timot. cap. 1 . uieta i ragiona* 
menti udni,€ prof ani, contro coloro che peruertiuano 



TEMPI. LI II. J40 
le pdrok del Sduatore. e ne U primd al 6. dice* S^aU 
cuno infogna dltramentcj e non s^dcchetd k i pdridri 
del Signor noiiro Giefu Chriiìo, eglie fuperbo^ e non 
hd nulld, md Unguifce foprd le quefliom^e contentioni 
di pdrok. Onde ndfce fcdnddlo ne Id Qhicfd^non edi^ 
ficdtione* Vrintd Chriilo dice. Uelid è uenuto.O' ^g^^ 
c Gioudnni. Vhord e uenutd.CT è di prefcnte.qudndo 
i morti udiranno dal monumento la uoce del figliuolo ^ 
ài T)io. Adunque glie fdttd Id refurrettione. Si con^ 
uertirono de Sd ducei y che niegano Urefurrcttione, 
Hìmeneo e Bletojqudifiirono fcomunicdtidd Pdolo: 
ediqueRieglidicetield i*dTimot.cdp.i. Schiudi 
udni profani pdrldrijch^operdno iniquitdy de iqudli e ^.^^ 

Hìmeneo e lilcto.cdduti dd la ueritd.iqudi dicono che g^no la 
Id refurrcttione è fattd , e fouertono la fide d^ alcuni, refurrct- 
QuefU fiirono ?rencipi de Sdducei contra ?aclo » e «ione- 
per quelli dif.e nel Concilio. lofonoVarifco nato de, 
'Fdrifei^e fono giudicato per Id fperanza de la refur-^ 
rettione.Ne glìdtti cap. 1 3 -Yn" ditto Uitueneo deU 
tribù di ìfacar.o' Aleffandro de la tribù di Uui muo 
uedno contro, Vdclo^TitoJDidconOy Siludno^e Timo^ 
theo^Vefcoui intermindte genedlogie , e f duole ^ iqudi 
haueano predicato a Galati^che fi douca ofierudre U 
legge e Id circoncifione^perche Chriiìo Vhaued ojìer^ 
nata. Ma Paolo infegndud il contrario dicendo : Se 
ui circoncidete^chriBo non ui gioua. ilquale e la fine 
de la lez2e,e ricomperò queiych\rdno fotto id legge, ^^^^o 

-r. 1 tir f . X.- • 1.^' * 1^ manda 

Vrouaua anchora chela fire di tutti i precetti tld ^.^^^^i^ 
€dritd,eld buona confcientid* Ma di cdp. j. dice iSi Ugge 



FILONE UE 
come Unnc e Mmbr efrctro refiBentid i MoiJè.Coft 
quefcis'hdnno contrapofli d U ucritH: ma non potcn^ 
do uincer Pdolo/,e perucrtirc i Chriftiani.fìuolfera 
à f duole, ^ d gene jilogie interm'wdte yfondandcfi in 
due cofcprmd che i Dottori del regno celefte debbos^ 
no folmente effer Scribi ^dicendo Chrifto. ogni Scri^ 
bd dotto nel regno de Cieli produce teftimonio del uec' 
'Chioenuouoteftamento. Secondo che non poteudno^ 
nel uecchio teftdmcnto ej^er dottori e Scribi fe non de 
IdtribudiLeui. Ndcquero ddunque tdiqueftioni/è 
potcui effer Scribd chi non erd de Id tribù di teui. E 
di quefto fii grdn contcntione dudnti il ucnire di ChrV 
fto.affermdndo i Leuiti.che nò, perche Moife d /'w/ris» 
mo del Deuteronomio diffe . I Leuiti infegnerdnno i 
tuoi giudicij, e Id tudlegge, o ifrdel . Giondtd , Bf/i, 
Oozid d l'incontro dice, che dncho id genedogid di 
Giudd poteud infegnare, perciò Id Cdldea trasldtios 
ne del Genefi di cdp. 49. dUegdud . Nom fdrd tolto lo 
fcettro di Giuddyne il ducd de le fue reni finche uengd 
il lAesfìd. Ld tribù d'ifdcdr diceud che dncho de U 
fud genedlogid poteuano effer dottori. Vdrdlipome^ 
\ no i. Cdp. I i.fi dice che i figliuoli di ifdcdr erano do^ 
ti,efdpeudno cioche doueud fdre ifrdel in ogni tem^ 
po. Molti uoleudno che di tutte le tribu.CT dncho de 
conuertiti di Giuddifmo poteffero effer Dottori: per^ 
che Hcrode uccifi i Dottori de ld legge, e Zanedrim^^ 
LMnucn- ordinò in luogo di queUiprofeliti yche fi^ron nomdti 
«^^^ T^(!^^if^he Scribi: Et Mdir duttore del Tmuld fu ìdu 

meo conucrtito ci Giuddifmo, come ndrrd Kdbi Moi 

fe Egit^ 



TBMPI. LIB. ìt. 2 4% 

Jc Ylgittio. Co fi queiid qucjìione d qu4 geneulogid fi 
appdrtencj^e il dottor dto , non fu mài termindtd. LÌ 
feconda del fdcer dotto, nelquale minidraud non fo-* 
Idmente Id tribù di Leui fecondo Moife^md dltri con^ 
uertitiddldgentilitd diceudna di ejier pdffdti ne la 
tribù LeuiticdiLd onde poteudno ejfer fdctrdoti^icen 
do Moife di I Cdp. de L'Efodo. S^dlcuno fòreftitrò 
uorrd paff^r neld nojlrd colonidfi circoncidd^e coji 
mungi Id Pdfcd. e fdrd Id iilejld legge di ndturaiei CT 
fiduentitio Hebreo. Confirmdudno queiio loro pdre^ 
re.perche tutti i pdgdni,che paffdno ne Id genedlogia 
iel Mesjìdfono facerdoti. Qgefle jì chidmdudno rif^ 
indetermindte. Coft Aleffandro cr Imeneo non po% 
tendo ritrdrre i Chriftidni d Id arconcifionej cr o/i 
ferudntid de Id leggefi uoUdrono d le beftemmie di^ 
fendo, che Chriiìo erd uenuto dd ddempire non per 
foluereldlcgge.ldqudlecomdndò cheldfold tribù di 
LeinminiUrdsfìnelfdcerdotio fiiffepdffato ne U 
xolonid di quello: e che Vdolo foto effendo de Id tribù 
di Benidmin contrd Moife^e Chrislo infegndud,^ or 
[dindud Didconi,e Vefcoui de Gentili : che non erdno i^^ottri- 
pdffdti ne Id colonid Leuiticd , come Lucd, TimothcOy na di Fao 
Siludno^ Tito. Coft infdmidUdno Pdolo dppò Giu^ lo. 
dei^Galdti^e Corinti^k iqudli Vdolo fcriffe per ribdt^ 
ter e queSle fdlfe cdlonnie. A gli Hebrei fcrifìe, che il 
fdcerdotio di ChriHo non doued feguire dlcund gened 
logid di Adrone : md debbe ejiere fecondo l'ordine di 
Melchifedech.d cui non fi dffegnd dlcund genedlogia: 
.md abbraccia tutti d Id fud dignità. Cofì trdsfèritoH 

HH 



FILONE DE 

fdceràotio dsfìgììdto per la legge 4 Leuiti^Jì adempiei 
ietto di Hieremid de la nuoud legge del Mcsfìd , ché 
efcluderebbe Id uecchia Lt adempì fce la uecchis 
Ugge mutandola J)auendo ejfx predetto che douea efé 
fer mutata nel uen re del m esfìa. Perciò Chrifìo non 
fciolfe un iota de la legge mutandola , perche iuifard 
quel iotdjCT apice^che la mutafie dt uecchid in nuoud^ 
Scriuendo a Galati imparò a, foluere queR^obiettione] 
non da fauole Tamuldifticheycome Aleffandro et Ime 
neOj ma per reueUtione di iàtefu Chriéoie gli f cernè 
tmnicd dicendo: Se un^ Angelo da cielo ui predica ah 
irò da queUoiCh^io ui ho predicatoria efcommunica^ 
fOj e grida: O Galati in fen fati che ui ha ammaeftrati 
d non credere i la uerita , auanti gli occhi de iquali 
<hrìfto è profcritto^e crocifi(fo f Siete tanto fciocn 
chi^hehauendo cominciato in fpirito sfornite in cari ^ 
Hf, Tutta PEpiftola uale a riuocar Inanimo a la legs 
ge Zuangelicd. E perche quefti due capi di herefié 
moftrauano diferuire a Chrifto fantamente^ cT ej^er 
dotti ne la legge erano jlimati appò Corinti. Md 
Tdolo con dueepiBote fiudid di riuocarli ^modran^ 
do di non effer^ ito i loro con eloquentia, m i con ue^ 
riti di parlare^ej efcommunica coluij c^haueua toVo 
per moglie la matrigna^permettendolo coloro^ch'in^ 
troduceuano l*ojieruantid Tamuldiftica. ^ 

Helfine de la prima Epiftola gli efcomn-.umca hfT 
ti con dir e. chi non ama il Signor no{lro Giefu chrU 
fio fi d efiommunicdto. 

He Id feconda Epiftola dice* Uabbiamo noi bips^ 



TEMP^r LIB. 11.11 Z4.X 
gnodi Epiftole commendatie da uoif cr. Non pre^ 
dichumonoi fu$fì ,md il Signor Gie fu Chrifio. 0> 
Cvrintifeparateui da quelli dice il Signore. 

Quello ch'io facciole fdròy furoUo per leuart^ 
Voccafionc a quelli, che fi uogliono gloriare in uoi. 
Si come noi a gloriamo . c^uefci fono falfi Apoftoli 
operatori d'inganno, chefitrdsjtrmano in ApoftoU^ 
diQhrifto. Ma mn i mar auiglid , perche Satana 
iftejfofì trasfigura in Angelo di luce. Cofi i fuoi mi^: 
niftri poffono finger di effer Miniftri di giuftitid.Ma 
non cefiando però coloro di mal dire, e deprauare le 
parole di Chrifto, gli fcommunicò a nome, auifando^ 
ne Timoteo ne la prima Epiftola^che fchiuajie loro, e 
la dottrind,e dice. Ti pregdi che rimdnefti in Efifot 
qudndo dnddud in Macedonia. Verche auifasfi alcu^ 
ni che non infegnaj^ero altramente , ne attendejfero i 
fauokfi genealogie interminate, che danno più tofto 
queftione, ch'edificatione in la fide . ?erche Id fine 
del precetto e Id carità dipuro cuore e buona coni» 
fcientid,e fide non fintd^dd lequai cofe molti tr^idn^ 
do, fi uoltarono a uani parlari, volendo effer Dot:» 
tori de la leggere non intendendo quel che parlano^nc 
di ch'affermano. Eccoti che Vdolo intende di quelle 
genealogie interminare , ne lequai uoleuano quei foli 
efier Dottori de la legge, e non deld genedlogid di 
Chriilo. Ldquale tutti ajfermauano ch'era lucida , e 
terminata. Voleuano quefii per fuperbia tjfer foli 
Bottori de la legge,non per cariti e zdo di fide , la^ 
qi4dle turbauano. E ne la fine di quel capitelo dice: Ti 

HH lì 



f FILONE DE 

ncm^io ò figliuolo Timotheo queflo precetto fe 
condo le precedéti profitit in temilitd buona miìitidy 
hdbbifide e buona confcientia: laqude alcuni rifùtdtt 
do.cdderono da la ftdtiEdi quejh fono Himenco , CT 
Alejfandro,iquai ho dato a Satdnd , perche impdrina 
4 non beilemmiare. Nel 4-cdp. dice: Sij buono mi^ 
tùSiro di Chrijio,nodrito nel uerbo de Id fide, in buot» 
na dottrina. Laqudle hai ottenuto: e fchiud le f duole 
dnttcbe, de lequai dicemmo fopra la Bibia^ma f^cial 
mente [opra Efaia. In quefleskfercitauano Hermo:* 
gene, cr il compagno in Afid , oue teneudno le grdn 
fchok: cr efiendone riprefi dd l'ApoMo, gli douen^ 
idrono nimici. Perciò ne Id 2. Bpijlold di primo cd. 
dice: Sdppi che mi fono inimicdti tutti quei di Apd, 
tontrd iqudli hdnno fatto refiiìentid gli Efcfì^e Pdolo 
fcriuendo loro dd Komd per Titico Bidconoygli com 
menda. Queil^ho detto per commentare Tilone.e diit 
fèndere la genealogia del Saluatore. 

IL FINE DI FILONE. 




À 



LIBRO DE GIOVANE 



NI ANNIO DI VITERBO 

DE L'EMENDATISSIMA 
DESCRITTIONE DE 

Tempi, Tofcdna , cr 



GNI HISTORIA 

y? /4 intierdj e certa con 
Icfue pdrti f)iiantidliy 
che fono trenarrdtioncy 
defcrittione de regioni, r 
de tempi. Ogni indiuiduo 
fecondo peripatetici co^ 
fiHe de Id fud fofldntid, e 
de due principij foHdn^ 
tidbinomdti quiui.cT hord^cioè il propio luocoyC tent 
po. Et effendo ogni ndrrdtione ò hiiiorid un^indiui^ 
duopdrldre^chendrracofe dd le altre diuife ^feguc 
cVeffd fìddichidrdtd con due principij^cioè con luo^ 
cc^e tempo. No» ehi&orid fòrnitd.dicendo il Mdgna 
Aleffundro ninfe Dmo Mondrcd:mabifognd dggiu^ 
gnerui in qudi luochi e tempi egli ruppe il fio e^erci'^ 
tojo m'fe in fiigd,e rimafe uittoriofo.Con quegli prin^ 
cipij confìitidmo le menzogne de Greci , nel trdttdtcy 
de le menzogne de gli dntichi Greci , La ond e p armi 
uergognd che molti d noùrd etì fi dilettdno de le lon 

HH ili 




f ^ TOSCANI 

róbuggie. nducndo detto Catone dMdrco fuo fi^ 
gliuolo.glit bene leggere > ma non imparare le Grece 
lettere. La parte locale de Phijloria.nomata da Gre^ 
ci defcritttone de li luoghi ò de Regioni , dicemmo fo^ 
pra Fabio pittore, Sempronio Mnjìlio^e Catone , CT 
éncho fopra Berofo. La feconda parte detta pur dd 
Greci defcrittione de tempii e ui fono due princip'^ d 
prouar qtieiio. Vrimi cr amente dobbiamo dimojirart 
che i tempi^che fi aUeggano non fono differenti da Id 
publica fèdeycome dicemmo fopra lAetakenejt filone: 
l^econdidriamente che fi pongano ad ordine iBje^e gli 
huomini^che fiorirono a quefti tempi^e qual memorid 
ne tengano gli auttori. E quello fò io in quejld fecon 
da pdrte^che i de tempi, e quiui diftendo il corfo, CT i 
tempi di ldno,e da t'origine d^ Italia fin^ad Ottone Ce 
[are: e tornando adietro^procediamo con la fide pu^ 
Uicd.Ld terzd parte:, che ndrrd i fatti di quei Ke^di* 
chiarerem al fuo luogo. 

. La defcrittione Tofc and de tempi emendatisfmdj 
td cui prima parte difponeVUalid ne Vaured età ddl 
Diluuiofin^d Nino, e Carne fe per dnni 249. in queflo 
modo. 

Solitudine d'Udlid. to8 lid fotto queSli Ke Cd^ 
Idnoprimduenendo* \\ mefe. 
Cornerò GdUo. 5 8 I! fecodo uenir di Uno. 8 a 
OchoVeio. V so Crdno Kdzcnuo. 34- 
Seguono 430. dnni <ìd Arunte. 4^ 
\ Carne fe ad Atlante ita^ Tage. 4* 
Jo.dopòH quale ^Vltd^ Sicané. ^o 



E M 

Api. Il 
heflrigone. 41 
HcrcoU. 30 
Tujfo. 27 
;Aiieo. 7 
Hi' [pero, li 
Seguono dà ìtalo anni 
^ 4 r4 . /l'i '4 /^rowm^ di 
^ Troia fono qu€Ìle Urti 

d'Ualid, 
Italo AtUntc* IP 
.JViorgr. 10 
Como» >^ 

/ ». . 

Coribdn. 43 

.Turreno. 

T arconte mica. 11 

OUme. xt 

Veibem* 4t 
C/co. 34 
T4rcone.i. 45 
Tiberino. \o 
lAczentio. 21 
X)d Iranno ^i* «fi Alfi^ew^ 
. rio d. rfi Cf//o , cr 
. i/ principio di Romolo 
fi computano anni i . de 



fatiche. 

E tre del Regno d^Bne4 
che fu annidi ^. fotta 
quelli Red'italid. 

T arcane, 1 • la 

O:no hianore» 4^ 

Pipino. 

N/cro. 47 
Pifeo. s\ 

Tofco il gioudne, $9 
Anno. zf 

Pelfma. 41 
Buona, tg 
PUrio. 1 7 

Mnefìs. 18 
Et alo. \f 
Parte di Celiok 6 
Dd^.di Celia , qudndo 
cominciò Romolo j fin 
che furono cacciati 
Re cor fero anni. 344 
fatto queflelarti. 
il rimanente di Celia ir 
Galerito. 20 
Luchin Tafcdna. 1^ 
Cibitio. 2% 
Lucumone Cluftna. $S 
Reto. *4i 
HieUo. 44 

HH ini 



' 4 T/b S C A N^t 

Tìdl cdccidre Komd li UpoUcritii^Èlbio^e 
i Rf fm che fi* prefi - di Turreno anni ?r4. E 
Etruridcittd diTofcd ^Turrenouiffe fin chefié 



tid corfero dnni loi. 
« -fono queBi Ldrtù 
Vorfend Clufìo. fS 
Hiolumnio Veientt. * * 
E^e Tofcdno. 
lÀiiio fidendte. 4^ 
lE^lbio Tofcdno. 
Vccifo Elbio regnò Pro 
Urte Tofcdno fuo fi* 
i ghuolo dnni 27. cojìui 
^ diede à Komdni Etru^ 

ridcitti . 
Turreno. t6 
Ddtd tìe&urid cittì i 
romdni, fiori fatto quel 



uintd Id Tofcdnd,e cec^ 
cdto il denaro d^drgen^ 
to in Roma nel trion^ 
per anni 12. 

Turreno fopradet ^ 
to. 
Tito 

Volturreno. 
Cecinna. 
Menippo^ 
Men odoro. 
Mecenate 
Seidno 
Sceuino. 
Ctho Ferentino. 



40 
46 



Perche fi ricercd Id publicd fide de i tempi^e ie i Kt 
CT ogn^dUro autore , benché dotto fi rijùtd . Comè 
narra MetaHene , cr h abbiamo dicchi arato nel de^ 
fcriuere i tempi de le Monarchie di Otone pdrld 
Suetonio. del medefimo,e di Sceuino. Cornelio T detto 
nela uita di Nerone, e di Othone. Di Sciano Giuuend 
le, e Filone al fecondo de la fua ambafciarid.e nel brè 
uiario de tem.Di Mecenate Suetonioyi poetile gli hi^ 
fiorici • De Menodoro dice, Apiano ^che egli porfi 
aiuto di Cefare ne le guerre ciuili.Ma di tuttti da EU 
hio 4 Menodoro parla Catone al i^ fragmento , ma, 



T^ t M 'P L' ^4? 

id puhìicli (vie de i tepi fi piglid dd le cerume Olim 
piddi Liuio nel 9. dice Q.. Tdbto domò Etrurid attdy 
fnd non U prefe, perche effafu datd in mdno de Ko^ 
mdni .Vdlerio M^/?/mone/ 4. CdtonedUo. frdg^ 
mento dice.Turreno (poi che fu uccifo Elhio fuo pd^ 
tire) ft dffpofe d ddre Etrurid cittd d Komdni lUnno 
deld 124. Olimpidde : md non uolfe dccettdrek 
iettfreldtine Bd Vdnno lÀeld ix^-Olimpiddefm'dl 
1. de Id 2tz. Olimpidde quindo Othone s^uccife fono 
Olimpiddi 87. anni i . chefdnno ?4- . dnni.e coft hdb 
"bidmo con Id publicd credenzd de tempi, e d'huomini 
dotti compHtdto dd Turreno , che diede d Komdni 
Btrurid cittdÀ Id morte di Othone gli annifoprddet 
ti.Md qudnto tempo fìoriffeno dopoi che jiirono chid 
fi per operd de i Komdni Vrencipi^non mifcoflo tdtt 
to ddl nero , che fe ofjindd Id defcrittione de tempi, 
Tdnto fu detto deld publicd fide de tempi , e d'huo^ 
fnini dd Othone pn'dL Turreno , che diede Etruri4 
tittd d Komdni, 

*HORA TORNANDO A DIETRO 
dd quejlo Turrencf fin^d Komolo, pro^ 
uidmo il rimdnente. 

Tito Liuio ne i libri dd Komd ediftcdtd . Segui 
l'ordine de Id publicd, e proudtd fède de le Ko 
mdne hiflorie dnnudìli , dichidrdndo qudi Kefìirono 
in Komd per dnni 24,^. fecondo i loro tmpi.Ecdc^ 
eidti i Ke jìn che fi rende Etrurid, per i confoli, e md 
giUrdii dnnouerd dnni 200. chefdnno co ifoprddet^ 



litl%. Liuto ncls.ndrrdpartedc gli infilici fuccefii 
di Lucumone, Clufìno. Cilicioy t fcritto nel facrario 
ie*le ceneri AuguUdli di Surrena . Luchio , cioè Lu^ 
eumene Tofco fecondo leflo fii dutorede Lucenft , e 
Luchio, uiUd non lontdnd dd Lucd gli ne rende teHi^ , 
monio. Celio jc Gdlerito Lucumone^dd i qudlifinomò 
Celio mote,^ i Luceri^ e fi nontd dd Vdrrone di tÀe 
Id lingud Idtind dd Udlicdrnaffeo nel z. dd Tdbio pit 
tore dePorigine di Komd^e da Vropertio nel 4. Ver 
tdnto hdbbidmo filìcemente trdttdto con Id publicd 
fèdecercdlinomi,c!TÌi€mpide glihuomini iUufìri 
dd Komd edifìcdtd fth*dd Othone. Hord tornddo die 
tro di 4^0. ^nm id Rom^ edifìcdtd fìn^d Id rouind di 
Troid fcriuefì Phiflorid Idtind con Id fide public 4 
toccdtd dd iJuio nel t . dd TLufebio de tempi , e pdrte 
dd Mdnetone Sgittio nel fupplemento di Berofo . B 
qudntunqftefìdudriopdrerecercdglidnnidi Ene^r, 
tuttduid id più pdrte concorre, che dnddffero 6. dn* 
m trd Id rouind Troidnd^e Id fud morte-, percVdltrd 
mente jì di fcorder ebbe questo tempo dd Id publicd fi* 
de dei tempi, de Id mondrchid Ajiirid, laqudle mifu^ 
Td i tempi de le cofe pdrticoUri. Coft Ened errdndoj ^. 
r regndndo corfe dnni 6. Afcdnio ^ 8 . Siluio Vodhu^ i rc c dt 
mo 1 9. Ened Siluio it.Ldtino il gioudne so.Albd^^. iRegal.^ 
AtOy Egittio i^.cdpi.iB.Cdpeto 1^* Tiberino dd cui 
nomò il Teucre 8. Agrippd ^.o.Kemulo i^^Auentino 
iy. Procd tr Amulio 44. ccfìdd Troid drfd fìn^i 
Komolo fucceffore di Amulio fecondo Id fide publicd 
Làtind fono anni 4}o. Mdnetone mette in queUi tem 



> , r T O se A NI 
fi molti Urti id Mezcntio ad Atrio . Et altri dtdoi 
ri ne ragionano , come di Tarconte Virgilio nel 8Ài 
Ocno nel io. ni pipino fi ragiona ne la Cibelaria f 
fcrittione.e da lui fi nomò il cupo Vipiniefe.Tii Tofco 
Liu.nel 9. Nic/o da cui Nicea di Turreno in Corficd 
prefcH nome, e l'i fola tfccffa fii detta Turrena.e noma 
io da Diodoronel 6. Plinio nel s. ca. ij-fa mentione 
ielPrencipc de Turreni .e parimente Vinfcrittiont 
Cibelaria . Plinio nel 7. dice che Pifeo trono la trom 
bd da battaglia, Monetone nomina Tofco il giouanc, 
e leggcfì ne i marmi Tofcanelenfu che TofcaneUa do* 
po Id rouind di Troia fiédd Afcanio edificata^ cr in 
proceffo di tempo da Tofco Urte accrefciuta. Anna, 
^Annia famiglia Tofcdnd dntichij^imaAe Uqual difct 
Anni, fe Antonino Pio, Secondo Spartiano . Da Bono duA 
ra anchora la famiglia BoneUd.da Turna Bona an^ 
Bont"^ e prò per cerrtmf^^i//t intagliati fatto Anta 
iarii. ' nino Pio Jquai fono preffo dime . Atrio , Atriatko 
marcj cr AtrU citta mànifiAd il mdefìmo.vlin. nel 
^\ tapAj. Alcuni uoglionò che dèriui da VoUterr^ 
Colonia, come dicemmo fopra Catone.Manetone no* 
^, . ^ mina fin qua i fopr adetti Larti . Quei che feguonoy 
' fi prouano con quefii luoghi. Velfna fecondo Catone^ 
Pclfino . e Sempronio (« da Felfmo edificata , e da Bono fucA 
Bologna ceffoi-e poi chiamata Bologna. Tornando poi d die* 
Lartc. ^0 mofìrandoli harte de la rouina di Troia fin'd U 
fua edificaticne, cr indi fina dd Italo . Corfero dnni 
toy.da la rouina k la fua edificatione di Troia. Co* 
mefimoftra perle annuali hiitorie de i Ke,e cofico*. 



T B M P 1. : ^4 7 
puti ìzufebio, feguenio pure U public d fide . Da /*é* 
difìcatione di Troid 4 primo anno d^ltdo computa 
Berofo per i Re Afiirij anni4 qudi dggiunti con 
quei difoprd fdnno A-s^ ddl primo dmo di \tdlo /?* 
no di Ene4, ejkU rouina di Troia. ìlche fi morirà 
Mchord per la fede publica de i Vrencipi di Latio ft 
tondo Berofo.e Mdnetone in quefcd guifa. ìtalo mot 
to Uefpero fuojìrdteUo, ripigliò il regtwdi Vetulonia Hcfpcro* 
hdfcidta Komd fua figliuold in Cdpend terra fvnda^ italo. , 
ta da lui [otto Vauentino. Secondo Fabio Vittore. Be ^^^^ - 
^ojò^ e Manetone ajfirmanoyche Roma regnò nella ncffo™*' 
iio anni 46.Komdneffo fiio figliuolo 7^. Vico anti* Fanno, y 
co$j. Vauno antico jo. Anno figliuolo diTdunOyiU Anno. 
qudle maritò AgiUa fud figliuola a Trafimeno figìU Vulcano. 
uolo di Turreno anni 54 • Vulcano ^ <s . Mdrte per co j^^y^^ 
gnome ìdno ij Ceculo detto Saturno 16. Pico ligio datino, * 
uane ^4. Latio fuocero di Enea 38. cofi da ìtalo àia 
rouina di Troia cor fero 4nm 454 ♦ corrifj^ondenti a 
Vhi&oria di Manetone , e di Berofo . Cefi i Urti di 
Vetulonia fi computano da Latini hi fiorici da ìtalo 
lAezentio, delqualefa mentione Liuio nel iMalicar^ 
naffeo nelx. Macrobio nel i. de Saturnali,e Virgilio 
nel cr II. Di Tiberino padre di Ocno di Manto 
fatidica generato^dalqual Albula fiume fi chiamò Te 

ttercy parla Virgilio nel 8. enei io. di Tarcone fecon -^^ 

doj che pofe Caco nel laberinto : ne parla Solino ne i 
coUettanei. Ba Ofco fono le colonie Ofca, e Capua, e ofco • 
Volofca, ò volfca, cioè antica ofca. Da Veibeno det 
$0 Maffo^ e Maffa citta di Tofcana, cr il monte Ce* * 



Camcic . 



^ * T O^S X ANI 

. ho àd Celio Veibmo, ò wibotio fi come diccidmo Vtiè 
SlìoT Veiterbo.evilumbrirC Viterbo. ÓldnoPrcn 

cipe in Tofcdtid fondò MiUno . Cdtone ne i fragmeti 
Olano. ti. Abd, dd cui gli Ab unti popoli di TofcdUd. Trouo 
che Abute nomato dd Virgilio |ù un cdpitdno ntVdr 
mdtd di Enedjdi Tdrconte primo, e Turreno Meone 
fiko pddre fono pieni i libri, fi come di Atldntc Itdlo^ 
di Morgete^edi Corito . Bdnte dd Berofo e nomdto 
confo!'' Coribante, cici Bdntehdfidto . Tdntofiddetto deU 
Bantc' fide publicd de i Ldrti di Tofcdnd dd ItdloÀ Mezen 
tio . ^ord mofirdremo i tempi, cr i Urti dd Hefpero 
predeceffored'ltdo.fin^dCmefe confòrmdndofi in 
tutto 4 Berofo nel$. ilqudU computd per i Re d'Aj?i 
*ou- rid gli ifiej^i anni . E di queB pdrUno molti dutori^ 
di Cdmefe Saturno . cr ìdno parlano Igino, ?lutdr^ 
co, e Macrobio nel i . de S diurnali, CT dncho ne rd^, 
gionano i Foeti. de Crani Kazem tegono memori a I 
luoghi di Vetulonid cofi nomdti,e mrfiUo,^ Dionifio 
nel lÀice che Tofcdni fi nomano Kdzenui ddl loro 
ducd.Di Arunte primo conferuano il nome le colonie 
Aruncini di Tofcand Aruntini uecchi , Aruntini RMfle«/ì,cr 
Aruntinifidentiori. Catone alfragmento 15.1^. e 19. 
Tdgcinfegnò primi d Tofcdni Vdrte d'indouindre, 
Tagc. ^^^^ affirmano tutti con Berofo. Di Sic ano fono fu 
Sicaao. quel di Vetulonia i campi Sicdni,che chiamiamo vai 
le Sicanid,fi come gliEnachii fiumi chiamiamo Chat, 
- Enachij, cioi congregationi de giganti uinti da Apii 
Api in ^ Herco/e Egittiofuo figliuolo . Perciò chidtnidm 
Usila . mo udUe de giganti cercd TofcdneUd , e campò Cu 



T E M P L 74t 

ìneo preffo Chat.Endchia.oue gl^Itdli ani por fero aiti 

io i GiouCj Giwfto, Api contra i gigdtiti. JDiodoro nel 

6. le fopraàette memorie fi cofirmaìw^che per alquS 

tiannifii prepofco i l^ltalta f<pi , e fuo nipote detto 

fecondo Greci mangiatore d^huomini, fecondo Tofca 

ni Cluthioj fecondo Latini , e Bercfo . Lef.rigone^e 

poi Hercole fin' ad Hefpero . Coft da Cdmefe fin' ad I-cftnja- 

Hefpero fi conformaci fiori a con publica fide, C2r 

autorità de ueraci fcritttori . Horu pigliamo la pu^ Aure». 

hlica fède di quei tempi, che fiirono auanti Camefe,e età. 

NiVro nomati da Latini Aurea età.Berofo uerace nat 

ratorr de fide publicaydice ^ht 24 6. anni auanti Nj« 

no fu il diluuio fotto Ogige, e che 131. anno dopoH di 

luuio fii fi>ndata Babilonia da Saturno padre di Belo Babilo- 

l'anno 10 delqude lano mandò le colonie Tofcane fot nia . 

to ComerOjGallo padre di Ocho Veto da cui fi noma 

Veio mot e. ^enc finte dice cheSemiramis fcrijfe ViHef 

fo tcpo ne la coIona inBabilonia^cioè dal diluuio àSa 

turno padreBelo anni iM.da Saturno à Belo $6. Da 

Belo à Kino 6i,Cofi dal diluuio àsino prtmo monat 

ca filmo anni ^^^.Encmofii aurea età^perche nacq\ 

con l'humana generatione dopo'l diluuio^ i fenz<^ Lg 

giy ò timore offiruaua la giuditia . Cuidio mi . . de 

le metamorf. Trogo^ e Giufiino, e duro fin^à Gioue^ 

ilquale primieramente cacciò con arme Saturno Sa^ 

ga Cafi>io,cioè à Nino detto per irterprctatione Cio^ 

He . Perche Saturno Aptera rcn finii ne l'autea età, ^. 

(come fingono i Greci) quando l^ìtalta fi t emana Sa ^^^^^ 

turnia, ma l^età firrea^ quando fi chiama uniuer^ 



/e 



T OSCA N I- 
fdlmente ìtdlid poi che furono cflinti gli dltri «omf, 
come ho detto foprdH 1. j. e 4. frdgmcnto di Catone^, 
ìlqudle di fecondo fìrdgmento dice. Vorigine d'ìtdia 
pi Jllendidij^imd, e per lo tempo , CT per Vorigine de. 
Id gente, cominciò ne l'aured etd fotto Idno Carne/è, c 
Sdturno gente Femced,e Sdgdj e poco dpprejjo^ S^dc 
corddno gli dutori fenicia Cdldei^ che cercd zso^dti 
ni che durò Veti dured dudti Nmo,/ù il diluuiox che 
fi fdludrono huomini in fcitid . De i qudli uenne lana 
in Vdticdno^c:^ indi di Teuere, oue fondò Id cittì re* 
gdl€i€ld ponti ficid. Yonddtepoi 11. colonie in Tos 
fcandi diede loro ifd fci^ per ritenire gli huomini ro^ 
zi ne Vdured etk . Fdbio Pittore dice V Imperio d^ltd 
lidfùddlprincipio fotto due popoli ne VAured etd^ 
chefir nel primo n d fere del humdnd generdtione ^ 
250. dnnidudntiNino. ìdno tenneld fwiflrdpdrte B' 
del Teuere nel cominciare de V dured etd , e Cdmefe^t 
Sdturno Id deftrfld cercd Id fine deVetd Aured. Efe^ 
guey che Nino primieramente ìnutò quegli aurei cof 
dumi per defto di regndre. Cofi hdbbidmo con Id pu^ 
hlicd fide mdnififldto i tempi de Vdured eri, e le cola^ 
nie dd ìdno poile in Tofcànd dd principio j e come 
pdvtitofene^uimdndò Comero GdUo fecondo Berofo 
pdnno 141. dopò'l Diluuio. A cuifucce^e Ocho Veio 
ò Curulefuo figlio. Hord hdbbidm proudto Id noUrà 
Tofcand^et Itdlid dcfcrittion de tcpi.che coprende d4l 
l^iluuio fotto Ogigefin^dd Othone Cefdre dnni zj77* 
conformdndomi con Id publicd fide de le Mondrchi^. 
Come potrà ueder chi uorafcotrdr i tcpi,et i fuccesj^. 
fÌNE DE TOSCANI TEMPI* 



À 



1 rr ^ 24^ 

DEL SITO D f CI> 

^ C I L I A D C U M 

Rio ARETIO PATRl- 
TIO SIRACVSANO. 

AVE N D O 

d fcriuere ti fito de 
td Cicilia , cercd le 
terrene cittì da Sicà 
niy€ Siculi primiera 
mente edificate, qui 
tu^^queuincano le di 
tre per antichità , 
perche tuttauia non 
fitrouadiqucUeme 
mona aUuna,n5 ntf-aro rm^tioneima feguèdoPolibio, 
TucidideyC Strabone tratterò come furono cacciati, e 
ie i lor fuccefforijquai dicono Cicilia c rinchiufa coH 
mare Sciite jSiculo,i\fricano,e Tirreno. Ha tre Pro^ 
montorij4a iqualifi noma Trinachridye Trtquetra. 
Fcloro i uolto a l^ìtalia k Settentrione t$erfo SciUa 
Imitano 1 0. miglia da Mesfìna- E nomafì da Veloro 
nocchiero de la naue d^ Annibale mi da lui uccxfo.Vné 
nuoHd torre moUra il guado i nauicantL SciUa fcoà 
glio in terrd fi:rmd,oue é Sciglo terrd^da Vlinio SciU 
leo nomata. Caribdi e un mare che ud in giro.Garoè 
falò tiene la lumiera di notte, perche fappiano i mari 
ndri entrare in porto. La terra che fa il porto di 

II 




SITO DI . , ^ . 

KtsfìndMTdffnomd bràccio di fantoKdwerio.finM 
gcfi chefujiero due fimine conuertitein MoHri^Uon^ 
de fi oddrno baglUre cdri^fy urUre Lupi . Fdchino 
P ditto àd gro^o drid nomdto , hord cdpo pdffdro, 
Cerche chidmdno i mdrindri c4po ogni Vromotorio. 
Qweflo hd àue cdpiMno di Oriente , ["ditto d mezzo 
di^ettdquejlièilpotto Vdchino. Tolomeo mette i 
mezzo di Odisfid.ò vlispd potto, ò di Odijie fecondo 
acetone Jhotd potto de pdli. lilibeo è il tetzo uerfo 
Africd^ Ubid : hord cdpo di Boeo , i luntdno. loo. 
miglid dd Mercurio Promontotioy poco luntdno dà 
Cdtthdginedd Otiente: hotd cdpo huonoibéche Sttd 
bone e Vlinio fidno di ditto pdtete. Bice fi ch'uno da 
lilibeo uedeud,fin^à ciucilo porto ufcitle nduide CdV 
tdginefì. Ld Qicilid ddunciuc pofid nel 4. climd jf" con 
Vempito del mdte fepdtdtd dd Pìtdlid. CT c diuifd in 
tre udUi^ und bofcofd circonda Velcro jf*dltrd copio fa 
de cdmpi per grdno,bofchi,e pifcoli^dettà udUe di No 
tho comprende Vdchino. Ld terz^ non produce dU 
bero^d grdno,^ armenti in copid , abbrdccid Uli^ 
beo. Circondd 6iSMÌglidj dd ?eloro d Vdchino 150. 
di qud d Lilibeo xo^. E dd queùo d Veloro 162. \l md 
rt.che ld diuide dd terrà jtrmà per doue ferine Dio^ 
doto ne lefduole.che pàfsò Uetcolefcptà un buejo^ 
no qudfì tre miglia dà là totte foptàdettà d lo fco^ 
gUo di SciUd. I due lati fono concdui.md il tetzo dà 
Ulibeo i Veloto maggiote de gli ditti e piegdto a den 
rro. Ld Cicilia |w la ptima ptouincia de Komaniy cT 
unxconfetuadibiadt. Qjidfì tutti i popoli habitané 



CICILIA. 2f 0 

in picciole terrene fpecidlmente ne Id uaUe ài Mdzdrd* 
Anticamente ufaudno U /mgM4,cr i co fiumi Qreci.cT 
ogni terrdfì gouernaua con propie leggi. Non fi fa 
chi prima ui habitdj^cno. Diccfì che Ciclopi inuentori 
dilduorareil fèrro^e Leiìrigoniui nacquero. eu*has 
bìtaronofoli cerca Etna. Qgei che fuccej^ero jui uen^ 
nero con naui. Pdtronon fi fa de la prima origine 
non che u^habitarono Moflri crudelisjìmiyche mangia 
nano carne humana. Ciclopi fiiron nomati dal^sc^ 
chio rotondo.e Lefirigoni da i latrocinij. Sono i loro 
campi tra C atina ^ e Leonùno j iquai scalciano dai 
mare. Dopò quegli ui regnò Eolo.cT Enopione pa-s^ 
dre di Orione^e poi Italo^ dalqude fauoleggiano che 
fi nomaffe Ihtalia. Sicano marito di Cerere ui con^ 
dufie i Sicani tolti da la Spagna di quajquai uedendò 
il luoco amenOyC fertile, fiirono i primi, che u'h abitai 
ronOjC fj>ecialmente uerfo ponente^ la nomarono Si^ 
cania. Molti da Troia fiiggiti^e nomati Elimi^tdifi* 
carono Erice CT Egefia città a i confini de Sicani Fo 
cenfì peruennero prima in Libia, e poi in Cicilia.Eri^ 
cefii edificata fopraH monte^hora di fan Giuliano det 
tOjC guardauerfoBrepano. Tìiconolefauoleche fi$ 
edificata da Erice figliuolo di Venere Jlquale ui fice^ 
dedicò a la madre un celebre tempio dd le Donne fre^ 
quentato. Vedifìcio di quel tempio |m portato d Ro« 
madhporta Collinare nomo tempio di Venere Eri 
dna. La porta hora fi noma Salaria dal fdle. Egefid 
ò SegeHa fìi fecondo Cicerone edificata dd Enea , che 
fiiggiua da Troia. E perche Biodoro e Tucidide 

Il II 



S I T O D I ' 

pon^no di mare Tirreno, io credo che fuj^e conterà 
ranea terrà hoggi rouinatd. Afìniftrà U chiefd di 
fan Vito è per miracoli chiara. E uifìfanano imor^ 
dati dd cani rdbbidti. Nel lito a deftrd nuno è il ce* 
Ubre mercato de S egcft ani , fecondo Tolomeo luntano 
dd Palermo 30. miglia^^ i piegato. Hoggip, nomd 
cafteUo d mdre del Golfo: Erain Segeftd U [tatua di 
Dianddi Brozo honorata da ipopoli religiofamen^ 
tejt con fommo arteficio fabricata . Ne Id cui Bafe c 
intagliatóri nome di Scipione ^*in memoria de la fud 
uittoria. lAa facendola portar uia Verrete matrone 
Segeftane^t le uirgini con fìngulti.e pianti Vaccompd 
gnarono con incenfo^e^T altri odori^fìn^a i loro con^ 
fini, kruntio Vatercolo apprefentò ad Emilio Sen« 
forino tiranno de Segeiiani un cauaUo , nel quale fi 
iormentaffero gli huomini rinchiufi, ma ui fii dal ti^ 
ranno rinchiufo^ey uccifo. Vlu tarco ne i paralleli af 
firmadihauer letto <jue fio appo Adietife. lungo ì 
quel promontorio un fiume fifgombra nel mare , 
iui e un rio quafi caldo nomato Calatamet, cr ui fono 
i bagni. Moflracci la congiettura chUnticamente il 
fumé fi cbidmdffe Bef/^e Id città Solgerd. Cdatafia^ 
ni terrd dd Oriente fopraH fiume e nome nuouo: poco 
luntano cil tempio di Cerere^cioè le colonne ritte fen 
za lemurayhorafi noma Setere, il monte BonifatOj 
bora Bonifatio fopraftd a Id citti^ne Id cimd di quello 
€ und città rouindtd.md non fi può afjirmare /è e A si 
cefldyVlinio tuttauia citd i popoli Aceflicfi. Non fi fd 
xhi edificafie Id terrd uicind a gli Alcameniy fe non fu 
Alcamo Traciojilquale fecondo Darete porfe aiuto 4 



C I C 1 t f A. * ^* • 

Vrimo. Tdrimente non fi hd Vorigmt Si Contione Sì 

ConiglonejeVdrtdnnd.fènoncpdrU diEtnd. Dopi 

dlqttdtìti anniftculi^che teneudno il Ldtio.per uirtu mi 

litdre de gli dtri più cgrtgij.pdff Girono co groffo e/i 

fercito in CicilidMd fecondo HdUcdrndffeo péggiro^ 

md^Udlidimdnonfitroudinchfguifd Id occupdf» 

feno. Soldmentefì legge che Siculi cdccidù iSicani^ 

occupdronoVifoldytldchidmdrono Cicilid^anni 300* 

primd che ui uenij^ero i Greci. TtUtduid le terrene cit 

Ù dd loro edificdte rendono mdnifiild proud, che esfi 

u*hdbitdj?erOjperche non furono gid edificdte dd ifuc 

cefforijiciudi licdccidrono,eft tennero le citù fecon^ 

io Polibio.e Tucidide. Greci poi uenutiui conndui^ 

tdifìcdrono lAotid^Soloente, e Pdnormo citti uicine d 

gli Elini,con iqudlifì confiderdrono. Ver congiettu* 

refi può comprender e, che M.otid fwjje trd Vdchino,e 

'Ldibec poco luntdnd ddl mdre , oue è hord lAodicd, 

dfitd id Tolomeo Motucdjterrd d noSlrd etd non 

ignobile. Etundrouindtd quaftnel mezzold Gei* 

lidyhord Mofvìi. Md non penfo che queftd ne quella 

fid Motid^udndo che Oiodoro nel i?. pofe Motid po 

co luntdnd ddl mdreje dd Vdlermo, dicendo c^haueud 

UH golfò dinidrfye Tucidide Id pofe uicind d gli Eli^ 

mi. Md più tcjlo [m doue fi uede und eleudturd d Po* 

ncnte non lungi dd Pdlermo , hord Mondello , perche 

uon luntdno fi ueggono le rouine nel cdmpo cdpdce^ 

hord feudo: inoflri lo chtdmdno Soldno oltre Id tor^ 

re^oue fi cdrricdno le ndui di fòrmento . E uifono poi» 

€hi ueiiigij nel monte Qdtdlfdro, e piglidvfi nel mdre 

• ••••• 

II 1(1 



$ I T O D I . 
àfidi Tonni. I fuoi cmpijpue fi nomd ponte rottOy fa 
no dd fiume Bleuterio bagnati. Palermo città fìi dd 
loro edifìcata,md ui è folamcntela parte detta C^ffd* 
. rojl reilo c nuouo.perche Id uecchid dettd NdpoU^fk 
4tuifa coH lito dd queiid fecondo Volibio.Quejid cit^ 
td è filicele mdggiore che fid in Cicilid^inund udUe 
dmem.e fertile a Settentrione c bagnata dal mare 
Tirreno lefiida Federico Re cinta dUlte mura : CT 
hord Id fortificano con bafìioni . LungoH mare è U 
rocca d mare^il fuo c divellanoci Girolamo fitfa di Pi* 
lermOjUqudlene la State dura 8. giorni fenzà bere. 
Sonoui anchora tre anti che porte e uecchie mura co 
torri di marmi iauorati,und de patiteUi , con lettere 
intagliate.che moiìrano Valermo effer fiata d tempo 
diNoe.La feconda ofcurajaterzit Bofuemi,uer quel 
la regione de Id citta dettd dntic amente Vulgariay ho 
Td l^rigdrid.SoprdHmuro dd occidente Roggero Co 
te figliuolo di Tdncredi,uinti c^hebbe gli Africdniy edi 
ficò id torre Ro/?rff, CT un^ altra detta Chirimbri , fii 
dal mal Vuilelmo fabricata. ha terza detta Vifandt 
cue è fcrnito il palagio fece il buon Vuilelmo. Dentro 
e una capeUa tutta di marmo a fan Pietro dedicata, i 
cui muri fono con marmo porfirite.e Parlo interfiati^ 
e con uarie figure: cofi parimente è lauoratoH paui^ 
mento, lui è fotterra und prigìone,oue Fedenco im^ 
peratore fece porre alquante nobil Donne nd 1542. 
di Martio^ne fiirono più uedute,laonde le chiamarono 
Donnesche uennero in mal punto. Et indi a 19 5. anni 
cauandouifi per fabncarui^^ronontrouatitre loro 



C I C 1 L r A- tft 

tcrpi intieri con le utfci ài fetd.Euui dnchotd un tem 
pio mdgmfìcoji cui muri ne Id pdrte di fluori fono beU 
Usjìmiyedifìcdto dd Gudltero drciuefcouo p drente del 
Rf . lui fono 4 . mirdbili fepolcri di mdrmo porjiri*' 
te,oue dicono effer fepolti t Rf , CT in uno di mdnno; 
(he enei mezzo, gidceCoflantid Kegind. Euui dnchù 
Id capeUddifdntdChriHidnd di mdrmo coni trdui 
iordti. Ld legge uietd che ui fi fepelifcdno huomini 
priuiti^md foldmenteKeeVefcouu Vreffo d quello 
uerfo Oriente è un'Kofpedale d tempo de noftri duoli 
tdificdtOjOue fi gouerndno gU infirmi^ fi nodrifcono i 
fdnciuUi,che dd pouere donne uifono mdnddti: dd fdt 
trd bdndd i il luoco,che chiamiamo Toco, oue ò per 
ànticd con fuetudine,ò p regdl benigniti pigliano ire 
Idcorond. P diermi ti public ano ecoAucono queic^hd 
no riceuuto la corona KoggerO:,due VuilelmiyTdncre 
di^Uenrico lmperdtore,¥ederico Qefdrefuo figliuolo^ 
Mdtifreddo,e Vietro Ar agone fi Re. Era in Palermo 
uh'egregio^e redi palagio fdbricdto dd Andred Cld* 
Tdmonte autore di und rebeUione di molti Prencipi.ho 
rd fi nomd Storio ^CT ^ 'Dogdnd de le mercdtdntie*- 
Buui ld curid pretori d con due dntiche {idtue.md non 
fifdd cuifujfero dedicate, Sono nude, e fenzd und md* 
no.Prejfo di uecchio Pdno è un facro mdrmo con puw 
tid^oro.quafi annullati, noma fi Marturana^e uifono 
Mondche. Accrefciutd ld città , Tdncredo bdiiardo 
ddmil vuilelmo slargò il luoco fìior de le mura. E 
Koggero Conte edificò ld cbiefd di fdn Giouanni ^& 
l^hojpitali de leprojì oltre la fi/ce di Oreto fiume, hord - 

U iiii 



SI T O D r 

Kirdgld. Otte c un bel ponte di pietra. ìHdfce il pum$ 
ne la ualle PanormUa, enei campo parco. Oue fono, 
più fonti. Trae Solcente e Palermo è buceto fvnte^ le 
cui acque uagliono a purgare il uentrt. Mifelemire 
è Mijlmelo fónte nel piano ad Oriente. E da la rupe 
tfcono moUi rampoUi^che fanno quafi un hdgo^ e no^ 
mcfi mare dolce. \ui i J\mbler fónte. A pie di monte 
regale è la fónte di fanta Dcminicd:^ altre due mag 
giore/ minore di Gabriella maggiore detta. Nifo 
adacqua il campo Z^za, che i nome africano. Euui 
ànchora il Borgo con diletteuoli giardini d fòggidr 
Africana edificato : Soncut por la maggiore e minor 
Cubajedificate da gli Africani quando tennero la Ciri 
lidjcon hortitriui de fónti ad ogni folazzo dccommo 
idti.Euui Bdiddjl^arabOjSicaria^ et Ani fvidi fónti jC 
Uerfo occidente à le mura Cdbnlingo. Ijetro ne fono: 
4'B5 ripofo.Guittd la terza fenzd nome^che fi fcarica 
in una pda fotta porta ofcura^e (parafi la più celebre 
fi pigliano d Paterno affai tonni . Diocle PanormttdL 
detto fiume y fii lUuiìre oratore , Antonio Bononto,^ 
huomo nobile fii di lettera {ìudiofo , cr a/ Re Alfvnfo^ 
grato.Nafcono fu quel di Palermo canne da zuccara 
in copia . Fanno t folchi alti in terreno ben lauora^ 
tOy e luntano dal mare, nel Martio ut piat^tano i no^ 
il de le canne dolci fenza fòglie ò fcorcid , e con tre^. 
cuer quattro pertufano in un tratto il folco ne la par 
te difopra . Adacquanfi la fiate, e li purgano da fb^ , 
tterchierame . VerfoHfolfìttio Brumale rampono le 
canne lafciandoui folamente quante radici badano i 



C re f L I A» iff 

per Vdnno fcgucntt e durdno due dnni . Tdglianda, 
poi mimtdmente It dolci canne cdudndone il fugo, co 
me fìfd Voglio , lo purgano in un cdiddio , e colanlo 
► per grcjfo panno . Dipoi ne mettono d ricuocere in 
un'altro caldaio,e::j'indi nel terzo buttandolo quan^ 
do boglie.perciò ti zuccaro riman nero alquanto,mà 
ricuocendolo fìngala terza fiata ^ dmene candido. 
V altro ricoUo de le radici rède poco, non letamddo 
il campo nel maggio. Luntano da Palermo 4 miglid 
€ monte teak citta-, in baffo celle u^rfo Occidente dal 
I 'Buon Vuilelmo edificata, lui è il nobtl tempio di fan^ 
I M Maria-,da mezo auanti uerfo Pattare di marmo 
hiancoy 9orfìrite,e lacedemonio edificato con uaric 
figf*re d^orojdlquale non fi troua in tuttoH mondo pd 
r^ngon^y Cr w é ftpolto effo Re Vuilelmo.Sono oltre 
Palermo più genti Je loro terre fono Gimina pro/?t« 
ina i Soloente Caccamo.e più lontane Batrafranchd^ 
Calatanij^ettddiutfd coni guddidel fiume da Hime^ 
ra ierra.Buonuicinoedtficato quafi a nodra eta^ Cd 
ftel nuouo più uicino. Bt Viccari po&a da Tolomeo^ 
cÀa Tucidide uicina ad Himera,enomata dà loro 
Hiccara» Diodoro dice che gli Atem^fì prefero Hic* 
C4ta terra maritima enrindi condujfero Laide mere^ 
irice beìlij^ima . E tAezni<^fifo Terrezz^ola . Vre^o 
Viccari ad Occidente. Non lontano da Palermo e |ÙJI 
do, ouer Feudo da la fide, e nomafì Gifala , oue fono 
C4ilde acque^ d molte infìrmitx gioucuoli. Kagionumo 
de i Greci, quai uenuti in Cicilia , ui di?dero leggi , r 
cpjtumi • Tiocle Ateniefe portata dal uento in Cicù. 



j I r o DI 

Uà • VtdutoH terreno ftrtiUyefoUuriOy tornò in Ate 
ncj e raccolto buon numero de Calcidenfi^ ioni , Do^ 
rienpy e lAegarefi, nduicò in ùcilidi e prefa Na/o edi 
ficòVdltdre dd ApoUo Archcgeto, ouefì fdceudno fd 
crificii. Primd che domundaj^ero gli oracoli coloro, 
che fìpdrtiudno di Cicilid. Ld cittd .cheerdoue 
chidniAno Schifo ,fiirouindtd dd Dionifìo Tiranno, IH 
ilgicudne Andromaco padre di Timeo Hiilorico^ 
r decotti molti^ ch^erdno dd ld rouind duanzati , hd^ 
bitònel coUeTduro.echiamoUo Taurominio. TrX 
Catina, e Mejiinayoue batte il mare^e tocca il Sole nA 
fcente e una parte di anVchij^imo Anfiteatro ♦ E due 
Ciiierne, una che rouind^VaUrd con 8. uolti demat^ 
toni i fojlentdtdychidmdnld Stagnone longa no. pie 
dilargd $6. cr dltd \o. Aid deflrd è Tauromino ^ 
fiume fecondo vibio Hard Cantdrd ,cr il ?onte det 
to (\lcdntdrd . L*dnno feguentedopò Nafo, Corinito 
fcefo dd Hercole occupdtd ld pdrte di Saragofa no» 
mata ifola^ e fecondo dlcuni Nd/b^cr Orti a, cacciò 
i Siculii CT Vaccrefce con la colonid del fuo popolo . 
ciòche Str abone feri ffe di Archid ,e MifceUoje con fa 
uole mefcoldto.bAolti teSiificdnOyche Sdrdgofd grdn» 
de^ebeUd citta con tre murifii per richezze^ e fòrze 
potente . Quando fi* pigliataj ne cauarono tanto bot 
tinoj^quanto i fatica s^harebbe cauato di Cartagine. 
Con laqudleper uguale uigore contendeud . Trioni» 
fio Tiranno cduò di Sdrdgofa no. miìlid pedoni , e 
li. miUid cdUdUi, e 400. nauiXrd fvrtifima per na^ 
tura, cr arteficio con due port'hquai hanno le cntrA^ 



1 



C I C I t I A. 

te àiuerfe , ma congiunta .Pufcitd tdquate fa Vlfold^ 
Erd rfÌ4. cittày una chiamafi ifola cinta da due por^ 
ti, i7 grande, cr d piccioloy cr bora e fola in pie, per 
che le altre giacciono à terra.ìAe le bocche de i porti 
me è cafieUo ^archety era la rocca di Tiranni , il 
palagio di Girolamo Re nclquale poi habitarono i 
"Pretori Romani, piena di teforo^ e fecondo lAacros 
bio di tante arme, che fe ne armerebbono yo. miUia 
huomini. Amiotempo è&ato trouato un ponte di 
pietr dj che conduceua à infoia 0 CTf/ fvndametito de 
la rocca con molte Hdtue, c un cdpo di marmo con 
quefle lettere EXTINCTORI TJRANNICAB. 
No/j fo chi rifdceffe Id roccd de i Tirdnni dd T/mo< 
leonte Corintio deAruttd . Md poi Komani la rouis 
narono ,edificandoui Marcher CafteUo . Nort con* 
finto d coloroj che uogliono 'Zabdalo effer fiata Id 
ftanzd de Tirdnni.M.MarceUo prefa Sardgofa^non 
Idfciò hdbitdre queìVìfold, perche Id poteuano definì 
dere pochi, in queU^foUerdno molti tempij, md due 
egregii^ uno di Didna, delqudle fi ueggono pochi ut 
Higii in und cdfd rinchiujì i l^incontro di fan Padoj 
Coltro di Minerud d tempo di Verre ornatij^imoy ho 
Td eia fedi a epifc opale foflentatadadue bande con 
coione dccdnneUate, e grdndi capitelli laflrcye tra 
tU.Braui dipinto il conflitto d cauatb di Agatocle 
Re, cr i muri con quefle dipinte tauole erano coperà 
ti dentro . Eranui anchord io. t duole con le imdgi* 
ni de i Re e Tirdnni di Qicilid egregiamente dipinte, 
leqim piaceuano , e per l'artificiose perche ui fi ue^ 



^ I 

S I T O D I 
iéudno le forme di quei pdff iti Vrencipi. Zrdui il cd^ | 
po di Niedufd cinto de ferpi , e le porte d'oro e d'duo 
rio con groffe boìledioro jimrdbilmente Uuordte^ 
Il fuo tetto cdde del uoo. CT uccife tutti quei che er 4 
no in grdn numero ne Id chtefdJoUmentefifdluaro^ 
no i chericiyche miniar dudno k i'dtdre.Ld beila roc 
cdy ne U boccd dd grdn porto dd Qeorgio Manidco 
ii pietre Iduordte edificdtd p nomd Cufle I di torre di 
Mdnidco .l^etd portd mdggiore erdno due montoni 
di bronzoy i qudi horx fono ne Id chic fd di Cdiìeìlo i 
ntdre di ? diermo. Et un^dltrd picciold d la boccd del 
picciol porto, Idqudle, perche e fdttd di nuouo, chia 
mdno cdfdnuoud . In que&'ifoU e Aretufd fónte mol 
to gtdnde d quel tempo, e piend de pefci,e con grdn^ 
di pietre fèrtificdtdjperche non fìd copertd ddl m^rr, 
àd onde di qud fi pigliano pefci d'dcqud dolce^ài Id di 
fdlfd. Tingono i poeti che kretufd compdgnd di DÙ 
ndy dmdtd ddl fiume Alfio de Id More4, jiiggendo fot 
ioH mdrejì mutò in fonte del fuo nome. Et hard, ben^ 
<he e minore, mette nel grdn mire. Poco Imtdno e il 
fiume Alfèoj ilqudle forge ddl mire dudnti k id bocca 
di quelli con tdnto ^rore, che non ui fi poffono dui^ 
cindre le ndui . Etun^dltro fiume pur detto Alfio 
mette mi grdn porto. MidqueBo e Andpo fecondo 
Tucidide, cr dltri ndfce d Id fonte Guffird , preffo ì 
Bdfemd nuoud terrd • E fcorre per id udUt,che lo di^ 
uide dd Pdcioroy hord pdldzuolo . Indi ud i Cdciro 
hord Cdffdro (quedi luoghi mediterrdnei nomdti id 
Tolomeo) e Idfcidti d fmijlra Ferulenfi nuoui popoli. 




CICILIA* tsf 

Idgnd Sortirlo Jelqudle non fanno mentìone qucUcht 
firiffero de U Cicilid ♦ E pigliando molti fonti ment 
fu que di Sdrugofdy oue fi cduuno le dcque Gidne, e 
Id ^nte di Noto duemiglid lontdno dd Id porta. Eneo 
fiume non lontdno dd Nofo citta.fondò hord fiudo,e 
finalmète termindtd in un Ugo ne Id udUe^et oltre ti. 
miglid fik quel di Sdrdgofd preffiy Anapo non lugi dd 
Ciane fónte rifi)rge dd un profóndo lagone chetdmen 
tefi fgombrd neVAndpoMldgo detto pifcind:,poi Vif 
ntdy e fecondo dlcuni doueVlutone con Vroferpind 
entrò fotterrd . Perno Sirdcufdni ui celebraudno an 
niuerfdrie folennitd^ dicendo j che quiui fi trouduano 
i ue&igii de i Dei . Cicerone contrd Verre dice . L4 
fi>nte Cidne hord Vifmd di Cirino, fu fecondo le fduo^ 
le l^imfd dntdtd dd Andpo fiume. Vlinio Iduda tre al 
tri fonti fu quel di Sardgofd^ T€m€nite,Archidemifd, 
€ Merged.ìltèpio di Gioue Olimpio lontdno dd Sdrà 
gofd 1 500 . pdj^i con olimpio terrd rouindtd^ mira 
uerfo Anapo , cue Ateniefi^ e poi Komdnipofero gli 
fleccdtiy e uifono dnchord le colonne • Non lontdno 
id Olìmpio^ e Acdrndnid , de Idquale non fi ueggOf 
tio ueiiigiij chidmdno hord Cdrrdnoquel luoco , che 
i ne Id regione dettd Vdntdno. Per Id pdlude dd Olim 
pico dettd LifimeUd dd Tucidìdeja noi Pdntaneìldjk 
troudtd una uid con Idrghe pietre Idflricdta , te cui 
pietre regndndo Carlo ^.giouarorìo a fòrti ficdre Id 
cittdAl uerno non fi può paffare per quefta udUe,tdn 
to il fango i profóndo . Oltre Id fóce di Anapi c 
U uid Elorind, bora Calorind a mcKZo di^ tuifi &tn 



SITO DI 

de il promontorio vUmiriOy nomato dd Virgilio , 
euuiund citù dt medefìmo nome faccheg^ata , e rei " 
uin^ta dd Cìlippo Corintio.Venuto in a uto d SirdcH 
fdni ajjcdidti . il promontorio chidmdno Mdffocliue 
re , Vdltro c detto Kdifcanftr in uoce Africdnd. Vnd 
picciold ifold nel porto mirduerfo Plemmirio ♦ Di 
foprdcercd 6. miglide lungo promontorio ,hord 
Longinti.BttlcdmpoLongarino. Terfone iuinon 
lontand ddl mdre, hord Tirefìe rouine. Giarti cdm^ 
pò, chefiidi Vionifìo jirdnno. Vdltrd pdrte di Sdn 
ragofd dettd ^icondcittd è più propinqud d Pìfoldy 
luoco più dito, CT dbbrdccidud Acrddind , e Tird le 
altre due cittd di Sdrdgofd .Uon fi ueggono molti 
uedigij di quefle due cittì per dij^ofttione de Komd^t 
ni . Terruchite.poi Terrdcdti. Acrddind è più uici^ 
na al mdre, che le bdgndud il muro . Secondo Liwo, 
cr e in quelld un gran /prò, oue C. Verre pofc Id fu(i 
ftdtudf e quelld del figliuolo nudd , e l^dltdre di con^ 
cardia. Portichi bellijiimiy un luoco, oue fi congregd 
no i giudici, oue erd Sdfò con un epigrmd Greco,cT 
una larga curia-^detta Buleuterio coH tempio di Gio^ 
ue Olimpio. Ne Pultimd pdrte de Id citta à Settentrio 
ne erd Gdledgrd torre^ hord fcald Grecd.e fotta que 
fid i Trogilo terreztioldj hora Targia . Gli anni 
paffdtifiiui ed ifìcata una torre,et il porto deTrogili^ 
nomato dd Liuioyhoggi fi namd Sdntino. Ticd la ter 
za città in luoco eleuixto , hord detto Epipole . lui c 
haoddlo roccd detta dd Liuio . Efapilo, hard monte 
Helifo, le molte pietre di quel luoco cdudte, mcflranQ 



CICILIA- 1^6 

Idfud ftgurd.^Td prej^o al Epipole Pentdilo , ouc fk 
ViUuHre horologio di Biowfto . Vdntico Ginnafio 
tra fQprd la cdfd di Dionijìo.Vlinio dlii.CT il tm^ 
pio d^Efcutdpio.ouecrd Id {Idtud di Vcdntfàttdegrt 
giameiite , dUhord Sdcrd . Vdltrd d^Ari&eo nei 
tempio di libero. Et erani il tempio di Gioue ìmperé 
toreyoue c U iiatud notij^imdidicefì che ne erdno tre 
ài una qudlitì^ md Mdcedonicd, che fii pofld nel cdn 
pitolio dd Fldminio . Vdltrd neh diretto di ponto, e 
U terzd in queRo tempio. A pie di Ticdy e U cdfd di 
TimoUone corintio uicino d U cittì de ndtdgli del Se 
nator^ e popolo Sirdcufduo per fuoi benemeriti^ pue 
egli gid uecchio, e cieco bdbitò * Hor4 trd U rouind 
tecdfe^ e id chiefd difdn Vietro, er und fonte perpem 
tud hord Tremilin dettd^Erdn uicine le porte AgréL 
gdrie jC preffo d quelle fono molti fepolcri.Ld qudrtd 
attd ultimamente edificdtd fu chiamdtdNuoud citti^ 
hord Murdgli . Neld pdrte pit^ dltd è un gran tedt^ 
trotdglidto nelfdjfo^ d cui mdnc4 foto U fcend , e ne 
furono cdUdti l'anno pdjiato grdn fdsfì poco lontd^ 
no e un teatro d fòrmd oudle^ md fe ne ueggono po^ 
chi ueftigii, hord lo chiumdno fòjjli de grdnnati.ò Co 
lifeo d la finte, che bagna il tedtro ft noma Gdleroni^ ^ 
queUd de l'infìtedtro par adi fo . Verciò queile ampli* 
fic ate con gran fatica con ofcuri meati , ui corrono^ 
Cr eranui due egregii tempii . Hiero. dedico qufldi 
fopra d Cerere, teatro d Libero. Et eraui la fiatua di 
Apollo dettd Temide I capi de le colonne de i tem* 
pii ch^rdno in Sdrdgofd , forono pojli ne l'atrio di 



s I t 'o I 

tdnteon tn Koma, bora fono pófli d fdntd VLànd r# 
tonàd Secondo Plinio dà lAar co Agrippd. Lepore 
teyLenetidiy ptrlequai narra Plutarco^ che Bione 
éndò dd Acradind . Plinio dice che era in Saragofd 
Una fldtua di un fanciullo zoppo Jaqualc tnoUraus 
quafi a riguardanti il dolore de la ptdga . Làutumie 
bora T agiate fono prigioni fotterranne di faffo in-^ 
tagfiato^ oue fi rinchiudeuano i colpeuoli ancho de le 
€iltre citta, e uè ne fono bora cinque fcoperte, eccetto 
una uer mexo dì, nomata j^elonca di fan Nrco/o , out 
i la prigione fdtta dd Dionifio . Valtra uicina d que 
ftd cauerna, bora Grotta che faueUa, cr efjttà con 
tale arteficioyche Eccorifponde le paroleMfi^<^^^^^ 
gli accenti, la onde pare rhe uifta uno rinchiufo . So 
noui anchora tre Spelonche memorabili , la maggio* 
te ne la chiefa di fan Giouanni con larghe uie p ogni | 
uerfo, come una citta Sotterranea^ e fonone le murd 
intagliati nel faffo molti fepolcri , l'altra d la chiefa 
a ìMcia martire fitte effa /ù tormentata cr ucctfa,fat 
ta,non da natura,ma d mano. La terza e ne gli hor* 
fidi Santa Maria,ui fi entra per {irettaaperturafcé 
iendo aVofcuro \ S, pasfi,c^ andando auanti w uer 
fo oriente, jì troua un lago di acqua dolce.l^on e mai 
tanto turbato Paria,che non fi uegga ogni di il Sole 
i SaragofxiQicerone in le Verrine : ma io ho ueduto 
il contrario, benché di raro. G/i, Pompeo fece roui^ 
ttd'^e tutti gli edificij di Sdr ago fd, eccetto alcuni, che 
ftrono portati a Roma nel tempio di honore^ e di uir 
tu. Strabone dice che AuguAo rifece l'ìfola,oue bora. 

bdbitimQ. 



CICILIA. 157 

hdbitidmo. A mezzo din. miglid oltrd il LongdtU 
no campo Cucipdrì fiume. Tucididejhora CasfìbU: 
lejO' eiui appreffofòntdnebidnche. Plinio ncms il 
porto lìduiìomdco. Trd Sardgofd e Pdchino non 
u^e porto dcmo,md certe epiagogie dd fnmaruifìr 
Erineo fiume è oltre 6. miglid , hord Mirdndd , che 
ddacqud i capi de lecdnnedolci.A ifuoi fónti è Auold, 
terrdyOUe dd dito ccUe mird Pachino il fiume ^find^, 
YoJboTd fdlcondtd conferud U memorid de Id uitto^ 
rid Sirdcufand.perche Ateniefì con Nicea loro cdpitd 
no ui foro ucci fi, e pdr te prejì^ e ne le prigioni fatti 
morirejtal che non ne fcdmpò tejld. Verciò ogn'dn^. 
no ui celebrano una fefta a di Maggio . Na/ce 
prej^o d Ncto antica città, hord Noto juntanoda A* 
uold 6. migliale da Sdragofd ? 4. Soprd Pdchino 8. 
miglid.cT € fortificata d'intorno per natura. Qwifi 
fiume rende ottimi frutti quaft d^ogni albero. E/on/14 
cittd dldfòce di Elori fiume rouinata è luntanaó.mii^ 
glid, Ld fóce di Eloro uicind i Pdchino, hord fi chid 
ma Abiffo. Alcuni affermano che Pachino foj^e un 
fiume. Da Vdltrd pdrte 4 Settentrione mette, Cicero^ 
ne i Bideni popoli poco dd Saragofa luntani. Bidi 
picciold terra hord Bigene tra Tapfo , cr Eurialo^ 
oue c una pivdmide mezZd rouinata : Eurialo è una 
eleuaturd con la torre hord detta Beluedere,che fcuo 
prc uno e l^ altro mdre. cioè il porto di Tdpfi da ^una 
parte^e dd l^ altra quel di Saragofa . In faccia è un 
monte tagliato giù al dritto, la cui fronte mira ad 
Burialo^il deiiro lato 4 / guardi di Anapia, cr il /?« 

KK 



SITO DI 

niUro a Tdpfo. Tucidide chumd U cimd Upa^ ho^ 
Td monte Crimite. Ee // luoco Leone yqudfì un miglio 
luntdno dd Jlpipoli. Liuio chi ama Leontid un fòrte 
luoco luntdno r. miglid da Efdpilo,hord non fe ne ue^ 
de ueBigio dicano. Tapfohord t ìfold di Mdnchifi 
dettdfenzd ue{iigio d'dntichitd,con un porto dd occi 
iénte.e ^ . migli d luntdnd dd Acrddind.Tucidide met 
te prejfo d le murd di Sardgofd Sicd terrezuoUy hom 
Td cdmpo Senecd. Caio Verve fece in Sdrdgofn und 
botegd^fdcendcuiconuocdre tutti gli orefici. Tm« 
ddn gioudne riccone mdV decorto rdccoglicndo d td^ 
uoidfire^ierije maludgi huominimofjefojlietto d Se 
lìdto. E fdcendolo piglidreji fuoi compdgnifi pofe^ 
To d difènderlo: Md fìndlmente fi* prefoje punito. Et 
il Sendto temendo di un fmile pericolo fece Idlegge, 
che qualunque fi rendefjè fof^etto di tirdnnid.gli^jic 
idtoH fuo nome fcritto in fvglid d^uliuo. Ldonde s'in^ 
tendeffe di effer bdndito per dnni e nomosfì Id legfi 
ge Vetdlifmo dd Id fògli d dVduo. Diodoro nel n. B 
uolfero imitdre gli Ateniep , iqudi perche fcriueudno 
in pietrd cottd.chidmarono Id legge onirici fmo. Et 
cffendo per Id legge Fetdlifmo cdccidti in efìlio molti 
nobiliti gouerno uenne in mano de plebei , iqudi pro^ 
cedendo d Id eie cd^confìi fero Id Kepublica. Cicerone 
contrd Verre dice^che in S ardgofdU legge comman 
ddUdjch^ogni dnno fi eleggeffe d forte il fdcerdote di 
Gioue^Ld legge Hieronid commdnddud che Jì uendef^ 
ferole decime. Qndndopproponeud nel Sendto Si^ 
racufdno dlcund cofdfigh'wio poteud dire il fuo pdn 



CICILIA* »r« 

me fenzd cfferne interrogdto,precedenio tuttduid i 
più honordti. Md fe tdceudno tutti^erdno d forte co^ 
ftrettidpdrldre. Sirdcufdni dnnuUdrono il mdgia 
ftrato dnnudle^che chiàmdUdno Ydtnuldto. Md Ti^ 
moleonte uinto Dionifio il gioudneJL^oràinò.Cercd gli 
huomini iUuftri di SdrdgofdjUgddmo Sirdcufdno^nc 
là Olimpi ddefii ne lo Hddio uittoriofo: e dicefi che 
non hdtmd midoUd ne le offd. Afilo ne Id 74 • Olinto 
piddecrHisbioneld ^9' fuuittoriofi> ne lo fl;ddio. 
ììermocrdte ducdye fommo Ordtore. CdUicrdte d^ds 
nimo udlorofi>,e ne Id militid ejl>erto* CoBui con Ld^ 
mdco Ateniefe mori in Sdrdgofd combdttendo in {lec 
Cdto. Uerdclide neld guerrd perito , erd dltrdmente 
d^dnimoin^ Abile. Erick juhuomo iUudre. Plinio 
dice che t^endndro Sirdcufdno gioudnefii dmdto dd 
un^Elefdnte.Mentonfidcduòdelpie d^un Leone un 
jlecco. D/or/e legisldtore hdued fdtto Id legge , che 
ninno anddjie in pidzzd con drme^^ efjendoui dndd 
io lui induedutdmente con Id fi>ddd , uno gli difie , tu 
contrd fidi dldtud legge. Md Diocle rifilo fe hord Id 
confirmerò, e trdttd Id fpddd s^uccife. Teocrito Si* 
Tdcufdno chidro nel uerfo Buccolico fu immitdto dd 
Virgilio. Epicdrmo Comico trouo tre lettere , zitdy 
xi, pfi. Efìi imitdto dd Vlduto. Hordtio ne le epifto^ 
/e. Egli ufdud di dire , Non uogUo morire , md non 
{timo Pejier morto. Formo fuo compdgno fii d Celo^ 
ne grdtisfimo. Vinoloco fu difcepolo di Epicdrmo^ e 
quel Eilemone,che uiffe dnni 10 1 , E Filemone fuo fi^ 
gUuolo amendue poeti. Cordx ò Coruo egregio ordn 

KK a 



SITO Tf ì ' 
torc-.Ti^d Sirdcufmohjuetìàoddluiimpdrdto Ke^ 
tcricd^gU diceud. S'io ti perfu^derò di non pdgartiy 
non ti pdgheròie fe non ti perfuddcrò, non ti paghe-^ 
rò: come d colui^che non m*hd infegndto Vdrte di par 
fuddere, A cui Cordx rifpofe ; s'io ti perfudderò mi 
pdgherdi: e nonti pcrfHiXdcndo.mi pagherdi dnchot 
Tdy come difcepolo di me più dotto. . ìndi ndcque il 
prouerbio di trifto Coruo cdttiuo uouo. Antioco Si « 
Tdcufdno fu hiftorico fecondo HdUtcdmaffeo. Lifid 
di Gorgid difcepolo e fommo ordtore. B/one ord^ 
tore. Cimd Yilòfofò» Biodoro nel i dice che ìsico^ 

10 fece un^ordtioneper gli Ateniefi gid uintiydccioche 
fujje loro perdonato, quantunque gli haueffero dmdz 
Zdto due figliuoli : Sofòn fommo poetd, Ld cui poejìd 
pidcque d ?Utone, Filemone Comico poetd i tempi 
d^Aleffdndro: fece 90. Comedicy u jie dnni 90. e mori 
iirifo. Sofifdne Sirdcufxno fiiunodeli j^Trdgici 
d tempo di Aleff andrò. Teodoro ordtore fcrijie de 
Umilitid. Temiùogone hifiorico fcriffe molte coft 

11 Ciro. Atendgord oratore. Acheo poetd comico. 
BpicidecfliippocrdtefrateUi inietteremo' in drmc 
fdmofì. Dione iUuilre e dotto neU uid VldtonicaiLd 
cuiforeUdAri{iomdcd fii moglie del primo Bionifìo 
tirdnnojlqudle fu dd ld fanciuUezzd dmmdefirato ne 
le buone drti,e fi dilettò di mufìca: mdfiidi red natu-s^ 
rd^dlefìco,c!r ingiufto.Ld mddre fud hauendolo nel 
uentre fognò d^hduerui un Satiro. E dif^ero i Galids 
ti interpreti in Cicilid.che farebbe quel fuo fgliuilo 
un degno huomo. E poco duanti che cominàd^e d 



C I C I L I A- trp 

regndreyhduendo Ufcidto nel fiume fommerfo Ucd^ 
Mdflo,poi che fu fcosl^to dlquinto.l'udi dtinitrire^e ui^ 
delifoprjL U chiomi un^ufcidme de dpi. Brd d^dnni 
7 ^.(j idndo occupò Id tir mnid.e regnò Fdceudfi 
tendere d fue figliuole^ e (^uxndo jicrono crefciute^uo^ 
ieud che con ardenti carboni gli drficcidjfero U bdr^ 
bd.zT i cdpe^Xi. E finalmente fi rinchìufe in und tor^ 
rcycome in prigione;^ indi pdrldud al popolG.^uo-^ 
cdndo d la baìldM^de d tenere Id wefti, e la Jpada ad 
un giouane dd lui amato: e dicendogli fcherzando un 
fmigUare,tudailau:tatua in mano d coSlui^quel 
giouanerifc^ Dionifto li fece amendue uccidere . De^ 
mode dffentatóre commendaua tutt^hora Dionifto J}<i 
uendo l'occhio d le ricchezz^ìC potentia di queUoitAd * 
Biomjìo fattolo porre in fedia d^oro^auanti una fon^ 
tuo fa menfdy gli lice appendere fopraH capo ce n und 
fetadicauallounafpada. Laqualefaceu a parere d 
D amo :le ogni piacere amaro . Laonde pregando il 
Tirannesche lo lafciaj^e partire^ dij^e, che non uoleud 
ej^er più beato. Hauendofì Bamone^e Vitia fatto fi Id 
ficurtd in cafo di morte, e tornando queìlo^che doued 
morire, il tiranno liberò amendue con dire che de^ 
-fidua di effer loro terzo compagno. Pififlide chieden^ 
dogli Biomfio una figliuola per moglie^ dijje, vorrei 
più tojlo uederld morta^che mdritdta di un tiranno. 
Vna uecchid facendo oratione per la ulta di Dioni^t 
fio, fìé da lui ricercata.perchefacejìe queito effa fold. 
A cui nfpofe queUd^io temo che fuccedd un peggiore 
tiranno di te Hauendo fpogliato di un mdnto d'ero 

KK Hi 



SITO DI 

td fldtui di Gioue olimpio in Acdrndnid , te ne fece 
uno d ldnd^con dire che qucRo le poteud feruire di 
ogni tempo. Leudndo le t duole d^oro de i tempij , ne 
kqudi erd ferino d buoni De/^ècewi che fi feruiud de 
la loro benigniti. Tolfe le tdzze d'oro dd le mdni 
de le Bdtue.che le teneudno [porte in ftiori, dffcrmdn-^ 
io che fi doued piglidr queUofche ci porgcdno i Dei* 
Tolfe Id bdrbd d^oro d Id &dìui d'Efculdpio dicen 
do^chkrd fconueneuole uedere ApoUo fuo pddre fen 
Zd bdrbd^e^ il figliuolo bdrbdto.Uduicdndo profpe% 
rdmente poi che fpogìib in Locri il tempio di Vrofer 
pindydiffe^Vedete qudntofono fduoreuole i Dei dchi 
gUfpoglidnOj ArifìippoTilofofv e boffone uedendù 
JDiogene Uudre le herbe^gli diffe ne Vorecchidjc uo^ 
lefti compidcere d Bionifio , non mdngieredi herbe. 
A cui rifpofe tìogeneySe mangi aBi herbe, non dndd^ 
reftid uerfo d Tiionifio. I^iccud Bionifio che il tirdn^ 
no doued Idfcidre U tirdnnid,effendo firdfcindto per 
ipiedi^non d cdUdUo. Dionifio fuo figliuolo filofofvy 
ntdpurtirdnnOjCdccidto di Sdrdgofd^tenne ScoU in 
Corinto: e mendndofordidd uitd litigdud per cofc 
minime. Nìfeodopò coftui fìtprencipcin Sdrdgofd. 
Ce f dio legisldtore fiori in quei tempi fecondo Diodo^ 
ro. Agdtocle di bal?d conditione fii poi Re di Sdrd-M 
gofd. EudofoComicofii fuo figliuolo. CaUidhiRo^ 
rico fcrifie i fatti di Agdtocle. Tilijlo poetd,hiftori^ 
co^ricco.z^ amico del primo lùiomfio , e /w non mena 
famofo in drme,che in lettere. Cicerone nel libro de 
l'indouindrelo commenda per dilìgete. lilifcce JW* 



s CICILIA* igo 

mino filo fofò. tìeroReprudente^e udorofo, Voli^ 
ioro legislatore j Volieno oratore furono a tempo di 
queflo Re. Andronodoro genero di Hiero,la cui nto^ 
glie fu da Siracufani amazzdtaj poi che hebbero uc^ 
cifo Hieronimo tiranno. Scopia Siracufano materna^ 
tico fecondo vitruuio trouò molte machine con orm 
dine^ mifura difpojle* Uippocrate & 'Bpiride ualo^ 
rofi capitani fecondo Liuio. Archimede unico ailro^ 
logo pofe ne la sfèrra i mouimenti del Solere la Luà 
tid^e de le HeUe erranti. Cicerone in le Tufculane. B 
fi* inuentore di machine di guerra. Vantandojì lui di 
mouere la machina del mondoyi prieghi di Hero Re 
fece muouere una gran naue fenza toccarla punto. 
Vn^Orefìce facendo ad Hiero Re una corona d^oro 
ui mefcolò parte d^ argento cauandone Poro. E non 
potendo il Re comprendere in che modo co{lui Pha^ 
ueffe rubbato . Archimede fi prefe cura di chia'* 
rirlo , entrando in un uafello picciolo per U 
uaro uifi comprefe^che quanto del fuo corpo entrata 
nel udfo, tanta acqua fi fpargeua . E tornato a cafa 
fice due maffe una d'oro V^ltra d^ argento di quel pe^ 
fo che era la corona^ ma era più grande quella iì^ar^ 
gentOy perche Poro è più greue . Et empiuto un uafo 
inacqua fìn^à Porlo ^mettendoui quella d'argento fi 
fpargeua più acqua, che mettendoui queUa d^oro . B 
pofta dipoi nel uafo pieno la corona trouò j che fi 
fj^argeua più acqua, che quando ui metteua la maffà 
JPoro . E conftderando quanto più acqua fi fpargei» 
UU con la corona^ che con lamaffa compre fe , che ne 

KK iiii 



SITO DI 

Voto erd mefcólato Pargento.ArchimeJe entrdto nel 
baglio coH corpo unto^ difegnaua foprd di/è le figu^ 
re h\(Xtmditiche . Pregò gli mici, chemettefferofo^ 
praU fuo fepolcro la sftrd coH Cilindro. Epoco dp^ 
preffojutroudtoil fuo fcpotcro fiiori de la porta 
Agrarid con un^epigrdmmd ne la bdfè , e la sftrd di 
foprd^ come fi udntd Cicerone . Vrefa Sdrdgofa , un 
folddto dntdzzò Archimede tutto attento d fue figu^ 
re, e Marcello gli fjibricò un fepolcro.vilielmo l?ers 
tìo Sirdcufdno mio atiolo materno fii ne le leggi peri* 
tij?im0y e compofe alcune opere. Te ila foreUa del pri 
mo "Dionifìo effendo da lui riprefa^che non lo haueud 
auifdtodelfiiggire di Volixcno fuo marito, gli rij^o* 
fcy mi reputi, ò Dionifìo tanto da poco , che sHo ha* 
ueffe prefentito il fuggire di mio marito, che non Phd 
ueffe feguito. Hùro. interrogdndold moglie fud^ per 
che nonio haueud dui fato, che gli putiffe il fidtoJ)eb 
he tal rtf^ofta .io mi penfaua, che putifie a tutti gli 
huomini . Hermonia figliuola di Gelone inferiore , e 
moglie di Temidi , quando certi feditiofi cercauan di 
eiìinguere la progenie regale^ uide , che la fud baiU 
hdueud poflo in fuo luogo unagiouanettd regdlmen* 
te uefìita, e marauigliandofx de la cofìantia di quella^ 
gridò, io fono Harmonia^ non uccidete colei^ e fiirono 
in una tratto uccife amendue . Plutarco ne i Paralleli 
per autorità di Gianippo dice, che Dofueo Sirdcufs 
no non fi curando difacrificare a Bacco s'^embriacòf 
euiolòneletenebreGiane fua figliuola Jaquule gli 
Èolfe l^anntllo di deto^e da ^wello conobbe.che era flap 



CICILIA* 

td uìoldtd da fuo pddre . Vetmtd poi und pejlilentid^ 
Apollo Vito rij^ofèy che bifognaua fdcrificdre quejlo 
molatore, e perciò Giane uccife il padre uioUtore.ln 
di i fette antìi Tor/e,e Calcidienfe uenuti di Nafo.pre 
fero Leontino citta ^rtilifÀma.e Catina.fuperati con 
guerra i Ciciliani . Ma fi* fecondo Volibio l'anno 
quinto . Leontino hord hitino, Popolo fa , CT antica 
città era cinta di muro . ds ff ^^^^^ <^S&on 
ta fi chiama città nuoua : ma è per le paludi hmnidt 
'con due coUi,e tre uaUi circondata . Zatina guardd 
d NiongibeUojUna torre à tre cantoni iui edifìcata.an 
chora ui dura , a memoria de i de fendenti . il muro 
con le rouine accrefciuto.era la cafa di Cor già Fi7o* 
fofò . li CoUe Uicrc poli fopr afta a la citta , gli anti^ 
chilo chiamarono polo d'Hierone , nelacuicimd 
trouano i contadini pezzi di Viombo . 1 campi fono 
di maniera fèrtili, che ft credette Cerere iui hauer in 
fegnato arare la terra.e raccogliere il fermento. Ver 
ciò i Leontini erano chiamati fi gnor i del fermento. m 
hanno in copia armenti, peccore emodo d'ucreUare. 
Cerca Leontino corre un fiume che ndfce da Cilepo^t 
Paffanito fónti prcffo d Frano fónte Urrà , cr Hidrd 
nomata dd Meó , cue i la torre , hcrd rotonda 
nomata uerfo Occidente luntano da Leontino , ìcds 
Ardchiamanilluoco. Qae/td fonte bagna MiliteUo 
terra non antica * Sopra queùo fiume e il ponte det^ 
to de la Kegina > cr intromefioui il mare^fì fa un la 
go nomato Vantanoyoue fi pefcano pefciin copia oU 
tre il ponte imglid luntano da la città e un^ altro U 



$ I T O D 1 

^ fatto l mdno non già grdn tempo, e nomdfì Bifdé 
rio. E perche uifi gitUno i minuti pefci nel mar pi^ 
glidti , perche crefcdno, uifi pefcdno le reti piene , i 
fi mandano de tai pefci per tutta Cicilia. Leontino fci 
più altre paludi^ che fanno Paria greue . CercaH pri 
mo di Maggio fajìi quiuiuna fiera uniuerfale . Eri 
neltenitorio Leontino un luoco anticamente detto 
foce^ e la rocca Briciniana . Gorgia Leontino Yilofo^ 
/d, e fommo oratore ,/w maeSlro di Socrate^e fecondo 
Cicerone egli afferma , che Poratore poteua di ogni 
cofa ragionare . CofJm uifft anni 107. fenzd mai cef 
fare da gli Hudiiy cr effendo dimdnddto , perche uo^ 
leud tdnto uiuere,rij^ofè io non ho di che ramaricar 
mi de la uecchiezzd: Effo fi rizzò und jlatud d'oro in 
Velfv . Herodico fratello di Gorgid fii medico ecceU 
lente . Icete da Sardgofa defcefo^n acque in Leontino^ 
e fu de Leontini Prencipe huomo inquieto , cr auda-^ 
ce^fopr a Leontino, e Hidre terrdlontano 6. miglia^ 
e Boccherio nuoua terra^ oue e Berigeim fonte di lai 
te . Bedeni popolila cui terra Bizino non è ignobile. 
Et è uicina Licodia . Da Valtra parte e Murgantio 
8. miglia luntano da Leontino k Idfòce di Simetto fu 
me.ld citta da Murgentini popoli d^Apa edificata, fU 
da Cartdginefì dedrutta ♦ Uora Murgi, CT euui una 
torre folamète per lo mere atoH^fòrmento' fui lito del 
mare Ciciliano . Simetto ndfce da f>nti hora nomd 
ti Mucubbd , Lucula , oue fonocafe , Cannali fc agno y 
fonte Ytrrdtoji le quai e uicina Kea citta antica fem 
conio Diodoro nel lu Tolomcold chiama Mena, 



C I C I L I 2g% 

hoi MiniOy cr t popoli Menanini fecondo vUnio . fi 
Cicerone Menenio era in alto luoco, md fu da Dwrert 
fio cittadino condotta nel piano. Hot a /? noma Bur^ 
go . Tra qucRa , cr i guadi fìmeti à ftagno Valico-:* 
ro facto a JDet ?alici:,ma più propinquo i Simeto qtd 
uiera il Dio de i giuramenti: Narrafì che Talianini» 
fafiiuiolatadaGiouepreffoà Simeto ,e forbita da 
la terra, perche non uenifje in odio a Giunone . al 
tempo del partorire, mandò in luce i Valici . Ariftoi* 
tile dice, che {iagno è una de le cofe mirabili del mon 
<{o, perche e Sulfureo, e tutt'hora boglie , cr andana 
do fiiriofamente i z. miglia ft tuffa fotterra ,oue era 
un horribil tcmpio:Africani pgnoriggiando à la Cici 
Ha, lo chiamarono Naftia, cioè trijlo odore, e uicino 
i quefto fono altre picciole Sortiue di quello logo. 
Valica terra, hora Valiconia da Valici Def nonluntd 
na dal lago fu da l^iileffo Durentino edificata . Si ca 
uanó di Simeto due fiumi, cheuanno a Guterra,uno 
con nuouo nome detto Bofarito poco lungi da Vlutid 
terra . Cicerone contra Verre ne ragiona * V altro 
comincia da Valiconia . Vlutia hora vlazd popolo* 
fa, d'alberi, e giardini ornata . Daidone terra poco 
luntanafiue fi crede che habiteffeno GaUi,cioc Longo 
bardi ucmiti da Viacerza-fperche ufano la loro fa^ 
Uella • Quiuipreffo Galatigina ricca, e poiane 
Valto monte . Credeft che fia Calata , ò Calinate da 
T^urentio edificata. Cicerone chiama i popoli Cala^ 
tmiirale oratoree Bemoilene hiftorico furono Cala 
tini • Verfo Leontio è Simeto,ilquale fecondo Tuci# 



S I T O D r ^ 

aie bdgnd ifuoi campi • Strdbone dj^rntd , che Cd^ 
tinenfì uicini i Leontini fono addcquati dd Simeto 
fiume: hord fi nomd coH ponte fdn ?dolo . Aid fui 
foce il terreno fi chidmx Simeto .E ne Id uilU Sigo* 
nid Micnu forgeno fónti di calde acque» A pie di Man 
gibeUo, c Cdtina citta uer mezzo di. Eu ir co :c deci ad 
i Ciciliani , ui condujp la colonia da Leontio . ver 
Settentrione Mongibeìlo è fruttifero de alberile uiti. 

La parte Orientale ha il mire CicilianOy e telonio 
uicino . Str abone dice che quejli antichi accettarono 
ifòraflieri . Hierone ui conduffe una colonia, e diuife 
loro il terreno^ e fù poi detta Etna. Ma rouinato poi 
il fepolcro di H'erone , e cacciatane la colonia , fu 
da nuouo chiamata Catina.Oue è il tempio di Cere^ 
re, con un^ antica fui {latua^ ne ifacrificij delaquale 
erano mmcffe foUmente donne, e uirgini. Queflo fin 
mulacro fii rubato di notte da i Scrui di C. Verre. 
marco Marcello ui edificò il ginnafio preffo a le mts 
rd.horafiueggonolefuerouine. Euui il teatro di 
pietre nere , r lauorate uolto ad oriente . luori de le 
mura è ^anfiteatro preffo al fepolcro di Steficoro 
Poeti Kimerenfcy oue è la picciola chiefa de la ma* 
Are di Dio, CT // giardino di Nicolo Maro, Nomafi 
porta di Aci ò di idei. Vacquedutto p diuerfi cdnoni 
conduceua Inacqua ne città ♦ Narrafi che ui erano 
i bagni con le colonne, cr epiteli, ew'é hora il tem^ 
pio di Sdnt^ Agiti Catinenfe. Hora il ginnafio di C4 
tine e d^ognifcientia copio fo,Car onda ¥ilofofvlegift 
latore de Cicilienfi fii di Cdtina Mimerco di Catina 



CICILIA. J^? 

fìi ricco ^ e potente tiranno 4 tempo di TimoUonte. 
1<\icolo Tudufco detto Abbate 5 che fcriffe in ragion j^fcolo 
ciuile /m di Catina , Arciuefcouo di Palermo, Gd^ Tudufco 
Uoto Bardafe di datura giganteajcuaua con lema^ abbate, 
m un^Afìno carico^ e firmaua un causilo corrente , e 
|w di Qdtina , tre fiumi , che diuidono il territorio di 
Catina fanno il pefcareffo fiume Teria, hoggilarott 
due ef:ono di Montifi)rc preffo a Brente terra, il ter 
zo bagna Cirami, Agira^ e Re Calbuto . Qtteffi Ui^ 
fciandofi Mongibello ad oriente^prima che peruens 
gano adAdrano.concorrono infieme à pie del monte, 
Teria ua prima a mezzo di, e poi ad oriente^e per lo 
piano mette nel mare di Cicilia tra la fi)ce di Simeto.e 
Catina. Chrifa bora Bitaino accrefi:e Teria, hd 
due finti uno uicino a Tauro,Valtro fotto Ltna , c fi 
congiongono ad Affcreyriceuendo poi Chri{ìa,eGur 
galonga fiumicello , entra in Teria. i^icofia incerto 
nome fecondo alcuni nomato Uarbita, Fileno Uerbi^ 
tenfe fii nobile ornatore. Altri dicono , chefii trasfi^ 
rita da Qafalini luoco uicino . Sperlinga rocca poco 
luntana in una rupe tagliata da una banda . Le ro^ 
uine moRrano, che uifiiffe un^antica città, Franciojì 
habitatori di quel luoco ucci fero i Ciciliani , che non 
gli uolfero acconfentire . Indi e il prouerbio . 

Negò Sperlingt$ cfuel, che piacqfje a Siculi. 
Bgio antica, e picciola città, hora gange . Tolomeo 
Vdnnouera trai luoghi ir.fra terra . Tullio chiama 
gli habitatori V,ngini. Vuui il tempio de li r*y^n ma^ 
dre, out Scipione pcfe coraz^, celate ccnfrip^ gran 



J I T O D I ' 

ài Hidrie, e ui fcolpi il fuo nome . Bicep che Leontini 
Vedipcurono . Diodoro dice , che Uptine . hngino 
^ tirdnno /w dcL Timokonte cacciato in Corinto. L'dn 
no 1299. Federico Re U rouinò, indi à 4. anni U rt 
ftce.lnfACcid è IPolitio mdgnifìcd cittdy de laquàe no 
fi ritroud metnorid dlcundAo crederei che fi nomdfji 
dd Pdltci Dei , ò dd Poluce . Qijt/t d mezzd uidC 
VetraUio terrdy da Vetrdde, oue forge una fvnte.de 
Id cui dcqudfi cdud oglio,come fe diceffe Vietrd Oledj 
hord Vetrdlid . C^eWogUo d'm\nno fatid le infir^ 
rrdtd de gli dnimali . Due terre uìcine di quciio nome 
uifonoy una difi)ttoPdltrd dip>prd . Cicerone chid^ 
md i loro popoli ?etrini,Di dietro è Nfccjìa foprddet 
td. Ad Oriente nel monte contrapoilo à Mongibello 
c Trdhnd cittd Trdhitiopoli detta fecodo Vulpidno 
Gdrgldno terrd i uicind , diuifd , dd Agird fiume^ 
detto dnticdmente Gderid , CT i popoli Gdlerienfi. 
Agire poSld nel monte è celebre per i miracoli di fan 
Tilippo . Ne la fua folenniti fi cdccidno i maligni Spi 
ritiy hord fan Yilippo da Agirio ♦ Diodoro ne le fd^ 
noie diceych'Hercole quiuifèce un Ugo, e ui fcolpi le 
imaginideibuoi . Diodoro |ù diligente hiHorico i 
tempi di Tiberio Cefare fcriffe |0. libri d^hiftorie, e 
nomoUi Biblioteca , de Pantichitd de gli Egittii de Id 
Cicilia , e d' altre \fole , de Id guerrd Troidnd ,edei 
fatti d'Aleffandro, e de Romani fin' dfud età . Cira^^ 
mi terra, de laqu ale niuno fa mentione , i appoSld ì 
Trdindd Settentrione, Tolomeo chiama CapatirOf 
noi Capltio, e Capitina. Cicerone dice. Koddrio ciU 



CICILIA, 2<?4 

tdcdd freddi moleftdtd^ perche e fotta MongibeUo 4 
Settentrione, vlinio U noma Tirdcio , e faj^imetitio 
ne de i popoli Tirdcenfi. Gurida fiumiceUo r. miglid 
luntatìo , md ndfcondendoft in und Cduernd ri/òrge 
in più luoghi fu quel diCdtind^e generdud peMentid^ 
Cdtinenfi lo chidtndUdno GiudiceUo^ Bronte dntic4 
terrd di fonte di Bronte fiume nomatd dd un ciclope 
compdgno di vulcdno.e fono ne i bofchi trd Kdnda^M 
ciò, cr Adrdno, Idqu'dle hord dettd Aterno e d pie di 
i^ongibeUo uerfo occidente uicind d Terid fiume,e no 
mdfi dd Adrdno Dio honordto dd Cicilidrù . E poco 
àpprejfo un^dltro Adrdno di fónte de Vdcqud firred^ 
che boglie.e non fi fi^urge, e pofloui dentro un pdnno 
di lino, ò di Idnd tinto di gidUo , lo fd nero ♦ Nomdfì 
fónte di Mdimone. C dfleUo di Etnd.epoidi Crufiu^ 
nudno, e per effer nel mezzo de l'ìfold, notndfi Vmhi 
lieo di Cicilia . Mongibello è in dito luogo ,^hddi 
foprd Idrgo pidno con und fónte perpetud. A mezz(> 
di c un Ugo , dnticdmente detto Vergufd , non già 
pieno di pefci , md di ferpi , Se ne feruono htnen^ 
fi per mdcerdrui il lino , del'qudle > hdnno grdtt 
coppia yBrdno rdccolti molti p^ggitim , trduagliò 
Btnd di manierd , che a fdticd a Komdni lo puotero 
caccidre. Cerere e Proferpind quiui nacquero , e ui 
fii rdpitd ?rofcrpindy perciò quefld citta d queUe era, 
facrd per commune oppinione.Euui und fpeloncd ui^ 
cind d'infinitd dltezzd, per Uqudle dicono che forfè 
Fiutone coU carro,e portdtafì U uirgine , tornò giti 
nonluntano daSdrdgcfd.ÓB^fìa Cerere in flituitut^ 



S I T O D I 
H quei fdcrifìcijyche fi fdceudno per lo tnondo.iiede^ 
le leggi infegnòNfo del fòrmento. Vroferpind figlU 
uoUfii rapitd dd Orco Re de Motori :,nomdto Due. 
Vel fuo tempioydelqudle ne fli in pie und pdrte dti^ho 
rd,erd di viarmo una Hdtud di Cerere:^ urtd di 
herdycioe Vroferpind. E U terzd di TritoUmo beUd^ 
grdnde. Ldàittud di Cerere teneuainmdtìo un fi^ 
tnuldcro de Iduittorid. lulonide medico dìEtnd fu 
molto celebre Cdldtufìbetd terrd i con und gran ual^ 
lefepdrdtd dd Etnd. Biccfiche fu dnticdmeute una 
grdn citùjhord A faro.Kel fiume Chiufd anddndo dd 
Afferò dd Etnd erd un religiofo tempio d Chiufd fd^ 
cro.riputdto dd gli Afferini Dioiil cuifimuldcro u'ei» 
radimdrmo. Etnd monte hors MongibeUo pieno 
difolfò.come è fecondo Plinio neimonti di Licid.fof* 
fidndo SubfoldnOjC Boreduenti ^mdndd fuori grdn 
fi dmme ^Tucidide nel j.de Id guerrd de Id lAdrcd ndr 
Td di qucjli incendij. Strdbone di 6 . dice.che le cene^, 
ri fparfe per i cdmpiji fecero d'ogni cofd fertili. AU 
Ihord Andpid con Aufinomo fuo fratello , portarono 
lor pddre^ mddrefuor de Id fidmma. Et i Cittadini 
gli fecero un fepolcro chidmandolo luoco de pij. Indi 
dd dlquanti dnnida ncuoufci fuoco di MongibeUa* 
Orofio dice che effndo Con foli SerutOyYluuioFldccOy 
e Qj Cdlfurnio Pipine arfe Mongibello,e fu quelTdn^ 
no U guerrd de Serui in Cicilid. E nel Consolato di 
Mar. Emilio^ di Lucio Greilenefe con più furore. E 
nel confolato di Lucio Cecilio^e di Q^.Tiro lUmminio 
più nacque tal fiammd i Catinenfi,che la guerra Ro 



CICILIA. t6s 

mdnd di anni i o. Arfe dopoH martirio ài S. Agdth^k 
del 254. Nelti6^.di Febrdro fu udito nel monte un 
gran rumore, e tremò la terra di maniera^che ifacer 
doti di S. Agdtha furono da la rouina oppresp. Nel 
mefe di Giugno nel ni 9. qnando fu l'ecclipfì del So^ 
UyS^aperfe la terra in 4. luoghi, e ne ufci gran fìam^ 
ma. CofìVanno auanti.o' dnckora quedo nel 1537, 
di Maggiorana mafja grandisfìma di folfò accefo , de 
laquale ne cadenano particeUe^che arfero hofchijaf^ 
fh rupi, e Mompiler, e Liccfi cajleUi. Quella ma^d 
fèrmatafifopra la cima del monte , laquale di giorno 
fi uedeua negrezzdree di notte era nera.con horror 
re de riguardanti , oltre che per molti di s'udirono 
fpauenteuoli tuoni . Le ceneri cuoperfero la Cicilia, 0 
partediCalauria. E uedcmmo l'aria tutta di fumo 
tinta. tiiongibeUo e copiofo de bofchi.e d'alberi frut 
tifiri.con più terre cerca le radici Catina é uerfo me 
zo di. Ad Oriente e una rocca, con la fua terra det^ 
idlaci dal acide fiume. Ne/ mezzo i porto vlij?e^ 
hora di Longina, a e picciolo. Dicono Qatinenfi che 
fu rouinato dal fuoco di Etna. Tre fcogli de Cicloa 
pifecond 0 Plinio à rimpctto di l^ifònia prcmontorio 
pocofcodatidala Cicilia, gli fcogli ¥aragloni:hord 
il promontorio fi noma rape de MdiniyVerfo oriens 
te al mare Ionio fono bofchi, e piani , detto Mafcari^ 
cr una terra de Videffo nome, in quefia regione poti 
gotto citta Etnauerfo Tauromenio.l^elpiano e Frei 
dofiumt,che ^ anticamente detto A ci e mette in mare 
preffo a Tduromenio. Narrano le fauole , che Ad 



SITO D 'f 
4mdto àd Gdldttd^fu percoffo conm fdjfo dd Voli^, 
jimo,e fimutò in un fiume. Calabimo e uicino al fiio 
fòntex^ hd dduanti le canne da zuccaro. Et un^al^^ 
trdpicciola ne bofchidi Eind à LiniSiUdgroffa . At 
fonte di Tduromenio e frjincmìldj e Cafugliano di^ 
uifedd LmoridcoHfiunre. Luntano ddlitnd \ 2^ 
miglid e Kdnddrio^e Chifdro. Nef mezzo ^ KucheU 
Id, poi Adamo je Catind. Seleuco f Agende fi figUuclcy 
di Etnd rubbdud il pdefe. md fu in Komd érdtiato d<t 
k fiere nel firo. Kecalbuto terrà i trd Agira'et 
nd. Ma non fi fdV-originedel fiio nvmejfi non fii 
Alceo terra: laqudle per und chief)ttd fattaui da un 
Re per notOjpare che fi chiamafie uoto Regale. Cen^ 
turipind cittdydettd ficondo Str abone Etna^ i in alta 
luogo a pie di Mongibeìlo ad Occidente , hard Cen* 
torbi. Vompeo Id rouinòiZ!r Augudo Id rifece^ bora 
ui p:>no poche cdfe di gioncv. Occupando Caicidenfì 
leontinoe Cdtind. Ldno Megarenfe condotta und, 
cetonia de Id Mored edificò d Pantagio fiume trd Sd 
rdgofii e Leontino Portino terrd. TrotiUo fecondo 
Tucidide nomdtdj hora Curcuraci:, rouinata , e uec^ 
chid* lÀuio nondimeno mette Herbe fi) trd Sdrdgoftj 
e Leontino. Cerere cercando la figliuola con due fa^ 
ceUc dfiefi in Mongibeìlo, cefsò di griddre d Vdntd* 
fiume Jd cuifi>cefi chiamd Marcellino. ì<\afce dd 
hdfauara fi^nte tra Serrino, e Leontinoy e tofio fi fcd 
ricd nel porto di Megdrd,Vreflo i Sortino terra fo^ 
no ue^igij di md terrd rouindta.hora fi nomd Van^ 
tdUcd molto luntdnA dd Vdntdgio « Milid fiume 



CICILIA. 266 

feconio Lruh e trd Leontino^e Sardgofd, hot d fiume 
di fdnto Giuli jLìio, Qdccidto poi àd Ldno ddLeonti^ 
tti^egli fi firmò in Tdpfo \fold,hord Mdgenfi co^lpor 
io uerfo Occidente , luìitdna dd Sdrdgofd 4, ntiglid. 
Morto LdnOjld colonid pdrtitd dd Tdpfo , con Hi* 
hlone fuo Re, occupdrono Megdrd , CT Hibld dettd 
Augujldyperchefii dd Auguro rifiordtd: effendo jlds 
td dd MurrelZo.e poi dd Pompeo rouindtd.Gli dutori 
pongono Hibldfoprd Megdrd,hordfi chidmdMifìU 
li. Megdrd ?eninfuld hdun degno porto dd Occiden^ 
-te il. migli d luntdnd dd Sdrdgofd. federico Impen 
rdtoreui fece und grdn Roccd. Trd quella c i\or% 
gdntio^e Id torre uerfoH mdre ionio. e noma fi Brucd. 
Ne/ mezzo c Tduro promontorio di fvrmenti ccpioif 
fp,hord cdpo difdntdiroce. Selint fi nomd dal fiu^ 
me di tdl nome per Id copid del Sdle,e bdgna cjfd cit^ 
tdyhord Mdzdrd: dd Mdzdro fiume chele corre ui^ 
cino uerfo Oocidente.Plutdrco Id chidmd Bgion,To^ 
torneo cdmbidndo i nomi, chidmd und per l^dltrd, D4 
Id fóce di Uimerd fin qud Ncque fon falfe.QBei ch^oc 
cupdrono Himerd,indi d 14 anni poi che Vmmilio 
prefe Se/m//, fìirono de Celone Tirdnno di Sdrdgofd 
cdccidti. Seiini terrd foprd SelinifiurnCy hord Sdle^ 
mo,é luntdnd ddl mire , e d'alberi fruttiferi copiofa^ 
Due cittd nomdte Terme , und de Uqudle pdrleremo 
poi,Paltrd e di mare Libico preffo d Seiini , hord U 
chidmdno ^drcd. E fonoui bdgni caWi, dd ognHn^ 
firmiti gioueuoli. Vdcqud d^un fónte uicino i quel 
koco poild in Udfofdttod figure^ fird tre giorni s'in^ 

LL a 



SITO Di 

iurìfce in pìetrd.con U iiiejie figure. TTd quffi'erd 
TentU cittd uicind al mdre , bora Upulici. Zrdui il 
tempio di Voluce4elqt4de dnchordfìueggono dlcurd 
ueiiigij* Bi (jud d le cane de le pietre un miglio Lun^ 
tdne di Seliniydi onde fono fìdte leudte grdn colonne^ 
i und uid de grosjì fdsfi l 'jlricdtd, hord Kdmdfdtd* 
Sonoui dnchordgli EnteUini popoli in EnteUd dnticd 
terrd.dd EnteUo compdgno d'Accfte nomitdi e pi poi 
chidmdtd cafleilo EntcUico.hord cdftel verrdno.Li^ 
libetdni precedono uerfo Oriente, Id cittd^hord c det^ 
td Mdrfdld pofid nel promontorio Lilibeo , dalqudle 
hdued prefoH nome, il fuo porto k mdn de^rd jù con 
grdn fdsfi rinchiufo ne Id boccd dd Komdni^che guer 
reggidudno. il promontorio trd Id cittd, cr H P^^* 
tOjnon molto fi flende in mdrc In un*dnticd cdfd leg 
gejì fcritto in un uolto. 

I. CAESAR FL- 
P/o, filici femper Auguro, 
lA. Vdlerio Quintidno V. C. con. 
P, S. Clementie , pientiqì 
Eius femper dicdtisfmi. 

I L Gidrdino di <{ueUd cdfd e indffidto con ?<ic^ 
qudycheefceddldboccddiun drdgo. Vdcquedutto 
di pietre, e cdlce , e molti cdnoni entrdno per fotter^ 
Yd ne Id cittd. Voco luntdno dd le murdfono te cdue 
de le pietre, onde fecondo Ulibetdni fìirono cdUdte te 
pietre per le murd di Cdrtdgine. Luntdno due migtid 
iwidgrdii fdbricdCGnfcdlt,euoUi molto ofcurd^c 



C I C I L I A* »(^7 

fìmik di un picciol hdbirinto , chidtndnld Abbdtid. 
Verfo Settentrione é und fònte^ar un pozzo nel tenu^ 
pio.hord di fan Gioudnni Battifld^con pduimento d 
lAufdico Idtiordto: e ncntifì Lilibeo , dalqudle Id cit^ 
tójCr il monte hd prefo il nome. Sono con pdrolc di 
Solino perfuifx che u'hdbitdffe und SibiUd,e che uifid 
fcpoltd. irobo filofojv jii Lilihetdno.e Vorfirio um^ 
tì€ d Lilibeo per udirlo. I luoghi infrd terrd de iqud^ 
li dlcuni nomi nonftconfmio cogli dntichifono Su^ 
terd,Chiufd,fdn Stefdno.Prizi, VdUtioMriàno.Cds 
Idtdcbilottd. Bicep che Vroferpind dndò d Bibond 
terrd,orndtd de fontine d' diberi. Cdmdrdfinomd dd 
Cdmerind. Alcuni Id chidntdno Cdmdro,ilfuofdle c 
rojio,e credidnto che ^jfe nomdtd Giulidnd dd Giulio 
Cefdre. Sono d fuoi confini Bufuchino , viUiifrdncdy 
GibiUind,e Sdmbucd,trd Selmi.e Vdnormo dd und [or 
te di orgdnoòmdchind nomilo. Sotto Brice monte 
€ Drepdno luntdnd ddl promontorio Ulibeo cercd 
18. miglid. Acintio pume.che di due fi fd uno d Mdr* 
Cdnzd^oue è il ponte che Id dìuide. No» p nomd dd Id 
falce di Saturnom ddl lito piegdto.p come Rio prò 
montorio ne Id Mored, perch'i piegdto^ Drepdno fi 
nomd. Nel mezzo ird queiiiè cdpo fan Teodoro.dn^ 
ticdmente Egitarfo fporto nelmdre di Sdrdegnd.To 
lomeo uuole c'bauej^e Viftejfo nome dncho Id cittdy Id* 
qudl bellispmd è pofid nel piegdto lito , che fd un por 
to grdnde dd Occidente , A Id uedettd de Vìfold fono 
^.bddioni^nel più picciolo è Colombdrid roccd fvr^ 
tispmd, Glidltri fi nomdno Bgufd,e Sdcrd.hord ¥d^ 

LL Ili 



Siro DI 

uigndndyMdretimo.lcileudfo : E fasfì copiofof<xtedd 
portole dd ifdlfi Idghi^che fono dd Sole feccati.Scrì^ 
ue Polibio, che indi d ^o, dnri dopò edificdtd Sardgo 
[di Kodio,^ f<ntifimo Cdndidno, ò fecondo Tucidia 
'de. Antifimo di Rodi , er Entimo di Cdndid confide^ 
rdti conduffero de Id lor gente und colomd in Cicilidj 
^ occupata cdmpiLindijTuifdbricdrono Cela cits 
tinche è nome Bdrbdto.efìgnificd d noicdligine.Era 
Id cittì Qdlicdte tertd mdritima foprd un loco emine 
tener mezzo di d Idfvce d^Himerde nomdfx dnchora 
il monte Getd . E luntdnd d'Agrigento 24. miglid^ 
credejt che fuffe de le rouine di GeU fabricdtd : e che 
poi dccrefciutd da Acdteypigliaffcdd lui il nome» Atc 
niefì là rouindrono. e poi Gorgo uenuto dd Chio , (4 
rifece dUdKti Idtirdnnid di FaUrì. a/ Idgo Geloo 
erdno due fónti dindturd diuerfd^und de quali rendete 
Ud le fvmine jlerilt,e l^dltra fertili : md con tutto che 
glie fduoldje fonti più non fi uegpono. 

Audnti Id cittd erd und gr^n {iiXtud d'^ApoUo, Ida 
^Udle Cdrtdginefì uittoricfì mdndarono d Tiro .Tù 
mdgord filofofv di Getd fu difepolodiTheofraùo. 
Herodoto mette foprd Geld N\dttor io -, fecondo To/o* 
meo Macdrind. Cicerone ncm:t il cdmpo Mdcjiren^ 
fe.hord MdZdrino. Nel lito d pjiiflrd di Celd e He^ 
Tdcled cittdjdetta MinoidMclgurmente terra nuoud. 
Md jù dcttd ^\inoid,perche Minos cercando Dedalo^ 
iuifiiuccifo, Str abone dice, che fùlddantìa regalò 
diCocdlo tirdnno. P. Kutilio pretore ^accrebbe 
eonnuoud coloni d^ diedcle la legge di eleggere il Sed 



C I C 1 L I A. 

iìitto. IDìodoro tìdrrd ne le f duole che Dono L.<irf# 
Àtmonio Veiifìcò. A jìniUrd i Ipfd fiume detto dd lo» 
ro Hiprifd: d Id defird e hdfdlcondfd. OltreH Ugo 
i Buterio terra non luntdnd dd Uimerd fiume. Tote* 
imeo mette Herdcled più uerfo Occidente , che Agri^ 
jgento.e Geldjiiche e f<xlfo pdffdti anni i 8 o. Gtloide 
Cittddini,edirichczze,edtficdrono in quelldto Agra 
gdnte,Agrigento,oìtero comH)ord Cir gente , nomdta 
dd Agfdgdnte fiume per opcrd d'Arifione.e di Pifli* 
bicorne narra Polibio. IDue fiumi uniti nei'ufcitdjcir 
conddno un^anticd cittd^ufio ft ch^amd BrdgOy VaU 
tro di fan Bidfw^ e facendo m fiume jfì nomd Agrd^ 
gdnte.Non miffndce che Drago fiume fiif^e poi chia» 
mdto Brugdi.Pldtind fiume corre luntano dd Agrf* 
:gento za. miglid : nafce prefio Citfìelnuouo lungo d 
Sutera e Gamara.e mette nel mare, Biodorone i fat 
il di Filippo Re di Macedoni d^acccena che ft nomaffi 
Lieo. Il fiume riceue oUro fónte, che forge a monte 
fanC Angtlo'.anticamctc detto fónte dele Mw/è.E chid 
marono campo de le Mufe quel luoco^per doue corre 
il fiume. La fauaraterrezuolaèpocoluntdna. Vo* 
glicm alcuni che Agrigento fi nomaffe da Agragans 
tt generatore fecondo Virgilio de magnanimi cauaU 
lìjhora monte fecco. Quefla citta non cedeua per ric^ 
chezze a Saragofa.efii dopò molt^anni da Cartdgi^ 
nefì rouinatd. Melalo e Terifo uenuti da He/f d cit^ 
ti di Lucdnid^ji ri fecero. Cicerone contrd Verre dice 
che Tito Manlio lafciate le rouine di quella, raccolfè 
irima^ Cittadini.et aggiuntoui de utcini popoli una 

LL iiii 



/ S I T O D I 

coloni di edificò U citti nd coUe nontdnioU 'Etned. 
Sono adunque Agrigentini uecchi,enuoui. Scipione, 
fece la legge che s'eleggej^ero nel Senato tanti de uec 
chi Agrigentini.quanti de nuoui coloni. Ne la piaz^ 
Zddelanuouacitti è fcritto in una pietra. 
Concordia Agrigentinorum facrum 
Refpu. Lilybetanorum . dedicantibus 
M. Hdterio Candido proce CT h. 
Cornelio lAarceUo Q^. 
In queUa uecchia eran molti egregii tempii^uno di 
'Bfculapio molto honorato à quel tepo , con la fìatua 
beUiJ^ima di Apollo , posiauida Scipione, e robata 
ia Verre^nel cui fianco era intagliato con minute let 
fere il nome di Mirone fcultore, cr una di Valladefe 
condo Viodoro nel i ^ . oue GeUia Agrigentino , poi 
che pigliata la patria, era con molti jiiggito^per non 
dar [e in mano de nim'cij arfe il tempio, e chi u^erano 
dentro. Agrigentini lo chiamano ?uzellaro , e VaU 
tro fan Gregorio , che pn^ad hora fìuede.ìl terzo 
tempio di Giouenon fìpuote fornire per la guerra 
Cartaginefe . Er<< lungo j4o. piedi 6olargo, cr dU 

10 no. Non era il maggiore di quejio in Cicilia . Le 
colonne mofìrauano fuori fórma rotondale di dentro 
^adra . Nel portico ad Oriente era fcolpita artefi* 
ciofamente la guerra de giganti^e da l'altra parte U 
[confitta di Troia . Cauetta, oue Cartaginefi con ope 
ra dimolti ferui cauarono gran colonne e pietre, er A 
uicina. 'Et ancho molti acqucdutti [otterrà noma^ 

11 teaci da ¥eaco . Brauiuna pi[cina[atta i manose 



CICILIA. i^P 

piend di pefci.Biodoro U chidtnd porti . Circondi 
un miglioy c profóndi 60. piedi, e ui fi uededno nuo^ 
idre ajfdi toni . poi ripieni di fingo, diuenne un 
ampo di pidnte copio fo . Cercd 6. miglid unfo Set^ 
tentrione è und biincd terrd, che non produce herbi 
alcuni, mi di molti buchi mindi fluori liquido fin* 
go, e rijj^ingc con empito uni uergd, chcui fu pofti 
dentro . Micdlubd Id nomino Agrigentini . vfi* 
Udno di iUcudre molti cduaUi per mino de uirgini, e 
finciuUe Minto che Efeneto Agrigentino li 92.0/òn 
• piidehebbeneloiìddio too. Cirri tirdti ddCdUdUi 
biinchi, com'ifjirmi Diodoro t li conduffe pompo fi 
mente ne li cittì . Vlinio tejlifìci^cheì molti audUi 
Agrigentini fiirono rizZdte Vir amidi, le Sitine cdn* 
tirelle di minbilenitun finno fale^che fi rifolue 
coH fiiocoj e fi nlfodi con Vicqui . Vn'oglio auito 
de l^icqud dettd fdntd uicini ì l'dntica cittì purgd^ 
ud il uentr e. Agrigento non eri per delitie infiiiore i 
qualunque dltrd di Cicilid , cr effendo aff^didtd di 
Cdrtdginefi, ordimrono, che ciifcuno hiueffe foli* 
mente um coltri, un lenzuolo , ^um ueSe di peUe, 
giudiando, che queiìo fi^ffe un gnndijiimo incommo 
do . A^ìtiftene , e GiUii Agrigentini fiirono per rie* 
chezze fxmoft . Antigene ne le nozze di fui figliuo* 
li diede fontuofi cena ì tutti i fuoi cittadini, v if>* 
risieri, ch]erino uénuti k uederlo . GiUii nobile , e 
prudente fii di tal mdgnanimitì^ che metteud fdnciul 
li <t le porte, iqudi gli conduceuino ì cdfi i fònftieri. 
Cento irmiti audUieri di Geli fuggedo U pioggii, 



SITO DI 

liriiuffero in Agrigento, CT dUoggidti dd GeUJjeb^ 
berQ da lui uejli per cdudrft le bdgndte. Cofiui mdM 
ddto dmbdfciatore d Cerìturipitii^erd da lorofcherni 
to per ejjcr picciolo^ e brutto . Perciò egli rifpof^jgli 
Agrigentini i le egregie cittdntdndaudno huomini 
belli, CT d le brute^eutli huomini d quelle fmili.Acro 
ne Agrigentino Yilofojò, e medico uijfe in Atene dudti 
ti Vitdgord. Empedocle in ognifcientid chiaro tene* 
Udychel'animd fu{fe il fdngue fparfo ccrcaH cuon 
re . Empedocle ?oetd tragico . Arcino compofe 
150. tragedie . Metello mufìco. Platore chcinfcgno 
mufìcd d Mofco oratore^ fu auditore di Gorgia, fa* 
lari tiranno d^Agrigentitìi^fìi fecondo Plinio il pri* 
mo tiranno dopo Tefeo, ha fua niJidre uide in fogno 
leflatuedei Dei, da lei [aerate in cafa ,e lAercurio 
fiargere fdn^ue di und tdZZa^che teneua in manoÀU 
quale caduto in terra cominciò a bogUere, cr riempi 
tutta U cafa.Ydldri figliuolo di Laudamante Candid 
no^rimanèdo orfano in fua fanciullezza,prefe Ernia 
per moglie y e ne generò Paurola . l ipoi cacciato per 
pditioni, uame in Cicilia, CT occupò i^grigento . Fii 
difvigulare prudenti a , in pace , cr in guerra chidm 
ro . Oltre l'efftr illuùre per lettere, e liberalità. Per 
donò a Stefuoro Poeta Uimerenfe / Vjjèr {lato confa* 
peuole de la congiicra^hauendo riguardo a ifuoi uer 
fìdiuini : PcriUofabro Ateniefe hauendogli fcolpito 
artefìciofamente molte cofe , hebbe dd lui cdri donij 
md hduendo l'occhio al guadagno , fabrico un toro 
di bronzo con tal^arte, che mettendoui détro uh*huo 



C I C? I LIA- lyo 

IHD coH fuoco fatto , non s^udiud uoce di huomoj rnd 
di toro. Fdldriintefo quedo^m jvce primierdmente 
porreefjo PeriUo^comcinuentorecrudclij^tmo di co-a 
fi fiero tormento . 1/ tcrcportMÌ Cartagine -, fu 
foi dd Scipione reiìitutt) d gli Aorigentini^ con dire, 
<he mirando cjucfto toro ^ confiderajjeno di hducrc 
und memoria de la loro crudeltà ,ede ld manfuetudi^ 
ve Komand . 1 luoghi infra terrd non molto lontani 
dd Agrigento, Siculiand da Siculi^ Kecalmuto^Muful 
melile Sutera più luntand* Naro popolofd cittd, non 
fi rafjGtnigl'd co gli dntichi nomi . JJa oriente e mon 
te chiaro con Id roccd, che guarda il mare . Qg;«/ c 
la uena del folfò roffo . Vogliono che Trinacria fiifjè 
nobile citta jbenche non fi fa cubila jii(Tc:Vur è manifi 
tìo, che Sirdcufanild rouindrono ♦ Zanda un miglio 
luntdnd dal lito falcato y era fecondo Polibio lun^ 
idud und giorndtd. 1/ porto è nel goljò^oue è Chierdf 
perche uolendo Cicilidni mostrare, oue fu la citta 4if 
fero^ chi era^ e coft fabricarono chi era , e da la pies 
gatura del lito la chiamarono Zancla . Vanno dd 
idcreatione J4?t* perche allbora siciliani fecondo 
Volibiofi Tucidide hiamauano ZacU la Falce, Strd 
hone dice che Nafii l^edificarono . T^iodòro ne le fa* 
noie afferma, che Zancloto Re l\dìficò , e le diede il 
nome. Mi poi che Ariftone,e Penilo tennero Agrigett 
io. Pevere Cumano,e Cratiamene di Negropof?te, ue 
mticoKnaui in Cicilia per robbare , ui tornarono 
poi,e cacciati i Ciciliani.prejèro la citta, Dipoi fiirno 
€dcciati da SamiiiC da ioniij che jiiggiuano i Mcdht 



SITO DI 
a qut&ifu Cdàmo Coo . difingoUre uirtu , CT inte^ 
griù . Simcufm bÀnditiy che fi nomdrono MelchiH 
s^dccompdgnarono con coHoro . Coft i XdticUi con 
tdi compagni occupdrono nimerd . An api d figlino^ 
lo di Cretoneo tiranno de Regini , Indi d pochi dnrti 
U cdcciò, e fdccheggidtd Id cittd Id rouinòy cdificdn^ 
done un'dltrdjaqudle chidmò Meffand dd Meffdna 
fud pdtrid in Acdid . Ddld piegdturd delportOyOue 
c VdrfendUy e ddl pddgio di YedericOy e dd Id portd 
di cdUeUo i mdre, ouc fi dice, che dnticdmentefU und 
roccd . Qu^'fld fepdrdud coH muro il borgo Mdlfitd 
nid dd la bedd chic fa di fantd Marida e de Id chiefot* 
td di S. Lorenzo, eudd fant^Puitonio fvi^d Id portd» 
Md quel che fi uede fÌ4or de le murd , che pare una 
hcUi citta, ui c flato dggiunto dopoi . Morto Andft^ 
la yfuoi figliuoli fiirono nodritifotto Id tuteld di Mf« 
chito fèruo , ilqudle poi che furono crefciuti^rendè lo 
vola fìgnorid . Et ducnne tutto quedo auanti chei 
Mamertini popoli di campdnid dffoldatidd Agdto^ 
c/e Ke^ddefcati dd Id ricchezzd, e dmenitd del luogo, 
occupdrono Mejfand . Ldqudle hord profperdy e rie 
Cd t luntand dd l^ìtalia qudnto i il mdre di CdribdiyC 
firtifìcdtd da occidente concerti coUi: abbundd di 
fòrmento, entinca de bofchi . il fuo mdggior ricclto 
confi fle in fòglie de mori. Ld fetd di Meffdnd riputa^ 
ta ottima, e mdnddtd per tuttd Europa • E porto fì% 
euro i chi paffdno dd Cdribdi d SciÙd , e queSio bd^ 
gnd la città dd oriente . A ld chiefd di fan Trdncefco 
miefi parte di ar.tichijiimo dcquedutto . L4 /onte ài 



CICILIA. i7« 

leone detta di continuo ferue di dcqud ne U citti,con 
und pild mdgnifìca Bcueratord nomdtd,ou€ mendno 
d bere i cdUdUi.Elugd quaft 317. piedi.eUrgd 11. Et 
€ cintd dd due caneUture und gavded'dltrd picciold. 
In cdpo e una pila di 4..fime,nel cui centro è und co 
lonnd foprd ^.leoni di mdrmo.Sopra queUd un^ahrd 
Tild con und colonneUd, e foprd quella Mtimd P/7<<, 
fòprd laqudVe Meffxnd di marmo in habito fimirrile, 
nel cui petto e fcolpita ["irfegna de la Cicilia . Vacs 
qua continuamente correndo per canoni uiene d quel 
Id Fila quadrifórme. ìndi poi ufcendo per un bucco 
de la pilaM ptr occulti meati ad ufcir de Vombilico 
d^und Sirena:, che tiene una ferpe . l^altra parte 
un fanciullo nudo di marmo fopra un delfino^ che md 
dd acqua per le nariy il fanciullo hduna lira , e moM 
fìrd che catiySonoui due datue di marmo di Scipione 
t d^Annibaky quaft per uecchiaia confumate . 1/ ferrti^ 
pio di Cajlore.e di Volluce.è hora facro a fanta Pro 
fonia fiiori de la citta e il picciol tempio di Venere ho 
Td d fanta veneria facro. Bicefi che /m tempio di Nrt . 
tuno, cr hora di fan ìsicolo . La cafa regale tre mi^ 
glia lantano da Meffana , d mezzo moftrd anchord 
certi u e fti giachi dm ano quel luoco Cajìagnito del Rf, 
la citta da mezzo e fornita di amene w/Ge, per la uid 
V aieri ay fecondo Strabone andauafi da h/\effana a li^ 
beo . vn ricco huomo di Meffana^ e liberale haueud 
una cdfdy laquale hora fi uede preffo al palagio dd 
Uefcouo . In quella e un tempioy cue fono 4. fiatue bel 
Udirne una di marmo fatta da Trafttek , dd [*altrd 



s I T o r I 

pdrte.equeUd di tìncolefattd di bronzo e diccualt, 
che erd opera di Mirane . Bue altre Udine minori di 
bronzo drtifìciofmente fdtte in hdbito uirgindle.le^ 
quii fi teneuano con le mdni in cdpo certi fdcrijìciit 
€ nomdUJLnjì Cdnefvre . Hord Id piccidd chiefd i fds 
crd d fdn mcheleSimdco di lAeffdneo neld 7^.0/tm 
piddefu uìttoriofo ne lo ftddio.Diodoro nel libro 12. 
Leontifco Meffxneo /w foprd ogni bumdnd fòrzd gds^ 
glidrdo , e nomosft kcrocherfue . E uenne in ogni 
fcientid jperto'/criffe de la natura de i Dei Dicedrco 
Penp JteM'co , CT oratore egregio di Me^and yUdi 
'Aridotile . Scriffe i coilumi,e7 il pto de Id Morea, e 
fcrijfe le let^gi a fuoiicoflui non potendo intèdere, che 
cofdfdceffe l'dnimi, diffe che non erd dnimd. krifto-» 
tile Meffaneo fcrijfe dieci libri de coilumi, e de la na^ 
tur die filo fofìd . ìbico ?oetd Lirico.O' hifiorico ddti 
do in mdno de ladroni, cheto uoledno uccidere , diffe 
uerfo certe gru, che pdffaudno, uoi fdrete tcjlimone^ 
€ uendicdtrici, fedendo poi quei Iddrinel teatro, uide 
ro pdffdre quelle gru , CT uno di loro diffe con bdffa 
noce . Uccoti le gru di Ibico . Md ejjendo uditi ,/ùro 
no preft i Iddri, e couinti de l^homicidio^jiirono impe 
fi. indi é il prouerhio in cofd dubbio fa. Le gru di \bi 
co. Ufo, che ft?nificalupo ftnomò ancho Buterd 
hiHorico, € fcriffe molte cofe de la Cicilia , ?olicraic 
lAeffmer medico egregio fii d tempo di ¥ al ari . Cola 
detto pef ie per c^haueud ndturd di pcfcic,pcrchefcé 
dtua nel mare, e ftduafi due di fenzd, che dicano pe^ 
[eie l'ofjv'ìdcffe.Hduendo per due uolte cercdto le cdi^ 



CICILIA. a?^ 
uerne di C<iriWi , i preghi de nobili ui torno U ter^ 
Zd Holtd^md no?i ritornò più. Gioudnni Gdtio Mef* 
fanto pochi duniddietro /ù Ve fono CefJeditdnO} 
cr crd in filofofìa:, CT in teologid dottijiimo,egli dif^ 
fe j^effo d gli mici, che (juando fi perdej^ero i facri 
libri, egli ne teneud fi ftrmd mmorid , che li potreb^ 
berefcriuere . Andred, Bdrbdtio Giuriiid |w Meffd^ 
neo . Tr^t Meffand, e Tdurominio fono più terre , e 
cafe nei monti.foprdH mdre,cioè fortid, Limina,Scd 
lettd,ltdid,S:iuoìd,e Cdfdl uecchio fiume Enife, hord 
fiume di Nife con Id terrd de IHfiejfo nome . Qjiiuifo 
fio le uene, che generdno oro , drgento, mdrmo Por* 
firite, C7' dlcune inmdggior copia. Argento Pro* 
montoriOyhord capo di fanto Alej^io lutdno dd Mejid 
nd 24. miglia, e dd Taurominio 6 . Bd l'altra pdrie 
poco luntano dd Velcro fono due luoghi . 1/ minore^ 
cue fi pigliano anguille picciole,ma foauifime riceue 
per mio auifoV acqua maritima, per uene fotterra^ 
net . Plinio dice, che cerca LAeffana, e Mild fi fecca^ 
no le fónti ne lo inuerno^ eia &ate riforgeno . A fini^ 
{ira di Pelorio e ¥aUcri promontorio bora Kdjb^ 
colmo. I^opoH Faro è fan Michel fan Georgio, e Gibi 
fo terrecciole . Ne 1 monti Caflanea la maffa , oltraH 
lito, eia torre Diueto , ó Dimeto fecondo Tolomeo. 
Frima che {"arriui i Mila fono ne monti Carbarufd, 
Babufa, Saponarafan Mar tino, oltraH torrente Vi* 
mticoj Kametta,edifopra Rocca, Aa<itordm> Mon 
fòrte, e tra una, eValtra c il torrente . Segue Guaite 
rio urrà • Condro è uicino al Tirreno lito con m 



SITO DI 

fiume de ViSìeffo nome . Vocùluntdno e un fiume, 
un torrente fenxd nome . li^elmezzo c fdntd Lucia 
terrdy e poi Mild cittd hord Mildzo cintd ddl mdre, 
e ddl porto di mdnierd , che i fdticd fi può piglidre 
Zdnclei fecondo Strdboneld pofjcderono jin quejid 
tìdcque Focilide d tempo di Teocrito poetd Sirdcufd 
no *Zt nellito altre più nuoue terre CadrOiKeale. 
Luntdno ddl quale 8. miglid è fonte di fdntd Venere 
Sulft^redj neUqudUfìfdndno mirdcoiofdmente.comt 
lui fi crede, i rognofì, CT iuindfce un fiume. Ne i mo 
ti c Tripi, Kdcrud, Sdmperi, Monfdlbdno fepolcro 
Vi Kindldo dd uiUd nuoud.A Id fónte Relicone^e No4 
Td fiume, eforndri . Oltrd Id fóce di Uelicone , e Tm 
àdri cittd in picciold leudturd, edificdtd dd Tinddro 
marito di Lcdd, hord rouindtd . Scipione l'ornò con 
le freghe de nimici ,fpecidlmente di und beUd fìdtud 
di Mercurio, hord chidmdno illuoco Tinddro. Oue 
i U chiefottd difdntdMarid fìfd ogn^dnno Id fiera i 
memorid de V dntichitd*Bicefì che Orefle arriuò quà 
co^ fmuldcro di Bidna . Ad occidente e Timeto fiu^ 
me • Oltre la foce Pdtta citta contrd le ìfole Eolie, un 
miglio luntdnd dal mare,^ hd uefcouo. Non fìleg^ 
ge di queUd cofd alcuna, ne che habitaffero popoli da 
Tinddri ad Agdtirfo . Penfìdmo che fid Tinddri , ò 
deUfue rouine edificata , ó nuoua . Le terre uicine 
fono libriziy Giufdguordid . Motttdgnd , Cdfdle de 
Pdttdri • Ne i bofchi Fertili non lungi ddl mdre , t 
Alontio,cue fi uà difficilmente , hora fdnt" Angelo^ 
Aluntini popoli fon nomati da Cicerone ♦ Ne/ mezzo 

i Laficdr^ 



CICILIA- 

t LdficdTd nuoud tcrrd , ViUino piccioUy e difopra 
Umdrtini, E^ il fiume fenzd nome d più givudni con 
Idroccd Brondolo prejjo dlito yUerfoHmdr Tirre^ 
fio (Stimi Sin,i!^rd fiume Vcrid eNefohovd 
dd Id regione Nefid uicino dd Etnd 4 . miglia lun^ 
tana dal mdre: Ouidio tiomdlemddri l^efeidi. Ma 
penfoch'intendejfedi Kifd. Vndpicciola Chiefd di 
Sdntd Mdrid dd Omnte, kord fi chidmd Sdntd Md* 
rid di Nifìdd: d fuoi confini è Cd(iagnd^e Longo ter^ 
recciole. Segue Mitirettd^be fù, dcttd Amaftru: aU 
tre terre ne monti^ ne bofchifono Cefdledo.fvce d^Hi 
merd.GaUtid fecondo Plinio pdtrid di Gdldted.Tur^ 
turid, i cui Ciitddini udgliono d Iduordr di Getto rei 
mtaUi. Mirto terrd coHfuo fiume,^ oltre ilfìume, 
luntdnd ddlmdre 6, miglid,con lefue Ville MirtiUo^ 
ne Saludtoreidue Crdpi^'Belmonte.e Frazdmone. Bt 
cdmmdrdcoj Chida fiume memordbilej hord fiume di 
Kofman'no. Militeìlo, fdn frddeUoj terre con duoi 
fiumiceìli diuife,^ Ale drd terree ciuold. Tumulo tra 
il lito Tirreno,e fdn ¥rddeUo, oue è U chiefd di Alfìy 
Ee(/zo 3 e Cirino frateUi mdrtiri , Soncui ueiligij di 
dntichisfìmd cittì Jldqudle penfdno chejuffe Agdtirfo^ 
perche StrdbcneU pofe ^0. miglid luntdnd dd Tm« 
ddri. Plinio nomind ìerenft.e Vitienfi popoli da 
tacile Vitineo. Cercd Gir dei e fdn Mduro, e CdfìeU 
luccio. Nel giogo c mlefd eitti lA. Tullio Id no* 
ntd Hdlefuid , hord per congietturd è Cdtonid.oue^ 
ro CoUifdno ♦ Komdni ordindrono che C. Claudio 

MM 



S I T O D I 

ieffe kg^i d gli lEleufmi di eleggere il Senato . Cc/i 
Claudio U fcnff€,mttedoui molti btUi ordini de Mi 
gli huominiy del guadagno^ del cenfo e d^dtre ccfe. 
Càio Verrttoife i Dione Halefino un milione itSc^ 
Hercij. Vru oltre fono due fumi fenzd nomerà le jhni» 
ii di uno d Ldmotd tertd detta ¥ermo. Tufd tra due 
fiumi luntand dal mare due miglia . Volind fiume 
fòrfefy Alete^glic piccioUntld cima del monte tra 
firtsfi bofchi.dd Timoleonte Corintio ridottd in libera 
id, poi che cacciò Leptino tiranno. Monali fóce e tra 
Cefaledo e la terra fopr adetta. Cefaledo fotto alti 
monti e bagnata dal mar Tirreno , hora Cefalu. lui 
€ la chiefa catedrale da Roggero il maggiore dedi^ 
tata. Nel mare Cefdeditano fi pigliano molti toniy i 
euiuoui falano. Ne monti c Caèelbuono,Graterij 
ApneUo jòrfe da AfinofiumeMimera fiume^che diuit^ 
iel^ifolahadue feci y una a Cefaledo mette nel mar 
Tirreno. Valtra a Gela nel Libico , bora fiume faU 
fa. Uimer a citta occupata daZanclei. Condottcui 
da Euclide^ SimonCj e Sacone hebbero in aiuto molti 
Calcidenfi.e Siracufanibanditi.Eraluntana da i ba^ 
gni miglia in luoco alto^cr erauila fóce nel mec* 
zo. E fatta de mattoniy perche ui mancano le pie* 
tre. Gelone tiranno di Saragofa ornò ifuoi tempij 
con le fpoglie de Cartagine fi , iquai poi la rouinaro* 
no* I cittadini che fcamparono fi riduj^ero a i ba^ 
gniy perciò fi chiamarono bagni di Uimera y fecondo 
Cicerone contr a Verre. Eranui molte {iatue dibron 



CICILIA. »74 

Zo Jequdì Scipione uintd Cartagine le reftitui.ma poi 
Céo Verre le ^ubbò. Tra quefte c Htmcram habito 
fminite beUisfìma , con un corno in mano di fiori , e 
laiche pieno , lequai cofe fono Vinfegna de la città . E 
U Hatua in fórma di uecchio piegata con un Libro in 
mano di Stefìcoro, poeta Himerenfeychi amato da Va^ 
lari [acro, et ammaeiìratodale Mufe, Plinio dice,che 
un Lufì^nuolo catò neh bocca diSteftcoro poeta 
do era fanciullo. Narraft che Stcfì oro hauèdo copo 
ito uerfi.cotra Relcndy fii da Caftore e ?oUuce ciecd 
toimjL poi fcriuendo a fua laude, ricuperò il uedere.Fd 
lari gli dedicò un tempio^cT un fepdcro à pie di Ma 
gibello à fronte di Catina. 1 bagni d^Himera oltre la 
fice bora termini^oue i un celebre mercato di fvrmen 
to: c poRo in alto colle , e ne la parte fopraH mare è 
ne la rupe una occa. Sorgeno da la rupe calde acs 
que prefs*al lito de la città: da lecjuali eUa ha prefo il 
nome : oue e anchora un^ antica fibrica con luoghi i 
uolti y iui concorrono molti infirmi* Dicono te 
fauole che utnendo Hercole , le Nimphe aperfero It 
calde fónti k lAinerua. E uifìueggono antichi frag^ 
menti. Vacquedutto con alcuni ponti sfotto iquali 
uanno i torrenti nel mare , con altri canoni^^ un^ac 
quedutto di piombo. L^anfìteatro roi^'nofo con moU 
te fcale di pietre lauorate. Vna piramide di marmo 
con molte fiatue inqueUa intagliate . Ke lontrata 
del pin nuouo tempo c una tauola di marmo con que-m 
&€ lettere. 

MM t i 



SITO DI 

G. Lldefio Aquilio 

Tabio TitUno Cu. Ccf. 
Optimo dui dc pdtrono benemerenti ori. CT po^ 
pulus fpUndidisfme Col . Anghimcrorum Termit 
pecunia fuapofuit. 
Parte de U cdfa d'Aiìenio.ou^è fcritto in mdrmo. 

\. 

Aedes Ajienij. 

Aflerio nobile je ricco ^ conofciuto dudnti C. Ver^ 
perle fue ricchezze^ e poi per U fud mi feria, 
jldtud di cupidine d^drgentoinnome diAjienio 
conundUmpddix yfii portata al tempio di Venere 
Bricina. Manduuid monte da ììimera d Volitio fle^ 
fo:> fdceua co fuoi pdfcoli i denti d'oro , Qwefio luo^ 
cp è Nebrode copiofo di Baini , prej?o i bagni uer 
Vanormo pongono Agdteria ,eTirejìa fiume , iU 
^uale penfìamo che fia la finte di Trebia. Ne igio^ 
ghi infra terra^ e Calatauulturc , e Sclafani picciola 
terra. Cadamo foprddttto è uicino a i bagni. Acre 
flinio fa mentione de popoli Acrenfì, e Cufmena, oue 
• • habitarono Siracufani. Aera fii edificata 7 0. anni 
dopò Saragofd, e Cafmena 20, dopò Aera : ma non 
fi fa oue fiijiero ^fe claramontenon fit prima detta 
Acramonte. Vna terra a cjuella uicina bora fi chia^ 
ma Monterò ffo. Cafmene bora Comifo, Siracufani 
poiché Arcbia ampliò Saragofa m r . anni auanti: 
edtfìcaronoCamerina citta tra Vachino e Litibeo per 
opera di Dafcene^ Menecoloy bora Camerana al tut 



C I C I L I 27< 

to rouìndta da chi t'cdifìcdrono. Celo tirdmo U rU 
/ree, e poi rouindtaljijfvce nuoiu colonid. BiriUo fiu 
forge dp pò Bidcni,e mette nel niJirUbico. Nel 
mezzo è Ldbtfcaripicciolci terra. TrdCdmeritid e 
fdfkinoèldpéuie fdttddd fiume jlìqudle fÌ4 fec% 
cdtdy^indiprefd Idcittd. hd fónte i Cmcrind^ 
U cui foce chidwdno GrafiifccU , Valtrd di Df4i» 
na nel cdtnpo di ptntd Croce , hora Vdradifo. 
hd città dettd dnticdmente 'Buccd , hord Loti 
gobdrdo , c Hdtd dd udrie cdldmiti dffiitta . Se^ 
gue Limaguni fiume dppò Cirdtdni popoli ncmdti 
dd Cicerone, hord lardtdnd* Kdgufd nuouo nome, 
fii per mio credere Herminio dnticd terrd , podd dd 
Vlinio trd Cdmerind e Pachino» Qu<xfi d megpd ui4 
Montucdno fiume efcedald fvce d'Annalutdte fvn-t 
te^che forfè prefeilnome dd Acdtepietrd. A IHn^ 
contro forgeno acque dolci ne le falfe . A Id Jcftrd 
mdno è Vuzallo nuoud roccd , e ItucaUo fónte . Mo^ 
tucd infrd terrd popolofd y e poco luntand dal mdrt 
Africdno. Modicd è a le fonti dei fiumi . QUdttro 
miglia di foprd è Pozzo dd pruni Ja cui dcqud nel 
uerno filieudaltd iz. piedi. Cicerone parla del 
campo Muticenfe. 1/ fiume ouc c yiicli terrd amena 
forfè dettd Siculo^mxtte nel mare. Trd quefio c^i 
Ughi Elorini fono trepicciole fvnti con le loro fóci: 
mddue fanno Ughi pefcarezzi'hora una fi noma 
fòntedi Samuel, il Lago fi chiama chituri. V altra 
di fan Paolo. La terzd nd piano c dcttd hafauara^ 

MM f i i 



S I T O D I 

Spdcàfiirno piccioU terra nontdtd ìfpecefùnio di 
ìfpa fiume > che nafce da Motara ^.miglia da molti 
fonti j e chiamafi quel luoco ìpjìca. Vanito da Spd^ 
cafùrnojfa Bufaritarìo lago pefcarezzo , e poi mette 
nel mare libico. Segueno i laghi Elorimpreffo A 
pachino, t^xolte altre terre di Cicilia fono rouinate^ 
ira Catina i Saragcfa fecondo Strabene. Cartagi^ 
refine rouinarono molte a mezzo di. ììora in Me^ 
gara Petiinfulain Bibla poco dal mare f(parat0yC0t% 
Ij^ontine yCdtina e Saragofa^ rcv fi ueggono altre 
terre fe non alcune rinucuate y che hcnno mutato il 
uomt.perciò nonfeguiremo con uana fatica à ricer^ 
carie. Ma fegnetAo gli autori dico cheCaUipolt fU 
tdificatada !<iafvj , CT Euboea da leontivii . Plinio 
nomina Turpini, Nfp//ii, Edini , Heuholerfi , Mutu^ 
&rati , MageUi , par opini , £emettdni , Trifmerfi^ 
Tr oc alini Ja cui citta e detta da Tolomeo Troca^ 
tea: ìlquale ui annouera Abacena iT'ffa Augurio, 
Sergentio , Lego , Acrmay ¥tintia. Cuerore ncmim 
na A cheriney e Le ti ni. Vuio nomò Acdla e itti , CT 
Anati fiume . La ìegge in Cicilia comatìdiiua rhe fi 
creafero i Senatori ò fpontaneamente , c<on fuffrd^ 
gif : il Pretore durdua tre dnni , ogni cittd hauea due 
Qenfori. Voleu4no che i loro mtft fi cohfvrm affino 
di corfo de Id Lund , e del Sole , perciò cauauano de 
imefiuno e due giorni yiqnai nomauano ifcrcfniz 
Cr ancho aUungauano un mefe di uno ò due gicrrL 
Cicerone al 4» contra \erre \* Saragoja bibb^ 



C f C 1 t 1 ^7^ 
regil potejlì .fìgnoreggiò a tutu l ifoUJlche auertm 
fie poi che Gelo Re di Sardgofi , fconfij^e i Cartagi^ 
^fi , e UfcioUa dd Hierone fuo frdteUo. E uinto do^ 
fò dlqudnti dnni Trdfibulo tirdnno , Sirdcufdni doM 
iidrono libertd d tutte le cittì di Cicilia: e und trdn 
^uiUd pdce fìn'd nonifw : perciò dedicdrono una 
^Jjldtud d Gioueliberdtore . Ordindrono che ifòrd 
4lieri cittddim iti necesfttd di guerrd non hdue^ero of 
fido alcuno^ fecondo Viodoro nel ti. il^udle nel i J • 
dice che Trindcrini no uolédo effere ubidiemfiironQ 
4d Sirdcufdni uinti,e rouindtd Id loro città . StraboM 
ne dffermd che tutti i Cicilidni furono d Sdrdgofdp>g 
getti. Bionifìo il primo occupdtd Id Cicilid.pdfso con 
grofio ejiercito in Itdlid . Komuni fdttd Cicilid pro^ 
uincid y fecero Id fldnzà pretoria in S^xrdgofd > 
hd Cicerone chedice contra Verre . Si \concorre id 
€gni luoco in Sardgofd d co{lui* E ne Id fettimd ord^ 
tione dice . E/Jò per fdtidre lefue libiiini , non dette 
contento del Kegdlpdldgio di Vlierione , che erd ddto 
d i Pretori per ìldnzd. Cofì bifogtid che confèsfìamo 
Sdrdgofd effer {Idtd di tutte U citti Ciciliam là 
più degnd . 

Hard pdrìdndo iel Vrcncipdto , YaUri il primù 
regnando TuUo Hof}i//o, d( mogli Agrigentini, Non 
Jt leg^ei^dltrd cofd memorabile d fuo tempOyfenon 
che Plutarco ne i PardMi afferma Senfono tiranno 
di ^egeda effer {Idto in quel tempo : e molti auttori 
^jfcé mauo s.he Anajua regnò in Mesfina . Tolemaca 

liti 



SITO DI 

figliuolo a Humenio pddre di Enepdmo ^ che gent^ 
rò Eneftdemo padre di Terone , dd cui nacque TeriU 
io. Cleatidro Vaiano tiranno di Geld fk da SiUUo uc 
tifo. Hippocrate fuojrateUo , combattetido con Cici^ 
tiani ad HibldyUilafciòlauita. Gela fcefodd Telo e 
nato in Gela , cacciati t figliuoli piccioli , prefe la Si^ 
gnoria.E poi fii creato Kedi Saragofa^quando Xer^ 
fe Re di Perjta fece un ponte fopra l'ElefpontO:,epafi 
sò in Grecia. Uiero fuo frateUo , che gli fuccefji , ^ 
mazz^to d Cdtina nel tempo che 300. Vabij furono 
uccifì d Cremerà ^ fecondo JDiodoro , Trafibulo fuo 
fratello gli fucceffe , ma poi cacciatone , uiffe ,emori 
mi fer amente in Locri. D urentioMenanino tiranno di 
Saragofa. Di onifìo il primo di tutta Cicilid. \l fe^ 
condo Dionifìo fuo figliuolo che tenne fcuola in Codt 
tinto. Agatocle di bafid conditione fii Re di Cicilid, 
dopò Id cui morte , Viro Re de gli Epiroti ejfendo in 
Italia yfii dd Sirdcufani chiamato e creato Re. Hie^ 
ro de la progenie di Gelone ^md ndtod'und fantefca 
ottenne poi il regno , e fece lega con Romani quando 
mandarono Appio Claudio in foccorfo à Mamertini: 
Succeffe Giroldmo fuo nepote di rei co^mi , ilqudle 
fii ddLeontini ucci fo. l Romani pretori fi^rono Vub* 
Cornelio, Ottdcilio MdrceUo, ilquale Vrimo prefe Sd* 
Tdgofd. Dipoi Id Cicilia tutta ubbidì d Romani. Sin 
che Georgio Maniaco , e poi gli Africani l^occuparo^ 
no. ìndi a molti anni Roi;>gerio figliuolo di Tancre^ 
di dormano cacciò gli Africdni ^enel 1 1 05* Rogge» 



C I C 1 L I A. »7T 

fh fuò figliuolo fucceffe: dipoi due yuiletmijilcdt^ 
tiuoy& il buono. Tdncredi bafldrdo di Vuilelmo^ 
quak fxgrbin un Nionafterio Cofcdnzd fud foreUdi 
mx Ugittitnd ! ld({Udk ne 6 cdudtd e mdritdtd di 
HennVo Imperdtore : cr e|Jendo molto uecchid.pdrs 
tori federico pddre di Conrddo e di ^Aufredo bajldr 

10, "ilqudle mortoH frdteUo rimdfe tuttore de i figlino 

11, md fu dd Cdrlo conte di prouenzd dtndzZdto , il^ 
qudleuccife poi Conrddino figliuolo di Conrddo. Co 
fi Frdnciofifignoreggidrono in Cicilia dnni 17 ^niA 
fi^rono poi dmdzZdti tutti dd Cicilidni in un giorno 
EVietròd'Ardgond fucredtoKe^ilqudle tolfe per 
moglie Co^idnzd figliuold di mr.frcdo . E generdro 
no Alfi)np)y Gidcobo, e Federico • Gidcobo ldf:idtoH 
regno d Federico di più cù, tornò in Spdgnd . Dì Fe 
derico ndcque Pietro, di pietro Ludouico, che riceue 
il regnò . Succeffe Federico fiio fratello , cpddredi 
Mdrid, dipoi Nidrtino di lei marito, e Martino il pa 
ire. Succeffe poi Ferndndo detto infante di cdfielle^e 
pddre d^Alfònfo, e di Giouanni. Ma lafcidndo Alfòn* 
fo figliuoli bd^drdi . Gioudnnifucceffe ilqualegene^ 
rò FerdndOjdetto cdtolico delqu^le nacque Gioudnnd 
mddre di Cdrlo quinto ottimo emf imo imperdtort 



SITO DI 



CL. MARIO ARETIO AD A 
drcd Arduino conpgliero Cefarco falute. 

VAntunque tu dd molte fdcenie 
impedito douereili liberarti dai 
penfìerij tuttauid feguendo Arifto 
tele , che di.e ^i i neceffxrìo, che ( 
l intelligente cotitempli le fantafie 
lafciati i trauiigliy ti fei ridotto i 
i noHri {ìudiij ilcbc fecero Cicerone.e Cefare» Non hd 
uendo alcuno dicchiarato ipiencleccfe di Cicilia 
tu inuedigindo con diligenti a le antichitiy hai da me 
ricercato, chHo faccia manijifto chi primieramente 
habitaffero in Halli, quai cittì, e terre edtfìcafjèroy à 
rouinaffero. Perciò moffo da la tua autoritì,ò riRret 
io in picciolo uolume , quanto apprejfo molti autori 
ho ritrouito , CT intitulatolo ad IfabeUa fiminadi 
profò ido giudicio moglie di ferrando Gonzaga Vre 
ape di Nialfittani uice Re in Cicilia, e queSo ho fat 
to a tua per fuafìone. Perciò fe non piaceranno 
I miei fcritti a gli huomini dotti , fard 
tua la colpa, ilquxle a fornire 
cofì grande opera mi 
J^inge&i ♦ 




CICILIA- 27» 

€ >. MARI O ARETI O A 
Bddaffar Saccano Sdlute* 

OLoro d iqudli e ddtd imprefa ff^ 
prd le loro fòrze gretu , e diffici^ 
le,]ldnnotrd''l fu crii nò di dc^ 
cettdre tdk ufficio , md efjendo 
Iddifficultd ntdggiore negdreun 
pidcereichi fìdno obligati , che 
ccmpidcergli , io moffo k tue perfuafwm mi fono po 
Ho dd iUu&rdre VìfoU di Cicilid.non con minor trd* 
UdgUo d'dnimo , che fi ueggd nel mare trd Scilld , e 
CdTibdi ufandoui però ogni mid diligentidf 
Tu ddunque che fei que fiore in Medina 
dccettd Vdnimo , e U prontd obe^ 
àientid , e fauorifci d miei 
principiijdcciocbc io 
mi pogd d cofc 
ntdggio^ 

ri. 
Std Sdno. 




DIALOGO INTITOLA^ 

TO CALIFO DI MARIO 

A R E T I O CITTADINO 

SlRA'CVSANO, OVE SI 

defcriue U Spagna, con 
nomi nuoui * 



InterlocutorL 
Ludouico , Frudentid , ClUifi. 



H 1 POTRÀ DO 

ndrmitutd dJlcgrezzd 
ch^io c deci dame tdle 
mdninconidfPKy.i^on 
nego fi marito mio qua 
le cdufati debbd tenere 
cppreffo in quefti pen^ 
fteri.perchegli huomini 
prudenti (come tu fei te 
nuto) fogliono foRerere le botte difvrtund . Md dim 
midi grdtid, che cofa tdntoti affligge, Lud . Tu 
fai pure, ch^io fono in mdgiflratOy e come effendo tra 
i baroni di Cefxre dnddto in ìtalid.fono dd l'infirmi 
ta éldto d^iretto di ritomdrmene co fa d me , più che 
ogn'altrajpiaceuole.lo ho feruito d Cefare d mia età 
^ neld guerra Cilienfe htbbi molte ferite. Non ti pa^ 




LA SPAGNA. 119 
rtj che mi p i gran cordoglio non gli hdutr potuto 
feruire , quàdo nkrd uenutoH depisto tempo. PR V» 
ogn'uno ha molto bene comprcfo l'animo tuo . Vern 
CIÒ Càccia da te queR'dffanno . Ma eccoti Califòj che 
con faggio parlare, e folaZZ^uolc ti rifior era ranis 
mo. Bio ti fdm CdiSj bai tu alcuni epigrammi cer% 
Cd la Simid. CAL. lo torno i^Udliatdnto fmarito, 
che non più atteudero à uerfifcare . P R V. fei cofi 
mdcilente,e rocco. CAL. Qtei.che uanno in campOj 
ejfendo^ interro gdti, ouc uanno, con lieta uoce rif^omt 
dono, à la guerra , a la guerrd .Md fe poffono ripor 
tare a dietro la uita, effondo dimandati onde uengp^ 
no con baffa uoce dicono^dd Id guerra . E qudntun^ 
^ue d me più toiio fi conuiene difcriuere le altrui im* 
prefe, che armiggiare, tuttduid dltro non riporto,^ 
che lauitdiuUoHreRo e perduto . PRVD. No» 
mi Tdgiondre di gratid di cofe, che aff iggano l'anip 
mo ; narra X mio marito qualche fauola , ó hificrid^ 
che gli fu di piacere. CU. Ti potrei narrare l'eti^ 
tvdtd di Ce far e in Bologndy Id fua coronatione , e te 
ficche Jpoglie ,che uimodrdrono quei ricchi Spd:» 
gnuolL LOD. lo ho intefo quciìo per più lettere, ma 
uorei.che mi defcriuef.i più tofi.o co parole il fito de U 
Spagnd^coi nomi più nuoui dei luoghi, CL^)i dai gru 
trdUdglio. LVD. Che trcuiglioi Kon ti foumene^che 
dnddndo noi uerfo Toledo, uefiimmo a i gioghi di mo 
te Solorio, e de Calpetani, e uedemmoU regioni, CT * 
fiumi i Md io ti udipdrlarc de più cofe, lequdi mi fa 



DESCRITTIONE DB 

fd grdto diudire.CLl.TdroUo uclontieriytnd hduen^ 
io i Mori, che occuparono Id Spdgnd , CT dncho U 
longhezzd del tempo, mutato non pure i nomi, ma le 
cofc anchora, mi far a mdlageuole di ubbidirti:tutta^ 
ma mi ui porro come che mifid chiaro, che molti fi 
contrdporannodlmiogiudicio. PR V. comincia di 
gratia, perche parlerai a muti, ma non 4 fordi • 

CALIFO LODOVICO. 

LA Spdgnd tra i monti Pirenei il noflro marcio 
MlanHco Oceano,a' il golfo cantabrio è niìret 
ta . 1 monti pirenei, ch^c il loro antico nome dal ma^ 
re di dentro a riberico {lefì ^feparano da Francia U 
Spagna, che c il principio di Europa.dd quelld pdrs 
te dico, e diuidefi ne la Spagna di ({ua,e la Spagna di 
la . E pe rche meglio s^intenda^ufero una figura di 
tutta la Spagna nel defcriuerla , che non /m mai da 
alcuno ufata . In Oretania maritima regione al lito c 
la nuoua Qdrtdginejhord Cdrtdgened, e Scombrarid 
'Promontorio, hora capo Depali . indi nafce monte 
Solorio alquanto uer fettètrione,hora erto,hora baf* 
fo, e piano fecondo Tolomeo, e Plinio . Va per Car^ 
petan,vaccei,Vettoni,Qeltiberi,e Cantàbri,e Sonoui 
in qutdi monti Cuenca, Siguenca, Concia , e Segnine 
tia anticamente dette, lequai fi Stendono fin'à Mon^ 
caio, C2r a finijìra udnno ad incontrarfi con i gioghi 
di Cantabri. Non fo fe lAoncaiofta il monte di Caco 
Sifficnca non c Sagunto antica citta j ma Serguntia 



LA SPAGNA, ^to 
per il cui cupo corre Burlo fiume Strabone dic€y DU 
rio fiume corre preffo Kumantid , e U regione Ser^^ 
guntid . Cofi U pdrte del paefe, che reiia dopò quefli 
gioghi ad Oriente fi chimd Id Spagna di qud^e quel 
U uers'occidente Id Spdgnd di Id. Vif.effo Strabene 
dfftrmd.che Oretdniuer mezzo di peruengonofm^dl 
nixre,poifeguono Cdrpctdni d Settentrione, e jinaU 
mente Galacij Ld Spagndcofipartitd.dnchordfìdi^ 
uide in Bcticd, tufitanid, Gd\ldcid,T4raconefe. KO0 
mdni per meglio effercitart igiudicij diuifero ld Spd 
gnd di ld in tre pdrti, md gli dntichi in due per lun^ 
go . Conofceremo ld Spdgnd Tdrdconefe facilmente^ 
perche i grdndequdntoldSpagnd di qud . Verchc 
quefìd fd und parte , md ld Spagna di lai diuifa in 
tre Prouincie, Betica , tufUdnid , e GdUdcid , lequdi 
diuifecon And.e Lurio fiume, s'auuicindno dd Ore* 
tdnij e Cdrpetani uerfo Occidente . And che dimde 
ld Beticd, dd ld Lufitdnidy ndfce dd grdn luoghi nel 
cdmpo ì^dminitano cercd Cdgtidmdre terrd, cr indi 
i tremiglidfi tuffd fotterrd, e correndo in tal guifd 
^4. Stddij, riforge d ViUard terrd, e paffa lungo dd 
V^merida antica cittdyhord Meridd , e poi mette ne 
Vocedno . Mori fìgnoriggidndo d ld Spdgnd, chid^ 
mdrono quel fiume Odiano, cioè fiume di Ana . Ld re 
gione uer mezzo dimori del fiume, bagnata dal ma^ 
re, più de le altre ricca, e fertile , jì noma Beticd dd 
'Beti fiume, che la diuide , hora una parte fi chidmd 
Andaluftd , quafi auantiLufitanid , perche non tuttd 



DBSCRITTIONE D E 
IdBeticdftnomd And(ilufìd,mdfoUmeìitequeUd pdr 
te, un mcTXo àiridrettd dd lAdridno monte . VaU 
trd pdrte trd cffo monte, CT And fiume c pofldycue^s 
ro trd uno, t l'dltro fiume • murio erd pdrte di 
ticd diuifa fecondo VUnio in due genti , e due popoli. 
Celti profimi d lufUdnia, e Turduli uicini d lufitd 
vid, cr d Tdrdconefe, quei fono diuift nelcomuento 
Hifpdliy cr in Spdgndyequctii erdno cordubcnfi. ìU 
che s'intendd in quello modo, lo dò i primi d Id regio 
ne Eflrdmddurd , gli altri d Mdncdnid , e fono pur 
tutti Bttichi . Strdbone affermd il medefvno de Tur^ 
ditdni y t qudi tofto mutarono i coturni > e U faueUd 
ne la Komdnd . Mariano fiwne fecondo Tolomeo , e 
Vliniohord Serrd Murena fi nomd Beti fiume, bord 
Guaddlcbebir ìwme podogli da gli Africdni .Tingejì 
nafcc nel precipicio di monte Argèto cercd CdHdQne 
terrd hord CdSldone Alcdrds , cr il monte Argento 
ferrd i\lcdrds chiamdno Qgcilo fcorre per mezKO 
Id Beticd, tocca do Corduba per molti chiari huomini 
fdmofa^ear Hijj^alicapo di queUd prouincia,hord Siui 
glid,e fi fcdricXe VAtUnco ocedno.Alcuni lo chidmd 
tono Tarteffo dd Tarteid cittd ,dettd dd Greci Tdr^ 
tdffeo d Id foce di Betifiumefiue comincid il Tarteffo 
Cdpo. hiuio fcriue, che Annibale rouinò Betiydccettd 
foprddifeun fiume falfo,e dd queUo fi nomd Gud^ 
delemar , preffo alqudle Pompeo , il gioudne uennei 
conflitto con Cefdre ♦ 1/ lato mdritimo di l^eticd dd 
l^rculep mare à gli oretdni ,crdld nuoud Cdrtd^ 



LA SPAGNA.^ 29ì 

gine p {ìede. Bdzctani Poccuporno, id iqudli prefero 
Nome Bdezd.e Bdzd ciuL'Baficraui.ddoccidme dh 
brdccidudno Bdredregione.Mauetdneày Dcitdned, e 
CoTìtcildtiid . Ne/ torndre ddictro fi troudtio Scotìi^ 
brarid promontorio foprddettOjCdrtdgine dd Afdru 
bdleedifìcdtdyoue Scipione Afi'icdnorefìitui inuioU 
td di fuo Jpofo und belltj?imd gioudne^c nobile troud^^ 
td trd i prigioni . Qwfwf facendo Scipione igiuochiy 
due ?rencipi Spdgtiuoliy e cugini ^ combattendo per 
h regno/ucci/ero infìtìne-^e ncmdudnft Coti , Or3 
fud . 1/ promontorio Cdridcmo, hord cdpo di Gudte^ 
imcAlmeriy Sdldbind^ Selbrendddgli habitdtori 
chikmdtd lAdldcdje Sdldubd fecondo Tolomeo Jo di^ 
reiy che Mal dea fii, oue c capo di Mdducd^e Sdlduba 
cue i hord Mdldcd il fiume de conjiderdti Sdlduba 
nomuto • Segue Beffuld fiume d MarbeUo terrd 5/1 
fgombrdinmdrcoue Afdrubde Bdrdchino primdi 
e poi MdgOy CT Kdfdrubde di Glifcone fìirono fconìt 
fittiy come ndrrd Plutdrco . Monte Cdlpc , hord Gi^ 
btltdr preffo dì mdre d rimpetto di Abild monte Afii 
CdtiOy e fono fecondo lefduole due colonne poileui dd 
Hercoley per termine defue fatiche. E fono uicine le 
terre Sold . e Bdrbcj Alcdfira.e Tdriffddndi è iltem 
pio di Giunone d Vocedno in Bdon terrdjhord Tr4# 
/5/g4r, cr il fiume Beton d . Gddiy ò Gdditd ifold pom 
co luntand dd terrd ftrmd^ e uicind d Beticd.lndifi^ 
fidlmente è il fdcro Promontorio , hord cdpo di fdn 
Vicentio jilcuipidnoi firtilifimo, injrd terrd fona 



EESCRITTIONE D E 
dnchord Hif^aUj Corduco, Carmond, c Nebriffdy ho , 
Td de l'ijlefjo tìome. Credi mo che Oroj^edd ftd.Oro 
pefd. Et Rbderdnon longidd MaUcdinjrd terrdy 
ouero fecondo Plinio Eburd . Io direii che fi^ffe VbU 
idjjì come penfo, che Egud fuffe ^igud. I^undd cit^^ 
hord y.undecdvd, oue Cefare cdccio in fìigd Pont 
peoilgioudne,comendrrdllÌYcio . Tlinio tuttduid. 
dice, che jhrcno dui Monde, und trd Dario, e Tago^ 
t Vdltrd in Beticd. QB^ui erd Oringi citù ricchif» 
fifriìty d; Idqudle Scipione mdndò fuo frdteUo , qudndo 
erd bdttutddd gli Africani . ìit alcune in niund cofd 
fi confòrmdno con i nomi dntichi. Grdndtd citù po^ 
polofdyldquàle Irerdndo Re di Aragond riduffei 
Id fède Chriilidndy hduendo uinto gli Africdni , cr c 
d'ogni cittd Spdgnuold dffdi più fertile. Singiìid ters 
td fecondo Vlinio i in Beticd . Il fumé yiinil bdgnd 
Grdndtdj Id onde Id potidmo chidmdte Grdndtd Si>^ 
giù'i. Vrfdoncy fecondo Uircio neicommentdriyhc^ 
td vffdno. Voco luntdnd dd tìijpdli fecondo lui.Tuc 
ciyf>rfe Tucinoy Cdrbulo^e Cdrpio. Murgicittd per 
mio duifo c Murftdiefindlmnte Iden . yierfe regdl 
cittd, Auduidr, Anticìjerd con nuoui nomi, iquai non 
^rdifco interpretdre . Vdjiidmo hord d le dltre par^ 
4i. L O D. lo credo che mrgid fid in Beticd, ou$ 
Id mette Plinio . 



r 



L A SPAGNA. "^7 -'a 8 » 
CÀLIFOPRVOENTIA. • 

LA regione Luptdnid tra Ana^e Burio^fioms 
td dd tufo di Libero pddre fecondo Vàrtù.Vli 
tìio dice, lo reputo f duole qudnto fi dice di Hercok) 
ii Virene.e di S diurno, 'Dunotidfc^ ddTiUero luoco 
in Spdgnd luntdno dd Numdntid ioo. {Iddij.NumatJ^ 
ìij bduendafo^enutof^affedio anni 14. «e potendofi 
f>iu defindert-i uennero itàrìto furore ^ che $*uccìfero 
tutti con ferro ò uelcno drdendo fe flesfi.O' ogui lo^ 
tohduere. hdonde Komdni trionfarono fe nondd 
ìiome: hord e picciold terrd nomata Soria. Il terrea 
hayche Idfcid Burio dfiniiird ftn'dd And dnddndo ne 
'VOcedno è Ix Lufttdnid , dttrduerfdndo Tdgo fiume 
perld fdbbidd^oro celebrdto , ndfce coH fuonome 
d i Cdrpetdni d pie del monte r 0 . {iddij luntdnd dd 
Tdgdcet picciold terrd , non molto luntdnd Idd Con^ 
do , hord ( come dicemmo ) Euencd. Queflo dout i 
Toledo cittd regale d noHrd etl , bagnd molte terre, 
cr dccettd molti fiumi. Entrd ne le nmre Clifì>onen^ 
fe, hord Lisbonenfe:, e per grdnfvCe d Id fine fi fcdrié 
Cd in mare. Non dcconfento che Toletdnifidno i Cdr 
petdnijdicendo Vlinio ToletdniyC Cdrpetdni fono pref 
fodTdgo fiume. Nel^ocednoe Bdrbdro promon^ 
torio.hord Cdpofpiche: Segue Olifippo edijicdtd da 
Vlilfe^ccm'hd Solino, LUbond cittd ne la fine di Lw* 
fitanidj d Id fóce di Tdgo, hord riccd per le mercdm 
tdntie Africdne , i cui mercdnti nduicdndo per lo mdm 

m a 



à 



DESCRITTIONE DE 

Te Etìcpico , cr AtUntico , paffdvo i golfi de VAfrt^ 
Cd . Ld hufìtdnid non comprende foUmente queUd 
regione , dnzi confìnd co'/ mdre , cr dbbrdcàd tutto 
Hregno Vortogdlefe. Md quejld erd piccioid regio^ 
ìie, trd Andy Durio , cr i coUi Carpetdni rinchiufd. 
Cercd le terre di quefto pdefeyoltre Toledo e Segouid 
tittd riccd . e per tHttd ld Spdgnd concfciutd . IPoild 
uicind dd un ho [co , in queUd c un grdnde dcquedut^ 
to ^ilmlgo crede fdlfdmente^che ft d un ponte fdts 
to ddHercole* Vogliono alcuni y che fìdno (gioghi 
Cdrpetdni queUi , oue c fdttd quciid cittk , ma fdlfd^ 
mente , perche fono quei gioghi ne gli Oretdni.e To^ 
lomeo non mette dlcuno monte in lufìtdnid. Se iird 
alcuno che p ueggono monti d Segouid , e quei che 
chidmdno Gudddrdmi , cr ^Itri in Luptdnid , io dico 
i^be Tolomeo intefe de monti degni di mcmorid.obiU 
iettd Abild, Sdlmdticd fdmofd Acddemid: efinalmen 
te Moro e Tdldbricdj hord Mord.e Tdlduerd. So^ 
fiow dltre terre, i cui nomi non fi confdnno con gli dn 
. tichiyfòrfe perche fono fdtte dopai. YdUi folcito ter 
ra mdgnifìcdy e de le cofe necejidrie copiofd.Voco lun 
tdno e Metind terrd , oue fdsft mercdto publico , tre 
mfineluerno.etreldddte. Emporid.hord Em^ 
pudid • Toro , Cdmord , Metind , Kofed , iUefca , 
yecdne , e Mddri terrd d'J lice uiue fdbricdtd . Ldt^ 
qudle non mdi hd pdtito cdreflid del uiuere^ne di gre 
uedrid. AfcdldBefindriJdVindro fiume^chemet^ 
te nel hdgo , ou^ e un fiorito Cinndjìo. Tolomeo mo^ 



3 ' LX'SPAGNA* *Sf 

che (j^ueitd fu compiutd terrd : e Spdgnuoli cofì 
Id chidmdno ne i publici fcrittL Guirialdira nomdit 
tddd Mori.ftgnijicdfìumedipietrdiouehdbitd Gid^ 
cobo Menàocio dncd de Infdntafcij nobile e liberde* 
P R V. Hduendofi d rdgiondre de nobili fdtniglie^ 
pdrldmi de Id Totetdnd.e d'dltee tdli. CALI. Erano 
fin^d qiie tèpi oltre Id Mendocid^e Id Toletdnd Id Cer 
dedU Cardonefejd LdrenfeU vdefcdld PimèteUd^ 
Id Stunicd,ld¥leriticdM Orofidjd Cordubenfe.U 
Limenfejd Cufmdned , Id Mdndrdgoned , e Id Vd^ 
cieticd dntichisfmd. P R V. Come e antichisfimS 
td Vdcieticd. CALI. ììircio pdrldndo di Cordubdj 
dice ne i Commentdrij . Cefdre fdpeud che queìld cit^ 
Ù in ogni tempo hdueA gioudto di popolo Komdno: 
perciò fècecdmindre fei compagnie neld z.uigilidt 
cr dltretdnti cdUdlU , ddndo loro per cdpitdno L. 
GiunioVdcietico ich\rd ddpdefe^e pratico deU 
guerrd^ 

CALIFO, LODOVICO. 

T T Auendo rdgiondto diduepdrtide td Spdgna 
jOJl àild, importd Vordint d'rdgiondre de Id Gdl 
Idei d che non cfolurncKte Id Gdlicidjldquule cott 
f^iofdde bofchi ed^dcquejncn produce grano imd 
comprende il rimanente de Id Spagnd , eccetto hetica 
cLufitdnid. in quejla prouincia è un grdn promon^ 
torio, molto [porto in mare detto Artebro , hord ft^ 

iii 



, r DESCJEIITTK5NE. DB 
tìis terr£ : E Strdbotie non nomind altro memoreue^ 
le promontorio tra ej^o Artabro^e Virene. mnifiu^ 
tue bdgna quedo pacfe , e mette in Dwrio. Ajìuri di 
antico nome hdbit(Uìo in una pdrtt di quefid regione* 
Cdntdbdiuicinihabitino parte ne le cime demonti^ 
pdrte. in luochi mdritimi a Settentrione.e ne la Bifcd^ 
glia , è ne i monti di Licotuirgi citta ,ftn doue ndfci 
Ibero fiume, ilqude benché paid ufcire dd quei monti^ 
tuttduia fecondo Plinio, ^ altri nafce in cantabridé 

terre de GaUdcij oltre Burlo a Settentrione fc^^r 4 
Ajìurica , hoggi Aflore^.e Uconitiurgi per mercdn^^ 
idre copiofd , e chiara per molti CduaUieri , e nobili 
huomini , hord fi chimd Burgos • ArandaàAran^ 
di detta Aranda di Durio : e ne IHdeffo fiume e ?aiM 
lantia^horaVdlentid, Spdgnuoli chiamdno Leone 
una citta ^molto luntana da Adure. CA. Euui Com 
pofteUa.oue e la Chiefa di fan Giacoho^ li luoco e fo^ 
lamente per fuoi miracoli memoreuole. Erano anticd 
mente huomini rfuri, difficili da effer uinti , non ado* 
raudno alcuno Dio , foLdmente faltaudno a la LmmJ 
ài notte audnti la porta, quando hdueua compiuto ti 
tondo. Vaspamohora a la Spagna diqud,cuero 
Tara^onefe. O D. Hord fono fgrduato da quei 
penfieri , che m'affUggeudno ,fegui adunque il tuo 
parlare , che mi raUegra l'animo* 



LA S PAGNA* -a ^84 

CALIÌFÒ, PRVDENTIA, 
L O D O V s C Ó. 

y.T A prouincU Tdrdconèfc lieujfi con due diuerfl 
t jpromotorijdd i monti Pirenei che inidonoFrX 
xiddd Spagnd .NdprincipioéSirettd ^e poi sUr^ 
:gdndofi a poco d poco, fin dmcntc confind con U Spx 
gnd di Id. Vn promontorio jporto nel mdre, fu il tem 
fio di Venere , hord porto Venere. Vdltro è nel md^ 
re iberico , anticdmente Bertone , hord Eafì>* Qge^ 
ftd prouincid riitrettd da mezzo di e dd Settentrio^ 
me co-Lmdre iberkco, e toccdndo il Jfirema forre,uer 
Vonente, CT c diuifd co gli Oretdni ^ddl monte So/o^- 
rio, e con i gioghi CdrpHdni dd le altre pdrti di Spd 
gftd. Plinio mette Id Cdntdbrid tte Id prouincia Td^ 
rdconefe. Alcune terre uifono, lequM hdnno perdu^ 
to gli dntichi npmi.md io mi sforzerò di dccomìnodd^ 
re i nuoui d gli dntichi. A ftnidrd del Pireneo di no^ 
Siro mdre hdbitdno Gerondenfì. ne confini di Frdncid: 
•^Meflt tengono Qerond cittd , dnticdmente <3eròndd* 
JDd queflo mireuersòH golfo iberico per Celevfì , CT 
Idcerdnifìn'ii confini di Ndudrd(come dicono Spd 
gnuoli) fono Aufetdni pitoni, hcLcetuni^ e per le rddici 
del Pireneo difcorreudno i Ceretdni , fecondo Plinio*. 
Seguono Vdfconi di mare Iberico , gt i Pdtnpàtonefì 
che potrebbono effpre i b^audriidi<^endo PlifHoAl pdf 
fo de Vdfconi è mino al Pireneo per l^Oce9,nQ:Strd^ 
bone mette i Vdfconi foprd Ucced, oue.fk dd Pompeo 

NN a li 



^ DESCRITTIONB DE 

nomdto Vmpelos. Le genti fdcetane dtiticdmenteno^ 
bilisfmefìftendeuanoidpiedel Vireneo dàllerddj 
oue Vertono fece ìf ultimo conflitto^ er indi cdicidtOj 
fÌ4dhddhn€nto uccifo dd fuoi d ^dT^onìo. vittorid 
terra preffo a Cdntdhri^ ne cui monti ndfce Iberofiu 
mè, hord tìebro dd molti nom:ito , ingdnndti dd Hr^ 
bro fiume di Trdcid • ìbero fi nomx dd ìbera cittì 
ficchisfimd j poco luntdne dd Idqudle Scipione uinfc 
Cdrtdgincfì ,e foggiogò tuttd Id Spdgnd d Romaw, 
Lìw/o. Ndfi:e quejlo fiume ne i gioghi Cdntdbri , in 
prouincid di cdmpo dd due fonti , ch^fcono de la ru^ 
pe poco luntdno dd Giuliobricd per i Celtiberi^e cor^ 
rendo a Detrofd , ud nel mdre Baledrico ♦ Ibero di^ 
-ce Plinio j fi nduica con ricche merci, n/ifce ne Cdntd* 
bri preffo d Giuliobricd! Celtiberi dd Celti popoli di 
Wrdncid, che u*dnddrono hdbitdnojle ripe d^ìbnofiu 
me* Cofi de gli ìberi polire di loro fdttounnome^fi 
nomdrono Celtiberi , tengono Urgd prouincid^ ne U 
qudle erdno comprefì Segorbierfi t l^umdntini . Se^ 
gorbienfi hanno Scgorbid nel cdmpo Valentino, In 
Celtiheridè Cefdredugufìd colonid de Romani Jugo 
ìberoyoue i un memòrdbile ponte di pietrd^ e orndta 
de nobilisfimi ctttddtni . Cefire Augufto V decrebbe, 
f perciò nomdfi Cefiired Augufìd , dettd dnticdmente 
Sdldibd.VLord Id chiamano Sardgofd. Md ne glifi:rit 
ti publiciufino Vdntico nome. Torno a confini di 
'^Beticd. Sdrdbi fiume correndo per Conte{ldnid,ho^ 
td Confentdnidi efce di quei fiume , onde forge Betifi 



LA SPAGNA. iSt 
mttetìtlmdre nojiro dGuiddtndrterrd^ detta di 

Spdgnuoli Segurd. iion luntdno dd SucrOjhord X«c 
Cdryoue Pompeo e sertono fdrebbono partiti u^udli 
di un conflitto ,fe non che Pompeo hebbeund ftritd. 
mfcecercdld terrddc Cdrpetdni ^hord Tdgdcet, 
per Conctd citù , & H ponte di Tdldiold poco lun^ 
Uno dd Vdlentid cinge Algird • CT unitofi dd un'dU 
irò fiume detto Gabriele yft fgombrd nel nodro mi^ 
te. Setdbi c città Jdqudlepenfo che fiilfe 'Kdntind, 
Auinifdnoci hordd Vdlentid JdqudlecoH fuo nome 
illuBrdtd é dmend cittì orndtd di nobilisjìmi Cdu.iU 
Iteri coH fiume Turid , hord Gudddldbidrd dd Mori 
dettd , che fìgnifìcd bidnco fiume: e ndfce dppò CeU 
ìiberL Non luntdno dd Vdlentid c un Ugo memore* 
uole pefcdrezzo e grdnde , delqudle folo Plinio dice, 
il golfo di Conte^dntid e Id regione ^detdmid con 
ameno Ugo , che flende d Celtiberi , E poi trdttd 
di valentia :,hor a AÌbufira . Oltre Valentia e Sd* 
gonto non luntdno dd mdre terra de Komaniy 
hord Moluiedro , Oue e un teatro intiero con U 
Scena , CT dltri ueRigij di dntichitd . Sdgontini 
idi Cdrthdginefe Annibdle affediati , e perduta U 
jperanza di feruarfì,gittarono nel fiioco l'oroy Par^ 
^ntOy cr dUre cdre cofe , e poi fe <le/?i ♦ Seguono 
Dertofdni popoli ittu^ri. Bertofd loro citta , hord 
iToftofdy è a Ufòce d^ibero fiume . Poco luntdno , e 
Tenebrio promontorioy e tenebri porto d ponente.on 
de pdrtendofi per oriente,Oeto città ricbidmd 4 Ta^ 



DESCRITTIONE DB 
rdco . Perno chiamiamo U Vrouincid Tàrdcont, 
oue fttronouccift gli Scipionijmtano 6 . miglia di 
oriente per lo lito , fi troua Barcino anticamente 
piccioli terra . Hora Barcelona chiara città, orna* 
ta fèmpre d'huomini prudentij^imi . Indi è Lunario 
promontorio , bora capo di vaile . CercaH duale è 
^anda terra, hora Blane . Geronda fopradettd, 
bora Corona cittÀ, cr Emporia hora Empuria co'} 
fiume Ciadiano . Roda terra preji'd tempio di Ve- 
nere : hora Rofe,infra terra fono gli iUerdenfi anti* 
chiJ?miÀ Sicori fiume è itterda città , bora Leridd, 
cue fìtrono publiche [cole . Sicari fiume hora Segra 
fcorrendo dal Pireneo ,per i muri di quella, e per lo 
ponte in pocofpatio entra nel'ibero. Bicefi, che Si* 
ciliani fi nomarono da Sicori fiume . Tucidide dice, 
che quejli popoli nauicarono in Cicilia, cr occupa* 
rono la parte uerfo Occidente . Cinga uicino fiume, 
bora Singa, bagna il ponte, e la terra, da più gioua 
ni detta Fraga, e corre uelocemente ne i'tibero. Tra 
queiii fiumi è Monfione terra . Tra lUerdenfi , cr ti 
Pireneo fono gli Ofconi.La cui città chiamiamo Hue 
fcd : cr altre terre con nomi dijiimili da gli antichi. 
In Cdtiberia Taracona,Barbaftro,Teruel,Borid,e 
Calataiut, ma non fo fi è Calatagurio nomato da 
Str abone Juntano dalquale per té. miUia pajii , età 
hdbiU terre fopra una leuatura, le cui rouine ne ren- 
dono tefùmonio . Tanto uoglio hauer detto cerca là 
Spagna per compiucerui . PRv, RefiimoH.i 



È 



CE XXIIlt. RE CI SPAGNA. tiS 

Clitifò obligati ài tdnto pidcere . LOC. Udì ndt* 
TAto I pmo il aero con breuiù > perciò te ne reiidid 
mo infitiite grAtie, 

FINE DE LA DESCRlTTlOtjB 
D E L A S P A G N A. 

DEI PRIMI TEMPI 

E DI VENTiaVATTRO RE 

DI SiPAGNA, E LORO ANTI- 
CHITÀ' iPERGlOVANNI 

Annio Teologo^ 

t:e gli intichi tempL cap* L 

VÈI CHE SCKÌSè 
f^ro più correttamentè 
dei tempi dicono^ che 
I^eucalionc nàcque f'ufì 
no z.di Sfiro Red'Ap 
fìrii.e che d'Ianni Si^ fié 
dal Dilmiio afflitto yfes 
tondo yienofòvte ferita 
tare de tempi . Berofo^ 
CT Eufebiofèguendoìo^ computano Si. annidai 1, di 
Sfvro fintai 54. di Spareto, quando |w ti diluuio.Van 
no lÀi Sjiro, quando nacque Deuc aliene, era il qua* 




hone* 




4 

DE VENT IClVATT RO 
fdnufmo de U feruitu» qudl toUrdud ìfrdd in "Egit* 
io, come notd bene Zufebio. Dd queU^dnno deldfer^ 
mtUjfìn^al principio de l'uniuerfdle dilmio cor fero 
dnni 700, e qudfi w. mejìj come computd Moijè,Bc^ 
Tofo Cdldeo ne computd altretdnti , trd Ldtini Soli^ 
no dicCy nel cdpitolo di Cdndid. Tenidmo d memoria 
che ddl primo Diluuio notato fotto OgigCyqudndo fu 
notte continud più di ^.meft jtn'd Beuc diione corfero^ 
dnni 700» Noi ddunque comincieremo ddl Diluuio di 
Noe nomindto di Ogige, e diuidcremo i tempi in que^ 
do modo . Ddl diluuio fintai 4 dnni di Nrno Re de 
gli Aj^irii Berofo mette 2 92. dnni.Tdntine computd 
Moifè dd Biluuio fm'd ndfcere di Abrddm . Verciò 
ben pope Eufebio il ndfcere di Abrddm Vdnno 4^. di 
llino4dqudle dnno fin che s^edijicb Troid Eufebio c 
'Berofo coniputdno $\S.dnnii€ ddl ndfceredi Abrddtn 
d Chriilo computd Eufebio dnni 101^. Cofì ddpri^ 
mo diluuio di Nod Ogige pn^d Vedificdtione di Tro* 
id corfero anniSio.e ddldiluuio Jtn^d Chrijlo im7* 
ì^oteremo quefti di continuo con Id giontd dd Pedifi* 
cdre Id Spdgnd. 



L'ANTICHITÀ DE LA 
SPAGNA CAP. IL 



tertera 



A 



cura di b^l primo Redi Spdgnd diede d fuoi popoli leggi 
^P^S"* • Iranno 4. di Nino • Ld mmorid Spdgnuold cittdté 



À 



RE DI SPAGNA. iti 
id Strdbone moflrdy che hdueud hduuto lettere^ leg^ 
gii e uerft 6. miUid dnni dudiiti Strdbone . 'X.encfòntt 
te fcrittore de tempi cercd U àiuerfttk de gli dnni dn^ 
tichi dice, che gli dnni iberici trdno di tre mefij e per 
ciò 6. miUid loro dnnifdnno looo. SoUri . E compu 
idndo dd AuguBo^dl cui tempo fiori Strdbone troue^ 
remo tdntìfìn^d Nino ♦ Zt Eufebio computd ddl 4.(fi 
Nmo fin'dd 8 o . dnni dUdnti , Id guerrd Troidns 
qudfì eoo, dnni . in queU'dnno Cddmo fìi trdudglidm 
to dd Prifcd fud moglie gelofd, e fii fecondo Spingd, 
e Pdlefdto diìrttto d fiiggire in Tebe di Grecid , oue 
primierdmente formò Greche lettereiSpdgnuoli ddun 
que goderono lettere , e filofofid qudfi Soo. dnnipri^ 
md, che Greci hdueffeno dd Cddmo i primi elementi 
tdntoe più dntichd Id filofofid Spdgnuold ^ che U 
Crecd. 

L'ORIGINE DE SPA* 
GNVOLI CAP- JIL 

ENtrdrcno dd principio in tuttd SpdgndX^fj^h Orìgine 
IberiyVerfi.Yenici^Africdni^e Celti.Vlinio nel-^. ^pa- 
eCdtoneVoriginiyiquditegonopfauolequelche di 5"^* 
cono Greci d'Her co/e, e di Pirene^di tuffo 4i PdnCy e 
d'dltrifmiliSono ìber i, et Ardmei, Sciti Cafpii nomd iteri. 
ti dd Verfidni Sciti CdJ}fii. Plinio nel s.Corfo.e Quo9 Aramci« 
re nomdti dd Verfidni^ e dd Ardmei.fon chìamdti dd 
Greci Cirnoy e Ciro . Perciò ìberi, Sdgi habitdrono 
Sdgonto ;e Perfmi Qorfi Id corficd^ Cimo dd Greci 



.-di 



DE V E N f fqy A T T R O 
iettd . Di quelle prime colonie hebbero origine Ci» 
Corfica ^^'^^^ Corfìca, Sardegnd, leBdlem ifole , eia Spd^ 
Goihr ' gn<!^^i*^td . Effendo Gothi, CT Aldni ucnuti da monti 
Cdj^ii in Buropd penetrarono in Spdgnd , c regndn* 
douifin'Ad hoTd , fegue he i Gothi defcendenti non 
hdbbino udriato Id generatione SpdgnuoU * Qfie* 
ftd c Yerdindndo , CT Uelifabettd inwttipimi Re , U 
uodrd dnticd origine già tdutifecoli conferudtd. i 

DI TVBALE PRIMO RE 
VI SPAGNA CAP. mi. 

Tubai "iroldmo^e:^ Eufebio dicono, che Tubai fii quin 

VJI to genito d ^Idpeto figliuolo di N(Jft,e primo Re 
a spdgnd : come dfjvrmd Giofejv Uebreo , e Berofo 
Cdldeoj dicendo cheVdnno 141. cheerd il nMNem 
rotj Saturno Babilonico 6^7. anni audnti Pedifìca^ 
tionedi Troid^t dudnti Chriilo 2174.^^/4 afjegnd 
in Beticd Tubai citta dalfuo nome edificata . Eglijt 
diede d procurare, che fuffe il paeft copiofo d^animd 
li 4 l*ujo humano neccffarii , uedendo, che la Spagna 
in queìto era fèrtile, er erano quedi aUhora le prin-^ 
pai ricchezze :>e delitie.Aramei chiamano Taracond 
rdccoltadepaf.ori . Ver ci 6 chiamarono Taràcorie 
Taraco • di Tubalo qurflo ufficio, e dd lui fiinomdtdTdrdcond^ 
na. jì come Sdgonto dd Sagi . Berofo dice , che egli regu 
tò gli Spagnuoli con leggi Pdnno ^. di Nino . \lche 
Jì ccnfòrmd con la ddtd fèntentia di Strabone . Be^ 
rofo anchora dice, che Vdnìio io, di Nino ^ n}. di 



UE Di SPAGNA- *8 » 

Vuhdl . l^od padre detto Uno paf^ò dd Venicid , per 
Africa in Sp:igna, chelafciò a Tubai fuo nipote due 
colotiie Noeta j e Noegla, benché Vlmio nel cap. 4t* 
dicaNoegayC Noeia.e che Tubai regnò ftn'al 4^* 
di ^ino, cioè anni da la Spdgna edificata, l^ac* 
^ue adunque Abraam r. anni primd^che morifje 
Tubai cioè il 41. di Nino • 



DE IBERO SECONDO RB 
DI SPAGNA CAP V* 



ì 



Berofucceffek Tubai fuo padre ^ Vanno 49. di £bcr#. 

ì<lino\, cioè 1^9. annidai diluuio,e i $6. [da la 
Spagna edificata . Vrima che fi edifìcaffe Troia riw 
auanti il uenire di C H R I S T O io\6. Cofì l'ibe 
ria fii nomata da iberi Caj^ii.e da Celti la Celtiberid 
uicina 4 Francia » Da itero Re prefe nome , ibero 
fame, i popoli che u'habitarono dppreffo fi ncmaro 
no ìberi . Queflo fiume fecondo Alberto magno ? So^ ? 
Imo , é "Diodoro nel 6.nafce k pie del Pireneo ne Can ^^^^^ ^ 
tabri, e con gran giro a fòggia diferpCy mette nel ma 
re Balearico fotto Yerrario promontorio ♦ CoSiuire 
gnò annis7' jin^al3\. di Semiramis. 

DI IVBALDA TERZO RE DI 
SPAGNA. CAP. VI. 

IVbalda Terzo Re di Spagna diede il nome 1 lu^ lutalda* 
balda monte, benché Tolomeo dice corrottamente 
J«fced<t,cr i licori più fconciameìUe Gibcltar uocc ho 



'*»] 



DE VENTIQYATTRO 
fd id Spdgnuoli ufdtd . Cominciò d regndre Pdnntr 
$4,. di Semiramis dnni 4^1. ddl ndfcer di Abraditi di 
Id Spdgnd edificdtd 191 . dudnti Mificdtione di 
Troid 4.<^^. dUdnti Id fdlutijirdincdrndtione ipSt. 
Vdnno 14. di iubdldafi* ih^o. ddl diluuio. Co/i L*dn 
no 1$. di lubdldd mori Nod pddrc , detto Ogige . E 
Vanno^z.diìubdlddfoilvs* di AbrddmyUel qudlc 
gli fece iddio Id promcff^i ddd falute chrididnd. Ge^ 
ne. 11. IdondeU benedittione de Vdgani non fi fd m 
mciìlT ^^^^ d^lfrdel,md nel nóme delfeme di kbrdi 
facta ad cioè di Chrifto . Efxid dl6i. dice . Voi ìfr deliti 
^braam. fcidrete il uoBro nome d mdledittione d i miei eUtti^j^ 
Dio chidmerd con altro nome ifuoi ferui , nelqudky 
chifdTd benedetto-, e giurerà ,fdrd benedetto in Dio, 
Amen. In quefìo tempo nacque Hercole Ubio qudfi 
700. anni auanti il Greco , che fdnno dd diecimiìUd 
anni Egittiiy come modrd Diodoro nel i. contrd Gre 
- ci . Regnò lubdldd fecondo Berofo ddl 54- ài Semi^ 
oJc.^"^ rdmisjìn'dl 14. di Ario.cioèó^. ami. ifddc ndcque 
di Abrddm, che erd di 100. dnni 7. anni aujinti che 
moriffe lubdldd ♦ 

BIRGO Q.VARTO RE Di 
S PAGN A. CAP- VII- 

Blrgo fecondo Berofo regnò Vdnno 19. Ario, 
dd diluuio 400 . dd Spdgndedifìcdtd lóy.ddl 
nafceredi Abrddm 108. Dd Troid edificdtd 490. 
audnti Chr^ùo 1917. Birgo fignificd fecondo Ara^ 



à 



RE DÌ SPAGNA. t S9 

meiCdfttUdnOy e BirgoU cdMo.Tofcdtù ftn'd 
hoTd tengono molte noci hrdmc.^rìcold CdUcHo ^ 
in dito luogo. Venfo che egli piglUjfe ^we/Jo nome dà 
due cduft, piend egli hdueud nel gonfdontun Cd^ds 
lojperch'edificòin Spdgndpiu cdSCeUiìWìnudoU Bir 
•go^prepònendoui d cidfcuno il propio nome del Prci} 
cipr, dlqudle lo confegnuud. Si come in Lufttdnid Lde 
cobrìgdyMirobrigd.CT dltri : e nel Tdtdconefe Bri^ 
gdnto, e Volubrigd.Vlinio nel r. cdp. 1 dice fecon^ 
do dlcuni dutori , che Birgi pdffdrono di Buropd in 
Afìd,e diedero Vorigine d Brigi popoli detti poi friif 
gif. Mdndò colonid in Hibernidi ne gli Alpini^ CT in 
Tofcdnd. in Hibernid c Birgo fiume ^ Brigdnti 
popoli. Ne Vindelici Birgi , e Bdrtobrigd fecondq 
Tolomeo, in Sdbdtid di Tofcdni e il cdmpo Brigidf 
no^oue fiipoiedificdtdBrigidno tertd. JMu horé 
mutdndoil g.in ce. inluoco di Brigold , Brigo e 
Brigidno , dicidmo Briccold Bricco^ e Briccidno : jt 
corrottdmente Brdchidno . Si come Ldrone fiumi 
chidmdno AnguiUdrid. il primo did Frencipe ^ dtf 
to Brigidnoj Arcento ddtd roccd diVeiento^e pai 
Arcedno e Bdrcedno , 'Regnò Brigo jìn^d Vdnno 1, di 
Bdldneo , cioè dnni si* fecondo Berofo^ej Bufebio^ 



DI TAGO Q^VINTO RE DI 
SPAGNA. CAP. Vili. '^'^^^ 




Seto. 



CE ventt(ì;vattro 

4nni jjz. àd Spagna, edificata joj>. auanti l^eiifìcd* 
tiene di Troia • <<w4ntt Cfcrifto r. T^go fiu* 
mericcodipefcicdi [Mia d'oro prefe dalai Uno* 
me, fecondo Vlinio e Solino. Berofo lo noma Tago 
orma, e Moife Tagorna. Egli pofe le colonie Taghe 
ne Caj^ìj, e Tagotama in A^ica , fecondo Tolomeo. 
Kegnò anni io. come Balaneo "Kerfe. 

DI BETO SESTO RE Di 
SPAGNA. C A P. I X. 

BEtoprefeilregnodi Spagna fecondo -Berofo 
Vanno primo di RrmutriteddDiluuio 48*. 
ia Spagna edificata ^ j? . prima chef edifìc^e Tro* 
ù MS. auanti la Chridiana falute t a ? 5. Beto e Be* 
tica fìgnifka ftlicee beato ò beata putna. Uomeroe 
Greci chiamano quelluoco i campi EU fij , fecondo 
StraboiUnel t . cioè fecondo GiroUmoluoco di wW, 
iioè di bramata filicitÀ. VoiUrdinando crìfabeU 
U jiUcisfmi Kedi SpagnaMufte auato quejla pro 
Uincia di mano de gli empij ,fi come Uercolela //te* 
rò di mano de Gerioni . vi Beti fiume, e del fuo ma 
ùiuberrimo ragionano gli hiHorici. Seneca in M «* 
dea dice . Beri che diede nome a le fue terre. Giuue* 
naie dico Vegregio fonte occultato da le Mift.cr » 
■Betico gli porge aiuto con Paria.Martiale dice.Or* 
nate di corona d'oro Btti fiume d'oUui copiofo.ìlqua 
U tinge i ueUi con le monde acque. Regno Bete an* 



à 



RE DI SPAGNA* ITL 290 
fti ir 7. eVdnno feguente Cenone occupi Id tir anni 4 
fecondo 'Berofo* — ± 

CJLGERI-ONE SETTIMO RE 
DI SPAGNA. CAP. X- 

GEriont Africano fecondo Berofo occupò Id ti^ 
rdnnid Vdnno 31^ di Amtdtrite , cioè dal Dim 
luMo s jj^ddld Spdgnd edifìcdtd Mu_dudnti Tro^ 
id edifìcdtd ^i6. dudnti Nniuerfdlefalutedel mondo 
1805. Gerione uoce Africdnd^ in Hefcreo Gerdyfìgni^ 
ficd fvrdfiieroj perche uenne di lAduritdnid, cr oc^ 
cupold spdgnd. ìu lingud Ardmedpnomò Bedbo, 
in Greca Chrifeo.in tdtino Aureo perle molte rics 
chczze. Berofo e Biodoro nel s^Kegnò fìn^dl i_8. 
di Bel Ocbo , cioè dnni fecondo E ufebio. 

ri GERIONE TRIPLICATO Vlin 
RE DI SPAGNA. CAP. XI. 

L'Anno 19* di Bel Ocho Gerione triplicdto reW 
gndrono^i figliuoli di Bedbo Lomnimi^ cioè Vis 
Idrcd e Vrencipe de gli e ferciti ^ fecondo GiroLmo* 
Homdnfi triplicdtiy perche Gerione hebbe tre figliuó^ 
li , e regndrono dopòH Tiiluuio dnni f^s^dd Id Spd^ 
gnd edificdtd ^o6.dudntil\dificdtione di Troid 281, 
-Mdnti ChriHo \j6 g. regndndo luiyTifio Egitiio '4c# 
-life Ofirifuo firdteUp , detto Giouc GiuHo, perche fi* 

00 li 



' DE VENTI QVATTRO 
gnoreggidUdgìuSÌAmentc: perciò fecondo Berofo e 
Diodoro nel i.z. r. e óAibro ììercole Libico figlia 
udo di Ofiriy perfeguitdndo per tuttoH mondo i rei 
huamini , ùccifein Egitto l ifio fuo zio, Bufiri in^Ve^ 
nicid , Ti^ il gioudne in frigid . Nìileno capitano 
iti mare in Candid , Anteo ne le fibbie di Libid , CT 
in Spagnd tre Geriont d corpo 4 corpo, Bcuendo an 
dare in Italid cotitrd Leftrtgoni , jice Re di Spagna 
minalo . Regnarono, i Gerioni fintai j 6. di Baleo 
Re , croie anni " 



jpi HISPALO NONO RE Di 
: SPAGNA. CAP. XI L 
Birpalo • TLT ^ ^^^^ fecondo Berofo regnò Panno ^6M Bd^ 
' * JTX^^^ D//awp dnnij da U Spagna edifi^ 
'€ata:,annÌ347* dudnti Troia edificata 141. er duan 
ti ChriHo 172.7. j^a cofiui prefe nome Kij^ali, no da 
¥dlij e le fue colonie Hifpdli de popoli Sciti condotte 
id Hercole per lo moudo/econdo Roder ico hifiorico 
Toletdno.che queUo fiiffe figliuolo di Hercole^fi md^ 
fìififtd, perche tìiJì^dno CT ìberia fua figliuold fono 
ietti nipoti d'Hercoky Qt^antunque per uitio deferii 
tori non fi legga quedo in Berofo, regnò fin^d Id fint 
il Balco, Cloe dnni tj. • 

DE HISPANO DECIMO RE 
,^ DI SPAGNA- CAP. XIII. 

^^^^ i XJìfpano nipote di Vlercole regnò lUnno primo 
^^ri^di Altdde , dd Diluuio ^oj. dnni^ dd Id Span 



r 



RE DI S PAGN A. f* 

gnd dijìcatd 464. ducinti Troid edifìcdtd dùx ^ 
ti Idfdlm cJe Vhmdnd gmtdtionc 1710. Et hdmx^ 
io prefo Id Spdgàd nome dd cojlui , Segue che per 
dàietro |u/?e nomdtd dd quei none Ke.com'erd coP.u^ 
me. Bero/ì) per uitio de f:rittori non pdrld di coftwi: 
regnò $1. dnm qt*dntt Altdde. 

DI LIBIO HERCOLE XI. RB 
DI SPAGNA. CAP- xml- 

HBrcole dcquetdtd Vltdlid sfornile fue fdtiche 
fecondo Berofoj tornò in Spiignd l^dnno i 9* HercoIeJ 
ili klt(xde : e morto l'Htfpdno l^dnno ultimo dì kltd^ Libio. 
<te, Uercok gii uecchio prefe il regno l^dnno primo 
4i Mamito . ddl Diluuio dd Id Spdgdd edtjicdtd 
4>99.0' dudntild fdlutiftrd incdrndtwne lójS.e 
regnò fiti'dl decimonono di NlmUo,e mori. Spagnoli j 
gli edificdrono un ricco fepolcro cr un tempio d Gd^ 
de ^fecondo ò/[eld , chefegue BerofoMqudle dice che 
,al Libio pirono edificate libiJofon,Libifocd,Libon^ 
Cd e Libordy fecondo Tolomeo. Flinio nel cap. di^ 
ce che Lib fofd |ù dd Komani dettd AuguSland , e le 
diedero l'duttoritd d^Udlid. 

DI HESPERO XII. R E 
DI SPAGNA. CAP. XV. 

Odericù Toletdno dice che lìercole menò fe^ - 
co Atldnte, che fiori d tempo di Moife. Co^ 

00 Hi 




DE VI NTIQ.VATTRO 
jUcfpcro. ^^^^ ' ItdUdno.Uefpero fecondo rgl# 

* mo^ fuo fratello , cr Herco/e /o /d/ciò fuccejfore. 
Egli regnò fin^i Vtdtimo anno ài Marnilo , cioè anni^ 
perche ìtalo Atlante lo codrinfe dfiiggirein Italia. 
Cofi Spagna cr Italia fi nomarono Hefperie da He^ 
Jpero y non da Hefpero {iella , come dicono i Grea^ 
Cominciò nefpero a regnare in SpagnaVanno 20. di 
Mamito Succedendo ad Hercole Egittio dopoH Di^ 
luuio anni ó^g. da U Spagna edificata $i6.daVedi^ 
ficationedi Troia 171. auanti Koma6o). auanti IHn 
carnationt di Dio. 1658. 

DI ATLANTE ITALq XIIL 
RE DI SPAGNA. CAP. XVL 

Kìti Atlante fecondo Berofo regnò in Spdgnd 
Panno i. di Mancaleo , dópoHdiluuio ifo* 
anni da la Spagna edificata 1 1 c . auanti Vedificatio* 
nediTroid \6t. audnti Ko.s9t'dUdnti Chriflo 
Sermo foprd?Eneida mette tre Atlatijl primo Moro 
il terzo Greco , cr il fecondo fik ktldnte UdlofidteUo 
di Hefpero , nomato dd Berofo Aitalo Kiti, cr Suo^ 
cero di Corito . regnò fìn'^aln. annodi ^ancaleo^ 
e creato re Sicoro fuo figliuolo , nauicò in tìcf/c<«,cr 
indi in Itdlia k Carito,come ^ua Vhiflorid Tofcand. 

DI SKoro^lllLKe di Spagna. Cap.tj. 

Sfcvro. Sicoro fecondo Berofo Panno 13. delfùé 

pradetto Mane aleo^cio iddi diluuio 681. 




RE DI SPAGNA. 
iifr<!4 U Spagnd cdificdta ^ s 8 ; primd che s'edificdf» 
ft Troid 148. dudnti Komd 580^ dudntil^incdrndtia 
nei6ss*I>dcoRui(ìnomd Sicord pdrudi Spdgnd^ 
oue c Siccro ftume^Lucdno dice. 

Sicoro trd gli Hefperij nobil fime : re^à fxr^di 
7. dnno di MdmelOy cioè 45I dnni* Vdtmo ao. di St^ 
coroych^erail zAi SftrOiUdcque 'Deucdlioììe fdludtor 
di Tejidglid. Vdtmo i^.di Sfòro^cT il ^7» di Ucoro , 
Hdcqt4eMoiJi,/èoondo Bufebio. 



DI SICANO XV. Re di Spdgnd. 
CAP. XVIIL 

S Icdno fucceffe di pddre.e regno Vdnno 8. di jicano. 
mello^ cioc dd dilnuio yxs.dd Spdgnd edifìcdtd 
S^^* primd che s\dificdj?e Troidj io^.. dUdnti Komd 
S^^Mdudntild ChriHidndfdlute i ti ì. Leggiamo 
<he Sicdno diede il nome d Siculi^ et d gli Itdlidni. Re 
ignò fecondo Berofo fin\il 8 . di spdreto, cioè dnni 
come fi r decoglie dd Eufebio. 

DI SICBLEO XVI. Kedispd^ 
gnd. CAP. XIX. 

S Xceleo comincio d regndre dopo ìdjìo Tufcofrd 
teìlo di Ddrddno,ch^ edificò Troid^e Cecrope dn^ ^'^^'^ * 
Meo primo re d^kteniefì, fecondo Berofo Vdnno 9. di r 
JSpdretoJdl diluuio 7 syAd Id spdgnd edificdtd 6 1 4* 

4HdnU Troid jj. dudnti Komd so ^*duanti il Mesfià 

- • • • » 

00 liti 



DE VENTIQ.VATTRO 

f ^éo.tjiendo Moife i^dnni 41 • f Veucdione f% • D4 
que&o Ucdeo efiglinplo furon nomati Ciciliani ftcon 
io Udlicdrndfeo nel 1 . Eufebio e "Berofo fcriuono che 
ildiluuio piVdnno ^^.diSpdretomTefidglidyeffcn 
io-DeùcdlionediSz.c Moife 66. Vdnnojs.di Si* 
celeo.cr il 4* di Afcdtdde. lo Egittid foreUd di o/ìri 
torndtd in Egitto , fU nomdtd ìfìy per hduer infegna^ 
to i gU huomini l' arte de Viflori. Ndcque poi con^ 
tentionetrdDdrddno CT Idfwfrdtelliper lo regno. 
Md Bdrddno uccife d trddimento ìdfìo , CT Siceleo 
• cdccciò Ddrddno d^ìtdlidyilqudle foggi in Sdmotrd^ 
cidj fecondo VhiHorid Ldtind. Virgilio nel 7. 
Ddrddno penetrò le idee cittddi 

In frigidi in Trdcid , in SdmOyhor Sdtnotrdcid 

Bd Idfedid Turend di Corito. 
QaeBd fo U primd guerrd ciuile in Itdlia , 
Aboriginifdttd legdconVeldfgi,caccidrono Cici^ 
' ìidni d^ltdlid in Cicilid . Dionifw nel t • SiceUó 
mori Pdnno iAejfo , che fo dntdzzdto Idfto ♦ Regno 
fin*dl nM AfcdtddeyCioè dnni 44. 

Di tVSO DECIMOSETTIMO RB 
DI SPAGNA- CAP. XX. 

Lnfo . ' Vf/lo non i Lufo Greco, md Spdgnuolo figli 
* ^ufita- ttolo di Siceleoy che cominciò i regndre l'dn^ 

noi^.di Afcdtddejcioeddldiluuio 801. dd Spdgnd 
. tàificdtd 6 r8. dudnti Vedifìcd tione di Troid 19 pri^ 
md che s^edificdffe Komd 4^1. dUdnti Chrifto 



RE DI SPAGNA. ^ t« 
td Luptdnia prefe nome dà quefio Lufa , cofi nomdé 
to , perche i cokume Ardmeo celebraud i fdcrificit 
con giuochi, e fdltiy fi come ftc0 Dauid conducendo 
Vircd, cr ufdtwio di fare i Tofcdni Lucumoni , co* 
ine dccennd FeSo deVdutore de Lucenjt. CoM con 
iuffe in Lufitdnid molte colonie de gli dmici Udlidn^e 
confcrudrono gli fcrittori inomi dntichi communi 
i gli Italidni cr d Lufìtdniy benc'hord fìdno udridti 
Vdnno iS. del fuo regnOy I>drddno fuggito dd U fe 
iid rurrend di Qorito , in Sdmotrdcid , penetrò d le i^ardàn* 
cittì Iddee in Vrigidy cr edificò Troid , Uquale noi^ 
mÒBdrddnidl'dnno6. di Egitto ft-dteUodi l^dndo 
fecondo Zufebio . Kegnò Lufo finU Nnno 7. di Egit 
tOjcioè dnni )ù. 

CI SiCVLO DECIM'OTTAVO RS 
DI SPAGNA CAP. XXL 

Siculo fecondo Mdnetone regnò Vdnno S. di E^it 
tOyCioc ddl diluuio 8^1 Àd Spdgnd edifìcdtd 68^^ SìcuIch 
id Vedificdtionedi Troid z. dUdnti Komd 4^^>* ^«^'^ 
ti Vincdrndtione deluerbo 148 r .Etidd notdre:,che 
Spdgnuoli dnticdmente nonhebbero Re, md duchi 
egre gii fecondo Trogone Giujlino nel 4?. libro . Per 
ciò'ufdndo uoce Ardmed^non chiamdudno i Uro , 
Vrencipi Ki^cioè Re, md Sic, cioè duchi.Verciò Oro, 
Ano , Eleo, vlo nomdrono SicorOy Sicdno, Siceleo^e 
Siculo * Clncjio Siculo /w detto ilgioudne i dijfèren^ 
iid de l^dntico figliuolo di It ato . Egli re^no fm^ékl 



DE VENTI CLVATTRO 
princibio di Menofi Re d'Egitto, cioè quajì go.dtm 
come fi computa in Eufòio, 

DI TESTA DECIMONONO RE 
DI SPAGNA. CAP. XXII. 

^jj^ \ I Eila fecondo Mdnetonc regnò l^dnno primo 
X di Menofì Re d'Egitto, cioè dal d.lmio anni 
B^;. da U Spagnd cdificdtd 750. dd Vedificdtione di 
Troid6i^. dudntiKomd s^S. dudnti Id falutifirà 

l'Sto '^^^'"'^^''^^ ' ^^"^^ cominciò in qucjl^dnno d regnd^ 
^' re EriHonio figliuolo di I^dvddno fecondo Re di 
Troid . Qtteflo Teiid nacque in Libid , in Tritoni^ 
depdtriddi Minerud Pdldtud ,cr edificò nel lito 
Teildcittìj ddUqudk Tolomeo nomind i Conteildii 
ni popoli . Md fecondo Spdgnuoli , ju d^i defcendenti 
nomdtd Teucrid dd Teucro Teldmonio , come dCi» 
cenndno SiHiOieGiuftino . Dipoi nuoud Cdrtdginc 
Pdnno 47 di Te&dy ch^erd il 1 Ài Zeto Re d'Egits 
Tro«. tOy fecondo Nidnetone, CT Eufcbio Tros il Re di 
Troid , e figluolo di Eridonio decrebbe là cittd, e li 
die quejlo nome . Teild regnò fintai 3*. di Zeto^cioc 
ànni 74. come computd Eufebio. 

DI ROMO VENTESIMO RE 
DI SPAGNA. CAP* XXIIL 



R 



968ÀdU Spdgnd edificai 



À 



RE DI SPAGNA». ip4 

$1 fJd Troia edifìcdtd t$8,dudnti Komd x^4..dudntì 
ChriÙo i3^^.un^dltro Komo mi latio accrebbe Ro< 
materra edificata da Koma figliola di ìtalo fecodo 
Berofoyt Plutarco, ne la uita di Komolo.Koma ter^ 
rafùdai gioueniperitUerpretatione chiamatava^ valenti» 
lentia, ma Euandro da nuouo la chiamò Koma,com^ Roma. 
ha Solino . Et in noce Aramea Roma figni fica va* 
lentia, t Romo udiente . Cofi Valentia citta antichi 
fìnta da que{lo Komo edificata è iUu^re per i Santi 
Lorenzo martire, Vincenzo confifp)re , e per la fa^ 
miglia Borgia,che ha prodotto molti f)mmi pontefi* 
€i • Caliilo i,col cui fauore fic f:onfitto il Turco in 
Ongaria,cT iititui la f^lennità de la trasfiguratione^ 
^ Aleff andrò 6. fio nipote, nel cui uenire ne la fi^d 
Vetulonia , apparueroi trionfali iafiani ,e Cibelini^ 
che furono fatti a tempo di SiceleoRedi Spagna. 
Regnò Komo fecondo Manetone fìn^à Iranno ti. di 
Kdmejì Re d^ Egitto, che fono fecodo Eufebio s^^dnnù 

DI PALATVO VENTESIMO 
PRIMO RE DI SPAGNA. 
CAP. XXI III. 

Poi che habitarono i Palatui cerca Valentia dire 
mo ragioneuolmete che iui regnaffe B omo, e P<t# Paìàfim . 
iatuo fuo figliuolo 5 e morirà il nome , che ej^i edifi^ Palcncia. 
taffero Palentidy oue fié dnticdmente celebre Minerà 
Ud, c lo ftudio generale deU Spagna . Come fi legge 



DB VENTI aVATTRO 

ne Id uitd di Sin Dominico. Regnò P^datuo Pdnno 9^ 
di Kdmft Re à^EgittOi dot dd diluuio \ooi,dnno,ds 
la Spagna edificata <)$ò*da Vedificationedi Troù 
i6i. auanti Roma 2. CT duantilafalutifiraincar 
natione \m6. QucH^anno fecondo Eufebio,e Manc^^ 
ione ilo figliuolo di TTos fu u re di Troia , regnò 
Valatuo cerca Valentia, e fi* fecondo alcuni cacciato 
da Caco CeltibfrojilquaUconduffeVeffercito nelmon 
te di Carpetana^ oue huuutd uittorid , rimdfe di mon 
te il nome Caco jbenche altri io chiamano Cano . D/^ 
cefi che VdUtuo fu uinto, perche era garzone, regnò ^ 
Id primd uoltd /inU l'anno su di Kamjì , come fi com 
puta da Eufebio . 

DI CACO VENT ESIMOSECONDO 
RE DI SPAGNA. CAP. XXV. 

CACO giouanetto^ che diede il nomea Caco mon 
te, regnò anni 42. prima, chenafceffe Hercole 
Greco Iranno |i. di Ramfi,cioi dal diluuio 1019. da 
la Spagna edificata 966. da Pedificatione di Troia 
iSS. auanti Roma 244. auanti il uenire di Chrifto 
ti9S. fu nomato figliuolo di Vulcdno. Perche egli 
primierdmente infegnò in Spagna t ufo del firro , de 
le arme, e de la militidiltquai arti fi fanno con ope^ 
re Vulcane , regnò pn^a PuUimo anno di Ramfi,cioi 
anni\6. E cacciato da Pdlatuo fìiggi in Italia . Cefi 
:palatuo Iranno i . di Anemone riprefe il regno fecont 



RE Di SPAGNA, »9 ^ 

io Bmtone . Ma non puote effcr cacciato da Her^ 
coU.chenoneranatOymanacquePannoo. di Anr^ 
moft^ come Unifica la morte di effo tiercole , ilqualè 
uifji anni si. fintai i6. Amenemi , nelqual anno egli 
fi gittò nel fitoco.fì come tutti gli Mori confentono. 
Cop non puote Hercole per adietro hauer cacciato 
Caco, ne andare co gli Argonauti, ne pigliare iro^ 
id, come fdfamente afferma iufebio . Foi che non 
tra nato, regnò Valatuo fintai nafcere di Hercofe. 

DI ERITRO VENTESIMOTERZO 
RB DI SPAGNA- CAP- XXVI. 

SI come Hiji>alo re figliuolo di Hercole Ubico 
hebbeilcognome ia le colonie Ht/^o/e, gente Se i Eritr*.' 
tica fecondo Koderico , cofì e uerifmile , che Eritro 
pigliaffe il cognome da le colonie Eritree , lequai ue^ 
tiendo dal mar roffo d Gadi habitarono Vritra ìfola 
come Plinio neh. cr altri affermano , regnò Iranno 
^.di Amenofi, cioè dal diluuio 106 ddla Spagnd 
edificata 918. da Mìficatione di Troia 2*1 . auanti 
Koma lo»- ^ auanti la Chriftiana faluteizji.e 
durò fingala rouina di Troia^^oeannióS. l'anno 
tu di coftuiy che era il 60. audnti la rouind di iro^ 
ia j Eudndro uenne a ^oma . Vanno ir. del medefi^ 
mo Hercole Greco uccifc a tradimento Caco nel mote 
)Auentino . E Vano i^efjb n auicado in A fi a, ucci fe co in 
ganno Laomedonte 5. re di Troia. Hercole Alceo ^ Hercole 
più to&o CorfaU^che capitao di guerr^.Perciò Her^ Corfalc'. 



Euaii- 



i 



DE VENTiaVATTRO 
€ole (Pdnni j ó.rouinò Troia. Cofi no regnò Pridtno 
fecondo Bufebio dnni s% * dopòld morte di hdome^ 
donte, perche Hercole in queUd imprefd hdueud tt. 
dnni, er impdrdud mufìcd dd Lino , pertiche non ha 
ucud comincidtodguerreggidre. Cofi l^dnno 16. di 
EnVro, morto Caco , per i Ldomedonte , e Pridmo 
fuo figliuolo prefi) il regno Vdnno feguente^zT hduen 
do regnato anni 44. fii rouindtd Troidj leggonfi in 
Archiloco i tempi correttijiimi de i re Troidni. •> 

DI MELICOLA VENTESIMO 
Q.VARTO RE DI SPAGNA* 
CAP. XXVII. 

Mclicola I *% opo Id primd rouind Troidnd MclicoU re^ 
Cargori. Spdgnd^ detto per nome propio Qdrs 

gori. ¥unom:ito Melicoldj perche infegnò d raccos 
gliere le meìle . Qiuflinonel 41. nàrrd Un miràbile 
fucceffo di Uabido fiso nipote . Qwefro è Pultìmo di 
cui ho potuto troudre il propio nome. Cominciò d re 
gndre Vdnno un. dop6*l diluuio, da Id Spagna edi^ 
ficdtd^ss.dudnti Roma iji. et duanti Chri^o iiss. 
Morì l^dnno 7. di Enea Siluio Re de Latini^ cioè 67. 
dnni.Siritiròpoild Spdgnd in prouincie,e pdrticold 
ri Frincipdti di citta fin^a Cartdginefi, e poi a tempi 
de Komdni , / qudi quando che fid mi porrò d con^ 
fiderdre fi: però mi baftari Id uita , e mi farà 
V'^> J cmmodo . 

I L F I N £• 





4 



In Yintgia per Tietro^t Zuanmarid fratelli ie 
i Nicolini dd SdbiotAd infidntU di BdU 
deffar de Cojlantiniy k Vinfcgnd 
di San Georgia.